toba60

Smascherata la Sorprendente Frode dei Test COVID-19

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

In questo momento c’è uno stillicidio di informazioni censurate, tolte, screditate e bloccate all’origine e questo avviene in ogni settore della comunicazione, Facebook perde $ 60 miliardi di valore di mercato in due giorni e Twitter è nel buco nero della rete che si sta annichilendo da sola in un mare che e’ destinato ad essere assai tempestoso.

Vk Social

Solo nell’ultimo mese 5 articoli pubblicati su questo magazine sono stati tolti dai Social Globalisti, (Trump ne sa qualcosa) senza nemmeno una nota, come sapete gli account di toba60 sono bloccati a tempo indefinito e paradossalmente il sito e’ preso d’assalto da una moltitudine di persone che ha chiuso ogni legame con la spazzatura Marca Zuckerberg.

Vk Social sta spopolando con milioni di persone che hanno dirottato li la loro voglia di sapere e conoscere le cose come stanno realmente e Putin da San Pietroburgo……………..

Ringrazia.

Toba60

La Frode dei Test COVID-19

La pandemia COVID-19 ci ha portato molte dure lezioni. È importante sottolineare che ci ha mostrato quanto sia facile creare panico e controllare intere popolazioni con mezzi ingannevoli . In cima alla lista delle strategie ingannevoli c’è l’uso di un test che etichetta falsamente gli individui sani come malati e infettivi. Ciò consente ai test di massa di guidare la narrativa che siamo in una pandemia letale.

Ovviamente sto parlando dell’ormai famigerato test della reazione a catena della polimerasi di trascrizione inversa (RT-PCR). Il fatto è che il test PCR non è progettato per essere utilizzato come strumento diagnostico in quanto non è in grado di distinguere tra virus inattivi e virus “vivi” o riproduttivi.

Questo è un punto cruciale, poiché i virus inattivi e riproduttivi non sono intercambiabili in termini di infettività. Se hai un virus non riproduttivo nel tuo corpo, non ti ammalerai e non potrai diffonderlo ad altri. In secondo luogo, molti se non la maggior parte dei laboratori amplificano l’RNA raccolto troppe volte, il che si traduce in persone sane che risultano “positive”.

Il dettaglio cruciale che annulla la maggior parte dei risultati dei test PCR

COVID Diagnosis with PCR | Misinterpreting results | Cycle threshold explained Digita Qui

Il video sopra spiega come funziona il test PCR e come interpretiamo i risultati in modo errato. In sintesi, il tampone per PCR raccoglie l’RNA dalla cavità nasale. Questo RNA viene quindi trascritto al contrario in DNA. A causa delle sue piccole dimensioni, deve essere amplificato per diventare distinguibile. Ogni ciclo di amplificazione è chiamato ciclo e il numero di cicli di amplificazione utilizzati da un determinato test o laboratorio è chiamato soglia del ciclo (CT).

Più alto è il CT, maggiore è il rischio che sequenze insignificanti di DNA virale finiscano per essere ingrandite al punto che il test risulta positivo anche se la tua carica virale è estremamente bassa o il virus è inattivo e non rappresenta una minaccia per te o per nessun altro.

Molti scienziati hanno notato che qualsiasi cosa oltre i 35 cicli è scientificamente indifendibile. A 28 settembre 2020, lo studio sulle malattie infettive cliniche ha rivelato che quando si esegue un test PCR a una TC di 35 o superiore, l’accuratezza scende al 3%, con una percentuale di falsi positivi del 97%.

Tuttavia, un test noto come il documento Corman-Drosten e i test raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità sono impostati su 45 cicli, e la Food and Drug Administration statunitense e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano di eseguire i test PCR con un TC di 40.

La domanda è perché, considerando il consenso è che i TC superiori a 35 rendono il test inutile. Quando i laboratori utilizzano queste soglie di ciclo eccessivo, si finisce chiaramente con un numero grossolanamente sovrastimato di test positivi, quindi ciò di cui abbiamo davvero a che fare è una “casedemia” un’epidemia di falsi positivi.

Molti ora si chiedono se ciò sia stato fatto apposta per mandare in crash l’economia globale e fornire copertura per l’attuazione di ciò che è noto come il Grande Reset , che non è altro che un’acquisizione totalitaria globale da parte di tecnocrati non eletti che cercano di divorare tutte le risorse del mondo .

In effetti, sembra abbastanza chiaro che non abbiamo a che fare con una pandemia letale in alcun senso reale. Le statistiche sulla mortalità dimostrano ulteriormente che questo è il caso, poiché le statistiche generali sulla mortalità sono rimaste stabili nel 2020 e in linea con gli anni precedenti.

In altre parole, le persone muoiono di COVID-19, sì, ma la malattia non sta uccidendo un numero eccessivo di persone. Lo stesso numero di persone sarebbe morto comunque, per qualcosa. In effetti, i dati del CDC pubblicati il ​​26 agosto 2020, hanno mostrato che solo il 6% dei cosiddetti decessi per COVID-19 aveva COVID-19 elencato come unica causa nel certificato di morte.

“Per i decessi con condizioni o cause oltre a COVID-19, in media, c’erano 2,6 condizioni o cause aggiuntive per morte”, ha affermato il CDC, e una qualsiasi di quelle comorbidità avrebbe potuto uccidere quelle persone anche se COVID-19 era inesistente.

Per la precisione, è necessario utilizzare TA molto inferiori

Ora, se i TC superiori a 35 sono scientificamente ingiustificati, quanto basso dovrebbe essere utilizzato un TC? Parecchi studi hanno esaminato questo aspetto, quindi a questo punto non mancano i dati. Il fatto che l’OMS, la FDA e il CDC non abbiano ancora modificato i loro CT al ribasso alla luce di tutti questi dati ci dice che non sono interessati a ottenere un quadro preciso del tasso di infezione.

Ad esempio, uno studio dell’aprile 2020 sull’European Journal of Clinical Microbiology & Infectious Diseases ha dimostrato che per ottenere risultati positivi reali confermati al 100%, il test PCR deve essere eseguito a 17 cicli. Oltre i 17 cicli, la precisione diminuisce drasticamente.

Quando si arriva a 33 cicli, il tasso di precisione è solo del 20%, il che significa che l’80% sono falsi positivi. Oltre i 34 cicli, la possibilità che un test PCR positivo sia un vero positivo si riduce a zero.

Più recentemente, una revisione sistematica del 3 dicembre 2020, pubblicata sulla rivista Clinical Infectious Diseases, ha valutato i risultati di 29 diversi studi, tutti pubblicati nel 2020, confrontando le prove di infezione da SARS-CoV-2 con i CT utilizzati in test.

” Cinque degli studi inclusi non sono stati in grado di identificare alcun virus vivo nei casi in cui un test PCR positivo aveva utilizzato una TC superiore a 24. Inoltre, al fine di produrre una coltura di virus vivi, un paziente il cui test PCR ha utilizzato una TC pari o superiore a 35 doveva essere sintomatico. “

Come riportato dagli autori, “12 studi hanno riportato che i valori CT erano significativamente più bassi … nei campioni che producevano colture di virus vivi”. In altre parole, maggiore è la TC, minore è la possibilità che un test positivo sia effettivamente dovuto alla presenza di virus vivi (e infettivi).

“Due studi hanno riportato che le probabilità di colture di virus vivi si riducono di circa il 33% per ogni unità di aumento della TC”, hanno osservato gli autori. È importante sottolineare che cinque degli studi inclusi non sono stati in grado di identificare virus vivi nei casi in cui un test PCR positivo aveva utilizzato una TC superiore a 24. Inoltre, al fine di produrre una coltura di virus vivi, un paziente il cui test PCR ha utilizzato una TC pari o superiore 35 doveva essere sintomatico.

Quindi, per riassumere, se hai sintomi di COVID-19 e risulti positivo utilizzando un test PCR eseguito a 35 cicli di amplificazione o più, allora è probabile che tu sia infetto e contagioso.

Tuttavia, se non si hanno sintomi, ma si è risultati positivi utilizzando un test PCR eseguito a 35 CT o superiore, è probabile che sia un falso positivo e non si pone alcun rischio per gli altri poiché è improbabile che si trasporta virus vivi. In effetti, a condizione che tu sia asintomatico, è improbabile che tu sia contagioso anche se risulti positivo con un test eseguito a 24 CT o più.

Every Scary Thing You’re Being Told, Depends On the Unreliable PCR Test Digita Qui

Il video sopra include diverse interviste con esperti che hanno apertamente criticato l’uso del test PCR per diagnosticare infezioni come COVID-19. Questi includono:

L’inventore del test PCR, il compianto Kary Mullis (ha parlato del test per altre infezioni, come l’HIV, ma è morto nell’agosto 2019, pochi mesi prima dello scoppio della pandemia COVID-19)

Michael Yeadon, Ph.D., ex vicepresidente e capo consulente scientifico della compagnia farmaceutica Pfizer

Professor Carl Heneghan, direttore dell’Oxford University Centre for Evidence-Based Medicine

Professore emerito di immunologia Beda M. Stadler, ex direttore dell’Istituto di immunologia di Berna

Clare Craig, un patologo consulente

Stephen A. Bustin, professore di medicina molecolare ed esperto di fama mondiale nel test PCR

Nel 1993, Mullis ha parlato dell’uso del test PCR per diagnosticare l’HIV. Ha spiegato che tutto ciò che il test fa è amplificare le molecole in qualcosa che puoi rilevare, ma non può dirti se quelle particelle rappresentano effettivamente un rischio per la tua salute.

Sottolinea anche che, usando la PCR, puoi essenzialmente trovare qualsiasi cosa in chiunque perché la maggior parte di noi sta camminando con agenti patogeni di ogni tipo, ma il carico è troppo basso per essere preoccupante o le particelle sono solo detriti morti che non comportano rischi.

Bustin sottolinea che quando ottieni un risultato positivo usando una TC di 35 o superiore, stai guardando l’equivalente di una singola copia di DNA virale. La probabilità che ciò causi un problema di salute è minima. Anche il dottor Anthony Fauci ha ammesso che l’uso di un test PCR con una TC superiore a 35 lo rende più o meno inutile perché a quel punto stai solo rilevando nucelotidi morti. Nessun virus vivo può essere rilevato a CT così alti.

Errori irreversibili trovati nel documento su cui si basa il test PCR

Il 30 novembre 2020, un team di 22 scienziati internazionali ha pubblicato una recensione sfidando il documento scientifico sui test PCR per SARS-CoV-2 scritto da Christian Drosten, Ph.D. e Victor Corman. Il documento Corman-Drosten è stato rapidamente accettato dall’OMS e il flusso di lavoro qui descritto è stato adottato come standard in tutto il mondo.

Secondo Reiner Fuellmich, membro fondatore della commissione d’inchiesta extra parlamentare tedesca della Corona (Außerparlamentarischer Corona Untersuchungsausschuss, o ACU), Drosten è un colpevole chiave nella bufala pandemica COVID-19.

Gli scienziati chiedono che il documento Corman-Drosten venga ritirato a causa di “errori fatali” uno dei quali è il fatto che è stato scritto (e il test stesso sviluppato) prima che qualsiasi isolato virale fosse disponibile. Tutto ciò che hanno usato è stata la sequenza genetica pubblicata online dagli scienziati cinesi nel gennaio 2020.

Il fatto che il documento sia stato pubblicato solo 24 ore dopo la sua presentazione suggerisce anche che non è stato nemmeno sottoposto a revisione tra pari. In un’intervista a Undercover DC, Kevin Corbett, Ph.D., uno dei 22 scienziati che ora stanno chiedendo la ritrattazione dell’articolo, ha dichiarato:

“Ogni logica scientifica per lo sviluppo di quel test è stata completamente distrutta da questo articolo. È come Hiroshima / Nagasaki al test COVID.

Quando Drosten ha sviluppato il test, la Cina non aveva fornito loro un isolato virale. Hanno sviluppato il test da una sequenza in una banca genetica. Vedi? La Cina ha fornito loro una sequenza genetica senza un isolato virale corrispondente. Avevano un codice, ma nessun corpo per il codice. Nessuna morfologia virale.

Al mercato del pesce è come darti qualche lisca e dire “questo è il tuo pesce”. Potrebbe essere un pesce qualsiasi … Ascolta, il giornale Corman-Drosten, non c’è niente di un paziente in esso. Viene tutto dalle banche genetiche. E i pezzi della sequenza del virus che non c’erano li hanno inventati.

Li hanno creati sinteticamente per riempire gli spazi vuoti. Ecco cos’è la genetica; è un codice. Quindi, è ABBBCCDDD e ti manca qualcosa, quello che pensi sia EEE, quindi lo metti in … Questo è fondamentalmente un virus informatico.

Ci sono 10 errori fatali in questo test di Drosten … Ma ecco la conclusione: non c’era nessun isolato virale per convalidare ciò che stavano facendo. I prodotti della PCR dell’amplificazione non corrispondevano a nessun isolato virale in quel momento. Io lo chiamo “scienza dell’anello della ciambella”. Non c’è niente al centro di esso. Si tratta di codice, genetica, niente a che fare con la realtà …

Da allora ci sono stati documenti che affermavano di aver prodotto isolati virali. Ma non ci sono controlli per loro. Il CDC ha prodotto un documento a luglio … dove hanno detto: “Ecco l’isolato virale”. Sai cosa hanno fatto? Hanno tamponato una persona. Una persona, che era stata in Cina e aveva sintomi di raffreddore. Una persona. E presumevano che avesse [COVID-19] per cominciare. Quindi, è tutto pieno di buchi, l’intera faccenda.

La conclusione della revisione si legge, in parte:

“La decisione di riconoscere gli errori evidenti nel documento Corman-Drosten ha il vantaggio di ridurre notevolmente i costi umani e le sofferenze future. Non è nel migliore interesse di Eurosurveillance ritirare questo documento? La nostra conclusione è chiara. Di fronte a tutti gli enormi difetti ed errori di progettazione del protocollo PCR qui descritti, concludiamo: non è rimasta molta scelta nel quadro dell’integrità e della responsabilità scientifica “.

La critica contro i test PCR è ulteriormente rafforzata da uno studio del 20 novembre 2020 su Nature Communications, che non ha trovato alcun virus vitale nei casi positivi alla PCR. Lo studio ha valutato i dati di 9.865.404 residenti di Wuhan, in Cina, che erano stati sottoposti a test PCR tra il 14 maggio e il 1 giugno 2020.

Un totale di 300 risultati positivi ma senza sintomi. Delle 34.424 persone con una storia di COVID-19, 107 sono risultate positive una seconda volta. Tuttavia, quando hanno eseguito colture di virus su questi 407 individui che erano risultati positivi (per la prima o la seconda volta), nessun virus vivo è stato trovato in nessuno di loro!

I test sugli anticorpi sono ugualmente inaffidabili

Anche i test anticorpali si stanno rivelando avere la loro parte di problemi di qualità. Se hai anticorpi contro SARS-CoV-2, questa sarebbe la prova che il tuo sistema immunitario ha superato con successo il virus ad un certo punto in passato. Tuttavia, il test degli anticorpi COVID-19 può anche risultare positivo se si dispone di anticorpi contro i comuni virus del raffreddore.

Il 30 giugno 2020, il CDC ha ammesso che una precedente esposizione ai coronavirus responsabili del comune raffreddore può risultare in un test anticorpale COVID-19 positivo, anche se non sei mai stato esposto specificamente a SARS-CoV-2.

La grazia salvifica è che gli studi suggeriscono che gli anticorpi prodotti in seguito all’esposizione ai coronavirus che causano il comune raffreddore sembrano fornire anche una resistenza generale e duratura contro SARS-CoV-2.

Uno di questi studi, il pubblicato il 14 maggio 2020 sulla rivista Cell, ha rilevato che il 70% dei campioni di pazienti che si erano ripresi da casi lievi di COVID-19 aveva una resistenza alla SARS-CoV-2 a livello di cellule T, così come il 40-60% delle persone che non erano state esposte a SARS-CoV-2.

Secondo gli autori, questo suggerisce che esiste un “riconoscimento delle cellule T cross-reattive tra i coronavirus circolanti del” raffreddore comune “e SARS-CoV-2”. In altre parole, se ti sei ripreso da un comune raffreddore causato da un particolare coronavirus, il tuo sistema immunitario umorale potrebbe attivarsi quando incontri SARS-CoV-2, rendendoti così resistente a COVID-19.

Un altro studio ha scoperto che gli anticorpi specifici per SARS-CoV-2 si trovano solo nei casi più gravi – circa 1 su 5. Quindi, un test anticorpale negativo non esclude necessariamente la possibilità che tu sia stato infettato e non ammalarsi. In effetti, questa scoperta suggerisce che il COVID-19 potrebbe effettivamente essere cinque volte più diffuso di quanto sospettato e cinque volte meno mortale del previsto.

In una lettera all’editore pubblicata nel numero del 1 luglio 2020 di American Family Physician, Drs. Mark Ebell, vicedirettore per la medicina basata sull’evidenza per la rivista, e Henry Barry, hanno esaminato alcuni dei dati disponibili, osservando che:

“Quando si valuta se i pazienti hanno avuto una precedente infezione e possono essere immuni, è importante evitare falsi positivi in ​​modo che i pazienti non pensino di essere immuni quando non lo sono.

La tabella 1 riassume i tassi di falsi positivi a diverse prevalenze di popolazione per il test Cellex e per un test ipotetico sensibile al 90% e specifico al 99%. A prevalenze di popolazione relativamente basse, che probabilmente riflettono le condizioni attuali negli Stati Uniti e altrove, potremmo sostenere che i tassi di falsi positivi sono inaccettabilmente alti con il test Cellex “.

Ebell e Barry hanno sottolineato che molti dei test sugli anticorpi che hanno l’approvazione provvisoria della FDA non sono ancora stati valutati per l’accuratezza. Hanno anche raccomandato ai laboratori di riportare i risultati dei test “in un modo che rifletta la prevalenza della popolazione locale sulla base di test diffusi e includa il tasso di falsi positivi”, poiché queste informazioni “sono necessarie per aiutare i medici di famiglia a informare meglio il processo decisionale condiviso riguardo a precedenti infezioni e tornare al lavoro oa scuola “.

Al momento, sarebbe difficile trovare qualcuno che includesse quei dati nei loro rapporti e, per come stanno andando le cose, non tratterrei il respiro in attesa che tali numeri utili vengano inclusi anche in futuro.

È giunto il momento di porre fine alla truffa dei test di massa

Se la stragrande maggioranza delle persone che risultano positive al test per l’infezione da COVID-19 non ha sintomi, non si sente e non sembra malata, COVID-19 è davvero una malattia “mortale”? Oppure è più simile all’HPV, un’infezione virale che la maggior parte delle persone ha senza saperlo e che il 90% è in grado di eliminare senza trattamento?

La principale giustificazione per i tirannici interventi governativi del COVID-19 era di rallentare la diffusione dell’infezione in modo che le risorse ospedaliere non venissero sopraffatte, causando la morte di persone per mancanza di cure mediche.

Questi interventi non miravano a fermare del tutto la diffusione o anche a ridurre il numero di persone che alla fine sarebbero state infettate. Certamente non sono mai stati concepiti per prevenire ogni morte. Qualsiasi analisi razionale concluderebbe rapidamente che questo semplicemente non è possibile, in nessuna circostanza.

Gli ordini di soggiorno a breve termine e le chiusure di attività commerciali avevano solo lo scopo di rallentare la diffusione in modo che, alla fine, l’immunità di gregge acquisita naturalmente il tipo migliore ne avrebbe impedito il riemergere. Eppure i pali della porta continuano a spostarsi man mano che procediamo.

I blocchi di due settimane si sono trasformati in mesi in alcune aree. Alla fine, ci è stato detto che tutto sarebbe tornato alla normalità non appena fosse stato disponibile un vaccino. Ma una volta che i vaccini hanno iniziato a essere lanciati, la narrativa è cambiata di nuovo e ci è stato detto che avremmo ancora bisogno di maschere, distanze sociali e blocchi fino al 2021 o addirittura al 2022 anche con un vaccino. Cosa sta succedendo esattamente?

L’unica ragione razionale per cui gli interventi del governo continuano è perché hanno lo scopo di erodere le nostre libertà personali e civili e trasferire ricchezza a tecnocrati non eletti che controllano la narrativa della pandemia. È tutta una questione di paura basata su una combinazione di dati manipolati selvaggiamente e test imperfetti.

A parte i dati dei test PCR, non ci sono prove di una pandemia letale. Come accennato, anche se esiste qualcosa come COVID-19, e le persone ne sono affette e ne muoiono, non ci sono morti in eccesso dovute ad esso. La mortalità totale per il 2020 è normale.

Quindi, a meno che non pensiamo di dover chiudere il mondo e smettere di vivere perché le persone muoiono di malattie cardiache, diabete, cancro, influenza o qualsiasi altra cosa, allora non c’è motivo di chiudere il mondo perché alcune persone muoiono per COVID-19 .

Cosa puoi fare

La buona notizia è che la bufala sta iniziando a essere smascherata. Nel novembre 2020, una corte d’appello portoghese ha stabilito 39 , 40 che il test PCR “non è un test affidabile per SARS-CoV-2” e che “un singolo test PCR positivo non può essere utilizzato come diagnosi efficace di infezione”. Pertanto, “qualsiasi quarantena forzata basata sui risultati è illegale”. La corte ha anche osservato che costringere le persone sane ad autoisolarsi potrebbe essere una violazione del loro diritto fondamentale alla libertà.

Come descritto in ” Scandalo di frode contro il Coronavirus – La più grande battaglia è appena iniziata ” e ” Gli avvocati tedeschi avviano un contenzioso contro il Coronavirus di azione collettiva “, sono previsti anche ulteriori casi legali, che aiuteranno a smascherare la frode perpetrata. Per quanto riguarda quello che puoi fare nel frattempo, considera:

  • Disattivare le notizie dei media tradizionali e rivolgersi a esperti indipendenti: fai la ricerca. Leggi la scienza.
  • Continua a contrastare la censura ponendo domande: armati di statistiche sulla mortalità e fatti sui test PCR, in modo da poter spiegare come e perché questa pandemia semplicemente non è più una pandemia.
  • Se sei un professionista medico, soprattutto se sei un membro di una società professionale, scrivi una lettera aperta al tuo governo, esortandolo a parlare e ascoltare le raccomandazioni di esperti indipendenti.
  • Firma la dichiarazione di Great Barrington , che chiede la fine dei blocchi.
  • Unisciti a un gruppo in modo da poter avere supporto – Esempi di gruppi formati per combattere contro il superamento del governo includono Us for Them , un gruppo che promuove la riapertura delle scuole e la protezione dei diritti dei bambini nel Regno Unito, e la Freedom to Breathe Agency , un team di avvocati statunitensi , medici, imprenditori e genitori che lottano per proteggere la libertà e la libertà.

Dr. Mercola

Fonte: articles.mercola.com

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code