toba60

L’esercito che Torna da una Guerra più Numerosa di Quando era Partito

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Ci sono paesi la cui storia è a molti sconosciuta, sono sicuro che quello che avrete modo di conoscere vi farà un po sorridere ……..

anche la guerra come vedete può avere i suoi lati comici, soprattutto per chi di questa non ne vuole proprio sapere.

Toba60

La Guerra Perfetta

Oggi, il Principato del Liechtenstein è un paese famoso sia per le sue piccole dimensioni che per la sua neutralità, avendo mantenuto la sua non belligeranza in entrambe le guerre mondiali e in quasi tutti i conflitti mondiali dalla metà del 19° secolo. Mentre a prima vista questo potrebbe essere interpretato come un lodevole gesto di pacifismo, è in realtà una strategia di sopravvivenza sottile e molto efficace.

Con la sua piccola superficie di 160 km² e la sua attuale popolazione di quasi 39.000 abitanti, sarebbe impossibile per questo piccolo principato sopravvivere a qualsiasi conflitto. La neutralità non solo la tiene fuori dalle guerre, ma politicamente le fornisce anche uno scudo geopolitico e internazionale. Anche se questo può sembrare minore nel mondo di oggi, almeno nel contesto europeo, in passato, solo otto decenni fa, la situazione geopolitica era molto diversa.

Detto questo, in passato, dalla sua fondazione nel 1719 fino al 1868, quando decise di abolire il suo esercito e di optare per una politica di neutralità, il Principato del Liechtenstein fu coinvolto in diversi conflitti della caotica Europa centrale del XVIII e XIX secolo. Uno di questi conflitti fu l’ultima guerra in cui il piccolo paese fu coinvolto: la guerra austro-prussiana del 1866. Conosciuta anche come la guerra delle sette settimane a causa della sua breve durata. Un breve ma intenso conflitto nell’epicentro della Confederazione tedesca.

Il Liechtenstein si distinse in questo conflitto per tre motivi:

non perse nessuna battaglia, non subì perdite e, cosa interessante, i suoi ranghi crebbero di numero. Il conflitto era tra l’Impero austriaco, accompagnato dal Liechtenstein, l’Alleanza tedesca guidata da Vienna, la Sassonia e diversi altri paesi germanici; contro il Regno di Prussia, accompagnato dal Regno d’Italia, l’Alleanza tedesca guidata da Berlino e il resto dei paesi germanici (ricordate che la Germania era frammentata in quasi due dozzine di piccole nazioni, molte delle dimensioni di città stato durante questo periodo storico).

La missione assegnata al principato dagli austriaci era di inviare un piccolo contingente, che era in realtà la maggior parte dell’esercito del piccolo paese, di 80 soldati a guardia del Brennero, un passo di montagna tra l’Italia e l’Austria, lasciando il resto del loro esercito, 20 uomini, come protezione. Tuttavia, poco dopo essere stati alloggiati in montagna, i prussiani schiacciano gli austriaci nella battaglia di Königgrätz. Di conseguenza, la guerra finisce bruscamente e i circa 20 stati che facevano parte delle varie coalizioni tornano a casa.

Il Liechtenstein era uno di questi eserciti che tornava a casa, abbastanza fortunato da non aver subito perdite. Lungo la strada, un soldato si è unito ai ranghi del Liechtenstein. Secondo alcune fonti storiche, era un austriaco che decise di giurare la sua fedeltà al principato. Secondo altre fonti, era un disertore italiano a cui fu permesso di unirsi all’esercito per pietà, poiché rimandarlo indietro era una condanna a morte. Tuttavia, anche se partirono con 80 soldati, tornarono a casa con 81 perché quest’uomo fece il giuramento e fu formalmente introdotto nell’esercito, rendendolo l’unico esercito che conosciamo ad essere partito per la guerra e tornato con più soldati.

Fonte: anfrix.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code