toba60

L’Ipocrisia Dell’Occidente: Ecco Come Vengono Riportati gli Eventi di Bucha in Russia

Alla luce di tutto quello che sta succedendo in Ucraina pare che nessuno ancora ci abbia capito nulla.

Naziskin che vengono ora idolatrati come Gesù Cristo, aiuti umanitari Russi spacciati per ”Genocidi Alimentari” , bombardamenti riciclati da paesi come Iraq e la Serbia e dirottati a Kiev, giornalisti che mostrano Videogame al posto di attacchi aerei da parte di Mig sovietici, insomma c’è veramente da farsi il segno della croce e gridare ai quattro venti …..

…voglio il virus!!! Ma quello vero però….

.… così la finiamo una volta per tutte.

Toba60

L’Ipocrisia Dell’Occidente

Poiché non c’è quasi nessun altro argomento nei media occidentali in questo momento che il presunto massacro dell’esercito russo nella città di Butscha, voglio mostrare qui come viene riportato in Russia e ho tradotto un servizio dal notiziario serale della televisione russa del 4 marzo su di esso.

Provocazione in Butscha. Come viene condannata la fabbrica di falsi dell’Ucraina

La Russia ha già chiesto due volte la convocazione urgente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU in relazione alla palese provocazione del regime di Kiev a Butscha. Questa città è stata abbandonata dalle nostre truppe secondo il piano e gli accordi dei negoziati. Pochi giorni dopo, Kiev ha iniziato a far circolare filmati che mostrano presunti civili uccisi. Naturalmente, ha incolpato l’esercito russo e ha persino parlato di genocidio. Ora le accuse sono immediatamente sostenute dai politici occidentali che non prestano attenzione alle incongruenze temporali o agli evidenti “bloopers” nel video inscenato. Allo stesso tempo, la presidenza del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il Regno Unito, sta facendo tutto il possibile affinché la provocazione di Butsha non sia oggetto di una sessione speciale delle Nazioni Unite in nessun caso.

Le immagini dall’insediamento ucraino di Butscha alla periferia di Kiev sono continuamente sugli schermi dei canali televisivi occidentali. I corpi giacciono ovunque sul ciglio della strada, per lo più civili, non soldati, anche se qui ci sono stati dei combattimenti. Un soldato ucraino cammina tranquillamente per strada nella sua nuova e pulita uniforme. E gli autori del materiale hanno già preparato le accuse che l’omicidio di massa sarebbe stato commesso da soldati russi.

Il video della polizia ucraina conferma che non vi è stato alcun massacro da parte dell’esercito russo a Bucha La strage è avvenuta il 3 aprile. Ma quel giorno non c’erano più i soldati russi in lungo e in largo a Bucha…

La stampa occidentale ha fatto lo stesso punto. Ecco solo una selezione dai giornali britannici: “Incubo a Butsha”, “Genocidio”, “Peggio dell’IS”, “La Russia deve essere ritenuta responsabile”. E gli attivisti americani per i diritti umani di Human Rights Watch sono riusciti a sostenere che avevano già raccolto prove di crimini di guerra russi prima di poter visitare il sito. Inoltre, sembra che abbiano preparato queste “prove” in fretta e furia.

Tra i primi ad emergere è stato questo filmato ucraino che mostra un cadavere che improvvisamente tira indietro un braccio. Questo movimento può essere visto particolarmente chiaramente nell’ingrandimento. E nello specchietto retrovisore si vede che il corpo morto sembra risorgere. Colpisce il fatto che tutti i cadaveri giacciono a faccia in giù.

“Tutte le foto e i video pubblicati dal regime di Kiev, che proverebbero i “crimini” commessi dai soldati russi nella città di Butsha, sono un’ulteriore provocazione. Vorremmo sottolineare in particolare che tutte le unità russe si sono già completamente ritirate da Butcha il 30 marzo. Tutte le cosiddette ‘prove dei crimini’ a Butsha sono apparse solo il quarto giorno, quando i funzionari dell’SBU e i rappresentanti della televisione ucraina sono arrivati in città”, ha detto il portavoce del ministero della difesa russo Igor Konashenkov.

Infatti, il 31 marzo, il sindaco di Butsha, Anatlky Fedoruk, ha confermato in un video messaggio che non c’erano militari russi in città, ma non ha nemmeno menzionato il fatto che la gente del posto veniva colpita per strada.

Lo stesso giorno, il deputato e sportivo Zhan Belenyuk ha visitato Butsha. Nella foto è sorridente e non c’è nessuna informazione nemmeno da parte sua sui cittadini morti. Sabato 2 aprile, la polizia nazionale dell’Ucraina entra nella città e rilascia un rapporto video di 8 minuti. Filmano tutte le grandi strade e i piccoli vicoli. Di nuovo, non ci sono filmati dei corpi. Come fossero effettivamente le relazioni con i militari russi è mostrato dalla registrazione di questo residente di Butcha che ha riportato la sua conversazione con il comandante di una delle unità russe.

“Dice: ‘Ci sono dei civili? Sì, molti. Ce ne sono 15 seduti qui perché hanno paura che tu venga di nuovo battuto”. Lui dice: “Certo che è possibile”. Dite loro di appendere lenzuola bianche in modo che capiamo che sono civili. Noi, dice, spariamo solo ai nazisti e alla gente di Bandera”, ricorda il civile.

Il colore bianco del materiale è un dettaglio importante. Ci sono fasce bianche sul filmato, che sembra mostrare veri e propri cadaveri. Molte delle vittime avevano le mani legate dietro la schiena. Questi sono civili. Persone che non hanno preso le armi e non si sono unite alle Unità di Difesa Territoriale. Solo per questo, i battaglioni del terrore ucraini arrivati il 2 aprile per un’epurazione avrebbero potuto regolare i conti con loro. Un video mostra il comandante di un’unità di neonazisti ucraini soprannominata “Boötsmann” che dà il permesso di sparare a chiunque non indossi una fascia blu al braccio – il colore delle forze armate ucraine. (Nota del traduttore: questo è il video)

Ora stanno cercando attivamente di rimuovere questo video dalla rete. La palese provocazione è evidente anche nella natura del filmato ora attivamente discusso in Occidente, che tenta di far passare i morti come vittime delle forze russe.

“Tutti i cadaveri le cui immagini sono state diffuse dal regime di Kiev non sono in rigor mortis dopo almeno quattro giorni, non hanno la caratteristica lividezza e le ferite non mostrano sangue secco. Tutto questo conferma inconfutabilmente che le foto e i filmati di Butsha sono un’altra messa in scena del regime di Kiev per i media occidentali, come è successo a Mariupol con l’ospedale di maternità e in altre città”, ha spiegato Konashenkov.

Ma naturalmente nessuno voleva scoprire la verità. La Gran Bretagna ha attaccato la Russia per prima, con il ministro degli Esteri Truss che ha affermato che le truppe russe stavano attaccando civili innocenti, e sta raccogliendo materiale per un tribunale all’Aia. Il presidente francese Macron ha scritto in piena campagna elettorale che il governo russo deve rispondere dei crimini in Butscha. Il cancelliere tedesco Scholz ha minacciato nuove sanzioni, mentre il primo ministro polacco Morawiecki ha chiesto un vertice urgente dell’UE e ha criticato Berlino e Parigi per le loro concessioni alla Russia.

Nella stessa Varsavia, tuttavia, il leader della “Confederazione” euroscettica nel parlamento polacco, Korwin-Micke, ha messo in discussione la versione occidentale degli eventi di Butscha, soprattutto per quanto riguarda le fosse comuni presumibilmente ora scoperte, e ha deciso di porre una serie di domande scomode.

“Avete notato che le case sono quasi intatte? Avete mai pensato al perché le persone vengono sepolte in fosse comuni e non dai loro parenti? 280 morti su una popolazione di 36.000 persone. E perché i parenti non hanno raccolto questi corpi dalla strada?” ha chiesto Korwin-Mikke.

Ulteriori prove delle provocazioni a Butscha si possono trovare sui social media. Video del 1° aprile che non danno alcun accenno alle uccisioni di massa, comunicazioni in chat nella città del 2 e 3 aprile che discutono ogni sorta di cose – come trovare animali scomparsi, dove comprare medicine – ma non una sola parola sui civili morti. D’altra parte, si è parlato di coprifuoco, dicendo che era meglio non uscire per le strade e disturbare i militari ucraini. È scritto che questo regime è terminato bruscamente con la pubblicazione delle foto dei morti. Un comitato investigativo sta già esaminando il caso della preparazione e della distribuzione di materiali volti a screditare i soldati russi.

“Il presidente del comitato investigativo russo ha incaricato gli investigatori di prendere misure complete per identificare tutti gli individui coinvolti e valutare legalmente le loro azioni sotto il paragrafo del codice penale russo che prevede la responsabilità per la diffusione pubblica di informazioni consapevolmente false sulle azioni delle forze armate russe”, ha detto Svetlana Petrenko, portavoce del comitato.

Come al solito, Selensky era in piedi davanti al palco in Ucraina. Circondato dalle telecamere, ha detto per le strade di Butcha che la Russia ha commesso crimini di guerra e ha parlato di “genocidio”. Ha aggiunto, tuttavia, di essere ancora a favore dei negoziati di pace.

Il Pentagono ha detto che non poteva ancora confermare in modo indipendente i rapporti sull’incidente di Butscha, ma che non ci sarebbe voluto molto. Biden si è già espresso. Ancora una volta personale e poco lusinghiero per Putin e poco originale per quello che presumibilmente è successo a Butscha.

“Abbiamo bisogno di raccogliere tutti i dettagli in modo che un vero processo per crimini di guerra possa avere luogo. Questo tizio è brutale, e quello che sta succedendo a Butscha è oltraggioso”, ha detto Biden.

“Pensi che questo sia un genocidio?”

“No. Penso che sia un crimine di guerra”, ha risposto il presidente degli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, l’Occidente chiude un occhio su veri e propri crimini di guerra da parte dell’Ucraina. L’esempio più eclatante: I neo-nazisti hanno rilasciato un filmato scioccante di prigionieri di guerra russi che vengono giustiziati, colpiti alle gambe e sanguinanti a morte. Kiev ha rifiutato di rispettare la Convenzione di Ginevra sul trattamento umano dei prigionieri di guerra. Ma i russi trattano i soldati ucraini catturati in modo molto diverso e umano: Sono nutriti e curati.

In poche ore, l’Europa e gli Stati Uniti hanno già espresso un giudizio su ciò che è successo a Butscha. E l’UE ha già annunciato un’indagine. Il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato che gli investigatori saranno inviati a Butscha per lavorare con la procura generale ucraina, Europol ed Eurojust. La cooperazione con le autorità competenti in Russia non è, come al solito, nemmeno prevista.

“Un altro falso attacco è stato effettuato nella città di Butscha, nella regione di Kiev. È stato inscenato un falso attacco, propagandato dai rappresentanti ucraini e dai loro patroni occidentali su tutti i canali e le reti sociali. Abbiamo chiesto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU su questo tema perché consideriamo tali provocazioni una minaccia diretta alla pace e alla sicurezza internazionale”, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

La presidenza britannica esita sulla questione. La riunione del Consiglio sulla situazione in Ucraina avrà luogo domani.

Fonte: anti-spiegel.ru

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code