toba60

Gli Esperimenti Confermano la Stranezza della Teoria Quantistica

Views: 144

Sono in programmazione centinaia di servizi relativi alla fisica quantistica e un po alla volta sono sicuro avrete modo di appassionarsi a questo ramo della scienza.

Non mi dilungo molto sui particolari, all’interno ho inserito i dettagli del lavoro svolto dai ricercatori con una grafica dettagliata, e’ in Inglese ma con un traduttore e’ possibile farsi un idea del lavoro svolto per giungere alle loro conclusioni.

C’era un documento scientifico uguale pubblicato da Nature Psychic una rivista prestigiosa nel settore, ma ho optato per una seconda opzione molto più’ completa e dettagliata che spero possa farvi piacere.

Toba60

La Stranezza della Teoria Quantistica

La bizzarra natura della realtà, come stabilito dalla teoria quantistica, è sopravvissuta a un altro test, con gli scienziati che eseguono un famoso esperimento e dimostrano che la realtà non esiste fino a quando non viene misurata.


I fisici della Australian National University ( ANU ) hanno condotto l’ esperimento di pensiero a scelta ritardata di John Wheeler , che coinvolge un oggetto in movimento a cui viene data la scelta di agire come una particella o un’onda.

L’esperimento di Wheeler quindi chiede: a che punto decide l’oggetto?

Il buon senso dice che l’oggetto è simile ad un’onda o ad una particella, indipendentemente da come lo misuriamo.

Ma la fisica quantistica prevede che se si osserva il comportamento ondoso (interferenza) o il comportamento delle particelle (nessuna interferenza) dipende solo da come viene effettivamente misurata alla fine del suo viaggio.

Questo è esattamente ciò che il team ANU ha trovato.

“Dimostra che la misurazione è tutto. A livello quantico, la realtà non esiste se non la stai osservando”, ha affermato il professor Andrew Truscott associato della ANU Research School of Physics and Engineering.

Nonostante l’apparente stranezza, i risultati confermano la validità della teoria quantistica, che governa il mondo dei più piccoli, e ha consentito lo sviluppo di molte tecnologie come LED, laser e chip per computer.

Il team ANU non solo è riuscito a costruire l’esperimento, che sembrava quasi impossibile quando è stato proposto nel 1978, ma ha invertito il concetto originale di Wheeler di fasci di luce che venivano rimbalzati dagli specchi, e invece utilizzava atomi dispersi dalla luce laser.

“Le previsioni della fisica quantistica sull’interferenza sembrano abbastanza strane quando applicate alla luce, che sembra più un’onda, ma aver fatto l’esperimento con gli atomi, che sono cose complicate che hanno massa e interagiscono con i campi elettrici e così via, aggiungono al stranezza “, ha dichiarato Roman Khakimov, dottorando presso la Scuola di ricerca di fisica e ingegneria.

Realizzazione sperimentale dell’esperimento di Gedanken a scelta ritardata di Wheeler Digita Qui

La squadra del professor Andrew Truscott ha prima intrappolato una raccolta di atomi di elio in uno stato sospeso noto come condensato di Bose-Einstein , e poi li ha espulsi fino a quando non era rimasto un solo atomo. Il singolo atomo è stato quindi fatto cadere attraverso una coppia di raggi laser a propagazione contraria, che formavano uno schema a griglia che fungeva da crocevia nello stesso modo in cui una griglia solida diffondeva luce. Un secondo reticolo di luce per ricombinare i percorsi fu aggiunto casualmente, il che portò a interferenze costruttive o distruttive come se l’atomo avesse percorso entrambi i percorsi. Quando la seconda griglia luminosa non è stata aggiunta, non sono state osservate interferenze come se l’atomo avesse scelto un solo percorso.


Tuttavia, il numero casuale che determina se è stata aggiunta la griglia è stato generato solo dopo che l’atomo aveva attraversato l’incrocio.

Se si sceglie di credere che l’atomo abbia davvero preso un particolare percorso o percorsi, allora si deve accettare che una misurazione futura sta influenzando il passato dell’atomo, ha detto Truscott.

“Gli atomi non viaggiavano da A a B. Fu solo quando furono misurati alla fine del viaggio che il loro comportamento simile a un’onda o a una particella fu messo in atto”, ha detto.

Fonte: http://www.anu.edu.au/

Fisica Quantistica
La scienza spiegata ai più piccoli
€ 8,90

50 Grandi Idee Fisica Quantistica
€ 18,00

L'Incredibile Cena dei Fisici Quantistici
€ 15,90

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code