toba60

Naomi Wolf: Il Peggio che Possa Accadere alla Specie Umana sta Accadendo

Stiamo vivendo un incubo, ma pare che le masse pensino sia tutto un sogno ed invece è la triste realtà di tutti i giorni…spero vivamente per loro che non si sveglino mai, ma non per mano di un siero, ma per un letargo analogo a quello degli orsi che come specie ha qualche affinità con noi umani.

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Distruggere le Donne, Avvelenare il Latte Materno, Assassinare bambini e Nascondere la Verità

I Pfizer Documents Research Volunteers di The War Room/DailyClout un gruppo di esperti medici e scientifici che si sono fatti altruisticamente avanti per analizzare le decine di migliaia di documenti precedentemente interni di Pfizer rilasciati su ordine del tribunale a seguito di un’azione legale dello studio di Aaron Siri, Siri & Glimstad, e di un FOIA da parte di Public Health and Medical Professionals for Transparency – hanno ora pienamente dimostrato che i vaccini a base di mRNA di Pfizer mirano alla riproduzione umana in modi completi e probabilmente irreversibili.

I nostri 3.250 volontari di ricerca, in 39 rapporti citati fino ad oggi, hanno documentato le prove di ciò che ho definito “danni a 360 gradi” alla riproduzione.

I documenti della Pfizer rivelano danni mostruosi alle mestruazioni, danni ai testicoli e all’epididimo, danni al pene, danni orribili agli ovuli e alle ovaie, meccanismi di compromissione della placenta, contaminazione del liquido amniotico e danni ai neonati. Rivelano che il latte materno di quattro donne è diventato blu-verde.

Rivelano lesioni ad almeno un neonato che si estendono fino alla morte (o all’omicidio) a causa dell’ingestione di latte materno contaminato. Rivelano livelli spaventosi di aborti spontanei. Rivelano che la Pfizer ha definito l'”esposizione” al vaccino come comprensiva dei rapporti sessuali, soprattutto al momento del concepimento. Rivelano una strana attenzione alle questioni sessuali e riproduttive dei mammiferi.

Tutti questi orrori fanno lunghe apparizioni nei documenti della Pfizer, che non avrebbero mai dovuto vedere la luce del giorno.

Presto l’umanità si renderà conto che è avvenuta la cosa peggiore che le sia mai capitata.

Presto l’umanità si renderà conto che gli aborti spontanei e i cali del tasso di natalità in tutto il mondo documentati da Igor Chudov, il calo dell’aspettativa di vita, le morti neonatali, la rovina degli ovuli e delle ovaie, sono stati fatti con consapevolezza e che, in molti casi relativi alla fertilità, i mezzi per guarire i corpi delle donne non sono chiari.

Ogni giorno la mia casella di posta elettronica è piena di donne che chiedono: “È possibile rimuovere le nanoparticelle lipidiche dalle ovaie? Mia figlia ha abortito subito dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer…”. “Mia nuora è stata vaccinata mentre era incinta. Cosa si può fare per lei?”.

Ma i principali organi di informazione, e tanto meno le nostre agenzie governative, non stanno aiutando le donne in questa crisi. Piuttosto, cercano di gettare luce su di noi e di eliminare la reputazione o di censurare coloro che portano alla luce queste prove.

Ecco solo un esempio:

In uno dei 39 reportage di War Room/DailyClout sugli sconcertanti danni e sulla scienza capovolta dei documenti Pfizer, un volontario ha recentemente commesso un errore.

In un post del 12 agosto 2022, il volontario ha contato erroneamente 11 aborti spontanei di donne a cui era stato iniettato il farmaco nel corso di uno studio clinico di Pfizer, come 22 aborti spontanei. Gli aborti spontanei erano elencati in due tabelle separate nel documento di 3.645 pagine della Pfizer; ma i codici soggetto hanno rivelato che alcuni erano duplicati. Siamo venuti a conoscenza di questo errore il 17 agosto grazie al lavoro di Naked Emperor, sul suo Substack, e di Phil Kerpen, su Twitter. Naturalmente abbiamo immediatamente corretto l’errore. Ho anche segnalato pubblicamente la correzione in tutti i podcast in cui sono apparso.

Sia l’Associated Press che la Reuters, due delle maggiori testate giornalistiche del pianeta, ci hanno dato la caccia.

Quelle testate giornalistiche che hanno attaccato in modo così aggressivo la credibilità di un team di ricercatori altamente accreditati stanno forse facendo un servizio pubblico – senza conflitti?

L’AP o dovrei dire “AP/Xinhua” – ci ha perseguito con un articolo che scagionava falsamente la Pfizer, apparso praticamente in tutti i giornali locali del Paese.

L’Associated Press è in conflitto nel coprire questa storia, a causa dei suoi legami finanziari diretti con la Xinhua News Agency, l’agenzia di stampa ufficiale della Repubblica Popolare Cinese. Xinhua è anche un’istituzione di livello ministeriale subordinata al Consiglio di Stato del Partito Comunista Cinese (“PCC”) ed è l’organizzazione mediatica statale di più alto livello in Cina.

AP ha un “memorandum di cooperazione” (MOC) con Xinhua, un’entità che Reporter senza frontiere definisce “la più grande macchina di propaganda del mondo”. I membri del Congresso hanno chiesto all’AP di rilasciare la documentazione dei termini di questo MOC. . Come ha scritto il Washington Post nel 2018: “Le aziende mediatiche statali cinesi stanno rapidamente espandendo la loro integrazione con le testate giornalistiche occidentali, come parte della campagna mondiale di operazioni di influenza estera di Pechino”. A Washington, i legislatori di entrambi i partiti stanno denunciando tali accordi e chiedono alle aziende mediatiche statunitensi di assicurarsi che non diventino strumenti di propaganda del governo cinese”. L’obiettivo degli sforzi della Xinhua e del PCC per infiltrare le organizzazioni giornalistiche occidentali è quello di sospendere o indebolire le critiche occidentali al PCC.

I membri del Congresso non hanno ricevuto alcuna risposta in merito a questa partnership: “Vi scrivo oggi per assicurarvi che le relazioni d’affari di AP con Xinhua sono di natura puramente commerciale”, assicurò nel 2019 Gary Pruitt, allora presidente e amministratore delegato di AP, ai preoccupati senatori statunitensi. Oh beh, allora… non c’è niente da vedere.

Allora, chi ha criticato il PCC e la sua partnership con Pfizer/BioNTech?

Il sottoscritto.

In un’altra parte di questo Substack, ho raccontato come le iniezioni di Pfizer siano in realtà prodotte con un memorandum d’intesa (MOU) tra BioNTech e Fosun Pharmaceuticals, un’azienda farmaceutica gestita dal PCC con sede a Shanghai, in Cina. Ho spiegato come la Fosun Pharmaceuticals abbia aperto la “Fosun Pharma US” con filiali di produzione a Boston, MA, e Princeton, NJ, cosicché quando avrete un vaccino quest’anno, 2022, potreste essere iniettati con materiale o tramite IP supervisionato dalla PCC.

Ho anche raccontato come il deposito SEC della BioNTech per il 2021 sia considerato completo al 100%, un “trasferimento tecnologico” alla “Cina”: [da “Facing the Beast”, via Outspoken, della dottoressa Naomi Wolf]: “Le iniezioni di Pfizer sono in realtà prodotte con un memorandum d’intesa (MOU) tra BioNTech e Fosun Pharmaceutical”.

Nel suo pezzo su di noi, l’AP è anche riuscita in qualche modo a lasciare che l’FDA – che ha visto e firmato ognuno delle decine di migliaia di documenti contenuti nel comunicato della Pfizer se la cavasse senza dire nulla.

Sì, avete letto bene: l’Associated Press, quella potenza mondiale, non è riuscita a farsi richiamare da un’agenzia federale finanziata dai contribuenti statunitensi, incaricata di proteggere la sicurezza e la salute dei farmaci e degli alimenti americani:

Ciò è particolarmente implausibile perché questi documenti sono sotto la custodia legale della FDA, che aveva chiesto al tribunale di ritardare la pubblicazione dei documenti di Pfizer per 75 anni. Molti dei documenti Pfizer riportano la dicitura “FDA CONFIDENTIAL” sul margine inferiore.

L’AP ha anche lasciato che Pfizer sostenesse, senza contestazioni, che uno studio clinico di Fase 3 del 2020 su “più di 44.000 persone”, metà delle quali donne, dimostrasse, secondo Pfizer, che “gli aborti spontanei non sono stati riportati come effetto collaterale del vaccino”.

In primo luogo, lo studio non ha avuto “più di 44.000 persone”.

In secondo luogo, l’AP non si è collegata a questo studio, che è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine, né sembra averlo verificato. Se lo avessero fatto, avrebbero dovuto informare i lettori che le donne incinte erano state escluse: “Questo rapporto non affronta la prevenzione della Covid-19 in altre popolazioni, come gli adolescenti più giovani, i bambini e le donne in gravidanza. I dati sulla sicurezza e sulla risposta immunitaria di questo studio dopo l’immunizzazione di adolescenti di età compresa tra i 12 e i 15 anni saranno riportati successivamente, e sono previsti ulteriori studi per valutare BNT162b2 in donne in gravidanza, bambini di età inferiore ai 12 anni e persone appartenenti a gruppi di rischio speciali, come le persone immunocompromesse”.

Quindi, se si escludono le donne in gravidanza, ovviamente “gli aborti spontanei non sono stati segnalati come effetto collaterale del vaccino”.

L’AP ha anche linkato un post del sito web della Mayo Clinic del 2021 (l’anno in cui le mamme vaccinate hanno iniziato ad abortire in scala) per sostenere che non c’era nulla di insolito nei tassi di aborti spontanei riportati nei documenti della Pfizer. Il sito della Mayo Clinic affermava che il tasso di aborto “normale” è compreso tra il 10 e il 20%.

Ma anche questa affermazione presenta dei problemi. Il sito afferma che “l’aborto spontaneo è la perdita di una gravidanza prima della 20a settimana. Circa il 10-20% delle gravidanze conosciute termina con un aborto spontaneo”. Ma il sito non menziona che “la maggior parte degli aborti spontanei si verifica prima della 12a settimana di gravidanza” – fino a quando non si va a cercare la sezione intitolata “Sintomi”.

Il sito MedicalNewsToday osserva che il tasso di aborto spontaneo può raggiungere il 25% nel primo trimestre, quando l’80% delle gravidanze che abortiscono si conclude. L’Università della California a Davis Health osserva che il tasso di aborto “normale” nel secondo trimestre è di circa il 2-3% fino alla 20a settimana, per poi scendere a meno dello 0,5% una volta raggiunta la 20a settimana di gravidanza. Nel terzo trimestre, tuttavia, la morte del feto è rara e non viene chiamata aborto spontaneo, ma piuttosto viene classificata come “parto morto”.

Uno studio pubblicato nel 2018 su Human Reproduction 2018 Apr 1;33(4):728-735., “Biomarkers of Preconception Stress and the Incidence of Pregnancy Loss”, ha anche osservato che una perdita di gravidanza nel primo trimestre è del 28%, ma che solo lo 0,5% delle perdite avviene nel secondo trimestre.

In altre parole, sì, circa il 25% delle gravidanze si conclude con un aborto spontaneo nel primo trimestre. Ma non è vero che il 10-20% delle gravidanze del secondo o terzo trimestre si conclude con un aborto spontaneo o una perdita di gravidanza. Quindi le rassicurazioni della Mayo Clinic – che fanno sembrare che una donna su dieci o una donna su cinque possa normalmente perdere il bambino nel primo o nel secondo trimestre o più tardi – citate dall’AP, sono gravemente fuorvianti.

Ma ora, altri siti di notizie e blog, e altri commentatori che desiderano minimizzare o “sfatare” gli alti tassi di aborto spontaneo/perdita di gravidanza per i bambini delle future mamme vaccinate, che noi e molti altri abbiamo trovato nei documenti Pfizer e VAERS, stanno ribadendo l’ingannevole “nuova normalità” dei bambini che muoiono in utero, sostenuta dall’AP.

La questione dell’età gestazionale è davvero importante per una donna. È triste abortire nel primo trimestre, quando molte donne non sanno nemmeno di essere incinte; ma un aborto nel primo trimestre, per quanto doloroso, può sembrare un periodo inaspettato.

Ma dire alle donne che è normale che fino a una su cinque abortisca nel secondo o addirittura nel terzo trimestre è tutta un’altra cosa. Un bambino morto nel terzo trimestre può significare un trauma indicibile, una visita d’emergenza in ospedale, un travaglio vero e proprio e la necessità di far nascere i resti del bambino. Può significare il pericolo di una placenta consegnata parzialmente o di una con tutti i pericoli del parto, ma con un dolore enorme in più.

Quindi no, non è vero che è normale che un feto su dieci o uno su cinque muoia in qualsiasi momento della gravidanza. AP sta quindi normalizzando in modo fuorviante la morte fetale e persino i nati morti, così come i cartoni animati stanno normalizzando la miocardite infantile.

Anche la Reuters ci ha dato addosso, attaccando un errore ormai un po’ metafisico, visto che era stato corretto da almeno cinque giorni.

Ho fornito al giornalista della Reuters la stessa citazione che avevo fornito all’AP: mentre avevamo corretto l’erroneo tasso di aborto del 44%, ho sottolineato, i tassi di aborto in altre parti dei documenti Pfizer erano ancora più alti. Ho aggiunto alla mia citazione per Reuters, il Substack del dottor Pierre Kory che analizzava un documento Pfizer, in cui anch’egli era giunto alla conclusione che l’85% delle gravidanze era terminato con un aborto spontaneo.

Il War Room/DailyClout Team 5, lavorando con Linnea Wahl, aveva dimostrato nel maggio del 2022 che c’era un tasso di aborto del 78% in una sezione dei documenti Pfizer. Dr. Pierre Kory, come già detto, aveva esaminato quella stessa sezione, e aveva trovato un tasso di aborto di oltre l’85%: . Il Dr. Joseph Mercola ha confermato il segnale di alti tassi di aborto per le mamme vaccinate nei documenti Pfizer: ha trovato un tasso di aborto e morte neonatale dell’87,5%: .

Ma come AP, Reuters ha completamente ignorato la mia citazione completa, così come ha ignorato il Team 5 di WarRoom/DailyClout, il Dr. Kory e il Dr. Mercola, che hanno scoperto in modo indipendente i devastanti tassi di aborto nei documenti Pfizer.

Anche la Reuters, da parte sua, è in grave conflitto; attraverso i suoi legami diretti, incredibilmente, con James Smith: questo signore è stato, fino al 2020, presidente e amministratore delegato della Reuters: “Presidente e Amministratore delegato di Thomson Reuters, fornitore di informazioni intelligenti per aziende e professionisti, dal 2012 a marzo 2020, e suo Direttore operativo da settembre 2011 a dicembre 2011, e Amministratore delegato della divisione professionale di Thomson Reuters dal 2008 al 2011″. Attualmente è presidente del Consiglio di amministrazione della Thomson Reuters Foundation, un’organizzazione benefica con sede a Londra sostenuta da Thomson Reuters.

Cos’altro fa James Smith, attualmente presidente della Thomson Reuters Foundation, in questi giorni?

“Direttore di Pfizer dal 2014. Presidente del nostro Comitato per le remunerazioni e membro del nostro Comitato di revisione.”

E aggiungete questo, per buona sorte:

Ancora una volta: Reuters è in conflitto nel coprire noi, o nel coprire qualsiasi storia legata a Pfizer, a causa dei suoi legami diretti con il consiglio di amministrazione di Pfizer – legami che Reuters non ha rivelato in un pezzo sui critici di… Pfizer:

La Reuters ha rivelato i suoi gravi conflitti in merito a questo argomento, secondo la normale etica giornalistica: “Evitare i conflitti di interesse, reali o percepiti. Divulgare i conflitti inevitabili”, come giustamente richiede il Codice etico della Society of Professional Journalists?

La Reuters non lo ha fatto.

La Reuters è stata anche invocata la settimana scorsa dal dottor Fauci, non sorprendentemente, per aver “verificato i fatti” del senatore Rand Paul a vantaggio del dottor Fauci:

Non si può inventare questo livello di corruzione.

Da quando sono apparsi questi articoli, due cause legali hanno rivelato che sia Carol Crawford del CDC, sia la Casa Bianca stessa, stavano discutendo nel 2021 il mio accurato tweet che avvertiva le donne dei danni mestruali, e quindi della fertilità, dei vaccini mRNA. La pubblicista di DailyClout, Ellen Kinally, ha scritto un eccellente comunicato stampa che inserisce questa notizia nel contesto di altri danni che il team di War Room/DailyClout sta trovando in relazione ai danni riproduttivi degli esseri umani:

Non appena la signora Kinnally ha cercato di pubblicarlo su EIN Presswire, quell’ente ha chiuso il suo e il nostro account e ci ha informato che non avremmo mai potuto riaprirne uno.

Jim Hoft di The Gateway Pundit ha osservato che: “Loro [il team di ricerca di WarRoom/DailyClout] sono l’UNICO team che sta setacciando le decine di migliaia di documenti che Big Pharma ha voluto che i tribunali sigillassero per 75 anni”. È l’impressionante team di DailyClout che sta smascherando tutti i rischi per la salute legati ai vaccini, le serie di dati cancellati, le sperimentazioni alterate e la cabala della disinformazione sull’mRNA Covid”.

Hoft ha esaminato chi c’è dietro EIN Presswire e ha trovato simili grotteschi conflitti di interesse:

Il servizio EIN Presswire impedisce al team di DailyClout di pubblicare comunicati stampa su migliaia di testate giornalistiche”. La dottoressa Wolf ha spiegato questo sorprendente sviluppo nella sua recente intervista a WarRoom TV. I dirigenti di questo servizio di newswire sono investitori nella cura dei pazienti, nei prodotti farmaceutici e hanno origini profonde nella palude dei Democratici. Se Naomi aprisse un altro conto, EIN Presswire si terrebbe i soldi, senza alcun rimborso”.

Anche la loro C Suite è direttamente collegata a interessi farmaceutici: “Peter Stanek è il loro (COO) Chief Operating Officer, contattato all’indirizzo petr@einpresswire.com. Stanek è anche co-investitore della Machavert Pharmaceuticals”.

Tralasciando la natura comprata o corrotta di questi sforzi sempre più surreali, da parte di quelle che una volta erano piattaforme etiche, nei loro brutti sforzi di mettere a tacere i nostri avvertimenti agli esseri umani che la loro salute riproduttiva è danneggiata o distrutta da questi vaccini a mRNA:

Il vaccino Pfizer è sicuro per le donne in gravidanza e in allattamento? Per i feti e i bambini? No. E no.

Un War Room/DailyClout Pfizer Documents Research Volunteer, l’illustre peer reviewer Dr. Robert Chandler, esperto di medicina sportiva che ha curato gli Angels e i Lakers, ha scoperto che le nanoparticelle lipidiche, la proteina spike e l’mRNA lasciano il sito di iniezione entro 15 minuti e viaggiano verso molti organi, tra cui fegato, milza e surreni.

Ciò conferma i risultati dello studio giapponese di biodistribuzione di Pfizer di un anno fa. Inoltre, queste nanoparticelle si depositano anche nelle ovaie, senza alcun mezzo visibile per lasciarle. Quindi, ipoteticamente, con ogni iniezione e ogni richiamo, le donne aggiungono LNP alle loro ovaie.

Il Dr. Robert Chandler ha anche trovato nei documenti Pfizer più di venti termini per indicare vari danni alle mestruazioni e ha scoperto che le donne soffrono del 72% degli eventi avversi riportati nei documenti Pfizer – di cui il 16% sono “disturbi riproduttivi”.

In altre parole, la Pfizer sapeva che stava rovinando le donne e uccidendo i bambini

I documenti di Pfizer dimostrano che gli LNP, in particolare, sono progettati per rovinare le donne come esseri mestruati e come esseri in grado di concepire, portare in grembo, partorire e allattare in modo sicuro.

Gli LNP causano infiammazione. Il dottor James Thorp, specialista in medicina materno-fetale, ha divulgato un’ecografia della placenta compromessa di una donna incinta vaccinata con mRNA, con la sua rete di calcificazioni.

L’immagine del dottor Thorp di una placenta compromessa appare anche qui:

L’intervista che ho fatto al dottor Thorp vi terrorizzerà. Egli spiega che vede queste calcificazioni intorno alla placenta delle sue pazienti vaccinate, causate, secondo lui, dall’infiammazione (le nanoparticelle lipidiche sono infiammatorie). Il dottor Thorp avverte che queste calcificazioni limitano la crescita e lo sviluppo del feto. Sta inoltre riscontrando anomalie cromosomiche e malformazioni nei bambini nati dai suoi pazienti vaccinati con mRNA:

https://www.bitchute.com/video/kvkiLhD7TIiQ/

Anche gli uomini sono sotto attacco riproduttivo. War Room/DailyClout Pfizer Documents Research Volunteers Project Director e DailyClout COO Amy Kelly ha scoperto che gli ingredienti del vaccino Pfizer permeano i testicoli e colpiscono l’epididimo, le cellule del Sertoli – le cellule “nutrici” dei testicoli – le cellule di Leydig, che sono le fonti primarie di testosterone nei maschi, e le cellule germinali . In altre parole, oltre a sopprimere il numero di spermatozoi e la motilità degli spermatozoi, le iniezioni danneggiano la capacità dei bambini, dei ragazzi e degli adolescenti di crescere normalmente in termini di sviluppo della mascolinità stessa.

L’esame del database effettuato dalla signora Kelly ha anche rilevato che le iniezioni di mRNA hanno causato gravi lesioni ai peni degli uomini vaccinati con mRNA.

Anche le prossime generazioni sono sotto attacco: Un nuovo studio pre-print, “”La pre-esposizione all’mRNA-LNP inibisce le risposte immunitarie adattative e altera l’idoneità immunitaria innata in modo ereditabile”, di Zhen Qin, Aurélie Bouteau, Christopher Herbst e Botond Z. Igyártó, mostra che l’iniezione di mRNA può influenzare le generazioni future: ”…i topi pre-esposti alla piattaforma mRNA-LNP possono trasmettere i tratti immunitari acquisiti alla loro prole…“. E continua dicendo: “Quindi, questi dati nel complesso supportano che i cambiamenti immunitari indotti dal vaccino mRNA-LNP nei genitori possono essere trasmessi alla prole”, nonché: “… il nostro studio… mostra la capacità di questi vaccini di trasmettere la protezione a livello transgenerazionale…”.

Il pre-print include il grafico sottostante, che illustra come in due o quattro cucciolate – dagli stessi genitori – gli effetti dell’RNA trasportato tramite nanoparticelle lipidiche iniettate nei topi persistano nella loro prole.

Non sono solo i bambini nell’utero o quelli della prossima generazione a essere danneggiati dalle iniezioni di mRNA.

I bambini vivi vengono danneggiati nell’atto stesso dell’allattamento, il modo più sacro e primordiale in cui un neonato sperimenta il sostegno, il nutrimento e l’amore.

Il polietilenglicole (PEG), un sottoprodotto del petrolio che riveste le nanoparticelle lipidiche, entra nel latte materno e gli studi del NIH lo confermano. Cosa fa l’mRNA del latte materno ai neonati? Non lo sappiamo. Di certo i bambini non stanno bene e sono inconsolabili: “Un sondaggio online condotto su 4455 madri che allattano e che hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna ha rilevato che il 7,1% delle madri ha segnalato un effetto avverso nel proprio bambino allattato al seno.

I sintomi più frequenti sono stati l’aumento della sonnolenza e l’aumento del nervosismo, entrambi presenti in circa il 3% dei neonati, con una frequenza maggiore dopo la seconda dose. Tra gli effetti collaterali segnalati con minore frequenza figurano febbre, eruzioni cutanee, diarrea, vomito, variazioni della frequenza di alimentazione e altri sintomi vari. Tutti erano numericamente, ma non statisticamente, più frequenti dopo la seconda dose”.

Lo stesso sommario di studi ha trovato mRNA nel latte materno di donne vaccinate. “Trentasei dei 40 campioni di latte in uno studio e 5 dei 309 campioni di latte in un altro presentavano livelli di mRNA rilevabili”. (Il rapporto, tra l’altro, è stato modificato il 15 agosto 2022, quando l’esame di questi problemi è iniziato seriamente).

Come è prevedibile, i bambini nati in un ambiente in cui le nanoparticelle lipidiche danneggiano o infiammano la placenta, causando calcificazioni e limitando la crescita del feto e, una volta nati, lottando per sopravvivere con una dieta a base di latte materno, mRNA e glicole polietilenico, stanno morendo in tutto il mondo.

Ho riferito per la prima volta della “moria di neonati” globale qui, tre mesi fa:

La BBC, come ho menzionato nel saggio precedente, ha riferito di un “picco” di morti di neonati in Scozia (il loro eufemismo per indicare un raddoppio del numero di neonati morti). La mia segnalazione della “moria di neonati” in Scozia è una preoccupazione ripresa da gruppi di donne scozzesi che mi contattano in cerca di risposte. La morte dei neonati altrove è confermata da Etana Hecht e Igor Chudov.

Un gruppo di giornaliste israeliane, come riportato da Etana Hecht, ha trovato rapporti VAERS che mostrano che – contrariamente al documento informativo della FDA in cui si afferma che la maggior parte degli eventi avversi nello studio clinico di Pfizer non erano gravi – almeno 58 casi di effetti collaterali pericolosi per la vita sono stati riportati per i neonati di età inferiore ai 3 anni che hanno ricevuto i vaccini mRNA. Per alcuni di questi bambini non è chiaro se siano sopravvissuti. Non è nemmeno chiaro perché i bambini siano stati vaccinati e se facessero parte o meno degli studi clinici.

I bambini morti infestano il database VAERS: I ricercatori del Team Five of the War Room/DailyClout hanno anche scoperto che più di 3800 bambini nel database VAERS sono morti dopo che le loro madri avevano ricevuto vaccini mRNA:

“Secondo il VAERS, tra il 1998 (la prima data di segnalazione del VAERS) e il maggio 2022, il numero totale di donne incinte che sono state vaccinate per tutte le malattie e che poi hanno perso i loro bambini è stato di 6.695. Questi bambini sono morti a causa di aborti spontanei e disturbi fetali come l’arresto cardiaco e l’igroma cistico” (una sacca piena di liquido che si forma sul collo del feto, indicativa di un’anomalia linfatica).

Ma solo negli ultimi due anni, 3.816 bambini sono morti dopo che le loro madri hanno ricevuto un vaccino COVID-19 prodotto da Moderna, Pfizer/BioNTech o Janssen (Tabella 1). Queste donne sono state vaccinate tra dicembre 2020 e marzo 2022. Ciò significa che il 57% di tutte le vaccinazioni che hanno causato la morte di un bambino o di un feto negli ultimi 25 anni circa si è verificato quando le donne incinte hanno iniziato a ricevere il vaccino COVID-19. [Corsivo mio]

“Sempre secondo VAERS, sappiamo che molto presto entro i primi 10 giorni dopo che queste madri sono state vaccinate contro il COVID-19, 1.559 dei loro bambini o feti sono morti. I restanti 2.257 bambini sono morti dal decimo giorno in poi. [Delle donne incinte che hanno avuto aborti spontanei o i cui bambini sono morti per altri disturbi fetali, il 20% ha perso i propri figli lo stesso giorno in cui le madri sono state vaccinate e il 21% ha perso i propri figli nei 9 giorni successivi (Tabella 2). Può essere una coincidenza che una donna vaccinata contro il COVID-19 perda il suo bambino e che il 41% delle volte il bambino muoia entro 10 giorni dalla vaccinazione della madre?

La storia che sto raccontando e che Amy Kelly e i volontari della War Room/DailyClout Research Volunteers stanno raccontando, con una fonte primaria dopo l’altra che documenta la storia, rivelando i danni a 360 gradi alla riproduzione umana come rivelato nei documenti della Pfizer, sembra rompere un enorme tabù mediatico.

Non è una sorpresa.

Se aveste, intenzionalmente o accidentalmente, rovinato il futuro della razza umana, o rovinato il futuro di circa la metà di essa, e aveste ucciso e malformato un sacco di bambini lungo la strada, probabilmente cerchereste anche di sparare al messaggero.

Nel programma britannico di Mark Steyn ho parlato dei danni dei vaccini a base di mRNA sui bambini, degli orribili danni riproduttivi e dei danni al latte materno, riportati nei documenti della Pfizer. Ho notato che la BBC (che prende i soldi di Gates) ha evitato di dire che in Scozia stavano morendo un numero di bambini doppio rispetto al solito.

A quanto pare, questo argomento era talmente “radioattivo” che un opinionista della BBC, il dottor Matthew Sweet, di BBC3 Radio (che mi perseguita dal 2019, quando scrissi un libro che conteneva un capitolo su… come una pandemia del XIX secolo portò lo Stato ad assumere il controllo sui corpi e sulle vite private dei cittadini), ha scritto una lettera isterica a GB News e a Mark Steyn, attaccando la copertura di Steyn; ha pubblicato la lettera su Twitter:

Il dottor Sweet ha paragonato il lavoro di Steyn a “liquami versati su una spiaggia”; si è soffermato su di me (insieme ad altri ospiti passati del programma di Mark Steyn), identificato con l’epiteto di “teorico della cospirazione”.

Metro UK, un sito di notizie un tempo oggettivo, nel coprire questa storia, ha tolto dal contesto un mio tweet (che citava direttamente il sito web di Moderna, che usava “piattaforma software” come metafora) in modo fuorviante. Si tratta di una tattica ormai tipica di molti organi di informazione, che si ripresenta regolarmente da quando il CDC e persino la Casa Bianca hanno apparentemente colluso con Twitter per discutere di come mettermi a tacere sulla questione dei danni alla riproduzione.

Ho dato al dottor Simon Goddek, mio amico, lo scienziato rispettato che è un eroe nel mio libro I corpi degli altri: Covid-19, the New Authoritarians, and the War Against the Human, un’intervista nel suo podcast sui danni alla placenta, ai bambini e alla gravidanza.

L’intervista è stata censurata, mi ha detto, da Spotify.

Come ha detto la mia pubblicista Ellen Kinnally, il promemoria con il mio nome è stato ovviamente diffuso.

Tutta questa censura estenuante e fastidiosa, e questo contraccolpo antiamericano, potrebbero significare che, mentre denunciamo rigorosamente, con una documentazione primaria, i danni riproduttivi causati dai vaccini a base di mRNA alle donne e ai bambini, e agli uomini, sembriamo aver superato il bersaglio più grande di tutti?

L’AP, la Reuters e la BBC non dovrebbero fare i loro servizi indipendenti, e porre in modo indipendente (invece di “chiedere ai portavoce di Pharma”) queste domande:

I vaccini a base di mRNA danneggiano le donne in gravidanza? Fanno male al latte materno e ai neonati? Danneggiano i testicoli e l’epididimo, le cellule di Leydig, le cellule di Sertoli e le cellule germinali? Attraversano la placenta? La compromettono? Il PEG, un sottoprodotto del petrolio, è presente nel latte materno?

Queste iniezioni di mRNA stanno rovinando le donne e uccidendo i bambini?

Sì, l’AP e la Reuters, il Guardian e la BBC, il New York Times e il Washington Post – anzi, tutti i soldi di Gates e del CARES Act, le prostitute – dovrebbero porsi queste domande.

EIN Presswire, anch’essa apparentemente in conflitto, dovrebbe permetterci di inviare un comunicato stampa per far sapere al mondo che le serie discussioni sulla salute delle donne e sulla fertilità sono state soppresse dal CDC, da Big Tech e forse anche dalla Casa Bianca, danneggiando così milioni di donne americane e i loro bambini.

Sì, queste istituzioni di “interesse pubblico” dovrebbero agire in base alle loro responsabilità nei confronti dell’umanità.

Ma la visione di un ambiente di notizie, comunicati stampa e commentatori non corrotto è ormai un sogno ingenuo.

Ogni giorno mi sveglio con il mio personale fardello karmico di affrontare, attraverso i superbi rapporti della War Room/DailyClout Pfizer Documents Research Volunteers, nuove informazioni su ciò che la storia presto descriverà come l’attacco globale sistemico all’umanità e alla sua capacità di riprodursi in modo sicuro – un attacco che l’ha quasi fatta fuori.

Quotidianamente, ci assumiamo l’onere di raccontare questa storia oscura ma vitale al mondo perché quelli che si definiscono giornalisti, quelli che si chiamano servizi di stampa, che si chiamano servizi di comunicati stampa, che si chiamano emittenti governative britanniche, sono purtroppo così corrotti da essere – non disponibili.

Mentre si apre l’abisso della sopravvivenza umana, questi traditori dell’umanità sono troppo preoccupati per documentarlo, perché sono occupati.

Sono impegnati a incassare gli assegni.

Dr Naomi Wolf

Fonte: naomiwolf.substack.com

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code