toba60

Isola di ''Samos'' Grecia Il Lagher Dimenticato

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Prima di scrivere e pubblicare questo articolo di Chris Jons ho provato un gran senso di rabbia e di vergogna, le immagini sono reali e non pensate che sia un prodotto della fantasia degli orrori.

Isola di ”Samos” Un Tempo Meta del Jet Set

In Italia si parla in questo momento del MES, i 25000 immigrati che ogni settimana sbarcano in italia sono passati nel dimenticatoio (per la Cronaca sono 25000 disoccupati in piu’) cosi’ come il Mose di Venezia, il Ponte Morandi, la Tav, il Terremoto a L’Aquila quello ad Amatrice per non parlare di Bibbiano, ci mancavano solo che venissero Fuori le Sardine per dare un significato al delirio collettivo che da corpo alla tragedia umana.

Entro nel deep web e accedo casualmente ad un canale dove si possono visualizzare bambini seviziati in diretta streaming, per il piacere di una platea che paga per dare continuità’ allo spettacolo, ci sono società’ private in Nord e Sud America che su commissione uccidono chi vuoi, alla modica cifra di 60.000 dollari, politici esclusi, le armi in rete sono a prezzi Black Freeday, ne compri 3 e ne paghi due, ti garantiscono la privacy e il rimborso in caso di mancato recapito, la morte in diretta di bambini, si commissiona ad una certa ora per poterla vedere, previo pagamento di un importo tutto da definire, droga a fiumi e pagamenti globali con Bit Coin, la moneta dei colletti bianchi e neri che sono virtuali e allo stesso tempo invisibili.

Isola di ”Samos” Prima

In rete si vendono armi, schiavi, ci comperano politici, magistrati, capi di stato, soldi, soldi, tanti soldi, e’ la molla che uccide ogni giorno milioni di persone, non c’è’ più’ la privacy nemmeno per loro e’ tutto allo scoperto, nulla e’ più’ segreto e nulla e’ più‘ possibile oscurare.

La morte la paura, l’odio la violenza l’indifferenza, l’ipocrisia, non ho piu’ parole per definire l’apoteosi del degrado umano in atto, sono 28 anni ora. che affondo nella rete, dire navigare e’ un eufemismo, immerso nel web finisci per non distinguere più’ la realtà’ dalla fantasia, poi apri gli occhi e subito la tentazione e’ di tornare nell’oblio.

Non sono bastati 53 milioni di morti nella seconda guerra mondiale, non si e’ imparato nulla, si e’ sempre cercato un capro espiatorio nei famigerati gerarchi criminali, ma senza il supporto del droghiere della massaia dell’impiegato dell’operaio o del meccanico, nessuno avrebbe potuto fare alcunché’.

In Italia in questo momento abbiamo a capo del governo un Gelataio e un Azzeccagarbugli e si sta a discutere del nulla, perché’ di nulla stiamo parlando, il Fenomeno e’ Mondiale nessuno sfugge al degrado, per il sistema e’ più’ pericoloso un commento politico su un social, quando a portata di click si accede allo sterminio collettivo di milioni di persone, che sia per opera di un rito Massonico Satanico, di un Drone di un Cruise, o di una manovra Finanziaria Speculativa, come se non bastassero le 2000 persone a cui ogni giorno, nella sola Italia, viene diagnosticato un tumore.

E fermatevi un attimo per piacere, solo un attimo, spegnete quello stramaledetto cellulare e chiudete quel diavolo di televisore, fate mente locale della realtà’, uscite dalla Matrix e date finalmente un significato all’unica vita che vi e’ concesso di vivere in questa dimensione.

Toba60

Il lagher dimenticato

Negli ultimi mesi mi è stato chiesto da vari gruppi e individui di fornire un aggiornamento sulla situazione dei rifugiati a Samos.

Fino ad ora non ho risposto a queste richieste per la semplice ragione che non ho nulla di nuovo da aggiungere ai precedenti articoli del blog. Per quanto riguarda i rifugiati qui è sempre la stessa vecchia merda.

Isola di ”Samos” Oggi

Naturalmente nel corso del tempo si sono verificati cambiamenti, tra i quali il più importante è il patto UE / Turchia del 2016. Prima del patto, i rifugiati nel complesso venivano trattenuti per mesi, a volte solo pochi giorni, prima di poter lasciare le isole. Adesso possono essere anni. Ma se è stato solo per pochi giorni o 3 anni, i rifugiati non sono mai stati accolti o abbracciati dalle autorità. Ciò è perpetuamente dimostrato dal design e dalla costruzione penali del campo, dalla sua sistemazione spaventosa, dal suo cibo indicibile, dalla mancanza di strutture mediche di base, da bagni e docce totalmente inadeguati, dal rifiuto di aprire scuole e hotel vuoti per offrire spazi decenti alle persone live, … .. l’elenco continua 1 . È così da così tanto tempo che è quasi normalizzato. E non c’è fine in vista. Tutte le ultime proposte del governo conservatore (Nuova Democrazia) recentemente eletto promettono più repressione e più detenzione. È sempre difficile prevedere in Grecia ciò che sarà effettivamente attuato, ma almeno su Samos il governo sta ora costruendo un nuovo campo situato sul sito di un vecchio macello nel mezzo del nulla che non solo sarà chiuso, ma sarà anche contenere una prigione per detenzione di quelli identificati per la deportazione.

Quindi non c’è semplicemente nulla da aggiornare su questa realtà di base se non per dire che le principali agenzie responsabili sono diventate padrone della coerenza nella riproduzione della merda. La pubblicazione apparentemente infinita di rapporti critici che mettono in luce molti di questi problemi su Samos e altrove non ha fatto una differenza. Acqua dalla schiena di un’anatra.

Nel frattempo i rifugiati continuano ad arrivare. 600 la scorsa settimana, il che fa beffe degli sforzi periodici di “decongestione” del governo di spedire periodicamente carichi di traghetti di rifugiati sulla terraferma. La Turchia ha da tempo riconosciuto che l’enorme numero di rifugiati che vivono in Turchia (oltre 3 milioni) e la consapevolezza che l’UE è disperata nel voler rimanere lì e non trasferirsi in Europa fornisce loro un’arma potente. Attualmente non vi sono dubbi sul fatto che il recente aumento dei rifugiati che arrivano sulle isole di frontiera sia un tentativo del governo turco di costringere l’UE a smettere di molestare la Turchia per le sue esplorazioni di petrolio e gas intorno a Cipro. A tal fine, la Turchia sta rendendo la vita molto difficile ai rifugiati, in particolare a quelli che vivono a Istanbul con espulsioni forzate, soprattutto in Siria e in Afghanistan. Questo è il contesto dell’attuale aumento del numero di persone che cercano di fuggire dalla Turchia. I rifugiati sono poco più che una pedina in questo conflitto usata senza pietà per estrarre concessioni da una parte o dall’altra.

A Samos, come con le altre isole di frontiera, è ormai diventato ampiamente considerato come una “cosa negativa” per i rifugiati che sono detenuti per così tanto tempo sulle isole. Ma almeno su Samos la realtà è più paradossale. Oggi un numero crescente di rifugiati a Samos preferirebbe rimanere qui piuttosto che trasferirsi sulla terraferma. Molti sanno che campi come Nea Kavala, nel nord della Grecia, un ex aeroporto abbandonato, sono molto peggio di Samos. È difficile dimenticare la reazione di David quando arrivò da Samos al campo di Nea Kavala. Shock totale! Mi disse che insieme ai 300 rifugiati che erano stati trasferiti lì da Samos andavano semplicemente in giro per lo stupore di ciò che avevano trovato. Molti volevano tornare a Samos, dove almeno avevano un facile accesso alla città e alle sue strutture e ad alcuni servizi tanto necessari forniti da gruppi di volontari e ONG.

Ma soprattutto, a causa della loro lunga permanenza a Samos, qui hanno creato reti di amici e nella “giungla” che circonda l’Hotspot, hanno costruito rifugi e case, alcuni dei quali sono mozzafiato nel loro comfort. Nessuno nella loro mente giusta contesterebbe che il campo e la giungla circostante siano un buco infernale. Ma è anche molto di più. È anche un luogo di case e di persone (tra cui migliaia di bambini) che fanno una vita. Ignorarlo come molti fanno porta a un errore fondamentale nel non riconoscere l’entità del benessere dei rifugiati che ricade sulle loro spalle e sulla loro umanità. Questa settimana Younis, un giovane palestinese di Gaza, mi stava raccontando quanto mi piaceva visitare i suoi amici nella giungla e trascorrere la serata ridendo e mangiando seduti attorno a un fuoco aperto. In alcune parti della giungla i rifugiati stanno sviluppando gruppi di circa 10 rifugi con ogni gruppo con la propria doccia e servizi igienici!

La scorsa settimana oltre 600 nuovi rifugiati sono arrivati ​​a Samos. Incluso in quel numero c’era Giunone dal Congo, che viaggiava da solo. Una volta terminato il trattamento iniziale, lui e gli altri nella sua barca furono portati al campo. Gli fu detto di trovare un posto dove dormire nella giungla. Non gli fu data nessuna tenda, nessuna coperta e nessun denaro per almeno 2 settimane. Tutto ciò che gli è stato detto è dove gli africani hanno le loro tende. Questa è ora l’esperienza comune per i nuovi arrivati, in particolare uomini e donne single. Le famiglie con bambini di solito vanno meglio. Se non fosse stato per la solidarietà e l’autorganizzazione dei rifugiati, Giunone si sarebbe trovato in pericolo. Pochi giorni dopo il suo arrivo gli piaceva che centinaia di persone trascinassero legno e politene nella giungla dove, a un piccolo costo, aveva fatto costruire il suo rifugio. Nel campo c’è una fiorente attività di costruzione di rifugi!

Quindi eccolo qui. Nonostante la merda e il loro abbandono, la grande maggioranza dei rifugiati, indipendentemente dall’origine, è impegnata in quella elementare attività umana di fare una casa attingendo a qualsiasi materiale che possano permettersi o scappare.

Ma le capacità, i talenti, l’ingegnosità e la straordinaria capacità di resistenza dei rifugiati nel loro insieme non vengono applauditi e neppure notati nella maggior parte dei casi. Sebbene in una trasmissione Open TV alla fine di novembre 2019, il giornalista Zizi Mousios abbia osservato “ciò che sta accadendo a Samos è qualcosa di senza precedenti, siamo partiti da Leros, siamo andati a Kos, qui [su Samos] abbiamo una favela” ( My Samos Blog , 29 novembre 2019).

Dall’autunno abbiamo un nuovo sindaco (Giorgos Stantzos) nella città di Samos. Sta facendo molto rumore sul campo e sui rifugiati. Vuole tutto. “Non è possibile che Samos, che non ha una moschea, accetti un villaggio musulmano” (The Samos Uprising, Ekathimareni , 28 nov 2019). Tra i suoi ultimi annunci ha espresso preoccupazione per l’elevato numero di strutture “non autorizzate” che i rifugiati hanno costruito nella giungla e la creazione di “quartieri” lì. Il fatto che questi rifugi consentano ai rifugiati di sopravvivere è assolutamente ignorato. Il fatto che non seppelliamo corpi ogni settimana è quasi interamente dovuto ai rifugiati. Tra la rabbia, le tensioni e i conflitti che sono sempre presenti realtà della vita dei rifugiati su Samos c’è anche una profonda risorsa di solidarietà e cura che alla fine è molto più significativa.

In netto contrasto con le autorità, i rifugiati sono stati e sono ancora impegnati a prepararsi per le forti piogge invernali iniziate pochi giorni fa. Non posso parlare delle altre isole di frontiera, ma Samos ha un clima monsonico, specialmente a gennaio e febbraio, ma anche prima come adesso, quando può piovere torrenzialmente per giorni alla volta. Per quanto ne sappia, mai negli ultimi 13 anni le autorità hanno fatto qualcosa di significativo per aiutare i rifugiati a superare questa stagione. L’adesione alla dottrina deterrente che evidentemente non riesce a fermare il movimento dei rifugiati, è più forte che mai. Quindi nulla, niente è o dovrebbe essere fatto per migliorare le condizioni e i servizi per i rifugiati, perché così facendo si attrarrebbe ancora di più. E fluendo dalle stesse risorse della dottrina deterrente che dovrebbero e potrebbero essere dirette verso il benessere dei rifugiati, fluiscono con sempre maggiore rapidità nell’indurimento, nella sorveglianza e nella militarizzazione delle frontiere:

L’industria militare e della sicurezza europea attraverso le sue riuscite attività di lobbying è riuscita a definire la migrazione come una minaccia alla sicurezza piuttosto che una sfida umanitaria. Ciò ha attivato un apparentemente illimitato finanziamento pubblico per la militarizzazione dei nostri confini, ma ha impedito le politiche e gli investimenti di cui abbiamo bisogno per rispondere umanamente ai rifugiati e per affrontare le cause profonde della migrazione forzata “.

I dati disponibili mostrano che almeno 900 milioni di euro sono stati spesi per muri di terra e recinzioni, 676,4 milioni di euro per operazioni marittime ( 2006-2017 ) e 999,4 milioni di euro per le sue pareti virtuali (2000-2019) . Inoltre, le società hanno beneficiato del bilancio di 1,7 miliardi di euro del Fondo per le frontiere esterne della Commissione europea (2007-2013) e del Fondo di sicurezza interna per 2,76 miliardi di euro – Frontiere (2014-2020). Nel prossimo ciclo di bilancio dell’UE (2021-2027), la Commissione europea ha stanziato 8,02 miliardi di euro per il suo Fondo integrato di gestione delle frontiere (2021-2027) e 11,27 miliardi di euro per l’agenzia della guardia costiera Frontex . ( TNI , novembre 2019)

Qui a Samos, il tanto acclamato dirigibile Zeppelin è venuto e se ne è andato (nessuna spiegazione data per la sua partenza) ma ora abbiamo più probabilità di vedere pattuglie e navi da guerra dalle nostre spiagge rispetto ai pescherecci; ora dobbiamo negoziare le nostre partenze attraverso porti intensamente sorvegliati con i loro ufficiali in borghese di accompagnamento che si avvicinano a te nella fila per imbarcarsi sul traghetto per chiedere i tuoi documenti, così come la polizia di tartarughe ninja corazzate che strisciano e sopra i camion in cerca fuori quei rifugiati che cercavano di fuggire da Samos. Questo ha un impatto su tutte le nostre vite. Possiamo vedere la crescita del numero di poliziotti nella città di Samos, nonché i loro moderni veicoli paramilitari per le nostre strade e i carichi di pullman della polizia antisommossa seduti giorno dopo giorno sulle strade intorno al campo.

Per i rifugiati questi cambiamenti hanno reso i loro viaggi dalla Turchia a Samos più difficili e pericolosi. Ora è un luogo comune sentire che i rifugiati hanno fatto 5, 6, 7 o più tentativi di attraversamento. Secondo l’Egeean Boat Report tra l’11 e il 17 novembre 2019, “un totale di 164 barche hanno iniziato il loro viaggio verso le isole greche, trasportando un totale di 6097 persone. Tuttavia, 91 barche sono state fermate da TCG / polizia e 2444 persone sono arrivate sulle isole greche. Finora quest’anno 2849 barche sono state fermate dalla Guardia costiera e dalla polizia turche. ”(Vedi questo ). Ma per il momento almeno le motovedette che operano da Samos stanno ancora salvando i rifugiati che sono riusciti a raggiungere le acque greche e li stanno portando sull’isola. Dieci anni fa non era così e le guardie costiere di Samos erano famose per i loro respingimenti.

Questo è ciò che testimonio a Samos, questa piccola isola greca che si trova sulla frontiera dell’Europa. Questo minuscolo punto sulla mappa ha e continua ad essere un gateway in Europa per decine di migliaia di rifugiati. È per la stragrande maggioranza il loro primo assaggio di Europa. E che gusto hanno! Nel corso degli anni, per diventare di nuovo un essere umano “legale”, sono trattati come Merda. Se fossero cavalli o cani, i responsabili del loro trattamento crudele sarebbero trascinati davanti ai tribunali.

Per quanto piccolo, Samos insieme a tutte le isole di frontiera non deve essere ignorato perché questi sono alcuni dei luoghi in cui una terrificante politica di crudeltà ha messo radici e sta prosperando, praticamente senza opposizione. A volte la stampa ricorderà fugacemente a un mondo più vasto di Samos se c’è qualcosa di sensazionale da segnalare, di solito morti in mare. Ma come per i funghi, le politiche, le pratiche e le dottrine che si stanno svolgendo su Samos e altrove lungo la frontiera prosperano meglio nelle tenebre. Questo è come ci si sente.

Ed è scoraggiante che tali crudeltà elementari possano continuare di anno in anno. Le conseguenze, molte ancora in attesa di essere rivelate sia per i rifugiati che per il popolo europeo, saranno sicuramente terribili. Sembrerebbe che altri lo stiano riconoscendo. Il dottor Christos Christou, presidente internazionale, Medici senza frontiere ha appena pubblicato una lettera aperta ai “leader europei”. Di ritorno dalle isole di frontiera greche, scrisse:

La situazione è paragonabile a ciò che vediamo dopo disastri naturali o in zone di guerra in altre parti del mondo. È scandaloso vedere queste condizioni in Europa – un continente apparentemente sicuro – e sapere che sono il risultato di scelte politiche deliberate. (la mia enfasi)

Piuttosto che riconoscere il costo umano del tuo approccio, continui a chiedere una più forte attuazione dell’accordo UE-Turchia. Prendi in considerazione anche misure più brutali, come i piani recentemente annunciati dal governo greco per convertire gli hotspot in centri di detenzione di massa e per accelerare le espulsioni.

Ferma questa follia …

Come MSF, non possiamo accettare questa palese disumanizzazione. Indipendentemente dall’assistenza che forniamo ai nostri pazienti, in seguito dobbiamo rimandarli alle condizioni che li stanno facendo ammalare, condizioni che hai creato deliberatamente. ….

Come medico che rappresenta un’organizzazione umanitaria, sono indignato nel vedere come hai giustificato e normalizzato questa sofferenza, come se fosse un prezzo accettabile da pagare per mantenere quante più persone possibile fuori dall’Europa.

Nessun ragionamento politico può giustificare misure che infliggono deliberatamente e consapevolmente danni – e vi abbiamo ripetutamente avvertito che queste politiche lo fanno. Smetti di ignorarlo, smetti di fingere di no. ” (27 novembre 2019, vedi questo )

L’intero approccio delle autorità responsabili sia in Grecia che nell’UE ha portato alla creazione di una mega impresa con potenti interessi acquisiti che ha molto da guadagnare ed è improbabile che venga spostata. È ingenuo pensare diversamente. Le crescenti mobilitazioni di base in tutto il mondo contro l’annientamento globale sono alimentate dalla comprensione che l’avidità e l’avarizia dei potenti ci porteranno all’estinzione. Ed è gli stessi valori che incorniciano le crudeltà scatenate sui rifugiati. Ogni possibilità di un futuro per l’umanità non risiede nelle cittadelle del potere esistente. È qui che MSF e altre ONG sbagliano, ripetutamente, poiché nessuna delle loro relazioni o dichiarazioni critiche nel corso degli anni ha avuto alcun impatto sul potere e le loro politiche Il cambiamento arriverà solo dal “fondo” e solo quando realizzeremo di più ampiamente che praticamente tutte le principali sfide che l’umanità deve affrontare – distruzione ambientale, guerre, disuguaglianze enormi e povertà e i flussi di persone costretti a muoversi di conseguenza sono profondamente interconnesse. Attingono il loro potere dallo stesso pozzo.

Chris Jones

Fonte: https://www.globalresearch.ca

nota

1. Dalla lista manca qualsiasi menzione della Chiesa greco-ortodossa che ha una massiccia presenza e influenza su Samos e sulla Grecia nel suo insieme. Purtroppo, almeno nei confronti dei rifugiati non ha dimostrato compassione e umanità. Per il mondo cristiano globale deve essere profondamente vergognoso essere associato a un’istituzione così crudele

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code