toba60

Il Razzismo e l’Antirazzismo sono due facce della Stessa Medaglia.

Views: 160

Oggi più’ che mai tutti avranno avuto modo di vedere con quanta disinvoltura si fa riferimento al razzismo, e’ un termine usato prettamente per legittimarsi di fronte ad una platea quale può’ essere televisiva, in rete, sui social, o nelle discussioni da bar.

E’ la classica frase che offre l’opportunità agli ipocriti di essere ancora più bugiardi e passare per brave persone.

Toba60

Il Razzismo è uguale all’antirazzismo

Le comunità umane tendono a sopravvalutare il proprio modo di vivere e a diffidare del modo di vivere degli altri. Al fine di mantenere la coesione del loro gruppo, alcuni dei suoi membri hanno il riflesso di rifiutare i nuovi concorrenti. Tuttavia, una volta che li conoscono, non appena si rendono conto che sono uomini come loro, le tensioni si allentano.

A questa funzione etnologica si aggiunsero ideologie nel XIX e XX secolo: razzismo e antirazzismo. Nel contesto dell’imperialismo britannico e dello sviluppo della biologia e della genetica, queste teorie hanno permesso di giustificare la gerarchia o l’uguaglianza dei diritti dei popoli.

Il razzismo e la lotta al razzismo come bugie.

Razzismo scientifico

Per il Premio Nobel per la Medicina (1912) Alexis Carrel (ricercatore presso la Fondazione Rockefeller e sostenitore di Philippe Pétain e Adolf Hitler), minoranze, alieni e criminali devono essere eliminati quando si dimostrano pericolosi. Seguendo la teoria dell’evoluzione delle specie animali di Darwin (1809-1882), Herbert Spencer (1820-93) sostenne che esistevano razze umane separate e che la selezione naturale aveva portato alla supremazia bianca. Questo fu l’inizio del “darwinismo sociale”. Un cugino di Darwin, Sir Francis Galton (1822-1911), razze calibrate e collegato la fertilità femminile alla degenerazione. Riuscì a dimostrare non solo la superiorità dei bianchi sulle persone di colore, ma anche la superiorità dei ricchi sui poveri.

Un consenso scientifico ha rilevato che l’accoppiamento interrazziale era la causa di molti svantaggi. Pertanto, era necessario vietare l’accoppiamento interrazziale allo stesso modo dell’incesto, al fine di mantenere pulita ogni razza. Questa era l ‘”eugenetica”. L’applicazione di questo principio era ancora più complicata, perché indipendentemente dalla definizione di ogni razza, nessun individuo è di razza, quindi ogni caso è soggetto a discussione.

Negli Stati Uniti questa logica non ha solo scoraggiato la formazione di coppie tra europei da un lato e indiani, neri o cinesi dall’altro, ma anche sulla preferenza dei bianchi anglosassoni rispetto ai bianchi non anglosassoni (italiani, polacchi, polacchi, greci ecc.) (Legge sull’immigrazione in vigore dal 1924 al 1965).

Il Kaiser Wilhelm Institute (l’equivalente tedesco del CNRS francese) ha dimostrato che il mantenimento di una razza richiedeva non solo di non riprodursi con persone di una razza diversa, ma anche di non riprodursi affatto. Infatti, nel caso della penetrazione anale, i geni dell’uno e dell’altro sono mescolati insieme, anche se non avevano figli. Da qui il divieto esplicito dell’omosessualità da parte dei nazisti. Fu solo con la caduta del nazismo e la decolonizzazione che il consenso scientifico cambiò e l’incredibile diversità all’interno di ogni presunta razza fu riconosciuta.

L’Istituto Kaiser Wilhelm di Antropologia, Eredità Umana ed Eugenetica è stato fondato nel 1927 a Berlino, in Germania. La Fondazione Rockefeller ha in parte finanziato l’edificio effettivo dell’Istituto e ha contribuito a mantenere l’Istituto durante la Grande Recessione. Nei suoi primi anni, e durante l’era nazista, fu fortemente associato alle teorie dell’eugenetica e dell’igiene razziale sostenute dai principali teorici Fritz Lenz, Eugen Fischer e Otmar von Verschuer.

Negli anni 1937-1938,Fischer ei suoi colleghi hanno analizzato 600 bambini in Germania da soldati franco-africani che occupavano la Germania occidentale dopo la prima guerra mondiale. I bambini sono stati poi sterilizzati. Fischer non divenne formalmente un membro del partito nazista fino al 1940. Tuttavia, fin dalla tenera età fu influente con i nazionalsocialisti. Adolf Hitler ha letto il suo lavoro in due volumi, Principles of Human Heredity and Race Hygiene (pubblicato per la prima volta nel 1921 e scritto da Erwin Baur e Fritz Lenz) e imprigionato nel 1923 e ha usato le sue idee nel Mein Kampf. Nel 1913 scrisse anche The Rehoboth Bastards and the Problem of Miscegenation between people. (Tedesco: Die Rehobother Bastards und das Bastardierungsproblem beim Menschen),

Sotto il regime nazista, Fischer sviluppò le specifiche fisiologiche utilizzate per determinare l’origine razziale e sviluppò la cosiddetta scala Fischer-Saller . Lui e il suo team hanno sperimentato con rom e afro-tedeschi, in particolare quelli della Namibia, effettuando misurazioni del sangue e del cranio per trovare una convalida scientifica per le sue teorie.

Durante la seconda guerra mondiale, l’Istituto ricevette parti del corpo umano regolari, inclusi occhi e teschi, dal membro del partito Karin Magnussen che studiò i colori degli occhi e Josef Mengele (al campo di concentramento di Auschwitz) per uso in studi volti a dimostrare le teorie razziali naziste e giustificare le politiche sociali legate alla razza. Dopo la capitolazione tedesca nel maggio 1945, la maggior parte delle migliaia di archivi e attrezzature di laboratorio dell’Istituto furono spostati in un luogo sconosciuto o distrutti e mai acquisiti dagli Alleati. La maggior parte del personale dell’Istituto è riuscita a evitare qualsiasi processo.

Gli sforzi di recupero della Namibia di Fischer sono iniziati con la ricerca dell’Università di Friburgo nel 2011 e si sono conclusi con la restituzione dei teschi nel marzo 2014. Di fronte a richieste finanziarie, la Fondazione Rockefeller ha sostenuto sia il Kaiser Wilhelm Institute of Psychiatry che e il Kaiser Wilhelm Institute of Anthropology, Human Heredity and Eugenics …

L’eugenetica iniziò in Svezia nel 1922, poi andò in Inghilterra e poi in California e Australia; Molti svedesi – e forse non solo loro – non vogliono ricordare che nel 1922 fu inaugurato a Uppsala il primo istituto di eugenetica al mondo, denominato National Institute of Tribal Biology e con il sostegno della maggior parte dei partiti politici. Le idee di purezza e superiorità razziale della razza ariana erano diffuse a quel tempo nei paesi nordici. Anche il regista Ingmar Bergman in seguito ammise di essere stato fortemente affascinato dalle idee naziste, e anche il fondatore dell’IKEA, Ingvar Cambrand, era (1942-1945) un membro del New Swedish Movement.

Nel 1997 il quotidiano svedese “Dagens Nyheter” ha fatto una rivelazione raccapricciante che ha scioccato l’opinione pubblica mondiale. Dal 1935 al 1976 gli svedesi attuarono un programma volto a mantenere la “purezza della razza”. Nell’ambito del programma, più di 60.000 persone, per lo più donne, sono state sterilizzate perché considerate “inferiori” o perché miste, o perché avevano ritardo mentale, problemi psicologici o comportamenti “devianti”, come un’intensa attività sessuale. In generale, il programma è stato applicato a coloro le cui caratteristiche erano considerate non conformi allo standard della razza ariana.

Il programma di sterilizzazione è entrato in vigore dopo che una legge è stata approvata nel 1934. Le autorità svedesi hanno eseguito il programma in completa segretezza. 230. 000 persone sono state sottoposte a sterilizzazione in Svezia dal 1935 al 1996. Sono state infatti eseguite 63.000 sterilizzazioni dal 1935 al 1976 nel quadro delle leggi approvate all’unanimità dal parlamento svedese. Nel 1976 fu approvata una nuova legge che richiedeva il previo consenso degli interessati. Negli anni successivi fino al 1996, circa altri 166.000 cittadini sono stati sottoposti a sterilizzazione.

La parola eugenics deriva dall’inglese eugenics (prima apparizione 1883) o dal francese eugenique (prima apparizione 1883), tuttavia è controproducente, deriva naturalmente dal greco. “L’igiene razziale” era il modello tedesco di eugenetica, formulato per la prima volta da Wilhelm Schallmayer (1857-1919) e Alfred Ploetz (1860-1940) nel 1895. La particolarità di questo modello era la richiesta di unione razziale di popoli bianchi considerati portatori di cultura (Kulturvolker), con l’obiettivo di proteggerli dalla minaccia di declino e, di conseguenza, di migliorare la specie umana. L’ igiene tribale” era anche legata ai piani espansionistici nazisti nell’Europa orientale e sudorientale e all’intenzione di includere in Germania i territori abitati da “elementi del popolo tedesco” (volkish).

Alla Facoltà di Medicina dell’Università di Atene, ci sono riferimenti all’igiene razziale negli anni ’20 e ’30 da accademici che erano accademicamente associati al mondo di lingua tedesca. Il più ardente sostenitore dell’igiene razziale in Grecia era Ioannis Koumaris. Dal 1915 al 1950 fu direttore del Museo Antropologico, dal 1925 al 1950 ricoprì la cattedra di antropologia naturale presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Atene, mentre nel 1924 fondò la Società Antropologica Ellenica, di cui fu direttore fino alla sua morte.

Soprattutto dagli anni ’30 fino alla fine della sua vita, Koumaris sostenne calorosamente la purezza del sangue greco, che vedeva minacciato dalle impurità razziali che potevano verificarsi a causa dell’emigrazione dei greci e, soprattutto, delle donne greche. Sebbene Koumaris cercasse di apparire scientificamente neutrale e obiettivo, mostrò una chiara preferenza per il discorso razziale tedesco. Nel 1954 partecipò come scrittore al volume festivo in onore dello scienziato antropologo tedesco Eugen Fisher.

Nel luglio 1950, l’Unesco mise fuori legge le teorie del “darwinismo sociale” e dell ‘”eugenetica”. Molto semplicemente, l’umanità può discendere da diverse tribù preistoriche distinte di Homo sapiens, ma è solo una razza di umani, dicono, e gli individui possono accoppiarsi senza rischi. Ovviamente questo non si applica alle élite, né alle dozzine di razze e gruppi che mantengono la loro purezza genetica a tutti i costi. È come se dicessero che l’ape e lo scarafaggio possono accoppiarsi “senza pericolo”, poiché sono entrambi insetti e membri di un’unica razza !!

Il “mostro sacro” della biologia, l’americano James Watson, vincitore del Premio Nobel per la Medicina nel 1962 – insieme agli inglesi Francis Crick e Maurice Wilkins – per la scoperta nel 1953 della struttura (doppia elica) della molecola della vita, il DNA , ha subito la rimozione delle sue lodi scientifiche dall’istituto di ricerca dove ha lavorato per quasi quattro decenni, a causa delle sue ripetute dichiarazioni che sono state considerate razziste… come se la natura si preoccupasse dei giochi politici dei politici idioti.

Razzismo legale

Contrariamente alla credenza popolare, la schiavitù non fu abolita negli Stati Uniti a causa dei movimenti abolizionisti, ma perché entrambe le parti nella guerra civile dovettero reclutare nuovi soldati. Allo stesso modo, la segregazione razziale non è stata abolita a causa di Martin Luther King, ma perché il Pentagono aveva bisogno di truppe contro il Vietnam . In effetti, è stato assassinato dall’FBI non a causa del suo impegno per i diritti civili, ma perché era contrario alla guerra.

Quando gli scienziati hanno riacquistato la loro unità, gli avvocati sono stati divisi in due modi diversi di affrontare la questione. Questa volta non furono le ideologie imperialiste e coloniali a separarli, ma la loro percezione della nazione.

Per gli anglosassoni è un raduno nazionale, in senso culturale, mentre per i francesi è una scelta politica. Il principale dizionario legale degli Stati Uniti afferma: “Nazione: un grande gruppo di persone che hanno un’origine, una lingua e una tradizione comuni e che sono un’entità politica”, Dizionario della legge di Black, 2014. Al contrario, la Francia dopo la rivoluzione aveva: Nazione: “Legale una persona composta da tutte le persone che compongono lo Stato ”(Ordine del Re Luigi XVI del 23 luglio 1789).

Oggi la visione francese è più o meno universale, quella degli inglesi è difesa solo da loro e dalle loro creazioni coloniali: i Fratelli Musulmani e gli SSR indiani. Pertanto, nonostante i progressi della scienza, gli inglesi oggi vivono sotto il Racial Equality Act del 1976 e sono mediati dalla Commissione sull’uguaglianza razziale, mentre i testi ufficiali francesi parlano di una presunta razza. In pratica, le due società non stabiliscono differenze razziali, ma un ordine per gli inglesi e un livello sociale per i francesi.

Lotta al razzismo

Negli Stati Uniti, i media collegano le rivolte antirazziste alle conseguenze della schiavitù. Tuttavia, i primi schiavi non erano africani, ma europei (servi a contratto) e gli Stati Uniti sono un paese di immigrati, la stragrande maggioranza della popolazione attuale non aveva antenati lì al momento della schiavitù.

In Occidente, l’antirazzismo viene erroneamente confuso con l’antifascismo. Sebbene non esista più il razzismo per mancanza di razza, né il fascismo per mancanza di bilanci in cui questo pensiero esisteva. I gruppi che oggi rivendicano queste idee hanno la particolarità di affermare di essere della sinistra anticapitalista, ma sono sovvenzionati dallo speculatore George Soros e lavorano per la NATO, il campione del capitalismo. Quindi hanno un addestramento militare.

È interessante notare che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan non ha mancato di sottolineare, durante un’intervista telefonica con la sua controparte statunitense l’8 giugno 2020, che la NATO aveva utilizzato le Brigate antifasciste internazionali sia contro la Siria che contro la Turchia. gli stessi “Antifas” che coordinano le attuali rivolte “antirazziste” negli Stati Uniti.

Il razzismo e l’antirazzismo sono due facce della stessa medaglia.

Il candidato democratico Joe Biden – Vice Presidente di Barack Obama – è intervenuto in video al funerale di George Floyd. I media hanno propagato che si trattava di una cerimonia antirazzista. Tuttavia, il mantenimento dell’ordine per i funerali cristiani è stato affidato alla Nation of Islam, in solidarietà con la comunità nera. Questa organizzazione islamica vive in un circuito rigorosamente chiuso e proibisce il matrimonio interrazziale ai suoi membri, con pene severe. (sic)

I razzisti corrispondono alle ideologie imperialiste e coloniali, gli antirazzisti all’internazionalismo e alla globalizzazione. La loro unica utilità politica comune è conquistare il terreno, tagliare ogni vera lotta sociale, controllare e opprimere i popoli.

Sono letteralmente due facce della stessa medaglia.

Autore Sconosciuto

Fonte: Τραπέζες

Il Razzismo e l'Intolleranza
Bambini nel Mondo
€ 13,50

Il Più Grande Bestseller di Tutti i Tempi (con questo titolo)
Come difendersi da chi ci inganna con i numeri
€ 16,00

La Guerra Democratica
€ 14,90

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate

Codice JTR Bitcoin :

 bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code