toba60

No, il Green Pass Non Sarà Inutile, Chiedetelo al Deep State

Ogni cosa viene svolta in questo momento non ha nulla a che vedere con la tanto decantata salute di cui tutti si sporcano la bocca.

Il pianeta pare ipnotizzato da una campagna di disinformazione che è diventata la sola ed unica verità accettata da gran parte delle masse, non so come andranno a finire le cose, certo è che i nostri posteri avranno molto da lavorare per cercare di capire..

…. come tutto questo sia stato possibile.

Toba60

No, il Green Pass Non Sarà Inutile

Leggiamo e sentiamo, qua e là, che il passo del “vaccino” è già obsoleto, se non altro perché è inutile.

Questa idea è falsa ed estremamente pericolosa. Favorisce illusioni disastrose e rischia di smobilitare le persone che non vogliono questo dispositivo.

Naturalmente il lasciapassare servirà a qualcosa!

I truffatori che l’hanno messa in piedi non sono solo dei pazzi che fanno qualsiasi cosa per divertimento; servono interessi enormi e hanno obiettivi molto specifici.

Del resto, basta chiedere ai promotori del lasciapassare, che ammettono sempre più sfacciatamente le loro intenzioni, a cominciare dal Senato, i cui membri hanno prodotto un rapporto che mostra un po’ il loro orecchio.
Il collegamento di tutti i dati

Il pass non sarà più solo un “vaccino”: diventerà uno strumento multifunzionale, una specie di sistema di sorveglianza totalitario tutto in uno.

Sarà come una carta bancaria, una carta di credito, una carta di sicurezza sociale, una carta di assicurazione sanitaria, un biglietto di trasporto e un pass per il computer senza il quale sarà impossibile accedere a qualsiasi luogo.

Comprenderà in particolare i seguenti dati la salute (vaccinazioni, medicinali consumati, spese sanitarie e rimborsi della previdenza sociale o della mutua, ricoveri, operazioni chirurgiche, malattie croniche, mutue private, ecc.); le imposte (reddito dichiarato; importo dell’imposta sul reddito; detrazioni fiscali, compresa la menzione di organizzazioni, partiti politici, sindacati o associazioni a cui l’individuo ha fatto donazioni che danno diritto a queste detrazioni; imposta patrimoniale, ecc. ); consumi (prodotti acquistati nei negozi o su Internet; spese giornaliere, mensili, annuali, per tipo di prodotti alimentari, per stagione, ecc.); viaggi (con trasporto pubblico o individuale); viaggi (tempo trascorso in tale e tale paese, hotel o campeggi prenotati, siti visitati, importo totale di denaro sborsato nella località, ecc.


Una carta di pagamento digitale obbligatoria

Il pass servirà anche come modulo di pagamento digitale.

Questo processo sarà obbligatorio. L’oligarchia sta diventando sempre meno riservata sul suo desiderio di abolire il contante, per la seguente ragione, tra le altre: attualmente, molte piccole transazioni non permettono alle banche di applicare una commissione: per esempio, quando si compra una baguette da 1 euro dal panettiere con una moneta, né il cliente né il negoziante pagano alla banca una percentuale su quell’euro.

Gli istituti bancari quindi non vogliono più questo sistema. Pertanto, qualsiasi pagamento, anche per importi molto piccoli, sarà pagato tramite transazione informatica, per la quale sia l’acquirente che il venditore pagheranno delle royalties alla banca. Nel caso della nostra panetteria, al cliente e al panettiere verrà addebitata una certa percentuale ciascuno sulla somma di 1 euro.

Inutile dire che, poiché i contanti spariranno, le persone che non hanno un pass non potranno comprare nulla.

A nostro parere, il sistema può essere implementato molto rapidamente.

Molto presto (se i piani dell’oligarchia non saranno fermati sul nascere), gli individui in possesso di un pass “vaccino” saranno costretti a usarlo come mezzo di pagamento digitale. La persona che è stata iniettata ma che vuole ostinatamente pagare il proprietario del caffè in contanti per il suo espresso non potrà farlo. La persona non avrà allora altra scelta che rinunciare al suo caffè, così come dovrà rinunciare ad andare al cinema, a visitare un museo… o a fare la spesa in un supermercato, perché il pagamento digitale sarà obbligatorio ovunque, anche nei negozi di alimentari.

Una società del consumo

Allo stesso tempo, i programmi informatici calcoleranno ciò che l’individuo può o deve comprare e consumare.

Il pass/carta bancaria impedirà certe spese. E non solo per le cosiddette ragioni ambientali.

Se la persona ha solo X euro rimasti nel suo conto, la macchina bloccherà autorevolmente tutti gli acquisti.

Se, secondo l’intelligenza artificiale, l’individuo ha già consumato troppo di questo o quello, impedirà qualsiasi ulteriore acquisto di quel prodotto per un certo periodo di tempo.

Poiché tutti i dati sono interconnessi (spese sanitarie, malattie, ricoveri, rimborsi della previdenza sociale o di una mutua, appartenenza o meno a un club sportivo, ecc.), il programma informatico potrà decidere che la persona non deve comprare zucchero, o prodotti grassi, o carne, ecc.

Ma l’intelligenza artificiale non solo proibirà tali e tante spese, ma imporrà quelle che calcola come necessarie.

Dato che i pagamenti e i prelievi saranno effettuati automaticamente, il programma informatico farà automaticamente certi acquisti per l’individuo, senza che sia richiesto il parere dell’individuo. È la macchina che ordinerà questo prodotto o quella medicina online, ed è la macchina che pagherà, e l’individuo dovrà solo conformarsi a questa decisione.

Due esempi, che non sono i peggiori

Da sola, l’intelligenza artificiale farà un abbonamento a un centro fitness, con il pretesto che il signor X ne ha bisogno. Questi ultimi saranno informati più tardi e non potranno opporsi a questa “decisione”. Se non frequenta la palestra, sarà ritenuto responsabile degli eventuali problemi di salute che potrebbero sorgere; il programma informatico rifiuterà allora di rimborsargli qualsiasi trattamento da parte della previdenza sociale o dell’assicurazione sanitaria.

Il programma del computer deciderà anche se la persona deve andare a fare un trattamento termale o meno. Se è così, determinerà quando, dove, per quanto tempo, in quale località e hotel, quali siti turistici visitare ecc. La macchina farà le prenotazioni e pagherà senza nemmeno chiedere il parere del paziente, al quale verrà semplicemente detto di andare in tale e tal altro posto in tale e tal altra data, e avvertito che i suoi biglietti (treno o autobus) sono disponibili sul suo dispositivo digitale.

Anche in questo caso, se il signor X non va dove gli viene ordinato di andare, o se, sul posto, non va alle cure abbastanza assiduamente, l’intelligenza artificiale vieterà qualsiasi rimborso delle spese sanitarie da parte della previdenza sociale o della mutua.
Pedaggi a tutti i livelli

Il pass diventerà anche indispensabile per viaggiare ovunque.

Dovrà essere scannerizzato per prendere il trasporto pubblico e anche semplicemente per entrare nella metropolitana, nella RER, nelle stazioni, ecc.

Questo sistema interesserà una lista sempre crescente di luoghi: università, scuole in generale, biblioteche, ospedali, strade e autostrade, luoghi di lavoro, ecc.

Inoltre, le autorità incoraggeranno fortemente – per non dire obbligheranno le aziende a installare terminali informatici che dovrete scansionare con il vostro pass per entrare.

A lungo termine, si tratta di vere e proprie barriere che divideranno lo spazio pubblico, ostacolando il movimento degli individui, soprattutto perché queste barriere diventeranno dei caselli: ogni volta che una persona passa, una certa somma sarà detratta dal suo conto.

Con qualsiasi pretesto, il pass sarà disattivato, bloccato. Il riconoscimento facciale sarà aggiunto ai terminali digitali assolutamente ovunque e al tracciamento informatico generalizzato e l’individuo non potrà più accedere alla RER, per esempio, se non ha pagato le tasse o una multa (nel caso in cui il suo conto, in deficit, non potesse essere detratto automaticamente), o se è stato filmato fuori alle 9 di sera in violazione di un coprifuoco, o se è andato a più di 10 chilometri da casa nonostante un divieto, o se ha postato un commento di protesta su un social network, o se ha superato la sua quota di CO2, o se non ha ricevuto una nuova dose di tale e tale presunto vaccino o medicina.

Inoltre, in caso di blocco o coprifuoco, i pass saranno programmati in modo che nessuno possa violare i divieti di movimento; nel nostro esempio, sarà impossibile entrare nella metropolitana se la stazione è a più di 10 chilometri da casa.

Allo stesso modo, i conti bancari saranno bloccati o svuotati al minimo pretesto.

Coloro che dubitano di questo dovrebbero leggere un recente rapporto dei senatori che alza un po’ il velo su ciò che l’oligarchia ha pianificato: Crisi sanitarie e strumenti digitali: rispondere efficacemente per riconquistare le nostre libertà (senat.fr).

Dal passaggio al ritmo attraverso il chip

Infine, il passaggio del “vaccino” è solo un passo verso la scheggiatura obbligatoria. Non c’è dubbio che, non appena la gente si abituerà a questo passaggio, sarà costretta a farsi chippare; chi si rifiuta sarà “disattivato “1.

Una società svedese ha già annunciato di aver sviluppato un pass “salute” sotto forma di chip sottocutaneo.

A lungo termine, la microchippatura permetterà di inoculare sostanze agli individui senza che questi ne siano consapevoli o se ne accorgano.

Il passo sarà così diventato un passo, un termine ibrido che proponiamo di chiamare questo passo in forma di chip2.

In conclusione, sarebbe suicida credere che il passaggio del “vaccino” sarebbe inutile e quindi destinato a scomparire rapidamente. È vero l’esatto contrario: le funzioni del passo saranno sempre estese.

Sarebbe altrettanto suicida pensare che il covidismo venga ritirato in favore di un ritorno alle libertà. Questa è un’altra idea pericolosa che viene diffusa qua e là: Irlanda, Regno Unito, Austria, Spagna e altri paesi vengono menzionati, dimenticando che sono tra i peggiori in termini di violazioni delle libertà e dei diritti umani con il pretesto di una cosiddetta pandemia. Seriamente, c’è gente abbastanza ingenua da immaginare che l’oligarchia getti improvvisamente la spugna, così, dopo aver fatto tutto quello che ha fatto per più di due anni? Certo, non dobbiamo scoraggiare i combattenti della resistenza, né negare che la loro azione ha potuto, o potrà in futuro, rallentare la dittatura. Ma temiamo la smobilitazione.

È più che mai necessario combattere perché l’oligarchia, che non rinuncia mai a fare il male, ha già programmato i prossimi attacchi.

Sellami

Fonte: lesmoutonsenrages.fr

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code