toba60

Il Covid è Servito Unicamente ad uno Scopo, Creare un Mondo Votato alla Povertà Globale

Il pianeta ha barattato la sua vita in cambio della schiavitù, ora non gli resta che godere del frutto della sue azioni, se lo ha fatto in buona fede o per una deliberata scelta votata al suicidio non sta a noi giudicare, tutto era stato annunciato e programmato posto nero su bianco, nessuno ha voluto credere a quello che veniva annunciato.

Ognuno con il suo cellulare, la gita in riva al mare o in montagna, o alla mercé di un lavoro mal retribuito dato a credere tutti che fosse un privilegio concesso loro da Dio per stare sulla terra.

Godetevi il Covid e tenetevelo ben stretto, non lasciatevelo scappare, è in concreto la sola cosa che ora in questo istante può distrarvi dalle reali preoccupazioni che vi attendono da questo preciso momento.

Toba60

Ricchi e Poveri

La crisi ha aumentato drammaticamente le disuguaglianze.

Disuguaglianza tra famiglie.

Disuguaglianza tra paesi.

E la spiegazione per i paesi è ancora più semplice di quella per le famiglie.

IL MONDO…

…è, ancora una volta, spaccato in due in questa uscita dalla crisi sanitaria.

Le grandi potenze economiche.

I paesi emergenti più svantaggiati.

E la Banca Mondiale ha lanciato l’allarme sulla situazione economica dei paesi emergenti più poveri.

Una situazione che continuerà a peggiorare.

PERCHE’?

Perché il divario tra i paesi è aumentato così tanto?

È abbastanza semplice.

Capirete tutto.

Da un lato, ci sono paesi o zone economiche che possono stampare denaro gratis senza limiti.

E dall’altra parte, quelli che non possono.

L’ABBIAMO VISTO

In diverse occasioni.

È stato il denaro magico delle banche centrali che ha aiutato a compensare l’impatto della crisi, con un assegno in bianco per i governi delle grandi potenze per aiutare famiglie e imprese.

Le banche centrali delle grandi potenze sono state in grado di creare, e continuano a creare, quantità illimitate di denaro magico.

Finanza Criminale
Le tecnologie segrete e il sapere occulto dell’élite che domina il mondo
Voto medio su 1 recensioni: Buono
€ 14,90

I PAESI PIÙ FRAGILI…

…non può.

Per due semplici ragioni.

Appena stampano denaro, l’inflazione va fuori controllo.

Ben al di sopra dei livelli d’inflazione già alti delle grandi potenze.

E non appena stampano denaro, la fiducia nella moneta crolla e i prezzi della moneta crollano.

Questo amplifica la scivolata inflazionistica.

Un circolo vizioso che le grandi banche centrali non sperimentano.

CIRCOLO VIZIOSO

Di fronte a un’inflazione esplosiva e a una moneta che crolla, questi paesi devono alzare rapidamente e bruscamente i loro tassi d’interesse, il che provoca ovviamente un rallentamento della crescita economica.

Il circolo vizioso continua.

L’esempio della Turchia è stato molto suggestivo.

L’inflazione è salita, la sterlina è crollata.

La banca centrale, sotto la pressione del governo, rifiuta di aumentare i tassi e la situazione economica accelera il suo deterioramento.

SOLO…

…i paesi emergenti produttori di materie prime stanno andando bene.

Non tutti, naturalmente, ma la loro situazione è più confortevole a causa dell’esplosione dei prezzi delle materie prime e quindi dei guadagni in valuta estera.

Gli altri devono indebitarsi, con un debito che non potranno mai ripagare.

Questo è un vero e proprio divario.

IL MURO DEL DEBITO

I paesi emergenti, e in particolare i paesi più poveri, hanno dovuto fare quello che hanno fatto i paesi sviluppati: rilanciare le loro economie aumentando il deficit pubblico finanziato dal debito.

C’è una grande differenza che cambia tutto.

Tutti i paesi del mondo, sviluppati ed emergenti, hanno dovuto prendere in prestito massicciamente per cercare di compensare parzialmente o totalmente gli effetti della crisi.

Secondo la Banca Mondiale, i paesi emergenti più svantaggiati hanno dovuto prendere in prestito più di 300 miliardi di dollari nel 2020 e più di 300 miliardi nel 2021.

Questo è un aumento di quasi il 40% rispetto alle cifre pre-crisi.

Ed è più del doppio rispetto a cinque anni fa.

CONSEGUENZA

Dovremo ripagare.

A partire da quest’anno, i 74 paesi più poveri dovranno restituire 35 miliardi di dollari.

Che non hanno.

E non lo capiranno.

Non hanno la capacità di ripagare.

QUINDI DOVRANNO

O ri-mutuo, ma questo sta diventando sempre più difficile e costoso.

O negoziare con i loro creditori per ottenere una rinegoziazione del debito.

Oppure fare default e rinegoziare il loro debito nel tentativo di ridurlo.

TUTTI I PAESI…

…hanno visto i loro debiti esplodere a causa della pandemia.

Anche gli Stati Uniti, anche l’Eurozona o la Cina o la Gran Bretagna.

Ma qui finisce la somiglianza delle situazioni.

Tecnoschiavi
Controllo totalitario: comprenderne il meccanismo per restare liberi
€ 18,60

CAPIRETE

Ci sono due differenze fondamentali.

Quando gli Stati Uniti o i paesi della zona euro prendono in prestito, lo fanno nella loro valuta, il dollaro o l’euro.

Quando i paesi emergenti prendono in prestito, di solito è in dollari, non nella loro valuta locale.

Questa è la prima differenza, e vedremo l’impatto decisivo di questa differenza.

SECONDA DIFFERENZA

Quando gli Stati Uniti o i paesi della zona euro prendono in prestito, sono, da anni e ancora di più dopo la crisi sanitaria, le loro stesse banche centrali che prestano loro (in)direttamente.

Quando i paesi emergenti prendono in prestito, sono i mercati finanziari e quindi i grandi mutuatari internazionali che prestano a loro, non le loro banche centrali, che non hanno i mezzi per prestare, tanto meno in dollari o euro.

ED È QUI CHE…

…dove sta il problema.

I paesi emergenti più poveri, di fronte alla crisi, vedono i loro tassi di cambio cadere bruscamente, una caduta amplificata dall’esplosione dell’inflazione.

Devono rimborsare un prestito in dollari mentre le loro valute scendono.

Questo è il primo grande problema che i paesi sviluppati non hanno.

SECONDO PROBLEMA PRINCIPALE

Nel caso dei paesi emergenti, i creditori non hanno motivo di fare regali.

Hanno prestato denaro, quindi vogliono essere ripagati.

Per i paesi sviluppati, il creditore è la banca centrale, che è essa stessa un’emanazione diretta del paese.

È difficile per la FED costringere il governo degli Stati Uniti a rimborsare il suo debito, ed è difficile per la BCE chiedere il rimborso delle enormi quantità di debito che detiene sui paesi della zona euro.

È UNA COSA SERIA, DOTTORE?

Sì.

Sì, un po’.

Grave, soprattutto per i paesi emergenti interessati, che dovranno sopportare la pressione dei creditori che hanno sovraccaricato.

Meno grave per il sistema finanziario nel suo complesso a causa della quantità di denaro in circolazione e quindi la quota relativamente piccola dei prestiti dei paesi emergenti in relazione al debito mondiale.

In pratica, ancora una volta, è un loro problema e non nostro…


MARC FIORENTINO

Fonte: leblogalupus.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code