toba60

Il Problema non è la Propaganda ma il Controllo su Ciò che Pensiamo

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Oggi vi e’ un bel discutere di propaganda, di Fake News, o di Manipolazione Mediatica, ma ci dimentica del principale interlocutore a cui tutti questi messaggi vengono posti. (Siamo Noi)

Pubblicitá Mediset Ha ragione non la beviamo…….il bicchiere è Vuoto se lo sono già bevuto loro!

Se per esempio un certo numero di persone assiste a dei programmi demenziali come quelli di Bruno Vespa, Lilli Gruber o di Nicola Porro per non parlare di Fabio Fazio con la Soubrette al seguito (Non ho menzionato gli altri che ultimamente sono moltiplicati come conigli) non e’ che si possano imputare le masse di essere state ingannate. (Significa lavarsi le mani)

Mediaset, Sky o la Rai per esempio, sono strumenti mediatici creati appositamente per manipolare le persone e lo fanno egregiamente, la gente ci casca e l’esito scandisce tutte le problematiche poste in essere nella società odierna in cui viviamo.

Se tu mi offri una mela e a me questa non piace non la mangio e dirotto la mia scelta su una banana o qualcos’altro, sono io che decido assecondando i miei gusti personali, se nonostante tutto prendo la decisione di mangiarla, lo posso fare perché ho fame e non ho altra scelta al momento o perché cosi facendo condivido il frutto con le persone a me vicine e per una questione ”diplomatica” faccio un piccolo sforzo.

Come vedete, le decisioni non sono mai strettamente legate alla nostra autentica natura, ma sono sempre vincolate a delle variabili che poi sanciscono la scelta definitiva (Nessuno ci obbliga a mangiarla)

La propaganda in sé, non e’ altro che un bel frutto succoso dove tutti vi possono accedere, se assecondi il serpente che te la offre sei fregato, se invece preferisci passare una notte con Eva…..sei fregato lo stesso …..ma sai che soddisfazione?

Morale?………

le gioie quotidiane bisogna sempre coglierle al volo ma mai accettarle incondizionatamente dal primo che capita, spesso vuole qualcosa in cambio….la tua vita, nel bene e nel male.

Toba60

P.S.

Faccio Notare che il testo e’ stato scritto 18 anni fa e ……..la masse continuano a cascarci come fosse ieri 🙂 L’establishment ha container di mele sempre pronte a disposizione di intere nazioni che vivono nella perenne attesa di qualche banana !

Armi dell’inganno di massa

Quando ho visitato la Russia per la prima volta, nel 1986, ho fatto amicizia con un musicista il cui padre era stato il medico personale di Brezhnev.

Un giorno stavamo parlando della vita durante il ‘periodo di stagnazione’ – l’era Brezhnev. Deve essere stato strano essere così completamente immersi nella propaganda”, ho detto.

Ah, ma c’è una differenza. Sapevamo che era propaganda”, rispose Sacha.

Questa è la differenza. La propaganda russa era così ovvia che la maggior parte dei russi era in grado di ignorarla. Davano per scontato che il governo operasse nel proprio interesse e che qualsiasi messaggio proveniente da esso fosse probabilmente distorto e lo ignoravano.
Pubblicità

In Occidente la manipolazione calcolata dell’opinione pubblica per servire interessi politici e ideologici è molto più nascosta e quindi molto più efficace. Il suo più grande trionfo è che generalmente non lo notiamo – o ridiamo dell’idea che esista. Guardiamo il processo democratico che ha luogo – dibattiti accesi in cui sentiamo di poter avere voce in capitolo – e pensiamo che, poiché abbiamo media “liberi”, sarebbe difficile per il governo farla franca con qualcosa di molto subdolo senza che qualcuno lo chiami.

Ci vuole qualcosa di così drammatico come l’invasione dell’Iraq per farci guardare un po’ più da vicino e chiederci: “Come siamo arrivati a questo punto?Come è successo esattamente che, in un mondo di Aids, riscaldamento globale, più di 30 guerre attive, diverse carestie, clonazione, ingegneria genetica, e due miliardi di persone in povertà, praticamente l’unica cosa di cui abbiamo parlato per un anno è stato l’Iraq e Saddam Hussein? Era davvero un problema così grande? O siamo stati in qualche modo manipolati a credere che la questione dell’Iraq fosse importante e dovesse essere risolta subito – anche se pochi mesi prima pochi ne avevano parlato, e nulla era cambiato nel frattempo.

Sulla scia degli eventi dell’11 settembre 2001, sembra ora chiaro che lo shock degli attacchi è stato sfruttato in America. Secondo Sheldon Rampton e John Stauber nel loro nuovo libro Weapons of Mass Deception (Armi dell’inganno di massa), è stato usato per creare uno stato di emergenza che giustificasse l’invasione dell’Iraq. Rampton e Stauber espongono come le notizie sono state fabbricate e fatte sembrare reali.

Ma dimostrano anche come una coalizione di volenterosi – funzionari di estrema destra, think-tank neo-con, commentatori dei media follemente pugilistici e naturalmente società di PR ben pagate abbiano lavorato insieme per mettere a segno un pezzo sensazionale di disonestà intellettuale. Il loro è uno studio della propaganda moderna.

Quello che mi viene in mente leggendo il loro libro è che il nuovo approccio americano al controllo sociale è così sofisticato e pervasivo che merita davvero un nuovo nome. Non è più solo propaganda, è “prop-agenda”. Non è tanto il controllo di ciò che pensiamo, ma il controllo di ciò che pensiamo.

Quando i nostri governi vogliono venderci una linea d’azione, lo fanno assicurandosi che sia l’unica cosa all’ordine del giorno, l’unica cosa di cui tutti parlano. E precaricano la discussione che ne consegue con immagini altamente selezionate, linguaggio subdolo e pregiudizievole, collegamenti dubbi, “intelligence” deboli o false e “fughe di notizie” selezionate. (Cos’altro può essere il battibecco tra la BBC e Alastair Campbell se non un primo esempio di questo?)

Con il terreno così preparato, i governi sono felici se poi si “usa il processo democratico” per essere d’accordo o meno – perché, dopo tutto, la loro intenzione è quella di mobilitare abbastanza titoli e conversazioni per far sembrare il tutto reale e urgente. Più emotivo è il dibattito, meglio è. L’emozione crea la realtà, la realtà richiede azione.

Un esempio di questo processo è quello evidenziato da Rampton e Stauber che, più di ogni altro, ha consolidato l’approvazione pubblica e congressuale per la guerra del Golfo del 1991. Ricordiamo le storie orribili, ripetute incessantemente, di bambini negli ospedali del Kuwait strappati dalle loro incubatrici e lasciati a morire mentre gli iracheni rispedivano le incubatrici a Baghdad – 312 bambini, ci hanno detto.

La storia fu portata all’attenzione del pubblico da Nayirah, una “infermiera” di 15 anni che, si scoprì più tardi, era la figlia dell’ambasciatore del Kuwait negli Stati Uniti e un membro della famiglia reale del Kuwait. Nayirah era stata istruita e provata dall’agenzia di PR Hill & Knowlton (che a sua volta ricevette 14 milioni di dollari dal governo americano per il suo lavoro di promozione della guerra).

La sua storia è stata completamente screditata nel giro di poche settimane, ma a quel punto il suo scopo era stato raggiunto: aveva creato una mentalità indignata ed emotiva in America che ha sopraffatto la discussione razionale.

Come stiamo vedendo ora, la più recente guerra del Golfo ha comportato molti inganni simili: falsi collegamenti tra Saddam, al-Qaeda e l’11 settembre, storie di armi pronte al lancio che non esistevano, di programmi nucleari mai intrapresi. Come mostrano Rampton e Stauber, molte di queste affermazioni sono state screditate mentre venivano fatte, non ultimo da questo giornale, ma tuttavia sono state ripetute.

Durante tutto questo, le società di PR erano impegnate a precondizionare il paesaggio emotivo. I loro talenti di marketing erano particolarmente utili nella manipolazione su larga scala del linguaggio che la campagna comportava. I Bushiti si sono resi conto, come tutti gli ideologi, che le parole creano realtà e che le parole giuste possono sopraffare qualsiasi possibilità di discussione equilibrata.

Guidati dalla visione apertamente imperiale del Progetto per un Nuovo Secolo Americano (i cui membri ora formano il nucleo dell’amministrazione americana), le società di PR hanno aiutato a perfezionare il linguaggio per creare un’atmosfera di panico in ebollizione dove l’imperialismo americano sarebbe arrivato a sembrare non solo accettabile ma giusto, ovvio, inevitabile e persino in qualche modo gentile.

Oltre alle incessanti ‘armi di distruzione di massa’, c’erano il ‘cambio di regime’ (invasione militare), la ‘difesa preventiva’ (attaccare un paese che non ti sta attaccando), le ‘regioni critiche’ (paesi che vogliamo controllare), l”asse del male’ (paesi che vogliamo attaccare), ‘shock and awe’ (obliterazione di massa) e ‘la guerra al terrorismo’ (una scusa per proiettare la forza militare americana ovunque).

Nel frattempo, agli impiegati federali e al personale militare degli Stati Uniti veniva detto di riferirsi all’invasione come “una guerra di liberazione” e ai paramilitari iracheni come “squadroni della morte”, mentre i network televisivi americani, affidabili e sicofanti, parlavano di “Operazione Iraqi Freedom” – proprio come il Pentagono chiedeva loro di fare – consolidando così la supposizione che la libertà irachena fosse lo scopo della guerra. Chiunque mettesse in discussione l’invasione era “morbido con il terrore” (liberale) o, nel caso dell’ONU, “in pericolo di perdere la sua importanza”.

Quando ero giovane, un eccentrico zio decise di insegnarmi a mentire. Non, mi spiegò, perché voleva che mentissi, ma perché pensava che dovessi sapere come si fa, così avrei riconosciuto quando mi stavano mentendo. Spero che scrittori come Rampton e Stauber e altri possano avere lo stesso effetto e contribuire ad evirare la cultura dello spin e della dissimulazione che sta prendendo il sopravvento sulle nostre istituzioni politiche.

Brian Eno ”2003”

Fonte: theguardian.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code