toba60

Maledetti Svedesi: Non Intendono Morire di Covid-19

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Ho dei parenti in Svezia che quando ho tempo vado alle volte a trovare, i quali da un anno e mezzo mi prendono in giro ogni volta che ci connettiamo in videoconferenza domandandomi se apparteniamo alla specie umana o a quella degli struzzi, quegli uccelli che mettono la testa sotto terra per non vedere quello che sta avvenendo.

Le sue telefonate erano e sono le più frustranti che mai essere umano può ricevere, io ogni volta gli mostro al computer le immagini del governatore del veneto Luca Zaia che mette in bella mostra la sua mascherina con annessa la fatidica frase che dice ”Morirai se non la Porti” e lui in tutta risposta mi dice….ci sentiamo domani non farmi perdere tempo, che ora vado a vedere il Djurgarden che gioca in casa contro l’Aik Stoccolma.

Lui è ancora vivo, mentre io muoio dalla rabbia ogni Volta che ci penso……

ma non per il virus.

Toba60

Svezia: nonostante le varianti, nessun blocco e nessun decesso giornaliero per Covid

Da quando è scoppiata la pandemia di Covid, la Svezia è stata contesa più di ogni altra parte d’Europa dalla Germania nella guerra dei 30 anni.

Rifiutando di usare il pugno di ferro per controllare un virus, i sostenitori del lockdown hanno affermato che stava commettendo un omicidio o un suicidio; scegliete la vostra metafora preferita. Relativamente pochi come me, in tre articoli separati, hanno sostenuto che il paese nordico stava risparmiando sia l’economia che qualcosa chiamato “libertà” con il suo approccio leggero. Il mio titolo preferito (l’ha scelto l’editore): “I media sono infuriati perché più svedesi non muoiono”.

Così l’anno scorso abbiamo visto titoli come CNN “I morti aumentano nel paese che non ha chiuso. I funzionari identificano il motivo principale”. Più o meno nello stesso periodo, “La Svezia è ferma nella strategia mentre il pedaggio del virus continua a salire”, affermava un’altra fonte. “La strategia svedese per il coronavirus fa salire il tasso di infezione“, gridava la BBC. Tutti giocavano all’ammucchiata. “La Svezia ha il più alto tasso di mortalità giornaliera da Coronavirus nel mondo – e sta peggiorando”. Questo è da Yahoo Sports. Sport?

I modellisti hanno cercato disperatamente di spaventare la Svezia per farla chiudere. Uno ha previsto un’incredibile mediana di 96.000 morti, con un massimo di 183.000. All’Università svedese di Lund un accademico ha usato i parametri dell’ormai famoso modello Neil Ferguson/Imperial College per avvertire che significava 85.000 morti per la Svezia. Un team dell’Università di Uppsala ha anche trovato che la nazione paga un prezzo terribile con 40.000 morti di Covid-19 entro il 1° maggio 2020 e quasi 100.000 entro giugno.

Totale dei morti svedesi di Covid in questo momento: 14,651.

Non è che la Svezia non abbia fatto nulla ma molto poco. “Dall’inizio della pandemia di COVID-19, l’Agenzia della Salute Pubblica… si è imbarcata in un approccio di immunità di gregge de-facto, permettendo che la trasmissione comunitaria avvenisse in modo relativamente incontrollato”, ha dichiarato uno sprezzante editoriale sulla rivista medica di sinistra The Lancet lo scorso dicembre. “Nessuna misura obbligatoria è stata presa per limitare le folle sui trasporti pubblici, nei centri commerciali o in altri luoghi affollati”, si leggeva. “I test sul coronavirus, la ricerca di contatti, l’identificazione della fonte e la segnalazione, come raccomandato dall’OMS, erano limitati e rimangono inadeguati”. Le scuole superiori hanno chiuso temporaneamente, ma le scuole elementari mai.

“A nostro parere”, ha ringhiato The Lancet, “non c’è ancora un riconoscimento sufficiente nella strategia nazionale dell’importanza della trasmissione presintomatica e asintomatica, della trasmissione per aerosol e dell’uso di maschere facciali”.

È tempo di rivedere la Svezia mentre gran parte del mondo ricomincia a chiudersi e a mascherarsi indipendentemente dai livelli di vaccinazione, dando la colpa alla variante Delta. E quegli impudenti svedesi si rifiutano del tutto di morire di Covid.

Non per dire che i vaccini non abbiano contribuito ai bassi numeri attuali, ma … i casi hanno raggiunto il picco durante la prima settimana di gennaio mentre le vaccinazioni non sono iniziate fino alla fine di quel mese. Attualmente la Svezia è al 18° posto in Europa per i vaccini pro capite, proprio nel mezzo. Allo stesso modo, c’è chi dice che la Svezia si è finalmente piegata e ha imposto serie restrizioni. Non l’ha fatto. Ha imposto più restrizioni nella seconda settimana di gennaio, forse più in risposta all’obbrobrio internazionale che altro. Ma sì, è stato dopo che i casi non solo avevano cominciato a diminuire, ma erano addirittura crollati di più della metà.

Cosa sta succedendo? Secondo uno studio non ancora pubblicato ma online di due ricercatori della Svenske, sembra che il paese abbia raggiunto quel Santo Graal di Covid chiamato “immunità di gregge”. Questo significa un livello in cui quelli già protetti stanno significativamente proteggendo quelli senza esposizione. Mente, dicono, non è tutto da Covid-19 di per sé, ma forse in gran parte a “pre-immunità” da altre infezioni. Quattro coronavirus sono noti per causare il raffreddore, ma i ricercatori in realtà non menzionano nemmeno questo. È solo che l’esposizione precedente a qualcosa sembra fornire un’inoculazione naturale. E non dovrebbe essere unico in Svezia come Ingrid Bergman.

Intendiamoci, le cifre attuali sono solo un’istantanea. Il paese ha pagato un prezzo terribile sulla via dell’apparente immunità di gregge? Beh, certamente il tasso di mortalità svedese è più alto dei suoi vicini nordici, Norvegia, Danimarca e Finlandia. Questi sono i paragoni che sentirete. Ma è ben al di sotto dei tassi dei paesi europei più popolosi, tra cui Belgio, Italia, Regno Unito, Romania, Spagna, Francia e Portogallo. Anche gli Stati Uniti.

Il capo epidemiologo svedese Anders Tegnell, che si è beccato l’inferno, si sente vendicato. “Bloccare è risparmiare tempo”, ha detto l’anno scorso. “Non sta risolvendo nulla”. In sostanza il paese ha “anticipato” le morti e le ha diminuite in seguito.

Nel frattempo, gli odiatori svedesi hanno anche insistito che in cambio del suo “conto da macellaio” il paese stava traendo poco o nessun beneficio economico dal non chiudere.

“È improbabile che la Svezia senta il beneficio economico dell’approccio no-lockdown“, ha avvertito il Financial Times in un titolo del 10 maggio 2020. Ha ammesso che finora la Svezia se l’è cavata meglio, ma alcuni “analisti” hanno avvertito che non sarebbe durato.

Sbagliato. Nonostante la Svezia senta inevitabilmente la risacca delle economie che si sono bloccate, “Covid-19 ha avuto un impatto piuttosto limitato sulla sua economia rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei”, secondo la società di consulenza Nordetrade.com. “Le restrizioni preventive più morbide contro il Covid-19 all’inizio dell’anno e una forte ripresa nel terzo trimestre hanno contenuto la contrazione del PIL”, ha detto.

Così il paese che i media amavano odiare sta raccogliendo il meglio di tutti i mondi: pochi casi e morti attuali, una crescita economica più forte dei paesi di blocco, e il suo popolo non ha mai sperimentato il giogo della tirannia.

Non sorprende che non sia solo la posizione pro-libertà della Svezia su Covid a colpire il MSM. Anche se abitualmente etichettata come “socialista”, è al 10° posto su 190 economie per la facilità di fare affari, secondo il rapporto Doing Business della Banca Mondiale per il 2020.

Che per molte persone è presumibilmente un’altra buona ragione per odiarli.

Michael Fumento

Fonte aier.org

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code