toba60

Vaccini Covid-19: Il più Grande Esperimento Incontrollato di Sempre

Con un paio di giorni di ritardo ho visto in rete il filmato della trasmissione televisiva porta a porta condotta da Bruno Vespa, dove il medico Mariano Amici diceva la sua su quanto sta succedendo in relazione alla somministrazione dei vaccini.

Non voglio entrare nel merito della questione di natura dialettica, che il conduttore italiano sia notoriamente un giornalista corrotto e sovente in cattiva fede, lo si sa da quando svolge questa professione, sono scelte che ognuno fa in totale autonomia, e per quanto non le condivido le rispetto, mi limito a cambiare canale ed il problema e’ risolto.

E’ interessante esaminare dopo quanto accaduto su come si affrontano le questioni scientifiche in ambito televisivo, da una parte c’è il rigore e la continua verifica di dati che via vie vengono posto all’attenzione del pubblico da parte di una ristrettezza cerchia di medici e dall’altra c’è una disanima estremamente cervellotica ma con una logica dettata dalle emozioni del momento che reclamano una soluzione costi quel che costi.

Detto tra noi……….buona parte degli italiani il vaccino non lo farà’ mai, non vedo come si perda tanto tempo nell’affrontare simili discussioni, chi lo vuol fare che lo faccia pure liberamente, è nel suo diritto, come quello di buttarsi giù da un ponte, vedrete che la salute col tempo perderà di importanza, nemmeno si avrà il tempo per pensarci, i problemi dettati dalle sue conseguenze avranno il sopravvento, ed il Telecomico Bruno Vespa televisivo avrà’ già pronto un modellino sul genere Costa Concordia del comandante Schettino, che con il supporto di una rappresentazione grafica, ci mostrerà’ come si distrugge un economia e non solo quella……. stile Torri Gemelle.……tutta roba artificiale ehh intendiamoci, la realtà questa gente non sa nemmeno cosa sia…

Cerchiamo di non prenderli troppo sul serio e pensiamo ad altro, che di fatto abbiamo degli autentici incubi materializzati che dobbiamo gestire in un prossimo futuro.

Toba60

Il più Grande Esperimento Incontrollato di Sempre

È stata una settimana fa che abbiamo rilasciato la mia intervista a Geert Vanden Bossche sul nostro nuovissimo canale Speaking Naturally . Ha suscitato scalpore in alcuni ambienti.

Soprattutto tra quelli di noi che non vedono i vaccini come una panacea o almeno l’unica strategia di uscita per uscire dai blocchi, dalle distanze sociali e da altri elementi del surrealismo che hanno invaso il mondo dal genoma di un virus che causa sintomi simili alla polmonite in La Cina è stata sequestrata lo scorso gennaio.

Il silenzio di coloro che supervisionano o amministrano il programma globale di vaccinazioni di massa è stato assordante.

Alcune delle preoccupazioni scientifiche intorno agli argomenti di Geert Vanden Bossche sembrano essere il risultato di interpretazioni linguistiche. Altri sfidano le preoccupazioni speculative di Geert legate alla fuga immunitaria attraverso l’applicazione della pressione selettiva da vaccini che potrebbero creare varianti virali sempre più resistenti ai vaccini e potenzialmente pericolose.

Per chi non lo sapesse, “fuga immunitaria” è un termine usato per descrivere quando l’ospite (in questo caso l’uomo) non è più in grado di riconoscere e contrastare (eliminare o sterilizzare) un patogeno (in questo caso, una variante rilevante o mutante della SARS -CoV-2 ).

“Pressione di selezione”, d’altra parte, è un termine usato per descrivere il processo (interazioni gene-ambiente) che aiuta un organismo o un patogeno ad evolversi in modi che lo rendono più adatto (cioè, più in grado di sopravvivere e propagarsi) a il suo ambiente in evoluzione. La resistenza agli antibiotici (antimicrobici) è un buon esempio di pressione selettiva causata da un uso eccessivo di farmaci antibiotici, che ha selezionato per sempre più ceppi batterici in grado di disintossicare o tollerare farmaci antibiotici di uso comune.

Siamo ragionevoli, non polarizzati

Non sono un immunologo, un virologo o un epidemiologo. Ma ho tre lauree in ecologia con un dottorato di ricerca. e ricerca post-dottorato (Imperial College London) nell’area delle interazioni multitrofiche negli agroecosistemi. Sono quindi stato a lungo affascinato dalle interazioni tra ospiti, erbivori, carnivori e agenti patogeni. Ho anche osservato da vicino la scienza intorno a COVID-19 sin dall’inizio e sono stato un critico dell’autorità sanitaria e del governo che ne ha gestito fin dall’inizio (vedi ANH-Intl covid zone ).

Sto scrivendo questo aggiornamento sulla controversia Vanden Bossche perché sono preoccupato che abbia il potenziale di dividere inutilmente persone che condividono molti punti di vista e valori comuni, mentre differiscono in altri. Insieme alla generazione di varianti mutanti della SARS-CoV-2, una delle conseguenze inquietanti delle chiusure è stata la loro capacità di polarizzare le comunità. Credo appassionatamente che dobbiamo essere più tolleranti verso coloro con cui condividiamo aree significative dei nostri rispettivi diagrammi di Venn COVID-19.

Non aspettatevi di trovare un accordo unanime con molte persone, data la quantità di incertezza scientifica che abbonda su molte delle questioni scientifiche, mediche, sociali, politiche ed economiche che circondano il COVID-19 e il modo in cui è stato e viene gestito. Dobbiamo avere dei forum per poter discutere di questioni scientifiche e dobbiamo essere sempre attenti a non distruggere la reputazione di individui che potenzialmente possono essere importanti catalizzatori di cambiamento.

Il tango ospite-patogeno

La realtà è che – come sempre – la relazione tra un patogeno e il suo ospite non è semplice. Non solo è molto complessa, ma è anche dinamica. È un tango che coinvolge entrambi i giocatori che non amano ballare la stessa musica. Mentre le chiusure potrebbero aumentare il tempo necessario per raggiungere l’immunità di gregge, la visione scientifica mainstream accettata dai governi con poca base probatoria è stata che le chiusure riducono anche le opportunità di stabilire catene di trasmissione. Le chiusure, i coprifuochi, l’isolamento sociale e simili sono stati pensati come sostituti temporanei fino a quando i vaccini non fossero stati pronti.

Ci sono due problemi fondamentali con questo approccio. In primo luogo, la gente non smette di trasmettersi i virus tra di loro anche nei periodi di isolamento e si creano più opportunità di mutazione, anche tra le persone più vulnerabili che permettono il massimo livello di replicazione virale.

Questo spiega la generazione di almeno 16 lignaggi mutanti in Sud Africa . In secondo luogo, ora che i vaccini sono arrivati, non interrompono la trasmissione di tutti i ceppi di SARS-CoV-2, specialmente quelli che sono resistenti agli anticorpi antigene-specifici che sono progettati per indurre.

Inoltre, se applichi una pressione di selezione molto forte perché hai un virus altamente infettivo che ha molte opportunità di esprimere il suo codice di errore innato (mutazioni) o vaccini milioni o addirittura miliardi di persone con un antigene altamente specifico costruito attorno la proteina spike di SARS-CoV-2, stai inducendo una massiccia pressione di selezione, come mai prima nella storia umana. Questa è una delle preoccupazioni di Geert Vanden Bossche, che ha il diritto di avere ed esprimere.

Sappiamo anche (p. Es., Ho et al 2021 ) che la variante B.1.1.7 del Regno Unito che ha avuto origine nel Regno Unito e la variante B.1.351 del Sud Africa hanno ampie mutazioni nella regione principale (dominio di legame del recettore, RBD) del picco proteina che si lega ai recettori ACE2 nei tessuti umani. Non solo, gli anticorpi neutralizzanti che sono stati creati in risposta all’esposizione al virus selvatico o ai vaccini (sviluppati per abbinare il ceppo Wuhan originale) non neutralizzano efficacemente il virus .

Le bandiere rosse di Vanden Bossche

La storia continua ad evolversi e svolgersi perché anche la relazione tra il virus e il suo ospite lo fa. Quello che ora stiamo iniziando a vedere sono le stesse mutazioni nella proteina spike che si manifestano in diverse parti del mondo. Ad esempio, la variante del Regno Unito (B.1.1.7), la variante brasiliana (P1 / B.1.1.28) e la variante sudafricana (B.1.351) condividono tutte mutazioni comuni come E484K e N5011Y. Queste erano le bandiere rosse di Geert.

Ciò suggerisce che diversi ceppi virali hanno trovato lo stesso modo di superare in astuzia il vaccino altamente specifico e, nel processo, questi nuovi ceppi virali stanno diventando più trasmissibili anche tra i giovani. Ciò crea sempre maggiori opportunità di mutazione. Lo spettacolo continua. E potenzialmente non si ferma mai. Soprattutto se continui a inframmezzare la tua strategia con blocchi e misure correlate.

Ma non fidarti di me su questo -sono solo un ecologista. Alcuni dei lavori più approfonditi in quest’area sono condotti dal gruppo di Paul Bieniasz alla Rockefeller University, la stessa università con cui Knut Wittkowski (vedi la nostra intervista separata ) è stato associato per molti anni. Il gruppo ha dimostrato chiaramente che le nuove varianti mutanti come E484K e Q493R sono resistenti agli anticorpi prodotti dal ceppo originale di Wuhan su cui si basava l’attuale gruppo di vaccini.

OK, quindi il gruppo di Bieniasz ha intrapreso la strada dello sviluppo di anticorpi monoclonali ingegnerizzati come soluzione per aggirare il problema della fuga immunitaria sia dall’infezione selvaggia che dai vaccini specifici per l’antigene. In effetti, stanno andando avanti con i test per la commercializzazione di terapie con anticorpi monoclonali che potrebbero essere somministrati come iniezione .

Scopri di più sulla ricerca di Bieniasz circa 37 minuti nel seguente video:

SARS-CoV-2 Vaccines and Variants Video Digita Qui

E così…?

Ciò che la nostra specie sta attualmente sopportando è il più grande esperimento incontrollato mai condotto.

Non solo i vaccini altamente specifici vengono applicati in modo notevolmente diverso da qualsiasi vaccino precedente, ma anche i vaccini all’avanguardia Pfizer e Moderna sono decisamente sperimentali (i risultati degli studi di fase 3 sono incompleti) e si basano su sistemi di somministrazione di incapsulamento lipidico che non sono mai stati utilizzati su scala significativa per ottenere codici sintetici nelle nostre cellule muscolari.

Il Cerchio Perfetto Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 20,00

Inoltre, non abbiamo una buona idea di quanto efficacemente i nostri linfociti T verranno inseriti nel nostro arsenale di difesa immunitaria. O come l’immunità indotta dal vaccino si confronta con l’ immunità acquisita naturalmente (non dimentichiamo che le epidemie di SARS e MERS non hanno mai avuto la stessa opportunità di mutazione).

Geert Vanden Bossche ha suonato un campanello d’allarme – che molti, a quanto pare, non vogliono sentire. Ignorare la più ampia preoccupazione che esprime intorno alla pressione selettiva che creerà una fuga immunitaria e ceppi resistenti agli anticorpi sarebbe avventato e sarebbe incoerente con la scienza conosciuta.

Rob Verkerk Ph.D

Fonte: childrenshealthdefense.org

Novità letteraria di Toba60 IL mondo non è quello che sembra

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code