toba60

Vaccini Covid: Epatite Fulminante nei Bambini Nuovo Effetto Collaterale Prodotto dalla Proteina Spike del SARS-CoV-2

Per noi che lavoriamo in prima linea in seno ad un organo di informazione indipendente, riesce difficile capire come pochi abbiano ancora preso consapevolezza di quello che succede davanti ai nostri occhi.

Capiamo che gli studi i quali poniamo alla vostra attenzione possano essere ostici per una comprensione immediata, ma un piccolo sforzo è doveroso farlo per prendere le adeguate contromisure di fronte ad una oligarchia farmaceutica e ”non solo quella”, che sta mietendo una quantità di vittime su scala industriale alla stregua di una comune guerra a cui abbiamo purtroppo fatto l’abitudine.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Vaccini Covid: Epatite Fulminante nei Bambini

Da alcune settimane stiamo assistendo a uno stillicidio di notizie preoccupanti su un aumento di casi di epatite infantile prima sconosciuti, con segni di estrema gravità, visto che circa un bambino su dieci ha avuto bisogno di un trapianto di fegato ed è già stato segnalato il primo decesso per questa causa. Secondo l’agenzia di stampa EFE, al 24 aprile erano stati segnalati 169 casi in 11 paesi, tra cui la Spagna con 13 casi segnalati.

L’età dei pazienti varia da un mese a 16 anni, di solito non hanno febbre anche se hanno sintomi digestivi come vomito, diarrea e dolore addominale, e i normali virus che di solito causano l’epatite non sono stati rilevati nei pazienti, mentre sequenze di adenovirus e SARs-CoV-2 sono state trovate in molti casi. La cosa curiosa è che gli adenovirus, anche l’adenovirus 41, che può essere associato a sintomi di gastroenterite, non hanno mai prodotto sintomi clinici gravi come l’epatite, mentre i SAR-CoV-2, la presunta causa della sindrome di covid, così come i vaccini covid, sono associati a epatiti di varia gravità.

Certo, i portavoce del sistema si sono affrettati a dire che le iniezioni di covidi non c’entrano nulla, ancor prima che gli esperti si siano pronunciati, ma la realtà sembra mostrare fondate indicazioni del contrario. In primo luogo, perché la sindrome di covid, che molto spesso colpisce il fegato, può essere semplicemente causata dalla proteina spike della SARS-CoV-2, come hanno dimostrato numerosi studi, e questa proteina è la base di tutte le iniezioni di covid, soprattutto le iniezioni geniche.

In secondo luogo, perché c’è già una vasta letteratura scientifica che dimostra che tali iniezioni causano l’epatite. E in terzo luogo, perché questa “nuova epatite infantile” appare subito dopo che molti bambini sono stati inutilmente vaccinati con questi dannosi farmaci transgenici.

È quindi urgente realizzare uno studio epidemiologico adeguato per accertare tutti i possibili fattori coinvolti in questa nuova epidemia, soprattutto se i bambini colpiti o i loro genitori hanno ricevuto qualche tipo di iniezione di covidi. Questo è dovuto a quanto segue:

Perché lo stesso studio della Pfizer conferma che l’iniezione di mRNA si accumula nel fegato e causa l’epatite.

Anche se la propaganda dei media ha assunto allegramente che le proteine spike sarebbero rimaste nel sito di iniezione, lo studio della Pfizer e lo studio di biodistribuzione di questa iniezione condotto dall’Agenzia Regolatoria Giapponese mostrano che il contenuto dell’iniezione passa nel flusso sanguigno e si accumula in vari organi, principalmente nel fegato, nella milza, nelle ghiandole surrenali e nelle ovaie.

La più alta concentrazione di questa proteina tossica, così come le non meno tossiche nanoparticelle lipidiche che contiene, finisce nel fegato, che è l’organo responsabile della sua eliminazione, e negli animali che hanno ricevuto l’iniezione Pfizer sono stati osservati danni al fegato ed elevazione degli enzimi caratteristici dell’epatite (AST, ALT, GGT e fosfatasi alcalina).

Questo è il motivo per cui i ricercatori Aldén et al. del Dipartimento di Scienze Cliniche dell’Università di Lund hanno esaminato l’effetto dell’iniezione di Pfizer su una linea di cellule epatiche umane in vitro, e hanno studiato se può essere trascritto inversamente nel DNA attraverso meccanismi endogeni. Hanno pubblicato il loro articolo sulla rivista Current Issues of Molecular Biology.

Gli autori dell’articolo hanno scoperto che quando il vaccino mRNA di Pfizer entra nelle cellule epatiche umane, attiva il DNA della cellula all’interno del nucleo per aumentare la produzione dell’espressione del gene LINE-1 per produrre mRNA. L’mRNA esce quindi dal nucleo ed entra nel citoplasma della cellula dove viene tradotto nella proteina LINE-1. Un segmento della proteina chiamato open reading frame-1, o ORF-1, ritorna poi al nucleo dove si lega all’mRNA del vaccino e viene trascritto inversamente in DNA della proteina spike.

Nel condurre lo studio, hanno anche trovato queste proteine spike espresse sulla superficie delle cellule epatiche, che i ricercatori ritengono possano essere attaccate dal sistema immunitario e possibilmente causare un’epatite autoimmune, poiché ci sono stati casi di persone che hanno sviluppato un’epatite autoimmune dopo tale vaccinazione.

I ricercatori Bril et al (2021) hanno scoperto che i casi gravi di covid sono caratterizzati da una disregolazione autoinfiammatoria che contribuisce al danno tissutale, di cui la proteina spike del virus sembra essere responsabile. Hanno anche riferito che l’istologia ha rivelato la presenza di eosinofili, che sono più comunemente visti nelle lesioni epatiche indotte da farmaci o tossine, anche se possono essere trovati anche in casi di epatite autoimmune.

E l’ignoranza non può essere rivendicata perché è ben noto fin dai primi SARs-CoV che la proteina spike e le iniezioni a base di spike causano l’epatite. Nel 2004, Weingartl et al. hanno pubblicato uno studio nel Journal of Virology in cui hanno riferito che i modelli animali (furetti) che hanno ricevuto il vaccino vettoriale rMVA (basato sulla proteina spike) contro la SARS-CoV hanno sviluppato un’adenovirus.

Le loro conclusioni recitano: “I nostri dati suggeriscono che la vaccinazione [basata sulla] proteina Spike del SARS-CoV può portare a un marcato danno epatico dopo l’infezione con il SARS-CoV. Queste informazioni sono molto importanti per lo sviluppo di vaccini sicuri contro la SARS. Particolare cautela dovrebbe essere esercitata negli studi umani con i vaccini contro la SARS, dato il potenziale di danno al fegato dall’immunizzazione e dall’infezione [successiva]”.

Infatti, il paragrafo finale dell’abstract dello studio recita: “i nostri dati suggeriscono che la vaccinazione con rMVA che esprime la proteina S del SARS-CoV è stata associata a un’epatite marcata”.

Si potrebbe obiettare che non tutti i bambini che hanno sofferto di questa grave epatite sono stati vaccinati con Pfizer-Biontech, poiché ci sono stati anche casi in bambini di età inferiore ai cinque anni, ma è curioso che un adenovirus sia associato a questi casi e che sia soprattutto nel Regno Unito dove si è verificata la maggior parte dei casi di questa nuova epatite. Ebbene, è proprio nel Regno Unito che il vaccino covid di AstraZeneca è stato più utilizzato, anche nei bambini, in quanto è un vaccino di progettazione britannica basato su un adenovirus ricombinante di scimpanzé che codifica la proteina spike.

Questi virus transgenici sono molto pericolosi, proprio per la loro capacità di ricombinarsi con altre sequenze geniche e renderle tossiche per le cellule, e sono anche trasmissibili ad altri individui, soprattutto se sono in stretto contatto con loro, motivo per cui è imperativo indagare se i genitori o i parenti diretti di questi bambini affetti da epatite hanno anche ricevuto l’iniezione AstraZeneca.

Per inciso, in Spagna, tutti gli insegnanti vaccinati hanno ricevuto almeno due dosi di questa iniezione AstraZeneca per covid

Dra. Mª José Martínez Albarracín

Fonti: cienciaysaludnatural.com & pubmed.ncbi.nlm.nih.gov & ncbi.nlm.nih.gov & mdpi.com & sciencedirect.com & pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15507655

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code