toba60

Moderne Forme di Schiavitù

I problemi del mondo sono sempre stati tanti e alcuni sono ricorrenti, per cui nessuno ne tiene conto eppure sono la radice di tutti i mali che a tutt’oggi devastano l’umanità.

Se’ e’ disposti a fare un ”sit-in” in piazza per i diritti Gay ma nessuno che abbia mai neanche lontanamente considerato che più di 12.000.000 di persone sul pianeta vivono in schiavitù, forse la loro unica ancora di salvezza potrebbe essere quella di essere omosessuali e qualcuno presterebbe loro attenzione .

E’ la nuda realtà’ della propaganda che distrae le masse dai reali problemi della vita, a vantaggio delle élite che trovano assai redditizio e vantaggioso questo stato di cose.

Sono riusciti a far diventare il Covid un problema, dove nel mondo più di 98.000.000 di bambini, di età compresa tra 6 e 14 anni, sono costretti a lavorare.

Hai il Covid? ….e di che ti lamenti, sei stato fortunato! ti poteva succedere di peggio ……domandalo a loro.

Toba60

La Schiavitù

“La schiavitù esiste oggi ed è tempo di conoscere lo sfruttamento disumano che le persone stanno vivendo nelle nostre comunità”. Frederick Douglas

La tratta degli schiavi è chiamata la tratta degli schiavi. Questo commercio si è sviluppato parallelamente alla schiavitù. Oggi non è fatto almeno ufficialmente, mentre, ufficiosamente, sembra che in alcuni paesi esista ancora. La tratta degli schiavi è una delle più antiche forme di commercio umano. Tuttavia, conobbe una grande crescita dopo il XV secolo. L’Africa divenne un centro della tratta degli schiavi con gli Stati Uniti d’America come luogo di spedizione. Tutti i neri che vivono oggi nel continente americano provengono dalla tratta degli schiavi.

La tratta degli schiavi, dal 1580 circa fino al 1900, fu praticata da tutti i popoli “civilizzati” d’Europa, come i portoghesi e gli spagnoli (che furono anche i primi ad avviarla) a cui seguirono francesi, inglesi, Belgi, olandesi, americani, ecc. La tratta degli schiavi nel suo periodo di massimo splendore superava i 20.000 pezzi umani ogni anno. Da Cape Lopez solo nel 1875, più di 4.000 teste furono vendute ogni anno.

Gli schiavi furono inviati in America per coltivare i campi dei coloni e soprattutto i campi intorno al Mississippi, dove veniva seminato cotone. La tratta degli schiavi, sia su una sponda dell’Atlantico che sull’altra, era effettuata da compagnie commerciali organizzate, molte delle quali sono rimaste come nomi fino ad oggi e sono, ovviamente, impegnate in altri tipi di commercio. Il 2 dicembre è stato designato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1949 come Giornata internazionale per l’abolizione della schiavitù.

Moderne forme di schiavitù

Nonostante il fatto che nell’uomo moderno sembri impossibile tenere i servi incatenati nel suo magazzino, distoglie facilmente lo sguardo dallo sfruttamento infantile che sa sta accadendo, vaga per un po ‘nelle notizie le navi che stanno affondando nel loro viaggio segreto e gode dei servizi Elegant girl from the Eastern Bloc.

Traffico

La tratta di esseri umani secondo il Protocollo delle Nazioni Unite “sulla prevenzione, soppressione e punizione della tratta di esseri umani, in particolare donne e bambini” è definita come “il reclutamento, il trasferimento, il trasferimento, l’alloggio o l’accoglienza di persone attraverso minacce o l’uso della forza o altre forme di coercizione, rapimento, frode, inganno, abuso di potere o vulnerabilità, o il pagamento o l’accettazione di pagamenti o altri benefici per ottenere il consenso di una persona che esercita il controllo su un’altra persona a scopo di sfruttamento. Lo sfruttamento comprende almeno lo sfruttamento della prostituzione o altre forme di sfruttamento sessuale. “

All’inizio del 21 ° secolo, la tratta delle donne è una forma di schiavitù moderna poiché in altri tempi le donne vittime rimangono “proprietà” dei trafficanti vittime di tratta, private dei diritti fondamentali nella vita privata e pubblica in quanto vivono in uno stato di illegalità e quindi esclusione e sono obbligati a lavorare in qualsiasi condizione anche quando la loro salute è peggiorata.

Secondo l’Unesco, più di 12.000.000 di persone sul pianeta vivono in schiavitù. L’Europa sviluppata sta accettando l’afflusso di donne dagli stati orientali del continente, che vengono trasportate e vivono in schiavitù. 3.000 donne vengono ammesse in Israele ogni anno e prostituite. Secondo le stime del 2004, ci sono 25.000 schiavi moderni in Brasile.

Lavoro minorile

I minori sono costretti a lavorare, pagando poca o nessuna paga, e ci sono condizioni e situazioni non adatte alla loro età, mentre la stragrande maggioranza non riceve l’istruzione e l’intrattenimento di cui godono i loro coetanei gratuiti. Secondo le organizzazioni internazionali, più di 98.000.000 di bambini, di età compresa tra 6 e 14 anni, sono costretti a lavorare.

Schiavitù sessuale

Comprende varie pratiche, come lo sfruttamento sessuale della vittima da parte di un essere, la prostituzione forzata, la vendita per matrimonio, ecc. Per sua stessa natura, la schiavitù significa che lo schiavo è de facto a disposizione del proprietario per il sesso. In effetti, nella maggior parte delle società, la schiavitù non era considerata adulterio. La schiavitù sessuale è vietata in tutto il mondo ma è ancora una forma di sfruttamento costante degli altri esseri umani, con stime di vittime che vanno da poche centinaia di migliaia a decine di milioni ogni anno.

Schiavitù per origine

In alcune parti del mondo, specialmente in Africa, la schiavitù può essere tramandata di generazione in generazione. Forse lo schiavo aveva qualche debito per il quale ha ipotecato se stesso e la sua famiglia, o semplicemente ha avuto la sfortuna di nascere in una casta di schiavi.

Le vittime di questa forma di schiavitù sono stimate in circa 14.000.000 in tutto il mondo.

Lisa Kristine Foto che testimoniano la schiavitù moderna Video Qui

Lavoro forzato

Si stima che i 12-13 milioni di persone nel mondo che sono in qualche modo costrette a lavorare a beneficio di terzi, con una paga minima o nulla e solitamente sotto minaccia di violenza per se stesse o per i propri cari, guadagnino 31,6 miliardi di dollari all’anno.

Elementi importanti per la schiavitù moderna.

Schiavitù: costringere a lavorare gratuitamente con la minaccia di violenza fisica o psicologica e incapacità di rilascio.

Le stime indicano il numero potenziale di schiavi a 97.000.000.

La maggior parte si trova in Asia e Africa.

Più di 84.500 schiavi attraversano il confine degli Stati Uniti ogni anno e vengono convogliati in più di 90 città.

Gli schiavi lavorano nei campi, bordelli, ristoranti, miniere, case, ecc.

Il costo medio di uno schiavo non supera i 40 dollari.

I profitti del commercio di carne in Africa superano i 5,6 miliardi di dollari.

Più di 1.920.000 persone sono schiave in Africa e in Medio Oriente.

Un bambino haitiano su dieci vive in schiavitù.

Più di 16.000 schiavi sono stati recentemente liberati in Brasile

Quarantamila donne vengono trasportate in Giappone ogni anno.

Stazioni la storia della schiavitù

6.800 aC: la prima grande città si sviluppa in Mesopotamia. Le prime guerre portano con sé i perdenti come schiavi.

Il 2.575 a.C. gli egiziani invadono le terre vicine e raccolgono schiavi.

La repubblica dell’antica Atene aveva 30.000 schiavi nelle sue miniere. Le forze del tempo hanno seguito lo stesso percorso.

Si stima che metà della popolazione di Roma fosse composta da schiavi.

Il 1000 a.C. La schiavitù era una parte importante dell’economia britannica.

Nel 1550 il dipinto rinascimentale raffigura le genti del tempo con i loro schiavi.

Nel 1781 l’imperatore romano Giuseppe II abolì l’istituto dei proprietari di schiavi nell’area degli Asburgo.

Il 26 agosto 1789, durante la Rivoluzione francese, l’Assemblea nazionale adottò la Dichiarazione dei diritti dell’uomo, basata sulle idee del filosofo francese Jean-Jacques Rousseau. Il primo dei suoi 17 articoli afferma: “Le persone nascono e rimangono libere e hanno uguali diritti”.

Nel 1803 la Danimarca divenne il primo paese europeo a vietare la tratta degli schiavi dall’Africa.

Nel 1807 il parlamento britannico emanò un divieto al trasporto di schiavi da parte delle navi britanniche. Negli anni successivi seguono altri paesi europei.

Nel 1833 la Gran Bretagna abolì l’istituzione della schiavitù nelle sue colonie.

Nel 1861 lo Zar di Russia, Alessandro II, liberò 50.000.000 di schiavisti.

Nel 1863 negli Stati Uniti, il presidente George Lincoln ha legiferato la liberazione degli schiavi.

Nel 1863 la regola d’oro liberò 725.000 schiavi in ​​Brasile.

Il 4 maggio 1910 viene firmato a Parigi il Trattato internazionale sulla cessazione del commercio di carne bianca. Secondo lei, la prostituzione delle donne minorenni è vietata.

Hosting WordPress

Nel 1918, il governo britannico di Hong Kong stimò che la maggior parte delle famiglie benestanti tenesse un figlio minorenne come schiavo domestico. Nel 1923 emanò il divieto di vendita di schiavi minorenni.

Nel 1926 la Società delle Nazioni approva il Trattato contro la schiavitù. Secondo lei, la schiavitù è definita come “l’esercizio in una persona di uno o tutti i diritti di proprietà”.

Nel 1927 la schiavitù in Sierra Leone fu abolita.

La seconda guerra mondiale ripristinò la pratica della schiavitù in Germania, Giappone e altri paesi.

Nel 1980 la schiavitù rimase un problema in Mauritania nonostante l’abolizione dell’istituzione per la quarta volta.

Nel 1989, il Fronte islamico internazionale ha preso il controllo del Sudan e ha lanciato un’offensiva militare, arrestando gli abitanti dei villaggi nel sud del paese, privandoli della loro libertà.

La fotografa Lisa Kristine ha trascorso tutta la sua carriera viaggiando negli angoli più remoti del mondo, attraversando 100 paesi in totale, per catturare le comunità indigene vulnerabili. Tuttavia, fino al 2009 era completamente all’oscuro dell’esistenza della moderna tratta degli schiavi. Fino a quando non si è trovato a una mostra al Summit di Vancouver sulla schiavitù sempre più prospera, rendendosi conto che 27 milioni di persone nel mondo vivono in schiavitù.

Quando Kristine è stata informata di tutto ciò che non sapeva fino ad allora, è quasi svenuta. Si è immediatamente unito al team di difesa “Free The Slaves” e ha avviato un progetto che cattura le dimensioni schiaccianti della moderna tratta degli schiavi. Guarda alcune delle foto scioccanti di Lisa Kristine.

Nella maggior parte dei casi, Kristine aveva meno di 10 minuti per scattare una foto. Se un custode o un proprietario di schiavi la localizzasse, sarebbe in pericolo, così come gli schiavi.

Goditi la cultura dell’animale umano!

Terrapapers

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code