toba60

Le Trappole Nascoste Dietro ciò che è il Nostro Consolidato Concetto della Vita

La lettura di questo testo implica una certa flessibilità mentale che non tutti hanno…….se qualcuno dopo al primo approccio ha una qualche logica titubanza nel dare un senso a quello che legge non si dia pena e passi agli articoli successivi dove troverà sicuramente qualcosa che fa al caso suo.

Toba60

Questo lavoro comporta tempo e denaro e senza fondi non possiamo dare seguito ad un progetto che dura ormai da anni, sotto c’è un logo dove potete contribuire a dare continuità a qualcosa che pochi portali in Italia e nel mondo offrono per qualità e affidabilità di contenuti unici nel loro genere.

Le trappole dell’oltre

La maggior parte dei concetti religiosi è nata con l’obiettivo di dare un significato trascendente alla nostra vita.

Almeno questa è la funzione che, in teoria, dovrebbero avere.

Parliamo di idee come la reincarnazione, la giustizia divina o la legge del karma, per fare qualche esempio; concetti che fungono da balsamo alla presenza angosciante della morte, delle ingiustizie della vita e del dolore.

Ma se le analizziamo da vicino, vedremo che molte di queste concezioni svolgono un ruolo parallelo nella nostra psiche.

E non esattamente liberatorio e positivo.

Il Sistema è riuscito a sovvertire il loro presunto significato originario e a trasformare tutte queste credenze in sottili meccanismi che sussurrano incessantemente alle nostre orecchie un messaggio ipnotico con il quale minimizzano il nostro potere individuale e riducono al minimo l’immenso valore della nostra esistenza.

Una volta installate nella nostra mente, diventano una dose continua di anestesia… la reincarnazione.

Ne sono un chiaro esempio i concetti di reincarnazione o di vita dopo la morte, che si sono rivelati assolutamente perniciosi e dannosi per la nostra libertà individuale.

Certamente, credere che ci saranno altri livelli di esistenza o un “aldilà” ci permette di alleggerire il peso della propria vita e dell’angoscia esistenziale.

Questo è innegabile.

Ma ci porta anche a relativizzare il valore incalcolabile di “una singola vita” e riduce il “miracolo” di vivere su una roccia che galleggia nel vuoto dell’universo a un mero aneddoto.

Terra universo stelle

Queste convinzioni sminuiscono il fatto straordinario di avere un’esistenza effimera e soprattutto sminuiscono il valore del nostro tempo di vita, il nostro tesoro più prezioso.

E sminuire il valore dell’unica vita di cui abbiamo traccia, trasformandola in “una stazione in più sulla strada” o “una vita in più tra le tante”, comporta anche la diminuzione della trascendenza di ogni nostro atto e di ogni nostra libera decisione.

Se credete che godiamo di un’unica e irripetibile esistenza, ogni decisione che prendete assume un significato enorme, sia per voi che per gli altri.

Tuttavia, se siete convinti che dopo questa vita ci aspettano altri livelli di esistenza, tenderete inconsciamente a relativizzare il significato delle vostre decisioni. In questi casi, nel profondo di voi stessi, concepite sempre la possibilità di un “domani” e di una possibile redenzione per i vostri errori, per quanto terribili essi siano.

Pertanto, il concetto di reincarnazione o di “vita dopo la morte” attacca principalmente l’assunzione di responsabilità per le proprie azioni e decisioni, relativizzando il significato di tali azioni.

E non dimentichiamo che assumersi la responsabilità delle proprie decisioni e delle conseguenze che ne derivano significa, di fatto, assumere il potere stesso che abbiamo come individui.

In breve, quindi, la credenza nella reincarnazione si traduce in definitiva in un meccanismo mentale che riduce la nostra consapevolezza del potere individuale.

È sorprendente come i meccanismi psicologici del Sistema riescano sempre a stravolgere qualsiasi concetto fino a farlo diventare uno strumento al servizio dei suoi fini.

Anestesia contro la ribellione

Ma soprattutto, ciò che il concetto di reincarnazione o di “esistenza dopo la morte” ottiene è ridurre il livello di ribellione dell’individuo a qualsiasi tipo di abuso.

Riduce la nostra ribellione perché, a livello inconscio, converte l’oppressione o il dolore che subiamo nella “vita presente” in qualcosa di circostanziale, con il pretesto che forse “più tardi” saremo premiati o ricompensati da Dio, dal karma o dall'”idea trascendente del momento” che ci è stata inculcata.

Incoraggiano una sorta di conformismo esistenziale, una docile sottomissione alle ingiustizie e agli abusi dei più potenti.

Tuttavia, tutti questi concetti non sono stati creati per questo scopo.

Se guardiamo bene, vedremo che agiscono come un fattore di moltiplicazione nella nostra mente, che potrebbe manifestarsi nella direzione completamente opposta.

Nella psiche di una persona sottomessa e inconsapevole della propria sovranità individuale, il concetto di reincarnazione non fa che moltiplicare questi sentimenti, portando al conformismo esistenziale.

Ma nelle mani di un individuo con piena consapevolezza di sé, del proprio potere e dell’immenso valore della propria libertà e dignità individuale, queste credenze diventano concetti liberatori, facilmente associabili alla lotta, alla rivoluzione, alla perdita della paura, alla lotta instancabile per la propria libertà e per quella degli altri, indipendentemente dalle conseguenze che ciò può comportare.

Nella mente di un individuo libero, il concetto di reincarnazione non lascerebbe spazio alla paura della morte, ma aprirebbe uno spazio al sacrificio per perseguire i più alti ideali di libertà.

Giustizia Divina

Il concetto di giustizia divina è un chiaro esempio del numero di assurde contraddizioni che le credenze religiose ci inculcano.

Supponiamo di credere nell’esistenza di una giustizia divina che punisce i “malvagi”.

Questo implica che sappiamo chi sono i “malvagi”, perché li abbiamo giudicati come tali.

E significa anche che crediamo che Dio penserà come noi di loro e delle loro azioni, perché li avrà giudicati allo stesso modo e quindi applicherà la sua “giustizia”.

E che quindi siamo “giusti” e “corretti”, perché la nostra opinione è in accordo con quella di Dio.

Dopo tutto, abbiamo giudicato i malvagi con gli stessi criteri di Dio e quindi, essendo il frutto diretto della sua creazione, essendo stati forgiati a sua immagine e somiglianza e partecipando direttamente ai suoi stessi criteri, non dovrebbe presentare alcun problema o conflitto, no?

Tuttavia, quando qualcuno ragiona in questo modo, è allora che scattano tutti i campanelli d’allarme e dai pulpiti, i leader religiosi e i rappresentanti, ci gridano con rabbia: “Non potete farlo!”.

E sono le stesse istituzioni che ci fanno credere in un Dio che impartisce giustizia e punizioni a destra, a manca e al centro, a inculcarci insistentemente che solo “lui” può giudicare e punire con giustizia e che noi abbiamo solo il diritto di obbedire alla “sentenza” senza lamentarci.

Forse hanno ragione, chissà…

O forse è solo un rozzo stratagemma creato dalle religioni per negare all’individuo il potere di giudicare e agire secondo il proprio giudizio, spesso derivando tale potere dalle stesse istituzioni che si presentano spudoratamente come “rappresentanti di Dio in terra”.

Infatti, un individuo che giudica e agisce come Dio, perché avrebbe bisogno di istituzioni religiose?

E ciò che è più grave… allora perché avrebbe bisogno di Dio stesso?

Nel corso del tempo, in Occidente, questo concetto di “giustizia divina” è stato integrato o addirittura sostituito da un’idea confortante e anestetizzante di origine indo-orientale: il concetto di Karma, di “come farai, così riceverai”, di causa ed effetto delle nostre azioni.

Può sembrare un’idea che aiuta la convivenza, un meccanismo di programmazione mentale che, sotto minaccia, limita gli abusi che possiamo commettere contro i nostri simili.

Purtroppo, però, le persone che definiamo “malvagie” hanno la strana tendenza a non credere in nient’altro che nell’esercizio della forza o nell’immediato assoggettamento degli altri a loro piacimento, a prescindere dall’eventuale successiva comparsa della “legge del karma”.

È chiaro che non temono alcun tipo di punizione. La loro unica paura è quella di non poter soddisfare i loro desideri e impulsi più egoistici. Quando vediamo persone come queste, la maggior parte di noi può solo sperare “che un giorno avranno ciò che si meritano”.

Ma perché aspettare di punire i “malvagi” se possiamo farlo noi stessi qui e ora?

Perché aspettare che i contorti, invisibili e impercettibili meccanismi del karma bilancino i debiti contratti?

Se qualcuno commette un abuso o un’ingiustizia nei vostri confronti e avete la possibilità di agire immediatamente, non è forse altamente educativo e riformatore fargli presente il vostro “disappunto” in qualsiasi modo lo riteniate opportuno?

O forse è meglio permettere alle “forze eteree” di applicare la “giustizia” in ipotetiche esistenze future e permettere ai “malvagi” di farla franca qui e ora e di moltiplicare le loro attività verso altri innocenti, vista la scarsa risposta che ottengono dalle vittime?

Come vediamo, il concetto di karma, quando viene frainteso, nasconde anche i semi della passività, del conformismo e dell’accettazione degli abusi.

È vero che i concetti di vita ultraterrena, reincarnazione, giustizia divina o karma sono idee confortanti o addirittura positive, in quanto possono aiutarci ad affrontare le angosce della vita.

Ma si trasformano facilmente in sottili trappole psichiche che ci sottraggono potere e lo mettono “fuori” dalla nostra portata.

Ma un giorno, anche i credenti più ferventi dovranno affrontare la dolorosa domanda:

È possibile che abbiamo inventato noi stessi tutte queste idee per ridurre la nostra angoscia esistenziale e il nostro senso di vuoto?

Sia chiaro che non stiamo dicendo che tutti i concetti religiosi sono falsi.

Ognuno è libero di credere in ciò che vuole.

Ma è proprio questo il punto chiave: essere liberi.

Anche se io, eufemisticamente, chiamo questa programmazione “fede”.

Confusione religiosa

Questa “fede” non ha valore. Non è nulla. È solo un grossolano inganno. Una truffa generalizzata.

L’autentica fede trascendente può nascere solo dal pieno esercizio della libertà individuale.

E per trovarla, dobbiamo prima affrontare le domande esistenziali più angoscianti, a livello personale, ascoltando solo la nostra voce e affrontando le nostre paure più profonde.

Accettare la sua cruda realtà con piena consapevolezza, senza dottrine o idee pre-programmate, per quanto possano essere scritte in libri antichi pieni di presunta saggezza antica.

Dobbiamo immergerci nelle acque scure e gelide di quel terrore primordiale che abita nel profondo della nostra psiche e sentire pienamente e senza ambiguità l’insostenibile insensatezza della nostra esistenza.

E una volta accettata questa realtà, una volta affrontata la paura in tutta la sua portata, permettendole di permeare le nostre ossa, qualsiasi convinzione che finiremo per adottare avrà un valore reale, perché verrà da noi stessi, dalla nostra coscienza più profonda e non dall’indottrinamento esterno del Sistema.

Volete vedere “la luce”?

Prima dovrete gettarvi nell’abisso… e affrontare, per davvero, il più grande dei terrori.

Fonte: lastinieblasdelamente.wordpress.com

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *