toba60

Cleve Backster ex Agente Della Cia Spiega i Principi della Biocomunicazione

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Viviamo in un mondo di Fake News trascurando la sola voce a cui dobbiamo dare ascolto…..

…..il silenzio.

Toba60

La biocomunicazione

La biocomunicazione è anche chiamata percezione primaria, un termine che Cleve Backster (1924 – 2013) ha inventato dopo una lunga ricerca in questo campo, ma cos’è?

Cleve Backster

È la convinzione che le piante siano senzienti. In altre parole, che provino emozioni come dolore, piacere, paura e affetto. E che abbiano la capacità di comunicare con gli esseri umani e altre forme di vita in modo riconoscibile.

Potenziali spiegazioni dalla fisica

Anche se Backster non pubblica speculazioni riguardanti una spiegazione della percezione primaria, una delle piste più promettenti per la comprensione della percezione primaria in termini di teorie esistenti ha a che fare con un fenomeno della fisica quantistica noto come nonlocalità.

La nonlocalità è qualcosa previsto dalla fisica quantistica che Einstein chiamava “azione spettrale a distanza” – l’idea che le particelle possano in qualche modo essere collegate tra loro attraverso lo spazio.

È stato dimostrato in esperimenti che quando una coppia di fotoni (pacchetti di luce) viene emessa da un atomo eccitato, quando gli sperimentatori cambiano la polarità di un fotone (facendolo passare attraverso una specie di filtro), anche la polarità dell’altro viene influenzata, e il cambiamento avviene in meno tempo di quanto impiegherebbe la luce a viaggiare da una particella all’altra.

Quando i fotoni mostrano questa relazione, si dice che sono entangled. Quindi ci si potrebbe chiedere: fin dove arriva la nonlocalità? È solo per piccole particelle, o anche sistemi più grandi potrebbero essere entangled? E se le forme di vita potessero essere aggrovigliate l’una con l’altra, come sarebbe?

Se la nonlocalità si estende al livello della vita e della mente, allora quella che è stata chiamata percezione primaria potrebbe essere una prova proprio di questo: Le scoperte di Backster mostrano un segnale che sembra non essere influenzato dalla distanza o da materiale che blocca le onde elettromagnetiche.

Backster ha studiato questo fenomeno per decenni e nel 2003 ha pubblicato il libro Primary Perception – Biocommunication with Plants, Foods, and Human Cells. Descrive 36 anni del suo lavoro.

Cleve Backster è stato uno specialista di interrogatori per la CIA e ha lavorato come esperto di poligrafia. Era direttore del Keeler Polygraph Institute.

Backster era noto per i suoi controversi esperimenti con la biocomunicazione in cellule vegetali e animali utilizzando una macchina poligrafica negli anni ’60, che ha portato alla sua teoria della percezione primaria.

Le Piante Rispondono — Intervista a Cleve Backster

A volte succede che una persona può nominare il momento esatto in cui la sua vita è cambiata irrevocabilmente. Per Cleve Backster, fu la mattina presto del 2 febbraio 1966, a tredici minuti e cinquantacinque secondi di un test al poligrafo che stava somministrando.

Backster, uno dei maggiori esperti di poligrafo, il cui test di confronto della zona di Backster è lo standard mondiale per la rilevazione delle bugie, in quel momento aveva minacciato il benessere dei suoi soggetti. Il soggetto aveva risposto elettrochimicamente alla sua minaccia. Il soggetto era una pianta.

Da allora, Backster ha condotto centinaia di esperimenti sulla biocomunicazione dimostrando non solo che le piante rispondono alle nostre emozioni e intenzioni, ma anche foglie recise, uova (fertilizzate o meno), yogurt e campioni di cellule umane.

Ha scoperto, per esempio, che le cellule bianche prelevate dalla bocca di una persona e messe in una provetta rispondono ancora elettrochimicamente agli stati emotivi del donatore, anche quando il donatore è fuori dalla stanza, dall’edificio o dallo stato.

40 anni di ricerca

Percezione vegetale della biocomunicazione di Cleve Backster

Per quasi 40 anni, Backster ha fatto ricerche approfondite sulla biocomunicazione tra le cellule per vedere se poteva essere rilevata da strumenti.

Nel 1966, scoprì che uno strumento poligrafo attaccato alla foglia di una pianta registrava un cambiamento nella resistenza elettrica quando la pianta veniva danneggiata o addirittura minacciata.

La penna per la registrazione del poligrafo passò rapidamente in cima alle classifiche quando il pensiero e l’intenzione di Cleve fu “bruciare la foglia”. Egli disse:

“A tredici minuti e cinquantacinque secondi del tempo del grafico, il pensiero di bruciare la foglia è venuto nella mia mente. Non ho verbalizzato l’idea; non ho toccato la pianta; non ho toccato l’attrezzatura.

Eppure la pianta è impazzita”.

Come risultato di questa intrigante risposta, Cleve divenne ossessionato dalla comprensione del processo di comunicazione cellulare che chiamò percezione primaria biocomunicazione. Questo fu l’inizio di decenni di ricerca in questo campo. Qui sotto c’è un video in cui spiega come tutto è cominciato:

Il suo lavoro non è passato inosservato

Mellen-Thomas Benedict

Il lavoro di Backster non è passato inosservato. Una persona a cui è stato “detto” che il suo lavoro era molto importante è stato Mellen-Thomas Benedict che ha vissuto un’esperienza di pre-morte nel 1982.

Era affetto da un cancro terminale al cervello e morì. Fu “morto” per un’ora e 30 minuti il suo monitor non mostrava segni vitali.

Durante la sua esperienza di pre-morte, a Benedict furono dati i nomi di diverse persone le cui scoperte un giorno sarebbero state considerate altrettanto importanti di quelle di Newton e Einstein.

Uno dei nomi che gli furono dati fu Cleve Backster. Benedict ha detto che tra circa 200 anni Cleve Backster sarà visto come un pioniere e “santo” della spiritualità basata su Gaia che dominerà la società in quel periodo.

Cleve Backster. Benedict


Fondazione Mente Essere Ricerca Memoria cellulare e biocomunicazione

Dal sito web William C. Gough, Presidente del Consiglio di Amministrazione – FMBR – Foundation Mind Being Research (dove la scienza e la coscienza forniscono saggezza) racconta la storia di come Cleve Backster ha scoperto la memoria cellulare e la comunicazione cellulare biocomunicazione:

“Vi siete mai chiesti quale sia la nostra risposta istintiva ai processi e agli eventi della vita? Ci sono momenti in cui non funzioniamo più sotto la logica razionale del cervello cognitivo, ma piuttosto rispondiamo intuitivamente affidandoci agli istinti codificati nel nostro corpo.

Stiamo osservando il modo originale che la vita aveva di conoscere e sopravvivere?

Potrebbe essere questo il modo in cui la forma di vita più semplice rispondeva a una minaccia? Il processo della vita è iniziato quando il primo sistema vivente, la cellula, è apparso circa 3,5 miliardi di anni fa. È passato circa mezzo miliardo di anni prima che i primi organismi pluricellulari apparissero sulla terra.

Tuttavia, è stato solo negli ultimi milioni di anni che sono apparsi gli esseri umani. Il corpo umano può essere considerato una comunità di cellule circa 100 trilioni, con 200 tipi diversi, che devono vivere in armonia.

Per compiere questa impresa deve essersi evoluto un processo di comunicazione/biocomunicazione cellulare molto efficace, essenziale per la sopravvivenza di queste forme di vita più complesse.

Quali prove abbiamo oggi che le cellule possono unirsi, formare comunità cellulari, comunicare e condividere la loro consapevolezza e quindi diventare più adatte alla sopravvivenza?

Cellule e istinto di sopravvivenza

Gough continua a parlare di come le singole cellule possono cooperare e si riferisce ad un esempio con un’ameba chiamata Dictyostelium. Questo è un organismo unicellulare che si nutre di batteri.

“Quando queste amebe sono sotto stress per mancanza di cibo, circa 100.000 cellule individuali formano un cumulo delle dimensioni di un granello di sabbia.

Il cumulo inizia poi ad agire come se fosse un organismo e si sviluppa in qualcosa di simile a una forma di lumaca strisciante. La lumaca ora passa attraverso un altro cambiamento la parte posteriore raggiunge la punta, e la lumaca si trasforma in un blob.

Il blob poi cresce in un gambo sottile che porta le spore. Più tardi queste spore si aprono e liberano le singole amebe per ricominciare il loro processo di vita”.

Memoria cellulare

Le cellule possono avere un istinto di sopravvivenza, ma esiste una cosa come la memoria cellulare?

“La professione medica sta diventando sempre più consapevole del fatto che la struttura cellulare degli organi trapiantati porta con sé un contenuto di memoria ad un livello mai considerato possibile prima.

Dopo l’impianto del cuore, le preferenze e le antipatie per il cibo e la musica a volte cambiano drasticamente, il comportamento di una persona, come il suo approccio alle attività sessuali, può essere improvvisamente modificato, e i destinatari a volte usano anche parole che non hanno mai pronunciato prima”.

Altri ricercatori hanno cercato di replicare il lavoro di Backster sulla biocomunicazione alcuni ci sono riusciti, ma altri hanno fallito.

Backster credeva nell’“effetto sperimentatore” in questo tipo di ricerca sulla biocomunicazione. Suggerì che la connessione o il legame tra lo sperimentatore e la forma di vita monitorata deve essere eliminato.

Perché?

Gough ritiene che sia le piante che le cellule umane sembrano discriminare tra un pensiero che non si intende veramente e un pensiero che è “per davvero”. Continua dicendo che:

“Il modello che il Dr. Bob Shackeltt, il Dr. Dean Brown ed io abbiamo proposto prevede che tutte le cellule sono collegate ad un continuum non-locale senza spazio e senza tempo che abbiamo chiamato l’Assoluto.

Le cellule possono quindi accedere alla saggezza della rete interconnessa del tutto. Poiché non si può ingannare l’Assoluto onnisciente, le vostre cellule e quelle di una pianta percepiscono “intuitivamente” quando il vostro intento non è sincero.

Questa “percezione primaria” (biocomunicazione) e la conoscenza istintiva delle cellule del vostro corpo è la ragione per cui è importante per la guarigione usare la visualizzazione e “parlare” sinceramente al vostro corpo. È anche il motivo per cui si dice “grazie”, poiché si sta interagendo con l’Assoluto – alcuni direbbero Dio”.

Siamo tutti parte del Campo o dell’Assoluto, e come tale siamo tutti collegati. Dato che tutto è collegato al Campo, ha senso che qualsiasi cosa vivente possa accedere a questo campo.

Quindi, se la percezione primaria (biocomunicazione) è reale, significa che influenziamo tutti gli esseri viventi intorno a noi con ciò che pensiamo.

Se, per esempio, le piante sono senzienti e hanno la capacità di sentire o percepire soggettivamente dovrebbe certamente cambiare il modo in cui pensiamo e sentiamo le piante e gli altri esseri viventi.

Se stiamo inviando pensieri e vibrazioni negative a ciò che ci circonda, questo influenzerà tutti gli esseri viventi intorno a noi, perché tutte le cellule sono collegate ad un continuum non-locale senza spazio e senza tempo – chiamato anche l’Assoluto, il Tutto, il Tutto, l’Uno, il Campo Unificato o Dio.

I Mentawais e l’armonia con la natura

In certe culture isolate le persone lodano la natura e vivono in armonia con essa. I Mentawais, a Sumatra in Indonesia, vivono in stretta relazione con la natura. Rispettano la natura.

Quando devono abbattere un albero, chiedono perdono all’albero. Toccano l’albero e “parlano” con lui prima di abbatterlo.

Vivono in patto con la natura e sono molto in contatto con le leggi universali e l’Assoluto.

Nella nostra parte civilizzata del mondo abbiamo dimenticato di essere parte della natura e dell’universo. Abbiamo dimenticato chi siamo.

Parlare di biocomunicazione e di piante che rispondono ai nostri pensieri è facile da scartare perché sembra così inverosimile nelle nostre vite indaffarate, piene di sempre più tecno-gadget e di infinite presenze online.

Farebbe male passare un po’ più di tempo nella natura e mostrare un po’ di gratitudine a Madre Terra.

Cleve Backster

Apprezzamento

Se imparassimo ad apprezzare tutte le cose viventi, la nostra vita sarebbe una meraviglia.

Cominceremmo a vedere tutta la bellezza che ci circonda.

La nostra vita qui sulla Terra sarebbe in armonia tra di noi e con gli animali, le piante e tutti gli esseri viventi.

Mantenere un atteggiamento di gratitudine è la via da seguire.

Apprezzare la vita. È qui e ora in tutta la sua gloria.

Per apprezzare tutto ciò che ci circonda dobbiamo prima guardarci dentro e apprezzare noi stessi e la vita che ci è stata data.

Una volta che siete soddisfatti di voi stessi, comincerete a notare tutte le meraviglie della natura e tutti i lati positivi dei vostri simili.

Ti renderai conto che sei UNICO e che puoi fare la differenza in questo mondo.

Fonte: one-mind-one-energy.com & theepochtimes.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code