toba60

George Orwell 1984: È ora che Impariate a Conoscerlo Altrimenti non se ne Viene più Fuori!

Lo strumento mediatico atto ad evidenziare solo ed unicamente i problemi, fa parte di un protocollo ben pianificato per creare paura, rabbia, frustrazione e abitudine, preludio alla inazione collettiva degli individui.

Non guardate i programmi politici in prima serata, se servissero a destabilizzare il sistema non li trasmetterebbero, un esempio tra tutti in questo momento sono in Italia i programmi di Mario Giordano, Paolo del Bebbio, o Nicola Porro, (Ce ne sono molti altri) i paladini della giustizia.

Sono sviluppati per creare dissonanza cognitiva attraverso una marcata divisione tra il potere ed il cittadino, dove lo spettatore assume un ruolo passivo di fronte ai fatti, che si amplifica poi nella vita quotidiana di tutti i giorni.

Sono strategie mediatiche molto conosciute in psicologia sociale, dove si creano le basi per un controllo popolare che si delinea poi nel comportamento delle persone.

Pochi sanno per esempio e se lo sanno lo hanno dimenticato, che Mario Giordano in passato ebbe contatti diretti con Mario Draghi il quale si era già anticipato sul suolo che avrebbe avuto in seno al governo, (Il riferimento è scritto nero su bianco in uno dei suoi ultimi libri pubblicati) come mai con le migliaia di addetti ai lavori si sia preso la briga con largo anticipo di rivolgersi a lui, trovando il tempo da dedicagli tra i mille impegni internazionali in programma della sua Agenda?

Se vuoi il potere devi disporre di una truppa che segua le direttive attraverso una neolingua (Beppe Grillo ce lo siamo già dimenticato?) che sia di impatto sulle persone e chi meglio di un rottamatore che mette in prima serata i politici più’ in vista e perennemente in piena campagna elettorale?

Mai che si possa ascoltare una voce alternativa come Massimo Mazzucco, Claudio Messora, Enrica Perucchietti, Marco della Luna, Maurizio Blondet, Marco Pizzuti, Marcello Pamio o Francesco Amodeo, senza i soliti interlocutori pagati come Crisitano Ronaldo, i quali ogni volta che parlano perdono una buona occasione per stare zitti.

Lasciamo perdere una volta per tutti i problemi, (Le soluzioni non esistono?) quelli li conosciamo benissimo senza che il cretino di turno ce li ricordi ogni santo giorno.

Dare voce alla povera gente in diretta televisiva che subisce il sistema vigente in atto, e’ un modo molto elegante per far capire in chi assiste che sono solo dei miserabili in balia di un élite che sta a guardare………

ospiti in studio in giacca e cravatta.

Toba60

George Orwell 1984

“Il linguaggio politico è progettato per far sembrare le bugie veritiere e l’omicidio rispettabile, e per dare un’apparenza di solidità al puro vento”. – George Orwell

Alcune opere letterarie di fantasia sono così profonde da essere rilevanti per decenni. L’intramontabile 1984 di George Orwell è una di queste opere letterarie. Uno dei libri più influenti del nostro tempo, il suo messaggio risuona oggi tanto quanto quando fu pubblicato per la prima volta più di 65 anni fa

Quindi cosa può insegnarci 1984 per i giorni nostri?

Al suo centro, 1984 è un’interpretazione del secondo dopoguerra della relazione tra individui e istituzioni. Ha cambiato il corso della storia sociale generando un nuovo linguaggio relativo alla struttura e ai meccanismi della nostra società, espandendo la portata del linguaggio e del pensiero umano, e quindi, la comprensione dell’umanità di se stessa. E questa eredità sembra perfettamente appropriata, perché nella storia di 1984, il mondo è controllato da così tante restrizioni che persino l’espressività del linguaggio ufficiale, “Newspeak”, è deliberatamente ristretta dalle istituzioni dominanti in modo da limitare la capacità degli individui di esprimere “pensieri criminali” – ciò che è ritenuto illegale dal “Partito Interno”, lo Stato.

Come opera di fiction, 1984 fornisce una visione cruda di una fiorente cultura del totalitarismo. Come opera simbolica, tuttavia, è un riflesso della realtà moderna negli Stati Uniti e nel mondo di oggi. All’interno della sua narrazione, le cinque libertà del Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti sono state violate e rimosse; in particolare, la libertà di parola è stata così limitata che c’era solo una fonte di notizie gestita dall’organo ufficiale di governo e un intero ramo del governo era dedicato ad eliminare costantemente il linguaggio ritenuto dannoso per lo Stato.

1984Voto medio su 24 recensioni: Da non perdere
€ 12,00

Orwell creò nuove frasi come “Neolingua” (il linguaggio ufficiale e limitato) e il suo antonimo “Vecchio Linguaggio”, “Pensiero Unico” (pensieri approvati dal partito) e il suo antonimo “Pensiero Criminale”, e “Doppio Pensiero” (l’atto normalizzato di accettare contemporaneamente due credenze contraddittorie). Il nuovo linguaggio ha permesso alla sua narrativa di ritrarre ed esporre strutture secolari di manipolazione del pensiero e del linguaggio -strutture che si sono esponenzialmente intensificate ai giorni nostri.

In 1984 tutta l’opposizione è controllata e assorbita sullo sfondo. Il “Grande Fratello” è l’immagine umana che rappresenta il Partito Interno (e la linea del Partito) attraverso il Teleschermo che fornisce una narrazione “ufficiale” mentre si appropria e travisa la nozione di fratellanza e unità in un “marchio” – uno che in realtà instilla una psicologia di collettivismo, non di fratellanza, proprio come i controllori nel nostro mondo instillano il nazionalismo e la mentalità bellicosa nel nome della “libertà” e della “libertà”. In effetti, il teleschermo è il mezzo principale attraverso il quale le norme sono state imposte alla società e false immagini e narrazioni sono state incorporate nella sua coscienza collettiva.

Totalmente fissata sulla linea del Partito, come raccontata dal Teleschermo, la società fittizia di 1984 ha perso la capacità di pensare in modo tale da credere che due più due fa cinque, come dice il detto, finché viene presentato come tale sul Teleschermo. Sono stati prigionieri di questo sistema per tutta la loro vita e, con il linguaggio e il pensiero limitati e banditi, sono ciechi alla loro stessa prigionia, incapaci di discernere da soli. Così, le bugie vengono fatte passare per “verità” usando una logica così distorta che non solo convince le masse che due più due fa cinque, ma che la guerra è pace, la libertà è schiavitù e l’ignoranza è forza.

In realtà, l’ignoranza individuale è la forza delle istituzioni. Tali distorsioni del linguaggio e del pensiero (e, incidentalmente, della storia) sono i mezzi perfetti con cui depotenziare e cooptare un’intera società – mezzi che non sono limitati alle opere di fiction. Orwell sapeva che le idee non esistono separatamente dal linguaggio.

Il linguaggio, sia in forma parlata che scritta, è essenziale per la nostra capacità di formare e comunicare pensieri e idee. Questo è il motivo per cui oggi il governo degli Stati Uniti, i signori del potere ombra che lo controllano e i media mainstream che lo sostengono (la cui totalità è di proprietà di sole 6 corporazioni) continuano la loro guerra alle “fake news” – cioè le idee che sono scettiche nei confronti delle dichiarazioni del governo e le informazioni che dimostrano che sono false – prendendo di mira non solo il giornalismo indipendente ma il pensiero indipendente stesso.

Mentre la sorveglianza del governo sul suo stesso popolo continua ad aumentare, la segretezza del governo è ai massimi storici, la condivisione di idee che sfidano lo status quo sta diventando sempre più pesantemente censurata, rilasciare informazioni sull’attività istituzionale e statale è ora punibile per legge, e gli informatori dall’interno dello Stato vengono sistematicamente distrutti.

Se questo non fosse abbastanza orwelliano, i consiglieri di Donald Trump e di chi Joe Biden che è venuto dopo di lui hanno iniziato a coniare frasi come “fatti alternativi”, e abbiamo anche visto la creazione di un orwelliano “Ministero della Verità”, una “rete internazionale di controllo dei fatti” incaricata di decidere cosa è “verità” e cosa è “fake news”.

Se gli eventi di 1984 continuano ad essere veri, e il partito al potere oggi fa il suo corso, le parole e le idee diventeranno presto non solo censurate, ma illegali ed eliminate del tutto, controllate da governi sempre più totalitari che guidano la nostra società lungo un percorso distopico di censura, credenza cieca e disinformazione – tutto in nome dello Stato.

Tuttavia, man mano che le nostre menti vengono liberate, una alla volta, stiamo alla fine scoprendo che la nostra società è pesantemente incorporata con tali norme e strutture che perpetuano false immagini, preservando lo status quo dello Stato dalla “minaccia” del pensiero individuale – da qui la moderna guerra alle “fake news”. Stiamo iniziando, come società, a mettere in discussione tale falsità, e ad esercitare la nostra intrinseca libertà di esporla.

“La libertà è la libertà di dire che due più due fa quattro. Se questo è concesso, tutto il resto segue”. George Orwell

L’ultimo uomo in Europa

Il titolo originale di 1984 era “L’ultimo uomo in Europa”. Questa idea di titolo descrittivo ed evocativo fornisce un chiaro sguardo all’intento di George Orwell, e racchiude un punto principale di 1984, un titolo forse troppo rivelatore per essere altro che un titolo provvisorio.

Certamente, questo è il modo in cui molti di noi si sentono quando diventano consapevoli per la prima volta delle bugie e delle verità parziali che sono presentate come realtà da coloro che controllano la nostra società di oggi, e accettate in toto da tutti gli altri, apparentemente è come se fossimo l’ultima persona sola. In effetti, la strada del libero pensatore può essere solitaria, e il protagonista della storia, il patriota Winston Smith, viene fatto credere di essere l’ultima persona che fa domande, che guarda, ascolta e parla.

In una società totalitaria – che si tratti del mondo immaginario di Orwell o dei regimi politici sempre più autoritari di oggi – le narrazioni ufficiali ritratte dai media “ufficiali” ritraggono che una società è in consenso con lo Stato, e che coloro che sono impegnati in un pensiero criminale (che sia o meno legalmente un crimine) sono isolati emarginati sociali e pazzi, e avviliti come “ribelli” e “teorici della cospirazione” (nonostante l’esistenza della cospirazione reale, contro cui la mente veramente consapevole deve inevitabilmente ribellarsi).

Eppure, in realtà, il Pensiero Criminale è ciò che differenzia noi liberi pensatori da coloro che sono persi nell’incantesimo dell’illusione sociale e, quindi, rappresentano una minaccia allo status quo dello Stato. Ma questo fa parte della trappola del Pensiero Unico crea l’illusione del consenso, e quindi genera l’isolamento in coloro che non lo concedono.

Come maestro del suo mestiere, nulla di ciò che Orwell scriveva era fuori luogo. Ora non viene detto apertamente nel libro, ma ci sono quattro tipi di persone nel regno fittizio di 1984. Ci sono tre classi descritte e una quarta suggerita, solo più tardi è implicito che la Fratellanza, ribelli anti-establishment è stata eliminata dalla narrazione proprio come quelli al potere hanno cercato di eliminarli dalla società.

Il segreto di 1984 è il ‘4

1984 è in parte un’esposizione sui quattro tipi fondamentali di persone in una società, i quattro tipi di istituzioni e i quattro tipi di bugie istituzionali che li rendono possibili.

Caratterizzate da come rispondono alle informazioni, le società moderne sono composte da quattro archetipi di persone, idioti, fanatici, elitari e patrioti.

Gli idioti rifiutano l’informazione, gli zelanti rifiutano ciecamente l’informazione, gli elitisti usano male l’informazione e i patrioti cercano e distribuiscono l’informazione.

Nonostante le drammatiche alterazioni nel panorama geopolitico mondiale, e alcune fluttuazioni di individui da un gruppo/ruolo all’altro nel tempo, la dinamica tra questi gruppi è rimasta storicamente la stessa, e sono inevitabilmente intrecciati: Gli idioti evitano tutte le nuove informazioni pertinenti per mantenere la loro prospettiva, senza mai mettere in discussione lo status quo.

Gli zelanti fanno certe domande su certe informazioni, ignorando le informazioni non allineate al fine di mantenere la loro prospettiva, sostenendo lo status quo a tutti i costi. Gli elitisti mettono in discussione le informazioni per manipolare e trarre profitto da coloro che non sanno, beneficiando dello status quo. I patrioti mettono in discussione le informazioni per educare se stessi e condividerle con gli altri, in modo che possiamo migliorare le nostre vite e progredire oltre lo status quo.

Non c’è da meravigliarsi, quindi, che il patriota sia stato quasi cancellato dal panorama socio-politico di oggi, con coloro che agiscono come veri patrioti che vengono demonizzati dallo Stato, e il significato della parola “patriota” distorto e confuso (da gente come George W. Bush Jr.) per significare un marchio di idiozia nazionalistica che sventola la bandiera, con noi o contro di noi. (Controllate il mio articolo, Il Primo Emendamento – Il VERO Patriot Act per una discussione più approfondita di questo).

Usando una pratica così ben definita da Orwell che oggi è conosciuta come il discorso orwelliano, le istituzioni trasferiscono e confondono parole e idee mescolando se stesse, le loro politiche e i loro prodotti con idee e parole patriottiche. Prendono il significato delle parole e degli archetipi e li capovolgono: La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza, e il vero patriottismo (come quello mostrato dagli informatori del governo) è traditore.

In realtà, i veri patrioti, i ribelli che vedono attraverso le bugie delle istituzioni e agiscono di conseguenza, sono rimossi dalla coscienza pubblica esattamente allo stesso modo. In modo “orwelliano”, la quarta classe cancellata di persone in 1984, la Fratellanza, che sta lavorando per abbattere il Partito Interno fascista, è cancellata attraverso l’ammissione del linguaggio. Gli altri tre tipi, che sono specificamente menzionati nel libro-nel-libro, il fittizio The Theory and Practice of Oligarchical Collectivism, sono le caste Alta, Media e Bassa. Allo stesso modo, gli altri tre tipi di persone rappresentati nella società di Oceania sono il Partito Interno, il Partito Esterno e i Proletari. Le classi sociali interagiscono molto poco.

Il Partito Interno e il Partito Esterno costituiscono il 2% della popolazione e sono i controllori istituzionalizzati dell’Oceania. Sono simili ai politici moderni e all’élite finanziaria, che lavorano con e contro l’altro, e chiedono a gran voce di ottenere e mantenere il potere. Hanno privilegi che le altre caste non hanno, tra cui quello di poter (temporaneamente) spegnere i teleschermi che spargono propaganda.

Tuttavia, c’è un ordine gerarchico all’interno del Partito. Al Partito Esterno vengono assegnati incarichi amministrativi statali e sono composti dai membri più istruiti della società. Sono responsabili dell’attuazione diretta delle politiche del partito, ma non hanno voce in capitolo nel processo decisionale. Sono la “classe media artificiale” e come tale, hanno regole severe applicate a loro. Non gli è permesso “nessun altro vizio che le sigarette e il Victory Gin”, sono spiati attraverso i loro Teleschermi, e sono incoraggiati a spiarsi a vicenda, e a riferire attività sospette al Grande Fratello.

La classe inferiore di lavoratori che esegue la maggior parte dei compiti e dei lavori più umili è conosciuta come i Proli. Vivono nelle condizioni più povere, non sono istruiti, e sono invece intrattenuti con alcol, gioco d’azzardo, sport, fiction e pornografia (chiamata “prolefeed”) l’equivalente 1984 di “pane e circo”.

Secondo il Partito Interno e il Teleschermo che controlla, coloro che potrebbero sfidare il sistema – l’importante quarto tipo di persona – semplicemente non esistono. La Fratellanza, l’organizzazione dei patrioti, è dipinta dal “Partito Interno” che la controlla come una diceria, e la nozione della loro esistenza è sminuita dal Partito Interno, attraverso il Teleschermo. In Oceania, se si deve credere al Teleschermo, non ci sono patrioti, né tale azione è permessa – e chi la pensa così è isolato dalla tattica del divide et impera usata dagli imperi passati e presenti. Così, come molti nella nostra società fallita, Smith si crede di essere “L’ultimo uomo in Europa”…

“In tempi di inganno universale, dire la verità diventa un atto rivoluzionario”. – George Orwell

Eppure, come il personaggio di Winston Smith osserva accuratamente nel suo diario, “Se c’è qualche speranza, è con i Proletari” proprio come la nostra speranza di oggi è con il cosiddetto “99%”.

I “proli” nella nostra società devono iniziare a guardare oltre il pane e il circo, oltre l’intrattenimento spazzatura, e diventare una vera fratellanza, e sorellanza, interrogando l’informazione, educando se stessi, e condividendo ciò che imparano con gli altri in modo che possiamo superare l’oppressione istituzionale e creare finalmente l'”età dell’oro” che è il nostro potenziale combinato.
Dio e l’oro sono dentro

“Ci incontreremo nel luogo dove non c’è oscurità”. – George Orwell, 1984

Nulla di ciò che Orwell scrisse fu per caso. Il nome del personaggio che guida la ribellione della Fratellanza si chiama Emmanuel Goldstein, un nome che si traduce approssimativamente a significare Dio (Emmanuel) e l’oro sono dentro (Goldstein).

L’uso del nome di questo personaggio da parte di Orwell afferma un essere umano sviluppato, persino trasmutato, che ha trasceso le limitazioni imposte dal sistema a cui si oppone, ed è cresciuto da ottuso a raffinato, da depotenziato a potenziato. Rivela anche la conoscenza di Orwell di come tale patriottismo e ribellione possano diventare rivoluzione.

La parola “prole” è l’abbreviazione di prolétariat, una parola francese derivata dal latino proletarius, che significa “un uomo la cui unica ricchezza è la sua prole, o il cui unico servizio allo stato è come padre”. Una parola che evoca il puro collettivismo istituzionalizzato, suggerisce che l’individuo non ha altro valore che il lavoro e la progenie che fornisce allo Stato. (Se il tuo unico valore per lo stato è quello di allevatore e consumatore, beh, in che tipo di mondo, scusate, risulterebbe?) Ora confronta questa definizione con il nome Emmanuel Goldstein, Golden Godliness is Within.

In completo contrasto, è una dichiarazione di sviluppo interiore, di illuminazione e responsabilizzazione individuale che, come Orwell sapeva, sono le uniche forze che possono condurre con successo una ribellione contro l’oppressione istituzionale sia della finzione che della realtà.

Quindi, vedete, il segreto di 1984 è ‘4’. Il suo messaggio più potente è nelle sue omissioni: nell’omissione dell’informazione, che è l’unico modo in cui il Partito/Stato può mantenere il controllo autoritario, e nel quarto archetipo umano deliberatamente omesso, il giusto ribelle, la voce marginalizzata della discesa che è portata a credere di essere “l’ultimo uomo in Europa”. Ma in realtà, l’ultimo uomo d’Europa siamo io e voi. Noi siamo ovunque. E, quando apriamo le nostre menti e le nostre bocche, e abbracciamo l’oro che abbiamo dentro, raccontiamo di nuovo la narrazione perduta della Fratellanza, e trasformiamo i nostri Prole nei nostri Fratelli.

Ethan Indigo Smith

Fonte: wakingtimes.com


SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code