toba60

Ron Paul: La “Seconda Ondata” è un’altra Bufala sul Coronavirus?

Views: 251

Ron Paul e’ sempre stata una mosca bianca in seno al governo statunitense un politico che confrontato alle figure odierne di gran parte delle legislature di tutto il mondo e’ fuori misura in termini di Grandezza.

Incisivo, diretto e coerente in tutto quello che dice e fa’, non ha secondo me goduto di tutta quella attenzione mediatica che avrebbe meritato. (Volutamente e’ giusto dire)

Questo breve consunto di una realtà’ sotto gli occhi di tutti, spero possa essere di aiuto a chi ancora cerca una giustificazione a tutto quello che sta succedendo nel mondo.

Toba60

La Bufala Continua

“Questa è una malattia alla quale sopravvive il 99,9 percento delle persone infette! Ma 40 milioni di persone senza lavoro e le migliaia di vite che finiranno a causa della chiusura non verranno mai menzionate ”. “C’è qualcos’altro che sta accadendo qui e non è in alcun modo correlato alla salute pubblica.”
– Ron Paul

Solo una settimana fa i media mainstream e le migliaia di autorita’ che rappresentavano la “comunità medica” ci hanno detto che dobbiamo buttare via gli ordini di “stare a casa” e andare in piazza per protestare contro la morte di George Floyd da parte della polizia. Il virus Covid-19 non disturberà le persone che protestano contro questa ingiustizia, hanno detto. Il virus attacca solo le persone che escono di casa per protestare contro l’ordine di stare a casa. Ora, dopo che migliaia di aziende – molte delle quali di proprietà di neri – sono state ridotte in macerie e le persone innocenti nelle città non possono più fare acquisti per le necessità di base per vivere, i media mainstream hanno rinunciato alla copertura continua delle proteste. Tutti all’improvviso la scorsa settimana erano abbracciati l’un l’altro e contemporaneamente una nuova narrativa di paura e’ giunta per terrorizzare le masse: una “seconda ondata” di coronavirus era tra noi. Stava prendendo di mira gli stati che hanno osato “aprire” le loro economie e iniziare un ritorno a vite relativamente normali.

Texas, Florida e California sono stati scelti per spaventare il resto del paese nel dare a credere che la pandemia sta tornando, tutti noi cattureremo il coronavirus e moriremo. C’è stato un “picco” nei “casi” di coronavirus hanno affermato. Divertente, solo un mese fa chiedevano che aumentassero enormemente i test, il che ha prodotto proprio quel “picco” di casi positivi di covid-19 che ora stanno usando per spaventare le autorità e ripristinare gli ordini incredibilmente distruttivi di rimanere a casa.

Nella contea qui in Texas che comprende Houston, il giovane giudice che in qualche modo ha preso il potere di chiudere la terza città più grande degli Stati Uniti, ha avvertito che avrebbe chiuso nuovamente la Contea di Harris per combattere questa “seconda ondata” di casi. Ha anche minacciato di versare di nuovo milioni di dollari in un “ospedale da campo” presso uno stadio di calcio di Houston, che non ha visto un singolo paziente nella “prima ondata” di coronavirus. È difficile non chiedersi quali compagnie politicamente collegate stiano raccogliendo milioni di contratti per un ospedale ovviamente non necessario. Migliaia di letti d’ospedale a Houston sono vacanti, mentre i malati di cancro hanno rifiutato le loro proiezioni e le cure disperatamente obbligate.

Come sottolinea l’ex membro del Congresso David Stockman, i numeri attuali di coronavirus non supportano in alcun modo l’affermazione dei media secondo cui una “seconda ondata” di infezione si sta verificando sul Texas. Stockman ci informa che in Texas il “tasso di casi infetti riferito di 256 per 100.000 è solo il 10 percento del tasso reale di” hot spot “di 2.477 per 100.000 nei cinque distretti di New York City; e il suo tasso di mortalità del 6 , 2 per 100.000 abitanti è solo il 3% del tasso di New York 196 per 100.000. “

Non ci sono “hot spot” in Texas. ma solo un gran clamore mediatico.

È divertente che non osino menzionare la Georgia, che ha anche aperto la sua economia e non ha visto alcun “picco”.

Le stesse persone che chiedevano ulteriori test ora stanno gridando che dobbiamo chiudere di nuovo il commercio perché questi test – notoriamente inaffidabili – stanno mostrando più casi di coronavirus. Questa è una malattia che sopravvive al 99,9 percento delle persone infette! Ma 40 milioni di persone senza lavoro e le migliaia di vite che finiranno a causa della chiusura non verranno mai menzionate.

C’è qualcos’altro che sta accadendo qui e non è in alcun modo correlato alla salute pubblica.

Ron Paul

Fonte: http://ronpaulinstitute.org

Coronavirus - COVID-19
No! Non è andato tutto bene
€ 14,00

Come Sopravvivere Felicemente alla Crisi Economica!
Manuale pratico per famiglie e single in difficoltà
€ 12,00

La Crisi Economica e il Macigno del Debito
€ 24,90

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code