toba60

Come Sabotare l’Energia Alternativa

Views: 314

Quello che avrete modo di leggere ora, e’ un esempio dettagliato su come viene gestita l’informazione, onde distogliere l’opinione pubblica sul reale scopo che si nasconde dietro un determinato obbiettivo, dettato da interessi di natura Economica, Finanziaria e Politica.

La manipolazione mediatica tocca tutti i settori sensibili del pianeta, in questo momento lo sforzo maggiore e’ indirizzato alla tutela dell’ambiente e nel settore medico alla ricerca contro il Cancro, sono problematiche che attraverso un perenne e martellante disinformazione, coinvolge la masse direttamente coinvolte a coalizzarsi per una soluzione al problema.

Gettato l’amo tutti si prodigano a collaborare attraverso una solidale disponibilità’ a finanziare e supportare la ricerca e chi gestisce l’intero palinsesto, sono le stesse lobby che il problema non ha assolutamente motivo e intenzione di risolverlo.

Il settore della Free Energy per esempio e’ utopistico pensare che venga messo a disposizione di tutti, se cosi fosse, il mondo cosi come lo conosciamo, non avrebbe più’ ragione di essere, in tutte le sue conflittualità’ endemiche al sistema vigente in atto e questo, e’ bene saperlo, non fa gli interessi di chi gestisce il potere.

Distinguere il bene dal male e’ molto difficile in una società’ globalizzata, emblematico e’ di come il pianeta ha fatto suo, attraverso un pensiero unico, l’idea che si deve fare la guerra per creare la pace, sorge il dubbio pero’, che chi pianifica la questione, non sa cosa siano le armi, perché a portale sono sempre gli altri. (Armiamoci e Partite)

In rete per esempio ogni informazione e’ mirata e indirizza chi la utilizza, nella direzione che algoritmi predisposti desiderano voi andate, se per esempio voi andate su Google e inserite una ricerca su un determinato argomento, sarà’ totalmente differente da quello che visualizzerete chi la fa in Bolivia, per manipolare un Boliviano non si devono usare gli stessi mezzi di un Europeo.

E’ bene che si sappia che i più’ quotati portali in rete a livello mondiale, che vengono chiamati complottisti o di controtendenza, legati a settori come la Free Energy le Ricerche sul Cancro e la Green Ecology, o il Nuovo Ordine Mondiale sono finanziate dalle stesse lobby che sono oggetto di Critica e Contestazione

Essere padroni di entrambe le forze in conflitto e’ il miglior modo per avere il controllo globale sugli eventi.

Ho scelto questo articolo per tutti voi che seguite Toba60 perché da’ un idea di quanto sia sottile la linea di demarcazione che separa la finzione dalla realtà’, che di fatto si cela dietro un buon proposito.

P.S.

L’articolo e’ dei primi anni 2000 ma e’ interessante notare di come la maggior parte dei portali allegati all’articolo sono tutt’ora in funzione e fungono tutt’ora come organo primario di informazione globale del settore.

Toba60

Sabotaggio dell’ Energia Alternativa .

Se volessi sabotare lo sviluppo di energia alternativa e indirizzare in modo errato qualsiasi persona interessata, creando allo stesso tempo l’illusione del progresso nel risolvere la crisi energetica, come faresti? Un ottimo metodo sarebbe quello di finanziare segretamente i cosiddetti esperti di energia alternativa, che avrebbero installato siti Web e pubblicato libri.

Tutto ciò sarebbe pieno di informazioni scientifiche dal suono impressionante e immagini di dispositivi che quasi (ma non sembrano mai del tutto) funzionare. Ci sarebbero dozzine di questi siti Web, tutti collegati tra loro, creando così l’illusione di una vasta rete di individui e organizzazioni, lavorando instancabilmente per risolvere il problema energetico del mondo. Queste persone organizzerebbero anche conferenze e seminari, dove per una piccola tassa di ammissione, il pubblico potrebbe conoscere le ultime scoperte nel campo dell’energia alternativa. E ovviamente ci sarebbero libri … Un sacco di libri. Ognuno pieno di informazioni e promettente che una svolta è proprio dietro l’angolo.

In effetti, la “svolta” ha avuto luogo oltre cento anni fa e ciò di cui stai assistendo oggi è un’immensa campagna di disinformazione, perpetrata su una scala così vasta, quasi inimmaginabile.

Quella che segue è un’esposizione che delinea le connessioni tra alcuni degli individui di più alto profilo nell’energia alternativa e le società che li supportano di nascosto.
1.1.1 Tom Bearden: Mr. Bearden è un leader riconosciuto nel campo dell’energia alternativa. Possiede il brevetto su un dispositivo chiamato “Motionless Electric Generator” o MEG. Il suo sito web mostra le immagini di un prototipo di MEG e vende copie dei suoi numerosi libri e DVD.

Diamo un’occhiata dietro le quinte e vediamo chi possiede il sito Web di Tom. Esiste uno strumento Internet ampiamente disponibile chiamato “whois” che consente a chiunque di cercare la registrazione del sito Web. In altre parole, per cercare chi possiede il sito web. Il sito Web Tom Bearden è www.cheniere.org e una schermata della registrazione del sito Web è mostrata nella figura 1 (sotto).

Secondo la registrazione, il sito Web di Bearden è di proprietà di Craddock Engineering, con sede a 151 La Jolla Drive, a Santa Barbara in California. Bene, sembra abbastanza ragionevole. Dopo tutto, una società di ingegneria potrebbe avere un interesse legittimo nei confronti di generatori elettrici esotici. Guardiamo un po ‘più a fondo e vediamo cos’altro si può trovare …

Ogni governo statale ha un ufficio noto come “Il Segretario di Stato”, e questo ufficio ha registri pubblici di tutte le imprese situate all’interno di quello stato. La Figura 2 mostra una schermata dai registri delle imprese dello stato della California per Craddock Engineering Inc. Si noti che l’indirizzo corrisponde, quindi questo è il record giusto. E secondo questo record, il signor AJ Craddock è l’agente registrato per Carddock Engineering.

Figura 2

Non sappiamo ancora cosa fa Craddock Engineering, quindi facciamo una ricerca su Google e vediamo cosa possiamo scoprire su questa società. La Figura 3 mostra una schermata per il termine di ricerca “Craddock Engineering Inc.”

Si noti che l’ultimo elenco nella figura 3 è relativo alla pagina dei contatti di una società di nome Craddock Engineering Inc. situata a Santa Barbara. Sembra promettente, quindi diamo un’occhiata all’URL elencato (www.craddock.biz). La Figura 4 è una schermata della home page all’indirizzo http://www.craddock.biz

Che cosa??? Ingegneria petrolifera internazionale e servizi di personale !!! Deve esserci un errore. Facciamo una ricerca whois su craddock.biz e assicuriamo di avere il sito giusto. La Figura 5 mostra una schermata per la registrazione whois di craddock.biz.

Nessun errore qui … La registrazione del sito Web di Craddock Engineering Inc. mostra chiaramente lo stesso indirizzo stradale come la registrazione del sito Web di Tom Bearden (figura 1 sopra). In altre parole, il sito Web di Tom Bearden è di proprietà di una società internazionale di servizi petroliferi! Facendo clic sul collegamento “Petroleum People” si apre la schermata mostrata nella figura 6.

E nella figura 6 si vantano di fornire “servizi all’avanguardia” a “più di 50 grandi compagnie petrolifere in 30 paesi diversi”. Hanno un elenco di clienti che include notabili come Shell Oil, British Petroleum (BP – di fama di fuoriuscita di petrolio nel Golfo), ARCO, Conoco, Texaco e persino la compagnia petrolifera di proprietà statale dell’Arabia Saudita. Sembra che il signor Bearden abbia degli avventori molto potenti! Ora, perché pensi che una compagnia di servizi petroliferi che intrattiene rapporti con chi è chi dell’industria petrolifera, possiede anche il sito web di qualcuno che è presumibilmente un leader riconosciuto nell’energia libera e un critico schietto dell’industria petrolifera? Quale modo migliore per l’industria petrolifera di incanalare segretamente denaro nella sovversione attiva dell’energia alternativa?

Ovviamente, il signor AJ Craddock (fig. 2 sopra) merita un esame più attento. E dopo aver fatto un po ‘di ricerche nei gruppi di notizie Usenet troviamo un indirizzo e-mail “craddock@west.net” che sembra appartenere sia ad AJ Craddock che a Tony Craddock, vedi figura 7 della schermata di cattura (sotto).

Nota che l’ultimo hit della ricerca menziona Tom Bearden, quindi diamo un’occhiata a questo post. La schermata nella figura 8 mostra i contenuti di questo post, incluso un link al sito Web di Tom Bearden (cheniere.org), quindi dobbiamo avere il diritto Mr. Craddock, anche se sta usando il nome “Tony Craddock” anziché ” AJ Carddock “. Questo post è anche molto rivelatore poiché cita fonti governative e sembra sostenere maggiori sforzi del governo contro il terrorismo. E ancora più interessante, la pubblicazione è datata 27 dicembre 2000. Meno di un anno prima degli attacchi dell’11 settembre che sono stati usati per giustificare la guerra in Iraq (petrolio). Hmmmm … Questo migliora e migliora. Quindi, diamo un’occhiata a un’altra pubblicazione Usenet, questa di AJ Craddock.

Figura 8

La Figura 9 mostra una pubblicazione Usenet, questa di AJ Craddock, che chiede aiuto per identificare diversi nomi host che hanno visitato un sito Web (cseti.com). Ciò che rende questo post così intrigante è che lo chiama “il nostro sito Web” e si elenca come “amministratore del sito Web” (webmaster). Immagino sia giunto il momento di scoprire cosa c’è su www.cseti.com …

Steven Greer: Il Dr. Greer è il fondatore del Center for the Study of Extraterrestrial Intelligence (cseti), il Disclosure Project e il Orion Project. CSETI addestra le persone a diventare ambasciatori per il contatto extraterrestre, il Disclosure Project cerca di persuadere il congresso a tenere audizioni sulla presenza di UFO / extraterrestri sulla Terra e intorno alla Terra, e il Progetto Orion sta sviluppando “Clean Energy Solutions for Empower the 21st Century”. Anche se il post di AJ Craddock è collegato al sito web cseti (fig. 9 sopra), concentriamoci sul Progetto Orion, poiché questo saggio riguarda principalmente l’energia e questo sito presumibilmente sta sviluppando energia alternativa.

La Figura 10 è una schermata della pagina dei collegamenti consigliati dal sito Web di Project Orion. Che sorpresa! Raccomanda cheniere.org, il sito Web di Tom Bearden. Dalla pagina “Breakthrough Campaign” scopriamo che il Dr. Greer sta cercando nel mondo i migliori inventori di energia alternativa e sta chiedendo donazioni per $ 3.000.000 per costruire un laboratorio per sviluppare queste invenzioni.

Naturalmente questa non è la prima volta che il Dr. Greer riunisce un gruppo di inventori per risolvere la crisi energetica del mondo. Il suo precedente tentativo era l’ormai defunto seaspower.com (sistemi di accesso all’energia spaziale), mostrato nella figura di acquisizione dello schermo 11 (sotto).

Un’altra interessante confluenza tra l’attuale progetto Orion di Steven Greer e il suo precedente seaspower.com è l’elenco di articoli scientifici e collaboratori. La Figura 12 mostra una schermata dell’elenco dal sito Web seaspower.com.

E la figura 13 mostra una schermata che cattura un elenco parziale dal sito Web di Project Orion.


Tra i collaboratori che sono comuni a entrambi gli elenchi di siti Web ci sono Tom Bearden (nessuna grande sorpresa lì), Paul L. LaViolette e Theodore C. Loder. Quindi, 8 anni dopo che Steven Greer ha iniziato con seaspower.com, sta ancora citando molti degli stessi articoli di ricerca e sta ancora cercando inventori di energia alternativa.

Forse questo è il risultato che Mr. Craddock e i suoi clienti (dell’industria petrolifera) stavano provando a creare da sempre …
La ragnatela: In questo saggio, ho delineato le connessioni tra Tom Bearden, Steven Greer, AJ Craddock (AKA Tony Craddock), The Orion Project e Craddock Engineering. Se assumiamo che queste persone e organizzazioni non abbiano alcun reale interesse a vedere l’energia alternativa diventare una realtà commerciale. Quindi dobbiamo anche supporre che tutti gli altri individui o organizzazioni che sono menzionati favorevolmente e / o promossi attivamente da loro siano almeno incapaci di compiere progressi reali nella commercializzazione di energia alternativa.

Questo elenco include ma non è limitato a: Myron Evans, Tom Valone, Paul LaViolette, The AIAS e Integrity Research Institute. Tra questi, il più interessante è l’Integrity Research Institute, con sede a Washington DC e presieduto da Tom Valone. Il signor Valone sembra aver adottato l’approccio della vecchia scuola (prestigio) nella scelta del consiglio di amministrazione della sua organizzazione. Molti dei suoi consiglieri sono ex funzionari governativi, burocrati e scienziati di FEMA, DOE e DOD.

Un altro sito Web intimamente collegato a quelli sopra elencati è NEM (newenergymovement.org). Il loro consiglio di amministrazione comprende Tom Valone e la lista dei relatori della conferenza comprende sia Steven Greer che Tom Valone. Nell’elenco delle risorse, la pagina dei collegamenti al sito Web include il nostro vecchio amico Tom Bearden.
Sommario: Tutti questi individui, e molti altri lasciati senza menzione, lavorano instancabilmente per creare l’illusione del progresso nel risolvere la crescente crisi energetica dell’America. Vendono una vasta gamma di libri, opuscoli e DVD. Ognuno trabocca di informazioni presumibilmente utili, eppure completamente privo di qualsiasi soluzione significativa. Tengono innumerevoli seminari, conferenze, tavole rotonde e convegni. Ognuno era popolato da un elenco in continua evoluzione di scienziati, consulenti ed esperti del settore. Tutti pontificati per ore e ore senza offrire alcuna soluzione pratica.

E tu, il pubblico americano, sovvenzioni questo circo di sovversione, ogni volta che ti riempi alla stazione di benzina …

Steven J. Smith

Fonte: xyzxkkw



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart