toba60

Le Quattro Modalità Opzionali di Terapia del Cancro.

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

C’è stata un’enorme impresa di ricerca sul cancro per sviluppare farmaci antitumorali da utilizzare nella gestione delle malattie neoplastiche nell’uomo. Tuttavia, i progressi sono stati lenti e non sono stati ancora sviluppati agenti chimici in grado di indurre un effetto curativo generale sulle forme di cancro disseminate.

Se è vero che la chemioterapia ortodossa è (1) tossica, (2) immunosoppressore, (3) cancerogena e (4) inutile, allora perché i medici continueranno a usarla? La risposta è che non sanno cos’altro fare. I pazienti di solito non sono programmati per la chemioterapia a meno che le loro condizioni sembrino così disperate che la perdita della vita sembra essere comunque inevitabile. Alcuni medici si riferiscono a questo stadio, non come terapia, ma alla sperimentazione, che, francamente, è una descrizione più onesta.
Un altro motivo per usare droghe nel trattamento del cancro è che al dottore non piace dire al paziente che non c’è speranza. Nella sua mente sa che non ce n’è, ma sa anche che il paziente non vuole sentirlo e cercherà un altro medico che continuerà un qualche tipo di trattamento, non importa quanto inutile. Quindi risolve il problema continuando il trattamento da solo. Nel suo libro The Wayward Cell, Cancer, il dottor Victor Richards ha chiarito che la chemioterapia viene utilizzata principalmente solo per mantenere il paziente in ricovero per il trattamento e per costruirsi il morale mentre muore. Ma c’è di più! Egli ha detto:
Tuttavia, la chemioterapia ha un ruolo estremamente prezioso nel mantenere i pazienti orientati verso una terapia medica appropriata e impedisce la sensazione di essere abbandonati dal medico in pazienti con tumori tardivi e senza speranza. L’impiego e lo screening giudiziari di farmaci potenzialmente utili possono anche impedire la diffusione della ciarlataneria. [Enfasi aggiunta.]

Il cielo proibisce che qualcuno debba abbandonare le “cure provate” nauseante, dolorose, cancerogene, ammisamente inefficaci per una “ciarlataneria” come Laetrile! Qui, alla fine, viene rivelato il vero traguardo di molti dei cosiddetti programmi “educativi” della medicina ortodossa – psicologicamente per condizionare la gente a non provare altre forme di terapia. Ecco perché perpetuano il mito delle “cure provate”.

L’American Cancer Society, nei suoi metodi non testati di gestione del cancro, ha dichiarato:
Quando uno si rende conto che 1.500.000 americani sono vivi oggi perché sono andati dai loro medici in tempo, e che i trattamenti comprovati di radiazioni e chirurgia sono responsabili di queste cure, è meno probabile che abbia una possibilità con un praticante discutibile o un trattamento non dimostrato. 1

Prima di abbandonare il tema della terapia antitumorale e passare alla ricerca sul cancro, chiariamo e riassumiamo le nostre scoperte fino ad ora. Ecco una breve descrizione delle quattro modalità opzionali di terapia del cancro:

CHIRURGIA: meno dannosa. A volte una misura salva-vita e stop-gap. Nessuna evidenza che i pazienti che ricevono opzioni chirurgiche radicali o estese vivano più a lungo di quelli che ricevono le opzioni più conservatrici o, per quella materia, coloro che non ne ricevono affatto. Si ritiene che aumenti la probabilità di disseminare il cancro in altri luoghi. Quando si tratta di tumori interni che colpiscono organi riproduttivi o vitali, il tasso statistico di sopravvivenza a lungo termine è, in media, del 10-15%. Dopo metastasi, le probabilità statistiche di sopravvivenza a lungo termine sono vicine allo zero. Clicca qui per saperne di più su interventi chirurgici e biopsie.

RADIOLOGIA: molto dannosa in molti modi. Diffonde il cancro e indebolisce la resistenza del paziente ad altre malattie. Effetti collaterali gravi e dolorosi, incluso insufficienza cardiaca. Nessuna evidenza che i pazienti trattati vivano più a lungo, in media, rispetto a quelli non trattati. Il tasso statistico di sopravvivenza a lungo termine dopo metastasi è vicino allo zero.

CHEMOTERAPIA: diffonde anche il cancro attraverso l’indebolimento del meccanismo di difesa immunitaria più tossicità generale. Lascia il paziente suscettibile ad altre malattie e infezioni, spesso portando a morte per queste cause. Effetti collaterali estremamente gravi. Nessuna evidenza che i pazienti trattati vivano più a lungo, in media, rispetto ai pazienti non trattati. Il tasso statistico di sopravvivenza a lungo termine dopo metastasi è vicino allo zero.

VITAMINA B17 TERAPIA: non tossica. Gli effetti collaterali includono aumento della ap-petite, aumento di peso, abbassamento della pressione sanguigna, aumento dell’emoglobina e conta dei globuli rossi. Elimina o riduce nettamente il dolore senza narcotici. Costruisce la resistenza del corpo ad altre malattie. È una sostanza naturale che si trova negli alimenti ed è compatibile con l’esperienza biologica umana. Distrugge le cellule tumorali mentre nutre le cellule non tumorali.


Dr. Robert D. Sullivan, Dipartimento di ricerca sul cancro presso la Fondazione Lahey Clinic:

Cancro
Un occhio sull'abisso

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code