toba60

Torio: l’Alternativa Energetica Negata, Abbiamo Già un Auto che Puoi Guidare per 100 Anni con 8 Grammi di Torio Senza Fare Rifornimento

Quello che avrete modo di conoscere è solo una delle migliaia di soluzioni che per logiche ai più’ sconosciute non vengono da anni immesse sul mercato mondiale…….. immagino che tutti vi domanderete perché?

E’ la Globalizzazione ragazzi !!!!!

Toba60

Reattori di Torio a Fluoruro Liquido

L’azienda americana Laser Power Systems (LPS) del Connecticut sta sviluppando un nuovo metodo di propulsione per veicoli utilizzando uno dei materiali più densi della natura: il torio.

Questo secondo un rapporto di Industry Tap. L’azienda sta sperimentando con piccoli blocchi di torio. Il calore emesso dal materiale è usato per alimentare un laser che riscalda l’acqua e usa il vapore per alimentare una mini-turbina. La turbina a sua volta genera la corrente elettrica che alimenta il veicolo.

L’unità non produce emissioni inquinanti.

Quello che all’inizio sembra estremamente chimico e pericoloso è in realtà un concetto rivoluzionario di reattore che vorrei introdurre un po’ più in dettaglio qui sotto. I reattori al torio non usano l’uranio come combustibile, ma il torio. Questo elemento è circa tre volte più abbondante nella crosta terrestre rispetto all’uranio, per cui anche se dovesse essere usato in tutto il mondo, le forniture sarebbero assicurate per secoli.

Inoltre, è praticamente non radioattivo nella sua forma naturale (a differenza dell’uranio, che è radioattivo nei minerali naturali come la pechblenda); l’emivita dell’unico isotopo naturale, il torio-232, è di oltre 14 miliardi di anni. Per rendere questo isotopo del torio fissionabile, deve essere bombardato con neutroni poi si trasforma in torio-233, che a sua volta decade in proactinium-233 in pochi minuti. Questo deve ora essere protetto da ulteriori catture di neutroni in modo che possa decadere in circa 27 giorni in uranio-233.

L’uranio-233, a sua volta, è un eccellente combustibile per reattori nucleari con cui mantenere una reazione a catena: sotto la cattura dei neutroni, l’uranio-233 rilascia altri neutroni, che stimolano altro uranio-233 alla fissione – e incidentalmente convertono altro torio-232 in torio-233, completando così il ciclo. I prodotti di fissione dell’uranio-233 hanno una vita molto più breve: le scorie radioattive non irradierebbero più pericolosamente solo dopo circa 300 anni.

I nuclidi radioattivi a vita più lunga sono prodotti solo in quantità molto piccole. Inoltre, la quantità totale di rifiuti radioattivi per energia utilizzabile è inferiore di un fattore di circa 1000. Questo è dovuto principalmente al fatto che circa il 98% del combustibile viene effettivamente bruciato, in contrasto con il combustibile di uranio, dove le barre di combustibile devono essere smaltite come rifiuti dopo circa il 2-5% di combustione (a seconda che si usi o meno il ritrattamento).

Perché il torio non è stato usato prima?

Sul lato positivo, vari paesi come la Norvegia, la Cina e l’India stanno finalmente iniziando a costruire reattori al torio. La tecnologia era già stata studiata negli Stati Uniti negli anni ’60. Ma dato che non produce scorie di plutonio, è stata rapidamente abbandonata. Il complesso militare-industriale, che a volte controlla anche il mercato dell’energia, aveva bisogno del plutonio per costruire le sue bombe A. Per questo motivo, l’efficientissimo ed ecologico torio è stato abbandonato a favore dell’uranio. Triste ma vero …

L’horium è anche abbastanza economico. Per sostituire tutta l’elettricità delle centrali nucleari svizzere con reattori al torio, sarebbero necessarie circa tre tonnellate di torio all’anno. Ad un prezzo di mercato mondiale di 60 dollari al chilogrammo, questo costerebbe circa 200.000 franchi svizzeri per rifornire la Svizzera per un anno. Al contrario, l’uranio è circa cinque volte più costoso (inoltre, la generazione della stessa quantità di elettricità richiede più uranio, a causa della minore efficienza di conversione), e la tendenza è in aumento.

Sicurezza Integrata

Il ciclo speciale del combustibile, in particolare la separazione del proactinium per proteggerlo dalla radiazione neutronica (questa separazione è necessaria perché il reattore avrebbe altrimenti troppo pochi neutroni per mantenere il ciclo), richiede un design speciale del reattore. Questo design è chiamato un reattore a “fluoruro liquido” (o più generalmente un reattore a “sale liquido”). Il combustibile è alimentato nella camera del reattore non sotto forma di barre di combustibile solido, ma come un composto di sale di fluoruro dissolto in un’altra soluzione di fluoruro. Nel caso del ciclo del torio, l’uranio/torio sarebbe combinato con quattro ioni di fluoruro ciascuno e trasportato in una soluzione di fluoruro di litio/fluoruro di berillio.

I fluoruri sono composti estremamente stabili. La soluzione di fluoruro scorre attraverso il reattore, espone il torio alla radiazione neutronica e poi lo trasporta fuori dal reattore dove decade ulteriormente in uranio-233. L’uranio-233 viene poi restituito al reattore per essere fissionato, rilasciando energia utilizzabile. La soluzione di fluoruro ha una temperatura di circa 650 °C a pressione normale. A differenza dei reattori convenzionali ad acqua pressurizzata, non c’è bisogno di sovrapressione, il che rende il progetto più semplice ed economico ed elimina le possibili fonti di errore.

Poiché il combustibile è in un liquido, le barre di combustibile non devono essere sostituite. Il reattore può essere fermato in qualsiasi momento interrompendo il flusso di liquido nel reattore. Senza combustibile di uranio-233, la reazione ad esso si spegne immediatamente, rendendo il reattore estremamente sicuro. Inoltre, la reattività del combustibile diminuisce con l’aumentare della temperatura: il reattore si autoregola, un’esplosione è completamente impossibile.

Conclusione

Riassumiamo ancora una volta. Il concetto del reattore al fluoruro liquido di torio ha dei vantaggi decisivi:

  • È molto più sicuro dei disegni convenzionali, in particolare i “GAU” convenzionali sono impossibili.
  • Produce circa 1000 volte meno rifiuti radioattivi, che sono anche non pericolosi dopo 300 anni.
  • È possibile co-incenerire i rifiuti radioattivi esistenti.
  • È impossibile dirottare uranio o plutonio per la costruzione di bombe nucleari.
  • Il torio, la materia prima per il ciclo del combustibile, è molto più economico e più comune in tutto il mondo dell’uranio.

Allora perché i reattori al torio a fluoruro liquido non sono stati costruiti per molto tempo?

Per prima cosa, lo sviluppo della tecnologia dell’energia nucleare si è concentrato unilateralmente sui reattori nucleari “a stato solido”. L’esperienza con questo tipo di reattore è piccola: i reattori che usano il torio sono già stati costruiti negli Stati Uniti, in Canada e in India, mentre i reattori al fluoruro liquido di torio sono stati testati solo negli Stati Uniti. Il reattore non soddisfaceva le richieste dei militari dell’epoca, che avevano piuttosto in mente un reattore breeder veloce che potesse produrre grandi quantità di plutonio, quindi i finanziamenti per il progetto finirono negli anni ’70.

Negli ultimi anni, tuttavia, l’interesse per il torio come combustibile per le centrali nucleari è aumentato notevolmente, in parte a causa del forte aumento del prezzo dell’uranio. Paesi come la Norvegia stanno entrando nella ricerca di reattori al torio a fluoruro liquido, e anche l’India, che ha gigantesche riserve di torio, vuole portare avanti questo tipo di reattore, anche per diventare indipendente dall’uranio straniero.

Il torio, a differenza dell’uranio, è molto pulito, efficiente ed economico. È troppo buono per essere vendibile nel nostro sistema. Eppure molti sostengono ancora che dobbiamo il progresso e la prosperità al nostro sistema. Questo argomento ingenuo è confutato dall’esempio del torio. Il nostro sistema non è interessato alle persone o alla loro comodità e prosperità. In un altro sistema, come l’economia basata sulle risorse, non ci sarebbe il problema della fame nel mondo e molto probabilmente nessuna guerra per le risorse.

In questo contesto, vorrei anche sottolineare che ci sono altre fonti di energia altamente efficienti e pulite che l'”élite” ci nega ancora oggi.

La scarsità e la mancanza sono create artificialmente per tenerci “sulle spine

Fonti: final-frontier.ch & legitim.ch

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZION


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code