toba60

Vaccini: la Mattanza e’ Iniziata e Adesso…..

Prima di iniziare a leggere e’ bene che abbiate bene in mente la portata di quello in cui verrete a conoscenza.

Non limitatevi a leggere l’articolo e trarre subito le conclusioni, non fate come alla televisione, in cui vi viene impartita una notizia e la accettate perché ve lo ha detto quel contenitore si sciocchezze che non ha più’ ragione di esistere, (Cosi come e’ strutturata ora l’informazione)

All’interno dell’articolo ci sono in grassetto documentazioni ufficiali emanati dal governo federale statunitense e accessibile a tutti, so che ci vuole molto tempo, impegno, una minima conoscenza della lingua, e una certa dimestichezza con termini che paiono fatti apposta per non capirci nulla. (Si può comunque usare un traduttore e un vocabolario medico risolve molti problemi)

L’informazione costa fatica, tempo, volontà’ desiderio di uscire dal vuoto che i media hanno indotto a percepire ogni santo giorno, lo capisco questo, e’ difficile conciliare una vita fondata sul principio per cui i bisogni primari (alimentazione, pratiche burocratiche, lavoro, scuola e tanto altro) occupano gran parte della giornata.

Questo vogliono i guardiani dell’informazione, una mente passiva che assorbe incondizionatamente ogni cosa venga loro immessa.

L’uomo del 21 secolo non dovrebbe nemmeno considerare questi bisogni, egli oggi ha tutti i mezzi, gli strumenti e le possibilità a sua disposizione per assolvere a tutte queste necessita, ma gli viene negato da uno sparuto numero di persone.

E’ l’Arte, la Scienza, il Teatro, la Letteratura, la Musica e tutta la fantasia che un essere umano ha dimostrato di possedere, che dovrebbe rappresentare la normalità’.

Senza la consapevolezza da parte di ognuno di noi che la cultura e’ la sola cosa che può sconfiggere tutti i mali del mondo, non si va da nessuna parte.

L’informazione nelle mani delle persone sbagliate ha fatto di questo pianeta un vero inferno, quello che avrete modo di leggere ora, e’ l’altra parte di una realtà’ che pochi conoscono, gli stessi esiti posti ora, sono stati ufficializzati da parte di centri di ricerca asiatici ed europei (Successivamente daremo ampia documentazione) ma nulla e’ mai trapelato e l’umanità intera naviga a vista, ”dove”, non si sa’, si limita a delegare qualcuno che decide la rotta da prendere.

Toba60

Mimetismo molecolare: confusione corporea di “Sé” e “Non-Sé” (ulteriori prove sui vaccini HPV e sull’autoimmunità)

La potente partnership tra governo e industria farmaceutica, che dal 2006 sta spingendo la vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV) su ragazze e ragazzi in tutto il mondo, ha ormai agli occhi degli adulti in età lavorativa.

Giungono ora i primi effetti sulle donne la cui vita e’ stata distrutta dal vaccino contro l’HPV.

Gardasil 9 di Merck ha ricevuto l’approvazione US Food and Drug Administration (FDA) per l’ uso esteso nella fascia di età 27-45 anni alla fine del 2018, e ci sono segnali che una campagna è in corso per raggiungere lo stesso risultato finale in altri paesi.

I vaccini contro l’HPV sono stati collegati a oltre 100.000 eventi avversi segnalati a livello globale, tra cui la disabilitazione di condizioni autoimmuni e decessi, ma i funzionari sembrano non preoccuparsi.

Merck ha dato il tono all’affermazione della verità che i rischi del vaccino HPV sono ” trascurabili ” quando ha condotto i suoi studi clinici iniziali per Gardasil e ha respinto come irrilevanti le gravi condizioni mediche che si sono presentate – entro sette mesi – nella metà di tutti i partecipanti che hanno ricevuto il vaccino.

Con l’accumulo di studi da quei primi studi, diventa sempre più difficile negare l’esistenza di una sindrome da vaccinazione post-HPV disabilitante.

Sebbene i ricercatori ammettano di non aver ancora compreso appieno i meccanismi con cui i vaccini contro l’HPV provocano il loro caos autoimmune, il fenomeno della reattività crociata immunitaria offre una spiegazione altamente plausibile.

In un nuovo studio in Pathobiology , due dei ricercatori più pubblicati su questo argomento riferiscono della sovrapposizione tra proteine ​​umane e antigeni dell’HPV.

Gli autori considerano i loro risultati indicativi di “un potenziale di cross-reattività in grado di innescare uno spettro estremamente ampio e complesso di malattie autoimmuni”.

Mimetismo Molecolare

Gli scienziati considerano l’autoimmunità come la risposta prolungata e patologica che si presenta quando il sistema immunitario viene confuso tra “sé” e “non-sé” a causa di somiglianze molecolari tra un agente ambientale e l’ospite.

L’ipotesi specifica – chiamata mimetismo molecolare – è che “un virus o batteri … avviano ed esacerbano una risposta autoimmune attraverso sequenze o somiglianze strutturali con autoantigeni”.

Sebbene il concetto di mimetismo molecolare sia in circolazione da almeno tre decenni, relativamente pochi ricercatori sono stati disposti a fare il salto concettuale per indagare se gli antigeni virali o batterici nei vaccini provocano la stessa risposta patologica.

Nel loro studio di Pathobiology , tuttavia, i due autori – Drs. Darja Kanduc (Italia) e Yehuda Shoenfeld (Israele) – fanno proprio questo, guardando l’HPV attraverso la lente sia dell’infezione da HPV che dell ‘”immunizzazione attiva”.

Utilizzando tecniche di biologia molecolare all’avanguardia per esaminare le sequenze di peptidi corrispondenti negli “epitopi” dell’HPV e nelle proteine ​​umane, Kanduc e Shoenfeld esaminano epitopi di 15 diversi tipi di HPV, inclusi otto dei nove tipi inclusi in Gardasil 9. (Un epitopo è la porzione di un antigene in grado di stimolare una risposta immunitaria.)

Confermando che esiste una “misura straordinariamente elevata” della condivisione dei peptidi tra epitopi HPV e proteine ​​umane, i due autori descrivono quindi numerose implicazioni patologiche dei loro risultati, fornendo esempi di “proteine ​​umane che — quando colpite da reazioni crociate generate dall’infezione da HPV / immunizzazione attiva: può associarsi a malattie e manifestazioni autoimmuni. ”Questi ultimi includono:

  • Anomalie riproduttive , tra cui “disgenesia ovarica, anovulazione e infertilità maschile, alterazione dell’espressione genica durante l’oogenesi, insufficienza ovarica prematura, ridotta riserva ovarica, perdita accelerata di follicolo primordiale, danno al DNA di ovociti, nonché suscettibilità al carcinoma mammario / ovarico” e “disturbi in spermatogenesi, fusione di spermatozoi o maturazione spermatica e infertilità maschile ”
  • Malattie neuropsichiatriche , tra cui “epilessia, schizofrenia, disturbo bipolare, depressione e cancro al cervello”
  • Manifestazioni di lupus
  • Effetti circolatori , tra cui “controllo alterato della dinamica vascolare, dolore, febbri associati al ciclo mestruale, depressione, ipotensione e disregolazione della pressione sanguigna”
  • Effetti cardiaci , tra cui “autoimmunità cardiaca e morte improvvisa inspiegabile”

Il Ruolo degli Adiuvanti

Come affermano Kanduc e Schoenfeld, la sovrapposizione di proteina umana HPV documentata nel loro studio non è unica per HPV; molte altre sequenze microbiche condividono significativi punti in comune anche con le proteine ​​umane.

Poiché la sovrapposizione è così diffusa, alcuni ricercatori sono scettici sulla reattività crociata e la considerano più “fantasia” che “fatto”. Per spiegare perché la reattività crociata è plausibile nel contesto della vaccinazione, i due autori descrivono, in altre pubblicazioni , un altro pezzo importante del puzzle: adiuvanti del vaccino e “stimoli” ambientali comparabili

In realtà, sostengono, il “solo scopo” di un adiuvante per vaccino è aumentare una risposta immunitaria che altrimenti sarebbe improbabile che si verifichi – e quando l’adiuvante è accoppiato con peptidi estranei simili ai peptidi umani, un “risultato ragionevole può essere lo sviluppo della crossreattività e dell’autoimmunità “.

Schoenfeld è coautore di un altro recente studio pubblicato negli Annals of Arthritis and Clinical Rheumatology . Lo studio descrive l’autoimmunità post-vaccinazione contro l’HPV nelle ragazze giapponesi e ribadisce che gli adiuvanti del vaccino sono una considerazione essenziale per comprendere le risposte immunitarie “inattese” e “anormali” delle ragazze. Gli autori scrivono:

La vaccinazione provoca la produzione iatrogena di anticorpi utili nel corpo umano, ma non si può escludere che l’esposizione a uno stimolo esterno comprendente adiuvanti induca risposte immunitarie anormali inattese , come una situazione recentemente evocata con un’anomalia autoimmune [enfasi aggiunta].

Con 500 microgrammi di adiuvante in alluminio, Gardasil 9 ha più del doppio della quantità di alluminio contenuta nel vaccino Gardasil originale. Il modo in cui questo “stimolo esterno” a doppio senso produrrà in termini di autoimmunità richiede una valutazione.

Distrazione e Inganno

Sin dall’inizio, produttori e funzionari hanno fatto affidamento su espedienti per promuovere la vaccinazione contro l’HPV, mentre distraevano il pubblico dallo tsunami degli eventi avversi che si sono susseguiti sulla scia dei vaccini.

È improbabile che sentiremo nulla su uno studio sudcoreano appena pubblicato che descrive quasi 100 segnali di sicurezza tra i quasi 4800 eventi avversi correlati al vaccino HPV segnalati al database del Korea Adverse Event Reporting System tra il 2005 e il 2016; 19 tipi di eventi avversi gravi non sono stati nemmeno elencati sugli inserti del vaccino HPV nel paese.

I 19 sono: nevralgia, tremore, neurite, depersonalizzazione, dolore ascellare, disturbo di personalità, aumento della salivazione, ulcera peptica, insufficienza circolatoria, ipotensione, ischemia periferica, emorragia cerebrale, disturbo della minzione, edema facciale, cisti ovarica, aumento di peso, ansia da dolore, edema orale e mal di schiena.

Guarda il video di Robert F. Kennedy, Jr. che espone i dettagli e molti problemi con lo sviluppo e la sicurezza del terzo prodotto di maggior incasso di Merck, Gardasil.

Invece, sembra che dovremmo prepararci a vedere più fumo e specchi mentre i promotori della vaccinazione contro l’HPV si preparano all’implementazione prevista di Gardasil 9 tra gli adulti in età lavorativa.

Nel suo comunicato stampa che annunciava l’approvazione del vaccino per quella fascia d’età, la FDA affermava che Gardasil (e, secondo la logica della FDA, anche Gardasil 9 “poiché i vaccini sono prodotti in modo simile e coprono quattro degli stessi tipi di HPV”) è “88 % efficace “.

La dottoressa francese Nicole Delépine sottolinea giustamente che l’agenzia ha potuto elaborare questa affermazione “fuorviante” utilizzando un miscuglio scientificamente assurdo di endpoint combinati: infezione persistente, verruche genitali, lesioni precancerose vaginali e vaginali, lesioni cervicali precancerose e cancro cervicale in relazione ai tipi di HPV coperti dal vaccino: “invece di presentare i risultati del vaccino su ciascuna patologia mirata”.

Consapevole del fatto che “l’ incidenza dei tumori invasivi è aumentata nettamente (talvolta superando il 100%) nelle fasce di età vaccinate” nei paesi con vaccinazione di HPV di massa, la dott.ssa Delépine ritiene che l’eliminazione dell’FDA “incredibile”.

Altri concordano, descrivendo l’aggressivo declino della vaccinazione contro l’HPV come una farsa oscena pubblica”. Discutendo della mancanza di trasparenza e rigore degli organismi di regolamentazione, due ricercatori hanno scritto nel 2016 : “Nessun intervento di salute pubblica dovrebbe essere coperto in così tanta segretezza che dà origine al sospetto.

Fonte: https://vaccineimpact.com

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Vaccini e Bambini - La Prova Evidente del Danno
Gli effetti dei metalli pesanti sulla salute dei più piccoli
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere
€ 11,50

I Vaccini sono un'Illusione
La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale. Cosa possiamo fare per riconquistare la salute
Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere
€ 8,90

Il Cerchio Perfetto Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 20,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *