toba60

La Linea” di Neom La Città dei Morti Laboratorio Vivente in Prospettiva Futura Dopo lo Sterminio della Popolazione

Fate bene attenzione al contenuto del testo che non è una fantasia frutto di una follia estemporanea collettiva di chi si crede Dio.

Mentre le masse si preoccupano dell’energia, del covid e della guerra prodotta con il beneplacito consenso di coloro che predicano la pace, chi di dovere sta procedendo spedito alla fase successiva………

………..e non contempla la presenza di chi si sta dando molto da fare per sopravvivere in questo momento.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

”La linea” di Neom La città dei morti

Il mondo è pieno di domande senza risposta, oltre ogni limite o ragione”.
Lara Croft, Tomb Raider

Il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman (MBS) ha una visione dell’utopia che sorge dal deserto. Si chiama “Neom”. Neom combina la parola greca neos, che significa “nuovo”, con mustaqbal, la parola araba per “futuro”.

La Linea è una città all’interno di Neom. Si tratta letteralmente di una linea nel deserto, lunga 170 chilometri (110 miglia), larga 200 metri (660 piedi) e alta 500 metri (1.600 piedi). Con una stima di 1 milione di abitanti, sarà grande 33 volte New York. Sarà la prima città al mondo senza strade e senza automobili, completamente alimentata da energia sostenibile.

Come si legge sul sito web, Neom sarà un “laboratorio vivente, sede delle menti più brillanti, dedicato alla santità di tutta la vita sulla terra”.

Un laboratorio vivente? Assolutamente sì. La struttura alta come il cielo che permette agli abitanti di guardare la distesa del deserto sarà anche la struttura che li sigillerà e permetterà agli dei di osservarli.

Cosa mi ricorda? Lo so, un formicaio.

L’intelligenza artificiale monitorerà la città e utilizzerà dati predittivi.

I dati predittivi si traducono in analisi predittiva, un ramo dell’analisi avanzata che fa previsioni su eventi, comportamenti e risultati futuri.

Non ci saranno crimini in The Line. Nessuno oserà più gettare una carta sporca per terra, perché le sue azioni saranno immediatamente note a chi controlla la sorveglianza. Infatti, l’analisi dei dati predirà quali cittadini hanno una propensione al littering, o a qualsiasi altro comportamento deviante, prima ancora che questi comportamenti vengano mostrati.

Eric Siegel, ex professore della Columbia University, nel suo libro Predictive Analytics: The Power to Predict Who Will Click, Buy, Lie, or Die:

I dati rappresentano un’inestimabile raccolta di esperienze da cui imparare. Ogni procedura medica, ogni richiesta di credito, ogni post su Facebook, ogni raccomandazione di film, ogni e-mail di spam e ogni acquisto di qualsiasi tipo ogni risultato positivo o negativo, ogni evento o transazione riuscita o fallita viene codificato come dato e immagazzinato. Quando i dati si accumulano, ci troviamo di fronte a una vera e propria corsa all’oro. Ma i dati non sono l’oro: i dati nella loro forma grezza sono noiosi e grezzi. L’oro è ciò che si scopre in essi. Con le nuove conoscenze acquisite, è possibile fare previsioni”.

I rinnegati saranno rapidamente eliminati e sostituiti con altre cavie da laboratorio più malleabili, finché non rimarranno solo i docili. Se The Line fa parte di un grande laboratorio, che tipo di strutture abiteranno i respinti? Senza dubbio altri laboratori da incubo dove si possono condurre esperimenti su questi oggetti sacrificabili.

MBS paragona la Linea alle piramidi. La Linea, promette, sarà la più grande conquista dell’umanità. O, piuttosto, proprio come i faraoni di un tempo, la più grande delle sue conquiste.

Ho visto le Piramidi per la prima volta nel 1967, pochi giorni prima di compiere 11 anni, il 6 giugno, l’inizio della Guerra dei 6 Giorni. Nulla di ciò che ho visto da allora è paragonabile a quelle meraviglie architettoniche, costruite non solo per sfidare i predatori di tombe, ma per sfidare la morte stessa. Eppure, insieme allo stupore, ho provato disgusto.

Proprio come quando guardavo la magnificenza di una cattedrale o di una moschea. Gli uomini avevano costruito queste strutture per glorificare Dio, o almeno così dicevano. Ma in realtà erano state costruite per glorificare se stessi. Ogni pietra rappresentava il sangue, il sudore e le lacrime degli schiavi che non avevano altra scelta se non quella di lavorare per la volontà dei loro padroni. Perché doveva essere così?

Paragonare The Line alle Piramidi sembra perfetto per l’uomo che è stato “giudicato dall’intelligence statunitense come colui che ha approvato il raccapricciante omicidio e lo smembramento di Jamal Khashoggi nel consolato saudita di Istanbul nel 2018″, per non parlare di torture, sparizioni, violenze e discriminazioni contro le donne e traffico di persone.

L’elenco delle violazioni dei diritti umani, secondo il Rapporto 2020 del Dipartimento di Stato americano sulle pratiche dei diritti umani in Arabia Saudita, è molto lungo.

Naturalmente, queste accuse sono ipocrite da parte degli Stati Uniti. Da quando Covid ha preso il controllo delle nostre vite – la più grande offerta di potere nella storia dell’umanità – gli Stati Uniti e le altre nazioni occidentali non cercano più di nascondere la loro lista sempre più lunga di violazioni dei diritti umani.

Sostengono che è per il nostro bene, proprio come facevano un tempo i potenti funzionari della Chiesa e del governo. I contadini non sono in grado di badare a se stessi.

Gli esperti che ora insistono sul fatto che solo loro possono interpretare i testi e che dovremmo fidarci di loro a scapito della nostra intelligenza, non sono diversi dai potenti di un tempo che facevano la stessa identica cosa insistendo sul fatto che solo loro avevano una linea diretta con Dio e che la gente comune doveva fidarsi di loro che “sanno tutto”.

Forse è per questo che The Line può essere presentata come un’utopia e la maggior parte delle persone non vede il problema. La gente è ormai troppo abituata a cedere. Laddove tutti dovrebbero resistere a città come The Line, la psicosi di massa e le ondate di menticidio che ci sono state inflitte negli ultimi anni hanno preparato la maggior parte dei cittadini a entrare in queste enormi prigioni e a chiudersi felicemente le porte alle spalle.

1 milione di anime perdute saranno stipate una sopra l’altra in questo prototipo di Città dei Morti, al servizio dei loro padroni che non le faranno mai uscire da un microscopio.

Ho un profondo legame con lo spirito egiziano, avendo vissuto dall’altra parte del Nilo da quella che un tempo era Tebe, costruita nel 3200 a.C., e che oggi è Luxor. Insieme ai villaggi vicini, la riva occidentale di Luxor è costituita da una vasta rete di templi mortuari e tombe decorate nascoste nelle profondità della montagna di El Qurn.

Questa è nota come la Città dei Morti, conosciuta anche come la Valle dei Re. Mi ha lasciato un’enorme impressione da bambino e sono tornato a viverci da adulto per tre anni. Ho lasciato l’Egitto circa sei mesi dopo la pandemia, un’avventura di cui ho scritto nel mio articolo per Egyptian Streets, Tales of Eclipse: the Lost (Foreign) Women of Luxor.

Luxor, Cisgiordania, guardando attraverso il Nilo la luna sopra il Tempio di Luxor

Durante la pandemia, tutti i turisti sono fuggiti, proprio come avevano fatto quando ero bambino, poco prima della Guerra dei 6 Giorni. Percorrendo in bicicletta le strade vuote dei villaggi e poi il lungo viale che porta alla Valle dei Re, oltre i Colossi di Memnon, mi sembrava di essere tornata ai tempi della mia infanzia.

Come ricordavo bene la nostra famiglia che tirava fuori un materasso sul balcone del Palazzo d’Inverno per sfuggire al caldo e si addormentava al suono dei cani selvatici che ululavano sul Nilo.

Ora, se era vicino al tramonto, i cani selvatici uscivano dal loro nascondiglio e a volte dovevo scacciarli con dei bastoni mentre correvo in bicicletta, con il cuore che mi batteva nel petto. Forse erano davvero ifrit, a guardia delle tombe, chissà. È facile avere questi pensieri tra le tombe dei faraoni.

Gli ifrit sono un tipo di jinn potenti e astuti, creature alate di fumo e fuoco, che infestano le rovine e tormentano e uccidono chi osa mancare loro di rispetto.

Solo poche tombe sono aperte al pubblico. Si dice che ce ne siano molte altre ancora da scoprire. Camminando sulla sabbia della riva occidentale, ho sempre provato un incredibile senso di meraviglia, sapendo che sotto i miei piedi giacevano tesori ancora da scoprire insieme ai corpi putrefatti dei morti che avevano sperato di portare tutto con sé nell’aldilà.

Non è insolito che gli abitanti dei villaggi trovino artefatti sotto la terra delle loro proprietà. Questi abitanti sono i discendenti dei predatori di tombe di un tempo e raramente rivelano alle autorità ciò che trovano, sapendo che se lo facessero sarebbero costretti ad abbandonare le loro case e probabilmente verrebbero risarciti con una miseria per le loro scoperte.

Così, mantengono i loro segreti, proprio come hanno sempre fatto, incanalando le loro scoperte nel mercato nero dei tesori, ancora fiorente.

Sembra che gli dei terreni non imparino mai la lezione. Usano e abusano della gente comune, ma come nel caso degli abitanti di Luxor, di solito è la gente comune ad avere l’ultima risata. I Faraoni si sposavano tra loro, pensando di essere puri e forti, ma in realtà li indebolivano. Spendevano tutte le loro energie per costruire monumenti e riempire le loro tombe di ricchezze, mummificandosi per poter vivere in eterno.

Niente di tutto questo ha funzionato. Nel frattempo, le persone che erano state arruolate per costruire le tombe e decorarle, sfidarono gli dèi, rifiutarono di credere alle storie di paura degli ifriti e depredarono le tombe, diventando più ricche dei faraoni e vivendo più a lungo nel processo.

I Faraoni sono scomparsi da tempo. Ma gli abitanti del villaggio sono rimasti.

Negli anni in cui ho vissuto a Luxor, ho sentito molte storie di magia e di tesori perduti. Gli abitanti del villaggio sono favolosi narratori. Vi assicureranno che credono alle loro storie. Ma è tutta una manipolazione.

Hanno imparato la magia dai migliori, i Faraoni.

È nel loro sangue circondarvi così completamente di fumo e specchi da far scomparire ogni senso della realtà e farvi perdere in un incantesimo. Proprio come le storie che ci vengono raccontate dai nostri dei terreni e dai loro portavoce, i media, è impossibile dire dove finisce la verità e dove inizia la fantasia.

Luxor è un luogo disordinato. È sporca, infestata dalle zanzare e bisogna costantemente districarsi tra le bugie e i tentativi della gente del posto di fregarti fino all’ultimo centesimo. La riva ovest è famosa per questo. È piena di donne straniere anziane che sono venute per una vacanza e non se ne sono più andate, ingannate da uomini locali che le hanno corteggiate con canzoni d’amore, convincendole a cedere persino la loro pensione di vecchiaia.

Queste donne vivono come fantasmi, escono dopo il tramonto quando sorge la luna e infestano i caffè che costeggiano il Nilo.

Quasi tutte le ville che si vedono sulla riva occidentale sono state costruite con i soldi delle donne straniere che vi sono rimaste intrappolate senza più soldi per uscire.

Finiscono sepolte sotto la sabbia del monastero di San Tawdros (El Mohareb), insieme alle ossa di tutte le altre che sognavano l’immortalità e l’hanno persa per l’inganno degli abitanti del villaggio e dell’ifrit.

Per tutto questo, amo Luxor e il caos delle sue strade. La preferisco in ogni momento all’ordine perfetto di The Line. Durante l’isteria di Covid, gli abitanti del villaggio non si sono fatti ingannare nemmeno per un minuto. Nessuno avrebbe indossato una maschera. Nessuno si sarebbe chiuso in casa. La vita continuava come sempre. Anche quando il governo emetteva ordini di questo tipo, pochissime persone li obbedivano.

Serata in Cisgiordania, Luxor

Gli abitanti del villaggio ridevano del coronavirus. Scherzavano sul fatto che erano immuni perché potevano anche bere l’acqua inquinata del Nilo e non ammalarsi mai. I bambini crescono giocando nella sabbia tra i morti, senza prestare attenzione alle mosche che strisciano sui loro corpi. Io ero sempre ricoperto di punture di zanzara, mentre la loro pelle era liscia e intatta.

Sono sicuro che a Neom non ci saranno zanzare. E nemmeno mosche. Quanto sarebbe antigienico e imperfetto! Pensano di poter sconvolgere l’equilibrio di questo pianeta in modo così totale senza conseguenze disastrose?

Promettono di inaugurare una nuova era di Internet dei corpi, in cui umanoidi e intelligenza artificiale si fondono perfettamente in un unico gigantesco organismo. Tutti i dati personali degli abitanti, non solo quelli relativi alla salute, ma anche quelli relativi ai punteggi di credito, se sono religiosi o meno, se sono andati da un terapeuta, cosa hanno mangiato a cena e quanto hanno speso, insomma, tutto e tutti saranno tracciati e memorizzati.

Nessuna parte del loro corpo umano sfuggirà alle sue interferenze. Persino i bagni saranno senza dubbio collegati a Internet e monitoreranno i rifiuti dei cittadini utilizzando la tecnologia dei BioBot per determinare cosa mangiano, quali farmaci assumono e analizzare il loro materiale genetico.

Attraverso la nanobiotecnologia, le strutture cellulari di questi abitanti saranno reingegnerizzate per consentire loro di comunicare con i dispositivi IoB. Mentre il Dio della Bibbia ha dato vita alla vita, gli dei di questo mondo stanno creando il linguaggio della nanobiotecnologia che controllerà ogni singolo umanoide sotto di loro.

Per la prima volta nella nostra storia, gli esseri umani veri e propri si troveranno a un livello inferiore e coloro che hanno “trasceso” l’umanità esisteranno su un piano superiore rispetto al resto di noi. Ma questo non è diverso da come è sempre stato. Divinità terrene come MBS, Jeff Bezos, Klaus Schwab e altri, pensano davvero di potercela fare questa volta, quando anche i Faraoni hanno fallito?

Ho lasciato Luxor in circostanze pericolose, ma tornerei indietro in un secondo, se potessi. E chissà, forse lo farò. In tal caso, mi recherei al The Rest Cafe, proprio di fronte all’imponente monte El Qurn, mi comprerei una birra Stella e ascolterei altre storie di incantesimi. Una di queste storie, che non dimenticherò mai, mi fu raccontata in una notte stellata, quando la luna era piena e i cani ululavano sotto di essa.

L’attuale proprietario di The Rest è un discendente dello sceicco Hussein Abd el Rassuhl, membro della spedizione di Howard Carter che scavò la tomba di Tutankhamon. All’epoca era solo un bambino e fungeva da ragazzo dell’acqua. È stato questo ragazzo che, secondo tutti gli abitanti del villaggio, ha condotto Carter nel posto giusto per scavare la tomba.

Già nel XIII secolo gli abitanti di Abd el Gourna non solo avevano estratto segretamente i tesori dalle tombe e li avevano venduti, ma avevano costruito un intero villaggio nella montagna, abitando anche le tombe stesse. Queste persone vivevano e respiravano i misteri della Città dei Morti. Divennero una dinastia di predatori di tombe.

I più grandi di tutti furono i fratelli Abd el Rasul, Ahmed e Mohammed.

Questi fratelli avevano l’istinto, forse messo in loro dagli stessi dei, di scoprire i segreti nascosti nella montagna. Di notte cercavano gli ingressi delle tombe alla luce delle lampade. Gli antichi egizi lo chiamavano “Hy”, ovvero “Colui che conosce i segreti dell’ubicazione delle tombe”.

Si dice che bevessero una pozione lasciata all’interno delle tombe per i faraoni, per dare loro lunga vita e intuizioni. Per questo motivo le maledizioni che colpirono gli altri non li colpirono mai.

Nel 1871 la vita dei fratelli cambiò per sempre. Una delle loro capre cadde in un buco nella sabbia e scomparve. Maledicendo la perdita di una capra, si calarono al suo seguito e scoprirono Deir Al-Bahri, una vasta tomba dove i sacerdoti della XX dinastia avevano seppellito 40 mummie insieme a migliaia di papiri e altri tesori, sperando di nasconderli da antichi ladri.

La famiglia Abd el Rasul non disse a nessuno del ritrovamento e iniziò a vendere con discrezione i tesori. Ma quando sempre più tesori apparvero sul mercato del Cairo, si sparse la voce e nacquero le speculazioni. Il governo inviò il primo archeologo egiziano, Ahmed Pasha Kamal, a indagare. La polizia catturò i fratelli e li torturò. Ma nessuna tortura riuscì a far rivelare ai fratelli l’ubicazione delle tombe.

Dopo alcuni mesi, Mohammed fu rilasciato. Ma di Ahmed non si seppe più nulla.

Quando Mohammed fu rilasciato, fece un accordo con il governo. In cambio di un’enorme somma, cedette a Kamal la posizione di Deir Al-Bahri. In realtà, i due fratelli avevano già discusso in precedenza: Ahmed aveva giurato di non rivelare mai i segreti di famiglia, mentre Mohammed si era reso conto che i tempi del saccheggio delle tombe erano finiti e che era giunto il momento di reinventarsi.

In cambio di queste favolose informazioni, Mohammed divenne molto ricco e la ricchezza fu tramandata di generazione in generazione. Il Rest non è una destinazione turistica, anzi sembra che ai proprietari non importi nulla dei turisti, cosa insolita a Luxor. Si sussurra che sotto il caffè ci siano tesori incalcolabili da scavare, ma la famiglia si rifiuta di cedere questa terra. Ancora più interessante è che il governo non li ha costretti a farlo.

Ma cosa è successo ad Ahmed? Un fratello ha tradito l’altro? I suoi resti si sono uniti ai milioni di altre ossa ancora nascoste nella Città dei Morti?

Forse non lo sapremo mai. Forse questa storia non è nemmeno vera. Sono questi i misteri che ci stuzzicano e ci fanno pensare. Sono questi i misteri che alimentano la nostra immaginazione e che portano entusiasmo nelle nostre vite.

In The Line non ci saranno misteri di questo tipo. Nessuna eccitazione, nessun caos. La mente di un tomb raider rinnegato come Rassuhl sarà sondata dall’IA, gli verrà inserito un microchip e tutti i segreti verranno risucchiati, lasciandolo insipido e malleabile.

La Linea è ancora in costruzione, mentre Tebe e ora Luxor esistono da migliaia di anni. Città come The Line potranno mai sostituire davvero città come Luxor? Se vi capita di visitare Luxor, assicuratevi di fermarvi al The Rest Cafe. Senza dubbio troverete l’ultimo Rassuhl seduto su morbidi cuscini come suo padre e suo nonno prima di lui, che fuma una sigaretta e beve un caffè nero come l’inchiostro, tenendo stretti i suoi segreti come sempre.

Dove saremmo senza questi rinnegati? Come i predatori di tombe di un tempo, risorgeranno dalle ceneri di The Line per sconfiggere questi dei terreni e, così facendo, avranno l’ultima risata, ancora una volta?

Lo spero proprio.

Karen Hunt

Fonte: off-guardian.org

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code