toba60

L’UNICEF in Africa ha Dato il Via allo Sterminio Vaccinale

Views: 550

Diciamocelo pure apertamente, dell’Africa non e’ mai importato nulla a nessuno, l’unica cosa che un tempo destava l’attenzione del grande pubblico, erano i Documentari che immortalavano gli Animali allo stato libero, che si sono ora adeguati allo spirito globalizzato, standosene confinati tutti nelle riserve per non scomparire definitivamente.

Le manovre destabilizzanti che siano politiche finanziarie sociali o economiche, non vengono mai sviluppate senza prima una verifica sul campo, cosi come nei paesi centro e sud americani sono un contesto ideale per creare situazioni che poi vengono trapiantate nei paesi Europei, nel caso dell’Africa si utilizza un intero continente per sperimentare ogni sorta di quello che può’ essere utile per un fine che e’ sempre secondario in riferimento a ciò’ che viene dato a credere.

Un solo dato dovrebbe essere preso in considerazione, basterebbe investire il 10% di tutto quello che viene speso ogni anno dalle case farmaceutiche (Ricerca e Sviluppo dei vaccini) per sanare il bilancio commerciale di tutti i paesi africani, che potrebbero cosi finalmente ristrutturare l’intero continente senza bisogno di chiedere aiuto a nessuno.

Tra il 2006 e il 2015, tra le prime grandi società quotate in borsa in base alla classifica stilata da Standard & Poor’s, diciotto appartenevano al settore farmaceutico. Queste diciotto big companies in quel periodo hanno macinato utili pari a 525 miliardi di dollari, ma di questi ben 516 miliardi sono stati ridistribuiti direttamente agli azionisti. «Parliamo di quasi il 99% degli utili dato in mano agli azionisti.

Oggi con l’avvento del Covid-19 lascio a voi ogni considerazione, ma potete immaginare come i numeri siano saliti a livelli inimmaginabili.

Le ripercussioni non dimentichiamolo, hanno un impatto ad effetto domino, per cui spesso il limitarsi a considerare il singolo problema, e’ come pensare che una volta eliminato il Covid-19 tutto tornerà’ come prima.

Toba60

Sterminio Vaccinale Africano

Nel 2014, un rapporto pubblicato dall’UNICEF ha rivelato che, a causa di un focolaio di poliomielite in Kenya, l’ente di beneficenza aveva deciso che era giunto il momento di intensificare i loro sforzi per contenere la malattia. Secondo i loro rapporti, il modo più efficace per aumentare l’immunità dei bambini era vaccinarli con una combinazione sia orale (OPV) che il vaccino antipolio iniettabile (IPV) contemporaneamente.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), “Ci sono due tipi di vaccini che proteggono contro la poliomielite: vaccino inattivato contro il poliovirus (IPV) e vaccino contro il poliovirus orale (OPV). L’IPV viene somministrato come iniezione nella gamba o nel braccio, a seconda dell’età del paziente. Vaccino antipolio può essere somministrato contemporaneamente ad altri vaccini.” In un primo momento, sembrava che due gruppi di bambini dovevano essere vaccinati.

Il primo gruppo riceverà l’OPV e il secondo l’IPV riceverebbe l’IPV. Tuttavia, divenne ben presto evidente che non era così e che, di fatto, l’UNICEF aveva intenzione di vaccinare i bambini con una combinazione di entrambi i vaccini. L’UNICEF ha scritto che: “Questa volta stiamo includendo il vaccino antipolio iniettabile”, afferma il Dr. Samuel Oumo Okiror, Ufficiale Medico presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità. “Quando l’IPV è combinato con l’OPV, la polio diminuisce e l’immunità del gruppo target migliora molto. Vogliamo assicurarci che ci sia una migliore immunità acquisita tra i bambini. “Utilizzati insieme, i vaccini accelerano l’interruzione della trasmissione del poliovirus durante i focolai e forniscono anche una maggiore protezione complessiva dal virus.

Questo approccio non è stato utilizzato in precedenza in alcuna risposta alle epidemie.” (enfasi aggiunta) Sapendo che questa combinazione potrebbe essere potenzialmente pericolosa per la vita, ho deciso di guardare il video che è stato pubblicato insieme al rapporto per vedere se avevo letto correttamente i loro documenti. Non passò molto tempo prima che la scioccante verità cominciasse ad affondare. L’UNICEF stava infatti vaccinando i under-five non con un vaccino, ma due vaccinazioni antipolio allo stesso tempo. L’UNICEF ha dichiarato: “Per la prima volta in assoluto, nel mese di dicembre, il vaccino antipolio inattivato è stato somministrato insieme al vaccino antipolio orale e alla vitamina A nei campi profughi di Dadaab e nelle comunità di accoglienza vicine.” (enfasi aggiunta)

Un doppio strato di protezione contro la poliomielite in Africa Digita Qui

All’inizio del loro rapporto, l’UNICEF aveva scritto: “L’UNICEF e i suoi partner hanno sostenuto il Ministero della Salute keniota nell’immunizzare i bambini sotto i 5 anni a Dadaab e nelle comunità di accoglienza vicine”, tuttavia, in nessun momento durante il rapporto, l’UNICEF ha effettivamente chiarito chi fossero i loro partner.Rivelato il partenariato segreto dell’UNICEFNel 2014, un rapporto pubblicato da CTV News, ha spiegato che la Global Polio Eradication Initiative era l’organizzazione dietro il programma di vaccinazione combinata. Come previsto, l’organizzazione era costituita da una partnership tra il CDC, il Rotary International, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’UNICEF e la Bill and Melinda Gates Foundation. Nella sua relazione, l’autrice Helen Branswell ha scritto che: “Il vaccino contro la polio è stato il cavallo di battaglia dello sforzo di sradicazione sin dal suo inizio nel 1988. Economico e facile da amministrare, OPV ha protetto miliardi di bambini dalla paralisi. Ma il vaccino ha un paio di caratteristiche sgradite.

In rare occasioni un bambino che ottiene il vaccino svilupperà la poliomielite; che avviene ad un tasso di circa un caso ogni 2,7 milioni di prime dosi di OPV dato. Inoltre, i bambini vaccinati oPV versano virus nelle loro feci. In ambienti in cui l’igiene è scarsa quei virus possono diffondersi ad altri bambini, immunizzandoli troppo. Ma se i virus del vaccino continuano a circolare, possono recuperare la virulenza che è stata progettata da loro nel processo di produzione del vaccino.

E anche questi virus possono causare la paralisi.” (enfasi aggiunta) Leggendo la sua relazione, divenne presto evidente che fu a causa di queste cosiddette “caratteristiche sgradite” che Bill Gates e i suoi colleghi avevano collettivamente avuto la brillante idea che questi bambini vulnerabili dovessero essere vaccinati sia con l’OPV che con il vaccino IPV, allo stesso tempo, nel tentativo di eradicare la poliomielite. In realtà, tuttavia, la sua continua ossessione per l’eradicazione della poliomielite si era ritorta contro e invece di sradicare la malattia come previsto, Gates aveva effettivamente fatto in modo che la malattia fosse qui per rimanere. Era questo il piano fin dall’inizio?

Lo studio dimostra che la polio mievo è qui per rimanere, grazie ai vacciniNel 2012, Neetu Vashisht e Jacob Puliyel hanno pubblicato un articolo intitolato Programma Polio: divulghiamo la vittoria e andiamo avanti. In tutto il loro articolo, hanno reso molto chiaro che la poliomielite era qui per rimanere e hanno riferito che i casi di polio indotta dal vaccino avevano raggiunto un massimo storico.

Hanno scritto: “Si sperava che dopo l’eradicazione della poliomielite, l’immunizzazione potesse essere fermata. Tuttavia, la sintesi del virus della poliomielite nel 2002 ha reso impossibile l’eradicazione. Si sostiene che far spendere le loro scarse risorse nei confronti dei paesi poveri per un sogno impossibile negli ultimi 10 anni non era etico.Inoltre, mentre l’India è libera dalla polio da un anno, c’è stato un enorme aumento della paralisi flaccida non acuta da poliomielite (NPAFP). Nel 2011 ci sono stati 47.500 nuovi casi di NPAFP in più. Clinicamente indistinguibile dalla paralisi della poliomielite, ma due volte più mortale, l’incidenza di NPAFP è stata direttamente proporzionale alle dosi di poliomielite orale ricevuta.

Anche se questi dati sono stati raccolti all’interno del sistema di sorveglianza della poliomielite, non è stato studiato. Il principio del primum-non-nocere è stato violato. (enfasi aggiunta) In altre parole, i ricercatori ritenevano che la vaccinazione orale antipolio fosse direttamente responsabile dell’aumento del numero di NPAFP che venivano segnalati e per questo motivo era impossibile era l’eradicazione della poliomielite. Bambini lasciati a catena in quello che Gates chiama l’opera di Dio Tuttavia, secondo Bill Gates, sembra che lasciare i bambini vulnerabili paralizzati dalla poliomielite indotta dal vaccino sia tutto parte del piano generale di Dio perché nel gennaio 2013, Gates ha detto al mondo in un’intervista che non aveva bisogno di soldi e che credeva che il programma di vaccinazione globale fosse opera di Dio.

Gates ha detto ai giornalisti:”Siamo concentrati sull’aiuto dei più poveri del mondo, che ti spinge davvero alla vaccinazione. Si può effettivamente prendere una malattia e sbarazzarsene del tutto, come stiamo facendo con la polio”.ha detto:“Non ci impedirà di avere successo.”E ha continuato:”Ci costringe a sederci con il governo pakistano per rinnovare i loro impegni, vedere cosa faranno in materia di sicurezza e apportare modifiche per proteggere le donne che stanno facendo il lavoro di Dio, uscire da questi bambini e consegnare il vaccino.”Le sue parole sono arrivate dopo che diversi vaccine worker che somministrano la vaccinazione antipolio in Pakistan sono stati uccisi nel gennaio 2013.

Sperimentazioni cliniche identificate dal CDCAncora più scioccante, nel 2014, il CDC aveva indicato nella loro relazione, che l’intero esercizio di dare a questi bambini vulnerabili due vaccini pericolosi, invece di uno, era poco più di un “esperimento di vaccinazione”.Nel loro articolo, intitolato Combined Use of Inactivated and Oral Poliovirus Vaccines in Refugee Camps and Surrounding Communities – Kenya, dicembre 2013, durante la loro discussione, il CDC ha scritto:“Gli studi clinici hanno dimostrato che la somministrazione di IPV ai bambini che avevano ricevuto L’OPV aumenta l’immunità umorale e mucosaa ai tre sierotipi di poliovirus in modo più efficace rispetto a una dose supplementare di OPV.

Nel dicembre 2013, dopo un’epidemia di WPV1, il Ministero della Salute del Kenya ha attuato una campagna di massa con l’amministrazione combinata IPV/OPV nei campi profughi somali e nelle comunità circostanti in Kenya per aumentare i livelli di immunità della popolazione per garantire l’interruzione di qualsiasi trasmissione residua del WPV e prevenire la diffusione da potenziali nuove importazioni. Questa popolazione è stata considerata a maggior rischio a causa dell’elevato numero di casi segnalati nell’epidemia, delle precedenti importazioni di WPV e dei poliovirus derivati dai vaccini e dei frequenti movimenti di popolazione tra la Somalia e le principali città del Kenya nell’area.” (enfasi aggiunta)Se questo non era abbastanza male, l’Organizzazione Mondiale della Sanità sembrava essere d’accordo, perché hanno dichiarato che:”Il Kenya è libero dalla polio dal 2006. Ma ha sperimentato diverse importazioni di poliovirus selvaggio (WPV) causando epidemie nel 2009, 2011 e 2013.

L’ultima reintroduzione è stata l’epidemia di WPV1 del Corno d’Africa del 2013, iniziata nella vicina Somalia nell’aprile 2013. Un totale di 217 bambini sono rimasti paralizzati in tale epidemia; di cui, 14 erano a Dadaab, nel nord-est del Kenya …”L’OMS ha proseguito:“In risposta all’epidemia di WPV1 del 2013 a Dadaab, il vaccino contro il poliovirus inattivato (IPV) è stato co-somministrato con il vaccino per poliovirus orale (OPV) nei campi profughi di Dadaab e nelle comunità di accoglienza adiacenti tramite una campagna nel dicembre 2013. La co-amministrazione dell’IPV era in linea con le raccomandazioni degli strategici Advisory Groups of Experts (SAGE) e dell’Independent Monitoring Board (IMB) per l’eradicazione della polio”. (enfasi aggiunta) [8]Come il CDC, il loro rapporto lascia i lettori in dubbio che si trattava di uno studio clinico.

Ciò che rende ognuno di questi rapporti ancora più scioccante è il fatto che fino a quando questi barbari programmi di vaccinazione sono stati messi in atto, non c’era mai stato un focolaio di polio in Kenya.Nessuna polio mietino in Kenya fino a quando i vaccini, dice capo della tribù MasaiIn una recente intervista, il dottor Cass Ingram ha condiviso con me un pezzo di rari filmati che lui e il suo team avevano preso mentre lavoravano in Kenya. Il filmato includeva un’intervista che aveva condotto con il capo della tribù Masai, che è stata girata nella capanna del capo.Durante il filmato, il capo ha chiarito perfettamente che prima dell’implementazione del programma antipolio, non erano mai stati testimoni casi di poliomielite. Infatti, prima delle vaccinazioni, i Masai non avevano mai avuto nessuna delle malattie che ora hanno. La prima volta che il capo si è imbattuto in un caso di poliomielite è stato quando ha incontrato un bambino paralizzato con sua madre sei anni fa.

Dopo ulteriori discussioni, ha accettato di presentare il dottor Ingram alla madre e a sua figlia, che ritiene sia stata ferita a causa del vaccino diretto.Indignato dalle sue esperienze in Kenya e dal fatto che i bambini fossero paralizzati da vaccini costretti a loro dal loro governo, il dottor Ingram ha offerto a VacTruth l’opportunità di pubblicare questa intervista per la prima volta. Purtroppo, la qualità del filmato è scarsa; tuttavia, le parole agghiaccianti del capo più che compensare la qualità del film.

Il Dr. C. Ingram e il capo Maasai svelano la verità sulla polio indotta da vaccino Video 1 Digita Qui

In un secondo film, girato dal dottor Ingram e dal suo team, possiamo assistere in prima persona al momento in cui il capo del villaggio lo presenta al bambino ferito con il vaccino di sei anni e a sua madre per la prima volta. Mentre la madre teneva la figlia paralizzata tra le braccia, il capo tradusse mentre spiegava alla dottoressa Ingram che sua figlia era perfettamente sana fino a quando non ricevette il vaccino antipolio all’età di tre mesi. Ha detto alla dottoressa Ingram che sua figlia è stata vaccinata con l’IPV all’età di tre mesi e che lei stessa aveva ricevuto tre vaccinazioni antipolio mentre era incinta.

Ha spiegato che subito dopo che sua figlia ha ricevuto il vaccino, non era in grado di tenere la testa. Durante l’intervista, il dottor Ingram si rivolse al capo e disse: “Non c’è poliomielite nei Masai … inaudito, giusto? Voglio dire, 50 anni fa, 30 anni fa… La mamma sa se il bambino è stato dato qualcosa dal medico, hanno dato a questo bambino i vaccini? “Il capo rispose:”Hanno dato i vaccini al bambino.”Dr. Ingram ha continuato nel video clip:”Vedi, nella medicina, si suppone che prendano una storia, se il bambino è normale. Ogni bambino deve essere normale; se il bambino è normale e a tre mesi, il disastro accade, dobbiamo sapere cosa è successo a un mese, due mesi e tre mesi. Ciò significa che, se il vaccino viene somministrato e poi c’e la malattia, significa che il vaccino medico ha causato il problema.”

Il dottor Ingram scopre un caso di poliomielite indotta dalla vaccinazione nel villaggio Maasai Video 2 Digita Qui

Il filmato scioccante del dottor Ingram ci dà tutte le rare opportunità di testimoniare la realtà della situazione. Durante la sua intervista, il dottor Ingram mi spiegò che la tribù Masai era composta da circa 15 famiglie. Egli ha dichiarato: “Sono pronti a ribellarsi contro i vaccini. Non sanno, in questo momento circa il 98% di loro sono inoculati, ma sono abbastanza forti e capaci di dire, sai, gli anziani sono in grado di dire, “Sai, pensiamo che combatteremo questo.” Quindi sono contro di essa, ma penso che ci sia potenziale lì.

Come molti altri, si preoccupava del vero contenuto delle vaccinazioni e degli effetti che potevano avere sui bambini dell’Africa. ha detto:”Ci deve essere qualcuno in grado di testare questi vaccini. Se fossimo in grado di testare i vaccini i dati sarebbero inestimabili.”Naturalmente ha ragione, tuttavia, solo il dottor Ngare dell’Associazione dei Medici Cattolici Kenia ha avuto il coraggio di far testare il contenuto delle vaccinazioni antipolio. I loro test hanno rivelato che i vaccini contenevano ormoni che potevano rendere sterili le persone dell’Africa. Ci si deve chiedere se questi vaccini sono più dello stesso. Se è così, allora queste vaccinazioni hanno il potenziale per spazzare via interi villaggi. Si tratta di un ulteriore tentativo di controllo della popolazione? Dopo tutto, Gates una volta ha dichiarato durante una conferenza che “il mondo oggi ha 6,8 miliardi di persone e questo è diretto a circa 9 miliardi, ora, se facciamo un ottimo lavoro su nuovi vaccini, assistenza sanitaria, servizi di salute riproduttiva, potremmo abbassarlo di forse il dieci-quindici per cento.” (enfasi aggiunta)

Questa dichiarazione parla molto della vera agenda della Global Polio Eradication Initiative.

Christina England

Fonte: https://vactruth.com/

L'Arma Segreta della Francia in Africa
Una storia del franco CFA
€ 18,00

SUD AFRICA: il mondo in un solo paese
€ 29,00

I Vaccini sono un'Illusione
La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale. Cosa possiamo fare per riconquistare la salute
Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere
€ 8,90

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code