toba60

Prima e Dopo l'”Olocausto”: I Numeri della Popolazione Ebraica nel 1933 e nel 1948

Il mio pedigree familiare è Austriaco, mia mamma a Vienna abitava dietro il Parlamento e nei comizi del Führer si o si doveva presenziare con la bandierina in mano con le sue compagne di classe per rendere omaggio al messia di turno.

Gli Ebrei morti nei campi di concentramento in Germania hanno tutti stabilito che fossero 6 milioni, un numero stilato con un anticipo assai sospetto.

Ed ora prestate attenzione ai numeri che ora pongo alla vostra attenzione e scoprirete quanto sia assurdo sino alla follia credere che un numero come quello posto sui libri di storia possa anche solo lontanamente rappresentare la verità.

Stiamo parlando di ebrei morti, non di quelli totali residenti in Europa e senza tanta immaginazione seguite attentamente cosa possa significare uccidere sei milioni di persone.

Prendete 100 stadi di calcio pieni all’inverosimile come quello di San Siro e dopo averli registrati e catalogati come stanno facendo con noi adesso con il Green Pass, li stipate su 10.452 Freccia Rossa (Lo so che avevano i carri bestiame ma vi sto semplicemente semplificando le cose) che alla velocità di un criceto vengono sparpagliati in tutto il paese, un paese che si sta preparando ad una guerra che mobilita il 95% della popolazione la quale coinvolge cani, gatti, porci e bambini.

Ai giorni nostri significa che gli ebrei da internare, da Napoli a Berlino, si stanno facendo una coda della madonna solo per portarli al loro recapito, senza considerare che pignoli come sono i tedeschi non si limitavano al Green Pass, (Impresso a Ferro e fuoco e non Digitale) ma pure al loro pedigree razziale che doveva essere suddiviso e registrato come si conviene.

Ma la questione non finisce qua, perché ai morti predestinati si sommano pure i vivi, che naturalmente non si spostano in prima classe con biglietto di andata e ritorno, ma si uniscono tra loro insieme e disgraziatamente.

Ecco che la coda si moltiplica sino ad arrivare a Stoccolma e questo non per un opinione squisitamente personale, ma per una logica che la matematica ”Aime” non transige.

Ora resta il problema delle camere a gas e qua le cose si complicano, perché fatti i dovuti calcoli, la colonna che si forma per arrivare a 6 milioni, finisce per arrivare a destinazione (Camere a Gas) quando inizia la guerra in Vietnam, perché ogni cosa come sapete ha i suoi tempi che non sono quelli cinematografici di Steven Spilberg

Ora si deve smaltire il tutto e qua non ci sono treni che passano e si devono mobilitare coloro che il danno lo hanno creato e pure questi non possono certo fare miracoli e ci vuole anche li qualche milione di persone che faccia qualcosa……..

Dobbiamo andare avanti?

Dovete sapere che La spesa erogata dalle lobby ebraiche per il controllo dei siti in rete che trattano dell’olocausto supera i 9 zeri, ed è molto capillare, ecco che per noi reperire materiale adeguato ai nostri utenti molto esigenti è sempre molto complicato e possiamo farlo solo attraverso archivi privati.

Quanto avrete modo di conoscere vi farà capire di come la storia sia sempre un opinione nelle mani dei vincitori, che come spesso accade specula sulla vita delle persone per un tornaconto utile a dare continuità ad un genocidio che non deve mai avere fine.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Numeri della Popolazione Ebraica prima e dopo l’olocausto

Per oltre un secolo, l’Almanacco del Mondo Ebraico è stato ampiamente considerato come la fonte più autentica per i numeri della popolazione ebraica mondiale. Gli accademici di tutto il mondo, compresi i redattori dell’Enciclopedia Britannica, facevano affidamento sull’accuratezza di questi numeri. Ecco cosa dicevano gli Alamanacchi mondiali del 1933 e del 1948 sulla popolazione ebraica mondiale.

Almanacco mondiale del 1933

Almanacco mondiale 1948

In altre parole, secondo l’Almanacco Mondiale la popolazione mondiale di ebrei è aumentata (!) tra il 1933 e il 1948 da 15.315.000 a 15.753.000 persone. Se il governo tedesco sotto Adolf Hitler avesse ucciso come si sostiene sei milioni di ebrei, queste perdite avrebbero dovuto riflettersi nei numeri della popolazione ebraica citati nell’Almanacco mondiale.

I sospetti sollevati da questi numeri sulla veridicità delle accuse mosse al governo Hitler sono confermati dal rapporto ufficiale in tre volumi del Comitato Internazionale della Croce Rossa, pubblicato nel 1948 a Ginevra, secondo il quale 272.000 detenuti dei campi di concentramento morirono sotto la custodia tedesca, circa la metà dei quali ebrei.

L’articolo seguente lo approfondisce.

Una valutazione fattuale dell'”Olocausto” da parte della Croce Rossa

Gli ebrei e i campi di concentramento: Nessuna prova di genocidio

Esiste un’indagine sulla questione ebraica in Europa durante la Seconda Guerra Mondiale e sulle condizioni dei campi di concentramento tedeschi che è quasi unica per onestà e obiettività: il Rapporto in tre volumi del Comitato Internazionale della Croce Rossa sulle sue attività durante la Seconda Guerra Mondiale, Ginevra, 1948.

Questo resoconto completo, proveniente da una fonte assolutamente neutrale, ha incorporato e ampliato i risultati di due opere precedenti: Documenti sull’attività del CICR a favore dei civili detenuti nei campi di concentramento in Germania 1939-1945 (Ginevra, 1946) e Inter Arma Caritas: l’opera del CICR durante la seconda guerra mondiale (Ginevra, 1947). Il team di autori, guidato da Frédéric Siordet, spiegava nelle pagine iniziali del Rapporto che il loro obiettivo, nella tradizione della Croce Rossa, era la rigorosa neutralità politica, e qui sta il suo grande valore.

Il CICR applicò con successo la Convenzione militare di Ginevra del 1929 per ottenere l’accesso agli internati civili detenuti in Europa centrale e occidentale dalle autorità tedesche. Al contrario, il CICR non riuscì ad avere accesso all’Unione Sovietica, che non aveva ratificato la Convenzione. I milioni di internati civili e militari detenuti in URSS, le cui condizioni erano note per essere di gran lunga le peggiori, erano completamente tagliati fuori da qualsiasi contatto o supervisione internazionale.

Il Rapporto della Croce Rossa è prezioso perché chiarisce innanzitutto le circostanze legittime in cui gli ebrei erano detenuti nei campi di concentramento, cioè come stranieri nemici. Nel descrivere le due categorie di internati civili, il Rapporto distingue il secondo tipo come “Civili deportati per motivi amministrativi (in tedesco “Schutzhäftlinge”), arrestati per motivi politici o razziali perché la loro presenza era considerata un pericolo per lo Stato o le forze di occupazione” (Vol. 111, p. 73). Queste persone, prosegue il documento, “furono equiparate alle persone arrestate o imprigionate secondo la legge comune per motivi di sicurezza”. (P.74).

Il Rapporto ammette che i tedeschi erano inizialmente riluttanti a permettere la supervisione da parte della Croce Rossa delle persone detenute per motivi di sicurezza, ma negli ultimi mesi del 1942 il CICR ottenne importanti concessioni dalla Germania. A partire dall’agosto 1942, il CICR fu autorizzato a distribuire pacchi alimentari ai principali campi di concentramento in Germania e “dal febbraio 1943 in poi questa concessione fu estesa a tutti gli altri campi e prigioni” (Vol. 111, p. 78). Il CICR stabilì presto contatti con i comandanti dei campi e lanciò un programma di soccorso alimentare che continuò a funzionare fino agli ultimi mesi del 1945 e per il quale arrivarono lettere di ringraziamento dagli internati ebrei.

I destinatari della Croce Rossa erano ebrei

Il Rapporto afferma che “Ogni giorno venivano confezionati ben 9.000 pacchi. >Dall’autunno del 1943 al maggio 1945, circa 1.112.000 pacchi per un peso totale di 4.500 tonnellate furono inviati ai campi di concentramento” (Vol. III, p. 80). Oltre al cibo, questi pacchi contenevano abbigliamento e forniture farmaceutiche. “I pacchi furono inviati a Dachau, Buchenwald, Sangerhausen, Sachsenhausen, Oranienburg, Flossenburg, Landsberg-am-Lech, Flöha, Ravensbrück, Hamburg-Neuengamme, Mauthausen, Theresienstadt, Auschwitz, Bergen-Belsen, ai campi vicino a Vienna e nella Germania centrale e meridionale. I principali destinatari furono belgi, olandesi, francesi, greci, italiani, norvegesi, polacchi ed ebrei apolidi” (Vol. III, p. 83).

Nel corso della guerra, “il Comitato fu in grado di trasferire e distribuire sotto forma di aiuti oltre venti milioni di franchi svizzeri raccolti da organizzazioni assistenziali ebraiche in tutto il mondo, in particolare dall’American Joint Distribution Committee di New York” (Vol. I, p. 644). A quest’ultima organizzazione il governo tedesco aveva permesso di mantenere gli uffici a Berlino fino all’entrata in guerra degli Stati Uniti. Il CICR lamentava che l’ostacolo alla sua vasta operazione di soccorso agli internati ebrei non proveniva dai tedeschi, ma dallo stretto blocco alleato dell’Europa. La maggior parte degli acquisti di cibo per i soccorsi fu fatta in Romania, Ungheria e Slovacchia.

Il CICR elogiava in modo particolare le condizioni liberali che prevalevano a Theresienstadt fino alla loro ultima visita nell’aprile 1945. Questo campo, “dove si trovavano circa 40.000 ebrei deportati da vari Paesi, era un ghetto relativamente privilegiato” (Vol. III, p. 75). Secondo il Rapporto, “i delegati del Comitato hanno potuto visitare il campo di Theresienstadt (Terezin) che era utilizzato esclusivamente per gli ebrei ed era regolato da condizioni speciali. Dalle informazioni raccolte dal Comitato, questo campo era stato avviato come esperimento da alcuni dirigenti del Reich… Questi uomini volevano dare agli ebrei i mezzi per instaurare una vita comunitaria in una città sotto la loro amministrazione e in possesso di un’autonomia quasi completa. . due delegati poterono visitare il campo il 6 aprile 1945. Essi hanno confermato l’impressione favorevole avuta nella prima visita” (Vol. I, p. 642).

Il CICR ebbe anche parole di elogio per il regime di Ion Antonescu della Romania fascista, dove il Comitato fu in grado di estendere un aiuto speciale a 183.000 ebrei rumeni fino al momento dell’occupazione sovietica. Gli aiuti poi cessarono e il CICR si lamentò amaramente di non essere mai riuscito “a inviare nulla in Russia” (Vol. II, p. 62). La stessa situazione si verificò in molti campi tedeschi dopo la loro “liberazione” da parte dei russi. Il CICR ricevette un flusso voluminoso di posta da Auschwitz fino al periodo dell’occupazione sovietica, quando molti internati furono evacuati verso ovest. Ma gli sforzi della Croce Rossa per inviare aiuti agli internati rimasti ad Auschwitz sotto il controllo sovietico furono inutili. Tuttavia, continuarono a essere inviati pacchi di cibo agli ex internati di Auschwitz trasferiti a ovest in campi come Buchenwald e Oranienburg.

Nessuna prova di genocidio

Uno degli aspetti più importanti del Rapporto della Croce Rossa è che chiarisce la vera causa di quelle morti che indubbiamente si verificarono nei campi verso la fine della guerra. Dice il Rapporto: “Nella condizione caotica in cui versava la Germania dopo l’invasione, durante gli ultimi mesi di guerra, i campi non ricevettero alcun rifornimento di cibo e la fame mieté un numero crescente di vittime. Allarmato da questa situazione, il governo tedesco informò finalmente il CICR il 1° febbraio 1945… Nel marzo 1945, le discussioni tra il presidente del CICR e il generale delle S.S. Kaltenbrunner diedero risultati ancora più decisivi. I soccorsi potevano essere distribuiti dal CICR e un delegato era autorizzato a rimanere in ogni campo…” (Vol. III, p. 83).

È chiaro che le autorità tedesche si adoperarono per alleviare, per quanto possibile, la terribile situazione. La Croce Rossa afferma esplicitamente che le forniture di cibo cessarono in quel periodo a causa dei bombardamenti alleati sui trasporti tedeschi e, nell’interesse degli ebrei internati, il 15 marzo 1944 protestò contro “la barbara guerra aerea degli Alleati” (Inter Arma Caritas, p. 78). Il 2 ottobre 1944, il CICR avvertì il Ministero degli Esteri tedesco dell’imminente collasso del sistema di trasporto tedesco, dichiarando che le condizioni di fame per le persone in tutta la Germania stavano diventando inevitabili.

Nel trattare questo ampio Rapporto in tre volumi, è importante sottolineare che i delegati della Croce Rossa Internazionale non trovarono alcuna prova nei campi dell’Europa occupata dall’Asse di una politica deliberata di sterminio degli ebrei. In tutte le sue 1.600 pagine, il Rapporto non menziona nemmeno una camera a gas. Ammette che gli ebrei, come molte altre nazionalità in tempo di guerra, hanno sofferto rigori e privazioni, ma il suo completo silenzio sul tema dello sterminio pianificato è un’ampia confutazione della leggenda dei sei milioni.

Come i rappresentanti del Vaticano con cui lavorava, la Croce Rossa si trovò nell’impossibilità di indulgere nelle irresponsabili accuse di genocidio che erano diventate all’ordine del giorno. Per quanto riguarda l’effettivo tasso di mortalità, il Rapporto sottolinea che la maggior parte dei medici ebrei dei campi era impiegata nella lotta contro il tifo sul fronte orientale, per cui non erano disponibili quando nei campi scoppiò l’epidemia di tifo del 1945 (Vol. I, pag. 204 e segg.) – Tra l’altro, si sostiene spesso che le esecuzioni di massa furono effettuate in camere a gas astutamente mascherate da docce. Anche in questo caso, il Rapporto rende insensata questa affermazione. “I delegati ispezionavano non solo i luoghi di lavaggio, ma anche gli impianti per bagni, docce e lavanderie. Essi dovettero spesso intervenire per far sì che gli impianti fossero resi meno primitivi e per farli riparare o ingrandire” (Vol. III, p. 594).

Non tutti furono internati

Il volume III del Rapporto della Croce Rossa, capitolo 3 (I. Popolazione civile ebraica), tratta dell'”aiuto dato alla sezione ebraica della popolazione libera”, e questo capitolo chiarisce chiaramente che non tutti gli ebrei europei furono messi nei campi di internamento, ma rimasero, con alcune restrizioni, come parte della popolazione civile libera. Ciò è in diretto contrasto con la “completezza” del presunto “programma di sterminio” e con l’affermazione contenuta nelle memorie falsificate di Höss, secondo cui Eichmann era ossessionato dall’idea di catturare “ogni singolo ebreo su cui potesse mettere le mani”.

In Slovacchia, ad esempio, dove l’assistente di Eichmann, Dieter Wisliceny, era in carica, il Rapporto afferma che “gran parte della minoranza ebraica aveva il permesso di rimanere nel Paese, e in certi periodi la Slovacchia era vista come un rifugio comparabile per gli ebrei, specialmente per quelli provenienti dalla Polonia. Coloro che rimasero in Slovacchia sembrano essere stati relativamente al sicuro fino alla fine di agosto del 1944, quando si verificò un’insurrezione contro le forze tedesche. Se è vero che la legge del 15 maggio 1942 aveva portato all’internamento di diverse migliaia di ebrei, queste persone furono tenute in campi dove le condizioni di vitto e alloggio erano tollerabili e dove gli internati potevano svolgere un lavoro retribuito a condizioni quasi uguali a quelle del libero mercato del lavoro” (Vol. I, p. 646).

Non solo un gran numero dei circa tre milioni di ebrei europei evitò del tutto l’internamento, ma l’emigrazione degli ebrei continuò per tutta la durata della guerra, generalmente attraverso l’Ungheria, la Romania e la Turchia. Ironia della sorte, anche l’emigrazione ebraica postbellica dai territori occupati dai tedeschi fu facilitata dal Reich, come nel caso degli ebrei polacchi che erano fuggiti in Francia prima dell’occupazione. “Gli ebrei polacchi che, mentre si trovavano in Francia, avevano ottenuto un permesso di ingresso negli Stati Uniti furono considerati cittadini americani dalle autorità tedesche di occupazione, che accettarono inoltre di riconoscere la validità di circa tremila passaporti rilasciati agli ebrei dai consolati dei Paesi del Sud America” (Vol. I, p. 645).

In quanto futuri cittadini statunitensi, questi ebrei furono rinchiusi nel campo di Vittel, nel sud della Francia, per gli stranieri americani. L’emigrazione degli ebrei europei dall’Ungheria, in particolare, procedette durante la guerra senza essere ostacolata dalle autorità tedesche. “Fino al marzo 1944”, si legge nel. Croce Rossa, “gli ebrei che avevano il privilegio del visto per la Palestina erano liberi di lasciare l’Ungheria” (Vol. I, p. 648). Anche dopo la sostituzione del governo Horthy nel 1944 (in seguito al tentativo di armistizio con l’Unione Sovietica) con un governo più dipendente dall’autorità tedesca, l’emigrazione degli ebrei continuò.

Il Comitato si assicurò l’impegno della Gran Bretagna e degli Stati Uniti “a sostenere con ogni mezzo l’emigrazione degli ebrei dall’Ungheria”, e dal governo degli Stati Uniti il CICR ricevette un messaggio in cui si affermava che “il governo degli Stati Uniti… ribadisce ora specificamente la sua assicurazione che saranno prese disposizioni per l’assistenza di tutti gli ebrei che nelle attuali circostanze sono autorizzati a partire” (Vol. I, p. 649).

Biedermann concorda sul fatto che nei diciannove casi in cui “Sono morti davvero sei milioni di persone?” ha citato il Rapporto del Comitato Internazionale della Croce Rossa sulle sue attività durante la Seconda Guerra Mondiale e Inter Arma Caritas (questo include il materiale sopra citato), lo ha fatto in modo accurato.

Citazione di Charles Biedermann (delegato del Comitato Internazionale della Croce Rossa e Direttore del Servizio Internazionale di Rintracciamento della Croce Rossa) sotto giuramento al Processo Zündel (9, 10, 11 e 12 febbraio 1988).

Fonte: Web Archive

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code