toba60

Gaslighting: La Psicologia del Plasmare la Realtà di un Altro

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Ci sono due linee di demarcazione ben precise inerenti l’informazione, la prima e’ legata ai fatti in sé e la seconda verte sul protagonista in assoluto che si fa carico di elaborare quanto appreso in qualcosa di concreto.

Alice nel Paese delle Meraviglie

Se io dico che gli asini volano, probabilmente molti si metteranno a ridere, detto ad un bambino la cosa potrebbe essere verosimile e con un po di quella fantasia che a loro non manca questi potrebbero pure essere in grado di andare nello spazio.

Non sottovalutiamo troppo la stupidità umana, questa è parte di noi sin dalla nascita, col tempo si evolve sino a creare un autentico conflitto che per molti rimane irrisolto.

Eppure basta solo un iniezione di fiducia …..

Il problema e’ che presa alla lettera questa saggia raccomandazione sta portando l’umanità’ intera a far leva su un siero che di miracoloso ha solo una certa propensione a regredire ad uno stato letargico la cui tendenza e’ di protrarsi all’infinito.

Toba60

La Psicologia del Plasmare la Realtà di un Altro

“Ma io non voglio andare tra i matti”, osservò Alice. “Oh, non puoi farci niente”, disse il Gatto: “qui siamo tutti matti. Io sono pazza. Tu sei pazza”. “Come fai a sapere che sono pazza?” disse Alice. “Devi esserlo”, disse il Gatto, “o non saresti venuta qui”.

“Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll

Viviamo in un mondo in cui il grado di disinformazione e di menzogna vera e propria ha raggiunto un tale stato di cose che, forse per la prima volta in assoluto, vediamo la maggioranza del mondo occidentale iniziare a mettere in dubbio il proprio livello di sanità mentale e quello circostante. La crescente e frenetica sfiducia in tutto ciò che è “autorevole”, mista alla disperata incredulità che “non è possibile che tutti siano coinvolti!” sta lentamente facendo oscillare molti avanti e indietro in una camicia di forza sempre più stretta. “Mettere tutto in discussione” è diventato il nuovo motto, ma siamo capaci di rispondere a queste domande?

Attualmente la risposta è un clamoroso no.

Lo scherzo malato dei comportamentisti sociali di aver reso tutti ossessionati dalla carta igienica, tra tutte le cose, all’inizio di quello che si credeva essere un periodo di crisi, è un esempio di quanto controllo hanno su quel pulsante rosso etichettato “iniziare l’inizio del panico di massa di livello 4”.

E si può dare la colpa al popolo? Dopo tutto, se ci stanno mentendo, come possiamo riunirci e puntare il dito alla radice di questa tirannia, non siamo al punto in cui è ovunque?

Come infamemente affermato da Goebbels,

“Se dici una bugia abbastanza grande e continui a ripeterla, la gente alla fine arriverà a crederci. La menzogna può essere mantenuta solo per il tempo in cui lo Stato può proteggere il popolo dalle conseguenze politiche, economiche e/o militari della menzogna. Diventa quindi di vitale importanza per lo Stato usare tutti i suoi poteri per reprimere il dissenso, perché la verità è il nemico mortale della menzogna, e quindi, per estensione, la verità è il più grande nemico dello Stato [sotto il fascismo]”.

E qui ci troviamo oggi, sull’orlo del fascismo. Tuttavia, dobbiamo prima accettare di rinunciare ai nostri diritti civili come collettivo prima che il fascismo possa dominare completamente. Cioè, la grande menzogna può avere successo solo se la maggioranza non riesce a chiamarla fuori, perché se la maggioranza la riconoscesse per quello che è, non avrebbe davvero alcun potere.

La battaglia per la tua mente

“I politici, i preti e gli psichiatri si trovano spesso di fronte allo stesso problema: come trovare i mezzi più rapidi e permanenti per cambiare il credo di un uomo… Il problema del medico e del suo paziente nervosamente malato, e quello del leader religioso che si propone di ottenere e mantenere nuovi convertiti, è diventato ora il problema di interi gruppi di nazioni, che desiderano non solo confermare certe convinzioni politiche all’interno dei loro confini, ma fare proseliti nel mondo esterno.”

William Sargant “La battaglia della mente”.

In passato si pensava comunemente, e non senza fondamento, che la tirannia potesse esistere solo a condizione che il popolo fosse tenuto analfabeta e ignorante della sua oppressione. Riconoscere che uno era “oppresso” significava che doveva prima avere un’idea di cosa fosse la “libertà”, e se gli veniva concesso il “privilegio” di imparare a leggere, questa scoperta era inevitabile.

Se l’educazione delle masse poteva alfabetizzare la maggioranza di una popolazione, si pensava che le idee superiori, il tipo di “idee pericolose” che Mustapha Mond per esempio esprime in “Il nuovo mondo coraggioso”, avrebbero rapidamente organizzato le masse e la rivoluzione contro i loro “controllori” sarebbe stata inevitabile. In altre parole, la conoscenza è libertà, e non si può schiavizzare chi impara a “pensare”.

Tuttavia, non è andata esattamente così, vero?

La maggior parte di noi è libera di leggere qualsiasi cosa desideri, per quanto riguarda i “libri proibiti” di una volta, come quelli elencati dall’Index Librorum Prohibitorum. Possiamo leggere tutti gli scritti che erano proibiti in “The Brave New World”, in particolare le opere di Shakespeare che sono state nominate come forme di “conoscenza” assolutamente pericolose.

Oggi siamo molto liberi di “istruirci” su quelle stesse “idee” che erano riconosciute dai tiranni del passato come “antidoto” a una vita di schiavitù. Eppure, oggi, la maggioranza sceglie di non farlo…

Si riconosce, anche se superficialmente, che chi controlla il passato, controlla il presente e quindi il futuro. Il libro “1984” di George Orwell, martella questo come la caratteristica essenziale che permette all’apparato del Grande Fratello di mantenere il controllo assoluto sulla paura, la percezione e la lealtà alla causa del partito, eppure, nonostante la sua popolarità, rimane ancora una mancanza di interesse nell’informarsi effettivamente sul passato.

Cosa importa comunque, se il passato è controllato e riscritto per adattarsi al presente? Come l’interrogatore del Grande Fratello O’Brien dichiara a Winston: “Noi, il Partito, controlliamo tutti i registri, e controlliamo tutti i ricordi. Allora controlliamo il passato, vero? [E quindi siamo liberi di riscriverlo come vogliamo…]”

Naturalmente, non siamo nella stessa situazione di Winston… siamo molto meglio. Possiamo studiare e conoscere il “passato” se lo desideriamo, purtroppo è una scelta che molti danno per scontata.

Infatti, molti probabilmente non sono pienamente consapevoli che attualmente c’è una battaglia per chi “controllerà il passato” in un modo che assomiglia molto ad una forma di “cancellazione della memoria”.

William Sargant era uno psichiatra britannico e, si potrebbe dire, effettivamente il padre del “controllo mentale” in Occidente, con connessioni all’intelligence britannica e al Tavistock Institute, che avrebbe influenzato la CIA e i militari americani attraverso il programma MK Ultra. Sargant era anche un consulente per il lavoro di LSD “blank slate” di Ewen Cameron alla McGill University, finanziato dalla CIA.

Sargant spiega la sua ragione nello studiare e usare forme di “controllo mentale” sui suoi pazienti, che erano principalmente soldati britannici che venivano rimandati dal campo di battaglia durante la seconda guerra mondiale con varie forme di “psicosi”, come unico modo per riabilitare forme estreme di PTSD.

L’altra ragione, era perché i sovietici erano apparentemente diventati “esperti” nel campo, e per un bisogno di sicurezza nazionale, i britannici avrebbero dovuto a loro volta diventare esperti… come una questione di autodifesa, naturalmente.

Il lavoro di Ivan Pavlov, un fisiologo russo, era riuscito a produrre alcune intuizioni inquietantemente interessanti su quattro forme primarie di sistemi nervosi nei cani, che erano combinazioni di temperamenti inibitori ed eccitatori; “fortemente eccitatori”, “equilibrati”, “passivi” e “calmi imperturbabili”. Pavlov scoprì che a seconda della categoria di temperamento del sistema nervoso che il cane aveva, questo a sua volta dettava la forma di “condizionamento” che avrebbe funzionato meglio per “riprogrammare il comportamento”. L’attinenza con il “condizionamento umano” non fu persa da nessuno.

Si temeva in Occidente, che tali tecniche non solo sarebbero state usate contro i loro soldati per invocare confessioni disinibite al nemico, ma che questi soldati potessero essere rimandati nei loro paesi d’origine, come assassini zombificati e spie che potevano essere fatti partire con una semplice parola in codice. Almeno, queste erano le storie e i film thriller che venivano pompati nella popolazione. Che orrore! Che il nemico potesse apparentemente entrare in quello che si pensava fosse l’unico terreno sacro di nostra proprietà… le nostre stesse “menti”!

Tuttavia, per coloro che stavano effettivamente conducendo il campo nella ricerca sul controllo mentale, come William Sargant, si capiva che questo non era esattamente il modo in cui il controllo mentale funzionava.

Per prima cosa, la questione del “libero arbitrio” si metteva in mezzo.

Non importava la durata o il grado di elettroshock, di “terapia” con l’insulina, di cocktail di tranquillanti, di coma indotto, di privazione del sonno, di fame ecc. indotti, si scopriva che se il soggetto aveva una “forte convinzione” e una “forte credenza” in qualcosa, questa non poteva essere semplicemente cancellata, non poteva essere scritta sopra con qualsiasi cosa arbitraria. Piuttosto, il soggetto avrebbe dovuto avere l’illusione che il suo “condizionamento” fosse in realtà una “scelta”. Questo era un compito estremamente impegnativo, e le conversioni a lungo termine (da mesi ad anni) erano rare.

Tuttavia, Sargant vide un’apertura. Si capiva che non si poteva creare un nuovo individuo dal nulla, tuttavia, con il giusto condizionamento che doveva portare ad un crollo fisico usando uno stress anormale (effettivamente un riavvio del sistema nervoso), si poteva aumentare la “suggestionabilità” notevolmente nei loro soggetti.

Sargant ha scritto nel suo “Battle of the Mind”:

“Le descrizioni cliniche di Pavlov delle ‘nevrosi sperimentali’ che poteva indurre nei cani hanno dimostrato, infatti, di avere una stretta corrispondenza con quelle nevrosi di guerra che stavamo indagando in quel momento”.

Inoltre, Sargant scoprì che un ricordo falsamente impiantato poteva contribuire a indurre uno stress anormale che portava all’esaurimento emotivo e al crollo fisico per invocare la “suggestionabilità”. Cioè, non c’era nemmeno bisogno di avere uno “stress reale”, ma uno “stress immaginato” avrebbe funzionato altrettanto efficacemente.

Sargant continua ad affermare nel suo libro:

“Non è sorprendente che la persona ordinaria, in generale, sia molto più facilmente indottrinabile dell’anormale… Una persona è considerata ‘ordinaria’ o ‘normale’ dalla comunità semplicemente perché accetta la maggior parte dei suoi standard sociali e modelli di comportamento; il che significa, in effetti, che è suscettibile alla suggestione ed è stata persuasa ad andare con la maggioranza nella maggior parte delle occasioni ordinarie o straordinarie”.

Sargant passa poi in rassegna il fenomeno del Blitz di Londra, che fu un periodo di otto mesi di pesanti bombardamenti su Londra durante la seconda guerra mondiale. Durante questo periodo, per far fronte e rimanere “sani di mente”, la gente si è rapidamente abituata all’idea che i loro vicini potevano essere e sono stati sepolti vivi nelle case bombardate intorno a loro. Il pensiero era: “Se non posso farci niente, a cosa serve che mi preoccupi per questo? Il miglior “coping” fu quindi trovato in coloro che accettavano il nuovo “ambiente” e si concentravano solo sul “sopravvivere”, e non cercavano di resistere.

Sargant osserva che è questa “adattabilità” ad un ambiente che cambia che fa parte dell’istinto di “sopravvivenza” ed è molto forte nell’individuo “sano” e “normale” che può imparare a far fronte e quindi continua ad essere “funzionale” nonostante un ambiente in continuo cambiamento.

È stato quindi il nostro “istinto di sopravvivenza” profondamente programmato che si è scoperto essere la chiave della suggestionabilità delle nostre menti. Che i migliori “sopravvissuti” hanno fatto il miglior “lavaggio del cervello” in un certo senso.

Sargant cita il lavoro di Hecker, che stava studiando il fenomeno della mania della danza che si verificò durante la peste nera, dove Hecker osservò che l’accresciuta suggestionabilità aveva la capacità di indurre una persona ad “abbracciare con uguale forza, ragione e follia, bene e male, diminuire la lode della virtù così come la criminalità del vizio.”

E che un tale stato d’animo era paragonabile ai primi sforzi della mente infantile “questo istinto di imitazione quando esiste nel suo massimo grado, è anche unita una perdita di ogni potere sulla volontà, che si verifica non appena l’impressione sui sensi è diventata saldamente stabilita, producendo una condizione come quella dei piccoli animali quando sono affascinati dallo sguardo di un serpente”.

Mi chiedo se Sargant si sia immaginato il serpente…

Sargant ammette infine:

“Questo non significa che tutte le persone possano essere veramente indottrinate con tali mezzi. Alcuni si sottomettono solo temporaneamente alle richieste fatte loro, e combattono di nuovo quando la forza del corpo e della mente ritorna. Altri si salvano con la supervenzione della follia. Oppure la volontà di resistere può cedere, ma non l’intelletto stesso”.

Ma si conforta, come risposta a questa ostinata resistenza, che “Come menzionato in un contesto precedente, il rogo, la forca, il plotone d’esecuzione, la prigione o il manicomio, sono di solito disponibili per i fallimenti.”

Come resistere alla decostruzione della tua mente

“Colui che gli dei vogliono distruggere, prima di tutto lo fanno impazzire”.

Henry Wadsworth Longfellow “La maschera di Pandora

Per coloro che non hanno visto il thriller psicologico del 1944 “Gaslight” diretto da George Cukor, vi consiglio vivamente di farlo, poiché vi è contenuta una lezione inestimabile, che è particolarmente applicabile a ciò che sospetto che molti di noi stanno vivendo oggi.

La storia inizia con la quattordicenne Paula (interpretata da Ingrid Bergman) che viene portata in Italia dopo che sua zia Alice Alquist, una famosa cantante d’opera e custode di Paula, viene trovata assassinata nella sua casa di Londra. Paula è quella che ha trovato il corpo, e colpita dall’orrore non è più quella di prima. Sua zia era l’unica famiglia che Paula aveva lasciato nella sua vita. Viene presa la decisione di mandarla via da Londra in Italia per continuare i suoi studi e diventare una cantante d’opera di fama mondiale come sua zia Alice.

Gli anni passano, Paula vive una vita molto protetta e una pesante cupezza è sempre presente in lei, non riesce mai a provare alcun tipo di felicità. Durante i suoi studi di canto incontra un uomo misterioso (il suo accompagnatore al pianoforte durante le lezioni) e se ne innamora profondamente. Tuttavia, non sa quasi nulla dell’uomo chiamato Gregory.

Paula accetta di sposare Gregory dopo una storia d’amore di due settimane e viene rapidamente convinta a tornare a vivere nella casa di sua zia a Londra che è stata abbandonata per tutti questi anni.

Non appena entra nella casa, l’ossessione della notte dell’omicidio la tormenta e lei è consumata dal panico e dalla paura. Gregory cerca di calmarla e parla del fatto che la casa ha bisogno di un po’ d’aria e di sole, e poi Paula si imbatte in una lettera scritta a sua zia da un certo Sergis Bauer che conferma che era in contatto con Alice pochi giorni prima del suo omicidio. A questa scoperta, Gregory diventa bizzarramente agitato e afferra la lettera da Paula.

Cerca rapidamente di giustificare la sua rabbia incolpando la lettera di averla turbata. Gregory decide allora di chiudere tutti gli effetti personali della zia in soffitta, per risparmiare apparentemente a Paula ulteriori angosce.

È a questo punto che Gregory inizia a cambiare radicalmente il suo comportamento. Sempre con il pretesto del “bene di Paula”, tutto ciò che è considerato “sconvolgente” per Paula deve essere rimosso dalla sua presenza.

E così rapidamente la casa si trasforma in una forma di prigione. A Paula viene detto che è meglio per lei non uscire di casa non accompagnata, non avere visite e che l’autoisolamento è il miglior rimedio per le sue “ansie” che stanno peggiorando. A Paula non viene mai proibito rigorosamente all’inizio, ma piuttosto le viene detto che dovrebbe obbedire a queste restrizioni per il suo bene.

Prima di una passeggiata, le regala una bella spilla di cimelio appartenuta a sua madre. Poiché la spilla ha bisogno di essere sostituita, lui incarica Paula di tenerla nella sua borsetta, e poi dice piuttosto fuori contesto: “Non dimenticare dove la metti ora Paula, non voglio che tu la perda”. Paula osserva pensando che l’avvertimento sia assurdo: “Certo che non lo dimenticherò! Quando tornano dalla loro passeggiata, Gregory chiede della spilla, Paula cerca nella sua borsetta ma non c’è.

Continua così, con Gregory che dà avvertimenti e promemoria, apparentemente per aiutare Paula con le sue “dimenticanze” e “ansie”. Paula inizia a mettere in dubbio il suo giudizio e la sua sanità mentale quando questi eventi diventano sempre più frequenti. Non ha nessun altro con cui parlare se non Gregory, che è l’unico testimone di questi apparenti incidenti. Si arriva ad un punto in cui Gregory attribuisce a Paula un comportamento completamente insensato.

Una notte viene trovato un quadro mancante sul muro. Gregory parla a Paula come se fosse una bambina di 5 anni e le chiede di rimetterlo a posto. Paula insiste che non sa chi l’ha tolto. Dopo la sua insistente e appassionata insistenza che non è stata lei, sale le scale quasi come se fosse in uno stato di sogno e tira fuori il quadro da dietro una statua. Gregory chiede perché ha mentito, ma Paula insiste che ha solo pensato di guardare lì perché è lì che è stato trovato le ultime due volte che è successo.

Da settimane, Paula crede di vedere delle cose, le luci a gas della casa si abbassano senza motivo, sente anche dei passi sopra la sua camera da letto. Nessun altro sembra farci caso. A Paula viene anche detto da Gregory che ha scoperto che sua madre, morta quando lei era molto giovane, era in realtà impazzita e morta in un manicomio.

Nonostante Paula sia ridotta in una condizione di continuo torpore, una notte decide di farsi coraggio e di riprendere il controllo della sua vita. Paula viene invitata, da una delle amiche intime di sua zia Alice, Lady Dalroy, a partecipare a una serata dell’alta società con spettacoli musicali. Ricordiamo che la vita di Paula gravitava intorno alla musica prima del suo incontro con Gregory. La musica era la sua vita. Paula si veste magnificamente per la serata e mentre esce dice a Gregory che sta andando a questo evento. Gregory cerca di convincerla che non sta abbastanza bene per partecipare ad un tale incontro sociale, quando Paula insiste con calma che ci va e che questa donna era una cara amica di sua zia, Gregory risponde che si rifiuta di accompagnarla (a quei tempi era un grosso problema).

Paula lo accetta e cammina con una solida dignità, imperterrita verso la carrozza. In una scena molto eloquente, Gregory è lasciato momentaneamente da solo e preso dal panico, con gli occhi spalancati, chiude di scatto il suo portasigari e corre dietro a Paula. La chiama ridendo: “Paula, non avrai pensato che fossi serio? Non avevo idea che questa festa significasse così tanto per te. Aspetta, mi preparo”. Mentre si prepara davanti allo specchio, appare un sorriso diabolico.

Paula e Gregory si presentano a casa di Lady Dalroy in ritardo, il pianista è nel mezzo del primo movimento della Sonata per pianoforte n. 8 in do minore di Beethoven. Vengono rapidamente accompagnati a due posti vuoti. Paula è immediatamente immersa nel pezzo, e Gregory può vedere che il suo controllo sta scivolando.

Dopo pochi minuti, va a guardare il suo orologio da taschino, ma non è nella sua tasca. Sussurra all’orecchio di Paula: “Il mio orologio è scomparso”. Immediatamente, Paula sembra che stia per sentirsi male. Gregory prende la sua borsetta e Paula guarda con orrore mentre lui tira fuori il suo orologio da tasca, insinuando che Paula l’abbia messo lì. Lei inizia immediatamente a perdere il controllo e ha un crollo emotivo molto pubblico. Gregory la porta via, mentre osserva a Lady Dalroy che questo è il motivo per cui non voleva che Paula venisse.

Quando arrivano a casa, Paula ha ormai completamente ceduto al pensiero di essere davvero completamente pazza. Gregory dice che sarebbe meglio che se ne andassero da qualche parte per un periodo di tempo indefinito. Più tardi scopriamo che Gregory ha intenzione di internarla in un manicomio. Paula accetta di lasciare Londra con Gregory e lascia il suo destino interamente nelle sue mani.

Nel caso di Paula è chiaro. Sospetta che Gregory abbia qualcosa a che fare con la sua “situazione”, ma lui ha creato molto abilmente un ambiente in cui Paula stessa dubita che si tratti di un’insondabile cattiveria o che stia davvero impazzendo.

È piuttosto perché non è pazza che dubita di se stessa, perché non c’è apparentemente alcuna ragione per cui Gregory dovrebbe mettere così tanto tempo ed energia nel far sembrare che sia pazza, o almeno così sembra all’inizio. Ma se lo scopo per cui lei crede nella sua follia fosse semplicemente una questione di chi ha il controllo?

Paula riesce quasi ad avere la meglio in questa lotta per il potere, la sera in cui ha deciso di uscire da sola, nonostante Gregory insistesse che fosse nel suo interesse. Se avesse tenuto duro a casa di Lady Dalroy e avesse semplicemente risposto: “Non ho idea del perché il tuo stupido orologio sia finito nella mia borsa e non me ne potrebbe importare di meno. Ora smettila di interrompere questo spettacolo, stai facendo una scenata!” L’incantesimo di Gregory sarebbe stato spezzato così semplicemente. Se si fosse lamentato con gli altri della situazione, anche loro avrebbero risposto: “Chi se ne frega amico, perché sei così ossessionato dal tuo dannato orologio?”

Oggi ci troviamo in una situazione molto simile a quella di Paula.

E la voce di Gregory è rappresentata dalla narrazione di notizie false e dalla programmazione sociale comportamentale apocalittica nelle nostre forme di intrattenimento. Le cose a cui la maggior parte delle persone si sottopone volontariamente ogni giorno, se non ogni ora. Li condiziona socialmente, come un branco di cani pavloviani salivanti, a pensare che è solo una questione di tempo prima che il mondo finisca e con un suono della campana del loro padrone… essere l’uno alla gola dell’altro.

Paula finisce per essere salvata alla fine da un uomo di nome Joseph Cotten (un detective), che se ne accorse e capì subito che qualcosa non andava. Alla fine Gregory viene arrestato. Viene rivelato che Gregory è in realtà Sergis Bauer. Che ha ucciso Alice Alquist e che è tornato sul luogo del delitto dopo tutti questi anni alla ricerca dei famosi gioielli della cantante d’opera. I gioielli erano in realtà piuttosto senza valore dal punto di vista che erano troppo famosi per essere venduti, tuttavia Gregory non ha mai avuto intenzione di vendere questi gioielli ma piuttosto era diventato ossessionato dal desiderio di possederli semplicemente.

Cioè, è Gregory che è stato completamente pazzo per tutto questo tempo.

Un Gregory è assolutamente pericoloso. Sarebbe stato la fine di Paula se nulla fosse intervenuto. Tuttavia, il potere che Gregory deteneva era condizionato nella misura in cui Paula gli permetteva di controllarla. L’estrema destrutturazione di Paula dipendeva quindi interamente dalla sua scelta di lasciar entrare la voce di Gregory. Cioè, un Gregory è pericoloso solo se ci permettiamo di camminare nel sonno nell’incubo che lui ha costruito per noi.

“Quando uso una parola”, disse Humpty Dumpty in tono piuttosto sprezzante, “significa solo quello che io scelgo che significhi né più né meno”. “La questione è”, disse Alice, “se puoi far sì che le parole significhino così tante cose diverse”. “La questione è”, disse Humpty Dumpty, “che è essere padrone questo è tutto”. “Attraverso lo specchio” di Lewis Carroll

Cynthia Chun

Fonte: cynthiachung.substack.com

OTTOSCRIVI UN PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÉ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code