toba60

Al World Economic Forum Hanno Ufficializzato l’Intento di Controllare Mentalmente la Popolazione Utilizzando le Onde Sonore

Lo dicono apertamente, ”Voi siete in troppi” e lo comunicano via streaming in diretta mondiale, vi trasformeremo come automi e lo fanno con il sorriso sulla bocca, voi sarete tutti vaccinati e marchiati come bestie e il popolo bue acconsente felice di essere trasformato come una mandria di vacche ……ammettiamolo per una buona volta…….

……… il mondo e’ governato da un branco di criminali che asseconda le direttive di un ristretto numero di gente perbene.

Toba60

Le armi soniche uno strumento per il controllo delle masse ma vedrete il seguito……

Sabato 12 febbraio 2022, a Canberra, capitale dell’Australia, una folla oceanica di manifestanti, contro l’obbligo vaccinale, ha sfilato nelle strade della capitale, per poi giungere a Capital Hill, dove si trova la sede del parlamento.

Digita qui o sull’immagine per vedere il video

Le armi a energia diretta utilizzate alla protesta di Canberra del 12 febbraio fanno ammalare le persone | La polizia interrogata in Parlamento si rifiuta di parlare.

Dopo l’evento, molti dei partecipanti hanno avvertito strani sintomi: emicrania costante, brividi e sudorazione, sfinimento e malessere, perdita di appetito e nausea, sensibilità della pelle, mal di gola estremo.

Molti manifestanti, entro le ventiquattro ore dall’evento, hanno manifestato ustioni sul proprio corpo, con vesciche, secchezza della pelle e spellamento, gonfiore e arrossamento oculare.

La risposta si è avuta quando sono iniziate a girare immagini che hanno mostrato la causa: armi a ultrasuoni, le cosiddette Long-Range Acoustic Device (dispositivo acustico a lunga gittata), chiamate anche cannoni sonori, posizionate davanti al parlamento di Canberra e puntate verso le centinaia di migliaia di manifestanti, mentre altri piazzati sul tettuccio di pick-up e furgoncini durante la marcia.

Già in passato, misteriosi incidenti avvenuti a Cuba e in Cina, rispettivamente nel 2017 e nel 2018, hanno portato a sospettare che il suono fosse stato utilizzato come arma contro gli americani che vivevano in quei paesi. 

All’inizio del 2017, un gruppo di ventiquattro diplomatici canadesi, a Cuba e nella stessa stanza, hanno presentato problemi all’udito, forti emicranie, disturbi del sonno ed alcuni la percezione di strani fischi durante la notte. Sintomi non rilevati dai familiari e dal vicinato.

Incominciano le indagini e si inizia a parlare di “armi soniche” che, lavorando a frequenze sotto la soglia dell’udito, sono in grado di danneggiarlo fino ad arrivare a determinare danni permanenti al sistema nervoso.

Nel maggio del 2018 un diplomatico americano, con sede a Guangzhou, nel sud della Cina, riferisce di aver subito un trauma cranico dopo aver udito suoni anormali e una forte pressione nelle orecchie, per lungo tempo.

Alcuni funzionari statunitensi hanno riscontrato una certa similitudine con l’episodio avvenuto a Cuba.

Cosa sono le armi soniche e quali sono? Sono armi che sfruttano il suono, diretto su un bersaglio, per ferire, neutralizzare o uccidere un nemico; il suono è, infatti, energia e pertanto sono considerate generatori di energia acustica.

Alcune sono attualmente in uso o in fase di studio da parte di forze militari e di polizia.

Esistono due tipi di armi soniche:

Le armi sonore ad alta potenza (SW): utilizzano onde acustiche come gli infrasuoni, dalle frequenze inferiori ai 20 Hz e pertanto non percepite dall’orecchio umano.

Per lanciare un attacco che provochi dei sintomi all’essere umano, quali vertigini, vomito, danni permanenti all’udito, defecazione incontrollabile, ustioni e addirittura la morte, o disturbi di tipo psichico (paura, ansia o depressione), è necessario impiegare dispositivi altamente direzionali, come enormi altoparlanti, che possono trasmettere tali suoni anche a grandi distanze. Ogni suono, infatti, diventa fisicamente doloroso a circa 120 dB e sopra i 130 dB diventa intollerabile.

I generatori ad infrarossi e ultrasuoni, definiti emittori e modulatori VLF. Gli ultrasuoni hanno frequenze oltre i 20.000 Hz e sono più semplici da impiegare.

Hanno la possibilità di percorrere grandi distanze e di attraversare muri e veicoli.

A seconda dell’intensità provocano una serie di sintomi biologici, in parte simili a quelli determinati dagli infrasuoni, che vanno dai più lievi come il solletico nella bocca e al naso, riscaldamento della pelle, stanchezza, dolori intestinali severi, nausea e vomito. I sintomi più gravi sono rappresentati dall’ustione e da un aumento della temperatura corporea che può causare la morte. 

Intensità inferiori possono causare perdita di concentrazione, apatia, tristezza, depressione, paura, ansia e attacchi di panico.

“Questo effetto”, come è stato scritto da John Alexander nel suo articolo del dicembre 1980, The New Mental Battlefield, “può essere usato per indurre depressione o irritabilità in una popolazione bersaglio”.

Tutto e’ partito da Qui

Il World Economic Forum, una delle organizzazioni d’élite più potenti al mondo, ha discusso sull’emergere della tecnologia di controllo mentale a distanza. E ammette che potrebbe essere usato per trasformare gli umani in schiavi controllati dalla mente.

World Economic Forum e l’Agenda 21

Il World Economic Forum (WEF) è una delle organizzazioni d’élite più influenti, insieme al Council on Foreign Relations, il gruppo Bilderberg e la Trilateral Commision. Ogni anno, il forum riunisce circa 2500 top business leader, leader politici internazionali, economisti, celebrità e giornalisti per discutere di questioni mondiali.

Il consiglio di amministrazione del WEF è composto da alcune delle persone più potenti del mondo. Ecco alcuni di loro.

  • Mark Carney, governatore della Banca d’Inghilterra
  • Al Gore, vicepresidente degli Stati Uniti (1993-2001); presidente e cofondatore di Generation Investment Management LLP
  • Jim Yong Kim, presidente della Banca Mondiale Christine Lagarde, Direttore Generale, Fondo Monetario Internazionale (FMI)
  • Peter Maurer, Presidente, Comitato Internazionale della Croce Rossa (ICRC)
  • Indra Nooyi, Presidente, PepsiCo L. Rafael Reif, Presidente, Istituto di Tecnologia del Massachusetts (MIT)
  • Ursula von der Leyen, Ministro federale della difesa, Ministero federale della difesa della Germania
  • David M. Rubenstein, co-fondatore e co-presidente esecutivo, Carlyle Group

In molti modi, il WEF è simile al Gruppo Bilderberg. Fatto interessante: Klaus Schwab, il fondatore e presidente esecutivo del WEF è un ex membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg.

Non diversamente da altre potenti organizzazioni che pretendono di “aiutare il mondo“, il WEF è accusato di promuovere effettivamente gli interessi dell’élite mondiale.

Il Transnational Institute descrive lo scopo principale del World Economic Forum come:

“Funzionare come un’istituzione di socializzazione per l’emergente élite globale, la “mafiocrazia” della globalizzazione di banchieri, industriali, oligarchi, tecnocrati e politici. Promuovono idee comuni e servono interessi comuni: i loro”.

Lungi dal risolvere effettivamente i problemi del mondo, il WEF è accusato di spostare semplicemente la colpa dai governi e dai grandi conglomerati ai normali cittadini.

“Uno studio, pubblicato nel Journal of Consumer Research, ha indagato l’impatto sociologico del WEF. Ha concluso che il WEF non risolve problemi come la povertà, il riscaldamento globale, le malattie croniche o il debito. Hanno semplicemente spostato l’onere della soluzione di questi problemi dai governi e dagli affari ai “soggetti consumatori responsabili: il consumatore verde, il consumatore consapevole della salute e il consumatore finanziariamente alfabetizzato”.

Si limitano a riformulare i problemi, e così facendo li perpetuano. Gore è indicato come un primo esempio. I discorsi di Gore deliberatamente spostano l’attenzione dai problemi dei mercati non regolamentati e delle attività aziendali a quelli delle patologie morali, dell’avidità individuale, ecc.

Nel fare ciò egli sta effettivamente promuovendo la creazione di nuovi mercati, e quindi perpetuando gli stessi vecchi problemi in una nuova veste. I nuovi mercati seguiranno gli stessi schemi di quelli vecchi perché il problema centrale della governance aziendale non viene mai affrontato”. – Markus Giesler Ela Veresiu, Creare il consumatore responsabile: Regimi di governance moralistici e soggettività del consumatore

Controllo mentale a distanza

La riunione annuale del WEF dei Global Future Councils ha avuto luogo l’11-12 novembre negli Emirati Arabi Uniti. Uno dei temi discussi è stato il “controllo mentale tramite onde sonore”. Il sito ufficiale del WEF ha pubblicato un articolo intitolato Mind control using sound waves? Chiediamo a uno scienziato come funziona, dove il professore dell’Università di Oxford Antoine Jérusalem descrive la tecnologia e le questioni relative ad essa.

Controllare il cervello con le onde sonore: come funziona? Beh, per andare dritti alla scienza, il principio della neuromodulazione non invasiva è quello di concentrare le onde ultrasoniche in una regione del cervello in modo che si riuniscano tutte in un piccolo punto.

Poi si spera che, dato il giusto set di parametri, questo possa cambiare l’attività dei neuroni. Se si vuole sbarazzarsi dei neuroni che sono andati, per esempio nell’epilessia, allora si potrebbe desiderare di aumentare l’energia per ucciderli essenzialmente.

Ma se si vuole promuovere o bloccare selettivamente l’attività neuronale, è necessario sintonizzare accuratamente gli ultrasuoni. In altre parole, c’è una differenza tra la stimolazione a ultrasuoni utilizzata per rimuovere il tessuto e la neuromodulazione a ultrasuoni, che mira a controllare l’attività neuronale senza danneggiare il tessuto. La neuromodulazione a ultrasuoni è qualcosa che sicuramente funziona, ma che ancora non capiamo.

Quale bene sociale ne può derivare? Le parole d’ordine attuali sono Alzheimer e Parkinson, così come le lesioni cerebrali traumatiche. Ma gli scienziati stanno esaminando anche il midollo spinale e i sistemi nervosi periferici. Per quanto mi riguarda, dato che il cervello è il centro decisionale di fatto per così tanti processi, ognuno di essi potrebbe essere preso di mira.

È sicuro? Quando si cerca di “controllare” l’attività neuronale fornendo minuscole vibrazioni meccaniche a una regione del cervello, è importante che il fuoco degli ultrasuoni, la frequenza e l’ampiezza siano adeguatamente sintonizzati, o il cervello può essere potenzialmente danneggiato. Il punto è che non sappiamo ancora come sintonizzare tutto questo; e se dovessi esagerare un po’, potrei dire che il nostro approccio attuale non è molto diverso dal giocherellare con le impostazioni di una radio finché non sentiamo la stazione giusta.

Una delle tante difficoltà è sapere con certezza che stiamo davvero controllando i neuroni con queste onde sonore, invece di danneggiarli. La verità è che non sappiamo ancora come funziona il processo. E se non si sa come funziona, non si sa quanto è “troppo”.

Quali sono le maggiori sfide etiche? Il potenziale di questa tecnica è enorme e con questo intendo l’enorme numero di applicazioni, così come l’uso etico.

Da una prospettiva biologica, è simile alle droghe. Può curarti, può renderti dipendente e può ucciderti. Si tratta solo di rimanere all’interno di un dato insieme di regole. Da un punto di vista etico, il mondo sta cambiando così velocemente che è difficile valutare cosa sarà accettabile domani che non lo è oggi. Sono anche convinto che la natura umana è tale che se qualcosa può essere fatto, sarà fatto. La questione è da chi. Preferisco che sia una società giusta a condurre la danza piuttosto che qualche stato canaglia senza alcun rispetto per la vita umana o animale.

Se vogliamo condurre questa danza tra 10 anni, dobbiamo iniziare a ricercare oggi. Quanto potrebbe diventare distopico? Vedo arrivare il giorno in cui uno scienziato sarà in grado di controllare ciò che una persona vede nella sua mente, inviando le giuste onde al posto giusto nel suo cervello. La mia ipotesi è che la maggior parte delle obiezioni saranno simili a quelle che sentiamo oggi sui messaggi subliminali nelle pubblicità, solo molto più veementi. Questa tecnologia non è senza rischi di abuso.

Potrebbe essere una tecnologia sanitaria rivoluzionaria per i malati, o un perfetto strumento di controllo con cui gli spietati controllano i deboli. Questa volta, però, il controllo sarebbe letterale. Cosa possiamo fare per salvaguardare il suo potenziale? Non ho intenzione di sostenere che gli scienziati sono tutti saggi e competenti quando si tratta di ciò che dovrebbe o non dovrebbe essere fatto. Alcuni di noi si spingeranno fin dove è possibile.

Ma questa è la natura umana, e non solo per gli scienziati. In ogni caso, il nostro lavoro è quello di trovare qualcosa che sia benefico per l’umanità. E se si trova un modo per rendere qualcuno migliore, allora molto probabilmente si sa anche come fare il contrario. L’obiettivo è fare in modo che la regolamentazione impedisca il secondo, senza ostacolare il primo. Credo che questo sia il ruolo dei regolatori. E penso che l’Unione Europea, dove lavoro, sia abbastanza brava in questo.

Un altro ruolo dei politici dovrebbe essere quello di fornire una piattaforma di comunicazione per spiegare la visione a lungo termine di qualsiasi area di ricerca. E può essere troppo presto, o non essere una buona idea, e la decisione finale potrebbe benissimo essere quella di fermarla. Ma a lungo termine, il pubblico dovrebbe avere i potenziali benefici di una nuova tecnologia spiegati con parole semplici, cosa che gli scienziati non sono necessariamente bravi a fare. I politici dovrebbero ricordare che se non lo facciamo noi, allora qualcuno da qualche parte lo farà comunque… potenzialmente senza regole.

In breve, Antoine Jérusalem dice che il controllo mentale a distanza è una tecnologia incredibilmente potente che ha il potere di curare eventualmente le malattie. Tuttavia, nelle mani sbagliate, la tecnologia può prendere completamente il controllo del cervello di una persona. Nelle sue parole, può essere il “perfetto strumento di controllo con cui gli spietati controllano i deboli”.

Detto questo, il controllo mentale a distanza non è una novità e l’élite ha avuto accesso a questo tipo di tecnologia per anni. Qualche mese fa, ho pubblicato un articolo su un documento trapelato del 1996 che descriveva il controllo mentale a distanza.

Nonostante il potenziale distopico ammesso di questa tecnologia, Antoine Jérusalem crede che l’umanità non possa evitare di svilupparla. Probabilmente lo dice perché una società che sviluppa questa tecnologia fa parte del WEF. La sua soluzione per assicurarsi che la tecnologia non sia usata per trasformare gli umani in schiavi del controllo mentale? La regolamentazione del governo.

In breve, il WEF afferma che questa tecnologia dovrebbe essere sotto il controllo dell’élite globale.

Questo vi conforta?

Fonti: vigilantcitizen.com & marisagiudice.com & .wordssidekick.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code