toba60

Una Rapida Rassegna del Numero Sorprendente di Cure Efficaci Contro il Cancro

E’ un articolo unico nel suo genere che non lascia spazio ad alcun commento, come sempre ricco di riferimenti utili e fondamentali.

Toba60

“(La tradizione orale”) è il metodo con cui l’arte della guarigione si è conservata tra gli americani [indiani] fino ad oggi. Le loro malattie, infatti, sono estremamente poche, e non si verificano spesso, a causa del loro continuo esercizio e (fino a poco tempo fa, universale) temperanza. Ma se qualcuno è malato … i padri dicono immediatamente ai loro figli quale rimedio applicare. Ed è raro che il paziente soffra a lungo; quelle medicine sono rapide, oltre che generalmente infallibili”.

John Wesley — (1703-91)

“Anche se non abbiamo ancora curato tutti i cancri, i progressi fatti negli ultimi venti anni sono fenomenali, e forse la più grande conquista medica di questo secolo, la cura del cancro è ormai a portata di mano.

Edward Shorter

(Autore) Questo rappresenta la ‘narrazione comune’ della moderna medicina ortodossa. Questa scemenza è stata scritta nel 1989, ma avrebbe potuto essere scritta altrettanto facilmente nel 1848, nel 1910 o nel 2021. Se continuiamo a dare al Medical Industrial Establishment un lasciapassare, i nostri discendenti sentiranno questa spazzatura tra 500 anni).

“Una delle caratteristiche più salienti della nostra cultura è che ci sono così tante stronzate. Tutti lo sanno. Ognuno di noi contribuisce con la sua parte. Ma tendiamo a dare la situazione per scontata. La maggior parte delle persone sono piuttosto sicure della loro capacità di riconoscere le stronzate e di evitare di farsi prendere da esse. Così il fenomeno non ha suscitato molta preoccupazione deliberata, né ha attirato molte indagini sostenute”.

Harry G. Frankfurt

“Sono un mucchio di stronzate”.

James Watson, M.D.
Premio Nobel
Co-scopritore del DNA
(Commento fatto nel 1975 quando gli fu chiesto del National Cancer Program, dopo aver servito due anni nel National Cancer Advisory Board).

“Tutta l’organizzazione sociale [civile] consiste . . . nel neutralizzare l’impatto dirompente e deregolatore del comportamento morale”.

Zygmunt Bauman

Quello che ho trovato più intrigante durante il periodo in cui ho sviluppato Alpha Omega Labs e ho fatto ricerche sui trattamenti alternativi del cancro non è stata la mancanza di approcci efficaci, ma la loro abbondanza e quanto efficacemente le forze dell’establishment medico e i loro alleati siano stati nel sopprimere le prove.

La mia esposizione iniziale all’oltraggio di questa presunzione da parte della Mitologia Medica Moderna vale a dire, che cure efficaci per il cancro non sono già in abbondanza – è avvenuta attraverso l’escharotica. Tuttavia, non è la semplice integrità cronologica che mi ha spinto a dedicargli questi primi tre capitoli.

L’escharotica può essere stata la “via” attraverso la quale ho cercato e trovato “l’illuminazione”, ma – se mi permettete di estendere la metafora – una volta arrivato ho presto imparato che ci sono molte altre vie legittime per “l’illuminazione”. Eppure, come la maggior parte dei Guru indiani di rilievo probabilmente vi dirà, questi sentieri possono essere in abbondanza … ma sono in gran parte ignorati.

Prima di entrare nella meccanica del “come l’hanno fatta franca” e continuare a farlo, è importante coprire gli approcci più importanti e le relative prove. Poiché i lettori di questo lavoro comprenderanno un ampio spettro: dai novizi dell’assistenza sanitaria alternativa a quei rari professionisti che hanno già familiarità con molto di questo materiale, ho cercato di trovare un compromesso.

C’è molto supporto bibliografico di seguito, tuttavia, mi attengo principalmente a quegli approcci di cui sono stato testimone oculare.
Con questa introduzione in mano, lo scopo di questo capitolo si concentra quindi su tre obiettivi:

1) Esporre le Evidenze … di questi rimedi veramente efficaci contro il cancro con cui l’autore ha lavorato nel corso della vita dei laboratori Alpha Omega prove che egli ammette prontamente essere solo la “punta dell’iceberg”.

2) Analizzare il potere della “narrazione comune” Mostrare perché la maggior parte della gente è così fortemente resistente a credere che cure efficaci contro il cancro sono sempre state con noi e che il contributo più significativo della Medicina Moderna alla cultura occidentale non è il suo sviluppo di trattamenti efficaci, ma la loro soppressione con successo — (e ancora peggio: l’adozione di pratiche che in realtà migliorano l’immunosoppressione e una moltitudine di stati di malattia a vantaggio del suo profitto e della sua influenza, che trattiamo nei capitoli successivi).
Introdurre la causa sottostante: Il difetto del nostro “Sistema Operativo Culturale”

3) Mostrare che la dissonanza cognitiva creata tra la realtà oggettiva ed empirica e la Mitologia Medica Moderna può essere curata solo da uno studio del “sistema operativo culturale” della civiltà occidentale, ponendo le basi per i capitoli successivi, dove collegheremo tutte le prove in un contesto storico. Il capitolo prepara il lettore a questo studio, chiudendo questa sezione con uno studio dell’ipoascorbemia, che nel suo stato più estremo è conosciuta come “scorbuto”. Questo caso di studio storico è stato scelto perché lega insieme i punti più importanti delineati in questo capitolo: l’uso del “modello di soppressione” nel trattare con rimedi efficaci e concorrenti; la cooptazione di sistemi o tecniche di guarigione concorrenti quando serve al “modello di profitto” prevalente, l’uso perverso della narrativa comune per impedire alla gente di agire nel proprio migliore e salutare interesse; e, infine, l’ammissione di una VERA CURA solo dopo che una massa critica è già consapevole di una cura e un’ulteriore soppressione può solo rivelarsi negativa per gli affari o è altrimenti politicamente insostenibile.

Una parola veloce prima di iniziare su
Medicina ortodossa e “disadattamento gestito

Prima di ampliare la discussione sui rimedi contro il cancro soppressi, voglio fare una premessa a qualsiasi ulteriore indagine affermando che nei tredici anni in cui ho gestito i laboratori Alpha Omega, sono stato in contatto di persona, via e-mail o per telefono con letteralmente migliaia di pazienti affetti da cancro e con i loro fornitori di assistenza sanitaria primaria.

Nel corso di questo tempo, sono arrivato a credere che nessun trattamento di qualsiasi tipo era un sostituto per l’esame del sottostante ‘disadattamento’ che era alla radice del problema.

Quasi tutte le malattie, ma in particolare il cancro, hanno come causa primaria qualche condizione a cui il corpo, la mente o lo spirito sono stati sottoposti, che è in deviazione dal loro stato naturale. ( 5b )
La salute perfetta è lo stato naturale dell’uomo. Non la malattia. Il corpo contiene un sistema insondabilmente complesso di contromisure per mantenere il suo stato naturale (o “omeostasi”) ed è in grado di adattarsi a una grande varietà di condizioni.

Quelle “condizioni innaturali” che lo portano al di fuori della gamma di misure adattabili attraverso le quali può cambiare e mantenere ancora la salute siano esse spirituali, emotive o grossolanamente fisiche (cioè una cattiva alimentazione, l’esposizione a sostanze chimiche tossiche o a emissioni EM dannose, ecc) – sono sempre esaminate per prime da un operatore sanitario competente prima di affrontare la questione del “trattamento”.

Se avete una gomma a terra, la logica imporrebbe di rimuovere il chiodo prima di tentare di rattoppare la foratura. La medicina ortodossa, come esamineremo più in dettaglio nei prossimi capitoli, è costruita su un enorme edificio che impone che, poiché si possono fare più soldi applicando la toppa (cioè il trattamento) e mantenendo il chiodo nel pneumatico (cioè ignorando la causa disadattiva… dopo tutto… come si può avere un’attività ripetitiva se il chiodo viene rimosso), la nozione di tempestiva “rimozione del chiodo” è pura cialtroneria.

Questa posizione fa parte di un più ampio insieme di funzioni all’interno della Medicina Ortodossa che io chiamo “Disadattamento Gestito”, a cui arriverò più avanti.

(Tra le migliaia di esempi pronti è la determinazione con cui la Medicina Ortodossa ha combattuto per la maggior parte della sua esistenza per insegnare che una dieta corretta non ha nulla a che fare con la malattia. Più di un medico onesto negli Stati Uniti mi ha detto in privato: “Non abbiamo ‘assistenza sanitaria’ in questo paese. Abbiamo la ‘cura delle malattie’. Fa più soldi”).

Stabilito questo, è importante notare che gli esempi che seguono non dovrebbero essere considerati isolatamente da questa comprensione. Piuttosto, gli approcci di trattamento qui sotto sono presentati perché seguono tutti uno schema simile. Riconoscerete la maggior parte dei punti qui sotto perché la maggior parte di essi erano inclusi nelle “Dieci condizioni” quando questo schema di soppressione fu introdotto per la prima volta. In particolare, ogni trattamento di cui parleremo ha le seguenti caratteristiche:

1) A conti fatti, questi trattamenti funzionano più efficacemente degli approcci attualmente offerti dalla medicina ortodossa per la maggior parte dei tumori interni gravi, indipendentemente dal tipo – che sono la chirurgia, le radiazioni e/o la chemioterapia tossica e allopatica.

2) Sono sostanzialmente più economici dei trattamenti convenzionali.

3) Sono sostanzialmente più sicuri del trattamento convenzionale.

4) Non possono essere brevettate, o se sono state brevettate, tale protezione legale è scaduta da tempo; e se potessero essere brevettate, sarebbero impossibili da proteggere legalmente.

5) La maggior parte si presta all’autosomministrazione, o comunque rende il paziente meno dipendente da un medico o da un fornitore di cure.

6) Se questi approcci terapeutici fossero ampiamente impiegati da una massa critica di medici di base, ciò significherebbe la bancarotta totale di un enorme segmento dell’industria sanitaria nell’Occidente industrializzato.

Uso interno di successo di Escharotici

Durante la brevissima vita di Lifeline Sciences, sono stato contattato da un ‘distributore’, che sosteneva di aver usato con successo la nostra preparazione escharotica a base di zinco-cloruro sul suo cancro allo stomaco. [6]

“Si rende conto che la ‘Formula G’ [7] è progettata solo per uso topico, vero?” Ho risposto con sorpresa.
“Sì, lo so”, ribatté lei, “ma ha funzionato così bene sul mio cancro alla pelle, che mi sembrava logico che funzionasse anche sullo stomaco”.
“Sì, ma non ha fatto un male cane?” Risposi, ancora stupito nel sentire di questo uso interno ‘off-label’.
“Per le prime ore, sicuramente sì. Per un po’ ha fatto piuttosto male. Anche se è stato molto più facile quando l’ho preso la seconda volta… “
“La seconda volta?” Ho interrotto. “Hai ingoiato la pomata più di una volta?”
“Oh, sì. Ne ho preso diversi cucchiaini nelle ultime sei settimane. Ti avrei chiamato prima, ma volevo avere i risultati del mio controllo medico prima di tornare da te”.
“Quali sono stati i risultati?”
“Dice che non devo aver avuto il cancro. . . in pratica, che la diagnosi iniziale non era corretta”.
“Non capisco.”

“Beh, non ha trovato alcun segno che io avessi il cancro. E dato che non avevo ancora ricevuto il trattamento ‘chemio’, immagino che lui pensi che non doveva essere un cancro in primo luogo”.
“Questo non segue… Vuoi dire che il tuo medico ritiene che siccome non hai ricevuto il trattamento convenzionale del cancro, questo costituisce una cattiva diagnosi iniziale?”
“Esatto… “

Ripetutamente nel corso della dozzina di anni successivi, avrei sentito questo stesso ‘non sequitor’ ancora e ancora – presumibilmente proveniente da uomini di alta istruzione. Tuttavia, non era il più ridicolo. Il commento più ridicolo da parte dei medici dei clienti che usavano con successo i nostri escharotici per applicazioni interne era in realtà più onesto. Era qualcosa del genere: “Per favore, vada alla reception e ritiri la sua fattura finale. Mi rifiuto di vedere pazienti che prendono un trattamento o una terapia alternativa senza la mia esplicita autorizzazione . . . “

Uso il termine “onesto” nel menzionare quest’ultima risposta professionale, perché non lascia nulla di non rivelato nelle motivazioni del professionista, mentre la prima risposta ‘non-sequitor’ lo fa. Quest’ultima risposta è trasparente. È rivelatrice. Il medico potrebbe benissimo aver detto: “Vaffanculo. Sei qui perché io possa fare soldi. Se hai intenzione di andare avanti e fare qualcosa per aiutare te stesso – forse anche per curarti, allora perché sto perdendo il mio tempo con te? Per cosa? Così puoi cavartela solo con una visita da 50 dollari e usare la mia esperienza per ottenere una diagnosi?”.

Allo stesso tempo — abbastanza paradossalmente — le applicazioni e i protocolli di maggior successo per l’uso interno degli escharotici che ho prodotto non sono venuti dall’utente finale/cliente/paziente.
Cansema supposta Venivano da professionisti anime rare, compresi i medici, che rischiavano le loro licenze mediche gestendo pratiche “basate sull’evidenza” che non si preoccupavano di sperimentare un’alternativa provata se era più sicura ed efficace.

Un buon esempio di questo è stato un medico di Chicago che ha usato un catetere come un dispositivo di clistere per consegnare il suo intruglio diluito di Cansema a specifici siti di cancro colorettale. È stato a partire da questo nuovo approccio di nuovo, uno di cui non avevo mai sentito parlare prima – che abbiamo sviluppato un’operazione di supposte per fare una versione di supposte di Cansema. (Questa operazione è stata chiusa poco prima dell’incursione della FDA nel 2003).

I rapporti diffusi sull’uso interno efficace del Cansema originale hanno portato a versioni interne in forma di capsule e tonici.

Il drammatico successo di Cansema ha portato a una cornucopia di testimonianze aneddotiche, accessibili dalla pagina del prodotto, e l’evidenziazione di casi specifici in forma di articolo che erano a dir poco miracolosi, come il caso di Kent Estes (che aveva un cancro alla lingua così grave che i suoi medici gli dissero che la sua unica speranza era di avere l’intera mascella inferiore rimossa), o il caso di melanoma avanzato di R.L. Banks.

” . . . Siamo convinti che il cancro non può essere curato con successo come un fenomeno isolato, non collegato ai processi corporei di base. Cerchiamo di arrivare alle radici del disturbo, piuttosto che occuparci semplicemente del suo risultato finale. Il nostro sforzo principale è quello di riportare il corpo alla normalità fisiologica… “

Harry M. Hoxsey, N.D. (6)

Escharotici di successo di una generazione precedente:
La storia di Harry Hoxsey

Se avessi avuto più familiarità con il lavoro di Harry Hoxsey quando ho iniziato a fare preparati escharotici nel 1990, non sarei stato sorpreso dalla mia introduzione ai suoi usi interni da parte della donna con il cancro allo stomaco.
Col tempo, Alpha Omega Labs si sarebbe sforzata di educare i suoi clienti sui benefici del precedente lavoro di Hoxsey – rimedi naturali, sia escarotici che non escarotici – incoraggiandoli a leggere il suo libro originale, You Don’t Have To Die, acquistando il libro di Kenny Ausubel (vedi a destra) e fornendo una visione gratuita del film di Ausubel. In seguito aggiungemmo una versione interna fatta da un produttore in Canada, e fornimmo articoli riguardanti la sua storia.

Anche se costoso (3.500 dollari per paziente) per gli standard stabiliti da Alpha Omega Labs, la clinica in Messico che oggi porta avanti il lavoro di Hoxsey tratta i pazienti affetti da cancro ad una frazione del costo del trattamento convenzionale e riporta risultati che non sono peggiori di quelli ottenuti convenzionalmente. (Anche se la sezione delle testimonianze del Centro è debole, soprattutto se paragonata al prodotto Cansema di Alpha Omega Labs, lo attribuiamo molto più alla scarsa documentazione che agli effetti benefici provati nel tempo delle formule Hoxsey stesse, che sono vendute alla clinica).


Negli ultimi anni di Alpha Omega Labs – prima dell’incursione del settembre 2003 – mi veniva spesso chiesto se le formule Hoxsey “funzionavano davvero”. La mia risposta era basata sulla mia costante osservazione: “La formula esterna – vicina com’è al Cansema stesso – funziona meglio del 95% delle volte. E sulla base della mia conoscenza della formula interna [ 7 ], non ho motivo di mettere in dubbio l’affermazione della clinica che la “percentuale di successo (è) alta come l’80%” [ 8 ] – cioè, anche se può essere un limite superiore, non è certamente la grossolana esagerazione dei risultati che si sente dai sostenitori ortodossi. E per contro, non si hanno gli effetti collaterali tossici del trattamento convenzionale”.
Allo stesso modo, probabilmente a causa dei sorprendenti parallelismi tra i metodi usati per sopprimerli, mi è stato chiesto dell’Essiac.


Alla Alpha Omega Labs, non abbiamo mai fabbricato questo prodotto, e abbiamo dato per scontato che questa formula a base di erbe, promulgata al mondo attraverso un’infermiera canadese, Rene Caisse, fosse proprietaria. [ 9 ]. Come si è scoperto, un altro produttore canadese ha prodotto il prodotto e lo abbiamo portato anche sul nostro sito web. Anche se non sono mai stato in grado di ottenere una ricerca clinica convincente per provare (a me stesso se non a nessun altro) che questo prodotto era efficace nel trattamento del cancro, posso attestare un numero sostanziale di persone nel corso degli anni che, come nel caso delle formule e del regime di Hoxsey, hanno indicato che questo approccio li ha aiutati o addirittura “salvati” dai meno efficaci approcci di trattamento politicamente sanzionati della comunità medica ortodossa.

Pendente Vitec in Orgonite Purpurea - TesserattoVoto medio su 5 recensioni: Buono
€ 27,00

Le storie sulla soppressione di efficaci formulazioni a base di erbe esistono in tale abbondanza che la mia esplorazione è arrivata al punto in cui non ero più sorpreso di sentirle. Quando ho scoperto la serie di eventi che hanno portato alla chiusura del gruppo di studi botanici del Dr. Jonathan Hartwell al National Cancer Institute – un’operazione debolmente finanziata che stava scoprendo centinaia di promettenti “medicine” derivate dalle piante, ne ho fatto menzione sul sito di Alpha Omega.

Allo stesso tempo ho documentato un composto a base di erbe ecuadoregne soppresso, chiamato ammatosina, che è stato messo sotto accusa dagli stessi burocrati di Washington. Lo stesso modello di soppressione è stato documentato nel modo in cui l’industria farmaceutica ha tentato di sopprimere la notizia dei benefici cancerogeni della graviola (Annona muricata).

Quei mortali semi di albicocca:
Quando la soppressione delle”autorità” raggiunge in modo mozzafiato
Proporzioni oscene


Lasciatemi confessare fin dall’inizio che, sulla base del mio lavoro con i pazienti affetti da cancro, io stesso non ho trovato prove sufficienti per convincermi che i semi di albicocca, o il nutriente isolato da essi, la vitamina B17, fossero efficaci come la maggior parte dei preparati escharotici con cui ho lavorato.

Dico questo, anche se Alpha Omega Labs vendeva i suoi semi di albicocca confezionati. Ma ci sono legioni di malati di cancro guariti che giurano su di loro, e, infatti, un caro amico personale, Jason Vale, fondatore di Christian Brothers (ora sta scontando una condanna a 63 mesi negli Stati Uniti per aver venduto semi di albicocca), è stato guarito dal suo tumore ASKINS e dal carcinoma a cellule renali attraverso un impegno quasi esclusivo a questo approccio. (Arriva persino a fornire link alle sue TAC per mostrare i suoi progressi nella sconfitta del suo cancro usando i semi di albicocca). Inoltre, nella sua breve carriera, Jason ha accumulato una lista impressionante di testimonianze, che comprende MIGLIAIA di malati di cancro che hanno sperimentato un beneficio sostanziale prendendo i suoi semi.


Mondo Senza Cancro

Quando decisi di aggiungere i semi di albicocca al sito web di Alpha Omega nel 2002, Jason Vale era già nel mirino della Food & Drug Administration degli Stati Uniti. Pertanto, la “copia” che ho usato nel presentare i semi era decisamente contenuta. Il mio approccio era quello di rendere disponibile il video di G. Edward Griffin, insieme ad una raccomandazione di leggere il suo libro,World Without Cancer. Questo avrebbe permesso alle persone di farsi una propria idea.

Un governo onesto che lavorasse nell’interesse dei suoi cittadini e non di una ricca élite medica, farebbe qualcosa di simile: permetterebbe a coloro che rendono disponibili tali prodotti di rendere note le prove documentate del loro “possibile” beneficio. Non tenterebbe di sopprimere l’argomento convincente che il cancro è, almeno in parte, una “malattia da carenza” nutrizionale, e che le persone possono essere aiutate dall’ingestione regolare di semi di frutta contenenti nutriloidi specifici, come la vitamina B17 presente nei semi di albicocca.

Sono ora dell’opinione che l’argomento della “carenza nutrizionale” è sufficientemente forte che c’è un beneficio deciso nell’includere i semi di albicocca nella propria dieta regolare. Ma il beneficio di questo approccio e gli argomenti che lo sostengono continueranno, senza dubbio, ad essere soppressi.

Perché?

Perché, come nel caso di tutti gli esempi a base vegetale forniti sopra, tali benefici cadono quasi sempre nella zona di destinazione del nostro “modello di soppressione” originariamente dichiarato.

“I fan di Star Trek hanno gioito quando ‘Bones’ ha agitato un piccolo dispositivo elettrico sul corpo malato del capitano Kirk e, pochi secondi dopo, le sue ferite sono guarite. Questo è vicino a dove saremmo nella pratica della guarigione [oggi] se non fosse stato per i medici-monopolisti diretti da Rockefeller che hanno soppresso l’intero campo dell’elettromedicina dall’inizio del 1900″.

Dr. Leonard G. Horowitz 10

La sorprendente soppressione dell’elettromedicina


Horowitz attribuisce l'”elettrosoppressione” come avvenuta da poco più di un secolo. Ma la documentazione è chiara che va avanti da molto più tempo. Le tecniche di guarigione di Paracelso erano strettamente legate alle sottili influenze elettromagnetiche e alle loro proprietà, anche se non identificate come tali ai suoi tempi. [ 11 ] I notevoli dispositivi di elettromedicina di Franz Mesmer e le loro capacità, risalenti al 1700, sono stati soppressi così bene che la maggior parte delle persone associa il suo nome esclusivamente all’ipnotismo (come in inglese, “mesmerize”) [ 12 ], e le applicazioni mediche del lavoro di Karl Von Reichenbach [ 13 ], Antonio Meucci [ 14 ], e Nikola Tesla [ 15 ], risalenti principalmente al 1800, sono stati tutti sottoposti al “modello di soppressione”.

Tuttavia, il nome che probabilmente è più sinonimo di soppressione dell’elettromedicina nella cura vera e propria dei tumori incurabili dei nostri tempi è Royal Raymond Rife, sul quale ho scritto un “quick primer” per il sito Alpha Omega Labs. Un eccellente trattato sul patetico trattamento di Rife — facilmente uno dei più grandi scienziati del ventesimo secolo — per mano della mafia medica del governo degli Stati Uniti è trattato ampiamente altrove. Esso imita la soppressione delle scoperte di Wilhelm Reich sull’energia orgonica – nella struttura temporale e nella metodologia criminale.

Ho visto il funzionamento interno di questo aspetto dello stato di polizia “da vicino e personalmente”, quindi riconosco tutti i segni. Nel caso di Reich, il suo lavoro è stato considerato così minaccioso per l’establishment medico che un giudice federale degli Stati Uniti ha ordinato non solo di bruciare i libri di Reich, ma anche altri lavori che hanno semplicemente menzionato l’energia orgonica. [ 17 ]

È spiacevole, anche se probabilmente inevitabile data la natura della nostra cultura, che il nome di Rife sia stato associato a un flusso infinito di discutibili dispositivi elettronici, la cui unica connessione con Rife è che anche lui alimentava il suo apparato con l’elettricità.

Tale cooptazione non è stata così efficace nel trattare i dispositivi che impiegano i semplici schemi di Robert C. Beck. (Un buon amico, ricercatore medico e collega vittima del sistema di giustizia penale statunitense, Michael David Forrest, ha scritto un piccolo libro (69 pagine) – anch’esso gratuito – per coloro che desiderano maggiori informazioni su questo argomento, intitolato “The Investigation of Electromedicine: An Inquiry into Effectiveness of Electromedicine Devices Against Disease; The Best Electromedicine Devices Explained & Reviewed”).

Piramide di Shungite lucida
Shungite tipo 2 – carbonio minimo 28%
Voto medio su 211 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

Né la tattica della mano pesante ha impedito che i risultati delle ricerche salvavita del Dr. Robert O. Becker o del Dr. Daniel Kirsch arrivassero nelle mani del pubblico. [ 18 ]

La mia fede nell’elettromedicina è stata notevolmente rafforzata da due incidenti accaduti nella mia famiglia: la completa guarigione di mio padre da una condizione osteo-artritica paralizzante che aveva in entrambe le ginocchia grazie al Prologue 2D, che ho acquistato all’ingrosso quando ero a Mosca, e che è un dispositivo biomedico usato da un buon numero di medici russi. In secondo luogo, è stata la cura di mio fratello, Daniel, di un cancro esofageo al IV stadio, usando l’attrezzatura di Beck che lui ha modificato per il suo uso personale, iniziando con uno studio degli schemi elettrici di Beck.

Un buon numero di persone che ho incontrato negli ultimi anni mi hanno indicato che, solo sulla base della soppressione illegittima della tecnologia di Beck, devono giungere da soli alla realizzazione della maggior parte degli aspetti del modello di soppressione.

William Frederick Koch e il gliossilide


Poco dopo essere uscito dalla prigione federale degli Stati Uniti nel marzo 2006, mi sono imbattuto in un uomo, Mark Krissle, che ha indicato che stava lavorando con un medico in Messico che aveva perfezionato la scienza perduta dietro la “terapia del gliossilide” del Dr. William F. Koch, un approccio terapeutico altamente efficace che aveva “fatto miracoli” in una serie di casi di cancro avanzato, un approccio che avevo supposto passato quando il Dr. Koch stesso lo fece. [ 19 ]


Il fondamento teorico del lavoro di Koch (da non confondere con il medico del XIX secolo che sviluppò i postulati di Koch) è ben compreso. Ciò che ha afflitto coloro che hanno cercato di seguire il suo lavoro dopo la sua morte è il metodo preciso di produzione del gliossido secondo le specifiche originali di Koch.


Quello che ho scoperto dalla ricerca delle affermazioni di Krissle è che la metodologia è stata effettivamente mantenuta intatta. Tuttavia, è stata sequestrata per mantenere coloro che la usano e la sviluppano fuori pericolo. Il gruppo che ora possiede la tecnologia di Koch sta sviluppando un impressionante record clinico di prove per sostenere le loro future affermazioni. Non fanno pubblicità né pubblicizzano in alcun modo, e i loro fondi provengono da fonti molto private. Renderanno i loro metodi disponibili al pubblico quando “sarà il momento giusto”.


Per i non iniziati, tutto questo parlare di una tecnologia superiore (nell’assistenza sanitaria, o in qualsiasi altro campo) tenuta in vita, fuori dal dominio pubblico, da un gruppo segreto di appassionati – anzi, oserei dire “credenti” – può sembrare spurio. Per quelli che non lo sanno, questo sa di società segrete, teorie di cospirazione non provate e/o psicosi paranoiche. Ma per coloro che hanno la verità dietro la “narrazione comune” della nostra cultura non è altro che un luogo comune e non originale.


Questo sviluppo, più di qualsiasi altra cosa con cui sono stato associato, mi ricorda il corso prescritto da Morris Berman per proteggere le tecnologie più preziose della nostra cultura da avidi poteri aziendali che sono determinati a distruggere qualsiasi cosa interferisca con la loro agenda di profitto. Più specificamente, Berman parla della necessità per coloro che si trovano “estranei” nella nostra cultura moderna, dove il postmodernismo ha portato sul tavolo non solo la negazione della verità ma anche la negazione dell’IDEALE della verità [ 20 ], dove si mette in pericolo la propria vita per aver inconsapevolmente promulgato efficaci tecnologie dirompenti che minacciano i modelli di profitto stabiliti, per aiutare a mantenere un sottosuolo di tecnologie utili che emergeranno al momento opportuno, come fecero i monaci del IV secolo all’alba dell’era cristiana per evitare che le porzioni più preziose della cultura greco-romana morissero per sempre.


Berman chiama questo corso “l’opzione monastica”. [ 21 ]
L’opzione monastica porta con sé la comprensione che la nostra cultura è insostenibile – che, come simili civiltà affamate di risorse e che non si riproducono prima di essa, ha un punto di arrivo. Porta con sé la comprensione che la storia non è lineare. È circolare. Ciò che sopravviverà attraverso questa prossima “ekpyrosis”, o come direbbe William Catton, questo “die-off”, sarà, in parte, determinato dai vari movimenti sotterranei che sequestrano e proteggono le tecnologie sostenibili dall’attuale Elite.
Nel 1898 il saggista americano John Jay Chapman scrisse che “il business ha distrutto in noi la conoscenza stessa di tutte le altre forze naturali tranne il business” (Practical Agitation).

Questa tendenza a modellare tutti i fatti pre-approvati attraverso la rubrica del profitto aziendale; ad emarginare, ostracizzare, se non distruggere tutto ciò che non è conforme all’attuale agenda globale fascista e il mio tono sorprenderà solo coloro che non capiscono che corporativismo e fascismo sono sinonimi è ciò che rende l’opzione monastica una necessità.


Prima di vedere quello che era successo al lavoro di Koch e quello che veniva fatto dietro le quinte lontano dagli occhi indiscreti delle spie corporative occidentali (in particolare, gli Stati Uniti; più specificamente, il governo degli Stati Uniti; più specificamente ancora, il governo degli Stati Uniti che agisce per conto dei suoi signori corporativi, in questo caso per conto della Orthdox Medicine) – non avevo idea della misura in cui questo approccio veniva messo in pratica … naturalmente, inconsapevolmente, e senza riguardo ad alcun nome, etichetta, sistema, struttura teorica, o movimento sociale formale.

La controversia CanCell

Nel 2002 Alpha Omega Labs fu coinvolta in una società che produceva quelle che si riteneva fossero le formule più avanzate uscite da quello che io chiamo “The Cancell Project”, reso popolare dal libro di Louise B. Trull.

Ho creato una pagina web per annunciare il prodotto, la sua storia, come funzionava, ecc.

Anche se capisco la teoria dietro la formula di Sheridan, io stesso non ho idea di come produrla – come la maggior parte degli altri prodotti della Alpha Omega Labs. Tuttavia, aggiungo questo punto al nostro attuale capitolo perché, ancora una volta, stiamo parlando di un integratore nutrizionale che ha una lunga storia di aiuto per i malati di cancro, e quelli con altre malattie degenerative, dove il governo, agendo per conto dell’industria medica, ha posto impedimenti ai suoi produttori di discutere i risultati clinici con i clienti attuali e futuri.
Ancora più prove del “modello di soppressione”.

Stanislaw Burzynski e le antineoplastine


Mia moglie (Cathryn E. Caton, N.D.) ed io ci siamo frequentati per tutto il 1992 prima di sposarci nel giugno dell’anno successivo. C’è stato un periodo, di meno di un anno, in cui mia moglie ha mantenuto il suo appartamento a Houston, mentre lavorava come tecnico di laboratorio per il famoso medico del cancro, il dottor Stanislaw Burzynski.

Cathryn non ha mai lavorato alla Clinica Burzynski, ma piuttosto al dipartimento di ricerca e controllo qualità, che si trovava in una struttura separata.

Pochi fenomeni all’interno della comunità medica ortodossa sono considerati così sgradevoli o addirittura infidi come un membro delle loro stesse file che se ne esce con un approccio semplice alla cura del cancro, che ottiene risultati superiori a ciò che è ufficialmente sancito. Non è quindi una sorpresa per chiunque conosca il caso di Burzynski che la comunità ortodossa lo abbia etichettato come un ciarlatano con false credenziali, abbia fatto in modo che la voluminosa mole di dati che ha prodotto sia cancellata come controversa, e lo abbia perseguito penalmente per marginalizzare il suo lavoro nella mente del pubblico.

Posso capire le tribolazioni del Dr. Burzynski, in particolare il tentativo del governo di dargli l’ergastolo per una falsa accusa di frode (il mio stesso patteggiamento aveva una falsa accusa di frode postale).

Nonostante il tentativo del governo degli Stati Uniti di etichettarlo come ciarlatano, il Dr. Burzynski ha ripetutamente incoraggiato i potenziali pazienti, o anche solo le parti interessate, a “fare le proprie ricerche”.
Mia moglie, che all’inizio degli anni ’90 ha avuto qualche comunicazione con i membri della clinica, era a conoscenza del consenso generale che il successo per i pazienti era da qualche parte nel quartiere del “60%”.

Come per i numeri che sono venuti fuori dalle comunità Hoxsey ed Essiac (discussi sopra), il mio atteggiamento è che anche se questa cifra fosse in qualche modo elevata, che giustificazione c’è per tentare di prendere di mira un medico e la sua clinica che sta usando un trattamento pesantemente studiato, perseguirlo per accuse di frode che i procuratori sanno che non ha commesso, e caratterizzare in modo sbagliato questa alternativa non tossica che ora ha molte centinaia di pazienti/clienti grati e sani?


Di nuovo vediamo abbondanti segni del nostro “modello di soppressione”.

Gli informatori: Analizzare il potere coercitivo e imprigionante
della nostra “narrativa comune”.

. Non sono mai stato un informatore, eppure mi sono sentito tale per tutta la vita. Nella mia famiglia, nessuno ha mai detto la verità, così ho pensato di doverlo fare. Naturalmente non era la verità, solo la mia verità, ma questo conta qualcosa.

Nella mia professione, la gente dice un sacco di piccole verità, e così mi sembrava importante cercare di dire quelle grandi, anche se questo rende più difficile fare le cose per bene. La grande differenza tra la mia situazione e quella del whistleblower è che io lavoro in una professione notevolmente tollerante, praticandola in un dipartimento accademico notevolmente accomodante.

Posso dire quasi tutto ed essere ignorato. Forse è per questo che sono diventato così interessato a ciò che gli informatori hanno imparato quando le loro verità sono state prese così seriamente, quando, in altre parole, le loro verità sono state vissute come una minaccia al potere”.

C. Fred Alford (1)

Mentre ero imprigionato a Beaumont, ho passato parecchie ore a contemplare come replicare nel lettore di Meditopia la mia stessa esperienza. Vale a dire, “Come posso interiorizzare, per il lettore, l’intensità intellettuale, la chiarezza, dell’esperienza del nostro mondo, della nostra cultura, come niente che siamo stati portati a credere? Quali strumenti posso usare per portare il lettore a rompere la schiavitù della nostra comprensione comune, la ‘nebbia propagandistica’, e vedere che viviamo veramente, imprigionati, in una sorta di ‘Matrix’?

Solo dopo aver conosciuto il lavoro di C. Fred Alford ho trovato il pezzo mancante che avrebbe collegato senza soluzione di continuità le mie esperienze con una nuova visione, presentabile al lettore in modo tale che tutti i diversi elementi delle mie osservazioni, messi a confronto con le assurdità del complesso medico-industriale e il suo insieme monolitico di mitologie decostruibili, si sarebbero incastrati.

In questo modo, con la disonanza cognitiva della nostra cultura esposta e rimossa, potevo portare il mio lettore in un posto nuovo, con una nuova visione del mondo.

Invece di presentare il Libro I di Meditopia come un’Epifania nella mia vita – con il lettore che agisce come osservatore passivo, potrei aiutare il lettore ad averne una propria. Ho voluto essere in grado di fornire un’esperienza che era come potente e come vita-alterante come il mio proprio.
Questa sarebbe stata una sfida impressionante.

Ho capito questo.

Sarebbe stato come gli autori dei libri che avevo letto sull’esperienza degli entheogeni botanici (come il peyote, l’ibogaina o l’ayahuasca. . quello che i non istruiti su questo argomento chiamano psicodeli) che tentano non solo di riferire le loro “esperienze ultraterrene”, ma di impartire effettivamente quell’esperienza al lettore! Come si potrebbe tentare una cosa del genere?
Per ottenere questo dovremo divagare momentaneamente in un luogo dove ad altri, come me, è stato permesso (di nuovo, usando il linguaggio del Mago di Oz) di “vedere l’uomo dietro la tenda”.

La nostra prossima tappa nel viaggio verso Meditopia ci porta in un luogo che tutti conoscono vagamente, ma che solo pochi comprendono veramente. Questo perché la stragrande maggioranza dei cittadini del mondo sono come i conduttori di viaggi in televisione, che parlano di luoghi in cui non sono mai stati. La loro conoscenza delle cose è solo superficiale, e in gran parte errata.
Ora stiamo parlando di informatori.

Diavolo, non ero contro il sistema. Io ero il sistema… Solo che non avevo capito che c’erano due sistemi”.

Bob Warren (2)

C. Fred Alford è un professore di governo all’Università del Maryland, un rispettato insegnante e scienziato politico, e un autore prolifico, che si occupa principalmente di quella che lui definisce “psicologia morale”.

Nel 2001 ha pubblicato Whistleblowers: Broken Lives and Organizational Power, che tratta della sua esperienza con le persone che “soffiano il fischio” su attività corrotte e illegali: da parte del governo, di una grande società o di un’altra grande entità organizzativa.

Nella stragrande maggioranza dei casi, non è il denaro o la fama o l’avventura che porta il delatore a salire alla ribalta. È il profondo affronto alla coscienza che l’inazione provocherebbe, nato dal più primitivo senso di ovvietà morale.
L’impulso dietro il libro è stato che l’esperienza di Alford con i whistleblower è stata costantemente contraria ai miti comuni che sono stati generati su di loro – così contraria, infatti, che è stato costretto a indagare come e perché questa disconnessione ha origine in primo luogo.

Da una parte ci sono “quasi venti libri sul whistleblowing… disponibili su Amazon.com, e più di cento articoli. . sull’argomento”, scrive. [ 3 ] Questi rappresentano in gran parte una visione omogenea dei whistleblower, come gruppo, e del whistleblowing, come fenomeno, che riflettono e rafforzano la nostra mitologia comune sull’argomento: che i whistleblower sono persone nobili con una forte morale “che si battono per ciò che è vero e giusto. Subiscono ritorsioni sostanziali, e mentre la maggior parte è vendicata, alcuni non lo sono. Ma anche quelli che non sono trionfanti alla fine sanno di aver fatto la cosa giusta. Sono più ricchi e migliori per l’esperienza, anche se sarà sempre doloroso.

Quasi tutti lo rifarebbero”. [ 4 ] Ciò che risiede nella mitologia comune del whistleblowing è che il bene di solito vince alla fine, la figura simile a Rocky si eleva sopra gli ostacoli schiaccianti, Davide batte Golia, Fenice risorge dalle ceneri, Giobbe batte il Diavolo, la Tartaruga batte la Lepre, Il Conte di Montecristo ottiene la sua vendetta, Il Gladiatore uccide l’imperatore malvagio (in un combattimento corpo a corpo, nientemeno), lo sceriffo col cappello bianco batte cento cattivi che indossano cappelli neri – con una mano legata dietro la schiena – e la giustizia vince la giornata. Il propositivamente improbabile sembra solo improbabile – quindi fatti coraggio, nobile cittadino!

Inoltre, questo archetipo satura la Civiltà Moderna ad ogni livello: la religione principale della nostra cultura può aver contribuito a rendere il Natale (la nascita di un Salvatore) il suo evento commerciale più apprezzato, ma il suo messaggio più convincente è che il Creatore dell’Universo ha mandato la sua unica progenie sulla terra per far saltare il fischio sul peccato originale, e anche se è stato crocifisso su una croce, è risorto in cielo e ora regna supremo, offrendo la redenzione eterna a tutte le anime accettanti che si precipitano in ginocchio. . . Questa non è l’insolenza spensierata di un miscredente, è il cristianesimo messo a nudo in questo archetipo onnipresente, carico com’è di ispirazione e speranza, ma ampiamente cooptato per il consumo di massa e la manipolazione ad ogni altro livello.

Questo costrutto può essere buono (o conveniente) per mantenere l’ordine sociale e generare buoni sentimenti tra i cittadini, ma niente di tutto ciò si accorda con le indagini di Alford, e niente si accorda con la mia esperienza parallela, avendo visto “dietro la tenda” della nostra narrazione comune.
Invece di unirsi a questo archetipo, ciò che Alford ha trovato è che i whistleblower sono profondamente distrutti dalla loro esperienza, incapaci “di assimilare l’esperienza, incapaci, cioè, di venire a patti con ciò che hanno imparato sul mondo.

Quasi tutti dicono che non lo farebbero di nuovo – se avessero una scelta . . . “Alford vi presenta una varietà di esempi diversi: la percentuale smodatamente grande di whistleblower che perde il coniuge e i figli e si ritrova in bancarotta; quelli che considerano il suicidio; la maggioranza – che quasi sempre si ritrova ad aver mandato in cortocircuito la propria carriera “facendo la cosa giusta”, tanto da guadagnare una frazione dello stipendio che aveva prima di fare la whistleblowing; e poi ci sono le storie indimenticabili che sconvolgono la coscienza (come il fisico che ha fatto una soffiata per prevenire un disastro nucleare ed è stato così perseguitato da forze più potenti di lui che la sua vita si è ridotta a quella di un fattorino di pizza).

Già a questo punto, il lettore dovrebbe essere in grado di vedere la connessione tra le crepe dei miti generati dal Complesso Medico Industriale e quelli perpetuati sul whistleblowing. Eppure anche i miei amici più stretti sono rimasti perplessi quando ho parlato loro delle scoperte di Alford. Dopo tutto, non ci sono centinaia di leggi che proteggono gli informatori dalle ritorsioni? Oh certo, ci sono. Tutta la mitologia credibile ha bisogno di puntelli. E Alford racconta un campione di queste leggi. [ 5 ]

Il problema è che, come il resto delle decorazioni a corona che fiancheggiano i bordi della nostra cultura – persino la democrazia stessa, di cui mi occupo nella barra laterale adiacente – tale decorazione esiste per lo spettacolo. Non ha sostanza. Gli informatori, per esempio, hanno vinto solo quattro dei quasi diecimila casi che hanno raggiunto i tribunali federali in base al Whistleblower Protection Act del 1989 un record triste se si considera che lo scopo stesso della legge era quello di proteggere coloro che si fanno avanti con prove di illeciti governativi o aziendali. [ 6 ]

Alford descrive in dettaglio i molti strumenti che le grandi organizzazioni hanno per distruggere le vite di coloro che anche solo tentano di far conoscere le loro malefatte al di fuori del lavoro della “cerchia interna”. Si viene a conoscenza di questi strumenti e tattiche solo DOPO aver attraversato la linea ed essere entrati in un altro mondo una sorta di dimensione “Attraverso lo specchio” che solo gli informatori condividono.
Questo è ciò che Maurice Blanchot chiama la conoscenza come disastro. “Non la conoscenza del disastro, ma la conoscenza come disastro, perché non può essere contenuta all’interno di cornici e forme di esperienza esistenti, compresa la narrazione comune.” [ 7 ]

Per venire a patti con ciò che il whistleblower scopre nella sua vita e nel suo mondo, egli “dovrebbe rinunciare a ciò in cui ogni americano benpensante crede”. E a cosa deve rinunciare il whistleblower per “ascoltare la propria storia?”

  • “Che l’individuo conta.
  • Che si può fare affidamento sulla legge e sulla giustizia. Che lo scopo della legge è quello di eliminare il capriccio degli individui potenti.
  • Che il nostro è un governo di leggi, non di uomini.
  • Che l’individuo non sarà sacrificato per il bene del gruppo. Che la lealtà non è equivalente all’istinto del gregge.
  • Che i propri amici rimarranno fedeli anche se i propri colleghi non lo faranno. Che l’organizzazione non è fondamentalmente immorale.
  • Che ha senso alzarsi e fare la cosa giusta. (Prendetelo alla lettera: che “ha senso” significa che è un’attività comprensibile).
  • Che qualcuno, da qualche parte, che comanda sappia, si preoccupi e faccia la cosa giusta. Che la verità conta, e qualcuno vorrà conoscerla. Che se uno ha ragione e si ostina, alla fine le cose andranno bene.
  • Che anche se non è così, altre persone sapranno e capiranno.
  • Che la famiglia è un rifugio in un mondo senza cuore. Il coniuge e i figli non ti abbandoneranno nel momento del bisogno.
  • Che l’individuo può conoscere la verità su tutto questo, non diventare semplicemente cinico, cinico fino alla morte”.

Alford chiude questa litania affermando: “Non solo è difficile venire a patti con queste verità, ma quando finalmente lo si fa, sembra che non si rimanga con niente… Che soddisfazione c’è nell’avere ragione se come conseguenza si deve rinunciare a tutto ciò in cui si credeva?” [ 8 ]

È difficile esprimere a parole come ci si sente in questa transizione, se non ci si è mai passati. Ricordo che nel febbraio 2004, mentre ero ancora imprigionato a Lafayette, in attesa di vedere che tipo di accuse il governo federale avrebbe presentato, mia moglie mi mandò una lettera del Business Advisory Council, un braccio del National Republican Congressional Committee. In essa si annunciava che ero stato “scelto come uomo d’affari della Louisiana dell’anno” e che, come tale, sarei stato onorato e presentato “con il vostro premio in una cerimonia speciale… a Washington”. Insieme a questo arrivò una foto in quadricromia, firmata e incorniciabile del presidente e della First Lady Bush, una copia di un “ordine del giorno” e altri parapenali del Partito Repubblicano.

Ora, naturalmente, tutti sanno che tali espedienti sono parte integrante della raccolta di fondi politici. Questo non è diverso dall’essere nominati per l’inclusione in un Who’s Who in America, o qualche simile “pubblicazione di vanità”. Avrei potuto semplicemente spazzolare la cosa con noncuranza, o forse passare una battuta al mio “compagno di cella” sul fatto di “guadagnare finalmente un fine settimana di ferie fuori di qui” (non succede mai), e in qualsiasi altra situazione, qualcosa di altrettanto disinvolto sarebbe stata la mia risposta.Ma non è stato così.

Piramide Saqqara Lucida
Shungite tipo 2 – carbonio minimo 28%
€ 0,00

Stavo avendo a che fare con qualcosa per cui non ero preparato. Passai i venti minuti successivi a quella telefonata, seduto sulla mia branda in prigione, ripassando il materiale di quella lettera, cercando di venire a patti con questi nuovi sentimenti, come se stessi leggendo della corrispondenza che apparteneva a qualcun altro come se avessi confiscato la posta di qualcun altro e stessi leggendo con cattiveria l’intercettazione.

Non era che non potessi relazionarmi con la disconnessione tra il modo in cui il principale partito politico – quello che era stato il MIO partito, nel MIO paese – mi stava trattando in contrapposizione agli scandalosi eventi che mi avevano portato in prigione. Mi sentivo come se fossi un’altra persona. Era come se il danno a qualsiasi fede che avevo nella narrazione comune fosse stato così completamente demolito che qualsiasi riferimento alla persona che viveva nel mio corpo PRIMA della mia incarcerazione non si rivolgeva nemmeno a me. Non ero la stessa persona. Non sarei mai stato la stessa persona. E per quanto mi sforzassi, non avrei mai potuto tornare indietro.
Tuttavia, c’è stata conciliazione nel sapere che non sono l’unico ad avere questa esperienza.

Per coloro che si trovano nel mirino del complesso medico-industriale, come ho fatto io, o Jason Vale, Michael Forrest, James Kimball, Mike Witort, la dottoressa Marilyn Coleman, o qualsiasi altro dei miei amici e conoscenti che, di conseguenza, hanno “visto dietro la tenda”, c’è una nuova realtà che è altrettanto difficile da conciliare con la narrazione comune come lo è per gli informatori di Alford. Questo porta a un conflitto interno che non è meno straziante. E a cosa dobbiamo rinunciare per “ascoltare la nostra storia”? Per capire la verità sull’assistenza sanitaria nell’era moderna, bisogna essere disposti ad accettare . . .

Che fare soldi è l’obiettivo primario dell’assistenza sanitaria, e anche gli atti più nobili sono filtrati attraverso il prisma di un’agenda di profitto nascosta;

Che la medicina ortodossa, come la maggior parte dei figli del moderno scientismo, è stata, sarà, e deve essere resistente all’empirismo e a tutti i ragionevoli tentativi di renderla veramente “basata sulle prove”;

Che la medicina moderna ha mutilato, avvelenato e ucciso più persone di quante ne abbia mai guarite, con la iatrogenesi che è una delle principali cause di morte in Occidente;

Che la medicina moderna NON è superiore, più conveniente, o più efficace di un’ampia varietà di approcci alternativi che ha cercato di emarginare, criminalizzare, o semplicemente scrivere come “pura ciarlataneria” né potrebbe mai esserlo.

La soppressione dei sistemi di trattamento – anzi, la soppressione di interi campi di indagine scientifica che non può controllare o da cui non può trarre sufficiente profitto, è l’eredità più duratura della medicina moderna.

Che la medicina moderna manca di qualsiasi ciclo di feedback autocorrettivo che la porterebbe a riformarsi, o che è totalmente incapace di elevarsi a qualcosa di più alto di un sofisticato sistema di servitù finanziaria.

Che piuttosto che controllare gli eccessi egoistici di una selezionata élite medica, il governo degli Stati Uniti, e in misura minore, la maggior parte degli altri governi del mondo occidentale industrializzato, fanno poco più che servire come i loro bordelli a cinque stelle preferiti.

Che non esiste una cosa come la Verità se interferisce con il Business e i suoi costrutti di Potere.

O parlando in modo più ampio e con le parole di Alford: “La società moderna è segnata da molteplici centri di significato. (e) il significato tende a seguire il potere”. [ 8b ]

Che la scienza medica, la ricerca . . . o qualsiasi derivato intellettuale che un normale essere umano considererebbe distillabile in un FATTO comunemente accettabile, sono modellati intorno agli obiettivi del business.

Mai il contrario. Che la Storia della Medicina insegnata in tutto il mondo industrializzato è una farsa: presenta una versione gradevole del passato che viene raccontata in modo persuasivo dal punto di vista dell’establishment medico, e non dei pazienti (vittime) che l’hanno vissuta.

Co-Ottenere il nostro bisogno umano di scopo e significato

“Come potrebbero essere vere queste cose?” potreste chiedere.
Non è forse vero che se il Potere funzionasse davvero in questo modo sarebbe troppo difficile da nascondere alle masse?

Per quanto orribile e moralmente ripugnante, il Potere lavora per sfruttare contro di noi il nostro bisogno fondamentale di trovare un significato e uno scopo positivo. Per coloro che comprendono la connessione mente/corpo, va da sé che la salute di un individuo è integralmente collegata al suo “senso dello scopo” – che una buona salute mentale è sostenuta da un profondo “senso della vita”.

È questo bisogno fondamentale, essenziale per una vita umana sana, che coloro che sono al potere sfruttano e cooptano. Sanno che è possibile creare meccanismi di potere e di controllo che il popolo sarà poco incline a credere che esistano, anche se li vede con i propri occhi. Questo è ciò che rende così facile creare una Matrice – un campo di energia umana che esiste per essere raccolto da pochi eletti.

Victor Frankl – La ricerca dell’uomo per il significato L’importanza di trovare il “significato” nella propria vita è portata alla vita nel racconto del Dr. Victor Frankl, che abbiamo toccato nel Capitolo 3. Frankl, il famoso psichiatra che visse nel campo di concentramento di Auschwitz durante la seconda guerra mondiale, fu colpito dall’unico filo conduttore che segnava tutti coloro che sopravvivevano: tutti avevano un forte e duraturo senso di scopo. Sapevano che sarebbero sopravvissuti perché le loro vite avevano un significato.

Frankl fondò la “Terza Scuola Viennese di Psicoterapia” (dopo quelle di Freud e Addison), conosciuta come Logoterapia, basata sulle sue scoperte personali e cliniche di tutta la vita. Il principio fondamentale della logoterapia è che lo sforzo di trovare un significato nella propria vita è la forza motivazionale primaria nell’uomo – infatti, la nostra motivazione principale per vivere è la nostra volontà di trovare il significato della vita. [ 8c ]

In superficie, questo può sembrare ovvio. Una mente più cinica potrebbe suggerire che il “senso della vita” è la base delle religioni del mondo e della maggior parte dei suoi sistemi filosofici. Ma anche Freud – un ateo dichiarato – ha lottato con questa domanda e si è presentato con “amore e lavoro”, come significato della vita.

È questa posizione che Alford usa come chiave per aprire la porta sbarrata che le Sale del potere tentano di tenere chiusa: perché “cosa succede (così) quando il mondo (intorno a noi) diventa non amabile e il nostro lavoro impossibile? Se l’amore non è solo una scarica psichica ma un modo di essere nel mondo, allora quel modo di essere “esige che il mondo si presenti a noi come degno del nostro amore”.

Se l’amore non è solo un sentimento ma la forza che fa girare il mondo, come ipotizzava Freud… allora amare il mondo e poter amare il mondo perché il mondo è amabile sono due facce della stessa medaglia. Noi rendiamo il mondo significativo con il nostro amore, e il mondo rende le nostre vite significative essendo amabile. Quando un partner fallisce, falliscono entrambi. Il significato della vita dipende dalla nostra capacità di rimanere in una relazione d’amore con il mondo. Come ogni relazione d’amore a lungo termine, questo significa che il mondo deve ricambiare il nostro amore, anche se questo significa solo rimanere degno del nostro amore”. [ 8d ]

Solo quando si è visto “dietro la tenda” si impara che il mondo che una ristretta élite ha creato non è degno del nostro amore. Fino a che punto l’uomo comune si spingerà per aggrapparsi ad una visione del mondo creata artificialmente – piena di cliché logori, slogan di buonumore e slogan politici accorati e fuorvianti – tutti intesi a cooptare il bisogno di significato dell’uomo?

Molto, molto lontano… così lontano, infatti, che persino gli informatori, che hanno visto in prima persona cosa si nasconde dietro le tende del teatro, sono restii a credere nelle loro stesse percezioni, a “sentire la loro storia”.
Tale è la capacità dell’uomo di escludere dal suo campo visivo ciò che gli negherebbe un senso psicologicamente sano del mondo.

Quando Cristoforo Colombo si avvicinò per la prima volta a quelle che oggi sono le isole Bahamas, i suoi uomini furono sorpresi di sapere che gli Arawak locali non potevano vedere le loro navi.

Non c’era nulla di sbagliato nella loro visione. Non si avvicinavano nel cuore della notte. L’impedimento era mentale: l’esistenza stessa di tali velieri era così fuori dalla “narrazione comune” dei nativi che letteralmente non riuscivano a vedere le navi. Non cercavano di non vederle. Semplicemente non le vedevano. [ 8e ]

Per quanto riguarda il presente volume, la mia tesi è che la maggior parte dei cittadini del mondo occidentale non sono diversi dagli Arawak: non possono affrontare ciò che la medicina moderna è veramente. Perché in essa sono contenuti “vasi” che non corrispondono alla loro visione costruita di come dovrebbe essere il mondo. Il terreno del potere dell’Elite da cui cresce una vite così orribile non è compatibile con un sano senso del significato.

Ancora peggio, suggerisce perversioni incorreggibili nelle fondamenta stesse della nostra cultura occidentale, il cui esame ravvicinato richiede una durezza di coraggio intellettuale, emotivo e spirituale che, credo, pochi possiedono.

Affrontare i difetti del nostro nostro sistema operativo culturale

Le culture sono plasmate nel tempo, e il corso che prendono è determinato da coloro che sono meglio predisposti ad apportare cambiamenti sul passivamente – o forse non così passivamente – concensuale. Nella nostra epoca, tali individui sono quelli che hanno approfittato meglio di quei sistemi di accumulazione asimmetrici tali che una minoranza selezionata può determinare ciò che è meglio per la maggioranza.

Il denaro è il re.

Eppure trovo una conclusione così ovvia sgradevole e persino inutile, e non perché temo l’ira di coloro che potrebbero dire che tale linguaggio ha sfumature politiche sgradevoli. In qualche modo, trovo che sia necessaria una comprensione più profonda che richiede di esaminare le radici se vogliamo davvero sapere perché i fiori stanno morendo.
Una tale ricerca deve essere ponderata e non data per saltare alle conclusioni. Se vi consultate con gli anarco-primitivisti, vi diranno che il difetto sta nella civiltà stessa — (vedi barra laterale). [ 9 ]
Non escludo che tali argomenti non abbiano peso. Semplicemente non servono al nostro scopo.

Mentre ero in prigione, mi è capitato di trovare A People’s History of the United States di Howard Zinn: 1492 – Presente. [ 10 ] Non è il tomo fornito da Barzun, che documenta 500 anni di declino dell’Occidente [ 11 ]; né esiste per fornire una visione di sventura che otteniamo da Spengler [ 12 ]. Questo non vuol dire che Zinn perda tempo con i convenevoli: inizia subito il libro raccontando le atrocità di Colombo e dei suoi uomini – e dei suoi compagni spagnoli che seguirono. Genocidio di massa. La cancellazione di intere culture, popoli, lingue. La riduzione in schiavitù di intere popolazioni di popoli indigeni. Lo sfruttamento è centrale nell’accumulazione.

Immediatamente, se non si ha familiarità con il lavoro di de las Casas o di altri storici non revisionisti di quell’epoca, si è presi – come i nostri informatori – in un conflitto con la “narrazione comune”, poiché nulla di ciò che Zinn presenta è progettato per alimentare una mitologia comune, con la sua benedetta scoperta dell’America e la conseguente “civilizzazione” di due continenti di orde barbare.

“La storia è la memoria degli stati”, afferma Zinn, fermandosi a citare Henry Kissinger e a porre le basi per il resto del suo libro. E poi espone il suo scopo.

“Il mio punto di vista, nel raccontare la storia degli Stati Uniti, è diverso: non dobbiamo accettare la memoria degli Stati come nostra. Le nazioni non sono comunità e non lo sono mai state. La storia di qualsiasi paese, presentata come la storia di una famiglia, nasconde feroci conflitti di interesse (a volte esplosivi, più spesso repressi) tra conquistatori e conquistati, padroni e schiavi, capitalisti e lavoratori, dominatori e dominati di razza e di sesso. E in un tale mondo di conflitti, un mondo di vittime e carnefici, è compito delle persone pensanti . . . non stare dalla parte dei carnefici”. [ 13 ]

È stato a questo punto che ho capito che qualsiasi viaggio attraverso Meditopia deve tener conto che la narrazione comune della medicina nel nostro tempo è rafforzata da una storia che è la “memoria dello Stato Medico”, e noi, in effetti, inganniamo noi stessi se la “accettiamo come nostra”.

Cosa accadrebbe se la Storia della Medicina non fosse raccontata dal punto di vista dei suoi promotori finanziari? Come sarebbe se fosse raccontata dal punto di vista dei pazienti? Quanto sarebbe diversa la Storia della Medicina se coloro che la raccontano fossero quelli che hanno pagato il conto negli ultimi mille anni, invece di quelli che intascano i soldi?
Sono giunto alla conclusione che nessuna riconciliazione con questo enorme “Strappo nella Matrice” potrebbe avvenire senza fornire una prospettiva storica per le mie conclusioni più importanti, e questo è l’argomento della nostra prossima sezione.

Tuttavia, prima di essere uno studio di “Una storia popolare della medicina”, credo che sia importante chiudere questo capitolo con un caso storico specifico che lega insieme le importanti lezioni appena trattate: la ricchezza del “modello di soppressione”, il rifiuto della medicina ortodossa di accettare il miglior approccio terapeutico quando questo minaccia il suo potere, profitto o privilegio; la cooptazione delle tecniche di guarigione indigene, e il riconoscimento finale della VERA CURA solo dopo che la verità è così evidente al pubblico che un’ulteriore soppressione può essere solo controproducente.

Esaminiamo prima la perversa narrazione comune su ciò che, da bambini della scuola, ci è stato insegnato su un’altra malattia con la quale ci sono numerosi paralleli al cancro: lo “scorbuto”.

Lo scorbuto: il “cancro” precedente nella medicina ortodossa

Non sono sicuro di conoscere qualcuno che non ricordi la versione scolastica dello scorbuto; come era un’afflizione diffusa nella marina britannica “perché i marinai non avevano accesso al cibo fresco durante i lunghi viaggi in mare; come si scoprì che il succo di lime preveniva – o si pensava allora di ‘curare’ – i sintomi”; e come la scoperta dell’acido ascorbico (vitamina C), resa possibile dal miracolo della scienza moderna, portò finalmente all’eliminazione di questa malattia da carenza. [ 1 ]

La base di questa carenza è ben stabilita: gli esseri umani sono tra una manciata di primati che, insieme alle cavie e ai pipistrelli della frutta, condividono un “difetto genetico”. Vale a dire, che essi (noi) sono soli tra le più di trenta sottoclassi di Mammiferi che non metabolizzano il proprio acido ascorbico (C6-H8-O6). Infatti, la produzione interna di ascorbato è quasi universale nella vita animale. Noi ne siamo privi. [ 1B ]

Niente di tutto questo racconta davvero la storia come merita di essere raccontata, naturalmente. E per quanto pensassi di essere colto, non è stato fino a quando io stesso sono andato in prigione e mi sono imbattuto in una storia dopo l’altra che mostrava i sorprendenti parallelismi tra la storia dello scorbuto e la storia più recente del cancro, che ho cominciato a capire l’importanza dei parallelismi. In particolare . . .

Le cure per lo scorbuto, come il cancro, sono incredibilmente abbondanti. Sono dappertutto. Possiamo ora essere in grado di indicare un singolo, isolato nutriente, l’acido ascorbico (o semplicemente, la vitamina C) come la cura per lo scorbuto, ma da un punto di vista naturopatico, il numero di materie prime che cureranno lo scorbuto sono molte e onnipresenti. Così onnipresenti tra la frutta e la verdura, che a tutti gli effetti, si potrebbe dire che in una dieta equilibrata, la cura così come la prevenzione dello scorbuto era ed è . . . cibo che è FRESCO. Infatti, lo scorbuto è possibile soprattutto perché un importante “fattore di freschezza” (la vitamina C) ha problemi di labilità ben stabiliti.

Prove di soppressione ugualmente “dappertutto”. Le prove dei tentativi da parte della comunità medica ortodossa di sopprimere l’ovvietà di queste cure generose sono altrettanto generose, vergognose ed egoistiche. (Dovremmo essere sorpresi?) Questo è particolarmente irritante, dato il numero di cure efficaci in una vasta gamma di comunità indigene che sono state deliberatamente soppresse.

Soppressione anche dopo che la cura è stata trovata! Anche dopo che le cure sono state trovate, l’establishment ortodosso ha incoraggiato regimi nutrizionali che faranno riemergere il problema per un periodo di tempo indeterminabile che si estende ben oltre il futuro. (Nel caso dello scorbuto, questo viene fatto sminuendo l’esistenza stessa di ipoascorbemia, di cui lo scorbuto è solo lo stadio più grave o avanzato – compresi i tentativi di sminuire qualitativamente i requisiti nutrizionali umani per gli alimenti contenenti ascoro. Nel caso del cancro, è fatto scoraggiando l’uso, il consumo, l’educazione, e talvolta anche la coltivazione di erbe cancerolitiche come il trifoglio rosso, pokeroot, lepacho viola, viola odorata, chapparal, bloodroot, artiglio di gatto, vischio, aveloz, alzium, oleandro, aloe vera, semi di frutta contenenti nitriloside, ecc come aventi importanza nella dieta). [ 2 ]

Le cure per entrambi sono/erano dietetiche. Eppure, in entrambi i casi, le istituzioni mediche dell’epoca prendono/avevano la posizione che la dieta non ha nulla (e poi più tardi, “molto poco”) a che fare con la malattia.

Le CURE per entrambi sono/erano a basso costo.

Le CURE per entrambi sono/erano ampiamente accettate da persone al di fuori della comunità medica ortodossa. Troverete questo non meno irritante, tra un momento, quando rivedremo la nostra “Storia popolare dello scorbuto”, come avete fatto nella nostra recensione della soppressione della cura del cancro.

Le cure per entrambi sono/sono state soppresse nei loro rispettivi periodi di tempo in gran parte perché l’implementazione costerà alla gente al potere un sacco di soldi! . . o causerà l’estinzione di specifici flussi di reddito legati alla fioritura della malattia.

La CURA è stata riconosciuta e rivelata pubblicamente (nel caso del cancro, usiamo il tempo futuro) quando quelli al potere avevano munto la mucca e non c’era più nulla da guadagnare permettendo alle tecniche e metodologie curative di diventare di dominio pubblico.

Fonte ultima: disadattamento.

Entrambe le malattie sono causate, se non esacerbate, da condizioni di disadattamento che sono interamente fatte dall’uomo e innaturali. Tali disadattamenti sono quasi sempre legati a qualche linea di attività a scopo di lucro di una piccola minoranza elitaria.

Entrambe hanno uno zeitgeist disadattivo: con questo, voglio dire che ogni malattia, sebbene potenzialmente esistente in qualsiasi punto della storia umana, trova il suo maggior numero di vittime durante quei periodi in cui i disadattamenti eziologici sottostanti sono più ampiamente manifesti negli affari umani.

La PREVENZIONE per entrambe sono/erano semplici e anche soppresse — e in entrambi i casi più facili da prevenire che da curare.

L’autore ammette prontamente che ci sono luoghi in cui l’analogia si rompe. In particolare, il cancro è uno dei principali killer del nostro tempo. Dall’inizio del diciannovesimo secolo ad oggi ha tolto la vita a decine di milioni di persone. Lo scorbuto, al contrario, può rivendicare solo poco più di 2 milioni di uomini durante il suo periodo d’oro. Non è mai stato un serio concorrente con i killer più aggressivi dell’epoca, come la peste bubbonica, il vaiolo o la malaria. [ 3 ]

Inoltre, mentre lo scorbuto è la manifestazione più estrema di una singola privazione di nutrienti, il cancro è notevolmente più complesso – per definizione. Molti diversi sviluppi di cellule maligne hanno dovuto essere raggruppati – circa 200 diverse malattie separate – in un’unica malattia che noi chiamiamo “cancro”.

(Questo è stato un importante sviluppo economico. In effetti, le autorità mediche dovrebbero essere orgogliose di se stesse che non ci sarà MAI una sola, unica cura per il cancro. Perché? Perché a differenza dello scorbuto, la parola “cancro” non definisce una singola malattia. Ne definisce molte – alcune delle quali, come il carcinoma basocellulare e la leucemia, sono solo tangenzialmente collegate. Ma ci arriveremo dopo).

Nonostante queste differenze, le somiglianze e i metodi di soppressione sono sufficientemente e sorprendentemente simili che, relativamente allo studio attuale, meritano la nostra attenzione. Inoltre, la soppressione del beneficio che la vitamina C pone nella prevenzione del cancro aggiunge un’ulteriore e importante relazione causale nel nostro confronto. [ 3B ]

L’arco di tempo in cui lo scorbuto è solitamente pensato in Occidente come un problema epidemiologico è approssimativamente dal XVI al XVIII secolo, ma molte delle parti importanti della storia possono essere trovate al di fuori di questi confini cronologici.

Vogel inizia il suo lavoro con una narrazione di Jacques Cartier e dell’amaro inverno del 1535-36. Le sue tre navi erano congelate nel fiume San Lorenzo, vicino a quella che ora è Montreal, con quattro piedi di ghiaccio sotto di loro e l’estinzione del cibo fresco nelle stive delle navi.

Lo scorbuto si diffuse così gravemente che a metà marzo, 25 uomini erano morti, e tra i rimanenti, solo “tre o quattro” uomini non erano così malati da essere considerati senza speranza. Tuttavia, con l’aiuto di un capo indiano locale, Domagaia, (che una volta si era guarito dallo scorbuto – un’appendice discutibile della storia, dato che lo scorbuto era quasi sconosciuto tra gli indiani), “il succo e la salsa di un certo albero”, salvò gli uomini rimasti.

I rami di questo “albero magico” venivano prima raccolti e poi “si faceva bollire la corteccia e le foglie per un decotto, e si metteva la feccia sulle gambe”. Tutti coloro che furono trattati “recuperarono rapidamente la loro salute e i francesi si meravigliarono dell’abilità curativa degli indigeni”. Ora sappiamo che la cura utilizzata non era altro che la cicuta o il pino bianco.
Lungi dall’essere una storia oscura, è lo stesso James Lind, accreditato in Occidente con la “scoperta” della base alimentare per la cura dello scorbuto (che esamineremo tra un momento), che ha lanciato i suoi esperimenti dimostrando così, ma solo dopo aver letto il racconto di Cartier. [ 5 ]

La cosa più sorprendente che si scopre quando si studia l’antropologia culturale che circonda questo fenomeno è che non c’è quasi nessun popolo indigeno sulla Terra al di fuori dell'”Europa civilizzata” che non sapeva come curare lo scorbuto – se mai lo ha avuto. La questione è così semplice da risolvere.

Oggi conosciamo la relazione tra la vitamina C e una serie di frutta e verdura fresca, quindi si potrebbe pensare che se qualcuno sulla terra fosse suscettibile di prendere lo scorbuto, sarebbe alle latitudini più settentrionali. Dopo tutto, sicuramente le persone che non hanno accesso regolare a frutta e verdura fresca sarebbero afflitte da questa malattia.
Weston Price ha scoperto che non è così. Durante i suoi viaggi nel nord canadese negli anni ’20, gli capitò di chiedere a un vecchio indiano, attraverso un interprete, “perché gli indiani non hanno preso lo scorbuto”.

L’indiano rispose prontamente: “Quella è una malattia dell’uomo bianco”. Disse a Price che gli indiani sanno come prevenire lo scorbuto, ma l’uomo bianco no. Il segreto? Dopo aver ucciso un’alce per la selvaggina, gli indiani cercavano le “due piccole palle di grasso” sul retro dell’alce, appena sopra i reni (ghiandole surrenali), le tagliavano in piccoli pezzi e le davano ai loro familiari. Sappiamo che le ghiandole surrenali – anche dell’alce – contengono vitamina C. [ 6 ]

Quante “persone civilizzate” lo sanno?

L’aspetto più vergognoso e fuorviante della versione scolastica della storia dello scorbuto, secondo me, è la soppressione di fatti critici molto più grandi di questo. Quanto cambia la storia quando si scopre che anche tra molti europei, la cura per lo scorbuto era nota da sempre, ma solo non “riconosciuta ufficialmente”, (proprio come nel caso delle cure efficaci per il cancro oggi)?

Quanto cambia la storia quando si rivela che anche i funzionari medici dell’epoca conoscevano la cura, ma è stata soppressa perché attuare una prevenzione provata, in un’epoca in cui gli agrumi e altra frutta fresca erano di stagione e la refrigerazione inesistente, era considerata un inconveniente intollerabile?

Quanto cambia la storia quando si scopre che il grido ufficiale di “trovare una cura per lo scorbuto” fu lanciato dall’élite solo dopo che costosissime navi da guerra dovettero essere abbandonate in mare perché il mortorio non lasciava abbastanza marinai per navigare — rendendo così la ricerca una questione di profitto e non di vite umane? [ 7 ]

Lo scorbuto, come il cancro, è in gran parte una malattia artificiale.
C’è una tale abbondanza di ascorbato in tutto il regno vegetale, che si deve creare una condizione altamente artificiale per indurre lo scorbuto in primo luogo. Non c’è da meravigliarsi che il processo evolutivo si sia sbarazzato della capacità di produrre ascorbato nell’uomo: perché sostenere un processo metabolico che è ridondante in tutto il regno vegetale e facilmente accessibile attraverso la propria dieta naturale?

Una tale condizione artificiale è rara nel mondo, ma è esistita con la comparsa di navi più grandi nel XV secolo, capaci di trasportare gli uomini su grandi distanze attraverso lunghi viaggi che duravano mesi. Questo progresso nella navigazione ha creato una condizione innaturale, un “disadattamento”, per il quale l’uomo non è stato creato. La malattia, ricordate, si crea quando vengono poste al corpo umano richieste per le quali non è naturalmente progettato per adattarsi, o per le quali il tentativo di adattarsi porta alla rovina.

Applicato allo scorbuto, possiamo riaffermare questo principio come un corollario: vale a dire, che gli alimenti più lontano sono rimossi dalla natura, il più probabile sono a creare la malattia.

La sfortunata storia di Jacques Cartier e del suo equipaggio scorbutico può essere stata una delle prime dell’era moderna, ma la malattia era così rara e sconosciuta a quel punto che non fu definita e resa popolare fino a molto più tardi. La malattia non era ben nota o ampiamente sperimentato perché, ancora una volta, il disadattamento che ha creato – vale a dire, avendo gli uomini vivere e lavorare a bordo della nave per mesi e mesi senza consumare freschi, alimenti vegetali carichi di ascorbato, che fanno parte della dieta naturale dell’uomo – era una rarità nella esperienza dell’umanità.

Non è stato fino al 1589 che è stato pubblicato Principall Navigations di Richard Hawluyt, dove fa menzione di due uomini che muoiono di “skurvie”, una delle primissime apparizioni della parola in una pubblicazione inglese.

Congiuntamente all’aumento delle richieste ai marinai di sussistere in habitat innaturali per mesi e mesi, c’era una completa mancanza di considerazione per il loro benessere generale. Questo è evidente esaminando le diete loro assegnate, che hanno posto le basi per condizioni scorbutiche. Bisogna fare attenzione a non mangiare o bere mentre si legge il disgustoso resoconto di Bown sulla dieta navale standard, che variava solo leggermente nel corso dei secoli “e solo leggermente tra le varie nazioni europee”.

Le provviste erano limitate da ciò che poteva essere conservato o immagazzinato per molti mesi alla volta senza deteriorarsi… ma il fattore più influente nel processo di approvvigionamento era, naturalmente, il denaro. Gli ufficiali di linea avevano molte meno probabilità di contrarre lo scorbuto rispetto ai sottufficiali mal pagati, perché potevano permettersi di portare le proprie provviste: mele secche, pere, bacche e simili, mentre l’equipaggio era soggetto a una dieta innaturale che, anche secondo i moderni standard ortodossi di nutrizione, era priva della maggior parte dei nutrienti, anche se ricca di calorie. Bown racconta il tipico menu settimanale del marinaio medio:

Questo potrebbe non sembrare troppo poco appetitoso fino a quando non ci si rende conto delle condizioni in cui è stato servito. Le osservazioni fatte da James Patten, un chirurgo a bordo del secondo viaggio del capitano Cook, erano le stesse dell’epoca: “Il nostro pane era… ammuffito e ammuffito, e allo stesso tempo brulicante di due diversi tipi di piccole larve marroni, il circulio granorius (o tonchio) e il dermestes paniceus… Le loro larve, o vermi, si trovavano in tali quantità nella zuppa di piselli, come se fossero stati sparsi sui nostri piatti di proposito, in modo che non potevamo evitare di ingoiarne qualcuno in ogni cucchiaio che prendevamo.[ 8 ]

Tale era la poca considerazione che gli Ammiragli delle varie marine nazionali avevano per la dieta dei loro marinai. E, tuttavia, non era perché non potevano provvedere meglio. Al contrario, le autorità dell’epoca spesso facevano di tutto per assicurare che i marinai NON avessero ciò di cui avevano bisogno. Già nel 1736, William Cockburn, un noto medico e chirurgo navale, scrisse nel suo influente Sea Diseases che lo scorbuto non aveva nulla a che fare con la dieta, ma era il risultato dell’ozio. Con un maggiore sforzo fisico [cioè lavorando di più per l’Ammiragliato] “la digestione e la nutrizione venivano eseguite meglio” e lo scorbuto sarebbe diminuito. Un’altra voce influente, John White, sosteneva che la frutta fresca causava l’enterite e che “bisogna, quando le navi raggiungono paesi che abbondano di arance, limoni, ananas, ecc, assicurarsi che l’equipaggio ne mangi molto poco poiché sono la causa più comune di febbre e ostruzione degli organi vitali.” [ 9 ]

Eppure la storia è piena di resoconti in cui è evidente che i saggi marinai di tutta Europa, non legati a marine nazionali attente ai borsellini, hanno compreso appieno l’importanza di una dieta corretta nelle loro attività marinare. Sia i nordici che i cinesi conoscevano il valore di includere mirtilli freschi, alghe o zenzero nelle loro provviste, comuni prima della costruzione di navi più grandi e viaggi molto più lunghi. [ 10 ]

All’inizio del 1600, il leggendario capitano di mare dell’Inghilterra elisabettiana, Sir James Lancaster, era noto per aver preso il succo di limone come provvista a bordo della sua nave, Red Dragon, con lo scopo specifico di allontanare lo scorbuto tra i suoi uomini. Quando lo scorbuto cominciava ad affiorare, Lancaster portava le sue navi in porto “per rinfrescare i nostri uomini con arance e limoni, per liberarci da questa malattia”. Acquistò persino migliaia di limoni, poi mise i suoi uomini al lavoro, spremendoli per fare una “acqua al limone” per il suo continuo viaggio.

Lungi dall’essere considerate le raccomandazioni di un marinaio pazzo, i metodi di Lancaster erano standardizzati ai suoi tempi. Nel 1617, The Surgeon’s Mate, scritto da John Woodall, il chirurgo generale della Compagnia delle Indie Orientali, scrisse che il succo di limone era spesso usato come prevenzione quotidiana sulle navi della compagnia. “C’è una buona quantità di succo di limoni inviata in ogni nave fuori dall’Inghilterra per cura dei mercanti e destinata solo al sollievo di ogni povero nel suo bisogno, che è un ammirevole conforto per i poveri in quella malattia”.

Allo stesso modo, la Compagnia Olandese delle Indie Orientali non solo faceva un uso frequente di succo di limone nei suoi viaggi, ma arrivò a mantenere piantagioni di agrumi in tappe chiave lungo le sue rotte, tra cui Mauritius, Sant’Elena e il Capo di Buona Speranza, dove nel 1661, si dice che avesse 1.000 alberi di agrumi. Queste erano compagnie influenti, esperte nel commercio internazionale e nel mantenere flotte efficienti. Quindi, non c’è da meravigliarsi che all’inizio del 1600 – molto prima che si parlasse di una “cura ufficiale” da parte della medicina ortodossa, e anche molto prima che lo scorbuto emergesse come un incubo epidemiologico tra le marine nazionali del mondo, il succo di limone era “ben considerato come la soluzione universale al problema dello scorbuto”.

Francois Pyrard, che navigò con due navi francesi verso le isole delle spezie nel 1602, registrò l’attacco della sua nave contro lo scorbuto e osservò che “non c’è cura migliore o più certa dei cedri e delle arance e del loro succo: e dopo averlo usato una volta con successo, ognuno ne fa provvista per servirsene quando ne ha bisogno”.

Allo stesso modo, il succo di limone era considerato una cura per lo scorbuto dai primi coloni americani. Il barone De La Warr, un governatore di Plymouth all’inizio del 1600 che si ammalò di scorbuto durante un viaggio nei Caraibi, osservò: “Lì ho trovato aiuto per la mia salute per mezzo di una dieta fresca, e specialmente di arance e limoni. . un rimedio indubbio per (lo scorbuto)”. Nel vicino Canada, la Compagnia della Baia di Hudson, fin dal suo inizio nel 1600, ha spedito piccole quantità di succo di lime per prevenire lo scorbuto. [ 11 ]

La storia di come i fornitori e i venditori di prodotti a base di agrumi vennero effettivamente etichettati come “ciarlatani”, non diversamente da come lo sono oggi una serie di fornitori di trattamenti efficaci a base di erbe, è una storia comune.

Nel corso dei successivi cento anni, lentamente ma inesorabilmente, l’uso dei prodotti a base di agrumi fu sostituito da rimedi più costosi con margini di guadagno molto migliori per i loro fornitori e la creazione di un sistema medico ortodosso per fornire una base teorica per il loro uso. Che questi ritrovati “rimedi” non funzionassero non era importante. Nessuno poteva spiegare come funzionava “l’acqua al limone”. Ma il personale medico era addestrato a spiegare come funzionava l'”olio di vetriolo” (alcool e acido solforico). Questo lo rendeva legittimo.

Piramide Isoscele di Shungite
Shungite tipo 2 – carbonio minimo 28%
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

Una nuova teoria, con sanzioni ufficiali, era tutto ciò che serviva per creare un nuovo assalto dello scorbuto come malattia marittima che raggiungeva proporzioni epidemiche. I prodotti che avrebbero sostituito il succo di limone come cura per lo scorbuto si dimostrarono stravaganti, stupidi e senza fondamento come i prodotti ufficiali usati oggi per trattare il cancro (cioè la chemioterapia, le radiazioni e la chirurgia radicale).

Centocinquant’anni dopo, l’Ammiragliato britannico ordinò come trattamento antiscorbutico standard: una razione giornaliera di due once di aceto, olio di vitriolo, e una potente medicina brevettata chiamata “Ward’s Drop and Pill” (un “purgante e diuretico ferocemente forte”). Tali rimedi venivano presi perché le autorità responsabili lo ordinavano, non perché si fossero guadagnati una qualche reputazione di efficacia tra coloro che erano i destinatari. “(Io) diedi una quantità di (questi rimedi) al chirurgo, per quei malati che erano disposti a prenderli; molti lo fecero, anche se non so di nessuno che credesse che fossero di qualche utilità per loro”, scrisse Lord Anson. [ 12 ]

Leggendo i documenti storici di questo periodo, è evidente che con l’infusione della medicina professionale arriva l’abbandono, non l’abbraccio, della “cura ovvia”. Come nota Carpenter, “(la professione medica) ha reso la materia così complicata che difficilmente si poteva scegliere un trattamento sicuro ed efficace senza una diagnosi sofisticata. Questo era certamente di beneficio per la professione medica – se non per il paziente. Come ha scritto un moderno studioso francese: ‘Quando le considerazioni teoriche hanno prevalso sull’empirismo, il trattamento è diventato sempre più complesso e meno efficace’. “ [ 13 ]

Ben prima che marinai come Sir James Lancaster mantenessero in vita i loro equipaggi impegnandosi nell’ovvia cura per lo scorbuto, la medicina ortodossa era impegnata al lavoro, cercando di trovare un modo per trarne profitto. Ma qui stava la sfida. Come poteva una classe professionale di medici e i loro speziali alleati (cioè i farmacisti) trarre profitto da una malattia se quelli al di fuori della loro classe potevano facilmente identificare questa malattia e curarla da soli? Non poteva.

Ciò che era richiesto a questo punto era uno stato di dipendenza dal professionista medico. Ma come poteva la medicina ortodossa inserirsi con profitto nel nuovo fenomeno emergente dello scorbuto senza screditare la cura già stabilita? Non poteva.

C’era sempre l’opzione di lasciar perdere e lasciare che i marinai continuassero a identificare e curare – di nuovo, non trattare, curare – la propria malattia. Ma allora come poteva la medicina professionale affermare la propria autorità negli affari della società se una delle crisi mediche emergenti più veloci veniva sradicata senza di loro – nessun medico, nessun farmacista, nessuna autorità medica richiesta? Non poteva.

Lo status quo potrebbe continuare senza colpire gravemente la legittimità stessa della medicina stabilita? Non poteva.

E così il palcoscenico era pronto — non per il riconoscimento della cura per lo scorbuto (sebbene fosse ovvio, anche in assenza di una scoperta della vitamina C), ma piuttosto per la sua eliminazione. Questa sarebbe stata una campagna così di successo – eseguita in modo consapevole e inconsapevole – che non sarebbe stato fino al XX secolo che questi sforzi sarebbero stati finalmente messi a riposo: a quel punto il cancro aveva preso la ribalta come “malattia del giorno”, e la medicina ortodossa avrebbe sviluppato l’audacia di prendersi il merito per la cura dello scorbuto – una cura che aveva passato più di tre secoli a sopprimere e in misura considerevole e paradossale, sopprime ancora oggi nella sua condizione meno estrema: l’ipoascorbemia.

Poiché la tragica esperienza dell’umanità con lo scorbuto si è verificata durante un periodo in cui la medicina moderna, come la conosciamo ora, stava appena emergendo – in effetti, un’epidemia alla sua nascita, il suo studio fornisce un’opportunità per ottenere chiarezza su come la cultura crea modelli che si radicano nel tempo. Questi modelli contengono i semi della fine di una civiltà, ma non prima di aver mostrato anomalie spaventose come la condizione fuori controllo endemica dell’odierno establishment medico ortodosso.

Affinché ci sia una qualsiasi infrastruttura medica istituzionalizzata sotto il sistema operativo culturale che ora definisce la civiltà occidentale, si dovrebbero avere diverse componenti indisponibili, tutte correlate tra loro.

Avete bisogno di una struttura gerarchica autorevole, un fondamento ideologico, un monopolio della forza e le risorse per sostenere queste funzioni. Eppure tutti questi elementi sono subordinati a – e alimentano – l’elemento più critico di tutti: la necessità di “stabilire e rafforzare costantemente la legittimità”. In questo senso, l’anatomia della medicina istituzionalizzata non è diversa da quella di qualsiasi stato governativo.[ 14 ]
Gerarchia e complessità, come ha notato Joseph Tainter, “sono rare nella storia umana, e quando sono presenti richiedono un costante rinforzo. Nessun leader della società è mai lontano dalla necessità di convalidare la posizione e la politica, e nessuna società gerarchica può essere organizzata senza prevedere esplicitamente questa necessità.”

Gerarchia e complessità sociale gravitano naturalmente verso la creazione di un centro, non necessariamente geografico, ma certamente una “fonte simbolica del quadro della società”. Non è solo la sede delle istituzioni legali e governative, ma è la fonte dell’ordine e il simbolo dell’autorità morale e della continuità sociale. Il centro partecipa della natura del sacro. In questo senso, ogni società complessa ha una religione ufficiale”.

Tainter continua dicendo che questa “autorità morale e l’aura sacra del centro” è critica non solo per il mantenimento di una società complessa, ma per il suo emergere.

Questo richiede non semplicemente la manipolazione di simboli ideologici, ma richiede risorse sostanziali. Per quanto riguarda la medicina, come si creano queste risorse? Se è il caso, come chiaramente postulato, che le cure per la maggior parte delle malattie sono semplici rimedi naturali che non si prestano alla proprietà privata (tramite brevetto, processo proprietario, ecc.) o a margini di profitto più elevati, allora quale condizione primaria dovrebbe essere messa in atto perché una comunità medica organizzata possa emergere?

La risposta è ovvia: richiede artificialità. Richiede sistemi di pensiero, al limite della religione, che diano un valore artificiale all’artificialità. E se la malattia può essere pensata come disadattamento irrisolto, ciò significa creare approcci complessi, artificiali e disadattivi per trattare il disadattamento. Capire questo principio come si applica alla medicina organizzata è capire perché non è possibile che la medicina ortodossa si sia mai evoluta in qualcosa di più – o di diverso – di un esteso sindacato del crimine, parassita di coloro che pretende di servire, mentre si dedica alla soppressione delle cure legittime.

Il fatto semplice e indiscutibile della questione è che prodotti e servizi a “valore aggiunto”, in medicina come in ogni altro campo di attività, significa prendere ciò che la natura ha fornito (il più delle volte gratuitamente) e creare da esso qualcosa che è scarso. Questa non è nemmeno la medicina: è un “dato” tautologico della microeconomia. Prendere ciò che la natura ha liberamente fornito e creare qualcosa di non comune, scarso e forse anche difficile da replicare e aspettarsi che questo artefatto, estrinseco alla natura, migliori ciò che è intrinseco alla natura, è ridicolo.

La medicina organizzata è essa stessa una malattia, egoista e maligna. Essa entra nel campo della natura, dove di propria iniziativa le ferite guariscono, il sangue si coagula, i microbi patogeni sono superati dall’immunità naturale, e tenta di cooptare Madre Natura e pretendere che usando metodi del tutto innaturali possa migliorare i sistemi biologici che sono inamovibilmente legati al suo dominio. La medicina moderna propone l’impossibile: che attraverso il disadattamento, può portare salute – quando la salute non esiste mai al di fuori dei confini adattativi di un organismo. In questo senso, la Medicina Moderna funziona in modi che imitano il processo della malattia stessa.

Applicato al di fuori del regno di “aggressione diretta contro gli individui”, Ivan Illich chiama questo “iatrogenesi sociale”, dove “la burocrazia medica crea la malattia aumentando lo stress, moltiplicando la dipendenza invalidante, generando nuovi bisogni dolorosi, abbassando i livelli di tolleranza per il disagio o concedere a un individuo quando soffre, e abolendo anche il diritto all’auto-cura.” [ 15 ]

Lo vediamo ancora e ancora nello svolgimento della “cura dello scorbuto” e nella versione revisionista che ora passa per storia. Non posso pensare a un esempio migliore di James Lind e dell'”Esperimento Salisbury” del 1847. Questo fu “uno dei primi studi controllati nella storia della medicina, o in qualsiasi branca della scienza clinica”. [ 16 ]

Merita la nostra attenzione non solo perché ha dimostrato in modo definitivo che le arance e i limoni contenevano qualcosa – chi se ne frega a questo punto di cosa sia – che curava lo scorbuto, ma per qualsiasi essere umano pensante, il modo della sua soppressione è quasi troppo doloroso da leggere. Ci vorranno altri 48 anni (1795) – solo dopo la perdita di migliaia di marinai, un numero indeterminabile di navi da guerra, la perdita delle colonie americane, e poi quasi la stessa sopravvivenza dell’Inghilterra – quando i signori dell’Ammiragliato britannico ammetteranno una sconfitta più umiliante e renderanno gli agrumi di serie sulle sue navi di linea.

Solo quando era in gioco la vita stessa della nazione, le autorità ammisero la follia dei loro rimedi non provati e permisero ai marinai di accedere a una cura conosciuta da centinaia di anni. (Per coloro che vorrebbero concludere dal mio commento che l’indifferenza per la salute della loro carica era o è esclusiva dell’autorità britannica, vorrei presentare la sua controparte americana: dopo che 30.000 soldati si ammalarono di scorbuto durante la guerra civile americana, l’esercito degli Stati Uniti finalmente adottò razioni anti-scorbuto nel 1895 — altri 100 anni dopo che gli inglesi le avevano adottate). [ 16b ]

“Deve comunque apparire chiaro a ogni mente riflessiva che la cura dei malati e dei feriti è una questione di politica, umanità ed economia. Indipendentemente dal fatto che gli uomini siano esseri senzienti e compagni di vita, essi possono anche essere considerati come indispensabili strumenti meccanici.”

Ammiraglio Gilbert Blane (17)

Secondo qualsiasi standard ragionevole, l’esperimento di James Lind a bordo della HMS Salisbury, a partire dal maggio 1747, oggi salutato come un notevole risultato scientifico, fu un esercizio di buon senso. A quel tempo, Lind non possedeva una laurea in medicina – cosa che, in retrospettiva, probabilmente gli diede un deciso vantaggio.

Era un “chirurgo della nave”, una posizione che, a quel tempo, portava con sé un livello di rispetto (e di stipendio) solo leggermente superiore al marinaio comune e ben al di sotto di quello degli ufficiali. Ciò che Lind aveva a bordo della Salisbury, una nave di quarta classe, era la fiducia e il permesso del suo capitano di procedere con il suo “esperimento”. Bown descrive la semplicità dell’approccio di Lind: prese dodici marinai, tutti con livelli simili di sintomi scorbutici avanzati. Poi . . .

“. . . appese le loro amache in un compartimento separato nella stiva di prua – più umido, buio e stucchevole di quanto si possa immaginare – e fornì “una dieta comune a tutti”. La colazione consisteva in una pappa addolcita con zucchero. Il pranzo (o la cena) era o “brodo di montone fresco” o occasionalmente “pudding, biscotto bollito con zucchero”.

E per cena faceva preparare al cuoco orzo e uva passa, riso e ribes, sago e vino. Lind controllava anche le quantità di cibo consumate. Durante i quattordici giorni, separò i marinai scorbutici in sei coppie e completò la dieta di ogni coppia con varie medicine e cibi antiscorbutici. Alla prima coppia fu ordinato un quarto di ‘cyder’ (leggermente alcolico) al giorno.

Alla seconda coppia furono somministrate venticinque ‘budella’ (gocce) di elisir di vetriolo tre volte al giorno a stomaco vuoto e anche ‘usando un gargarismo fortemente acidulato con esso per la loro bocca’. Una terza coppia prendeva due cucchiai di aceto tre volte al giorno, anche a stomaco vuoto, facendo anche gargarismi con esso e avendo il loro cibo abbondantemente inzuppato con esso.

Alla quarta coppia, che erano i due pazienti più gravemente sofferenti, “con i tendini del prosciutto rigidi”, fu dato il trattamento apparentemente più strano: acqua di mare, di cui bevevano “mezza pinta ogni giorno, e a volte più o meno come ha operato, a titolo di una medicina generale”. Il quinto gruppo di marinai fu nutrito con due arance e un limone ciascuno per sei giorni, quando le magre scorte della nave finirono. Alla sesta coppia fu ordinato un “electuary” (pasta medicinale), “la più grande di una noce moscata”, tre volte al giorno.

La pasta consisteva di aglio, semi di senape, radice di ravanello secca, balsamo del Perù e gomma di mirra. Veniva lavata con acqua d’orzo “ben acidulata con tamarindo” e in diverse occasioni venivano nutriti con crema di tartaro, un blando lassativo, “con cui venivano delicatamente purgati tre o quattro volte durante il corso”. Lind teneva anche diversi marinai scorbutici da parte in una stanza diversa e non dava loro nulla oltre alla dieta navale standard, a parte l’occasionale ‘elettuario lenitivo’ (antidolorifico) e la crema di tartaro.” [ 18 ]

I risultati probabilmente non avrebbero sorpreso molti indigeni, ma hanno sorpreso Lind. La coppia fortunata che fu nutrita con gli agrumi era quasi guarita dopo solo una settimana. Nessuno degli altri soggetti del test si riprendeva allo stesso modo.

Infatti, i mangiatori di agrumi finirono per aiutare a curare le altre sfortunate vittime dello scorbuto che non erano state trattate così. La conclusione di Lind è chiara e concisa: “gli effetti positivi più improvvisi e visibili sono stati percepiti dall’uso delle arance e dei limoni. . . Le arance e i limoni erano i rimedi più efficaci per questo disturbo in mare”. [ 19 ]

L’anno successivo (1748) Lind si ritirò dalla Royal Navy, quando le ostilità tra Inghilterra e Spagna diminuirono. Completò la sua laurea in medicina all’Università di Edimburgo e nel 1750 fu eletto fellow del Royal College of Physicians di Edimburgo. Poi si sposò e stabilì uno studio privato.
Sembra, tuttavia, che Lind fosse un uccello raro nel campo nascente della medicina moderna come la conosciamo oggi.

Contrastante, non contento del pensiero convenzionale sullo scorbuto che andava contro le sue stesse scoperte, trascorse i tre anni successivi in un lavoro così completo e bibliografico che prese in considerazione ogni descrizione conosciuta dello scorbuto, dalle prime testimonianze alle più moderne. Lettere e documenti sono stati compilati e tradotti da tutta Europa.

Nel 1753, sei anni dopo l’esperimento di Salisbury, il trattato di Lind apparve a Edimburgo: Treatise on the Scurvy, Containing an Inquiry into the Nature, Causes, and Cure, of That Disease Together with a Critical and Chronological View of What Has Been Published on the Subject.

Questo libro è salutato da numerose fonti e autorità come una pietra miliare nella storia della medicina. E’ stato, naturalmente, contrastato da un sistema inerziale di patronato che era tanto grottesco quanto quello che infesta gli stabilimenti militari della maggior parte delle moderne nazioni occidentali oggi. [ 20 ]

Ma ciò che è più rivelatore è il modo in cui gli storici moderni trattano la questione. Harvie stesso apre il suo trattato su Lind osservando che lo scorbuto ha ucciso “migliaia di uomini, soprattutto marinai, ogni anno per almeno quattro secoli prima che fosse trovato un rimedio”. Trovato da chi? Per chi? Non dagli eschimesi. Loro avevano una cura. Nessuno dei popoli nativi del Nord America. Avevano le loro cure. Non i polinesiani, o i melanesiani, o i maori, o i ceceni – diavolo, prova a nominare un popolo indigeno che non sia stato contaminato dall’ambiente culturale malato che ha dato vita al moderno aborto che chiamiamo Medicina Moderna che NON aveva una cura! [ 22 ]

L’intero pensiero occidentale-centrico in cui è inquadrata la “scoperta della cura dello scorbuto” mi ricorda il nostro trattamento di Cristoforo Colombo. Anche a lui si attribuisce la scoperta di qualcosa: l’AMERICA – ma, ancora una volta, da chi e per chi? (Come si può “scoprire” un luogo dove già vivono più di 55 milioni di esseri umani? Un emisfero che, come testimoniato da Las Casas, era “brulicante di gente. . come un alveare”). [ 23 ]
Il contributo di Lind non merita l’uso della parola “scoperta”. Come si può scoprire qualcosa che le persone di tutto il mondo che non sono collegate alle convoluzioni intellettuali della medicina moderna già conoscono e usano e ne beneficiano? Invece di notare l’ovvio: che Lind ha semplicemente usato metodi cartesiani di osservazione per confermare ciò che le persone nelle culture di tutto il mondo già sapevano, egli è invece, all’interno dei confini della storia della medicina moderna, elevato ad una posizione sul proprio monte Olimpo privato

. Viene esaltato per il suo “studio clinico controllato veramente pionieristico”, mentre un elogio di rilievo sostiene che Lind è “uno dei più grandi nomi in tutta la storia della medicina” e “la scoperta della causa e della prevenzione dello scorbuto è uno dei grandi capitoli di tutta la storia umana… in gran parte opera di James Lind”. [ 24 ]

Che spazzatura senza ritegno. Perché perso nell’inebriante accreditamento di Lind con l’iniziale “scoperta della cura dello scorbuto”, è la soppressione del coinvolgimento del buon dottore nella soppressione. Non contento di lasciar perdere — perché quale contributo alla scienza medica c’è nel raccomandare il consumo di limoni? — Lind decise di dare il proprio contributo alla medicina. La cura della natura non era abbastanza buona. Che rispettabilità poteva esserci in questo? Così gli venne l’idea di produrre un “rob” – un concentrato di agrumi, fatto bollendo l’agrume stesso. L’osservatore astuto oggi vedrà subito il difetto: La vitamina C, essendo soggetta a labilità al calore, verrebbe distrutta in qualsiasi processo del genere.

Ora, sicuramente, James Lind, l’uomo a cui si attribuisce il primo studio medico controllato, avrebbe testato il suo robot per assicurarsi che funzionasse bene come le arance e i limoni crudi. Ed è esattamente quello che ha fatto, giusto? Ovviamente no.

Con il passare del tempo, Lind cominciò a fare raccomandazioni non testate, non provate, non vere, insensatamente inefficaci, che non erano migliori delle altre raccomandazioni dei suoi colleghi che producevano profitto. Nel 1779, il suo lavoro finale suggerisce che la crema di tartaro è un sostituto adeguato – e così viene inserito con fiducia tra le altre stupende raccomandazioni di Lind per mitigare lo scorbuto: inclusa la fumigazione delle navi con catrame ardente. Diluendo la sua scoperta iniziale con una pletora di sciocchezze inefficaci, è stato notato che Lind “ha complicato, se non ritardato, la gestione di successo dello scorbuto nella navigazione britannica ed europea occidentale.” [ 25 ]

Ciononostante, Lind non ha mai subito la conseguenza di sfruttare la pubblicità della sua iniziale scoperta positiva sullo scorbuto in questa serie di raccomandazioni sullo scorbuto inutili e non testate.

Come poteva risultare l’obbrobrio ufficiale quando i responsabili sostenevano trattamenti proprietari contro lo scorbuto che erano altrettanto non testati e privi di qualsiasi proprietà curativa? (Mi viene in mente la posizione del Dr. John Pringle come presidente della Royal Society britannica e la sua influenza sull’Ammiragliato per promuovere, per molti anni alla fine del 1700, l’uso continuato del “mosto di malto”, un trattamento completamente inutile). Invece, Lind trascorse il resto della sua vita professionale come amministratore di un ospedale di alto livello, e credo che sarebbe giusto dire un membro – anche se non della più alta statura – dell’aristocrazia dominante.

Come abbiamo visto prima, la medicina moderna ha bisogno di basi ideologiche per sostenere la sua legittimità e, essendo diventato un medico a pieno titolo e membro dell’establishment, sarebbe stato impensabile per Lind concludere il suo Trattato senza introdurre la propria teoria sulla causa e la cura. Non solo le teorie di Lind (troppo estese per raccontarle per intero in questa sede) sono tanto strampalate quanto quelle dei suoi contemporanei, ma egli critica attivamente le idee dell’unico medico che, più di ogni altro al suo tempo, aveva capito la vera causa e la cura dello scorbuto.

Johan Friedrich Bachstrom era un medico olandese di questo periodo che identificò correttamente lo scorbuto come una malattia da carenza alimentare. Divise le piante in tre grandi categorie, classificando la loro forza come antiscorbutici (infatti, coniò il termine). Anche se primitivo e bisognoso di modifiche per la comprensione odierna, il non celebrato Bachstrom, a differenza del celebratissimo Lind, vide correttamente che “le erbe più comuni e i frutti freschi primeggiano sulle preparazioni farmaceutiche più pompose”, e che “questo male è dovuto unicamente a una totale astinenza dal cibo vegetale fresco e dalle verdure, che sono la vera causa primaria della malattia”.

Cosa? Nessuna formula brevettata? Nessun trattamento speciale – o rimedio ufficialmente sancito? Risposta sbagliata.
Per la sua impudenza, Bachstrom fu imprigionato e morì in Lituania nel 1742, all’età di cinquantasei anni. [ 26 ]

Da questo punto la storia ufficiale – a seconda della versione della storia che si ascolta – si snoda attraverso il successo empirico del capitano James Cook nell’arrestare lo scorbuto in mare e fino al successo finale di Gilbert Blane nel riportare in auge i prodotti a base di agrumi come prevenzione e cura dello scorbuto. [ 27 ]

Qui è dove la storia finisce, se si ascolta la narrazione comune. Gli agrumi vengono accettati come la risposta, e in seguito viene confermato che contengono l’unica vera cura isolata, la vitamina C. Lo scorbuto viene accettato come una malattia da carenza.

E ora tutti possono vivere felici e contenti, ancora una volta, GRAZIE alla medicina moderna.

Ma non è affatto quello che è successo. Nel corso degli ultimi 200 anni, lo scorbuto è stato ripetutamente resuscitato – e in quasi tutti i casi, è ricomparso dove la medicina moderna, con e senza l’assistenza dei suoi fratelli nell’industria del cibo lavorato, non ha potuto resistere alla tentazione di intervenire con qualche angolazione contorta per fare soldi dalla sua remanifestazione.

L’opera di Carpenter è piena di esempi nauseabondi – di cui solo un paio saranno tratti qui per brevità.
A partire dall’estate del 1845, il tempo nell’Europa nord-occidentale prese una brutta piega che portò alla perdita di circa la metà del raccolto di patate – un importante alimento base e una fonte vitale di vitamina C. Nel luglio dell’anno seguente, una piega simile portò ad una perdita quasi totale del raccolto in Irlanda e Gran Bretagna. Questo periodo storico viene chiamato The Great Potato Famine (1845-1848).

Gli ascorbati non sarebbero stati scoperti per altri ottant’anni, eppure, nonostante un Trattato sull’Alimentazione e la Dieta (Pereira, 1843), che notava la “necessità di verdure succulente e di varietà nella dieta umana”, voci di spicco ottennero l’imprimatur dell’establishment medico per contribuire a introdurre una serie di nuove, zanne teorie sullo scorbuto e sulle nuove eccitanti possibilità terapeutiche.

Nel 1842 fu pubblicato Animal Chemistry, dando voce alla “teoria delle proteine” della nutrizione di Justus von Liebig. Carpenter riassume i suoi tre punti principali:

“Le proteine (come le chiameremmo noi) sono facilmente convertite l’una all’altra nella digestione animale a causa del loro comune carattere fondamentale. L’energia necessaria per la contrazione muscolare deriva dalla scomposizione delle proteine muscolari stesse.

L’unica funzione degli amidi e degli zuccheri non azotati negli alimenti è quella di proteggere il tessuto dagli effetti distruttivi dell’ossigeno, reagendo essi stessi con l’ossigeno e, allo stesso tempo, emettendo calore che mantiene gli animali alla loro temperatura ottimale di lavoro.

Questo quadro teorico ha creato quello che sarebbe diventato la saggezza nutrizionale del giorno, durato quasi fino al 20 ° secolo: che solo gli alimenti azotati (proteine) aveva vero valore nutrizionale e che gli altri composti organici (ciò che chiamiamo carboidrati e grassi) agito come “materiali respiratori,” fornendo la base per l’integrità termica.

Basandosi sul lavoro di Liebig, il dottor Robert Christison, creò una nuova teoria secondo la quale “la causa principale dello scorbuto” era la mancanza di latte. Trasse le sue conclusioni dalle osservazioni fatte sulle epidemie di scorbuto nelle prigioni britanniche, e le sue opinioni in materia furono così influenti su ciò che potremmo chiamare “carenza di proteine” che fece modificare la dieta dei detenuti per includere latte scremato, mattina e sera, e mezza libbra di carne.

Non importa che la cura indiscutibile fino a quel punto, gli agrumi, non poteva assolutamente essere considerata un alimento “azotato” – osservazioni di buon senso menzionate da una manciata di critici di Christison, ma insufficienti a modificare la sua influenza. (Ricordate che gli alimenti a base di proteine, fin dai primi vagiti del capitalismo, hanno avuto margini di profitto più elevati rispetto agli alimenti di altri gruppi alimentari, senza dubbio un fattore di influenza e qualcosa che discuto nel mio primo libro). [ 28 ]

Una teoria altrettanto strampalata che fu ampiamente accettata nei circoli medici ortodossi fu la “teoria del potassio”, ragionando che limitando la loro dieta di verdure succulente, il malato di scorbuto era soggetto a una carenza di sali minerali, principalmente di potassio.

Col tempo, anche la loro teoria affondò, con il puro peso del senso comune (cioè, se una carenza di sali minerali ha qualcosa a che fare con lo scorbuto, perché il semplice atto della disidratazione – in cui i sali minerali sono conservati – uccide il valore anti-scorbutico di frutta e verdura?) Tuttavia, fino al 1862, la teoria aveva ancora un seguito tra i medici di prestigio.

Gradualmente, l’interesse per nuove cure contro lo scorbuto si placò con l’assenza dello scorbuto come problema sulla terraferma: nell’estate del 1848, ci fu un normale raccolto di patate, lo scorbuto si placò – e senza un modo per aiutare a “creare” nuovi casi di scorbuto, la medicina ortodossa dovette guardare ad altri mercati per vendere i suoi beni e servizi, ma non prima di rilasciare le sue ultime, inane, raccomandazioni alimentari per evitare lo scorbuto: “Evitare l’uso di verdure non cotte, frutta acerba, acida o a nocciolo . . e le bevande acide in generale”. [ 29 ]

La cura dello scorbuto richiederebbe, naturalmente, di ignorare questo “sano consiglio medico”, così come sicuramente la cura del cancro oggi richiederebbe di evitare quasi tutta la chemioterapia, le radiazioni e le tecniche chirurgiche invasive e radicali – le modalità approvate dalla FDA in Occidente.

Con questo in mente, non dovrebbe sorprendere l’osservatore attento che lo scorbuto è sempre stato raro nelle aree in cui la gente vive “vicino alla terra” – non solo perché sono più inclini a ottenere frutta e verdura fresca, ricca di ascorbato, ma perché sono benedetti da un’assenza di minacciose autorità mediche. Un buon esempio è la Hudson’s Bay Company, la più antica società commerciale del Nord America, con operazioni continue che risalgono al 1670. In tutto questo tempo, lo scorbuto non è MAI stato un “problema serio che ha ostacolato il loro sviluppo”.

Eraser deleting the word Cancer

Bypassando le molte “teorie de jour”, Hudson’s ha spedito piccole quantità di succo di calce durante questo stesso periodo del XIX secolo. [ 30 ] Si può solo riflettere su quali orrori scorbutici avrebbero atteso i loro dipendenti nel Nuovo Mondo se avessero seguito i “buoni consigli medici”.
Indipendentemente da ciò, è il periodo che segue, un periodo per il quale qualsiasi scolaro occidentale probabilmente vi dirà che il problema dello scorbuto era già stato risolto – (dopo tutto, è nella narrazione comune), che lo scorbuto ha rialzato la sua brutta testa e la medicina moderna è venuta fuori con un’altra teoria zannosa.
Chiameremo questo periodo “L’Età della Teoria della Ptomaina”. [ 31 ]

Nel 1876 una spedizione navale britannica tornò dall’Artico dopo solo un anno. Su 120 uomini, la metà aveva sofferto di scorbuto e 4 ne erano morti. Un’inchiesta su larga scala fu richiesta dalla Camera dei Comuni, portando allo sviluppo di una teoria completamente nuova sulla causa dello scorbuto, una che sarebbe diventata influente dal 1900.

Che lo scorbuto sia ancora un problema per gli esploratori, oltre 120 anni dopo l’ormai famosa pubblicazione di Lind e solo poco più tempo di questo alla data di questo scritto, merita un esame. Come detto prima, Weston Price ha notato che, nonostante la mancanza di frutta e verdura fresca, gli eschimesi e gli altri popoli dell’estremo nord raramente ne soffrono. Sono in contatto con la terra e il loro rapporto con essa. [ 32 ]

Ma tali osservazioni chiaramente non coincidono con la narrazione comune della medicina moderna, così si dovette creare una nuova teoria nell’epoca delle esplorazioni polari per spiegare perché coloro che mangiavano carne alle latitudini settentrionali non avevano lo scorbuto, mentre quelli più a sud no. Dalla finestra uscì più di un secolo di prove che gli agrumi freschi erano già una cura consolidata.

E così nacque la “Teoria della Ptomaina”, che, come uno dei suoi principali sostenitori, Frederick Jackson, dichiarò inconsapevolmente, richiedeva lo smantellamento della cura già stabilita, “l’uso del succo di lime non previene né cura lo scorbuto. (esso) è una malattia che si sviluppa attraverso il consumo di cibo contaminato… un lento avvelenamento… “I moderni storici della medicina fungono da apologeti (non hanno scelta) per la diffusione di queste teorie periodiche che la medicina ortodossa si aggrappa, scuse che non corrispondono al senso comune.

Piramide Havala 3 - Porcellana Oro
€ 189,00

In questo caso, la fuga è che Jackson ha osservato gli equipaggi che prendono la loro oncia giornaliera invecchiata di succo di lime senza alcun effetto. Ergo, gli agrumi non hanno alcun valore. Non importa che la semplice osservazione che quasi tutti gli alimenti degradano in valore più a lungo vengono rimossi dalla loro fonte naturale – maggiore è la distanza nel tempo dal loro raccolto iniziale.

Lavorando con Vaughan Harley, un professore di chimica fisiologica all’università di Londra, Jackson cercò di dare vita alla sua teoria – che ottenne credibilità dalla nuova accettazione della teoria dei germi di Pasteur. I test per la Teoria della Ptomaina sono descritti da Jackson in una monografia del 1899, allora molto rispettata:

“Se la carne non è adeguatamente conservata, i microrganismi la contaminano, e di conseguenza va a male – i batteri cambiano chimicamente l’albume, il grasso, i carboidrati nella carne, e i nuovi prodotti chimici formati (ptomaine) causano il cambiamento di colore, odore, ecc… Prima che la carne sia effettivamente andata così male da essere ripugnante all’olfatto e alla vista, i batteri possono aver fatto il loro lavoro, e aver prodotto le loro ptomaines. . . È tale carne contaminata, e non la carne cattiva, che si deve guardare come la causa dello scorbuto. La maggiore prevalenza di scorbuto in inverno – che ha usato per essere sostenuto a favore della teoria vegetale fresco della malattia è a sostegno di questa teoria, perché in estate, se la carne è conservato, i batteri proliferano con tale rapidità che la carne sarebbe presto odore cattivo e di essere respinto.

In inverno non macchierebbe così rapidamente, e potrebbe essere cucinata e mangiata senza pensare al pericolo. Bisogna ricordare che, sebbene la cottura distrugga i batteri, il calore ordinario così utilizzato non avrebbe alcuna azione sui loro prodotti chimici, o ptomaines. Ancora, se la carne fosse putrida, mangiarla causerebbe un’intossicazione acuta da ptomaine, con mal di testa, diarrea violenta, malattia… se si prendesse solo carne leggermente tained, la dose non causerebbe sintomi immediati, e la malattia si svilupperebbe gradualmente come sappiamo fa lo scorbuto.[33 ]

Questa teoria non era considerata stravagante o ai margini. Aveva il sostegno di nientemeno che Lord Lister, presidente della Royal Society, che rappresentava l’apice della rispettabilità dell’establishment. I lettori ricorderanno che questa è la stessa posizione tenuta dal Dr. John Pringle alla fine del 1700, che, per guadagno finanziario, promosse il suo inutile mosto di malto nonostante le chiare prove dell’efficacia degli agrumi come abbondantemente articolate da Lind.

Gli studi sulle scimmie sono stati realizzati per sostenere la teoria – il che è prevedibile, perché uno dei difetti più evidenti della religione popolare che chiamiamo scientismo è che gli esperimenti hanno sempre un pregiudizio verso la dottrina voluta e stabilita. [ 34 ]

Che la più piccola consultazione con gli studenti dell’Est avrebbe ucciso la teoria della ptomaina nella sua culla non sembrava avere importanza. Dopo tutto, in India lo scorbuto era stato osservato in soldati che non mangiavano nemmeno carne. Quando venivano ricoverati, il loro scorbuto veniva curato “con la semplice aggiunta di lime fresco o patate.” [ 35 ]

Tale osservazione, tuttavia, sarebbe in contrasto con gli sforzi della medicina ortodossa di unificare e filtrare la sua costellazione di osservazioni, teorie e pratiche mediche sotto la rubrica della ormai consacrata Teoria dei Germi. Non è quindi sorprendente che due anni dopo, nel 1902, la British Medical Association aprì la sua riunione annuale con una relazione del suo ispettore generale, un chirurgo navale in pensione di nome Turnbull che pronunciava: “Da ampie . . . ricerche nella letteratura . . . Sono costretto a concludere che . . . la presenza di qualche materiale tossico nel cibo è la causa dello scorbuto . . . anche che il succo di limone o di lime è stato erroneamente accettato come un certo preventivo . . . Disposizioni fresche o pure sono il vero antiscorbutico”. (enfasi aggiunta)

Merkaba in Shungite
Shungite tipo 2 – carbonio minimo 28%
€ 136,80

Tale pensiero, ora stabilito come fatto medico-scientifico dall’establishment per l’inizio del 20° secolo, si riflette nei commenti di Reginald Koettlitz, il chirurgo senior di una delle spedizioni artiche di Jackson: “Il beneficio del cosiddetto anti-scorbutico è un’illusione . . . che la causa dello scoppio dello scorbuto in tante spedizioni polari è sempre stato che qualcosa era radicalmente sbagliato con le carni conservate, sia in scatola o salate è praticamente certo. Un alimento animale è scorbutico se i batteri sono stati in grado di produrre ptomaines in esso . . . altrimenti, non è.” (enfasi aggiunta) [ 36 ]

Il disastro che seguì, cioè la morte del comandante Robert Falcon Scott (1868-1912) e dei suoi compagni nella sua ultima spedizione antartica (1910-1912), merita la nostra attenzione non perché sono morti di scorbuto. La saggezza medica dell’epoca – che vedremo presto non è progredita così tanto nell’ultimo secolo, e per molti versi è regredita – lo rese inevitabile. Ciò che è importante è il modo in cui l’informazione fu soppressa.

Questa soppressione divenne una necessità perché la seconda e ultima spedizione di Scott è la più famosa della storia britannica – dando vita a una raffica di ricostruzioni storiche che non furono pubblicate fino alla fine degli anni ’70. [ 37 ]

Il fatto che Scott abbia perso contro Roald Amundsen nella corsa all’Antartide – fonte insopprimibile di imbarazzo per gli inglesi – non è così importante come portare alla luce la fonte della verità della loro scomparsa. La stessa razione giornaliera della spedizione di Scott racconta la sua storia: pemmican, biscotti, burro, cacao, zucchero e tè. Poco calorico e carente di vitamina C.

Quando uno dei chirurghi navali, Atkinson, presentò un rapporto sulle condizioni di Scott e dei suoi compagni dopo il ritrovamento dei corpi, furono menzionate la fame e il congelamento, ma non una parola viene detta sullo scorbuto. Huntford ipotizza, sulla base delle sue stesse prove, che “ci sono accenni vaghi che lui [Atkinson] potrebbe aver nascosto prove di scorbuto, che non potevano essere rivelate perché si sarebbero riflesse sull’intera condotta della spedizione”. Considerando i commenti fatti dai membri dell’equipaggio sopravvissuti, così come il grado di editing del diario postumo di Scott, questo autore direbbe che le “allusioni” diventano molto più certe che suggestive. [ 38 ]

La civiltà occidentale, come abbiamo visto, ha portato l’umanità molto lontano sulla via del disadattamento, ma pochi esempi sono così illuminanti come quello dello scorbuto infantile, una malattia che è, prima di tutto, radicata nell’incapacità di accettare il latte materno come il cibo più perfetto di un bambino umano. Dal momento che la medicina moderna si propone, in tanti modi innumerevoli, di migliorare la natura meglio della natura stessa, non è sorprendente che la nostra civiltà abbia introdotto una serie di formule per bambini che forniscono carenze nutrizionali ai neonati che continuano fino ai giorni nostri. [ 39 ]

Alla fine del 19° secolo, ai neonati che manifestavano la sintomatologia dello scorbuto veniva diagnosticata la malattia di Barlow. Un sistema medico ortodosso che non può curare lo scorbuto negli adulti, non può certo fare di meglio per i bambini – e così è il caso, con prescrizioni di prodotti come il clorato di potassio, lo ioduro di ferro, la corteccia di chinino, l’olio di fegato di merluzzo, ecc. Per ben oltre quarant’anni, i medici hanno fatto soldi, (ovviamente), visitando e prescrivendo una varietà di composti per trattare una malattia da carenza per la quale la VERA cura è impensabile.

Per un neonato in fase di svezzamento, la migliore prescrizione antiscorbutica è il latte materno. Immaginate!
Lo scorbuto infantile è giustamente una “malattia dell’opulenza”, un sottoinsieme delle “malattie della civiltà” di cui le precedenti versioni adulte dello scorbuto sono esse stesse esempi primari. Boyden identifica l’impatto della civiltà sulla comparsa di nuove malattie: “la maggior parte dei disturbi di cui la gente si lamenta nella società occidentale sono disturbi della civiltà, nel senso che sarebbero stati rari o inesistenti nella società primordiale.” [ 40 ]

Ci avviciniamo molto di più alle condizioni di base in cui lo scorbuto infantile verrebbe a galla quando ci rendiamo conto che nella civiltà moderna, la sola menzione del seno delle donne non fa venire in mente né il latte né il sostentamento dei piccoli neonati. Tra alcuni gruppi culturali l’allattamento al seno è associato ad una certa arretratezza o addirittura perversità. Di nuovo . . . disadattamento.

Così, non è sorprendente che mentre procediamo con la nostra cronologia di una breve storia dello scorbuto, troveremmo che il prossimo sviluppo si presterebbe alla specialità chiave della medicina moderna: affrontare il disadattamento – la fonte degli stati di malattia – con ancora più disadattamento. Questo prese la forma di un ulteriore rafforzamento della ancora nascente Teoria dei Germi con la sterilizzazione del latte. Il lavoro di Carpenter è abbastanza suggestivo del “latte cotto”, come causa del gran numero di scorbuti infantili durante questo periodo. Un oratore ad una riunione della Royal Society nel 1898 espone il pensiero medico dominante del giorno:

“La sterilizzazione del latte è uno dei più grandi progressi che è stato fatto nell’alimentazione infantile. Le malattie più importanti che abbiamo a che fare con tra i bambini sono i disturbi digestivi in estate. La sterilizzazione del latte offre più vantaggi nel controllare o prevenire queste malattie di qualsiasi altro metodo che è stato offerto finora. E ‘possibile che la sterilizzazione del latte può danneggiare le sue proprietà nutritive in misura lieve . . ma il danno fatto da questo è di gran lunga superato dal maggiore vantaggio offerto nella prevenzione della malattia”.

Sunny - Tesla Purple Plate - Piastra Purpurea di Tesla - Triangolo Donna
Per una potente energizzazione di cose, persone, cibi, animali, piante
Voto medio su 36 recensioni: Da non perdere
€ 26,50

Un altro documento considerato dalla Società nella stessa riunione è ancora più enfatico:

“Non sembra giusto mettere nello stomaco di un neonato un alimento che contiene migliaia di batteri in ogni goccia, essendo questi batteri di qualità sconosciuta e molto probabilmente pericolosi e patogeni.” [ 41 ]

Nulla di tutto ciò si concilia con i documenti che risalgono al 1894 secondo cui il latte crudo era noto per essere anti-scorbutico – una qualità che si perdeva durante la sterilizzazione. Ma allora, cosa era più importante? Curare lo scorbuto infantile? O esaltare le informazioni che sostenevano, mentre sopprimevano quelle che screditavano, qualsiasi aspetto della Teoria dei Germi – la più recente pietra angolare del modello di profitto della medicina?

Entro il 1920 esisteva, tuttavia, abbastanza supporto epidemiologico per l’idea che il latte materno aveva un valore unico per i bambini non ottenibile dai comuni sostituti del giorno. Nell’edizione del 1920 dell’Index Catalogue to the Library of the Surgeon-General’s Office sono stati compilati rapporti da ventidue paesi, tra cui Australia, Giappone, Norvegia e Brasile. Nelle comunità in cui lo scorbuto degli adulti era dilagante, i bambini allattati al seno non mostravano alcuna prova della malattia di Barlow.

L’evidenza stava rendendo chiaro anche ai critici che la malattia di Barlow nei bambini e lo scorbuto negli adulti erano, infatti, la stessa afflizione.
Con la pubblicazione nel 1907 del famoso articolo di Axel Holst sull’uso della cavia come modello animale per studiare lo scorbuto, sarebbe stata solo una questione di tempo prima che la cura per lo scorbuto fosse espressa in un modo che anche l’opposizione più radicata della medicina moderna sarebbe stata dura da combattere.

La scoperta della vitamina C, le sue implicazioni e il modo in cui la “cura per lo scorbuto” è ancora oggi soppressa sono il soggetto della quarta e ultima sezione di questo capitolo.

La soppressione dell’ipoascorbemia

“La stessa professione medica aveva una visione molto ristretta e sbagliata (del bisogno di acido ascorbico da parte del corpo). La mancanza di acido ascorbico causava lo scorbuto, quindi (sicuramente) se non c’era scorbuto, non c’era mancanza di acido ascorbico. Niente potrebbe essere più chiaro di questo. L’unico problema era che lo scorbuto NON è un primo sintomo di mancanza ma un collasso finale, una sindrome premortale, e c’è un divario molto ampio tra lo scorbuto e la piena salute. Ma nessuno sa cosa sia la piena salute! . . . “

Albert Szent-Gyorgi 1 Premio Nobel (Medicina, 1937)
Scopritore, Vitamina C
(1)

“Più di sessant’anni di ricerca sui sistemi viventi mi hanno convinto che il nostro corpo è molto più quasi perfetto di quanto la lista infinita di disturbi suggerisca. (i suoi difetti) sono dovuti meno alle sue imperfezioni innate che al nostro abuso”.

. . . di nuovo, Szent-Gyorgi (2)

“Possiamo chiedere perché i medici e le autorità sulla nutrizione sono rimasti così privi di entusiasmo… sembra che ci sia stata la sensazione che l’assunzione di vitamina C debba essere mantenuta il più piccola possibile, anche se questa vitamina è nota per avere una tossicità estremamente bassa. Questo atteggiamento è, naturalmente, appropriato per i farmaci – sostanze non normalmente presenti nel corpo umano e quasi sempre piuttosto altamente tossiche – ma non si applica all’acido ascorbico. Un altro fattore è stato probabilmente la mancanza di interesse delle compagnie farmaceutiche per una sostanza naturale che è disponibile a basso prezzo e non può essere brevettata”.

Linus Pauling 3 Premio Nobel (Chimica, 1954) (3)

“Avendo lavorato come ricercatore nel campo, è mia opinione che un trattamento efficace per il comune raffreddore, una cura, è disponibile, che viene ignorata a causa delle perdite monetarie che verrebbero inflitte ai produttori farmaceutici, alle riviste professionali, e ai medici stessi.”

. . . di nuovo, Linus Pauling 4 citando Douglas Gildersleeve, M.D.(4)

Anche se la narrativa comune, per quanto riguarda lo scorbuto, insegna che lo scorbuto è stato curato centinaia di anni fa, io sostengo che Irwin Stone, Linus Pauling e Albert Szent-Gyorgyi avevano ragione: lo scorbuto è solo lo sviluppo più grave di una condizione di carenza più ampia che Stone ha chiamato “ipoascorbemia”.

È una completa farsa mantenere una dose giornaliera raccomandata pubblicata di 60 mg. al giorno, quando l’evidenza suggerisce chiaramente che un apporto che è più vicino a 4 o 5 grammi al giorno (forse 70-80 volte la quantità che la medicina ortodossa, e le sue legioni di medici e nutrizionisti raccomandano) è più vicino a ciò che è necessario per una salute umana ottimale.

Per avere un’idea dell’incredibile ampiezza della ricerca che è stata pubblicata dimostrando i benefici dell’acido ascorbico in dosi più elevate, questo autore raccomanda da tempo una lettura approfondita del lavoro di Stone (non perché sia attuale o completo, ma perché è conciso, convincente e scritto in termini profani).

La ricerca sull’assunzione di ascorbato superiore ha chiaramente dimostrato benefici in un’ampia varietà di malattie e condizioni moderne – da raffreddori e altre infezioni virali, a malattie batteriche, malattie cardiache, ictus, allergie, ulcere, diabete, ferite – anche shock.

Hosting WordPress

La gamma di benefici è stata dimostrata essere così ampia che Stone considerava l’acido ascorbico non come un micronutriente, ma come qualcosa di simile a un macronutriente. Preferì chiamarlo “Il fattore di guarigione”, ed è solo nel compilare l’ampia gamma di studi che dimostrano i suoi molti benefici che fu in grado di arruolare l’aiuto di Linus Pauling per attirare l’attenzione sul fatto stabilito.

Quando si vive in natura, vivendo come raccoglitori di frutta e verdura, mangiata fresca con le sue sostanze nutritive non diminuite dall’esposizione al tempo, al calore o alla lavorazione, la maggior parte degli umani non ingerisce 60 mg. al giorno di vitamina C. Essi ingeriscono acido ascorbico misurabile in diversi grammi al giorno – e non in uno o due somme forfettarie in modo supplementare, ma gradualmente durante il giorno come si mangia piccoli pasti.

Anche il gorilla medio in natura ingerisce circa 4 grammi al giorno di ascorbato. Con il recente emergere della civiltà, ma soprattutto con l’ascesa dell’homo industrialis, questo tipo di vita naturale ha incontrato una fine terminale e disadattiva.

Al suo posto abbiamo una “vita civilizzata” che porta a cibi lavorati, mentre quelli che SONO freschi sono invecchiati, quelli che contenevano ascorbato labile al calore sono ora carenti di nutrienti.

In nome del progresso, l'”homo sapiens” ha creato una serie di stili di vita moderni, che attraversano sottoculture e livelli socioeconomici, ma che si prestano uniformemente all’ipoascorbemia di massa – che di per sé è solo un piccolo sottoprodotto delle “avventure nel disadattamento” dell’umanità.
Educare il pubblico all’esistenza stessa di questo sviluppo creerebbe una diminuzione insondabile della reputazione, dell’influenza e della redditività dell’attuale complesso industriale medico.

Questo è il motivo per cui gli stabilimenti ortodossi combattono così duramente per sopprimerlo.

Nonostante il fatto che la vitamina C sia stata scoperta come “cura” per lo scorbuto – quest’ultimo riconosciuto come una forma di avitaminosi (malattia da carenza); nonostante la scoperta della composizione chimica della vitamina C (nel 1937 Albert Szent-Gyorgyi ricevette il premio Nobel per la scoperta dell’acido asborbico, Sir Walter Haworth per le sue ricerche sulla sua struttura chimica e sintesi), l’establishment scientifico ha impedito ulteriori scoperte dei suoi benefici negli ultimi 70 anni.

Non è neanche lontanamente esagerato dire che da quando è stata scoperta la vitamina C, con l’ulteriore sviluppo delle molte condizioni che migliorano con una maggiore assunzione di vitamina C, la medicina stabilita ha fatto tutto il possibile per sminuire i risultati clinici.

Infatti, i risultati positivi sono così voluminosi (quando si escludono gli studi in cui le quantità di ascorbato selezionate per i soggetti dei test sono deliberatamente scelte ad un livello troppo piccolo per produrre un impatto clinico), che dovremo essere selettivi in quale area di applicazione studiare per il resto di questo capitolo. (Anche il lavoro di Stone è pesantemente annotato con riferimenti di studio per coloro che desiderano leggere i materiali di partenza).

Dato che il cancro è stato l’obiettivo dei nostri capitoli aperti e dello studio iniziale, sarebbe interessante notare quali scoperte sono state fatte sulla vitamina C – un nutriente relativamente economico e poco costoso – e sul cancro.

Nel 1969, Dean Burk e i suoi collaboratori del National Cancer Institute hanno pubblicato un documento che dimostra che l’ascorbato è altamente tossico per le cellule di carcinoma. Infatti, la vitamina C ha causato profondi cambiamenti strutturali nelle cellule cancerose nelle loro colture di laboratorio. Come nota Stone, il gruppo scrisse:

“Il grande vantaggio che gli ascorbati. . possiedono come potenziali agenti antitumorali è che sono, come la penicillina, notevolmente non tossici per i tessuti del corpo normale, e possono essere somministrati agli animali in dosi estremamente elevate (fino a 5 o più grammi per chilogrammo) senza notevoli effetti farmacologici.

Questa scoperta, da sola, avrebbe dovuto essere un motivo per portare maggiori risorse in un’area di ricerca che potrebbe portare enormi benefici al pubblico. Qual è stata la risposta del governo degli Stati Uniti? Il Cancer Chemotherapy National Service Center, incaricato di vagliare nuovi materiali che uccidono il cancro, rifiutò di includere la vitamina C nei suoi test per le proprietà cancerogene. Il motivo? L’acido ascorbico era troppo atossico per rientrare nel loro programma! [ 5 ]

Ad essere onesti, nessuno ha mai suggerito che la vitamina C sia una cura per il cancro. Lo stesso Dr. Szent-Gyorgyi era resistente a qualsiasi pretesa di soluzioni rapide. La correzione dei difetti può richiedere la maggior parte di un anno, ha suggerito. Ciò che ha dichiarato, inequivocabilmente – e questa non è un’interpretazione di dati clinici, è ormai fisiologia da manuale: La vitamina C è incorporata nel “cuore stesso del macchinario della vita… stiamo costantemente costruendo e ricostruendo questo macchinario tutto il tempo”. Su questa base, Szent-Gyorgyi riteneva che un apporto continuo di acido ascorbico fosse molto importante.

Il Dr. Szent-Gyorgyi, fino alla fine della sua vita (morì nel 1986 all’età di 93 anni), sentì che la ricerca sul cancro era mal indirizzata e stava trascurando l’ovvio. “La ricerca bendata di una cura per il cancro sembra uno spreco senza speranza”. [ 6 ]

Ma come è tipico del nostro schema di soppressione, la connessione vitamina C / cancro non finisce qui. Non è sufficiente che la Medicina Moderna storca il naso di fronte alla terapia vitaminica e quindi salvi le vite (per non parlare dei portafogli, Dio non voglia!) dei suoi brevetti. I principali metodi “approvati” di trattamento del cancro in Occidente non solo negano la vitamina C aggiuntiva nel momento in cui il corpo ne ha più bisogno, ma utilizzano terapie immunosoppressive che fanno proprio il contrario: la impoveriscono. [ 7 ]

La posizione della comunità medica ortodossa nei confronti dell’assunzione di vitamina C che supera le manifestazioni più grossolane di ipoascorbemia, cioè lo scorbuto, è particolarmente irresponsabile se si considera che da almeno due generazioni sappiamo che “tutte (le prove imparziali raccolte fino ad oggi supportano) la conclusione che la vitamina C è intimamente coinvolta nel cancro così come nello scorbuto”.

Andando indietro fino ai rapporti autoptici di James Lind dei malati di scorbuto (1753) si trovano espressioni come “tutte le parti erano così mescolati e fusi insieme per formare una massa o grumo che i singoli organi non poteva essere identificato” – a cui Pauling è stato portato a commentare, “(questo è) sicuramente un 18 ° secolo anatomista morboso descrizione grafica di infiltrazione neoplastica.”

Più recentemente, nel 1954 e 1959 Dr. W.J. McCormick, un medico canadese, ha formulato l’ipotesi “che il cancro è una malattia del collagene, secondaria ad una carenza di vitamina C. Egli ha riconosciuto che il cambiamento stromale generalizzato dello scorbuto (cambiamenti nella natura dei tessuti) sono identici ai cambiamenti stromali locali osservati nelle immediate vicinanze delle cellule neoplastiche invasive, e ha ipotizzato che il nutriente (vitamina C) che è noto per essere in grado di prevenire tali cambiamenti generalizzati nello scorbuto potrebbe avere effetti simili nel cancro.

L’evidenza che i malati di cancro sono quasi invariabilmente impoveriti di ascorbato ha dato sostegno a questa visione”.
La vitamina C contro il cancro A sostegno di questa posizione è l’osservazione che “anemia, cachessia, estrema spossatezza, emorragie, ulcerazioni, sospetti di infezioni, e anormalmente bassi livelli di ascorbato nei tessuti, nel plasma e nei leucociti, con insufficienza surrenalica terminale, sono praticamente identici alle caratteristiche premortali dello scorbuto umano avanzato.” [ 7b ]

Coloro che pensano che questa osservazione sia circostanziale non hanno familiarità con l’enorme quantità di lavoro clinico che è stato fatto nel corso degli anni a sostegno dei benefici della vitamina C ortomolecolare (ad alto dosaggio) in relazione al cancro. Esistono migliaia di studi che confermano i benefici. [ 7c ]

Ma altrettanto convincenti sono i benefici dimostrati dall’aumento dell’assunzione di vitamina C nella prevenzione e nel trattamento delle malattie cardiache.

Scoperta: La maggior parte degli attacchi di cuore e degli ictus
sono radicati nella carenza di vitamina C;
Dottor Linus Pauling

“Non dimenticare mai che stai combattendo una delle battaglie più importanti per la salute umana. . . (La battaglia) sarà lunga e dura”. Linus Pauling [ 8 ]

Una delle dimostrazioni più scioccanti dello schema di soppressione al lavoro nella comunità medica ortodossa riguarda il meccanismo fisiologico descritto che collega la carenza di ascorbato, l’arteriosclerosi, gli ictus e le malattie coronariche.

Anche se ovviamente non è l’unico fattore eziologico in tutti i casi, ciò che è noto è che tutte queste condizioni sono iniziate o peggiorate dall’insufficienza di ascorbato; la correlazione e i fattori causali sono ben descritti, così come i motivi di profitto che impediscono che questi fatti siano ampiamente conosciuti dal pubblico. Il ruolo della vitamina C come potenziale “anti-aterogeno” è, o dovrebbe essere, un importante dibattito in medicina, poiché l’aterosclerosi “e le sue manifestazioni cliniche, in particolare l’angina pectoris, l’infarto miocardico e l’ictus ischemico, è la singola causa più importante di morbilità e mortalità nel mondo occidentale.”

La “scoperta” stessa sembra essere stata correttamente accreditata dal dottor Linus Pauling a un notevole sostituto, il dottor Matthias Rath. La scoperta fu così sorprendente che Pauling, prima della sua morte nel 1994, commentò: “(Lei non dovrebbe) mai dimenticare che la sua scoperta è una delle più importanti scoperte della medicina.” [ 9 ]

Che le malattie cardiache e le condizioni circolatorie fossero collegate a una mancanza di vitamina C era stato osservato da tempo. Come potrebbe non esserlo? La stessa rottura nella struttura dei tessuti osservata nello scorbuto poteva essere osservata in tutte le malattie sopra menzionate – solo che era resa manifesta nel sistema circolatorio. Di tanto in tanto venivano riportati dei segnali, come l’osservazione che la vitamina C converte il colesterolo in acidi biliari solubili in acqua. [ 10 ]

Ancora – nessuno è stato in grado di mettere definitivamente tutti i fattori causali che coinvolgono la carenza di vitamine e le malattie cardiache fino a Rath.
Prima di Rath, nessuno era in grado di fornire una spiegazione valida del perché gli animali non hanno attacchi di cuore, ma le persone sì. [ 11 ]

Sicuramente, sembrerebbe probabile che qualcuno sarebbe arrivato nel periodo tra la scoperta di Szent-Gyorgyi dell’ascorbato come “cura per lo scorbuto” e l’emergere di Rath – qualcuno per premere questo problema. Dopo tutto, nel momento in cui Rath ha iniziato a parlare con il sostegno e l’assistenza di Pauling – era stato ben noto per la maggior parte del ventesimo secolo che una delle differenze principali nella fisiologia tra gli animali, che non hanno attacchi di cuore, e homo sapiens, che lo fanno, è che gli esseri umani possono facilmente soffrire di carenza di ascorbato, mentre la maggior parte degli altri animali, come abbiamo detto, non può. Loro se lo fabbricano da soli. Come ci si può aspettare, Rath è stato oggetto di numerosi attacchi “ad hominem”, e altrettanto prevedibile è il suo marchio come “ciarlatano” da parte della comunità medica ortodossa. [ 12 ]

E’ stato impegnato in un ampio contenzioso, penale e civile, [ 13 ], che è una procedura operativa standard per chiunque minacci il sistema ortodosso con sistemi terapeutici o prodotti che minacciano i profitti del sistema ortodosso (i casi di alto profilo che vengono subito in mente includono Rife, Reich, Hoxsey, Wright, Koch, Naessens, e Burzynski).

[ 14 ] Ma un criterio appropriato nello studio attuale per quanto riguarda il lavoro di Rath non è se le sue buffonate sono state rispettabili, le sue azioni egoistiche (cioè commette il peccato imperdonabile di vendere effettivamente la propria marca di vitamine), o la consegna del suo messaggio meno che elegante.
In un sistema ortodosso, che è, come abbiamo esplorato nella barra laterale prima in questo capitolo, disgustoso di qualsiasi cosa veramente “basata sull’evidenza”, la domanda più rilevante è: “È vero?”

L’iniziazione di Rath nel mondo della medicina corrotta risale al suo ultimo anno di scuola di medicina, quando suo padre morì per un attacco di cuore. Dopo la laurea, Rath è stato assunto in un progetto di ricerca, sponsorizzato dalla Fondazione tedesca per la ricerca. L’obiettivo? Identificare i meccanismi con cui il colesterolo e altre particelle di grasso si “incastrano” nelle pareti dei vasi sanguigni.

Quando Rath iniziò la sua ricerca, i farmaci per abbassare il colesterolo erano già un’industria da un miliardo di dollari all’anno, quindi c’erano molte sovvenzioni per la ricerca per cercare di sostenere il colesterolo alto. A quel tempo, la ricerca medica in cardiologia si concentrava sul “colesterolo cattivo” o lipoproteine a bassa densità. Non solo “LDL” era riconosciuto dall’ortodossia come il principale fattore che causava le piaghe aterosclerotiche – e quindi un agente causale primario e diretto nel caso della maggior parte degli attacchi di cuore e degli ictus, ma i fondi per la ricerca erano alimentati dalla brama di “Big Pharma” di avere ancora un altro problema da “risolvere”.

Il percorso di carriera di Rath ha preso una svolta drammatica quando ha cominciato a mettere in discussione il ruolo di un fattore di rischio appena scoperto nella malattia di cuore: “lipoproteina(a)”. Ciò che è seguito è meglio raccontato nelle parole di Rath stesso:

” . . . I nostri studi, con più di diecimila dati e misurazioni, non lasciavano dubbi sul fatto che il ‘colesterolo cattivo’, per aderire alla parete dei vasi sanguigni, ha bisogno dell’adesivo biologico lipoproteina(a) I risultati stabiliti insieme ai miei colleghi erano un’importante pietra miliare verso la comprensione della natura della malattia cardiovascolare.

Quello che abbiamo trovato era che ovunque il colesterolo si depositasse nella parete dei vasi sanguigni c’era il nastro adesivo biologico ‘apo(a)’. Era chiaro che i depositi non dipendevano dalla quantità di colesterolo ma dalla quantità di ‘adesivo’ presente nel corpo.

A quel punto non sapevamo che anche questa sarebbe stata solo la verità parziale e che il cuore e gli ictus si sarebbero rivelati principalmente il risultato di carenze vitaminiche. Queste scoperte sul ‘colesterolo appiccicoso’ lipoproteina (a) erano così nuove, che l’American Heart Association (AHA) non ha accettato la presentazione di questi dati al loro convegno annuale in 1988. Semplicemente non ci credevano. Solo un anno dopo l’AHA mi ha invitato a fare una presentazione al loro convegno annuale ad Anaheim nel novembre 1998. Allo stesso tempo l’AHA ha accettato queste scoperte nella loro rivista ufficiale, Arteriosclerosis.

La lipoproteina(a) è risultata essere un fattore di rischio dieci volte maggiore del colesterolo. Ancora più importante, nessun farmaco, nemmeno quelli che abbassano il colesterolo, era in grado di abbassare questo fattore di rischio nel sangue. Ma la questione di gran lunga più intrigante di questo nuovo fattore di rischio per attacchi di cuore e ictus era il fatto che si trovava solo negli esseri umani – ma raramente in altre specie viventi. Era il 1987 quando ho fatto la seguente scoperta decisiva che dovrebbe cambiare la medicina per sempre: Il fattore di rischio appiccicoso lipoproteina(a) si trovava solo negli esseri umani e in altre specie che avevano perso la capacità di produrre la propria vitamina C.

Apparentemente, c’era una relazione inversa tra la molecola della lipoproteina(a) e la carenza di vitamina C. Ho iniziato immediatamente a fare esperimenti sulla vitamina C e la lipoproteina(a) e successivamente ho condotto uno studio pilota clinico in cui la vitamina C ha dimostrato di abbassare i livelli elevati di lipoproteina(a). Immaginate l’anno 1987, la vitamina C era considerata ciarlataneria e nessuna istituzione medica rispettabile era disposta a prendere in considerazione la conduzione di studi clinici con le vitamine. La conoscenza della vitamina C come portatore di bio-energia cellulare era completamente persa nella formazione medica, e i farmaci brevettabili erano considerati l’unica forma di medicina accettabile. [15]

Dopo aver riportato le sue scoperte in Arteriosclerosis, Rath cercò il consiglio di Linus Pauling, che, dopo i loro incontri iniziali, riconobbe l’enorme valore del lavoro di Rath e creò un posto per lui nella sua organizzazione di ricerca finanziata marginalmente, il Linus Pauling Institute.

Rath aveva già stabilito con successo il principio dietro la connessione vitamina C – lipoproteina (a) e la sua relazione con le malattie cardiache, ma aveva bisogno di qualcosa di più definitivo. Aveva bisogno di “più prove scientifiche”. Come molti dei suoi colleghi ricercatori del 20 ° secolo nella ricerca sulla vitamina C aveva fatto, ha usato cavie per condurre la fase successiva della sua indagine.

Ha iniziato con una teoria che ha seguito naturalmente dalle sue scoperte fino ad oggi: che le cavie, che, come abbiamo discusso all’inizio di questo capitolo, condividono il disordine genetico umano di avere praticamente nessuna capacità di produzione di vitamina C in vivo, avrebbe sviluppato depositi arteriosclerotici una volta sono stati messi su una dieta carente di vitamina C. Ha inoltre ipotizzato che se si analizzasse il “gesso” che si è depositato nelle pareti arteriose, si troverebbero le molecole di grasso appiccicose della lipoproteina (a).

Se la Scienza Medica assomigliasse a qualcosa di simile alla ricerca della Verità… se il Movente del Profitto non fosse la sfera più grande, più potente e più pesante nella costellazione dello Scienziato, il cui campo gravitazionale era così grande da deformare le orbite di tutti gli altri oggetti nella galassia dello Scienziato, Rath avrebbe potuto avere una possibilità. La Verità sarebbe trapelata e sarebbe stata abbracciata da una tradizione medica onorevole la cui considerazione primaria era il benessere dei suoi pazienti (cioè clienti, vittime e creduloni) e non il proprio arricchimento personale.

Ma, ahimè, questo non è e non era il caso. Come si è scoperto, Rath è stato in grado di dimostrare che una carenza di vitamina C – che negli esseri umani equivarrebbe a livelli molto al di sopra della “dose giornaliera raccomandata” – ha causato un indebolimento dei vasi sanguigni, simile allo scorbuto. I depositi di grasso, infatti, erano composti da colesterolo, lipoproteine (a), e altri fattori di rischio nel sangue. La malattia cardiovascolare si sviluppava “come una risposta inevitabile del nostro corpo per riparare le pareti dei vasi sanguigni indebolite dalla carenza di vitamine.” [16]

Le cavie che ricevono troppa poca vitamina C nella dieta sviluppano malattie cardiovascolari. IN BASSO: Le cavie che ricevono un’ottima vitamina C hanno arterie pulite. La medicina ortodossa, nella sua collusione con il business multimiliardario dei farmaci per il colesterolo dell’industria farmaceutica, non ha altra scelta che sopprimere questa scoperta e le sue numerose implicazioni. Far capire al pubblico la causa sottostante alla malattia coronarica causerebbe il crollo di un enorme centro di profitto per la medicina organizzata in Occidente. [16]

Come è stata accolta dalla medicina organizzata la miracolosa scoperta di Rath? È stata accolta in termini che si avvicinano a quelli di Pauling (“Ma qualunque cosa accada, non dimenticare mai che la tua scoperta è una delle più importanti scoperte della medicina”)?
Naturalmente no.

Rath e Pauling, per tutto il loro genio collettivo, non erano ancora in grado di vedere attraverso la narrazione comune. Sì, potevano vedere che, per usare le parole di Rath, la comunità medica era guidata da “avidità economica di proporzioni stratosferiche” [17], eppure si aggrappavano a nozioni irrazionali di impegno della scienza alla ricerca della Verità oggettiva – come gli scienziati politici esperti che, nonostante tutte le prove del contrario, si rifiutano di abbandonare la narrazione comune e di accettare che la democrazia è uno strumento cooptato del potere plutocratico e non ha nulla a che fare con l’adempimento della volontà del popolo – ma piuttosto è stata creata dall’élite per dare al popolo, la plebe, l’illusione di essere quella che comanda.

Quale significato potrebbero trovare persone del calibro di Pauling o Rath – o chiunque altro sacrifichi la propria anima nella ricerca di scoprire i segreti più profondi della vita – in un mondo in cui la scienza è riconosciuta come poco più di uno strumento di cooptazione per interessi potenti e monetizzati?
Sembrerebbe, molto poco.
E così, Pauling e Rath andarono avanti, raggiungendo il successo nel far pubblicare la loro ultima scoperta nei Proceedings of the National Academy of Sciences nel 1990.

L’agosto successivo (1990), Pauling e Rath parteciparono a un incontro sull’arteriosclerosi a Venezia, in Italia, dove “era presente l’intera crema dei ricercatori medici e degli opinionisti medici nel campo del colesterolo e delle malattie cardiache”. Rath fece la sua presentazione, annotando in poche frasi la scoperta sulla lipoproteina(a), la carenza di vitamina C e le malattie cardiache. Come ha risposto la conferenza?
“Da quel momento in poi, la conferenza non fu più la stessa. L’umore cambiò in quello di un funerale . . .

Anche all’interno dell’Istituto stesso di Pauling, l’umore all’interno dell’organizzazione era cupo. Quando alcuni ricercatori professarono apertamente il desiderio di lavorare con Rath in quella che, in superficie, sembrava essere una nuova ed eccitante area di ricerca scientifica, furono dissuasi dai loro colleghi. “Se lavorate con il dottor Rath, vi rovinerete la carriera”, furono avvisati. (18)

Pauling e Rath avrebbero dovuto cogliere l’allusione, ma non lo fecero. Continuarono con l’illusione che la scienza operasse su un piano di parità. Dopo aver pubblicato con successo due volte nei Proceedings, Pauling stesso tentò una terza pubblicazione, con il titolo “Soluzione al puzzle della malattia cardiovascolare umana: la sua causa primaria è la carenza di ascorbato che porta a un deposito di lipoproteina (a) e fibrina/fibrinogeno nella parete vascolare.”

Dopo alcune modifiche concordate, il redattore capo, con una mossa che violava le regole dell’accademia, decise di inviare il manoscritto ai revisori. Hanno rifiutato la pubblicazione del documento di riferimento con l’argomento: “Dal momento che non c’è un puzzle della malattia cardiovascolare, non ci può essere una soluzione a questo puzzle”.
( Traduzione: “Va bene, ragazzi – vi siete divertiti.

Ma ora è il momento di mettere la testa a posto. Siete davvero così pazzi? Avete un’idea del tipo di impatto economico che la nostra industria subirebbe se questo tipo di materiale venisse accolto positivamente dai comuni profani? Pensava davvero che sarebbe andato molto lontano con scoperte che avrebbero singolarmente silurato il mercato multimiliardario dei farmaci per l’abbassamento del colesterolo – e danneggiato anche molti dei nostri redditi personali? Seguite il programma!”

Questo non vuol dire che il complesso industriale medico non abbia almeno tentato di trarre profitto dalla scoperta di Pauling/Rath. L’hanno fatto. Nell’unico modo che conoscevano: con pratiche criminali di fissazione dei prezzi delle materie prime vitaminiche [19], mentre contemporaneamente creavano il “Codex Alimentarius” a livello internazionale, che avrebbe vietato qualsiasi indicazione sulla salute naturale in tutti i paesi membri dell’ONU, cioè in tutto il mondo. (È interessante notare che il comitato decisivo dell’ONU sugli integratori alimentari è guidato dal governo tedesco. “Non c’è da stupirsi: la Germania è il più grande paese esportatore di prodotti farmaceutici al mondo.” (20) . . . e questa battaglia è ancora in corso].

Non tutti coloro che hanno studiato il “fenomeno della soppressione della ricerca sulla vitamina C” non riescono a vedere inizialmente attraverso la narrazione comune. Uno di questi è il Dr. Stephen Sheffrey, che ha auto-pubblicato Vitamin C Under Attack: Unfair trials bombard high-dose benefits nel 2000. Un dentista di professione con un vivo interesse per la nutrizione (come Weston Price), Sheffrey ha deciso di scrivere sui benefici soppressi dell’assunzione di vitamina C ad alte dosi dopo che lui stesso ne aveva assunto 10 grammi o più al giorno per diversi anni – da 100 a 200 grammi al giorno durante i segni di malattia. Sapeva per esperienza personale e per le sue ricerche che la maggior parte degli avvertimenti pubblicati sui pericoli della vitamina C ad alte dosi erano esagerati, se non deliberatamente fuorvianti.

L’autore non presenta il suo materiale senza coprire i necessari e ben stabiliti avvertimenti. In particolare, i livelli di assunzione ortomolecolare di vitamina C (diciamo, in eccesso di uno o due grammi alla volta) sono risultati causare effetti collaterali fastidiosi nel 20% della popolazione: diarrea, disturbi intestinali, labbra screpolate, ecc. [21] Alcuni di quelli nel “campo del 20%” sono in grado di negoziare la loro strada attraverso un regime ad alte dosi, ma molti non lo sono.

Ma ciò a cui è sottoposto l’80% della popolazione mondiale in generale, che beneficerebbe di una maggiore assunzione di ascorba, è una massiccia disinformazione. Sheffrey divide il suo studio in base alla tattica utilizzata per spaventare il pubblico dal dosaggio più elevato: studi di prova deliberatamente ingannevoli, dosaggio inadeguato, dati falsificati su “effetti collaterali e sicurezza”, ecc.

A volte, anche di fronte agli sforzi ben orchestrati per screditare dosaggi più alti di un nutriente umano che avrebbe un effetto negativo sulle vendite farmaceutiche, la verità passa. (Esempio: l’ammissione del National Cancer Institute che di 46 studi epidemiologici che ha esaminato, in 33 c’era la prova di “trattamento statisticamente significativo dei tumori della bocca, esofago, stomaco, pancreas, seno, ano, colon e cervice.”) [22] Ma la stragrande maggioranza degli studi sui benefici di dosi più elevate di vitamina C, finanziati come sono da interessi acquisiti, utilizzano un menu coerente e prevedibile di metodi disinformativi per impedire al pubblico di realizzare i benefici.

Sommario: Ipoascorbemia e cancro
Come metafore per un’arte disfunzionale

La vitamina C è più di un’entità molecolare singolare con benefici nutrizionali noti. È una metafora del mondo naturale – in gran parte esistente dove gli alimenti che la contengono sono freschi, crudi e non cotti. Diminuisce rapidamente in potenza quando viene rimosso da quel mondo, ed è disprezzato e diffamato scientificamente a causa della minaccia che una comprensione più completa della sua funzione e del suo uso porterebbe agli interessi monetari. La sua assenza dalla dieta porta disadattamento . . . malattia . . . non in un brusco scoppio a basso dosaggio indotto dallo scorbuto come la medicina moderna vorrebbe farci credere, ma in fasi graduali man mano che ci allontaniamo da ciò che la natura ha predeterminato come ottimale.

Questa è ipoascorbemia.

Il cancro, come la vitamina C, è anche una metafora – ma in questo caso, sta per il contrario: deviazione dal mondo naturale. Un miscuglio di disturbi vagamente connessi, la parola stessa rappresenta il tentativo di ridefinire la natura e definire un insieme di condizioni da cui un pubblico ignaro può essere ingannato e non curato.
Studiando a fondo e completamente, potremmo, se lo volessimo, vedere il pasticcio irreparabile che la medicina è diventata con il solo studio di queste due metafore – sedute come sono agli estremi opposti di uno sguardo approfondito sulla civiltà.
Ma allora, perderemmo la prospettiva che viene con la comprensione del nostro passato – che viene con il vedere l’inevitabilità di quello con cui viviamo attualmente.

Nelle pagine precedenti abbiamo passato in rassegna le mie esperienze personali con approcci al cancro che hanno incontrato il “modello di soppressione”, e abbiamo esaminato uno dei casi più notevoli della storia recente – uno difficile da respingere anche dai più convinti difensori della medicina moderna.


Nel descrivere il “modello di soppressione”, siamo riusciti a identificare un sintomo sociale ricorrente – ma è possibile individuare la causa della malattia?

Questo, io credo – come detto all’inizio di questo capitolo – ci richiede di andare indietro nella storia, ai primi vagiti della nostra attuale età delle civiltà. Se c’è un “sistema operativo” globale che ha impostato il tono per il corso dell’umanità negli ultimi 6.000 anni circa (e credo che ci sia un’abbondanza di prove che ci sia), allora le “mimetiche culturali” di questo sistema operativo hanno reso inevitabili le atrocità mediche cui ora assistiamo? Certamente.

Ancora più importante, la nostra ricerca ci porta in un luogo dove emerge una chiarezza sulla “fine della civiltà” come la conosciamo. Possiamo raggiungere un punto in cui possiamo capire perché il sistema non può essere riparato. Può solo essere distrutto e poi ricostruito.

Vedendo questo possiamo raggiungere un punto nella nostra esplorazione in cui noi, per prendere in prestito da Spencer, abbiamo una cognizione dell’umanità . . . e non è tanto che non vogliamo la storia . . . piuttosto, avendo distillato la sua essenza, non ne avremo più bisogno.

Greg Caton

Fonte: Meditopia

Novità letteraria di Toba60 IL mondo non e’ quello che sembra Digita Qui

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code