toba60

Blackout dei Media dopo che il Testimone chiave Contro Assange Ammette di aver Mentito

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quando Julian Assang veniva arrestato e messo alla gogna per un reato che un comune mortale in qualsiasi paese al mondo avrebbe avuto il fermo di un giorno, tutti i media si sono prodiati a creare attorno a lui un immagine che era molto piu simile a quella di Al Capone che non quella di un libero cittadino, la cui colpa in definitiva e’ stata quella di aver dato un po di fastidio alle persone sbagliate. (Si fa per dire)

Ora che tutta la questione si e’ rivelata in definitiva una montatura hollywoodiana, tutto tace, nessuno parla, silenzio assoluto…..mi raccomando fate piano non e’ successo nulla….

stavano solo scherzando.

Toba60

Testimone chiave Contro Assange Ammette di aver Mentito

Come abbiamo sottolineato fin dall’inizio di Media Lens nel 2001, una caratteristica fondamentale dei media aziendali è la propaganda per omissione. Nell’ultima settimana, un esempio sbalorditivo ha evidenziato ancora una volta questa proprietà fondamentale.

Un testimone importante nel caso degli Stati Uniti contro Julian Assange ha appena ammesso di aver fabbricato accuse chiave nell’accusa contro il fondatore di Wikileaks. Queste rivelazioni drammatiche sono emerse in un ampio articolo pubblicato il 26 giugno su Stundin, un giornale islandese.

Il giornale ha intervistato il testimone, Sigurdur Ingi Thordarson, un ex volontario di WikiLeaks, che ha ammesso di aver fatto false accuse contro Assange dopo essere stato reclutato dalle autorità statunitensi. Thordarson, che ha diverse condanne per abusi sessuali su minori e frode finanziaria, ha iniziato a lavorare con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e l’FBI dopo aver ricevuto una promessa di immunità dalla persecuzione. Ha anche ammesso di continuare la sua serie di crimini mentre lavorava con le autorità americane.

La scorsa estate, i funzionari statunitensi avevano presentato una versione aggiornata della loro accusa contro Assange al giudice della Magistrate Court Vanessa Baraitser all’Old Bailey di Londra. La chiave di questo aggiornamento era l’affermazione che Assange aveva incaricato Thordarson di commettere intrusioni informatiche o hacking in Islanda.

Come riporta l’articolo dello Stundin:

Lo scopo di questa aggiunta all’atto d’accusa era apparentemente quello di rafforzare e sostenere l’accusa di cospirazione contro Assange in relazione alle sue interazioni con Chelsea Manning. Queste sono avvenute nello stesso periodo in cui lui risiedeva in Islanda e gli autori dell’atto d’accusa hanno ritenuto di poter rafforzare il loro caso affermando che era coinvolto in attività illegali anche lì.

Questa attività avrebbe incluso i tentativi di entrare nei computer dei membri del Parlamento [islandese] e registrare le loro conversazioni. Infatti, Thordarson ora ammette a Stundin che Assange non gli ha mai chiesto di hackerare o accedere alle registrazioni telefoniche dei parlamentari”.

La sentenza del giudice Baraitser del 4 gennaio 2021 era contro l’estradizione negli Stati Uniti. Ma l’ha fatto solo per motivi umanitari riguardanti la salute di Assange, il rischio di suicidio e le condizioni estreme che affronterebbe nella reclusione nelle prigioni americane.

L’articolo dello Stundin continua:

Per quanto riguarda le accuse reali formulate nell’atto d’accusa, Baraitser si è schierata con le argomentazioni del team legale americano, citando anche i campioni specifici dall’Islanda che ora sono seriamente messi in discussione. Altri elementi fuorvianti possono essere trovati nell’atto d’accusa, e successivamente riflessi nella sentenza del magistrato, basata sulle bugie ora ammesse di Thordarson”.

L’articolo dello Stundin dettaglia ulteriormente le bugie e gli inganni di Thordarson, compreso il fatto di essersi presentato come un rappresentante ufficiale di WikiLeaks mentre era un volontario nel 2010-2011, impersonando anche Assange, e sottraendo più di 50.000 dollari all’organizzazione.

Nell’agosto 2011, Thordarson è stato inseguito dallo staff di WikiLeaks per cercare di localizzare i fondi mancanti. Infatti, Thordarson aveva fatto in modo che il denaro fosse inviato al suo conto bancario privato, falsificando una e-mail a nome di Assange. Quel mese, Thordarson ha cercato una via d’uscita contattando l’ambasciata statunitense in Islanda, offrendo di essere un informatore nel caso contro Assange.

Stundin ha notato che:

Entro 48 ore un jet privato è atterrato a Reykjavik con circa otto agenti [statunitensi] che hanno rapidamente organizzato incontri con Thordarson e con persone dell’ufficio del procuratore di Stato islandese e il commissario della polizia di Stato”.

Ma si è scoperto che gli ufficiali statunitensi non avevano il permesso del governo islandese di operare nel paese e Ögmundur Jónasson, allora ministro degli interni islandese, ha ordinato loro di andarsene. Nel frattempo, l’FBI sarebbe stato complice di attacchi DDoS (distributed denial-of-service) sui siti web di diverse istituzioni governative islandesi. L’FBI aveva poi avvicinato le autorità islandesi, promettendo di assisterle nella prevenzione di eventuali attacchi futuri. In realtà, l’approccio era uno stratagemma per ingannare l’Islanda a cooperare nel tentativo di intrappolare Assange.

Jónasson ha detto che gli americani:

“stavano cercando di usare le cose qui [in Islanda] e le persone nel nostro paese per tessere una rete, una ragnatela che avrebbe catturato Julian Assange”.

I funzionari statunitensi hanno lasciato l’Islanda, volando in Danimarca, ma portando con loro il loro nuovo informatore e “testimone principale”, Thordarson.

Stundin ha riferito:

L’incontro in Danimarca è stato il primo di alcuni in cui l’FBI ha abbracciato con entusiasmo l’idea di cooperazione con Thordarson. Lui dice che volevano sapere tutto su WikiLeaks, compresa la sicurezza fisica del personale. Hanno preso il materiale che aveva raccolto, compresi i dati che aveva rubato dai dipendenti di WikiLeaks e hanno anche pianificato di mandarlo in Inghilterra con un microfono. Thordarson ha affermato nelle interviste di aver rifiutato quella particolare richiesta. Probabilmente perché non era più il benvenuto, poiché sapeva che la gente di WikiLeaks aveva scoperto, o stava per stabilire con certezza, che aveva sottratto fondi all’organizzazione”.

Tuttavia:

‘Dopo mesi di collaborazione l’FBI sembra aver perso interesse. Più o meno nello stesso periodo le accuse contro Thordarson si accumulavano presso le autorità islandesi per frode massiccia, falsificazioni e furto da un lato e per violazioni sessuali contro ragazzi minorenni che aveva ingannato o costretto ad atti sessuali dall’altro. Dopo lunghe indagini, Thordarson è stato condannato nel 2013 e nel 2014 e ha ricevuto sentenze relativamente clementi, poiché il giudice ha tenuto conto del fatto che ha cambiato la sua dichiarazione in tribunale e si è dichiarato colpevole di tutti i capi d’accusa”.

L’articolo continuava:

L’incarcerazione non sembra aver avuto l’effetto desiderato di fermare Thordarson dal continuare la sua vita criminale. In realtà è decollato e si è espanso in estensione e portata nel 2019, quando il DoJ [Dipartimento di Giustizia] dell’era Trump ha deciso di rivisitarlo, dandogli uno status formale di testimone nel processo contro Julian Assange e concedendogli in cambio l’immunità da qualsiasi accusa”.

Un ‘sociopatico’ che ‘ha mentito per ottenere l’immunità

Sotto il presidente Obama, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti aveva deciso di non incriminare Assange, nonostante avesse dedicato enormi risorse per costruire un caso contro di lui. L’ostacolo era il “problema del New York Times”: la difficoltà di distinguere tra le pubblicazioni di WikiLeaks e quelle del NYT dello stesso materiale. In altre parole, perseguire WikiLeaks avrebbe comportato gravi rischi per il Primo Emendamento anche per media “rispettabili” come il NYT.

Ma questo è cambiato dopo che Trump è entrato in carica. Stundin ha spiegato:

Il procuratore generale nominato dal presidente Donald Trump, William Barr, non ha condiviso queste preoccupazioni, e nemmeno il suo vice nominato da Trump, Kellen S. Dwyer. Barr, che ha affrontato severe critiche per aver politicizzato il DoJ per conto del presidente, ha fatto rotolare la palla sul caso Assange ancora una volta.

La loro argomentazione era che se avessero potuto provare che era un criminale piuttosto che un giornalista, le accuse sarebbero rimaste, e qui la testimonianza di Thordarson sarebbe stata la chiave. ‘Nel maggio 2019 a Thordarson fu offerto un accordo di immunità, firmato da Dwyer, che gli garantiva l’immunità dall’accusa in base a qualsiasi informazione su azioni illecite che avevano su di lui.

L’accordo, visto per iscritto da Stundin, garantisce anche che il DoJ non avrebbe condiviso nessuna di queste informazioni con altre agenzie giudiziarie o di polizia. Questo includerebbe quelle islandesi, il che significa che gli americani non condivideranno le informazioni sui crimini che potrebbe aver commesso minacciando gli interessi della sicurezza islandese – e gli americani apparentemente ne avevano un sacco, ma negli anni non sono riusciti a condividerle con le loro controparti islandesi”.

L’offerta di Thordarson di un accordo di immunità è arrivata il mese successivo alla rimozione forzata di Assange dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra, molto probabilmente con la connivenza degli Stati Uniti, e la successiva incarcerazione nella prigione di alta sicurezza di Belmarsh.

Non è chiaro dall’articolo dello Stundin perché Thordarson ha ora deciso di confessare. Ma i giornalisti dello Stundin hanno notato che una valutazione psichiatrica che era stata presentata a un tribunale islandese prima della sua condanna lo ha diagnosticato come un sociopatico:

“incapace di rimorso ma ancora penalmente colpevole per le sue azioni. È stato valutato in grado di capire la differenza di base tra giusto e sbagliato. Sembrava solo che non gli importasse”.

In un nuovo pezzo del blog che discute queste rivelazioni, Craig Murray, che aveva riferito dall’Old Bailey durante l’udienza di estradizione di Assange, ha fatto riferimento all’ultimo giorno del procedimento. Il magistrato Baraitser ha rifiutato di accettare un affidavit dell’avvocato di Assange, Gareth Peirce, che affrontava l’accusa aggiornata con la motivazione che era fuori tempo:

L’affidavit spiegava che la difesa non era stata in grado di rispondere alle nuove accuse del secondo atto d’accusa sostitutivo del governo degli Stati Uniti, perché queste questioni del tutto nuove erano state sollevate solo sei settimane prima della ripresa dell’udienza l’8 settembre 2020. La difesa non solo ha dovuto raccogliere prove dall’Islanda, ma non ha praticamente avuto accesso ad Assange per raccogliere le sue prove e istruzioni, dato che era effettivamente in isolamento a Belmarsh. La difesa aveva chiesto un rinvio per dare loro il tempo di affrontare le nuove accuse, ma questo rinvio era stato rifiutato da Baraitser. ‘Ora ha rifiutato di accettare l’affidavit di Gareth Peirce che espone questi fatti’.

Anche prima che l’articolo dello Stundin fosse pubblicato cinque giorni fa, la testimonianza di Thordarson avrebbe già dovuto essere riconosciuta come sospetta, a dir poco. Come WikiLeaks ha notato l’anno scorso:

Il “testimone chiave” del nuovo atto d’accusa sostitutivo è un sociopatico diagnosticato / truffatore condannato / abusatore di bambini / informatore dell’FBI che è stato trovato colpevole in Islanda di impersonare #Assange’.

Le recenti rivelazioni di Stundin che l’accusa aggiornata degli Stati Uniti contro Assange si basa su bugie ora ammesse, significa che il caso dell’FBI è dimostrabilmente una farsa.

L’analista politico statunitense Gareth Porter ha notato:

E’ ora più chiaro che mai che l’accusa statunitense contro #Assange è basata sulla frode. Un accusatore chiave ammette di aver mentito per aiutare a incastrare Assange. Di quante prove ha bisogno il Dipartimento di Giustizia per fermare questo abuso di potere criminale?”.

Come il famoso whistleblower statunitense Edward Snowden ha twittato:

Questa è la fine del caso contro Julian Assange”.

O, come il giornalista Glenn Greenwald ha seguito, più realisticamente:

‘Dovrebbe esserlo’.

Jennifer Robinson, un avvocato per i diritti umani che assiste Assange e WikiLeaks dal 2010, ha detto a Democracy Now:

La base fattuale di questo caso è completamente crollata”.

La Robinson ha sottolineato che:

Le prove di Thordarson che sono state fornite agli Stati Uniti e hanno costituito la base del secondo atto d’accusa, comprese le accuse di hacking, sono state ora, per sua stessa ammissione, dimostrate essere state fabbricate [corsivo nostro]. Non solo ha travisato il suo accesso a Julian Assange e a WikiLeaks e la sua associazione con Julian Assange, ora ha ammesso di aver inventato e falsamente travisato agli Stati Uniti che c’era qualsiasi associazione con WikiLeaks e qualsiasi associazione con l’hacking. Quindi, questa è solo l’ultima rivelazione per dimostrare perché il caso degli Stati Uniti dovrebbe essere abbandonato’.

Robinson ha ampliato:

E’ significativo che l’accusa iniziale per Julian Assange riguardava solo le pubblicazioni del 2010, 2011, le pubblicazioni di Chelsea Manning. E’ stato un secondo atto d’accusa supplementare, introdotto dall’amministrazione Trump, che si basava sulle prove di Thordarson [enfasi nostra].

Ora, qualsiasi avvocato e anche qualsiasi profano starebbe guardando le prove di un criminale condannato, che è stato condannato per falsificazione, frode e accuse di abusi sessuali associati a minori. Questa è una fonte problematica. Ora abbiamo lui che ammette di aver mentito all’FBI su quelle prove.

Questo solleva serie preoccupazioni circa l’integrità di questa indagine e l’integrità di questo procedimento penale, e si dovrebbero porre serie domande all’interno del Dipartimento di Giustizia su questo procedimento e sul fatto che stia continuando”.

Il titolo dell’articolo che accompagna l’intervista di Robinson lo mette in modo succinto:

“Il caso degli Stati Uniti contro Julian Assange crolla, perché il testimone chiave dice che ha mentito per ottenere l’immunità”.

Tumbleweed nel ‘MSM

Ma tutto questo sembra non interessare i media ‘mainstream’. Non abbiamo trovato un solo rapporto da nessuna emittente o giornale ‘serio’ del Regno Unito. Il giornalista Matt Kennard, capo delle indagini di Declassified UK, ha osservato due giorni dopo che la storia è scoppiata:

‘Non credo che un solo giornale statunitense o britannico abbia riportato la notizia. La stampa libera è incredibile”.

Diversi giorni dopo, il silenzio dei media ‘mainstream’ è davvero notevole. Come abbiamo osservato via Twitter:

La disciplina, o la cecità, di ignorare i fatti scomodi è una caratteristica affidabile del “giornalismo” aziendale”.

Naturalmente, è possibile che ci siamo persi qualcosa, da qualche parte nel ‘MSM’; forse un breve articolo alle 3 del mattino sul BBC World Service. Ma in un mondo sano, le rivelazioni di Stundin su un testimone chiave di Assange che Thordarson ha mentito in cambio dell’immunità dall’accusa sarebbero state una notizia da prima pagina ovunque, con un’ampia copertura mediatica su BBC News at Six e Ten, ITV News, Channel 4 News, storie da prima pagina sul Times, Telegraph, il Guardian e altro. Il silenzio è davvero straordinario; e inquietante. Caitlin Johnstone lo ha descritto come uno ‘strano, inquietante blackout dei media’:

Non un solo importante media occidentale al di fuori dell’Islanda ha riferito di questa massiccia e del tutto legittima notizia. Una ricerca porta alla copertura dei media islandesi, di quelli russi e di quelli occidentali più piccoli come Democracy Now, World Socialist Website, Consortium News, Zero Hedge e alcuni altri, ma al momento in cui scrivo questa storia è stata completamente ignorata da tutti i principali media che sono apparentemente responsabili dell’informazione del pubblico nel mondo occidentale”.

Johnstone ha continuato:

Non è che quei punti vendita abbiano ignorato del tutto Assange in questi ultimi giorni. Reuters ha recentemente pubblicato un’intervista con la fidanzata di Assange, Stella Moris. L’Evening Standard ha un articolo recente sui piani di Assange di sposare Moris a Belmarsh, così come la Deutsche Welle. È solo questa storia in particolare che hanno oscurato completamente”.

Ha offerto una spiegazione per il silenzio dei media:

“stanno tutti generalmente seguendo l’esempio di una manciata di pubblicazioni di alto livello come il New York Times, il Washington Post, il Wall Street Journal e il Guardian. Se solo queste poche testate decidono di ignorare una notizia importante che è scomoda per i potenti (per persuasione, infiltrazione o per propria iniziativa), allora nessun altro lo farà. Per quanto riguarda il pubblico che consuma i media, è come se la notizia principale non fosse mai accaduta”.

Più fondamentalmente:

I mass media occidentali sono propaganda. Sono posseduti e controllati da persone ricche in coordinamento con le agenzie governative segrete incaricate di preservare l’ordine mondiale su cui i plutocrati proprietari dei media hanno costruito i loro regni e il loro scopo è quello di manipolare il modo in cui il pubblico tradizionale pensa, agisce e vota per allinearsi con i programmi della classe dominante.

Si vede questa propaganda nel modo in cui le cose sono riportate, ma la si vede anche nel modo in cui le cose non sono riportate. Intere storie di notizie possono essere completamente redatte dall’attenzione del mainstream se sono sufficientemente scomode per i meccanismi dell’impero, o permesse solo attraverso piattaforme come Tucker Carlson Tonight e quindi contaminate e filate come ridicole teorie cospirative di destra”.

Le nostre cortesi sfide a Paul Royall, direttore di BBC News at Six and Ten, e a Katharine Viner, direttore del Guardian, sono rimaste senza risposta, nonostante i molteplici retweet e le successive domande di altri utenti di Twitter. Naturalmente, questa è la non-risposta standard anche dei “migliori” media statali e corporativi a domande scomode.

Come abbiamo spesso osservato, i media dell’establishment avvertono incessantemente della natura insidiosa delle ‘fake news’: un’affermazione che ha un seme di validità. Ma sono gli stessi media statali e corporativi ad essere i principali fornitori di fake news. Come ha commentato Tim Coles, autore di ‘Real Fake News’:

Ogni volta che le persone al potere ti dicono che le fake news stanno minando la democrazia, in realtà intendono dire che le fonti di informazione alternative stanno sfidando la loro presa sul potere”.

Infatti, la componente più pericolosa delle fake news del MSM è probabilmente la propaganda per omissione. Nelle cosiddette ‘democrazie’, il pubblico non può prendere decisioni informate e intraprendere azioni appropriate…..

quando i crimini delle élite al potere sono tenuti nascosti da media complici.

DC

Fonte: medialens.org

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code