toba60

Gustavo Rol un Uomo Tranquillo

Quando si fa riferimento ad Augusto Rol sempre mi sono sempre posto la domanda del perche’ all’estero non ha avuto un seguito, non dico vincolato ad associazioni o gruppi di discussione, ma anche e sopratutto a livello mediatico.

Non va dimenticato che egli e’ stato un personaggio molto noto, sia in ambito politico che culturale e non e’ passato inosservato ovunque sia andato.

La storia, la scienza, l’ambiente esoterico e mediatico che tanto si e’ propagato a livello globale, difficilmente fa riferimento a lui pur essendo un personaggio di spicco , per non dire che e’ la persona che meglio di chiunque altro aveva tutti i titoli e le credenziali per essere menzionato e studiato su più’ livelli.

A voi ogni considerazione, io un idea me la sono fatta ma ……aspettate il seguito, perché la storia continua………

Toba60

‘Gustavo Rol è un uomo estremamente civile, colto, spiritualmente raffinato, istruito all’università; dipinge, ed è stato un antiquario per diversi anni. Ma possiede tali poteri che è difficile capire perché non è famoso in tutto il mondo.

La testimonianza di Federico Fellini

Chissà, forse il suo tempo non è ancora arrivato. Ciò che Rol può fare è spaventoso. Un testimone si sente come qualcuno che affonda senza una muta da sub nelle profondità del mare. Fornisce prove affascinanti e provocatorie della trascendenza. Se uno non diventa terrorizzato, è solo a causa delle sue maniere gioviali e giocose … a causa della salutare atmosfera che trasuda da lui. Anzi, prima delle sue dimostrazioni, cerca, con opportuni avvertimenti, di porre dei limiti al proprio stupore, perché altrimenti si potrebbe benissimo scattare ‘.

Così si è espresso uno dei registi più influenti di tutti i tempi e da sempre amico di Rol: cinque volte vincitore dell’Oscar Federico Fellini. È stato intervistato da un altro artista di fama mondiale che apprezza allo stesso modo la personalità di Rol, il giornalista e scrittore Dino Buzzati, noto soprattutto nei paesi anglofoni per il suo romanzo The Tartar Steppe .

Le opinioni di Fellini fanno eco a quelle di un altro grande artista del XX secolo: Jean Cocteau, che lo ha soprannominato “L’incredibile Rol, che sarà credibile solo dopodomani”. Il dott. Massimo Inardi, un medico e parapsicologo italiano, ha osservato in un’intervista che “essere vicino a Rol … si ha l’impressione di affrontare un essere umano solo per aspetto fisico, comportamento e cuore; tutto il resto sembra trascendere ogni concezione ordinaria delle possibilità umane ‘ 2 (MT). Il compianto Franco Zeffirelli, acclamato produttore e regista internazionale di film, spettacoli televisivi e opere, ha affermato che Rol è stato “mandato da Dio per renderci migliori – un grande individuo illuminato [illuminato]” 3 (MT). Un altro famoso scrittore, Alberto Bevilacqua, lo descrisse nel 2000 come “… uno scrittore di rara intensità, un pensatore e un filosofo con credenze religiose, su larga scala”.

Questi sono solo alcuni dei numerosi e ammirevoli attestati da parte di molti eminentemente rispettabili – e spesso molto famosi – individui sulle capacità apparentemente straordinarie di una delle figure più sconcertanti del secolo appena passato: Gustavo Adolfo Rol (1903-1994).

Ben noto in alcuni paesi europei, e in particolare nella sua nativa Italia – dove è stato oggetto di numerose interviste, documentari TV, conferenze, tavole rotonde e 25 libri – Rol rimane, per quanto ne sappia, quasi sconosciuto nel Mondo di lingua inglese. Di conseguenza, lo scopo di questo articolo è semplicemente quello di presentare, in modo preliminare e selettivo, questo uomo insolito ai lettori di queste pagine, sottolineando che molto più merita di essere conosciuto su di lui

Torino Citta’ Natale di Rol

Brevi note biografiche

Gustavo Adolfo Rol (1903-1994) nacque a Torino, una bellissima e segreta città del nord Italia ospitale per i praticanti del magico, dell’esoterico e dell’occulto; e la casa della Sindone, il presunto indumento funerario di Gesù.

Nato in una ricca famiglia di ceto alto, Rol inizialmente accettò il desiderio del padre di seguire le sue orme perseguendo una carriera nel settore bancario che lo portò a vivere, lavorare e studiare in diverse città europee. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza a Torino, in biologia medica a Parigi e in economia a Londra. Questa carriera abbandonò poco dopo la morte del padre nel 1942, e si rivolse prima al commercio di antiquariato a Torino – che perseguì per circa un quarto di secolo e contribuì a renderlo finanziariamente indipendente – e successivamente alla pittura.

Rol rivelò che gli eventi che avrebbero trasformato un giovane sensibile ma non eccezionale in un praticante dell’impossibile sono nati a Marsiglia intorno all’anno 1925. Ha fornito versioni leggermente diverse di questi eventi in diverse occasioni; negli anni successivi 5 riferì che tutto ebbe inizio con una determinazione apparentemente innocua nel cercare di identificare correttamente il colore delle carte da gioco in un mazzo coperto, un tentativo che perseguitò ostinatamente per due anni. Divenne progressivamente abile in questo, e a Parigi nel 1927 ci riuscì pienamente. Sembra che abbia raggiunto questo obiettivo entrando in uno stato di coscienza non ordinario, il cui accesso è stato facilitato da un’intuizione originariamente suscitata – secondo una versione – vedendo un arcobaleno, che gli ha fatto capire che il verde era il centro del colore spettro e la chiave per tutti gli altri colori. Concentrandosi su questo colore, era riuscito a percepire le vibrazioni generate da questa tonalità, e in seguito scoprì che corrispondevano a quelle prodotte da una corda di violino che suonava la quinta musica e ad alcune vibrazioni termiche. Questo nesso arrivò a considerare una “legge tremenda”, e il segreto stesso di uno stato di “coscienza sublime” che gli consentiva di riuscire nel compito che lo aveva occupato per così tanto tempo e di catalizzare un processo di sviluppo spirituale che sfociava una prodigiosa quantità di potere personale. Ciò inizialmente lo terrorizzò e lo indusse a ritirarsi dal mondo trovando rifugio in una casa religiosa vicino a Torino, dove trascorse alcuni mesi. Considerava seriamente di diventare un prete, ma alla fine fu dissuaso da sua madre, che lo convinse che poteva essere altrettanto utile agli altri vivendo nel mondo secolare.

Dagli anni Trenta in poi Rol mostrò sempre più una serie impressionante di quelle che lui chiamava “possibilità” – tutte cose che a noi comuni mortali sembrano tutt’altro. Franco Rol, un suo parente distante, li classifica in 49 tipi distinti ma non ortogonali. Coprono la totalità dei fenomeni normalmente classificati come paranormali.

Di seguito sono narrate tre delle imprese più pubblicizzate e in qualche modo meglio autenticate che gli sono state attribuite.

Castello di Miradoro vicino San Secondo di Pinerolo

Una storia della seconda guerra mondiale

A seguito dell’armistizio italiano con le forze anglo-americane dell’8 settembre 1943, il paese è sottoposto all’occupazione militare tedesca. A San Secondo di Pinerolo, un villaggio a circa 40 km da Torino, tre uomini, arrestati con il sospetto di essere combattenti partigiani, sono in attesa di esecuzione da parte della squadra di fuoco. Un uomo di 40 anni, alto e distinto, un ex capitano dell’esercito, ottiene un pubblico con il comandante della guarnigione tedesca. Afferma che questi uomini dovrebbero essere liberati perché l’accusa è infondata. Non impressionato, l’ufficiale chiede di sapere cosa rende l’uomo così sicuro di questo. Rol procede a fornirgli una descrizione molto dettagliata e accurata del contenuto dei cassetti della scrivania nello studio della sua casa di Amburgo, comprese alcune lettere molto riservate. Stupito, il tedesco invita Rol a fornire ulteriori prove delle sue capacità nella stessa serata. Rol obbliga. Il giorno successivo i tre uomini vengono liberati. Rol salverà la vita di non pochi ostaggi sotto la minaccia dell’esecuzione intrattenendo gli ufficiali della guarnigione tedesca con una dimostrazione delle sue straordinarie abilità.

I successi di Rol saranno ufficialmente riconosciuti nel 1945 dal sindaco della città per conto del Comitato di liberazione nazionale, l’organizzazione politico-militare che i membri dei principali partiti politici avevano formato dopo l’armistizio per combattere le forze armate nazifasciste. Una piccola piazza nel villaggio porta ancora il suo nome.

“Non andare!”

30 agosto 1949. Rol cammina con Jolande Sella e suo padre nella hall del lussuoso Hotel du Cap vicino a Cannes, sulla Costa Azzurra, quando si ferma improvvisamente, allarmato dall’impressione di qualcosa che brucia nelle immediate vicinanze di un aspetto distinto coppia seduta vicino: il conte Cini e l’attrice britannica Merle Oberon. Chiede al padre di Jolande, il proprietario dell’hotel, di essere presentato alla coppia e procede a chiedere i loro piani per domani. Includono un viaggio d’affari a Venezia nell’aereo privato del conte. ‘Non andare!’, Intimidisce Rol. L’attrice è immediatamente d’accordo, ma Cini non può rimandare il viaggio d’affari. Incapace di prendere accordi alternativi, decide di ignorare l’avvertimento. Il giorno successivo in un aeroporto vicino il conte sale a bordo del suo aereo insieme al pilota. Poco dopo il decollo l’aereo esplode a mezz’aria. La stampa tradizionale italiana – di solito non più ben disposta a riconoscere eventi paranormali rispetto ai media americani – riporta ampiamente l’evento.

Merle Oberon

Il ritratto sorridente

Roberto Giacobbo, conduttore del programma televisivo italiano Voyager (Rai2 Channel), il 7 novembre 2005 ricorda la sua testimonianza di un bizzarro fenomeno che ebbe luogo nel 2002 a casa di Aldo Provera – amico ed esecutore di Rol – che lui e il suo equipaggio avevano visitato durante le riprese di un documentario sulla vita di Rol .

Giacobbo riferisce che Rol era un visitatore frequente in questo appartamento, una stanza della quale conteneva due ritratti di antenati dei Proveras: rispettivamente di Teresa Rovere e di suo figlio. In una di queste visite nel 1997, Provera menzionò una brutta voce che circolava al momento della realizzazione dei ritratti, secondo la quale il figlio di Teresa era stato avvelenato. Si chiese se Rol potesse in qualche modo aiutare a chiarire la storia torbida. Rol concordò. Pochi istanti dopo, la metà inferiore del ritratto di Teresa si sollevò di qualche centimetro dal muro, accompagnata da un lampo di luce blu e da un rapporto molto forte. Successivamente, Rol chiese a Provera di guardare il foglio piegato di carta incontaminata che quest’ultimo su richiesta precedente di Rol aveva messo nella tasca interna della sua giacca. La seguente dichiarazione, in lingua francese spesso usata dalla signora del ritratto, era stata inchiostrata sulla carta: “Mio figlio non è stato avvelenato, è morto di una improvvisa infezione intestinale”.

Nel 2002, mentre questo evento veniva ricordato, Gino Toninelli, il cameraman dello spettacolo, attirò l’attenzione di Giacobbo. Mentre guardava la stanza attraverso la telecamera della TV, aveva notato che il ritratto di Teresa Rovere stava cambiando espressione. Lo sguardo cupo e malinconico lasciava il posto a un sorriso sommesso. Toninelli riuscì a scattare solo un’istantanea dell’evento transitorio che si stava svolgendo rapidamente e che fu assistito da tre persone.

Il sorriso di Teresa stava forse segnalando il suo apprezzamento per questo riconoscimento pubblico della morte di suo figlio dovuta a cause naturali? Questo fenomeno era in qualche modo collegato al defunto Rol, come proposto da un certo numero di persone?

Uno dei motivi di una congettura così stravagante è che in diverse occasioni testimoni stimabili avevano testimoniato che i dipinti alla presenza di Rol a volte cambiavano significativamente sotto i loro stessi occhi. Ad esempio, una signora non identificata in un altro programma televisivo narra che Fellini era entusiasta di un dipinto di Rol raffigurante una campagna piemontese invernale, dove un uomo e una donna si abbracciavano affettuosamente. “Bello – aveva detto Fellini in sua presenza – mi piacerebbe averlo.” Ma Rol non era disposto a separarsi dalla tela. Mentre il regista e altre due persone si avvicinavano all’immagine, videro i due giovani amanti allontanarsi lentamente l’uno dall’altro a pochi passi e poi abbracciarsi di nuovo. Fellini ha ribadito la sua richiesta di acquisire il dipinto. “Perché lo vuoi così tanto?” Chiese Rol. “Perché mi fa sentire in pace”, rispose Fellini. Roll si rivolse a una signora e chiese: “svelti, dimmi, cos’è un simbolo di pace?” “Una colomba”, rispose la donna. Un momento dopo udirono tutti un debole suono di ali svolazzanti nella stanza adiacente. Una volta lì videro una colomba, un simbolo quasi universale di pace, in piedi su un tavolo. Rol lo prese tra le mani, si avvicinò alla finestra e lo lasciò volare via. Per inciso, in diverse occasioni Rol ha dimostrato la sua straordinaria capacità di rispondere in modo sorprendente ai commenti accidentali fatti da persone con cui stava conversando. Ad esempio, la scrittrice Maria Luisa Giordano ha raccontato che in una di queste occasioni qualcuno ha citato casualmente le castagne, “Castagne?”, Ha detto Rol. In pochi istanti centinaia di loro hanno piovuto nella stanza.

Come notato, il fenomeno dei dipinti mutevoli si è verificato in diverse occasioni. Pittore abbastanza abile, Rol usava spesso questo mezzo per produrre altri fenomeni notevoli, tra cui le immagini create in sua presenza ma a distanza da pennelli che si muovevano da soli, il che in pochi minuti sfociò in opere che imitavano lo stile di artisti famosi come Ravier Picasso Goya e altri.

Il ritratto originale (a sinistra) e l’istantanea del ritratto presa attraverso la videocamera (a destra).

“L’impossibile non esiste sulla terra”

Circa sei decenni di vita di Rol sono stati strutturati da una successione apparentemente interminabile di fenomeni sorprendenti, molti di loro anche più impressionanti di quelli presentati qui, se effettivamente si verificano come detto.

Lorenzo Ostuni – uno scrittore italiano – ha affermato che Rol ‘ha capito che l’universo è un gioco – tutto ciò che è reale e surreale è un immenso gioco a volte caotico a volte ordinato. La sua grandezza è che, a differenza della maggior parte di noi che ha una visione limitata delle combinazioni della realtà e organizza in modo ristretto la nostra vita basata su di esse, aveva una visione combinatoria dei possibili universi e dei possibili frammenti di universo estesi come quella di un pianista suona un pianoforte lungo 200 metri. “(MT)

Questo è un modo fantasioso di ritrarre la relazione di Rol con la realtà. Altri sono stati proposti, tra cui una prospettiva scettica che ha ridotto gli sforzi apparentemente miracolosi di Rol agli sforzi, non di un ricercatore spirituale che è arrivato a essere dotato di poteri paranormali “magici”, ma di un mago e un illusionista di talento (anche se nessuno ha mai trovato prova di inganno nelle sue attività). Il termine ambiguo “mago” nel titolo di questo articolo intende esplicitamente riassumere entrambe queste opinioni discordanti.

La questione dello status epistemologico delle “possibilità” di Rol richiede una discussione dettagliata e rigorosa che non può essere perseguita in questo articolo già troppo lungo. A mio avviso, sono strettamente legate ad esso le domande relative alla personalità, all’autocomprensione, all’immagine pubblica e al comportamento generale di Rol, che possono essere desunti dalla testimonianza di molte persone – famose e non – con le quali ha interagito nel corso della sua lunga vita.

Non meno degne di attenzione sono le opinioni di Rol sulla natura ultima di quella realtà che gli ha permesso di realizzare l’apparentemente impossibile: un privilegio, ha sempre sostenuto, che era disponibile a chiunque fosse disposto a intraprendere il necessario, arduo lavoro psico-spirituale. Gli piaceva dire di se stesso che era solo una “grondaia che porta l’acqua che cade dai cieli”: niente più che un canale volenteroso, un umile mediatore tra la terra e “l’altro” mondo.

John Paul Quester

Fonte: https://exemplore.com

Gustavo Rol - Esperimenti e TestimonianzeVoto medio su 1 recensioni: Da non perdere
€ 17,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code