toba60

Non Conosci Toba60? Facebook e Google ti Spiegano come si Fa!

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ bene che il grande pubblico si renda conto non solo di ció che accade quotidianamente sotto i loro occhi, ma pure di quello che si cela dietro le quinte dell’informazione che e’ una autentica spada di Damocle puntata sopra di noi.

Joe Martino lo Conosciamo da tempo ed e’ un capostipite dell’informazione in controtendenza che ha colto nel segno attraverso questo editoriale quello che noi Blogger stiamo vivendo quotidianamente in questo preciso momento.

ByoBlu con Claudio Messora in Italia come sapete ha dovuto defilarsi dalla rete per poter comunicare liberamente, e’ stato per noi un autentico punto di riferimento che ci vede ora in prima linea in un ambiente ostile e difficile da gestire per gli innumerevoli ostacoli dove un mondo apparentemente anarchico ci vede in balia di onde che sono sempre a ridosso degli scogli.

Nell’ultimo anno hanno chiuso oltre 5 milioni di pagine web, e’ un ecatombe che pochi conoscono e solo lavorando all’interno della rete si può in qualche capacitarsi di un fenomeno che affonda le sue radici in quella che è un autentica strategia digitale atta a creare tutti i presupposti per un monopolio neoliberista il cui fine e il pensiero unico collettivo.

Noi lavoriamo ininterrottamente 24 ore su 24, abbiamo migliaia di punti di riferimento e contatti in tutto il mondo per avere un quadro generale dei fatti e delle notizie e siamo nostro malgrado al vaglio di ”intermediari gestiti da multinazionali” che interferiscono con dei semplici algoritmi su ogni cosa che possa in qualche maniera incidere al grande pubblico mondiale.

Il Nostro servizio pare sia diventato una minaccia e ci siamo accorti di questo dopo che il numero di utenti in paesi che giornalmente accedevano al portale, ha drasticamente ridotto il numero delle presenze.

Dopo una attenta verifica scopriamo che chi accede al nostro indirizzo in rete nei paesi di origine vede apparire la classica schermata rossa che lo menziona come sito a rischio.

Al danno di immagine si sommano le entrate pubblicitarie che a discrezione dei colossi della rete possono a loro piacimento ridursi indiscriminatamente

Tra gli ostacoli che dobbiamo affrontare non ultimi sono quelli di utenti che seguendo le direttive dei classici motori di ricerca rileva e amplifica come inaffidabili le informazioni, ignari nel nostro caso che ben 4 degli autori dei nostri editoriali solo quest’anno sono morti per cause ancora sconosciute, forse si dovrebbe chiedere loro cosa abbiano di fatto di male per meritare una tale sorte.

Quello che accertiamo non veritiero e alle volte può succedere, lo cancelliamo immediatamente è successo due volte, in 3 anni, la prima avvenne in occasione di servizio su Michael Jackson ed una seconda per una svista legata alle cifre inerenti i morti della Guerra in Iraq, a voler dire la nostra ci piacerebbe tanto che la stessa solerzia nel trovare gli errori venga fatta pure nei confronti degli organi di informazione mainstream.

Ed ora prima di concludere ci teniamo a sottolineare alcune cose

Un lavoro come questo non ci consente di fare altro e senza il supporto economico da parte di coloro che visitano toba60 non possiamo nella maniera più assoluta proseguire nel nostro lavoro, l’abbonamento di un euro al mese (Che non e’ una donazione) da parte di ognuno di voi ci consente di fare molto.

Non chiediamo il sostegno economico fine a se stesso ma la vostra disponibilità’ a far parte di un progetto che implica uno sforzo il quale ancor prima che essere materiale nasce dalla consapevolezza di fare un qualcosa di utile.

Toba60

I danni invisibili del controllo dei fatti sul discorso pubblico

Ormai la discussione intorno alle potenziali origini di fuga dal laboratorio del COVID-19 è dove dovrebbe essere, in uno spazio in cui possiamo ammettere che non sappiamo esattamente quale sia la verità, ma che ci sono in effetti prove di origini di laboratorio che dovrebbero essere indagate.

Questa prova era ampiamente disponibile per i funzionari della sanità pubblica e il pubblico già nel febbraio del 2020, quando la pandemia ha iniziato a colpire i paesi occidentali e la battaglia delle origini è iniziata. Eppure siamo qui in disordine, chiedendoci come i media mainstream e la scienza abbiano etichettato questa storia come una “teoria della cospirazione” in primo luogo.

Abbiamo trattato la questione delle origini di laboratorio in modo approfondito in diversi articoli che abbiamo pubblicato dall’inizio della pandemia. Un articolo più recente che abbiamo pubblicato nel marzo 2021, del Dr. Madhava Setty, ha indicato la validità delle origini di laboratorio anche prima del famoso pezzo investigativo di Nicholas Wade. A causa del sentimento pubblico dell’epoca, l’articolo del Dr. Setty è stato accolto con critiche, naturalmente.

Il nostro giornalismo si sta muovendo Il nostro giornalismo investigativo e di reporting si sta spostando verso il nostro nuovo marchio chiamato The Pulse. Clicca qui per rimanere informato.

Nel settembre del 2020, ho pubblicato un pezzo che esplorava le affermazioni di un virologo cinese chiamato Dr. Li-Meng Yan che diceva di avere le prove che COVID era stato fatto in un laboratorio di Wuhan. È interessante notare che la nostra copertura è stata accolta da un fact check di PolitiFact che sosteneva che il nostro pezzo era falso perché le sue affermazioni sono state ampiamente sfatate. Ed è qui che voglio rivolgere la vostra attenzione su come funziona il fact checking e anche discutere i danni invisibili che causa non solo ai media indipendenti ma anche al discorso pubblico. Inevitabilmente, dovremo anche discutere una verità che sento emergere: i fact checker sembrano essere giornalisti glorificati che rinforzano le prospettive mainstream, invece di controllare i contenuti.

Come avviene il controllo dei fatti

Il modo in cui funziona è che lavoriamo scrupolosamente su un pezzo, lo controlliamo, lo modifichiamo e poi lo pubblichiamo. Poi iniziamo a diffondere il nostro contenuto ai nostri network via email e social media. Se abbiamo fatto un errore, di solito lo prendiamo entro poche ore, perché inevitabilmente qualcuno lo porta alla nostra attenzione. Anche se questo non è comune, succede, ed è una parte normale della gestione di una pubblicazione di notizie/media. Poi pubblichiamo una correzione e la chiariamo nell’articolo. Ma quando viene coinvolto un fact checker è un po’ diverso. Riceviamo la temuta e-mail nella nostra casella di posta elettronica che afferma che un fact checker indipendente ha valutato il nostro contenuto pubblicato su Facebook come falso. Sappiamo cosa significa, ed è raro che si tratti effettivamente di un errore.

È importante capire cosa succede dopo.

Un avviso viene messo sopra il nostro contenuto sul newsfeed di Facebook. Qualcuno su Facebook vedrebbe qualcosa del genere:

I lettori hanno poi la possibilità di leggere perché è stato considerato “falso” o “fuorviante” leggendo un articolo scritto da un fact checker. In alcuni casi, il fact checker sta correttamente “sfatando” le cattive affermazioni fatte in un articolo. Ma in molti casi, questo non è esattamente quello che sta succedendo. A volte, il fact checker è semplicemente in disaccordo con l’obiettività dell’articolo in questione.

Prima di continuare, questo avviso di “false informazioni” non solo mette in cattiva luce il marchio che ha prodotto il contenuto, il cui logo appare accanto al post in milioni di newsfeed, ma influisce anche sulla portata del contenuto del marchio e quindi sulle sue entrate pubblicitarie.

Dai nostri dati, che ammettiamo non essere perfetti, vediamo tipicamente una riduzione del 75% del traffico da Facebook quando siamo colpiti da un reclamo di “fake news”. Questo equivale a una riduzione del 75% delle nostre entrate pubblicitarie, considerando che il traffico è sparito. Ciò che è peggio è che Facebook sembra tenere un registro di quanti fact check un marchio ottiene nel tempo, e sostengono che ripetuti colpi di notizie false si tradurranno in una riduzione della portata a lungo termine.

Secondo un articolo del 2021 su Adweek,

Facebook inizierà a mostrare messaggi agli utenti che stanno per seguire una pagina che ha ripetutamente condiviso contenuti ritenuti falsi dai suoi partner indipendenti di fact-checking.

Facebook ha anche detto che la condivisione ripetuta di informazioni fuorvianti potrebbe comportare anche la cancellazione della pagina. Naturalmente, nessuno sa quanta portata viene tolta o quanti colpi un marchio ha bisogno perché la sua pagina venga rimossa, ma posso dirvi che siamo passati da circa 20 milioni di pagine viste al mese in traffico web a circa 3 milioni al mese.

Prove della nostra perdita di traffico nel tempo. Fonte: Google Analytics

Quasi tutta la nostra perdita di traffico proviene dal lato Facebook, con circa il 15% proveniente dalla ricerca di Google dopo che ci hanno sistematicamente rimosso dai loro risultati di ricerca nel 2020.

Guardando specificamente al lato di Facebook, le affermazioni di “notizie false” hanno enormi implicazioni sulle società di media indipendenti, e colpisce direttamente i profitti. E quello che stiamo per approfondire spiega come non è che in tutti i casi i fact checker stiano ripulendo le storie false, in realtà hanno torto marcio – molto. Questo attacco al giornalismo obiettivo può letteralmente far fallire un’azienda di notizie. E nessuno tiene i fact checker responsabili quando hanno torto marcio.

Prendiamo la nostra storia del virologo cinese che PolitiFact ha affermato essere falsa nel settembre 2020. Il 17 maggio 2021, PolitiFact ha ritrattato la sua affermazione dicendo:

“Quando questo fact-check è stato pubblicato per la prima volta nel settembre 2020, le fonti di PolitiFact includevano ricercatori che affermavano che il virus SARS-CoV-2 non poteva essere manipolato. Questa affermazione è ora più ampiamente contestata. Per questo motivo, stiamo rimuovendo questo fact-check dal nostro database in attesa di una revisione più approfondita. Attualmente, consideriamo l’affermazione non supportata da prove e in discussione. Il fact-check originale nella sua interezza è conservato qui sotto per motivi di trasparenza e archiviazione. Leggi il nostro rapporto del maggio 2021 per saperne di più sulle origini del virus che causa il COVID-19″.

Ho lottato per includere questo pezzo successivo in questo pezzo perché davvero non voglio diventare meschino qui, ma non so come altro portare l’attenzione su quanto sia seria questa situazione. Essendo stato così intimamente connesso a questo particolare esempio dall’anno scorso, sento che PolitiFact deve essere più onesto e dire qualcosa come:

“Qui a PolitiFact abbiamo ignorato le fonti di informazione che fornivano la prova che il COVID potrebbe aver avuto origine in un laboratorio. Abbiamo guardato solo le prove che pensavamo fossero affidabili da fonti istituzionali. Non abbiamo passato abbastanza tempo a scavare veramente e ad applicare l’obiettività, come farebbero i giornalisti, e così abbiamo fatto affermazioni infondate. Abbiamo poi aggiornato la nostra storia ora che il discorso mainstream si è aperto all’idea delle origini di laboratorio e ora che i nostri genitori, i media mainstream, ci hanno detto che è giusto parlarne”.

Tuttavia, questo non è ovviamente quello che hanno scritto, perché perché dovrebbero? Invece, stanno facendo passare la loro mancanza di ricerca oggettiva e incolpando i “ricercatori” da cui hanno attinto. Per riferimento, ecco cosa avrebbe prodotto uno sguardo obiettivo su questa storia, e perché sarebbe stato trovato un ovvio conflitto di interessi che “sfata” la teoria delle origini in laboratorio.

Recentemente, ho sentito molte persone venire in difesa dei media tradizionali e dei fact checker quando si tratta di queste ‘nuove’ informazioni sulle origini di COVID. Molti hanno detto cose come “questo è ciò che è la scienza e il giornalismo, aggiorniamo le idee. Quando arrivano nuove informazioni e vediamo che ci sbagliamo, lo ammettiamo e andiamo avanti, aggiornando le nostre conoscenze”. Dovreste congratularvi con le persone per aver cambiato idea”.

Ma non è quello che è successo. Non è che nessuno sapesse cosa stava succedendo con queste informazioni, erano solo troppo occupati a odiare Trump. I giornalisti mainstream hanno ignorato le prove e i fact checkers hanno seguito proprio dietro i media mainstream e hanno fatto lo stesso. Hanno fatto un lavoro oggettivamente pessimo nell’investigare questa storia e ora stanno cercando di celebrare il loro cambio di idea, il tutto mentre attaccano continuamente le fonti che hanno avuto ragione fin dall’inizio i media indipendenti.

La posizione che abbiamo preso nel nostro pezzo nel settembre 2020 era semplice: non sappiamo abbastanza sulle origini di questo virus e abbiamo bisogno di un appello per ulteriori ricerche. Questo è stato accolto con “questa è una teoria della cospirazione che è stata ampiamente sfatata”. E ora quei debunker stanno ammettendo “non sappiamo abbastanza sulle origini di questo virus e abbiamo bisogno di un appello per ulteriori ricerche”.

Allora, dov’è il nostro risarcimento per i mancati introiti di Facebook o PolitiFact? Dove sono le scuse e la notifica alla gente di Facebook che ripulisce il nostro nome dalle azioni sbagliate? Non ce ne sarà una e mi sta bene. Potremmo davvero aspettarci il contrario? Allo stesso tempo, sento che dobbiamo imparare dalle scelte che stiamo facendo in questo momento.

Guadagnare dagli errori culturali

La cosa triste è che questa non è la prima volta che ci succede. Al nostro conteggio di ‘fact checks’ dall’inizio della campagna di Facebook, solo 2 su 15 sono stati corretti, ed erano più che altro per fornire un po’ di contesto più profondo rispetto ai fatti errati. Più volte abbiamo ricevuto ‘fact checks’ che rimangono sulla nostra pagina per un paio di giorni, solo per essere rimossi dai fact checkers un giorno dopo sostenendo “ops questo è stato un errore” o anche a volte si siedono in silenzio tombale. Naturalmente, il danno è già stato fatto nel momento in cui rimuovono il loro fact check sbagliato.


Un recente fact check che abbiamo ricevuto è stato da una piccola organizzazione chiamata Lead Stories. Hanno applicato un fact check a uno dei nostri articoli, ma hanno citato un articolo che non era nostro. Quando abbiamo chiesto di discutere cosa c’era di sbagliato nel nostro pezzo in particolare, hanno detto che avrebbero indagato. Ci hanno messo più di un mese per rispondere, e ancora non hanno fornito alcuna chiarezza sul perché il nostro pezzo “manca di contesto”. Anche questo potrebbe essere un caso in cui l’orgoglio si mette in mezzo e ammettere che non c’è niente di sbagliato nel nostro pezzo è troppo – non lo sappiamo, e questo è il problema. Non sapremo se questo sciopero fasullo si aggiungerà alla pila di scioperi che riceviamo su Facebook e che potrebbe un giorno portare Facebook a terminare il nostro account a causa della ‘ripetuta pubblicazione di notizie false’.

Un’altra azienda chiamata Science Feedback ha una divisione chiamata Health Feedback. Sono quelli con cui abbiamo più a che fare. Tipicamente Health Feedback gestisce storie relative alla salute che di solito sono le più rilevanti nella cultura in un dato momento. Pensate a cose come COVID-19 o l’esitazione del vaccino. Abbiamo avuto molteplici interazioni con Health Feedback in cui loro controllano i fatti del nostro lavoro e usano argomenti straw-man, che noi non facciamo nei nostri pezzi, in modo da poter sfatare l’affermazione straw-man e fingere di aver sfatato il nostro pezzo. La comunicazione con questa organizzazione di solito non va da nessuna parte produttiva, perché tengono duro con le loro opinioni. Dal momento che detengono tutto il potere, aspettano che voi concediate in modo da poter riavere le vostre entrate commerciali. Questo singolo fatto è probabilmente ciò che il pubblico non capisce del fact checking: hanno il potere di tenere in ostaggio le vostre entrate pubblicitarie tenendo in ostaggio il vostro traffico sui social media.

Come questo influenza il discorso pubblico

I media tradizionali spesso inviano una narrazione abbastanza comune su tutta la linea. I media alternativi o indipendenti spesso forniscono più informazioni, un’altra prospettiva o anche una controprospettiva. Eppure il fact checking sembra essere arrivato e ha “sfatato” quella prospettiva alternativa usando le stesse fonti che usa il mainstream e in molti casi sono proprio false. Questo rende i fact checkers un apparentemente obiettivo rinforzo delle narrazioni del mainstream. Questo nega effettivamente il punto dei media indipendenti.

Guardate la storia delle origini del laboratorio COVID come solo un esempio di centinaia. La gente ha rinunciato all’idea, l’ha persino definita assolutamente folle, solo perché i media mainstream e i fact checker hanno erroneamente etichettato la storia come “teoria della cospirazione”. Per oltre un anno, la gente ha discusso e combattuto su questa storia. Le aziende che sono rimaste fedeli alla verità hanno visto le loro entrate e la loro portata sui social media ridursi – solo per essere rivendicate un anno dopo, ma senza alcun beneficio reale per quella rivendicazione se non una pacca personale sulla schiena.

Il fact checking fa bene a sfatare affermazioni ovviamente e verificabilmente false, ma non è sempre obiettivo e quindi chiude un discorso significativo nella politica pubblica e nella scienza. Entrambi fattori importanti per creare una società prospera.

La gente ha ipotizzato che il fact checking è solo un modo per i potenti interessi corporativi di controllare ulteriormente le idee dissenzienti basate sui fatti potrebbero avere ragione. Dopo tutto, guardate le persone dietro alcune di queste organizzazioni.

Un altro modo di vedere la cosa è che forse la gente ha cominciato a notare che l’obiettività nel giornalismo stava morendo. Il fact checking allora era un modo per riportare l’obiettività nel giornalismo essendo una terza parte. Solo che quello che sta succedendo non sembra supportare questa idea, dato che sembra che i fact checkers e i media mainstream spingano le loro narrazioni a passo di marcia.

Ci sono anche problemi reali nei media che non riguardano solo i fatti. Il taglio politico nella maggior parte dei media mainstream e alternativi è ovvio. Questo offusca i fatti di una storia? Manipola lo spettatore? Un’organizzazione sceglie di coprire ciò che supporta il suo punto di vista invece di ciò che è nel migliore interesse delle persone? Certo, le organizzazioni di notizie devono fare soldi. E in molti casi il primo passo per farlo è scoprire chi è il tuo mercato di riferimento e adattare il tuo messaggio a loro. E nella maggior parte dei casi, le organizzazioni mainstream e alternative stanno facendo proprio questo; di solito allineando il loro contenuto alle opinioni politiche del loro pubblico.

Ma nel caso dei media tradizionali, si stanno anche allineando con gli interessi corporativi o con i loro principali sponsor della rete televisiva, che è probabilmente il motivo per cui quando si tratta di salute e Pharma, non ci si può aspettare di ottenere “l’intera storia” dalle notizie tradizionali. Sarebbe un conflitto di interessi diretto. Un conflitto di interessi che non è ampiamente rivelato a voi, lo spettatore, durante ogni trasmissione su questi prodotti, come dovrebbe essere.

Ora, nel giugno 2021, con la storia delle origini del laboratorio di Wuhan di COVID presa sul serio dai media mainstream, invece di uscire allo scoperto e ammettere di aver sbagliato fin dall’inizio perché hanno ignorato i fatti e pubblicato un giornalismo scorretto, continuano a tessere una narrazione di protezione – confondendo ulteriormente il popolo di massa. Ed è per questo, spero, che voi leggete le nostre notizie e guardate i nostri media, perché siamo stati costantemente all’avanguardia negli ultimi 12 anni.

Questa non sarà l’ultima volta.

Joe Martino

Fonte: collective-evolution.com

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.

Kiiroo Fleshlight Launch Combo with Mobile VR Headset


Comments: 2

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code

  1. Errata corrige: errori di battitura.

    Articolo straordinario, eccellente!
    Prima volta che mi imbatto in “toba60”
    Link inoltratomi su un gruppo whatsapp.
    Condivido ogni singola parola, frase, capoverso… davvero ben scritto sia per contenuti che per l’ empatia che riesce a trasmettere. Dunque, sosterrò per quel che posso l’nformazione controcorrente di Toba60 nella ricerca della Verità.
    Grazie Marco Stella!
    Giovanni… UnoDellaFolla

  2. Articolo straordinario, eccellente!
    Prima volta che mi imbatto in Tubasa… link inoltratomi su un gruppo w.app.
    Condivido ogni singola parola, frase, capoverso… davvero ben scritto sia per contenuti che per l’ empatia che riesce a trasmettere. Dunque, sosterrò per quel che posso l’nformazione controcorrente di Toba60 nella ricerca della Verità.
    Grazie Marco Stella!
    Giovanni… UnoDellaFolla