toba60

La Guerra e le Guerre

L’ipocrisia delle masse e la propensione a non voler conoscere la storia e i fatti per come sono è il male endemico che colpisce una società’ vincolata alle regole di un neoliberismo imperante nel mondo.

Fate una prova….. posizionatevi davanti ad una cartina fisica dove non si possono identificare i confini di un determinato stato e poi indicate con il dito dove si trova l’Ucraina.

Scommetto che solo l’1% è in grado di poter indicare il punto esatto del luogo di destinazione, la cosa può apparire insignificante a chiunque, eppure la sostanza di tutto quello che e’ importante sapere parte da questi piccoli dettagli che poi finiscono per inibire la capacità di dare un senso ed un significato a tutto ciò che risulta poi essere fondamentale.

Toba60

La Guerra

“La guerra non nasce mai all’improvviso e non si diffonde mai istantaneamente”
(Karl Von Clausewitz)

Una guerra a 3.129 chilometri di distanza (Barcellona – Kiev) tra persone dalla pelle bianca sta infiammando i media scritti e visivi, con un linguaggio terrificante derivato da quello usato nella recente pandemia. Ora il cattivo non è un virus, ora gli è stato dato un nome e un cognome e caratterizzato come una bestia selvaggia: è un criminale, dicono, fa bombardare le città, dicono, dobbiamo reagire tutti, dicono.

Come per l’armamentario della pandemia, quando agli arresti domiciliari si usciva al balcone o alla finestra per applaudire senza sapere chi o cosa, e quando nelle scuole i bambini venivano spaventati e portati via dai loro nonni sotto la minaccia di terribili conseguenze se disobbedivano, ora è il momento di affiggere manifesti che dicono no alla guerra, Putin l’assassino, e anche nelle scuole, dove i funzionari dell’istruzione, giocando il loro ruolo di servi della NATO, stanno anche trasferendo i bambini alla versione NATO di questo conflitto armato.

Tutte le associazioni che ricevono succulente sovvenzioni metteranno anche il piccolo segno di solidarietà con l’Ucraina, senza sapere, e nemmeno volere sapere, niente di più della pubblicità televisiva. C’è abbastanza informazione per chiunque voglia trovarla sui fattori scatenanti di questo conflitto. Non è mia intenzione ripetere ciò che persone molto sensate hanno spiegato attivamente e passivamente.

Poi, un quadro della guerra nel Donbass risultante dalla sua dichiarazione d’indipendenza, la tregua finale e gli accordi di Minsk sulle zone smilitarizzate o di limitazione delle armi. Accordi che l’Ucraina non ha mai rispettato, continuando a bombardare indiscriminatamente questo territorio.

E alcuni fatti su questa guerra. Morti di soldati, civili, feriti e rifugiati durante l’offensiva dell’esercito ucraino contro le Repubbliche di Donetsk e Lugansk nel 2014. I dati differiscono a seconda della fonte di informazione. Secondo la procura generale ucraina, 953 persone sono state uccise e 3.627 ferite nell’esercito ucraino, ma secondo fonti dello Stato Maggiore della Repubblica Popolare di Donetsk queste cifre erano 27.888 tra morti e feriti, oltre a 13.500 disertori. Secondo fonti del vice primo ministro della Repubblica Popolare di Donetsk, 3.000 persone sono state uccise nelle sue milizie popolari. Secondo l’ONU, un totale di 3.682 persone sono state uccise, compresi i 298 occupanti del MH17; 8.871 sono stati feriti; e 427.004 sono i rifugiati. Secondo il servizio migratorio russo, 2.800.000 abitanti di Donetsk e Luhansk sono fuggiti oltre il confine, 900.000 dei quali rimangono in Russia.

Quale sia il numero reale delle vittime è difficile da accertare, poiché i numeri non sono in formato numerico, ma in formato politico. In ogni caso, se c’è un dato che può avvicinarsi alla verità, è quello derivato dal Servizio di migrazione russo riguardo al numero di persone che hanno attraversato i suoi confini e hanno chiesto lo status di rifugiato.

Possiamo osservare che 2.800.000 persone hanno dovuto fuggire a causa degli attacchi indiscriminati delle forze ucraine. È curioso notare che nel nostro paese non c’è stata nessuna campagna per l’accoglienza di questo numero di persone che hanno visto come le orde naziste hanno devastato i loro villaggi e le loro case. Non c’è stata nessuna campagna istituzionale o umanitaria per inviare rifornimenti a Donetsk e Lugansk, non sono state inviate armi per permettere loro di difendersi, non sono stati inviati aerei per trasportare queste persone nel nostro paese.

Solo la Russia e la Bielorussia li hanno accolti.

Un caso curioso visto che, come la Catalogna, i cittadini di Donetsk e Lugansk hanno tenuto un referendum per l’indipendenza il 14 maggio 2014, con il 75% delle liste elettorali partecipanti e con risultati a favore dell’89,7% a Donetsk e del 96% a Lugansk. Evidentemente i promotori di questo referendum non erano burattinai come molti di quelli che hanno promosso la consultazione in Catalogna, erano persone serie che volevano davvero l’indipendenza a prescindere dalle conseguenze repressive che il governo ucraino avrebbe portato avanti.

La repressione fu brutale, con quasi quattromila morti e novemila feriti.

Gli estremisti di destra spagnoli erano pesantemente coinvolti in questa repressione, inviando personale, attrezzature militari e denaro al battaglione neonazista Azov, come documentato da trasferimenti di denaro da Bankia e Moneygram. Azov è il nome usato dal battaglione speciale composto da militanti neonazisti le cui barbarie sono state ampiamente documentate in termini di rapimenti, torture, uccisioni mirate e distruzione.

Il 5 settembre 2014 è stato firmato a Minsk un protocollo di pace tra il governo dell’Ucraina e le Repubbliche di Donetsk e Lugansk in presenza di rappresentanti dell’OSCE, consistente in un accordo in 12 punti, il primo dei quali era un cessate il fuoco immediato, e uno degli altri l’adozione di una legge su uno status speciale per Donetsk e Lugansk. Il 19 settembre è stato firmato un protocollo supplementare in considerazione del fatto che gli accordi sono stati violati dal governo ucraino fin dall’inizio.

In questo nuovo documento è stata stabilita una linea di demarcazione, lungo la quale sono state create una zona libera da armi pesanti di 15 chilometri e una zona demilitarizzata di 30 chilometri. Un divieto dei voli di combattimento sulla zona di sicurezza, il ritiro dei mercenari e la creazione di una missione OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) per monitorare gli accordi (vedi mappa sopra). Nonostante tutto questo, il 2 dicembre 2014, il parlamento ucraino ha cambiato unilateralmente i criteri della legge sullo status speciale firmata nel protocollo di Minsk.

Con tutto il cinismo, il 20 settembre il massimo generale della NATO ha detto che la tregua per lui era solo di nome.

L’11 febbraio 2015 è stato firmato un nuovo documento (Minsk II) e un pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk dell’anno precedente. Questo documento concorda un nuovo cessate il fuoco e una modifica delle zone di sicurezza intorno alla linea di demarcazione a 50 km per i sistemi di artiglieria, 70 km per i MLRS e una zona di sicurezza di 140 km per i missili tattici Tornado, Uragan, Smerch e Tochka. Al punto 11 degli accordi c’è una menzione esplicita della riforma costituzionale per accogliere le richieste di Donetsk e Luhansk di autogoverno locale. L’OSCE aveva il compito di garantire la conformità.

In mezzo a tutto questo e con le violazioni degli accordi da parte del governo ucraino ancora una volta evidenti, l’OSCE ha preferito guardare dall’altra parte senza intraprendere alcuna azione per costringere l’Ucraina a rispettarli, e con i media europei che riportano un vuoto di queste violazioni e i continui attacchi militari contro la popolazione di Donetsk e Luhansk.

Ma l’intellighenzia occidentale della NATO si è preoccupata di cancellare la storia, che, come ha scritto Jaime Semprún, per loro è solo un altro lavoro: cancellare le tracce dei conflitti reali e delle alternative possibili, e sostituirle con falsi antagonismi richiesti dalla propaganda del momento.

Sfondo

Dobbiamo guardare indietro al 2008 quando, su ordine della NATO e degli Stati Uniti, il governo georgiano ha invaso l’Ossezia del Sud. Ci sono prove che l’attacco della Georgia all’Ossezia del Sud il 17 agosto 2008 è stato accuratamente pianificato. Gli attacchi contro l’Ossezia del Sud sono stati effettuati dopo la fine delle esercitazioni militari in Georgia dal 15 al 31 luglio 2008 sotto il nome di Reazione Immediata con la partecipazione di più di mille soldati americani. E il 7 agosto, le forze terrestri e aeree georgiane hanno attaccato l’Ossezia del Sud, che è stata accolta dall’intervento militare russo l’8 agosto.

Una settimana dopo il bombardamento dell’Ossezia del Sud da parte dell’esercito georgiano, gli Stati Uniti e la Polonia hanno firmato un accordo il 14 agosto 2008 che permette all’aviazione americana di schierare missili intercettori sul territorio polacco.

In precedenza, l’1 e il 2 luglio 2008, un’appendice della NATO, l’Organizzazione per la democrazia e lo sviluppo economico (GUAM), che mira ad estendere la sua influenza nel cuore dell’ex Unione Sovietica, si è riunita a Batumi (Georgia) con i presidenti di Azerbaigian, Georgia, Ucraina, Polonia e Lituania (Ilham Aliyev, Mikheil Saakashvili e Viktor Yushchenko, Lech Kaczynski e Valdas Adamkus rispettivamente). Il tema del vertice era “L’integrazione dell’Europa orientale da un punto di vista strategico economico e militare per isolare la Russia”.

Come sottolinea Clausewitz, “l’obiettivo politico, come motivo primario della guerra, sarà lo standard per raggiungere questo obiettivo con l’azione militare”. Se lo scopo della guerra è un equivalente dell’obiettivo politico, l’azione militare generalmente diminuirà al diminuire dell’obiettivo politico. E l’obiettivo politico della NATO non è mai stato altro che circondare le democrazie popolari dell’Europa orientale e dell’ex Unione Sovietica.

E nei suoi sforzi per cancellare ogni traccia di tentativi di socializzazione, ha creato, per mezzo di operazioni militari dirette (come nel caso dell’ex Jugoslavia) o nascoste (con le cosiddette “rivoluzioni colorate”), governi fantoccio che ha riempito di hardware militare, destinati a luoghi dove non è ancora stato in grado di imporre un governo di sua scelta. E se l’azione militare ha rallentato, è stato per rendersi conto che ha poche possibilità di raggiungere i suoi obiettivi politici, e in una guerra in cui le parti in conflitto non possono disarmarsi completamente, i motivi di pace vanno e vengono a seconda della probabilità di successo futuro e delle spese necessarie per l’uso della forza.

Le osservazioni di Clausewitz non sono solo indispensabili per i lettori legati alla tecnologia militare, ma anche per coloro che, stimolati dalla realtà conflittuale e caotica di questo secolo, cercano di chiarire la macchina sociale esistente attraverso il pensiero riflessivo.

Così, prima di tutto, dobbiamo pensare alla guerra non come un elemento indipendente ma come uno strumento politico. Solo da questo punto di vista eviteremo di cadere in contraddizioni e potremo fare un apprezzamento intelligente della sua totalità.

Il 17 agosto 2020, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato che l’aumento della presenza militare statunitense in Polonia “aggrava la difficile situazione vicino ai confini occidentali della Russia, facilita un’escalation di tensioni e aumenta il rischio di incidenti”.

L’analisi del Transnational Institute nel novembre 2020 afferma che gli stati dell’Europa orientale sono diventati satelliti obbedienti di Washington, in competizione tra loro per vedere chi è più utile. E lo abbiamo potuto vedere proprio in questo febbraio, quando la Polonia, l’Ungheria, la Romania, e altri paesi che si sono caratterizzati per il loro rifiuto di accettare qualsiasi immigrato, indipendentemente dai motivi o dai rischi, ora si affrettano ad accogliere i rifugiati ucraini (compresa la Spagna, che allo stesso tempo ostacola l’ingresso di immigrati molto più impoveriti degli ucraini, attraverso il confine di Melilla).

Non un dettaglio innocente: la mascherina non sembra più necessaria la Paranoia di guerra ha preso il posto della paranoia da Covid.

Una caratteristica speciale è che la propaganda loda e incoraggia gli uomini a lasciare le loro famiglie per qualsiasi paese e ritornano per difendere l’Ucraina dall’attacco russo. Che differenza con la Siria, dove gli uomini, soprattutto quelli in età militare, sono stati incoraggiati a lasciare il paese per indebolire la resistenza contro gli invasori americani e i loro partner, siano essi lo Stato Islamico, i turchi o i curdi.

Clausewitz descrive la strategia di una guerra come comprendente l’intero atto bellico, e attraverso di lui, diventa un’unica azione che deve tenere conto di uno scopo finale molto preciso. Non si inizia una guerra, o almeno non la si dovrebbe iniziare se si agisce in modo sensato, se non si ha la risposta alla seguente domanda: cosa si deve ottenere con i mezzi della guerra e in guerra? Il primo è il fine ultimo, il secondo il fine intermedio. Questa idea determina l’intero corso di una guerra, decide sia i mezzi impiegati che il livello di aggressione richiesto.

Forse ora dovremmo chiederci cosa vuole ottenere la Russia e perché ha deciso di non usare tutti i mezzi a sua disposizione, perché come ha detto il generale dell’esercito spagnolo in pensione José Enrique de Ayala: “Il regime russo avrebbe potuto radere al suolo Kiev se avesse voluto, ma non ha voluto”.

Nel marzo 2016 il Centro Delàs ha prodotto un rapporto sulla NATO in cui fa le seguenti considerazioni: Il concetto strategico è un documento politico approvato dai capi di Stato e di governo della NATO, non è una norma giuridica. La sua versione più recente è stata approvata al vertice NATO di Lisbona nel novembre 2010. Secondo il concetto strategico, la NATO può agire oltre i suoi confini di fronte a qualsiasi tipo di minaccia. Le permette persino di condurre operazioni militari offensive, al di fuori della Carta delle Nazioni Unite… La modernizzazione delle bombe nucleari statunitensi in Europa può essere interpretata come un avvertimento alla Russia. Potrebbe portare a una risposta russa e a una nuova escalation di armi.

Ebbene, la risposta che il Centro Delàs ha suggerito sei anni fa si sta realizzando, poiché questa guerra, emulando Clausewitz, è l’obiettivo intermedio per raggiungere l’obiettivo politico della NATO di cessare di assediare la Russia e rimuovere le armi nucleari strategiche dai suoi confini.

Senza dubbio la Russia era a conoscenza, come spiega Manlio Dinucci, della videoconferenza tenuta il 4 febbraio 2021 dal segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, in cui ha invitato studenti e giovani appartenenti a questo blocco militare a proporre nuove idee per la NATO 2030. Questo fa parte di una strategia per coinvolgere le università e le scuole nella strategia del blocco militare, incluso un concorso sul tema: Quali saranno le maggiori minacce alla pace e alla sicurezza nel 2030 e come la NATO dovrà adattarsi per combatterle?

Un libro di testo su questo argomento è già disponibile per i giovani. Si chiama “NATO 2030: United for a New Era” ed è scritto da 10 esperti nominati dal segretario generale della NATO. Tra loro ci sono persone che hanno distrutto l’ex Jugoslavia e massacrato la popolazione della Serbia. Il rapporto degli esperti descrive un mondo caratterizzato da stati autoritari che cercano di estendere il loro potere e la loro influenza.

La Russia, secondo questi esperti, è la principale minaccia per la NATO in questo decennio. Il rapporto propone di rafforzare le forze della NATO, in particolare sul fianco orientale, dotandole di adeguate capacità nucleari, adattate alla situazione creatasi dopo che gli Stati Uniti hanno annullato il trattato sulle forze nucleari a medio raggio (INF), chiedendo un dispiegamento statunitense in Europa delle nuove bombe nucleari B6112 e nuovi missili nucleari a medio raggio.

Forse ora possiamo cominciare a capire le reazioni europee, che non sono molto lontane dalla famosa Agenda 2030 di cui ho già parlato in altre occasioni, strettamente legata al Grande Reset e al New Normal, inteso come un cambiamento totale del sistema politico globale in cui non c’è posto per chi è su una lista nera.

La NATO sta preparando questo scenario da molto tempo, ci sono abbastanza prove per indicarlo, e la rottura degli accordi firmati dagli Stati Uniti e dalla NATO non è una novità, così come non sono nuove le centinaia di migliaia o milioni di morti che le loro azioni hanno causato nel mondo. Nella maggior parte dei posti hanno fatto bene, ma di tanto in tanto hanno incontrato un osso duro da rompere. Questo è stato storicamente il caso di Corea, Vietnam, Laos, Cambogia, Cuba, e più recentemente Bielorussia, Siria, Venezuela, Nicaragua e ora Russia.

La guerra non può mai essere dissociata dalla contrattazione politica, e se questo accade ovunque, tutte le linee di (comune) buon senso si romperanno. E come stiamo vedendo il negoziato politico tra il governo ucraino e quello russo è in corso. I risultati dipenderanno soprattutto dalla pressione che la NATO eserciterà sul suo governo fantoccio ucraino e dalla risposta viscerale dei sudditi europei degli Stati Uniti, ai quali non importa affatto che le vite di esseri umani siano sacrificate alle loro fonti di ambizione, potere e terrore.

Josep Cónsola

Fonte: mpr21.info

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code