toba60

La Teoria degli Antichi Astronauti Sembra Essere un dato di Fatto

Viviamo in un epoca dove la gente crede che dei terroristi musulmani dediti all’alcool con il brevetto di volo di un charter ed in preda ad un delirio di onnipotenza, si siano messi a bordo di un 747 per giocare a birilli con tre grattacieli buttandoli giù al primo colpo e non si e mai posto la domanda di come 20mila anni fa abbiano potuto costruire delle piramidi che ancora oggi l’uomo con tutta la sua tecnologia non è in grado di costruire.

Lo scetticismo come in tutte le cose è sempre legittimo, ma di fronte ai molti riscontri scientifici legati ad un passato assai diverso da quello che ci hanno propinato, un minimo di attenzione sulla questione è doveroso da parte di tutti prestarla, non fosse altro perché mette in discussione i molti paradigmi che stanno letteralmente devastando il pianeta in cui viviamo.

Toba60

La Teoria degli Antichi Astronauti

La teoria degli antichi astronauti, conosciuta anche come l’ipotesi del paleo-contatto, sostiene che esseri extraterrestri hanno visitato il pianeta Terra e che questi esseri sono stati responsabili, in misura maggiore o minore, dell’origine, dell’evoluzione e dello sviluppo delle culture, tecnologie e religioni umane, una proposizione che potrebbe anche essere chiamata creazionismo alieno.

Un pilastro importante della teoria è che la maggior parte, se non tutte, le divinità nelle religioni sono in realtà extraterrestri e le loro tecnologie sono state prese come prova del loro status divino. Queste proposte sono state ampliate nella coscienza collettiva, soprattutto a partire dalla seconda metà del XX secolo, da ricercatori come Erich Von Daniken, Robert Charroux, Peter Klosimo, Zecharia Sitchin e Robert K. G. Temple, tra gli altri.

I sostenitori della “teoria degli antichi astronauti” sostengono che gli esseri umani sono discendenti o creazioni di esseri alieni extraterrestri che sono atterrati sulla Terra migliaia di anni fa e che gli esseri ibridi delle antiche mitologie sono creazioni di questi esseri alieni.

Un’idea associata a questa teoria è che gran parte della conoscenza umana, la religione, la cultura e parte della scienza e della tecnologia provengano da visitatori extraterrestri nei tempi antichi, con gli antichi astronauti che fungono da “cultura madre”.

I sostenitori degli “antichi astronauti” sostengono anche che i viaggiatori dallo spazio esterno conosciuti come “astronauti” hanno costruito molte delle strutture megalitiche sulla terra: come le piramidi d’Egitto, Stonehenge, e le teste di pietra Moai sull’isola di Pasqua o hanno assistito gli umani nella loro costruzione.

I teorici sostengono che le prove per gli “antichi astronauti” provengono da lacune nel record storico e archeologico, e sostengono anche che spiegazioni incomplete di dati storici o archeologici indicano l’esistenza di “antichi astronauti”.

Affermano che le prove includono manufatti archeologici che sostengono essere anacronistici o al di là delle capacità tecniche delle culture storiche a cui sono associati, così come anche opere d’arte e leggende che vengono interpretate come contatto extraterrestre o tecnologie extraterrestri.

Ma l’idea che gli antichi astronauti siano realmente esistiti non è presa sul serio dalla maggior parte degli accademici mainstream, che servono incondizionatamente il potere economico mondiale, quindi questa teoria ha ricevuto poca o nessuna credibilità, un atteggiamento che era da aspettarsi per molteplici ragioni di tipo, politico-economico, filosofico, militare.

Attualmente, grazie alla globalizzazione, non è un segreto che le politiche economiche che governano il presente e il futuro del pianeta sono generate in base agli interessi di consorzi transnazionali che servono il nuovo ordine mondiale, governato dal gruppo Lindbergh.

Purtroppo, le organizzazioni scientifiche convenzionali sono finanziate da questi grandi consorzi, che permettono loro di diffondere pubblicamente solo ciò che interessa loro per continuare ad esercitare il dominio sulla popolazione mondiale. Secondo alcuni di questi studiosi le lacune esistenti nella conoscenza contemporanea non devono dimostrare che tali idee speculative sugli antichi astronauti siano una conclusione necessaria.

Tuttavia Francis Crick, il co-scopritore della struttura a doppia elica del DNA, credeva fortemente in ciò che chiamava Panspermia, il concetto che la terra sia stata “seminata” con la vita, probabilmente sotto forma di alghe blu-verdi, da specie extraterrestri intelligenti, allo scopo di assicurare la continuazione della vita.

Si ritiene che questo potrebbe essere stato fatto su un numero qualsiasi di tali pianeti, possibilmente utilizzando navette con equipaggio. Secondo l’ipotesi del professore di astronomia Thomas Gold, la vita sulla Terra potrebbe essere stata propagata da un cumulo di prodotti scaricati accidentalmente sulla Terra molto tempo fa da extraterrestri.

Attualmente i principali sostenitori della “teoria degli antichi astronauti” sono: Erich Von Daniken, Giorgio A. Tsoukalos, Dr. Steven Greer e Nick Pope, David Chidess, Philip Coppens, Linda Moulton, tra gli altri. Il quale, nonostante i detrattori convenzionali, ha diffuso i progressi scientifici che sostengono le basi di questa teoria in un programma televisivo chiamato “Ancient Aliens” su History Channel.

Anche se la teoria degli antichi astronauti esiste dagli anni 50, colui che la portò alla luce pubblica in un linguaggio fu Erich Von Däniken nel 1969 con la sua opera “Memorie del futuro” riuscendo a risvegliare l’interesse dell’opinione pubblica mondiale su questi temi.

Secondo von Däniken, nel suo libro “Chariots of the Gods”, certi artefatti e costruzioni monumentali richiedevano una sofisticata capacità tecnologica superiore a quella disponibile nelle antiche culture che li costruirono. Von Daniken sostiene che questi manufatti sono stati costruiti direttamente da visitatori extraterrestri o da umani che hanno appreso le conoscenze necessarie da tali visitatori.

Questi includono Stonehenge, Puma Punku, i Moai dell’Isola di Pasqua, la Grande Piramide di Giza e le batterie elettriche dell’antica Baghdad, tra gli altri. Von Däniken sostiene che l’arte antica e l’iconografia trovata in tutto il mondo illustrano veicoli aerei e spaziali, creature intelligenti non umane, antichi astronauti e artefatti di tecnologia anacronisticamente avanzata. Von Daniken sostiene anche che culture separate geograficamente, anche nel tempo, condividono temi artistici, il che implica un’origine comune.

Un esempio di questo è l’interpretazione di von Däniken del coperchio del sarcofago recuperato dalla tomba del sovrano classico maya di Palenque, Pacal il Grande. Von Däniken sosteneva che il disegno raffigurasse un astronauta seduto in un artefatto o in un veicolo spaziale, mentre i detrattori convenzionali sostengono che l’iconografia e il testo maya lo identificano come un ritratto dello stesso sovrano, ma sull’albero del mondo (wacah chan) della mitologia maya.

Questa dicotomia polarizzata di opinioni e concetti non è altro che il modo di distorcere la realtà della conoscenza per confondere l’opinione pubblica attraverso tecniche di controllo dei media. Le origini di molte religioni sono interpretate da von Daniken come reazioni agli incontri con una razza aliena. Secondo la sua visione, gli umani consideravano la tecnologia aliena come soprannaturale e gli extraterrestri come divinità.

Von Daniken sostiene che le tradizioni orali e scritte della maggior parte delle religioni contengono riferimenti a visitatori extraterrestri sotto forma di descrizioni di stelle e veicoli che viaggiano nell’aria e nello spazio. Uno di questi è la rivelazione di Ezechiele nell’Antico Testamento, che Daniken interpreta come una descrizione dettagliata dell’atterraggio di un’astronave.

L’interpretazione di Zecharia Sitchin nella sua opera “The Earth Chronicles” ruota intorno ad antichi scritti sumeri e mediorientali, siti megalitici e manufatti di tutto il mondo.

Egli teorizza che gli dei dell’antica Mesopotamia erano in realtà astronauti del pianeta “Nibiru”, che, secondo Sitchin, i Sumeri credevano fosse un remoto” pianeta” (contando il Sole, la Luna e Plutone come pianeti) associato al dio Marduk.

Secondo Sitchin, Nibiru continua ad orbitare intorno al nostro sole in un’orbita ovale di 3.600 anni. Sitchin suggerisce anche che la fascia di asteroidi tra Marte e Giove sono i pezzi rimanenti dell’antico pianeta “Tiamat”, che egli sostiene sia stato distrutto in una delle orbite di Nibiru attraverso il sistema solare.

Secondo gli scettici dell’astronomia moderna, nessuna prova è stata trovata per sostenere le affermazioni di Sitchin.

Sitchin ha affermato che ci sono scritti sumeri che raccontano la storia di 50 Annunaki, abitanti di un pianeta chiamato Nibiru, che vennero sulla Terra circa 400.000 anni fa con l’intenzione di estrarre materie prime, soprattutto oro, per trasportarle su Nibiru.

A causa del loro piccolo numero, si stancarono presto del loro compito e iniziarono ad ingegnerizzare geneticamente i lavoratori per le miniere. Dopo molte prove, alla fine crearono l’homo sapiens: l'”Adapa” (uomo modello) o Adamo della mitologia successiva. Sitchin ha sostenuto che gli Annunaki erano attivi negli affari umani fino a quando la loro cultura fu distrutta da catastrofi globali causate dalla fine improvvisa dell’ultima era glaciale circa 12.000 anni fa.

Vedendo che gli umani sono sopravvissuti e che tutto ciò che avevano costruito era stato distrutto, gli Annunaki lasciarono la Terra avendo dato agli umani l’opportunità e i mezzi per governarsi. Il lavoro di Sitchin non ha anche ricevuto alcun sostegno dagli studiosi mainstream, non a caso, addirittura screditandolo, dato che Sitchin è stato uno dei pochi traduttori del cuneiforme sumerico, sostenendo che molte delle traduzioni di Sitchin di parole sumeriche e mesopotamiche non sono coerenti con i dizionari bilingue del cuneiforme mesopotamico prodotti dagli antichi scrivani accadici.

Ma c’è una prova inconfutabile della teoria solo che la sua comprensione, interpretazione e portata è limitata al gruppo di persone con un certo livello di educazione scientifica che indagano e cercano la verità nascosta nell’informazione corrente.

Robert K. G. Temple, sostiene nel suo libro “The Mystery of Sirius” che i Dogon del nord-ovest del Mali, hanno conservato una storia della visita extraterrestre che ha avuto luogo circa 5.000 anni fa. Tra le prove che cita c’è la presunta conoscenza astronomica avanzata ereditata dalla tribù, le descrizioni e i sistemi di credenze comparati con antiche civiltà come l’antico Egitto e i Sumeri.

Il suo lavoro si basa in gran parte sugli studi degli antropologi culturali Marcel Gruale e Germaine Dieterlen. Le sue conclusioni sono state criticate dagli scienziati mainstream, che sottolineano le discrepanze nel resoconto di Temple e suggeriscono che i Dogon potrebbero aver ricevuto le loro informazioni astronomiche recentemente, probabilmente da fonti europee, e che egli potrebbe aver travisato l’etnografia Dogon.

Una posizione che insulta l’intelligenza dell’essere umano di oggi.

Gli astrofisici I.S. Shklovski e Carl Sagan, entrambi dipendenti stipendiati di AeroSpace e NASA rispettivamente, sostenevano che gli scienziati e gli storici dovrebbero prendere seriamente in considerazione la possibilità che il contatto extraterrestre possa essere avvenuto durante la storia registrata. Tuttavia, Shklovski e Sagan si sono contraddetti sottolineando che queste idee erano speculative e non provate.

Ci sono infiniti esempi di opinioni polarizzate, alcune a favore della scienza convenzionale applicata alla storia ufficiale, decretata da coloro che vincono le guerre e impongono l’ordine mondiale, e altre più progressiste e moderne di una comunità scientifica attuale e coraggiosa che sostiene la teoria degli antichi astronauti, sapendo cosa devono affrontare per provarla.

La verità è che con la tecnologia spaziale di oggi, l’uomo è andato sulla luna e non ci hanno mai detto la verità su ciò che hanno trovato lì (il che li ha costretti a non tornarci).

Sette astronauti sono tenuti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), in orbita intorno alla terra, conducendo esperimenti in tutti i campi della scienza moderna, così come osservazioni spaziali dirette, di cui ci viene detto solo il 5% di ciò che scoprono.

Allo stesso modo la NASA ha reso pubblico un progetto di colonizzazione del pianeta Marte per il 2025, di cui sappiamo solo che hanno 3 satelliti, diverse sonde statiche e presumibilmente 3 robot mobili sulla superficie marziana, conducendo osservazioni ed esperimenti, sappiamo anche che hanno una rete di satelliti e sonde con telescopi e telecamere speciali nello spazio interno ed esterno del nostro sistema solare, accoppiato con questo, è l’utilità del grande pakal_astronauta nel campo dell’ingegneria genetica, che ci permette di clonare animali e persino esseri umani.

Così come i grandi progressi nella tecnologia aerospaziale derivati da navi extraterrestri abbattute o dischi volanti che appaiono nella storia contemporanea registrata, come i progressi nelle applicazioni dell’energia elettromagnetica e la controversa energia del punto zero, entrambe energie pulite, che permettono di muoversi nello spazio a velocità vicine o uguali alla velocità della luce, anche tra diverse dimensioni, tra molte altre evidenze.

La scienza convenzionale e conservatrice dei proprietari del mondo pretende che l’umanità creda che se possiamo uscire e colonizzare un altro mondo, dominando alti livelli tecnologici tra cui l’ingegneria genetica.

Esseri extraterrestri più avanzati non avrebbero potuto farlo sulla terra in un passato remoto, nemmeno ai giorni nostri. È un insulto all’intelligenza dell’uomo moderno.

La teoria degli antichi astronauti è sempre stata segnata da cospirazioni, all’inizio dei tempi dalle cosiddette scuole misteriche, poi dalla religione giudeo-cristiana e dai suoi derivati, nell’era contemporanea dalle agenzie di intelligence governative e non, dalle cospirazioni militari, dalle corporazioni aerospaziali, oltre che religiose dal Vaticano, per il quale il business della religione sarebbe finito se la veridicità della teoria degli antichi astronauti fosse irrefutabilmente provata.

I teorici dell’astronautica antica citano antiche mitologie per sostenere le loro opinioni. Si basano sull’idea che gli antichi miti della creazione (di divinità che sono scese dal cielo sulla Terra per creare o istruire l’umanità) sono rappresentazioni moderne di visitatori extraterrestri, la cui tecnologia superiore è la ragione per cui sono stati ricevuti come dei.

Alcuni autori usano come analogia gli eventi in tempi moderni di culture isolate esposte alla tecnologia occidentale, come quando, all’inizio del XX secolo, furono scoperti i culti del carico nel Pacifico del Sud: culture che credevano che le navi occidentali e il loro carico fossero stati inviati dagli dei come adempimento delle profezie riguardanti il loro ritorno.

Diversi nuovi movimenti religiosi, tra cui la Teosofia, la Nazione dell’Islam, Scientology, il Libro di Urantia, il Raelismo, e il Mormonismo credono in un contatto antico e presente con intelligenze extraterrestri.

Molte di queste religioni vedono sia le antiche scritture che le recenti rivelazioni come collegate alle azioni degli alieni di altri sistemi planetari. Il libro della Genesi, capitolo 6, versi 1-4, afferma: Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra ed ebbero delle figlie, i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle.

Così hanno preso tutte le donne che volevano. Quando i figli di Dio si unirono con le figlie degli esseri umani ed ebbero figli con loro, nacquero i giganti, che furono i famosi eroi di un tempo. Da allora ci furono giganti sulla terra. Nell’Antico Testamento biblico, il capitolo 1 del Libro di Ezechiele racconta la visione in cui Ezechiele vede “un’immensa nuvola” che contiene fuoco ed emette fulmini e una “luce brillante”. Continua: “In mezzo al fuoco c’era qualcosa come metallo incandescente.

Anche in mezzo al fuoco ho visto qualcosa come quattro creature viventi”. Queste creature sono descritte come alate e umanoidi; “si muovevano avanti e indietro con la rapidità di un fulmine” e “sembravano carboni ardenti, o torce, che si muovevano avanti e indietro”. Il fuoco brillava e i lampi ne uscivano”. Questo passaggio continua a descrivere quattro oggetti incandescenti, ciascuno come una “ruota… inserita dentro… un’altra [ruota]”.

Questi oggetti potevano volare e si muovevano con le creature: “Quando le creature viventi si muovevano in avanti, le ruote accanto a loro facevano lo stesso, e quando si alzavano da terra, lo stesso facevano le ruote“. Altre prove si trovano nelle caratteristiche dell’Arca dell’Alleanza, e l’Urim e il Tumin, che suggeriscono una tecnologia avanzata, forse di origine extraterrestre.

Cercando prove in opere d’arte per sostenere l’ipotesi senza titolo1 di antichi astronauti nelle pitture rupestri del Paleolitico, si dice che assomiglino agli astronauti dei giorni nostri. I sostenitori dell’ipotesi dell’astronauta antico, che somiglianze come le teste a forma di cupola, possono essere interpretate come esseri con caschi spaziali, che inequivocabilmente sono la prova che l’uomo primitivo è stato visitato da una razza extraterrestre. Ulteriori prove a favore di questa ipotesi si basano su quella che si dice essere una rappresentazione di dischi volanti nell’arte medievale e rinascimentale.

Questo è usato per sostenere l’ipotesi degli antichi astronauti che cercano di dimostrare che i creatori dell’umanità ritornano per vedere come sta andando la loro creazione nel tempo.

Una teoria di origine evolutiva come quella degli antichi astronauti, non sarà facile da dimostrare, ma con la perseveranza e la scienza applicata arriverà il giorno in cui potrà essere dimostrata, tenendo conto che la razza umana si è evoluta fino ad un punto di non ritorno, dove l’intelletto collettivo esige tutte le risposte, sul più grande segreto tenuto all’umanità, l’origine extraterrestre della razza umana, tutto è una questione di tempo, i ricordi sono latenti nella coscienza collettiva dell’umanità ….

”La verità ci renderà liberi”.

COMPILAZIONE INVESTIGATIVA: ENG. REYNALDO PEREZ MONAGAS

Fonte: rey55

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code