toba60

I Banchieri Internazionali di Alto Livello Riuniti in Israele per Simulare il Crollo del Sistema Finanziario Globale

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Avete voluto la mascherina? Bravi! ed il lockdown? Perfetto e il siero di lunga vita? Ai suoi ordini comandante, questo era solo l’antipasto….. ….come? non lo avevate chiesto voi ?

Vi hanno solo detto di fare le cose più stupide del mondo e le avete fatte senza fiatare, ora non lamentatevi perché oramai e’ troppo tardi per tornare indetto, adesso vi aspetta la parte più divertente ( Indovina per chi) si chiama Crollo del Sistema Finanziario Globale, ed il Covid in confronto è stata come una passeggiata presso le Isole Baleari in compagnia di Julia Roberts, stanno già facendo le prove e a quanto pare……

…..procedono che e’ una meraviglia.

Toba60

I Banchieri Internazionali Riuniti in Israele per Simulare il Crollo del Sistema Finanziario Globale

Una simulazione di una catastrofe basata sulla teoria dei banchieri globali che fanno crollare il sistema finanziario è stata condotta abbastanza recentemente. C’era una sorprendente somiglianza tra questo evento e il famigerato “Evento 201” che si è tenuto alla fine del 2019.

Il mese scorso, rappresentanti e organizzazioni bancarie internazionali di alto livello si sono riuniti in Israele per una simulazione mondiale di “gioco di guerra” che ritraeva la caduta del sistema finanziario globale.

L’esperimento da tavolo era simile a “Evento 201“, un’esercitazione di simulazione pandemica tenuta nell’ottobre 2019, poco prima che COVID-19 facesse il suo debutto globale.

A partire dal 9 dicembre 2021, il progetto “Forza Collettiva” è stato ospitato presso il Ministero delle Finanze israeliano a Gerusalemme per dieci giorni. Le riserve sulla variante Omicron hanno portato al suo trasferimento dal World Expo di Dubai a Gerusalemme.

I funzionari del Tesoro di Stati Uniti, Austria, Germania, Italia, Paesi Bassi, Svizzera, Thailandia ed Emirati Arabi Uniti erano tra i dieci paesi rappresentati tra il contingente guidato da Israele.

Erano rappresentate anche istituzioni sovranazionali come il Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Banca Mondiale e la Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS).

L’esercizio, soprannominato un “gioco di guerra”, mirava a replicare la reazione a una varietà di cyberattacchi teorici su larga scala sul quadro finanziario mondiale, come la fuga di dati finanziari delicati sul “Dark Web”, gli hacker progettati per colpire il sistema globale di cambio e le conseguenti corse delle banche e lo scompiglio del mercato in gran parte guidato da “fake news”.

L’enfasi centrale di “Forza Collettiva” sembra essere il miglioramento della collaborazione mondiale nella sicurezza informatica e nel settore finanziario, piuttosto che la simulazione di tali intrusioni, come suggerisce il titolo della proposta.

I partecipanti all’esercizio hanno discusso approcci multilaterali a una possibile catastrofe finanziaria globale, secondo Reuters. Periodi di grazia per il regolamento del debito, accordi SWAP/REPO, vacanze bancarie sincronizzate e delinking coordinato dalle principali valute sono stati tra i rimedi politici proposti.

A causa della sua tempistica, il concetto di disconnessione simulato dalle valute chiave ha scatenato diverse domande – intorno allo stesso giorno in cui i partecipanti si sono riuniti per inaugurare “Collective Strength” (Forza Collettiva)), sono emerse voci che il governo Biden stava contemplando l’eliminazione della Russia dal sistema globale di messaggi elettronici di pagamento riconosciuto come SWIFT, abbreviazione di Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication.

Questo passo potrebbe essere una componente di una più ampia serie di sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti se la Russia attacca l’Ucraina.

Il roster dei partecipanti alle simulazioni di “Forza Collettiva”, che incorpora il FMI e la Banca Mondiale, così come il World Economic Forum (WEF) indirettamente, potrebbe suscitare ancora più preoccupazioni.

Nell’ottobre 2019, il World Economic Forum, in collaborazione con la Bill & Melinda Gates Foundation e la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, ha tenuto una simulazione di “Evento 201”.

Il WEF ha anche sostenuto l’istituzione di dispositivi finanziari, tra cui tali carte di credito e di debito, che potrebbero benissimo tracciare le “quote personali di carbonio” a livello personale.

Il Carnegie Endowment for International Peace, in collaborazione con il World Economic Forum, ha rilasciato un riassunto esecutivo nel novembre 2020 che ha dettagliato la natura delle circostanze che sono state simulate come parte di “Collective Strength”.

Tim Maurer e Arthur Nelson, gli autori del rapporto, hanno descritto un globo che assiste a “una trasformazione digitale senza precedenti… accelerata dalla pandemia del coronavirus”.

“La sicurezza informatica è più importante che mai” in questo tipo di società, sostengono gli autori.

La ricerca ha descritto la protezione del sistema finanziario globale come una “sfida organizzativa”, notando che non c’è una singola entità internazionale che controlla la salvaguardia del sistema finanziario globale o la sua infrastruttura digitale.

Il riassunto esecutivo ha anche descritto una “disconnessione tra la finanza, la sicurezza nazionale e le comunità diplomatiche”.

Maurer e Nelson hanno proposto le seguenti soluzioni:

L’esigenza di “maggiore chiarezza” in termini di ruoli e obblighi Il rafforzamento della collaborazione internazionale Migliorare l'”internazionalizzazione” e ridurre al minimo la frammentazione tra imprese finanziarie “siloed”. Creare un quadro che possa essere applicato a non meglio precisati “altri” settori

Ma di quali “altre” industrie stiamo parlando?

Gli autori hanno classificato questa serie di suggerimenti sotto “Trasformazione digitale: Salvaguardare l’inclusione finanziaria” nel loro rapporto.

Il seguente è un esempio di una proposta:

“Il G20 dovrebbe evidenziare che la cybersicurezza deve essere progettata nelle tecnologie utilizzate per far progredire l’inclusione finanziaria fin dall’inizio, piuttosto che essere inclusa come un ripensamento”.

I “passaporti sanitari” digitali e i “portafogli digitali” associati sembrano essere esempi di tecnologia che viene “usata per avanzare l’inclusione finanziaria fin dall’inizio”.

Sembra anche essere in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, in particolare l’obiettivo 16.9, che esorta tutte le persone, che includerebbe i neonati, ad acquisire un’identificazione legale digitalizzata entro il 2030.

L’obiettivo 16.9 mi ricorda anche l’affermazione dell’Unione Europea che il suo passaporto per i vaccini, il cosiddetto “Green Pass”, che sarebbe utilizzato in diversi paesi europei per tenere i non vaccinati e chiunque abbia una resistenza naturale fuori da tutti i tipi di ambienti pubblici e privati, salvaguarda la privacy delle persone.

La GAVI Vaccine Alliance ha chiesto “innovazioni che sfruttino le nuove tecnologie per modernizzare il processo di identificazione e registrazione dei bambini che hanno più bisogno di vaccini salvavita”, che collega due sfide separate – la sicurezza del sistema finanziario globale e la salute pubblica.

L’impiego di tale tecnologia, tuttavia, non sarebbe limitato a documentare le vaccinazioni infantili. GAVI ha caratterizzato le applicazioni potenziali di queste “nuove tecnologie” come “accesso ad altri servizi”, che includono “servizi finanziari” in senso lato.

Mentre le preoccupazioni di “inclusione finanziaria” sono tenute da parte, gli autori del riassunto esecutivo del Carnegie Endowment hanno fatto eco alle loro raccomandazioni in un documento della primavera 2021 che è apparso sul sito web del FMI.

Mentre gli autori del rapporto Carnegie e i collaboratori nello sforzo “Collective Strength” sottolineano l’importanza di proteggere adeguatamente il sistema finanziario e i suoi beni digitali, è incerto come un passaggio sostenuto a un ambiente puramente digitale, basato sul cloud, possa essere davvero considerato “sicuro”.

Prendete, per esempio, Micha Weis, il cyber manager finanziario del ministero delle finanze israeliano, che ha detto quanto segue su “Collective Strength”: “[a]ttackers sono 10 passi avanti al difensore”.

Dichiarazioni simili sono inquietanti per le persone che sono già in apprensione per il “FinTech” e la crescente sovrapposizione tra “Big Tech” e “Big Finance”.

Allo stesso modo, per molti, l’ennesima “simulazione” di una calamità mondiale massiccia e mortale può evocare ricordi di “Evento 201” e di ciò che è successo dopo – notoriamente etichettato come un “esercizio dal vivo” dall’allora Segretario di Stato americano Mike Pompeo il 20 marzo 2020.

Fonte: seemorerocks.is

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code