toba60

Alain Soral. Una Persona Scomoda per il Sionismo Internazionale

 “Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare”. 
Voltaire

Alain Soral

Recentemente Alain Finkielkraut ha dichiarato : “Soral è il personaggio più pericoloso e inquietante della scena pubblica”. Per comprendere il significato di queste parole, devi sapere chi è Alain Finkielkraut e chi è Alain Soral.

Finkielkraut è uno dei più conosciuti intellettuali neocon francesi. In precedenza era un trotzkista, ora è uno pseudo nazionalista. Egli incarna ciò che Soral chiama “National-Sionismo”, quella nuova ideologia massicciamente promossa dagli “intellettuali” ebrei e dai sapientoni dei media che, dopo aver chiesto l’abolizione dei confini e affogare l’Europa nell’immigrazione di massa, ora dicono al popolo francese di rivolgersi a Israele come modello per saper trattare con i musulmani.

Finky, come ci piace chiamarlo, incarna anche l’arroganza degli ebrei etnocentrici che ottengono un’irresistibile ubiquità in televisione lamentandosi dell’antisemitismo e del prossimo olocausto. È vero che, quando Finkielkraut si presenta in un raduno di “Gilet Gialli”, si farà insultare con slogan tipo “Fuori i sionisti!”. Cosa che, come tutti dovrebbero sapere, significa “Sale juif!”. Che a sua volta è un potenziale olocausto. E così, ogni volta che Finkielkraut viene insultato per strada, cosa che a volte succede, la cosa fa molto scalpore sulle notizie nazionali (con una ondata di indignazione) e lo stesso Presidente Macron deve fare la dichiarazione di prammatica: “Gli insulti antisemiti a cui è stato sottoposto sono l’assoluta negazione di ciò che siamo e di ciò che ci rende una grande nazione. Non li tollereremo”. 

“Questo è il tipo di persona importante che è Finkielkraut. Guai a insultarlo. Oh! Basti pensare che Finkielkraut è stato eletto nella prestigiosa Académie Française tra quelli che chiamiamo “gli Immortali”, anche se non è chiaro con quale pretesto. Come Bernard-Henri Lévy, anche Finkielkraut scrive libri che sono sempre più pubblicizzati, ma sempre meno letti. Gli intoccabili intellettuali dell’ondata globalista, progressista, filo americana e filo Israele (un pò come i Roberto Saviano e i Gad Lerner in Italia) non tollerano le critiche.


Alain Soral è davvero la persona più pericolosa per i sionisti nazionali di Francia.

Tanto che l’élite francese del complesso media-finanza-politica è giustamente preoccupata per la “soralisation des esprits”, un’espressione che è emersa nelle ultime settimane, come il nome di Soral si sente qua e là tra i gilet gialli. Così i nazionalisti-sionisti non hanno potuto nascondere la loro gioia quando hanno appreso dall’agenzia di stampa nazionale (AFP) il 15 aprile che Soral è stato condannato a un anno di prigione con un mandato di arresto ” pour contestation de l’existence de la Shoah” (” per negare l’esistenza dell’Olocausto “), un’espressione che ha senso solo, credo, se l’Olocausto è Dio.

Ascolta qui l’analisi di Soral della sua frase, con i sottotitoli in inglese.

Il crimine di Soral è stato la pubblicazione, sul sito web della sua associazione “Égalité et Réconciliation”, di una parodia di una cover di Charlie Hebdo che deride la mitologia della Shoah. La copertina originale, a sinistra in basso, è apparsa dopo l’attacco terroristico in Belgio nel marzo 2016, che ha causato 35 morti e 300 feriti. Secondo i giudici, la copertina originale è protetta dalla legge della libertà di parola, mentre la parodia è ovviamente un crimine che merita un anno di reclusione, non per l’artista, ma per l’uomo la cui associazione lo ha pubblicato su Internet.

Questa non è la prima volta che Soral viene condannato. Ha affrontato 60 cause giudiziarie negli ultimi anni ed è stato multato per un totale di 371.000 euro. Significativamente, non è mai stato condannato per i contenuti dei suoi libri o video, ma per cartoni animati e illustrazioni pubblicati sul suo sito web.

L’anno scorso, Soral è stato anche processato per aver postato questa foto photoshopped di Emmanuel Macron con il suo slogan “En Marche” e tre dei suoi sponsor dietro a lui, che sono ebrei: Jacob Rothschild (Macron ha lavorato per la banca Rothschild), Jacques Attali (consigliere presidenziale da Mitterrand, che si vanta di aver “messo il piede di Macron sulla staffa” ), e Patrick Drahi (proprietario israeliano dei principali media che vendevano Macron al pubblico francese).

Alla fine, Soral è stato dimesso perché anche un membro del partito socialista di nome Gérard Filoche ha twittato questa foto (poi si è scusata), e il tribunale francese non ha potuto condannare decentemente Soral e non Filoche.


Macron e i suoi padroni

Soral è un saggista che ha pubblicato saggi polemici best-seller come Vers la féminisation? – Démontage d’un complot antidémocratique (“Verso la femminilizzazione? – Analisi di un complotto antidemocratico”). Il suo ultimo libro Comprendre l’Empire : Demain la gouvernance mondiale o Révolte des nations (” Understanding the Empire : Tomorrow Global Governance o una rivolta delle nazioni” ), pubblicato nel 2011, lo ha individuato come uno dei critici più perspicace degli americani – Zionista machiavellico sionista.

Da allora, Soral ha prodotto circa un centinaio di video che commentano gli eventi attuali, alcuni dei quali totalizzano mezzo milione di visualizzazioni, il che è enorme per la Francia. Ha un vero genio nel produrre analisi di politiche profonde e questioni sociali profonde, sintetiche e chiare. Espone in linguaggio semplice gli schemi malvagi delle nostre élite e le bugie dei media mainstream. E non ha paura di criticare questo potere ebraico che Gilad Atzmon definisce “la capacità di mettere a tacere le critiche del potere ebraico” (i libri di Atzmon, a proposito, sono tradotti in francese dalla casa editrice KontreKulture di Soral).
Soral è diventato il critico più esplicito della “dittatura del CRIF (Conseil representative des Institutions juives)”, l’equivalente francese di AIPAC e ADL messi insieme. Grazie al lavoro di Soral e del suo team di investigatori, letteralmente milioni di francesi sono diventati consapevoli dell’osceno potere del CRIF e del loro nefasto intrigo per criminalizzare qualsiasi critica nei confronti di Israele o del potere ebraico, con il pretesto di lottare contro “l’antisemitismo” ”.

Alain Soral is checked by gendarmes as he arrives at the Paris

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code