toba60

La Scienza Spiega Cosa ha ''Sciolto'' i Veicoli del WTC

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quando si parla di 11 Settembre a chiunque viene in mente una sequenza di immagini e fatti che hanno cambiato il corso della storia.

Sul Magazine Toba60 c’e uno dei piu’ dettagliati reportage a mondo inerente l’evento, ma Ted Twietmeyer ha sviluppato ulteriori ricerche scientifiche sulla base di dati oggettivi, che sono sicuro non potranno che farvi riflettere sulla più’ grande menzogna del secolo.

WTC

Per elaborare una teoria per spiegare i “veicoli tostati” nel WTC, dobbiamo disporre di una soluzione che spieghi la causa del danno riscontrato con questi veicoli. Sembra chiaramente che il danno sia il risultato di un’arma e non il risultato di un normale incendio o di una fonte di accensione. In primo luogo, esaminiamo brevemente altri fenomeni di natura estremamente insolita.

Con eventi di combustione umana spontanea (SHC), raramente vediamo che il corpo viene consumato al 100%. Di solito l’area sotto le ginocchia è relativamente intatta. Si ritiene che la ragione sia la mancanza di grasso in questa zona del corpo. Tuttavia, la causa dell’evento di combustione iniziale rimane in qualche modo un mistero. Alcune teorie affermano che l’SHC è il risultato di un metabolismo fuori controllo per ragioni sconosciute. C’è un caso ben documentato di un uomo che stava semplicemente guidando lungo la strada durante il giorno, quando il braccio sinistro ha iniziato a fumare. Fortunatamente non è morto per questo, ma i medici non hanno trovato alcuna causa. Solo SHC potrebbe essere la causa. Non sto confrontando direttamente i veicoli distrutti nel WTC con SHC. Questo ha lo scopo di servire esclusivamente come analogia. C’è sempre una spiegazione per fenomeni bizzarri, sia che sia pienamente compresa o meno. Nel caso del WTC, si sono verificati danni ai veicoli situati a una certa distanza dal WTC su Roosevelt Dr. Al WTC, ci sono prove evidenti che sono stati usati dispositivi nucleari sagomati (vedi articoli del Dr. Ed Ward, MD su Rense.com). Nella demolizione di edifici, le cariche vengono spesso posizionate vicino alla base dell’edificio su colonne.

Queste colonne sono spesso indebolite rimuovendo parte del materiale, per assicurare che le cariche di taglio funzionino correttamente. Le cariche sono inclinate per tagliare la colonna in diagonale, quindi il peso dell’edificio assicurerà che scivoli via con una leggera angolazione e non si abbassi semplicemente verso il basso e smetta di muoversi. Niente di tutto ciò sarebbe necessario quando si utilizza un dispositivo nucleare. Tutte le colonne dell’edificio nelle vicinanze (almeno diverse centinaia di piedi) sarebbero vaporizzate quasi istantaneamente, portando l’edificio verso il basso. L’acciaio trovato in forma fusa mesi dopo il crollo è un segno sicuro di calore estremo, probabilmente di origine nucleare. Tuttavia, pochi hanno considerato che esiste ancora un altro effetto dell’uso di un dispositivo nucleare. È un impulso elettromagnetico. Il potere di questo impulso scatenato da una detonazione nucleare è quasi inimmaginabile.

CORRENTI PARASSITE

Cosa fa un impulso elettromagnetico? Innanzitutto, dobbiamo esaminare gli effetti e gli usi delle correnti parassite indotte da un forte campo magnetico. Ci sono giostre come Kinda-Ka che usano correnti parassite per frenare. Questo sistema di frenatura funziona secondo il principio della corrente parassita. Una serie di magneti fissi viene sollevata sotto le piastre di alluminio montate sul fondo di ciascuna vettura mentre si avvicinano alla stazione. Questo crea potenti correnti parassite ad alta corrente e bassa tensione nelle piastre di alluminio mentre le auto passano sopra i magneti. Queste correnti formano campi magnetici temporanei opposti che provocano attrazione per i magneti di passaggio sotto le tracce. Le auto vengono rallentate fino all’arresto completo. Questo è un sistema di frenatura autoregolante perfetto, purché i magneti siano sollevati al momento giusto. Nei vecchi contatori elettrici c’è un disco d’argento. Questo disco aziona direttamente gli ingranaggi che muovono le lancette sul quadrante.

Quel disco è in realtà fatto di alluminio. È ruotato da campi magnetici invisibili dalle bobine all’interno del misuratore. Più corrente la tua casa trascina attraverso queste bobine, più veloce ruota il disco. Questo è un altro esempio di correnti parassite messe in pratica. I cannoni ferroviari utilizzano correnti parassite per deformare le pesanti rotaie di rame, che accelerano un proiettile a velocità fantastiche. Queste pistole utilizzate principalmente per la ricerca e devono essere ricostruite dopo ogni sparo per rimuovere le barre di rame deformate. E altro creano le correnti parassite? RISCALDARE se le correnti sono abbastanza forti. Più forti sono le correnti parassite, maggiore sarà il calore che verrà generato. Sebbene vengano creati campi magnetici, sono temporanei in alluminio perché non sono magnetici, ma paramagnetici. Ciò significa che l’alluminio sarà influenzato dal magnetismo, ma non può essere magnetizzato. Anche l’acqua è paramagnetica. Quasi tutto ciò che conduce elettricità ma non sarà attratto da un magnete permanente può essere considerato paramagnetico. Con questa comprensione degli effetti di correnti parassite, esaminiamo il danno osservato nel WTC e vediamo come le correnti parassite possono adattarsi alle osservazioni.

Specchi mancanti: tutti gli specchietti dei veicoli in uso oggi sono una lastra di vetro o di plastica con un rivestimento riflettente in alluminio sul retro. Questo rivestimento è conduttivo per l’elettricità e quindi le correnti parassite. Un forte impulso magnetico indotto nello specchio provocherebbe uno stress tremendo mentre il campo interagiva con l’alloggiamento dello specchio d’acciaio. Il vetro si frantumerebbe, facendo esplodere la maggior parte del vetro e la guarnizione circostante. Sembra che un piccolo frammento dello specchio sia ancora visibile nell’alloggiamento sopra. Notare che il rivestimento in metallo attorno al finestrino sulla portiera del guidatore sembra surriscaldato. Sebbene il volante sembri essere intatto, è possibile che il corpo in acciaio del veicolo abbia protetto il volante dagli impulsi. Qualsiasi impulso magnetico avrà meno forza con il quadrato della distanza, quindi è possibile che questo camion fosse vicino ai margini esterni della soglia di danno. Ciò che ancora non sappiamo è quale danno si sia verificato all’interno degli appartamenti e delle attività commerciali negli edifici circostanti.

Questo danno al parabrezza potrebbe essere stato causato da un intenso campo magnetico nel rivestimento in metallo attorno al parabrezza che è diventato magnetico e ha interagito con il corpo in acciaio. Due fari sembrano spenti e altri due no. È anche possibile che un altro veicolo sia stato parcheggiato tra l’esplosione o la fonte di impulsi e la parte anteriore del conducente del camion. Ciò potrebbe proteggere il faro lato conducente dall’impulso magnetico. Potrebbe anche essersi verificata un’onda di pressione che ha causato questo danno, poiché nella griglia si vede una notevole quantità di rifiuti. Non è possibile determinare facilmente se un’onda di scoppio o un impulso magnetico abbiano fatto esplodere questo parabrezza. Questo veicolo non era chiaramente esposto all’ampiezza dell’impulso di altri veicoli, altrimenti il ​​danno sarebbe molto maggiore. Ancora una volta, la distanza e l’orientamento dalla sorgente di impulsi non sono noti.

Altri veicoli hanno blocchi motore mancanti, probabilmente vaporizzati da enormi correnti parassite. Il calore intenso accenderebbe rapidamente i fluidi volatili sotto il cofano come grasso sulle parti del motore e fluidi come liquido di trasmissione, fluido del servosterzo, benzina nell’impianto di alimentazione, liquido dei freni e olio motore. Una tremenda palla di fuoco sotto il cofano distruggerebbe completamente il motore e l’intera parte anteriore del veicolo, come vediamo sopra. E questo è esattamente ciò che vediamo con molti veicoli. Nota come il fuoco si ferma proprio all’incrocio tra il parafango anteriore sinistro e la portiera lato conducente. Ciò è coerente con le fotografie di altri veicoli. Si noti che l’acciaio può diventare estremamente caldo a causa delle correnti parassite, anche se l’acciaio è magnetico e non paramagnetico. Tuttavia, l’acciaio ha un punto di fusione molto più elevato dell’alluminio.

Riscalderebbe molto rapidamente con un impulso di resistenza sufficiente per accendere facilmente vernice e gomma. Dobbiamo rispondere a un’altra domanda: perché alcuni veicoli potrebbero essere danneggiati e non altri? Perché solo alcune parti di esse sarebbero danneggiate e altre aree sarebbero rimaste incontaminate? La risposta sta nello SCUDO magnetico. Gli impulsi magnetici sono come altra energia elettromagnetica, che si irradia da una sorgente in linea retta a meno che non si riavvolga alla loro sorgente (come fa un magnete a barra.) Tuttavia, questi impulsi magnetici non sono stati generati con un magnete a barra, ma da un mezzo molto diverso. Quando un campo magnetico colpisce l’acciaio, l’energia rimane intrappolata e penetra a malapena. Tracciando linee attraverso le cime di automobili con aree danneggiate e non danneggiate, possiamo determinare la direzione generale e l’altezza della fonte dell’impulso. Le prime osservazioni usando i vettori mostrano che il dispositivo nucleare o la sorgente di impulsi non erano sotterranei, ma più in alto. Questo è anche supportato dai piani in piedi a livello del suolo dopo il crollo dell’edificio.

I “VEICOLI SACRIFICIALI” FORNISCONO LO SCUDO DI ALTRI VEICOLI E MOSTRANO I VETTORI DELL’IMPULSO

Un vettore è semplicemente una linea che mostra la direzione e di solito ha una freccia. Le frecce non sono mostrate sopra, nel tentativo di semplificare l’immagine. La direzione della forza va da in alto a sinistra a in basso a destra. L’immagine notata sopra fornisce una possibile spiegazione della posizione della sorgente dell’impulso magnetico e del perché alcuni veicoli sono stati danneggiati e altri no. Questo parcheggio può essere la migliore prova a sostegno della mia teoria. Le linee gialle indicano gli impulsi bloccati dalla fila posteriore dei veicoli. Sembra che l’intera parte esterna di tutti i veicoli posteriori sia stata distrutta. Nota come diversi cofani nella fila posteriore dei veicoli hanno polvere bianca o cenere, indicando un intenso calore proveniente da sotto il cofano.

Ciò è probabilmente causato dalla vaporizzazione del blocco motore e la polvere bianca può essere ossido di alluminio. Se i veicoli sono ancora da qualche parte in un cortile spazzatura, alcuni semplici test di laboratorio lo confermeranno. Le linee bianche mostrano gli impulsi che hanno raggiunto i veicoli in primo piano. Le forme arancioni attorno ad ogni automobile mostrano la linea di soglia del danno. Le auto sono sostanzialmente integre al di sotto di queste linee e alcune potrebbero essere riparabili. Se non fosse stato per i veicoli “sacrificali” nella parte posteriore, quelli in primo piano sarebbero stati completamente bruciati. Si noti che le linee bianche e gialle non intendono essere un’interpretazione letterale per mostrare la dimensione dell’impulso, quante linee di forza colpiscono ciascun veicolo, ecc. Ogni linea ha lo scopo di mostrare solo la direzione da cui provengono gli impulsi . Indipendentemente dal fatto che questo parcheggio sia vicino o meno al WTC, mostra chiaramente che il dispositivo nucleare (o la sorgente di impulsi) era in alto sul terreno. Se la sorgente di impulsi fosse vicina alla Terra, i veicoli in primo piano sarebbero stati completamente schermati dall’impulso. In realtà, le linee di impulsi magnetici sarebbero state così dense che se tutte fossero state disegnate qui, non si sarebbe nemmeno in grado di vedere alcun veicolo nella foto. Sarebbe un mare di linee.

Il furgone (a destra) ha fornito alcune protezioni per il camioncino blu (al centro). Il corpo posteriore del camioncino sopra il furgone presenta gravi danni. La polvere sul terreno sotto i veicoli sembra mostrare che questi veicoli erano in posizione quando il WTC è crollato, ad eccezione del camioncino bianco (all’estrema sinistra) che non ha alcun danno. A causa della direzione dell’impulso, il parabrezza del camioncino blu è in gran parte intatto e integro. I veicoli mancanti ai volanti sono spiegabili usando la teoria delle correnti parassite. La maggior parte dei volanti ha una barra d’acciaio circolare al centro. In termini elettrici, un volante è una bobina in corto da 1 giro. Se induci un impulso magnetico sufficientemente potente in qualsiasi bobina in cortocircuito, si vaporizzerà molto rapidamente a causa della corrente eccessiva (amperaggio). L’anima in acciaio caldo all’interno del volante darebbe fuoco alla plastica stampata circostante e il volante scomparirebbe completamente. Il tempo necessario per vaporizzare un volante in questo modo dipende dalla lunghezza dell’impulso e dal livello di potenza. I volanti mancanti o vaporizzati sono forse alcune delle migliori prove di una teoria delle pulsazioni o delle armi.

CONCLUSIONE

La prova è schiacciante che nel WTC siano stati usati un dispositivo nucleare o una tecnologia avanzata per le armi. I blocchi motore mancanti insieme alla distruzione parziale degli stessi veicoli mostrano che questo tipo di danno non è stato causato dal calore. Potrebbe essersi verificata un’onda esplosiva che ha colpito alcuni di questi veicoli insieme a un impulso magnetico. Sembra che si siano verificati potenti impulsi magnetici e la sorgente chiaramente non era a livello del suolo, ma molto più in alto. Il livello di potenza richiesto per accendere i veicoli è quasi impossibile da comprendere, soprattutto a distanze di diverse centinaia di metri. Ciò richiederebbe livelli di potenza multi-gigawatt per causare tale distruzione. (1 gigawatt = 1 milione di milioni di watt.) Non possiamo determinare completamente l’altezza della sorgente di impulsi dalle immagini trovate finora, ma certamente questo non è il risultato di un edificio (i) che crolla a terra. Né è il risultato di uno o più piani che si schiantano contro il WTC più di 1.000 piedi sopra.

Ted Twietmeyer

Fonte: xyxzkww

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code