toba60

Microchip il Cavallo di Troia Globalista

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Dopo due anni ancora nessuno ha ancora avuto il coraggio di dire che quello che viene inoculato alle persone non è un vaccino.

Dire ad una persona che gli asini volano e dire che la Pfizer, Astra Zeneca Johnson&Johnson o Glaxo Smith Kline sono al servizio della salute pubblica, è oggettivamente alla luce di fatti inequivocabili che sono sotto gli occhi di tutti la stessa cosa……con la differenza che ….i somari ancora nessuno li ha visti, ma gli effetti devastanti….

……dell’elisir di lunga vita …..Si

Toba60

Perché Collegare la Dichiarazione di Roma alla Legge Europea sui Microchip se non per Controllare le Persone Attraverso una Rete Connessa?

Il 20 gennaio, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato una nuova legge europea sui microchip in un discorso speciale all’Agenda di Davos. La legge, che sarà proposta all’inizio di febbraio, mira ad aumentare la produzione di microchip in tutto il continente in risposta alla crescente domanda e a ridurre la dipendenza dai fornitori extraeuropei.

“Il bisogno di microchip dell’Europa raddoppierà nel prossimo decennio”, ha spiegato von der Leyen. “Ecco perché dobbiamo alzare radicalmente l’asticella per l’Europa nello sviluppo, nella produzione e nell’uso di questa tecnologia chiave. La quota di mercato globale dell’Europa nel settore dei semiconduttori oggi è solo del 10%, ha detto il presidente von der Leyen.

La maggior parte delle forniture proviene da una manciata di produttori al di fuori del continente. “Entro il 2030, il 20% della produzione mondiale di microchip dovrebbe essere in Europa”, ha detto von der Leyen. “Bisogna tener conto del fatto che la produzione propria del mondo raddoppierà. Questo significa quadruplicare l’attuale produzione europea”.

L’offerta ha lottato per tenere il passo con la domanda, soprattutto perché la pandemia ha aumentato il bisogno di prodotti high-tech necessari per consentire il lavoro a distanza. Ma rispondere richiede tempo, ha detto a Wired il professore della Harvard Business School David Yoffie. I problemi della catena di approvvigionamento hanno anche aggravato le difficoltà di produzione, dato che il costo di spedizione dei prodotti in tutto il mondo è aumentato bruscamente dall’inizio della pandemia di Covid-19.

“Il digitale è una questione decisiva”, ha insistito Ursula von der Leyen nel suo discorso annuale sullo Stato dell’Unione, nel caso non fosse chiaro nonostante la moltiplicazione di regolamenti in cantiere (legge sui mercati digitali, legge sui servizi digitali, legge sull’intelligenza artificiale). Ha ribadito l’importanza di investire nella sovranità digitale europea.

“Il digitale è una questione decisiva”, ha insistito Ursula von der Leyen nel suo discorso annuale sullo stato dell’Unione europea, nel caso non fosse chiaro nonostante la moltiplicazione di regolamenti in cantiere (Digital Markets Act, Digital Services Act, Artificial Intelligence Act). Ha ribadito l’importanza di investire nella sovranità digitale europea.

La presidente della Commissione europea ha dedicato parte della sua presentazione ai semiconduttori, “i minuscoli microchip che fanno funzionare tutto, dagli smartphone agli scooter elettrici, dai treni alle fabbriche”. Non c’è digitale senza chip. Un mercato in cui la quota europea del design e della produzione globale è diminuita.

Discorso speciale diursula Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, 20 gennaio 2022. [Versione inglese]

Dopo il discorso di Ursula von der Leyen, il fondatore del World Economic Forum, Klaus Schwab, si è unito a lei per parlare dell’European Chips Act e della “Dichiarazione di Roma” decisa al vertice mondiale sulla salute il 21 maggio 2021. Klaus Schwab ha detto: “Vorrei sottolineare ciò che lei ha detto sulla legge europea sui chip, perché è un passo importante per creare un cervello sofisticato per la digitalizzazione e per averlo localizzato in qualche misura in Europa, e anche il suo riferimento alla Dichiarazione di Roma, (…) lanciata de facto all’interno del club delle relazioni globali. (L’interprete francese la traduce come “materia fisica”, mentre Schwab dice: “cervello sofisticato per la digitalizzazione”).

Confronta la versione francese con quella inglese, a 22:32 min). La Dichiarazione di Roma contiene principi internazionali per rispondere alle future crisi sanitarie, assicurando efficienza e determinazione nel settore sanitario. Allora perché collegare la Dichiarazione di Roma alla legge europea sui microchip, se non per stabilire e perpetuare il passaporto vaccinale per le future crisi sanitarie?

Al vertice mondiale sulla salute, tenutosi a Roma il 21 maggio 2021, i leader del G20, i capi delle organizzazioni internazionali e regionali e i rappresentanti delle agenzie sanitarie mondiali hanno adottato la “Dichiarazione di Roma”, impegnandosi su principi comuni per combattere, prevenire e prepararsi a future pandemie. La dichiarazione congiunta afferma:

Riaffermiamo che la pandemia rimane una crisi sanitaria e socio-economica globale senza precedenti, con effetti diretti e indiretti sproporzionati sui più vulnerabili, donne, ragazze e ragazzi, così come i lavoratori in prima linea e gli anziani. Non finirà finché tutti i paesi non saranno in grado di controllare la malattia e quindi l’immunizzazione su larga scala, globale, sicura, efficace ed equa, insieme ad altre misure di salute pubblica appropriate, rimane la nostra massima priorità, insieme a un ritorno a una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva.

Riconoscere l’impatto molto negativo della pandemia sul progresso verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs). Riaffermiamo il nostro impegno a raggiungerli per rafforzare gli sforzi per ricostruire meglio (come nella risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite dell’11 settembre 2020) e il Regolamento sanitario internazionale 2005 (IHR), che insieme miglioreranno la resilienza e i risultati di salute globale.

Sottolineare l’urgente necessità di intensificare gli sforzi, anche attraverso sinergie pubblico-privato e sforzi multilaterali, per migliorare l’accesso rapido, globale ed equo a strumenti COVID-19 sicuri, efficaci ed economici (vaccini, terapie, diagnostica e dispositivi di protezione, di seguito “strumenti”). Riconoscere la necessità di sostenere questi sforzi per rafforzare i sistemi sanitari, ricordando il vertice speciale del G20 del 26 marzo 2020.

C’è ancora qualcuno su questo pianeta che crede che la “vaccinazione obbligatoria” del veleno RNA messaggero ottenuta attraverso l’estorsione, la coercizione, la minaccia e la segregazione come viene fatta dal governo caquiste – (caquistes in francese, pronunciato [kaˈkist] o [kaˈkis]), una parola che deriva dalla pronuncia francese delle iniziali del partito. in Quebec) abbia qualcosa a che fare con la salute pubblica?

Non c’è più bisogno di chiedersi perché i governi insistono a iniettare l’intera popolazione mondiale senza eccezione, anche se tutti sanno già che la “pandemia” sta diventando una semplice “malattia endemica” grazie alla variante Omicron. Il vero obiettivo è quello di iniettare nanoparticelle in tutti gli individui, che permetterà loro di essere collegati e controllati attraverso una vasta rete tentacolare satanica appartenente ai globalisti, conducendoli direttamente alla grande Bestia dell’evento.

L’iniezione del veleno nanotecnologico mRNA ha tutto a che fare con l’asservimento della popolazione e la sua sottomissione al governo totalitario attraverso le tecniche di tortura psicologica e di condizionamento mentale, illustrate da Albert Biderman nella sua famosa lettera.

Guyboulianne

Fonte:guyboulianne.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code