toba60

Femminismo: Una Catastrofe?

Views: 240

E’ un tema quello legato al femminismo che in questo momento passa in secondo piano considerate le priorità’ mediatiche in atto attualmente, quello che sfugge e’ che il punto intermedio fondamentale per dare atto a tutto ciò’ che sa avvenendo ora, e’ dato proprio da questo fenomeno rivendicativo delle donne, che non solo ha disgregato la famiglia tradizionale, ma ha letteralmente tagliato in due ogni principio di solidarietà, creando una divisione che si e’ culturalmente trasmessa in ogni settore della vita quotidiane.

La mancanza di punti di riferimento, sono presupposti fondamentali per indurre le persone ad agire appoggiandosi incondizionatamente ad una qualsiasi entità’, che sia televisiva o stabilizzata di conseguenza attraverso i paradigmi sociali che si sono consolidati attraverso uno stile di vita talmente cambiato, che ha inevitabilmente condizionato il modo di pensare e di agire in funzione di un sistema creato ad arte per dare il via ad un sonno collettivo che ora e’ davanti ai nostri occhi.

Le dinamiche umane seguono un corso che e’ facile da condizionare, basta interferire li dove non si presta attenzione, i valori che hanno dato origine al femminismo sono stati un facile strumento nelle mani di un élite molto capace, che ha dato input ad un seguito che nelle intenzioni era molto alettante e giustificato, ma il seguito ha fatto si che ogni evoluzione della protesta abbia rappresentato il fondamento per una disgregazione collettiva che ora paghiamo a carissimo prezzo.

Le Donne in questo momento rappresentano oltre l’80% tra coloro che seguono il Magazine di Toba, sono molto attente a tutto quello che succede e al contrario di quello che e’ luogo comune pensare rappresentano una parte molto più’ intraprendente e attiva rispetto ai maschi in ambito sociale, nel prosieguo della lettura ci sono tutti i dettagli utili per comprendere come tutto ciò’ sia potuto accadere in un mondo apparentante dominato dagli uomini.

Dietro un Grande Uomo c’è sempre una grande Donna solo che non verra’ mai nominata, e sara’ per sempre una figura anonima che in realtà’ ha cambiato il mondo all’insaputa di tutti.

Toba60

Il Femminismo come mai te lo hanno spiegato

Stiamo dicendo addio alla vita familiare tradizionale e il femminismo è solo un pasticcio nel carburatore?

L’implementazione del femminismo è distruttiva per la società nel suo insieme? È direttamente dannoso per l’individuo e per la struttura familiare naturale e vitale da cui dipende l’individuo per svilupparsi in un essere umano sano, sano e felice? O il femminismo è stato un cambiamento di successo in meglio?

Di seguito, non torneremo indietro nel tempo per scoprire gli iniziatori e le loro motivazioni, ma guarderemo alcuni degli effetti che ho osservato dalla cosiddetta liberazione delle donne.

L’obiettivo della lotta delle donne è, come viene promosso, che le donne abbiano gli stessi diritti degli uomini. Affinché il femminismo ottenga sostegno, dovrebbe necessariamente avere argomenti interessanti per il gruppo target principale: le donne. In secondo luogo, quando un numero sufficiente di donne era convinto, queste potevano influenzare gli uomini, in modo che gli uomini potessero aiutare a introdurre il femminismo nella società.

Sulla base dell’argomento secondo cui la donna era oppressa e discriminata negativamente, il femminismo presentava la donna come una vittima. Se è una vittima, di solito c’è un molestatore e un oppressore. All’uomo è stato assegnato il ruolo di aggressore / oppressore. Poiché il governo formale della società era nelle mani degli uomini, anche il sistema attraverso il quale l’uomo governava la società divenne un obiettivo di cambiamento. La modifica del sistema non viene discussa qui.

Una serie di conseguenze del femminismo, dopo più di 100 anni di lavoro, sono chiare. Le domande attuali sono: quali cambiamenti strutturali abbiamo sperimentato nella società e nella vita familiare? Quali cambiamenti ha avuto il femminismo per l’individuo? Il femminismo dimostra che non è solo dannoso per le donne anche a lungo termine, ma anche distruttivo per la famiglia e quindi la società nel suo insieme?

Donne e lavoro

Le donne contribuiscono al reddito della famiglia da tempo immemorabile. Non era raro in Norvegia all’inizio del XX secolo, e prima ancora, che contribuissero con una parte consistente attraverso la vendita della propria produzione a casa; cucito, lavoro a maglia, decapaggio, assistenza all’infanzia, prodotti agricoli, ecc. A quel tempo, i soldi andavano direttamente tra acquirente e venditore e direttamente nella famiglia. Lo stato non ha ricevuto un pezzo di torta, nemmeno le briciole.

Oggi, parte del reddito delle donne derivante dalla sua produzione di lavoro è preso dallo Stato. Questo riempie il Tesoro con miliardi di corone. Più donne sono senza lavoro, maggiore è il reddito statale. Quando questo reddito è stato reso indispensabile, è nell’interesse dello Stato impedire attivamente alle famiglie, attraverso leggi e regolamenti, di trovare un’opportunità finanziaria per avere una madre / moglie che lavora da casa.

Nella visione del femminismo, essere una casalinga è stato promosso come pensiero inferiore, oppressivo e fossile. Le donne erano persuase a credere che lavorare fuori casa facesse parte di uno “sviluppo sociale moderno”. Mi chiedo se la stessa generazione di donne avesse raccolto conseguenze positive dalla struttura familiare esistente, individualmente nella loro educazione e anche socialmente?

Lanciando qualcosa che funziona, per sperimentare, c’è il rischio di perdere ciò che hai. Forse c’era una buona ragione per cui c’era una tale divisione del lavoro tra i sessi, e forse c’è una ragione per cui forze forti volevano il cambiamento? Solo la definizione di “vita lavorativa” come nell’espressione “fuori nella vita lavorativa” suggerisce che il corretto lavoro in casa è sottovalutato. Forse la cosa più corretta sarebbe stata dire: “nella vita lavorativa” perché si esce “di casa”?

Se le donne delle generazioni precedenti hanno lottato e hanno avuto lunghe giornate di lavoro fisicamente impegnative, oggi non è da meno, forse al contrario. La novità è che molte donne sono così stressate e sotto pressione da più angolazioni, nell’esibirsi, che le hanno portate ad essere esauste e ad affrontare il muro più spesso di prima.

L’esigenza di essere all’altezza delle aspettative ha fatto sì che molti siano sul punto di collassare per l’esaurimento e ricorrono a sigarette, prodotti farmaceutici sedativi o qualche bicchiere in più, per intorpidire lo stress e poter tenere la maschera. La realizzazione della perduta padronanza del successo, la sconfitta del mancato raggiungimento degli obiettivi e la costante paura di essere “rivelato”, poiché chi non gestisce i fuochi come una palla di gomma, ed è sul punto di gettare la spugna, può facilmente portare ad ansia e depressione. È così che diventa un circolo vizioso, che va oltre l’intera famiglia.

Il duro lavoro di per sé non porta alla depressione, ma ti impegni più di quanto padroneggi e per cui hai tempo. Prima del femminismo, le donne potevano controllare il proprio orario di lavoro e le pause di riposo, ora non c’è più scelta. Vale il prezzo dell’uguaglianza?

Donne e soldi

Il potere d’acquisto indipendente delle donne ha aumentato formidabilmente le entrate dello stato attraverso l’IVA su beni e servizi. Con un consumo di beni più elevato che mai, qualsiasi declino sarà visto come una minaccia per gli interessi dello Stato e delle imprese e per la loro dipendenza dal reddito, dall’occupazione e dalla crescita.

La vittoria del femminismo nell’inserimento di tutte le donne nella vita lavorativa ha significato che la famiglia ha due individui che devono decidere le priorità, invece di un capofamiglia principale, come spesso accadeva prima.

Sebbene ci siano molte varianti di accordi finanziari che le coppie scelgono per la loro famiglia, ciò ha innegabilmente facilitato maggiori conflitti interni e disaccordi. Le aziende che hanno qualcosa da vendere hanno utilizzato a lungo il potere d’acquisto indipendente delle donne. La pubblicità ha utilizzato la stessa tattica, come il metodo del femminismo, per far emergere l’ego delle donne: “Perché ne vali la pena”.

Quando il valore è posto all’esterno, per irradiare la massima fiducia in se stessi possibile, diventa un’eterna lotta per essere al livello più alto. Un’aspettativa immaginaria che le donne stesse possono avere è che devono essere sempre belle e presentabili. Le donne nel mezzo competono per apparire al meglio e nel processo dimenticano che tipo di segnali vengono inviati alle loro figlie.

Con più rapporti monogami divorziati, single e serie più brevi, che aumentano la disponibilità di potenziali nuovi partner, è presente anche la pressione per mantenere lo stesso interesse del partner. È così in una società competitiva. Le figlie imparano dalle loro madri e si prendono cura di loro. Le giovani figlie imparano cosa definisce il loro valore in termini di mezzi per realizzarsi. Senza soldi per i vestiti nuovi giusti o quanto costa partecipare a qualcosa, è difficile per loro sentire che stanno resistendo. Può creare sconfitte per molti.

È questo un effetto collaterale calcolato del femminismo, che le donne vogliono?

Donne e debiti

Con un reddito indipendente, le donne sono diventate anche un gruppo di clienti completamente nuovo per banche e istituti di credito. Dando alla donna l’opportunità di contrarre un prestito, l’indipendenza delle donne è stata ulteriormente ampliata. Ora la donna potrebbe acquistare più facilmente la propria casa e avviare un’attività in proprio senza l’uomo.

Quando le donne diventano finanziariamente indipendenti, non è più urgente trovare un compagno di vita. Affinché possa ottenere un lavoro ben retribuito, deve avere un’istruzione che costa denaro, che deve essere rimborsata (prestito scolastico). Gli anni in cui la donna prende l’istruzione sono gli stessi anni in cui il suo corpo è più adatto per avere figli. Questo periodo di tempo è stato rubato a lei e al marito, affinché lei possa qualificarsi per un lavoro.

Quando ha un lavoro e dei figli e deve bilanciare due compiti contemporaneamente, il rischio di divorzio aumenta. Una famiglia è divisa in due nuclei familiari. Più prestiti per la banca e più lavoro per le due famiglie in modo che possano gestire finanziariamente. Le donne prendono prestiti in banca, il che a sua volta la obbliga a lavorare. Più costoso è il prestito, più dovrà lavorare. Se non hai un prestito, non devi lavorare per coprire debiti e interessi.

Quindi, con indipendenza e libertà finanziaria, la donna, attraverso i prestiti, è davvero diventata più libera e indipendente? La dipendenza da un datore di lavoro e da una banca è preferibile alla dipendenza da un uomo, che lei dovrebbe amare in primo luogo? Sono gli uomini che opprimono, o è il denaro (debito), il datore di lavoro e lo stato che lo fanno?

Donne e ambizioni

Il femminismo ha giocato sul fatto che il valore delle donne deriva dall’autorealizzazione. Il valore delle donne come ruolo nutriente, amorevole, solidale ed enormemente importante come madre, presente ai loro figli, è sistematicamente opposto o trascurato come la prima priorità.

Il valore delle donne come compagne di vita per i loro mariti, sostenendo e incoraggiando i loro mariti nel suo lavoro e nel raggiungimento degli obiettivi nella società, è contrastato, dalla donna che compete nella sua arena, attraverso le sue ambizioni nella vita lavorativa.

Le qualità importanti che portano una casa, con le faccende domestiche quotidiane, sono minate e quasi invisibili sulla scala dello stato. Il compito è quasi considerato inutile, anche perché lo Stato, attraverso il regime pensionistico, non ha pienamente riconosciuto questo compito. Questo fattore può quindi diventare un compito senza una persona chiara in carica e il germe di una battaglia su chi fa di più e di meno.

Le qualità della donna nell’aiutare l’uomo a concentrarsi sul proprio lavoro, occupandosi dei compiti domestici e femminili, sono disprezzate per essere un lavoro schiavo opprimente nella propaganda del femminismo. Se la donna avesse ripreso la casa come suo lavoro principale e ne avesse fatto la sua prima priorità, la donna stessa sarebbe stata in grado di elevare lo status di questo lavoro? Dopo un duello, di solito rimane un vincitore.

Vogliamo che l’uomo o la donna perdano, in nome del femminismo? O è l’intenzione che i due sessi cooperino e si completino a vicenda, dove entrambi utilizzano le loro precondizioni a beneficio della comunità e della famiglia?

Donne e Arene pubbliche

Entrando nell’arena pubblica del governo sociale da parte delle donne, l’atmosfera consolidata viene rimossa, il che ha facilitato che gli uomini potessero essere uomini alle loro condizioni, dove i ragazzi e gli uomini più giovani imparavano dagli anziani. Gli uomini sarebbero stati meglio serviti discutendo il loro compito principale, che è quello di garantire un paese e una società sicuri, famiglie stabili e assicurarsi che donne e bambini stiano bene, nel “proprio spazio”?

Con l’ingresso del femminismo nella struttura e negli affari dello Stato, attraverso, tra le altre cose, le quote di genere legali, viene inviato il segnale che indebolisce la fede e la fiducia nella capacità dell’uomo di prendere decisioni in una delle aree di responsabilità più importanti dell’uomo: la protezione delle donne e dei bambini. Questo mina la capacità dell’uomo.

È ancora possibile avere organizzazioni e associazioni in cui le donne parlano per gli interessi delle donne e delle famiglie che possono essere consultate prima di decisioni e decisioni. Poiché le donne hanno autorità nelle posizioni di potere nazionali, le caratteristiche naturali degli uomini sono rimascolate.

La difesa è un’arena di questo tipo, dove le donne come soldati da combattimento non solo possono accontentarsi di avere solo le loro caratteristiche femminili, ma devono adottare le caratteristiche e il comportamento degli uomini per adattarsi.

Sarebbe sbagliato che la difesa di un paese fosse indebolita perché gli uomini devono farlo. adattarsi alle donne sul posto di lavoro. Non c’è nessuno nel paese da cui trarre vantaggio e almeno non le donne stesse.

Violenza contro le donne, c’è un accordo che non dovremmo avere, ma che le donne nelle forze armate dovrebbero essere esposte ad atti di violenza, o addirittura uccidere e mutilare durante le missioni di guerra, va bene? Dov’è la logica in questo?

Le donne e il ruolo della madre

Con meno ore trascorse con i propri figli, qualcun altro deve necessariamente assumersi la supervisione e la cura. Quindi lo stato ha disposto che si assuma la responsabilità mentre la madre è al lavoro. Con diverse generazioni cresciute, con diverse ore con lo stato come baby sitter ed educatrice, chiunque abbia sperimentato la scuola non potrà negare che sei influenzato, direttamente o indirettamente, dai valori che ottieni essendo lì.

La scuola ha un’enorme disuguaglianza tra insegnanti e insegnanti all’interno . Affinché i ragazzi imparino le qualità maschili, sono necessarie influenza e autorità maschili.

Quando i ragazzi hanno insegnanti che li governano, la naturale autorità maschile che manca alle donne potrebbe essere una ragione per una mancanza di disciplina in classe. Gli insegnanti non hanno l’identità e le qualità che i ragazzi cercano e necessitano naturalmente. Gli insegnanti hanno quindi un’influenza importante sullo sviluppo dell’identità di genere per i ragazzi.

Le ragazze impareranno dalle insegnanti donne le qualità femminili e dagli insegnanti l’autorità naturale maschile. Ragazzi e ragazze impareranno le differenze necessarie per loro come futuri uomini e donne per essere in grado di lavorare insieme, mostrare rispetto per i punti di forza naturali dell’altro e completarsi a vicenda, invece di competere. La disgregazione familiare ha portato più bambini che mai a crescere con un solo genitore.

Nel divorzio, il femminismo ha favorito la donna a diventare il genitore principale e ad avere la responsabilità principale per i bambini, nella maggior parte dei casi. I bambini che crescono senza l’influenza e la presenza di un padre, a meno che non abbiano un altro uomo sano come modello nel loro ambiente immediato, rischiano di avere una carenza essenziale nella loro personalità, che può richiedere anni per riparare o risolvere, se il bambino è adulto una volta riesce a vedere il difetto e capire la connessione.

Le ragazze che crescono hanno bisogno di un padre per mostrare come dovrebbe essere un uomo a sua moglie e per insegnare a sua figlia la selettività del suo futuro marito, basata sulle giuste qualità e attitudini per mettere su famiglia.

Le ragazze possono imparare dal padre che l’uomo è il leader e assumersi la responsabilità. Un padre può trasmettere che la figlia dovrebbe scegliere un uomo che vede il valore nelle sue qualità di buona moglie (fede nella casa) e una buona madre, che si prenderà cura di lei. Che dovrebbe scegliere un marito che costruirà una famiglia solida e sana, dove proteggerà lei ei loro figli.

Un ragazzo ha bisogno di un padre per mostrare come in pratica essere un forte protettore della famiglia, un risolutore attivo di problemi e un fornitore. Un ragazzo ha bisogno di sperimentare come un uomo adulto è in relazione a sua moglie, in modo che sappia come comportarsi in relazione alla sua futura moglie. Vedendo sua madre a casa con suo padre, impara l’interazione e la divisione dei ruoli tra di loro. Un ragazzo che cresce senza avere un padre in una situazione familiare sarà nel migliore dei casi insicuro e nel peggiore non avrà un’idea di ciò che comporta il ruolo maschile in una relazione familiare.

I ragazzi dovrebbero imparare dal padre ad assumere il controllo e la responsabilità e come essere un uomo tra gli uomini. Un breve periodo intensivo come una visita nel fine settimana e un paio di settimane di vacanza, non può sostituire la presenza quotidiana in una situazione familiare, dove i bambini copiano il comportamento dei genitori nei piccoli e grandi eventi della vita quotidiana.

Quelle donne che, per motivi egoistici, decidono di acquistare un figlio, mediante donazione di sperma e madre surrogata, perché mancano di un uomo e pensano di poterne fare a meno, infliggono deliberatamente problemi di identità al bambino. Quando due uomini gay credono che un bambino non abbia bisogno di una madre presente, sono solo le loro volontà egoistiche e la felicità che vengono prima, non ciò che è meglio per il bambino e la società. Come possono due donne che con intento programmato rinunciano al figlio un padre, pensare che un bambino possa crescere normalmente con due madri?

La realtà è che ora arriva un’intera generazione di adulti disfunzionali, che non sono in grado di funzionare in una relazione con il sesso opposto, o di far fronte a una situazione familiare, grazie alla vittoria del femminismo nella scissione e distruzione della struttura familiare.

I figli divorziati, che hanno figli loro stessi, sono spesso più determinati ad avere una vita familiare funzionante, basata sulla sconfitta dei genitori. Molte persone non capiscono che le possibilità di fallimento sono alte, a meno che non siano molto consapevoli di ciò che mancava nella loro educazione. Gli errori si ripetono per ogni generazione, dove ormai è rimasta a malapena una famiglia o una famiglia che non abbia subito un divorzio. L’aumento delle crisi familiari e il numero di bambini con un genitore sono qualcosa di cui le femministe sono orgogliose?

Donne e uomini

Quando il femminismo rende gli uomini e i loro domini nemici delle donne, l’ego della donna si contrappone a quello dell’uomo. Le donne sono state indottrinate a rivendicare un diritto che a lungo andare è autodistruttivo, senza che loro ne fossero nemmeno consapevoli. La conseguenza del fatto che i loro requisiti siano soddisfatti non è sempre nel loro interesse a lungo termine. Qui sta la debolezza naturale delle donne, poiché l’istinto naturale degli uomini è quello di guardare oltre e pensare a alternative strategiche.

Dal punto di vista della creazione, c’è una naturale disuguaglianza tra uomo e donna, che completandosi a vicenda forma un’unità, che può lavorare a beneficio di entrambi. Il femminismo vuole cancellare questa differenza, mettendole l’una contro l’altra, usando argomenti di donne facilmente argomentati sull’autostima e la realizzazione di sé, venduti dalle femministe stesse.

Il femminismo crea divisione e dominio, non un’unità amorevole ed edificante. L’unità e il senso di comunità tra uomo e donna è sotto attacco dall’esterno, da una filosofia politica ed economica, ma questo è frainteso dalla coppia stessa, poiché la coppia è portata a credere che ci sia una relazione mal funzionante con disaccordi nella definizione delle priorità, organizzazione di vita quotidiana, alloggio, bambini e finanze. La guerra tra i sessi è ciò di cui abbiamo bisogno e che vogliamo, poiché tutti sappiamo che la guerra porta distruzione e danni irreparabili?

Il femminismo coltiva non solo atteggiamenti e modi di agire maschili, ma anche la mascolinità fisica esterna nelle donne. Ciò avviene mediante metodi di interazione e da molti fronti in parallelo. L’industria della moda, l’industria cinematografica, la pubblicità, le serie TV, i libri, ecc.

Le ragazze e le donne sono ritratte come puttane volgari, o come donne “mascoline”, che sopraffanno gli uomini. Le relazioni sciolte, in cui l’attrazione sessuale è l’elemento principale di una relazione, stanno diventando sempre più comuni da ritrarre rispetto a una relazione basata su valori familiari fondamentali comuni. L’attenzione si concentra sulla romanticizzazione emotiva e sulla superficialità.

Oggi è raro vedere la galante cortesia, con dignità e timidezza, che veniva mostrata nei film girati tanti anni fa. Ragazzi e giovani uomini sono ora serviti modelli di ruolo dall’industria culturale sotto forma di uomini femminizzati. La rugosità e gli uomini naturali sono praticamente assenti.

I modelli di ruolo per i ragazzi sono ora volti rasati come le natiche dei bambini, truccati e incipriati, con gelatina e lacca per capelli, con un’espressione femminile e impotente di debolezza, dove non sembra che sappiano a testa in giù su un righello, solo la bottiglia di gelatina.

Le ragazze / giovani donne si sono improvvisamente rese conto che i capelli sul corpo di un uomo sono disgustosi. Di conseguenza, gli uomini hanno rinunciato volontariamente alla loro durezza, che caratterizza l’essere un uomo, radendosi il petto e altrove. Il femminismo è un ingrediente all’ordine del giorno come i gay e gli uomini femminizzati, senza essere necessariamente amici.

Androgyny è stato promosso molto tempo fa: Greta Garbo del film in abito, cravatta e cappello da uomo, il bisessuale David Bowie in abito femminile attillato e trucco, i travestiti norvegesi degli anni ’80 Great Garlic Girls e la signora con la barba che ha vinto l’Eurofestival.

L’uso di metodi di trattamento shock per rompere costantemente i tabù nello spazio pubblico è ormai diventata una tattica ben nota per alcuni per cambiare l’opinione pubblica. Le persone sono diventate così smemorate nel ricordare quale era un comportamento accettabile alcuni anni fa, da percepire le volgarità odierne come normali?

Sembra che ciò che prima era inaudito, nauseante e maleducato oggi sia accettato e quasi visto come coraggioso, con una leggera ammirazione nel sottotono, senza che ciò si traduca in un significativo grado di cessazione di ciò che viene presentato. Alcuni diranno che è lo sviluppo della società moderna. Questa liberazione è per il meglio? È questo il vero volto del femminismo? 

Uomini e femminismo

Che ruolo ha giocato l’uomo nell’attuazione del femminismo? Gli uomini hanno protestato e difeso il loro dominio quando il cambiamento è arrivato nella sua infanzia. Per ogni ambito della società, che uno ad uno è stato cambiato nell’obiettivo del femminismo, l’uomo ha protestato, ma le proteste sono diventate sempre più sagge nello spazio pubblico, e gli uomini sembrano aver capitolato. Questa è una grande delusione per quegli uomini che (ancora) credono che il femminismo sia distruttivo e che hanno ancora intatta la loro identità naturale e istintiva.

Coloro che sanno cosa rende un uomo un uomo e un gentiluomo, che non applaude per un altro in assenza di un approccio più civile, ma è fiducioso, ha integrità, è coraggioso, sicuro di sé e stabile, ma non si fa da parte per la difesa fisica se assolutamente necessario.

Per quelle di noi donne che vogliono che l’uomo difenda il nostro diritto di essere donne femminili con valori familiari e che vogliono uomini forti, protettivi e orientati alla famiglia, è tragico che gli uomini evitino di fermare il femminismo e le sue conseguenze.

Noi donne che vogliamo uomini che siano gentiluomini, duri, responsabili, giusti, energici e costanti, non solo da parte loro, ma anche come modelli per i nostri figli, accogliamo questi uomini sul campo.

Il femminismo è arrivato al punto di essere la norma oggi, che se un uomo vuole alzare la voce contro l’uguaglianza, non solo sarà sabotato verbalmente dalla maggior parte delle donne, ma metterà anche un certo numero di “uomini” contro di lui. L’opposizione all’uguaglianza di genere è diventata un’espressione pubblica inaccettabile dell’opinione nella nostra società. Rende le persone imbavagliate per paura di rappresaglie pubbliche e quindi cede all’effetto desiderato del femminismo.

Sfortunatamente, ci sono molti uomini che non solo siedono passivamente in disparte, permettendo al femminismo di indottrinare i nostri figli e la nostra gioventù, ma molti hanno contribuito attivamente a sistematizzare il femminismo nella sfera statale, economica e privata. Gli uomini sanno davvero cosa sono il femminismo e le sue conseguenze? Ci sono uomini veri là fuori?

Sommario

L’ obiettivo dichiarato (l’obiettivo effettivo e sottostante potrebbe trovarsi in seguito) l’obiettivo del femminismo è stato duplice: far uscire la donna da una posizione di vittima (costruita), così come cambiare il sistema, poiché questo era dominato dagli uomini.

Le donne nel mondo, per come la vedo io, sono oggi più vittime che mai. Non solo la salute generale delle donne peggiora, ma è anche più vulnerabile, vulnerabile e sola. Il suo debito aumenta, in linea con l’aumento del consumo di droghe e alcol, e la sua felicità non aumenta in linea con la libertà di perseguire la propria carriera e il numero di compagni di letto, ma diminuisce. La violenza e lo stupro contro le donne sono più diffuse, dove non è né al sicuro per strada né a casa.

Spero che stia per scoprire che si auto-realizza come schiava del sistema, un sistema che il femminismo affermava di voler cambiare in meglio. Ma il femminismo non ha solo cambiato il sistema portando le donne nell’arena pubblica, ha distrutto un sistema consolidato che teneva unita la famiglia e la società attorno ai locali della famiglia, non lo stato. E non siamo solo noi donne a soffrirne, ma anche uomini (veri) e non ultimi bambini, che non sanno cosa significhi essere veramente donna e uomo, funzionando bene in simbiosi.

Il femminismo serve solo coloro che comprendono in profondità gli obiettivi reali e ultimi della filosofia e dell’agenda, e nessuno di questi è finalizzato alla propaganda del femminismo.

Flettfryd Bergfletten

Fonte: http://www.nyhetsspeilet.no

Educare al Femminismo
Come formare persone libere, sicure di sé e rispettose degli altri a prescindere dal sesso
€ 15,90

L'Atlante delle Donne
La più aggiornata e accurata analisi di come vivono le donne nel mondo
€ 19,50

Il Femminile dell'Essere
Per smetterla con la costola di Adamo
€ 16,00

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code