toba60

Le Masse Pensano Poco

Arthur Schopenhauer visse tra il 1700 e fine 800 e scrisse questo saggio che non ha e mai avrà mai alcun limite di tempo.

Se non avessi citato l’autore e menzionato il periodo in cui e’ stato scritto, nessuno si sarebbe mai accorto che ogni riferimento era legato al passato e non al presente.

Pensateci!

Toba60

Il Pensiero Collettivo

Per nascondere la mancanza di pensiero reale, alcuni hanno inventato una macchina impressionante che costruisce parole lunghe e complesse, luoghi comuni intricati, frasi infinite, espressioni nuove e inascoltate, che insieme creano un linguaggio il più difficile possibile, dando l’impressione di erudizione.

Ma, con tutto questo, in sostanza non dicono niente, chi li ascolta, non riceve pensieri, non sente aumentare le sue conoscenze, ma sente il bisogno di sospirare: “Sento il mulino girare, ma non vedo farina” o vede finalmente che è chiaro quanto siano carenti, umili, incolori coloro che si nascondono dietro questo vago infinito.

La grande folla ha occhi e orecchie e quasi nient’altro, ciò che la distingue principalmente è la mancanza di spirito critico e anche la memoria corta.

Le masse pensano poco, perché mancano di tempo e di esercizio. Questo è il motivo per cui mantiene a lungo i suoi progetti, ma senza essere, come il mondo degli intellettuali, come la banderuola che si adatta sempre ai venti della moda.

E fortunatamente è così, perché l’idea delle continue e repentine trasformazioni di questa massa umana pesante e ingombrante farebbe paura, soprattutto se si considera quante potrebbero essere sradicate e ribaltate da queste repentine trasformazioni.

Una delle cose più dure e indistruttibili del destino umano è che esistono senza sapere da dove vengono, perché tirano e per quale motivo, chi si rende conto nel profondo di questa ingiustizia, può solo provare una grande amarezza nei suoi confronti, informazioni specifiche sull’argomento, che ci annunciano addirittura come fosse una rivelazione dall’alto.

A questi signori delle rivelazioni vorrei rivolgere il mio consiglio: non parlate così tanto della rivelazione oggi, perché è molto facile per qualcun altro rivelare loro cos’è esattamente la rivelazione.

I nostri figli hanno acquisito da tempo l’abitudine distruttiva, invece di cercare di entrare nell’essenza delle cose, di accontentarsi delle parole e di impararle fuori, pensando di superare in questo modo le difficoltà attuali. Ma questa dipendenza rimane e trasforma la conoscenza di molti saggi in un mosaico di parole.

L’opinione degli altri

In effetti, il valore che diamo alle opinioni degli altri e la nostra incrollabile preoccupazione per loro, di regola, supera ogni limite della logica, con il risultato che sembra una sorta di mania diffusa, si potrebbe anche dire innata.

In tutto ciò che facciamo o provochiamo, consideriamo quasi sempre, prima di ogni altra cosa, l’opinione degli altri. E se scaviamo un po ‘più a fondo, scopriremo che dalla nostra preoccupazione per lei derivano quasi la metà delle insicurezze e delle ansie che abbiamo mai provato. E questo perché è alla base del nostro egoismo, che spesso è ferito dalla sensibilità malata, alla base di ogni ostentazione e compiacenza, di ogni orgoglio e bigottismo.

Ciò che rappresentiamo, la nostra esistenza, cioè, secondo l’opinione di altri, assume universalmente un significato – in conseguenza di una particolare debolezza della natura umana – troppo grande, anche se basterebbe anche la più banale contemplazione per insegnarci che questo, in sé, è per la nostra felicità insignificante.

Pertanto, è quasi impossibile spiegare quanto ognuno gioisca di se stesso ogni volta che si accorge di segni che tradiscono che gli altri hanno un’opinione favorevole di lui e adulano la sua vanità. Spesso tali segni lo consolano per una sfortuna tangibile o per la frugalità con cui confluiscono per lui le due principali fonti della nostra felicità, di cui ci siamo occupati finora. Al contrario, è discutibile quanto sicuramente lo offenda e quanto spesso sia ferito da ogni insulto alla sua ambizione – in ogni senso, in qualsiasi misura e in qualsiasi cosa -, qualsiasi espressione di disprezzo, qualsiasi emarginazione, qualsiasi punto di mancanza di rispetto.

Questa qualità, poiché è alla base del sentimento di rispetto di sé, può, ovviamente, avere conseguenze benefiche per il benessere di molte persone in sostituzione della loro moralità; importante per la felicità umana, o il suo effetto è piuttosto fastidioso e dannoso piuttosto che benefico. Pertanto, dal nostro punto di vista, è opportuno porre dei limiti e, attraverso un’adeguata riflessione e una corretta valutazione del valore dei beni interessati, mitigare, con la forza, quella grande sensibilità all’opinione altrui, e di fatto sia quando questa sensibilità è lusingata e quando è ferita, poiché entrambe le facce di essa sono le due facce della stessa medaglia. Altrimenti,

As leve, sic parvum est, animum quod laudis avarum
Submit ac reficit.

“Così leggero, così piccolo è quello che getta o solleva l’anima che ha sete di lode”
– Orazio, “Lettere” B ‘, I, 79].

Di conseguenza, la corretta valutazione del valore di ciò che si è in se stessi e per se stessi rispetto a ciò che è semplicemente agli occhi degli altri contribuirà notevolmente alla nostra felicità. Il primo termine del confronto comprende il contenuto totale del tempo della nostra esistenza, il contenuto interno dello stesso, quindi, tutti i beni che abbiamo esaminato nelle categorie “cosa è uno” e “cosa ha uno”, nonché la sede, il campo d’azione di tutto questo è la coscienza personale di ciascuno; oppure la sede, al contrario, di ciò che siamo per gli altri è la loro coscienza: la rappresentazione, o immagine, con cui ci appariamo, compreso il concetti applicati ad esso.

Queste (sono cose che per noi non esistono affatto direttamente, ma solo indirettamente, da allora. oppure il comportamento degli altri nei nostri confronti è determinato da loro. Ma anche questo acquista significato solo in quanto influisce su qualcosa che può cambiare ciò che siamo e di noi stessi.

Dopotutto, ciò che si gioca nella coscienza di un altro è per noi, di per sé, indifferente. Diventeremo davvero indifferenti a questo quando riceveremo una conoscenza sufficiente della superficialità e dell’insignificanza dei pensieri, degli stretti limiti dei concetti, della nobiltà di opinione, della perversione delle opinioni e della moltitudine di piani che caratterizzano anche la stragrande maggioranza delle persone. come quando impariamo, dall’esperienza personale, con quale disprezzo si parla di qualcuno non appena non c’è motivo di averne paura o di credere che non raggiungerà le sue orecchie e finalmente, si sente una volta con quale inutilità una dozzina di sordi

Le persone mute parlano per un grande uomo.

In ogni caso, da una fonte così esigua dipende solo dalla sua felicità chi non la trova nelle due categorie di beni di cui abbiamo già trattato, ma deve cercarla in questa terza, non in quello che realmente è, ma in come appare agli altri; perché, nel complesso, la base della nostra entità e quindi della nostra felicità è la nostra natura animale.

Per questo il più essenziale per la nostra prosperità è la salute, e quindi i mezzi per la nostra sopravvivenza, per una vita spensierata. L’onore, o lo splendore, i gradi e/o la gloria, per quanto importanti possano essere, non possono competere con quei beni essenziali o sostituirli, se le circostanze lo richiedono, potrebbero, senza esitazione, essere sacrificati per il loro bene.

Pertanto, è fondamentale per la nostra felicità capire questa semplice cosa che ognuno vive, prima di tutto, nella propria pelle e non nell’opinione degli altri e che, quindi, la situazione reale e personale di noi, in quanto determinata dalla salute. , temperamento, capacità, reddito, moglie e figli, amici, luogo di residenza e così via. è cento volte più importante per la nostra felicità rispetto all’immagine che gli altri creano per noi a loro piacimento. La chimera di come sia vero il contrario causa solo miseria.

L’enfatica affermazione “la vita è al di sopra dell’onore” essenzialmente non afferma altro che: “l’esistenza e l’euforia mentale non significano nulla; al contrario, la domanda è cosa pensano gli altri di noi”. Questa dichiarazione può essere considerata, nel migliore dei casi, un’esagerazione basata sulla verità insignificante che, per promuovere e mantenere la nostra posizione in convivenza con gli altri, è assolutamente necessario l’onore, o l’opinione, cioè degli altri per noi. – un argomento su cui tornerò più tardi.

Il fatto che, al contrario, vediamo come quasi tutto ciò per cui le persone lottano instancabilmente e per il resto della loro vita, combattendo incessantemente e affrontando una miriade di avversità e situazioni pericolose, non ha scopo se non quello di elevarsi al prestigio degli altri – come solo teppisti, titoli e medaglie, ma anche ricchezza, e anche le scienze e le arti vengono perseguite, in profondità e soprattutto, per il loro scopo , con il guadagno di più rispetto da parte degli altri che costituisce il fine delle loro gesta – tutti questo dimostrano, purtroppo, solo una cosa, l’entità delle sciocchezze umane.

Attribuire troppo valore all’opinione degli altri è una paranoia universalmente prevalente, o che – sia che abbia le sue radici nella natura umana o sia nata come conseguenza della società e della cultura – esercita comunque un effetto eccessivo e ripugnante sulla nostra felicità ., un effetto che possiamo osservare da dove appare sotto forma di preoccupazione spaventata e servile per il qu’on dira-t-on (cosa dirà il mondo), al punto in cui il pugnale della Virginia affonda nel cuore di sua figlia o induce l’uomo a sacrificare per amore della sua arretratezza la sua salute, la pace e la ricchezza, e talvolta la sua stessa vita.

Questa paranoia, tuttavia, fornisce a chiunque sia chiamato a dominare o manipolare in altro modo le persone con una presa adeguata; Ma per quanto riguarda la felicità personale dell’uomo, oggetto della nostra visione qui, le cose sono ben diverse: dobbiamo impedire con enfasi alle persone di attribuire troppo valore all’opinione degli altri, per caratterizzare con la parola stessa il vuoto e la futilità di questa ricerca. Inoltre, da quanto sopra, si può facilmente comprendere che vanità, oltre che avidità? è un sottocaso dell’illusione dimenticare lo scopo per amore dei mezzi.

E in effetti, il valore che attribuiamo all’opinione degli altri e la nostra costante preoccupazione per essa, di regola, supera qualsiasi obiettivo logico, tanto che può essere considerata una sorta di mania universalmente diffusa o piuttosto intrinseca. Per tutto ciò che facciamo o non facciamo, teniamo conto, più di ogni altra cosa, dell’opinione degli altri, e dalla nostra preoccupazione per essa derivano, se la si esamina attentamente, quasi la metà dei dolori e delle paure che abbiamo mai provato, poiché questa preoccupazione è nascosta dietro tutta la nostra dignità – così spesso colpita perché è così morbosamente sensibile – dietro tutte le nostre vanità e pretese, così come dietro la nostra ostentazione e bigottismo. Senza questa preoccupazione e rabbia, o il lusso, sarebbe stato solo un decimo dell’importanza che ha ora.

Le masse sono guidate da una volontà costantemente insoddisfatta poiché sono costantemente alla ricerca di soddisfazione.

Arthur Schopenhauer

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code