toba60

I Beatles: Anatomia di una Band Leggendaria

Tempo fa domandai a mio nipote se sapeva chi erano i Beatles e con mia sorpresa non seppe cosa rispondermi, per lui poteva essere anche una marca di dentifricio, ma la mia generazione che da piccolo visse un epoca scandita dalla loro musica ha subito un profondo cambiamento che ha condizionato la vita di un intera generazione.

Ora vi racconto un episodio a me accaduto che da un idea di come questo gruppo musicale abbia inciso nella vita di milioni di persone.

Io frequentavo le scuole elementari ed il mio nucleo familiare era intriso di musica a ritmo di Rock and Rol come si suol dire oggi, i miei 3 fratelli maggiori erano tutti con la chitarra in mano e stonati come una campana, ma a loro bastava fare solo un po di rumore (Come diceva sempre mio padre)

Io per adeguarmi a questi depravati musicisti dovevo portare i capelli rigorosamente sotto le orecchie e indossare gli stivaletti con la tela di lato come si Conviene a chi voglia essere parte della comunità ”Bit”.

Un giorno giunge una telefonata da parte del rettore della scuola che chiama d’urgenza i miei genitori riguardo il mio comportamento a scuola, ed essi si precipitano per sapere quali malefatte avessi combinato.

George Best

Il problema erano i capelli lunghi, inaccettabili all’epoca e riferirono loro che ero un pessimo esempio per Tutti i membri della scuola.

Inutile dire che mio padre e mia madre di tutta risposta volle che io da quel momento raddoppiassi la misura del mio pedigree, tra le ire dei maestri e dei benpensanti compagni di scuola che mi stavano alla larga presagendo il Covid di recente memoria.

I Beatles non erano solo musica, ma rappresentarono un vero cambiamento radicale del nostro modo di pensare con tutte le conflittualità che oggi sono create ad arte in modo totalmente artificioso.

Toba60

Cosa avrebbero fatto i Beatles se la Band non si fosse sciolta?

Questa è una domanda che ogni amante della musica si sarà posto a un certo punto: Sappiamo cosa hanno fatto i membri separatamente, ma ci siamo persi delle canzoni magiche che sono rimaste in sospeso? Fin dove poteva arrivare la loro ispirazione quando erano in uno studio insieme? Chi non avrebbe voluto un altro album dei Beatles, ovviamente.

Anche se queste domande sono il risultato di un desiderio irrealistico. Non erano destinati a durare. Forse perché sapevano che il mondo intero li guardava ogni volta che pubblicavano un nuovo album, erano estremamente consapevoli dell’immagine che proiettavano come entità musicale.

Non ho dubbi che, sulla carta e in termini di stile, si sarebbero inseriti negli anni Settanta senza problemi, ma quando i membri di una band ne hanno abbastanza l’uno dell’altro è difficile che il livello di creatività si mantenga. Hanno fatto tutto quello che dovevano fare, avrebbero potuto fare di più? Non credo.

Negli undici anni della loro esistenza, i Beatles hanno lavorato a un ritmo che pochi gruppi rock sono stati in grado di sostenere. Anche i loro primi tempi furono frenetici: tra il 1960 e il 1962 lavorarono fino all’osso, suonando concerti in bettole, due o più volte a notte, sia in Inghilterra che in Germania. La fama non portò loro una vacanza: dal 1963 al 1966 registrarono sette album (sette!), mentre si imbarcavano in estenuanti tour.

Di tutti i gruppi noti degli ultimi anni, nessuno si è avvicinato a una tale produttività, per non parlare di un livello di qualità così sostenuto. È vero che da allora e per il resto della loro breve carriera non andarono più in tour, ma registrarono altri cinque album, alcuni dei quali piuttosto complessi, in quegli ultimi quattro anni. Durante la loro carriera hanno anche avuto il tempo di recitare in tre film e di fornire la voce per un quarto. Che vi piacciano o no i Beatles, dovete ammettere che il 99% degli artisti di oggi andrebbe in rovina con un tale carico di lavoro. Facevano tutto questo con l’intero pianeta che osservava ogni loro mossa, quindi non c’è da meravigliarsi che la tensione si accumulasse fino a fargli odiare la routine in cui si erano cacciati. Nel 1968, quando registrarono il famoso “White Album”, ne avevano avuto abbastanza l’uno dell’altro.

Dopo quell’ambizioso album, dato che non erano più in tour e non avevano più bisogno di soldi, la motivazione per continuare era ridotta all’abitudine. Con tanta riluttanza affrontarono la registrazione della colonna sonora del film Yellow Submarine che quasi la metà del doppio album risultante fu occupata da pezzi orchestrali composti dal loro produttore, George Martin.

Forse il resto del mondo li amava, ma i Beatles erano disgustati di essere i Beatles. Come sappiamo, la situazione divenne ancora più rarefatta quando un’antica legge non scritta, quella di non portare i propri partner alle prove o alle sessioni di registrazione, cominciò ad essere infranta da John Lennon, che si presentò con la sua nuova e inestricabile fidanzata, l’artista giapponese Yoko Ono.

Non ripeterò il cliché che Yoko Ono è stata la principale responsabile dello scioglimento dei Beatles, perché è semplicemente stupido. Anche se non fosse esistita, il gruppo era destinato a scomparire. Certo, bisogna anche dire che se avete familiarità con qualsiasi band, anche se è nel vostro quartiere, sentirete che la presenza invasiva di Yoko difficilmente avrebbe potuto contribuire ad alleggerire l’atmosfera.

Nel 1968 il resto del mondo forse non l’aveva previsto, ma all’interno del gruppo si sentiva già che la fine era in vista. Come ho detto, una delle sfaccettature più ammirevoli dei Beatles era la loro consapevolezza della propria leggenda, e immersi in quel vortice di popolarità hanno dimostrato di avere una visione sorprendente della loro storia e di come dovrebbero chiuderla.

Dico sorprendente perché non è qualcosa che si vede spesso tra artisti di successo. Voglio dire, non penso che sia sbagliato che i Rolling Stones siano andati avanti se questo li rende felici, ma cercate una qualsiasi lista dei loro dieci migliori album e difficilmente ne troverete qualcuno dopo gli anni Settanta. Penso che il loro ultimo album in studio veramente buono sia stato Tattoo You, e quello è uscito nel 1981! I Led Zeppelin si sono sciolti quando il loro insostituibile batterista John Bonham è morto, ma a quel punto avevano già mostrato segni di esaurimento creativo in studio e una forma live molto irregolare.

Qualcosa di simile è successo con gli Who: anche loro hanno perso un batterista insostituibile, Keith Moon, e hanno cercato di andare avanti. Ma era troppo tardi, perché anche prima di quella tragica morte, il gruppo stava già mostrando segni che la loro creatività stava calando. Certo, bisogna dire che gli Who hanno mantenuto la loro potenza scenica fino a settimane prima di perdere Moon (ah, ogni scusa è buona per postare un link a quella performance). Ma hey, questi sono solo alcuni esempi di qualcosa che è normale nei gruppi rock, raramente formati da persone di disciplina monastica.

I tour, le droghe, la pressione, l’attrito della convivenza, la fatica… ci sono un sacco di fattori che limitano la fase più brillante di queste band a un certo numero di anni. Beh, la prova che i Beatles si sono separati in tempo è che se sono riusciti a registrare un buon addio (Abbey Road, anche se non è stato pubblicato come tale addio) è stato perché hanno messo la meritata attenzione su quella che sapevano essere la loro ultima registrazione. Il loro precedente tentativo aveva quasi fatto crollare il gruppo.

Proprio per evitare questo, fu Paul McCartney ad avere l’idea di registrare un album che li riportasse alle loro radici: il rock ‘n’ roll. Pensava che avrebbe risollevato lo spirito della band e li avrebbe riportati al luogo a cui appartenevano anni prima: il palco.

A quel punto avevano passato anni a comporre e registrare pezzi complessi, arricchiti dai contributi di George Martin, ma che in molti casi non sarebbero stati in grado di suonare dal vivo se avessero voluto, almeno non senza ingaggiare altri musicisti, cosa che all’epoca non era molto di moda per una band famosa. È vero, il mondo era sempre più affascinato dal genio della loro musica: critici, intellettuali e per non parlare di altri musicisti analizzavano con grande attenzione tutto ciò che pubblicavano, ma loro stessi si sentivano alienati.

Inoltre, la parte del gruppo più orientata al rock (Lennon, fondamentalmente) cominciava a stancarsi delle raffinatezze. Durante una registrazione, quando George Martin stava architettando alcuni dei suoi arrangiamenti grandiloquenti, Lennon riassunse la sua opinione con una frase lapidaria: “questo non mi sembra molto rock ‘n’ roll”. Beh, l’idea di McCartney era di tornare alle basi, loro quattro che facevano musica con i loro strumenti… e poco altro. Tornare a fare le cose in modo naturale permetterebbe loro di prendere in considerazione di andare di nuovo in tour. Da quando i Beatles sono diventati famosi, non avevano quasi mai avuto la possibilità di godersi i loro spettacoli dal vivo.

Essendo la prima superband da stadio, la tecnologia del suono e le attrezzature di produzione non erano ancora pronte per luoghi così grandi, per non parlare del fatto ben noto che le urla delle fan erano così forti che i Beatles suonavano quasi inascoltati, e quelle fan sono la ragione principale per cui non abbiamo quasi nessuna registrazione udibile dei loro concerti durante i loro migliori anni live. Nelle rare occasioni in cui hanno goduto di un sistema di monitor acustici sul palco, come hanno fatto in alcuni concerti americani, hanno dimostrato di essere una fantastica e solida rock band dal vivo. Anche quando Ringo (superbo batterista, povero vocalist) cantava, come possiamo vedere, più o meno, nelle inconsistenti registrazioni contemporanee:

Così, ognuno a modo suo, sia McCartney che Lennon, che erano l’uomo principale della band, guardavano indietro con nostalgia ai giorni in cui erano solo quattro ragazzi che suonavano semplici canzoni su un palco – erano stati bravi a farlo.

Erano stati bravi, quindi che ne dici di andare di nuovo in tour, ora che, presumibilmente, il pubblico li ascolterebbe invece di urlare a squarciagola? Il progetto proposto da McCartney prese forma quando pianificarono di registrare un documentario sul processo di realizzazione del nuovo album, che sulla carta doveva essere più rock, poiché sarebbe stato registrato quasi come una performance dal vivo, con poche aggiunte a parte una tastiera.

Quel documentario, trasmesso in televisione, potrebbe essere usato per annunciare un nuovo tour. Se avevano dei dubbi sul fatto che questa fosse la strada da seguire, dall’altra parte dell’Atlantico ebbero la conferma che potevano essere sulla strada giusta: alla fine del 1968, la televisione americana trasmise uno spettacolare programma speciale che doveva servire a pubblicizzare il ritorno di Elvis Presley sulle scene. Ha funzionato, perché ha mostrato un Elvis che, nonostante avesse oziato a Hollywood, era ancora in gran forma e aveva ancora più carisma sul palco che nei suoi primi giorni.

Il trionfo di Elvis con quello spettacolo ha mostrato la strada da seguire. Così i Beatles, all’inizio, presero la questione con il giusto atteggiamento. In effetti erano sul punto di diventare qualcosa come il primo gruppo punk… Ricordate la canzone “Get Back” e il suo ritornello, “Go back to where you once belonged”? Beh, nella sua versione originale era un’ironia tagliente sui politici conservatori britannici e sulla politica anti-immigrazione. Il “get back where you once belonged” riguardava nientemeno che gli stranieri; quella versione originale è nota oggi per una delle frasi che McCartney pronuncia nella canzone: “No Pakistanis”. E beh, non si può negare che sapere questo dà alla canzone una dimensione completamente nuova:

Non hanno osato registrarla con quei testi, ovviamente. E giustamente, perché se ancora oggi la gente dubita che i Beatles fossero xenofobi in incognito, immaginate lo scandalo che avrebbe causato all’epoca. Come dice il proverbio, l’ironia non funziona alla radio. E non avevano bisogno di dimostrare che potevano registrare canzoni volgari con uno spirito da hooligan (dopo tutto, avevano già pubblicato “Helter Skelter”).

Ma la verità è che, dopo quei giochi iniziali, il divertimento è durato poco. Per la maggior parte dei giorni di prova si poteva vedere che la vecchia chimica dal vivo era scomparsa dopo diversi anni di non essere sul palco insieme. Inoltre, le tensioni e i cattivi sentimenti riapparvero presto. Ricomparve anche Yoko Ono, che non riusciva a staccarsi da Lennon nemmeno con l’acqua calda; per il resto, erano entrambi dipendenti dall’eroina.

Le prove si svolgevano in un’atmosfera di caotica pigrizia. I litigi erano frequenti e il suono non era buono. Il solitamente pacifico George Harrison, stufo delle lotte di ego tra Lennon e McCartney, minacciava costantemente di lasciare il gruppo e quasi lo fece quando uscì dalle prove, per non tornare in principio. Le cose erano così disgregate che John Lennon, tutto sensibile come al solito, propose di ingaggiare Eric Clapton al suo posto (alla fine riuscirono a convincere Harrison a tornare).

Mentre questo genere di cose accadeva, Ringo Starr guardava con un’espressione scettica. Tutto questo potrebbe essere visto in seguito nell’atroce documentario Let It Be, un film fallito che in altre mani avrebbe potuto essere uno dei documentari definitivi del XX secolo, ma finì per essere un’occasione mancata. Eppure, anche se non è all’altezza di ciò che avrebbe potuto offrire, il film Let It Be è l’unico modo per avere uno sguardo – convenientemente ritagliato, naturalmente – nelle dinamiche interne della band all’epoca.

E, in verità, il quadro era desolante. Vediamo un Beatles dalla faccia lunga che prova torvamente alcune nuove canzoni, e con una faccia migliore – ma non molto meglio – alcune cover dei loro idoli adolescenziali, mentre Yoko Ono assiste con uno sguardo vitreo sul viso e il brillante Billy Preston, con tutta la sua buona volontà e un sorriso inspiegabilmente perenne, cerca dalla sua tastiera di trarre un po’ di divertimento dal fatto indubbiamente eccezionale di essere il quinto Beatle.

Abbiamo scoperto che i Beatles erano fuori forma e non assomigliavano neanche lontanamente alla grande band dal vivo che erano stati anni prima. Tuttavia, hanno riconquistato un po’ della loro vecchia potenza, almeno per un momento, in modo da non deludere nel famoso concerto che hanno dato sul tetto della sede della Apple, imperfetto, ma convincente e a tratti persino magico.

Inutile dire che Preston ha contribuito ad elevare il risultato (quel ragazzo ha fatto una vera magia con la sua tastiera!), ma il modo in cui sono cresciuti dal vivo ti ha quasi fatto dimenticare quale calvario era diventata la registrazione di quelle stesse canzoni:


Così, anche prima che il mondo vedesse questo documentario, era chiaro ai Beatles che l’esperimento di tornare alle loro radici non aveva funzionato. Cioè, diverse canzoni uscirono da quelle sessioni con una vocazione classica, ovviamente, perché erano i Beatles, la loro epoca più gloriosa era ancora molto vicina (così vicina che dall’esterno era impossibile dire che era già finita) e la loro apoteosi di creatività non si era ancora spenta.

Ma quello che McCartney aveva intenzione di ottenere, una resurrezione dello spirito originale della band, non è mai successo. Non erano pronti per un tour, né avevano troppa voglia di tornare sul palco insieme dopo quelle prove e registrazioni infernali dove il suono era stato pessimo e l’atmosfera ancora peggiore.

L’album risultante fu abortito e non vide quasi mai la luce del giorno. Per quanto riguarda il documentario, non è mai stato mostrato in televisione. In seguito uscì al cinema, quando la separazione fu inevitabile, anche se ancora oggi mi chiedo come abbiano permesso che vedesse la luce del giorno; suppongo che semplicemente non gliene fregasse niente e che pensassero a fare qualche soldo in più.

Perché, con l’eccezione del concerto sul tetto, il resto del film mostra una band esausta e in cattive condizioni che diventa imbarazzante in alcune sequenze.

Quello fu il primo momento in cui i Beatles avrebbero potuto smettere. E penso che l’avrebbero fatto se il risultato delle sessioni di Let It Be non li avesse spaventati, specialmente Lennon, che lo descrisse come “un pezzo di merda registrato male”. Di nuovo, le canzoni erano buone, ma non soddisfacevano gli standard sonori che si erano prefissati di mantenere. Nel frattempo, decisero di tornare dal loro vecchio produttore George Martin e registrare un altro album che, questa volta, sarebbe stato un addio decente.

Questo è stato ciò che ha mostrato la buona percezione musicale che hanno dimostrato, più ad un livello di popolarità e prestigio che tende ad offuscare la mente di quasi tutti i musicisti di successo. George Martin li capì e diede loro un suono perfetto; così perfetto, infatti, che alcuni critici liquidarono l’album come troppo artificiale. Ma ehi, su Abbey Road i Beatles ancora una volta hanno consegnato canzoni di prima qualità. Ce n’erano diversi mezzi, ma li hanno messi insieme in un medley… e anche questo ha funzionato benissimo. L’album mostrò anche che come cantautori non avevano perso tutta la loro ispirazione, tutt’altro.

Lennon tendeva più verso un rock blues un po’ più scuro, e McCartney si stava muovendo verso il rock progressivo, il che significava che i Beatles si stavano allontanando dal formato più morbido (tranne “Because” di Lennon). Ma parlando di morbidezza, George Harrison prese il sopravvento nella composizione di melodie immortali e sorprese il mondo con “Here Comes The Sun” e soprattutto con “Something”, che dopo la sua uscita fu presto considerata una delle grandi canzoni del XX secolo (artisti come Elvis Presley e Frank Sinatra la aggiunsero presto ai loro rispettivi repertori). Abbey Road, l’ultimo album registrato dai Beatles, fu pubblicato nel settembre 1969.

Fu un enorme successo, come qualsiasi cosa avessero mai fatto, ma soprattutto fu un addio potente che si adattava a tutti e quattro i membri del gruppo. Anche se nessuno di loro aveva fatto il passo di andarsene, a parte lo spintone di Harrison, potevano vedere che la rottura era solo una questione di tempo. Naturalmente è un album meraviglioso, ma leggendo tra le righe è chiaro che i Beatles non erano pronti per altro.

Da un lato, c’è il fatto che hanno usato, anche se molto bene, frammenti di canzoni incompiute, il che era un chiaro segno che non avevano intenzione di salvarle per un altro album perché non ci sarebbe stato un altro album. D’altra parte, come ho detto, i critici dell’epoca non mancarono di notare che fu molto prodotto per emulare la sensazione che i Beatles fossero ancora una volta impeccabili suonando insieme.

E c’era qualcosa di questo, perché proprio quello che stavano cercando di evitare era il risultato irregolare del loro album precedente, che avevano considerato un fallimento.

Naturalmente, l’album precedente, quello che era nato con il titolo Get Back, non era ancora morto. Le canzoni non erano male, ma non potevano ottenere un album che consideravano pubblicabile.

La band si era riunita per ri-registrare alcune di quelle canzoni, cercando di trovare il giusto equilibrio, ma non erano ancora convinti che il risultato valesse lo sforzo. Di conseguenza, il disinteresse stava crescendo. John Lennon non era nemmeno in studio quando tornarono a lavorare su “I Me Mine” di Harrison. La band stava cessando di esistere e i suoi membri sembravano ora più occupati con le loro rispettive registrazioni soliste.

L’ultimo tentativo di salvare il disco perduto fu quello di consegnarlo al leggendario produttore Phil Spector per trasformarlo in qualcosa di commerciabile. Questo fu senza dubbio l’iniziativa di Lennon, che lo ammirava molto; infatti lo aveva assunto come produttore di uno dei suoi primi singoli da solista, “Instant Karma”, che presentava il famoso “wall of sound” di Spector simile a una cattedrale. Quella canzone di Lennon era stata il risultato di un processo simile a quello che i Beatles avevano tentato senza successo. Cioè, Lennon l’aveva scritto e registrato in un solo giorno, per poi farlo uscire meno di due settimane dopo. Era la semplicità di base e la crudezza della registrazione (una versione non prodotta, che ricorda il suono delle prove nel documentario Let It Be, può essere ascoltata oggi) unita al trattamento magniloquente di Spector.

L’idea, suppongo, era di ottenere qualcosa di simile per l’album abortito. Comunque, a nessuno di loro importava più molto. Intendiamoci, quando Phil Spector presentò loro il risultato, le canzoni erano coperte da strati e strati di orchestrazione, cosa che fece inorridire McCartney – e lui era il più orchestrale dei Beatles nella sua visione musicale – ma che Lennon approvò come modo di salvare il materiale.

In ogni caso, i Beatles avevano già cessato di esistere, come annunciò McCartney, poco prima che il penultimo album che avevano registrato fosse pubblicato come loro ultimo album ufficiale, Let It Be. Poco dopo uscì il documentario che, nonostante la sua triste qualità cinematografica, permise al pubblico di capire perché i Beatles avevano cessato di esistere.

Così Let It Be è stato registrato con riluttanza, pubblicato nel momento sbagliato e senza alcun interesse da parte dei suoi autori, e Abbey Road era stato uno sforzo disperato per completare una carriera decente, anche se facendo un lavoro giusto.

Ma la domanda rimane: e se? Dopo tutto, sia McCartney che Lennon scrissero alcune grandi canzoni negli anni immediatamente successivi allo scioglimento dei Beatles, e Harrison, senza raggiungere lo stesso livello, stava ancora scrivendo roba più che rispettabile. Il problema non era che la loro ispirazione cantautorale era scomparsa, ma che non bastava scrivere una manciata di canzoni e registrarle per avere un altro album dei Beatles. Almeno un album degno della loro eredità.

Gran parte della magia del gruppo era stata che, sebbene contribuissero alle canzoni separatamente, ci avevano lavorato insieme. Gli arrangiamenti proposti dai quattro, e da George Martin, avevano elevato quasi ogni canzone al di sopra di ciò che avrebbero ottenuto separatamente. Inoltre, la competizione per eccellere all’interno del gruppo, in un momento in cui i tre cantautori della band erano nel fiore degli anni, li aveva spinti a fare del loro meglio. Ma quel bisogno di competere in un ambiente di creatività condivisa si era spento.

Non avevano voglia di lavorare insieme. In altri gruppi, la composizione musicale è di solito il compito di un solo membro, o di un membro che domina chiaramente sugli altri. Negli Who, nessuno si lamentava quando Pete Townshend inventava una canzone, perché gli album della band erano fondamentalmente la loro musica più qualche input extra. Nei Kinks era Ray Davies a fornire il materiale, come John Fogerty nei Creedence Clearwater Revival. Nei Rolling Stones c’è l’accoppiata Jagger-Richards perché Jagger scrive i testi, ma tutti sappiamo che la maggior parte della loro migliore musica è stata scritta da Keith Richards da solo.

Nei Beatles, tuttavia, c’erano due titani della canzone d’autore e un terzo cantautore abbastanza bravo da aver guidato un proprio gruppo. Le loro rispettive visioni erano destinate a scontrarsi, e si scontrarono.

Quando Lennon fu ucciso nel 1980, i vecchi attriti stavano appena cominciando ad essere risolti e certamente sembravano lontani anche solo dal considerare l’idea di riunire i Beatles per un altro album. Infatti, se non si fossero divisi, penso che avremmo visto una serie di album mediocri con le loro perle occasionali, dove avrebbero solo contribuito con alcune canzoni (tenendo le migliori per i loro rispettivi album da solisti) e lasciato che il resto del lavoro fosse fatto da un produttore per conto proprio, stile Let It Be.

Ma naturalmente senza le canzoni di Let It Be. Trovo difficile credere che in tali circostanze non avremmo dovuto ignorare molti album dei Beatles, o dare loro lodi tiepide più per etichetta che per convinzione, come facciamo ogni volta che gli Stones pubblicano nuovo materiale in studio.

La musica rock ha appena decenni, e in effetti molti dei suoi pionieri sono ancora vivi (Fats Domino, Chuck Berry, Little Richard, tutti in ginocchio davanti a loro!) ma è stata una vita abbastanza lunga e intensa in termini di uscite che ora sappiamo che il periodo magico per molti dei suoi artisti è breve.

Questo non significa che non possano pubblicare buoni album in qualsiasi momento della loro vita, ma, onestamente, quando esamino mentalmente la discografia dei miei preferiti, quasi tutti i loro capolavori tendono a concentrarsi in un periodo che raramente supera il decennio. E ancora di più se si tratta di un gruppo, con l’aggiunta della difficoltà di doversi confrontare internamente.

Beh, i Beatles hanno avuto il loro decennio e non riesco a pensare a nessun modo in cui avrebbero potuto prolungare la loro magia in studio. Erano una macchina che aveva finito il carburante e la cui struttura si stava sgretolando. Così la loro fine, arrivata appena in tempo per il rotto della cuffia, abbellisce la loro leggenda.

E questa è una delle tante cose belle di quell’entità senza pari. Sai, anche il miglior film può essere rovinato con mezz’ora di tempo. Quindi, come si addice ai Beatles che i Beatles hanno cessato di esistere nel 1970.

Questo li ha resi immortali.

Emilio de Gorgot

Fonte: jotdown.es

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code