toba60

Vi Hanno Mentito su Tutto: Le Evidenze Scientifiche che Mettono in Discussione Tutti i Mandati dell’iniezione K0 B1T

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Come Sapete prima di un articolo faccio un commento su quanto viene pubblicato, oggi però non ho proprio parole per esprimere tutto il mio disgusto in riferimento al suo contenuto e mi limito ad augurarvi una buona lettura.

Toba60

L’iniezione di Covid non ha alcuna giustificazione scientifica

Vi hanno mentito su tutto

Si diceva che le iniezioni di RNA avrebbero impedito l’infezione: BUGIE.

Si diceva che avrebbero impedito l’infezione: BUGIA.

Sono efficaci al 95%: Bugia

I destinatari del vaccino non sarebbero stati ricoverati o sarebbero morti per il Covid: Menzogna

Gli effetti collaterali dell’iniezione sarebbero lievi: Menzogna

Minimizzato il potere e l’efficacia dell’immunità naturale: Menzogna

Hanno affermato di avere un sistema di monitoraggio degli effetti avversi dei vaccini che funziona: BUGIA

Le chiusure e i mandati erano necessari: Menzogna

I test PCR sono efficaci nella diagnosi dell’infezione: Menzogna

I bambini hanno bisogno dell’iniezione: Menzogna

I seguenti studi e ricerche sollevano dubbi sul fatto che i mandati di iniezione K0 B1T siano supportati dalla scienza e dalla buona pratica della salute pubblica. Essi dimostrano che questi mandati non forniscono alcun beneficio generale per la salute della comunità e possono anche essere dannosi. Invece, gli individui dovrebbero prendere la decisione di accettare il vaccino secondo la propria valutazione del rischio in consultazione con professionisti medici e immunologi informati.

Il modello del morbo di Marek (“perdita”, vaccini non sterilizzanti e non neutralizzanti che riducono i sintomi ma non fermano l’infezione o la trasmissione) e il concetto di peccato antigenico originale (l’adescamento iniziale del sistema immunitario compromette la risposta immunitaria all’agente patogeno o a un agente patogeno simile per tutta la vita) possono spiegare ciò che stiamo potenzialmente affrontando ora con questi mandati massicci per le iniezioni di K0 B1T (perdita immunitaria, aumento della trasmissione, trasmissione più veloce e potenzialmente più varianti “più virulente”).

Inoltre, questi mandati hanno come risultato la separazione forzata e la segregazione dalla società. Creano pericoli per le persone nella loro vita professionale. Per esempio, perché i governi dovrebbero imporre mandati di vaccino punitivi e che alterano la carriera a un’infermiera non vaccinata che probabilmente è già immune a causa dell’esposizione naturale? I mandati rappresentano anche un’invasione della libertà e delle libertà, e mettere in dubbio le motivazioni dietro questi mandati quando la scienza non mostra alcun beneficio pubblico rispetto ai costi.

Presentazione del CDC sulla miocardite associata all’iniezione di mRNA Pfizer, i colori arancioni mostrano che l’iniezione causa più miocardite rispetto alla media della popolazione pre-iniezione (incidenza di fondo) di 0,2 a 1,9. Nel caso di bambini tra i 12 e i 15 anni vaccinati con la 2a dose, l’aumento è circa 80 volte superiore al numero di miocarditi prima dell’iniezione in questo gruppo di età.

Evidenze scientifiche che mettono in discussione i mandati dell’iniezione K0 B1T

1) Non ci sono differenze significative nella carica virale tra gruppi vaccinati e non vaccinati, asintomatici e sintomatici quando infettati dalla variante delta di SARS-CoV-2 Acharya, 2021“Non sono state riscontrate differenze significative nei valori di soglia del ciclo tra gruppi vaccinati e non vaccinati, asintomatici e sintomatici infetti dal delta SARS-CoV-2″.
2) Gli individui vaccinati e non vaccinati hanno cariche virali simili in comunità con un’alta prevalenza della variante delta di SARS-CoV-2 , Riemersma, 2021
Autorizzazione infettiva SARS-CoV-2 nonostante la vaccinazione quando la variante Delta è prevalente – Wisconsin, luglio 2021
“Non c’è differenza nelle cariche virali quando gli individui non vaccinati vengono confrontati con quelli che hanno infezioni ‘svolta’ da vaccino. Inoltre, le persone con infezioni da vaccino vaccinale spesso risultano positive con cariche virali compatibili con la capacità di eliminare virus infettivi … se le persone vaccinate vengono infettate dalla variante delta, possono essere fonti di trasmissione di SARS-CoV-2 ad altre persone … i dati supportano l’idea che le persone vaccinate che vengono infettate dalla variante Delta potrebbero avere il potenziale per trasmettere SARS-CoV-2 ad altre persone.
3) Confronto dell’immunità naturale di SARS-CoV-2 con l’immunità indotta dal vaccino: reinfezioni contro le infezioni rivoluzionarie Gazit, 2021“L’immunità naturale conferisce una protezione più lunga e più forte contro l’infezione, la malattia sintomatica e l’ospedalizzazione causata dalla variante Delta di SARS-CoV-2, rispetto all’immunità indotta dal vaccino BNT162b2 a due dosi… I vaccini Naïve al trattamento contro SARS-CoV-2 avevano un rischio aumentato di 13,06 volte (95% CI, da 8,08 a 21,11) di infezione da rottura con la variante Delta rispetto a quelli precedentemente infettati. ”… Per 27 volte maggiore rischio di K0 B1T sintomatico e 8 volte maggiore rischio di ospedalizzazione (vaccinato su non vaccinato).
4) Efficacia della vaccinazione contro il Covid-19 contro il rischio di infezione sintomatica, ospedalizzazione e morte fino a 9 mesi: uno studio di coorte della popolazione totale svedese , Nordström , 2021“Rapporto sul suo studio che mostra che (la coorte comprendeva 842.974 coppie (N = 1.684.958), comprese le persone vaccinate con 2 dosi di ChAdOx1 nCoV-19, mRNA-1273 o BNT162b2, e le persone abbinate non vaccinate)” Il vaccino contro l’infezione BNT162b2 è diminuito progressivamente da 92 % (95% CI, 92-93, P <0,001) dal giorno 15-30 al 47% (95% CI, 39-55, P <0,001) al giorno 121-180 e dal giorno 211 in poi, nessuna efficacia può essere rilevato (23%; 95% CI, -2-41, P = 0 · 07) ”… mentre il vaccino fornisce una protezione temporanea contro l’infezione, l’efficacia scende sotto lo zero e quindi a territorio negativo efficacia a circa 7 mesi, sottolineando che vaccinati gli individui sono altamente suscettibili alle infezioni e alla fine diventano pesantemente infetti (più che non vaccinati).
5) Diminuita protezione del vaccino BNT162b2 contro l’infezione da SARS-CoV-2 in Qatar , Chemaitelly, 2021“Lo studio del Qatar che ha dimostrato che l’efficacia del vaccino (Pfizer) è scesa quasi a zero in 5-6 mesi e anche la protezione immediata dopo uno o due mesi è stata enormemente esagerata … la protezione contro l’infezione indotta da BNT162b2 sembra diminuire rapidamente dopo il suo picco subito dopo la seconda dose.’
6) Trasmissione della variante delta SARS-CoV-2 tra operatori sanitari vaccinati, Vietnam , Chao, 2021Discute la trasmissione della variante delta di SARS-CoV-2 tra gli operatori sanitari vaccinati in Vietnam. 69 operatori sanitari sono risultati positivi al SARS-CoV-2. 62 hanno partecipato allo studio clinico. I ricercatori hanno riferito che “sono state ottenute 23 sequenze intere del genoma. Tutti appartenevano alla variante Delta ed erano filogeneticamente distinti dalle sequenze di varianti Delta contemporanee ottenute da casi di trasmissione comunitaria, suggerendo una trasmissione in corso tra i lavoratori. Le cariche virali dei casi di infezione con l’innovativa variante Delta sono state 251 volte superiori a quelle dei casi infettati da vecchi ceppi rilevati tra marzo e aprile 2020”.
7) Focolaio di infezioni da SARS-CoV-2, comprese le infezioni rivoluzionarie del vaccino COVID-19, associate a grandi raduni pubblici – Contea di Barnstable, Massachusetts, luglio 2021 , Brown, 2021Barnstable, Massachusetts, luglio 2021 Lo studio CDC MMWR ha rilevato che in 469 casi K0 B1T, il 74% si è verificato in persone completamente vaccinate. “I vaccinati avevano in media più virus nel naso rispetto ai non vaccinati che erano infetti”.
8) Un focolaio causato dalla variante delta di SARS-CoV-2 (B.1.617.2) in un ospedale di cure secondarie in Finlandia, maggio 2021 , Hetemäki , 2021“In conclusione, questo focolaio ha dimostrato che, nonostante la vaccinazione completa e il mascheramento universale degli operatori sanitari, le infezioni rivoluzionarie della variante Delta si sono verificate attraverso operatori sanitari sintomatici e asintomatici, causando infezioni nosocomiali… la trasmissione secondaria si è verificata da coloro con infezioni sintomatiche nonostante l’uso di dispositivi di protezione individuale. (DPI)”.
9) Focolaio nosocomiale causato dalla variante delta di SARS-CoV-2 in una popolazione altamente vaccinata, Israele, luglio 2021 , Shitrit, 2021“DPI e mascherine erano essenzialmente inefficaci in ambito sanitario. I casi indice erano generalmente completamente vaccinati e la maggior parte (se non tutta la trasmissione) tendeva a verificarsi tra pazienti e personale che erano mascherati e completamente vaccinati, sottolineando l’elevata trasmissione della variante Delta tra persone vaccinate e mascherate … questo focolaio nosocomiale esemplifica l’elevata trasmissibilità della variante delta SARS-CoV-2 tra persone mascherate e due volte vaccinate.
10) Rapporto sulla sorveglianza del vaccino COVID-19 Settimana 42 , PHE,
Rapporto n. 44 del 2021 : PHE
Le informazioni a pagina 23 sollevano serie preoccupazioni quando riportano che “la risposta anticorpale N sta diminuendo nel tempo e (iii) recenti osservazioni dai dati di sorveglianza dell’UKHSA secondo cui i livelli anticorpali N sembrano essere inferiori nelle persone che contraggono l’infezione dopo 2 dosi di vaccinazione”. Mostra anche una tendenza pronunciata e molto preoccupante, ovvero che “le persone doppiamente vaccinate mostrano un’infezione più alta (per 100.000) rispetto alle persone non vaccinate, e specialmente nei gruppi di età più avanzata, ad esempio 30 anni o più”.
11) Ridotta risposta immunitaria umorale al vaccino BNT162b2 Covid-19 per 6 mesi , Levin, 2021“Sei mesi dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino BNT162b2, la risposta umorale è diminuita sostanzialmente, specialmente tra gli uomini, tra quelli di età pari o superiore a 65 anni e tra quelli con immunosoppressione”.
12) Gli aumenti di COVID-19 non sono correlati ai livelli di vaccinazione in 68 paesi e 2.947 contee negli Stati Uniti , Subramanian , 2021“Gli aumenti di K0 B1T non sono correlati ai livelli di vaccinazione in 68 paesi e 2.947 contee negli Stati Uniti”.
13) Durabilità delle risposte immunitarie al mRNA vaccino BNT162b2, Suthar, 2021“È stata esaminata la durata delle risposte immunitarie al vaccino mRNA BNT162-2. Hanno “analizzato le risposte anticorpali al ceppo omologo di Wu, così come diverse varianti di preoccupazione, inclusa la variante emergente di Mu (B.1.621), e le risposte delle cellule T in un sottoinsieme di questi volontari a sei mesi (giorno 210 dopo vaccinazione primaria) dopo la seconda dose… ‘i dati dimostrano una sostanziale diminuzione delle risposte anticorpali e dell’immunità delle cellule T a SARS-CoV-2 e sue varianti, 6 mesi dopo la seconda immunizzazione con il vaccino BNT162b2 ».
14) Gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 che migliorano l’infezione riconoscono sia il ceppo Wuhan/D614G originale che le varianti Delta. Un potenziale rischio per la vaccinazione di massa? , Yahi, 2021Ha riferito che “nel caso della variante Delta, gli anticorpi neutralizzanti hanno un’affinità ridotta per la proteina spike, mentre gli anticorpi facilitatori mostrano un’affinità sorprendentemente aumentata. Pertanto, l’ADE può essere una preoccupazione per le persone che ricevono vaccini basati sulla sequenza di picchi del ceppo originale di Wuhan (mRNA o vettori virali). ”
15) Ricovero in ospedale tra le vaccino COVID-19 infezioni da , Juthani, 2021Sono stati identificati 969 pazienti che sono stati ricoverati in un ospedale del Yale New Haven Health System con un test PCR positivo confermato per SARS-CoV-2 … il vaccino BNT162b2 rispetto a quelli che hanno ricevuto mRNA-1273 o Ad.26.COV2.S. “
16) L’impatto della vaccinazione contro SARS-CoV-2 sulla trasmissione delle varianti Alpha e Delta , Eyre, 2021“È stato esaminato l’impatto della vaccinazione contro SARS-CoV-2 sulla trasmissione delle varianti Alpha e Delta. Hanno riferito che “sebbene la vaccinazione riduca ancora il rischio di infezione, le simili cariche virali nelle persone vaccinate e non vaccinate infette da Delta mettono in discussione quanto la vaccinazione prevenga la trasmissione continua … le riduzioni della trasmissione sono diminuite nel tempo dalla seconda vaccinazione, perché Delta ha raggiunto livelli simili a quelli di individui non vaccinati per 12 settimane per ChAdOx1 e sostanziale attenuazione per BNT162b2. Anche la protezione contro la vaccinazione nei contatti è diminuita nei 3 mesi successivi alla seconda vaccinazione… la vaccinazione riduce la trasmissione di Delta, ma meno della variante Alpha «.
17) Infezione da SARS-CoV-2 dopo la vaccinazione negli operatori sanitari della California , Keehner, 2021“Ha riferito della recrudescenza dell’infezione da SARS-CoV-2 in una forza lavoro del sistema sanitario altamente vaccinata. La vaccinazione con vaccini mRNA è iniziata a metà dicembre 2020; a marzo il 76% della forza lavoro era completamente vaccinato ea luglio la percentuale era salita all’87%. Le infezioni erano diminuite drasticamente all’inizio di febbraio 2021 … “in coincidenza con la fine del mandato delle maschere della California il 15 giugno e il rapido predominio della variante B.1.617.2 (delta) che è emersa per la prima volta a metà febbraio. Aprile e ha rappresentato più di Il 95% degli isolati di UCSDH alla fine di luglio, le infezioni sono aumentate rapidamente, compresi i casi tra le persone completamente vaccinate… i ricercatori hanno riferito che “il drammatico cambiamento nell’efficacia del vaccino da giugno a luglio sarà probabilmente dovuto sia alla comparsa del variante delta e alla diminuzione del tempo di immunità”.
18) Trasmissione comunitaria e cinetica della carica virale della variante delta SARS-CoV-2 (B.1.617.2) in individui vaccinati e non vaccinati nel Regno Unito: uno studio di coorte longitudinale prospettico , Singanayagam, 2021“La cinetica di trasmissione e la carica virale sono state esaminate in individui vaccinati e non vaccinati con infezione da variante delta lieve nella comunità. Hanno scoperto che (in 602 contatti della comunità (identificati attraverso il sistema di monitoraggio del contratto del Regno Unito) su 471 casi di indice K0 B1T del Regno Unito sono stati reclutati per lo studio di coorte di valutazione della trasmissione e del contagio K0 B1T nei contatti e hanno contribuito a 8.145 campioni del tratto respiratorio superiore dal campionamento giornaliero per un massimo di 20 giorni) “la vaccinazione riduce il rischio di infezione della variante delta e accelera la diffusione del virus. Tuttavia, le persone completamente vaccinate con infezioni progressive hanno una carica virale massima simile ai casi non vaccinati e possono trasmettere l’infezione in modo efficiente in ambienti domestici, anche a contatti completamente vaccinati.
19) Diminuzione dell’immunità dopo il vaccino BNT162b2 in Israele , Goldberg, 2021“L’immunità contro la variante delta di SARS-CoV-2 è diminuita in tutti i gruppi di età pochi mesi dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino”.
20) Carichi virali di infezioni da focolaio SARS-CoV-2 variante delta dopo vaccinazione e richiamo BNT162b2 , Levine-Tiefenbrun , 2021L’efficacia della riduzione della carica virale diminuisce con il tempo dopo la vaccinazione, “diminuendo significativamente a 3 mesi dalla vaccinazione ed effettivamente scomparendo dopo circa 6 mesi”.

Ora che di fronte all’evidenza oltre l’80% delle persone continua a fare affidamento ad una pratica di stampo nazista criminale che non lascia spazio a commenti, e’ bene che ognuno faccia le sue considerazioni e non perda tempo nel convincere la gente che deliberatamente desidera prima ancora che sottoporsi ad una morte fisica, a quella etica e morale.

Fonte: cienciaysaludnatural.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code