toba60

Uno Studio Certifica che il veleno delle Api “Distrugge Rapidamente” alcune cellule Cancerose

Views: 228

Come tutti voi sapete, molte considerazioni relative alle cure contro il cancro fatte in questo magazine sono sempre ricche di dati ma con molte incognite che riguardano sempre la fase cruciale che si relaziona con la realtà’.

I medici sono alla continua ricerca del Santo Graal, per una cura che non ne vuole sapere di prendere la direttrice che passi per vie dirette, li dove i conflitti di interesse non ne blocchino il percorso.

La scienza medica ufficiale e’ consapevole che nulla potrà’ mai essere risolutivo per vie farmacologiche, elargire danaro presso i centri di ricerca serve spesso ad alimentare una falsa speranza ed incrementare un sistema ospedaliero i cui interessi cono legati alla logica del profitto e non della salute.

Nel caso specifico si e’ intrapresa una strada che va nella direzione quantomai naturale, le api e gli animali in genere, per non parlare della natura stessa che ha già in se ciò’ che serve per tutelarsi, senza andare alla ricerca di un prodotto sintetico.

Non parlo da medico e nemmeno da guru della medicina, ma da divulgatore scientifico e per quanto la cosa possa apparire eretica, sintonizzare il corpo umano attraverso l’utilizzo di agenti che in natura dettano i ritmi della vita come le onde elettromagnetiche già profetizzate da Nikola Tesla, Georges Lakhovsky Dr. Royal Rife, geni relegati nell’oblio della scienza, e’ una strada che viene sempre bandita, per non dire censurata.

Questa rubrica continuerà’ nella sua continua indagine su quanto vi e’ di concreto nel mondo della ricerca contro il cancro, consapevole che la barriera maggiore non e’ data dalla malattia in sé, ma dagli uomini che si adoperano nel far fronte alla soluzione del problema che ……..

Non deve mai avere una scadenza.

Toba60

Il veleno delle Api “Distrugge Rapidamente” alcune cellule Cancerose

Le api da molto tempo forniscono agli esseri umani strumenti vitali per la nostra sopravvivenza come l’impollinazione di frutta e verdura e il miele che ha proprietà medicinali e antibiotiche. Un nuovo studio pubblicato questo mese sulla rivista  npj Precision Oncology rivela che il ruolo delle api mellifere nell’aiutare gli esseri umani potrebbe aver appena compiuto un enorme passo avanti per salvare vite  umane.

I risultati dello studio, intitolato Veleno d’api e melittina sopprimono l’attivazione del recettore del fattore di crescita nel cancro al seno arricchito con HER2 e triplo negativo,  hanno mostrato che il veleno d’ape mellifera ha rapidamente distrutto il cancro al seno triplo negativo e le cellule di cancro al seno arricchite con HER2.

La ricercatrice capo, la dottoressa Ciara Duffy dell’Harry Perkins Institute of Medical Research e dell’Università dell’Australia occidentale, ha testato l’effetto del veleno delle api sui sottotipi clinici di cancro al seno e i loro risultati sono stati promettenti, per non dire altro.

In un’intervista con Science Daily, Duffy ha affermato che lo scopo della ricerca era indagare le proprietà anti-cancro del veleno di api mellifere e di un composto componente, la melittina, su diversi tipi di cellule di cancro al seno.

“Nessuno aveva mai confrontato gli effetti del veleno d’api o della melittina tra tutti i diversi sottotipi di cancro al seno e le cellule normali.

“Abbiamo testato il veleno delle api su cellule mammarie normali e cellule dei sottotipi clinici di cancro al seno: carcinoma mammario positivo per il recettore ormonale, arricchito con HER2 e triplo negativo.

“Abbiamo testato un peptide molto piccolo e caricato positivamente nel veleno dell’ape mellifera chiamato melittina, che potevamo riprodurre sinteticamente, e abbiamo scoperto che il prodotto sintetico rispecchiava la maggior parte degli effetti anti-cancro del veleno delle api“, ha detto il dott. Duffy.

“Abbiamo riscontrato che sia il veleno d’api che la melittina hanno ridotto significativamente, selettivamente e rapidamente la vitalità del cancro al seno triplo negativo e delle cellule di cancro al seno arricchite con HER2.

“Il veleno era estremamente potente”, ha detto il dottor Duffy.

Incredibilmente, la concentrazione specifica del veleno delle api può indurre la morte delle cellule tumorali al 100%, lasciando le cellule normali per lo più illese.

I ricercatori hanno dimostrato che la melittina funziona in due modi: entro un’ora dalla somministrazione, perfora efficacemente i buchi nella membrana cellulare, uccidendo la cellula. Inoltre, tuttavia, entro 20 minuti dalla somministrazione, interrompe rapidamente le vie di segnalazione del cancro, interrompendo i messaggi chimici necessari per la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali.

“Abbiamo scoperto che la melittina può distruggere completamente le membrane delle cellule tumorali entro 60 minuti”, osserva lo studio.

Secondo il dottor Duffy, “Abbiamo esaminato come il veleno delle api e la melittina influenzano le vie di segnalazione del cancro, i messaggi chimici che sono fondamentali per la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali, e abbiamo scoperto che molto rapidamente queste vie di segnalazione sono state interrotte”.

I ricercatori hanno scoperto che il veleno delle api era particolarmente efficace nella terapia di combinazione, come la chemioterapia. Sebbene i ricercatori sollecitino ulteriori studi, notano che questo studio mostra grandi promesse per il trattamento di tumori comuni e invasivi utilizzando il veleno di derivazione naturale di un’ape.

“Abbiamo scoperto che la melittina può essere utilizzata con piccole molecole o chemioterapie, come il docetaxel, per trattare tipi di cancro al seno altamente aggressivi. La combinazione di melittina e docetaxel è stata estremamente efficiente nel ridurre la crescita del tumore nei topi “, ha detto Duffy.

I ricercatori hanno notato che il veleno delle api è disponibile a livello globale e, se i risultati preliminari sono confermati, potrebbe offrire opzioni di trattamento convenienti e accessibili per le popolazioni socioeconomiche più basse nelle aree remote del mondo. Hanno concluso che i loro risultati “potrebbero essere sfruttati per aiutare lo sviluppo di nuove modalità terapeutiche per molti tipi di cancro associati a frequente resistenza ai farmaci e prognosi infausta”.

Ottime notizie davvero.

Matt Agorist

Fonte: https://thefreethoughtproject.com

Cancro
Un occhio sull’abisso
€ 21,00

Guarire il Cancro
Terapie complementari a base di vitamine e farmaci naturali – Il ruolo degli antiossidanti – Rinforzare il sistema immunitario – Migliorare la qualità della vita – Centinaia di casi di guarigione. Edizione Economica
Voto medio su 1 recensioni: Buono
€ 9,80

Cancro: l'Alleanza Terapeutica
Percorsi di cura, tra natura e scienza
€ 49,90

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Codice JTR Bitcoin :

 bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code