toba60

Non Esistono “Libri Proibiti” ma “Persone Censurate”

Se ci pensate bene, la storia la scienza, la cultura e la vita in ogni sua vicissitudine, e’ scandita da tutto ciò che i libri hanno trasmesso nei secoli attraverso il suo contenuto.

Un pezzo di carta sovrapposto ha scatenato guerre, rivolte sociali e determinato gli interessi collettivi di ognuno di noi, allo stesso tempo é stato un veicolo straordinario per realizzare e sviluppare cose meravigliose, come le opere, la letteratura, la poesia e il sapere infinito che poi si amplifica ogni istante che passa.

La mia stessa vita che ”velocemente” sta volgendo verso il termine, e’ un viatico intrapreso sulla base delle migliaia di libri che un po alla volta sono diventati un faro che punta in ogni direzione sino a tornare al punto di partenza.

Mio padre e mia madre avevano sempre un testo in mano, ed io da piccolo per non essere da meno reclamavo sempre la mia parte letteraria che riempiva le giornate scandite tra giochi, fantasia e la folle spensieratezza di chi non ha alcun vincolo esterno.

A 15 anni mi ripromisi di leggere almeno 3 libri al mese e questo proposito non l’ ho mai considerato come un dovere, ma un piacere che concedevo a me stesso per rendere omaggio alla vita.

La censura letteraria ha fatto parte del genere umano sin dall’antichità, ai giorni nostri la cosa si è amplificata oltremisura e paradossalmente in un momento storico dove e’ sempre meno la gente che legge.

Un mese fa terminai di scrivere un libro, un testo di 200 pagine che in meno di 2 mesi buttai giù’ senza nemmeno una bozza come e’ mia consuetudine fare, prima di mandarlo presso una casa editrice l’ho fatto leggere ad un paio di amici per avere un indicazione sommaria sul contenuto e la prima reazione loro fu ” E’ bellissimo, ma non te lo pubblicheranno mai” la risposta fu univoca da parte di entrambi.

Cosi come 15 dei miei articoli pubblicati erano stati bloccati su Facebook in virtù’ degli argomenti trattati, non poteva altresì essere scartata l’ipotesi che la mia opera non può essere redatta da una casa editoriale.

Il mio libro non incidera’ mai sul corso della storia, ma altri in passato lo hanno fatto e lo faranno ancora e la direzione presa e’ dettata da quella che si chiama ……..

Censura

Libri Proibiti

Il mondo, secondo Mallarmé, esiste solo per un libro. Secondo Bloy, siamo versi, parole o lettere di un libro magico, e questo libro eterno è l’unica cosa che esiste al mondo: infatti, è il mondo “Jorge Luis Borges

“Immagina”, dice Leibniz, “due biblioteche”. Il primo consiste in mille copie dell’Eneide di Virgilio, che Leibniz considera il libro perfetto e potrebbe esserlo. L’altra biblioteca contiene un migliaio di libri di valore variabile, inclusa una copia dell’Eneide. Quale delle due biblioteche vale di più? Ovviamente il secondo. Così Leibniz conclude che il Male è necessario per la diversità del mondo. “Jorge Luis Borges

“Per ascoltare i libri parlare, devi conversare con loro nel loro ambiente originale”, osserva Anthony Grafton nel suo studio “The Crisis Form / The Book Is Exterminating”.

Nel mondo del romanzo di Bradbury non c’è indice di libri proibiti come quelli imposti dall’Inquisizione, dagli stalinisti, dai nazisti e oggi tutti i regimi autoritari (Cina, Arabia Saudita, ecc.). Qui tutti i libri vengono bruciati senza eccezioni, come risultato di un complesso processo socio-politico di declino e declino.

A tenere le persone lontane dai libri. Hanno perso la capacità di concentrazione che richiede la lettura e quindi la prontezza mentale e la volontà di apprendere e approfondire. L’incapacità di apprezzare qualcosa che vale la pena non è lontano dal rifiutarla, escluderla e, se si ha il potere, proibirla.

Anche qui Bradbury introduce qualcosa di veramente eretico sul periodo in cui scrisse il libro: le conseguenze negative della neutralità del valore – in altre parole, della correttezza politica – in una società democratica in cui tutti i cittadini sono costituzionalmente uguali. Le minoranze di ogni tipo, scrive, non dovrebbero essere infastidite da segnalazioni che potrebbero offenderle. Giudizio e confronto, dubbio e riflessione sono indesiderabili, esattamente ciò che i libri servono e sviluppano. La tecnologia, le masse manipolate e le minoranze hanno deciso che è meglio bruciare i libri. Tutti quelli che bruciano le persone con facilità (e piacere) sono quelli che bruciano tutti i libri ancora più facilmente.

Bradbury (1920-2012) ovviamente sapeva cosa accadde ai nazisti in Europa alcuni anni fa e cosa stava succedendo negli Stati Uniti con l’isteria della Guerra Fredda e il maccartismo. Era il periodo in cui i libri di Wilhelm Reich venivano bruciati , imprigionati e uccisi. Ma è più probabile che sia stato influenzato da “The Mechanical Bride: Folklore of Indusrial Man” (1951) di Marshall McLuhan. E poiché era intensamente preoccupato per la trasformazione della civiltà umana nell’era della cultura di massa e della rivoluzione tecnologica, ha sperimentato un’audace proiezione nel futuro.

Nel 1953 pochi avevano televisori, solo 7 pollici e in bianco e nero, ma in “Fahrenheit 451” in ogni casa ci sono grandi schermi a colori da cui vengono trasmessi costantemente musica, notizie e programmi televisivi interattivi. I cittadini vengono dimenticati, si dimettono, impazziscono. In ogni progetto distopico, specialmente in relazione a T.N. ovunque ci sono enormi schermi che scacciano persone già ipnotizzate, sistematicamente e nei tempi previsti. Questa abitudine “a schermo aperto” non esiste nelle case e nelle città dei ricchi.

Sì, i libri non sono ancora tutti banditi, ma hanno reso le persone incapaci di leggerli. Molto più facile, intelligente e semplice. Nel testo che segue, l’autore Pantelis Giannoulakis sulla rivista Strange dispiega un articolo relativo all’argomento. ” I Anagnostou”

Libri proibiti

Nel 1953, forse il più nobile autore della cosiddetta “fantascienza” Ray Bradbury scrisse un libro intitolato Fahrenheit 451 (Fahrenheit 451). Lo strano titolo dell’opera indica con precisione i gradi di temperatura a cui un libro prende fuoco e brucia. Nelle pagine di questo libro (portato anche al cinema da François Trypho) viene descritta una società futura autoritaria in cui i libri – tutti i libri, di qualsiasi tipo – sono banditi.

E poiché qualsiasi divieto, per essere applicabile ovunque, richiede sempre alcune forze di sorveglianza e repressione, il rilevamento e il rogo di tutti i libri, specialmente quelli i cui proprietari o autori si sono rifiutati di bruciarli, sono stati effettuati dai vigili del fuoco.

Il protagonista del progetto, Montagu, un vigile del fuoco addestrato dallo stato per essere un distruttore, inizia accidentalmente a leggere un libro salvato e la sua coscienza inizia a cambiare. Annunciato e braccato, si rifugia in campagna, dove incontra una strana comunità di persone dove ogni membro è stato trasformato in un libro, che trasforma questa comunità errante in una preziosa biblioteca vivente.

Ognuna di queste persone ha memorizzato accuratamente e fedelmente da un libro. In questo modo hanno nascosto i libri ai loro persecutori e li hanno salvati, segretamente e silenziosamente, ognuno di loro sopraffatto dall’angoscia per trovare un successore per consegnare il libro che ha incarnato prima di morire … Ho considerato la migliore introduzione per questo articolo vorrebbe citare un estratto da questo libro di libri di Bradbury:

“…” Siamo abituati a tutto questo. Sai, abbiamo fatto tutti la giusta serie di errori, altrimenti non saremmo qui adesso. Quando vivevamo come persone separate, provavamo solo rabbia. Ho investito un pompiere quando, anni fa, è venuto a bruciare la mia biblioteca. Da allora non hanno smesso di inseguirmi ovunque.

Vuoi venire con noi, Montagu? ” “Sì!” “Allora, cosa puoi offrirci?” “Probabilmente niente. Pensavo di avere una parte dell’Ecclesiaste e forse un po ‘di Rivelazione, ma ora non li ho neanche io … ”“ L’hai detto all’Ecclesiaste? Meraviglioso “Dov’è?” “Qui dentro,” disse Montagu, indicando la sua testa. “Ah, davvero …” Granger sorrise e annuì condiscendente. “In effetti …” Granger si rivolse al Reverendo: “Abbiamo libri dell’Ecclesiaste? … “Uno. C’è un uomo di nome Harris,da Youngstown”

Granger afferrò Montagu per la spalla: “Stava camminando con cautela. Prenditi cura della tua salute. Sai, abbiamo tutti una memoria fotografica, ma abbiamo passato una vita a imparare come aggrapparci alle cose che sono immagazzinate comunque. Il signor Simmons ha lavorato duramente su questo tema per vent’anni e abbiamo già il metodo per ricordare in qualsiasi momento qualsiasi cosa abbiamo letto. Ti piacerebbe leggere un giorno lo Stato di Platone? ” “Certo …” “Sono lo Stato di Platone … Vuoi leggere Marco Aurelio? “Il signor Simmons è Marco Aurelio.” “Sono molto felice”, disse il signor Simmons. “Allo stesso modo,” sorrise Montagu.

“Bene, lascia che ti presenti Jonathan Swift, l’autore del libro politico peccaminoso The Travels of Gulliver. Il signore in piedi accanto a lui è Darwin. Il maestro di qui è Schopenhauer, e lì è Einstein. Il signore accanto a me è Albert Schweizer, un filosofo veramente nobile. Siamo tutti qui, mio ​​caro Montagu: Aristofane e Mahatma Gandhi e Godama Buddha e Confucio e Thomas Love Peacock e Thomas Jefferson e Mr. Lincoln. E allo stesso tempo siamo Matteo, Marco, Luca e Giovanni… ”Tutti risero lentamente.

“”Non è possibile!” esclamò Montagu. “Eppure, è …” Granger rispose con un sorriso enigmatico. “E siamo anche piromani di libri. Abbiamo letto i libri e poi li abbiamo bruciati per paura che potessero scoprirli. I microfilm non ci aiuterebbero, perché anche loro possono essere scoperti e distrutti, sai con quanta facilità puoi diventare un sospetto, e inoltre, viaggiamo costantemente, non potremmo seppellire i microfilm e tornare più tardi nello stesso posto. C’è sempre il rischio di scoprire qualsiasi oggetto rilevante.

È meglio tenere i libri in testa, dove nessuno può vederli, né sospettare della loro esistenza. Siamo tutti estratti o anche grandi pezzi di storia, letteratura, filosofia, poesia e diritto internazionale. Byron, Thomas Payne, Machiavelli, sono tutti qui, con noi… E il tempo è già passato. La guerra inizia di momento in momento. E siamo tutti qui, e la città è lì, avvolta nel suo manto dai mille colori.

… ”Tutto ciò che vogliamo è mantenere intatta la preziosa conoscenza. Al momento, non vogliamo irritare o far arrabbiare nessuno. Perché, se ci perdiamo, la conoscenza morirà forse per sempre. Camminiamo seguendo i vecchi binari del treno, la notte dormiamo sulle colline e la gente della città ci lascia soli. A volte ci fermano e ci cercano, ma non trovano prove incriminanti contro di noi. La nostra organizzazione è resiliente e flessibile, incredibilmente rilassata e frammentata. Alcuni di noi hanno cambiato volto con la chirurgia plastica, così come le impronte digitali. Per il momento il nostro lavoro è tortuoso, aspettiamo l’inizio e, spero presto, la fine della guerra. Allora non saremo più sotto il controllo dei nostri tiranni,non saremo più una strana minoranza che piange nel deserto.

Trasmetteremo i libri ai nostri figli oralmente e loro a loro volta li trasmetteranno ad altri. Naturalmente, molti libri andranno persi in questo modo. Ma non puoi costringere le persone ad ascoltarti. Devono venire da noi da soli, quando arriverà il momento in cui si chiederanno cosa sia successo e il mondo se ne sarà andato. Non ci vorrà molto tempo γίνει “” Quanti siete in totale? ” “Siamo in migliaia per le strade, sui binari dimenticati, sulle colline, fuori barboni, mentre dentro siamo biblioteche … Tutti stavano memorizzando il libro che volevano ricordare, è così che è iniziato tutto. Poi, negli ultimi vent’anni, ci siamo incontrati durante il nostro viaggio errante, abbiamo intrecciato la rete lentamente e costantemente, abbiamo elaborato il nostro piano segreto … Ma, come esseri umani, non siamo altro che librerie logore e polverose, altrimenti del tutto insignificanti “.

Persone e libri

Sebbene quest’opera di Bradbury sia stata frettolosamente inserita nel controverso archivio dell’etichetta di “fantascienza”, semplicemente perché tenta un minaccioso futurismo critico, è in realtà un’opera profondamente allegorica, pari al meglio dei suoi enigmatici capolavori. Chesterton, Borges o Henry James. Bradbury fa un vagabondaggio spirituale direttamente nel cuore della questione. Diamo uno sguardo alle coordinate di questo vagabondaggio spirituale.

A) Dobbiamo ricordare che dietro ogni libro (o forse dentro ogni libro) si nasconde un uomo. Il suo autore. Forse anche un libro è nascosto dentro ogni persona (e poiché ogni persona non lo scrive, forse è per questo che gli autori ne scrivono più di uno, per pareggiare questa inerzia). Quindi sarebbe molto corretto dire che essenzialmente non esistono “libri proibiti”, ma “persone proibite”.

B) Se meditiamo sui possibili motivi per cui un libro può essere descritto come “proibito”, o anche se una persona è descritta come “proibita”, vedremo che non sono legati alla carta o alla stampa e alla legatura del libro, o aspetto esteriore di una persona, ma con il suo contenuto, la sua personalità. E un libro – ma anche una persona – contiene conoscenze, idee, informazioni, storie. Quindi quando parliamo di “libri proibiti”, parliamo di conoscenze proibite, idee proibite, informazioni proibite, narrazioni proibite.

C) Questo “divieto” di cui parliamo, sia che lo intendiamo letteralmente o figurativamente, dobbiamo ammettere che nasce dall’opposizione di questa conoscenza proibita allo stato attuale della conoscenza e della società, o viceversa. Questa opposizione, questa guerra epistemologica segreta, è il fattore chiave che rende “proibita” una conoscenza – un approccio, un insieme di idee e informazioni, una narrazione, un’ispirazione.

Se lo stato attuale della conoscenza e della società impone la nostra compatibilità con specifiche aree di idee, allora qui stiamo parlando di idee che sono incompatibili, incompatibili, spesso “irrazionali” (al di là della logica “comune”, sia della gente comune comune che degli scienziati e di persone che dirigono la logica della società, come politici, preti, insegnanti, giornalisti, ecc.). E poiché il consolidato, nel tempo, cambia questo come tutte le cose di questo mondo, cambia anche il carattere del “divieto”. Persone o libri che una volta erano vietati non lo sono oggi, e le persone e i libri che sono vietati oggi non lo erano, e c’è una categoria interessante di persone e libri che sono sempre stati banditi.

D) Le stesse persone e le stesse – su, giù – stabilite, erano quelle che bruciavano le persone e bruciavano i libri. Ma mentre tutte le cose in questo mondo si evolvono, così si sono evolute, a un certo punto si sono resi conto che il fuoco non era il mezzo più efficace per sopprimere le persone “proibite” e la conoscenza “proibita”. Hanno scoperto metodi più efficaci: poiché per bruciare un libro devi prenderlo da te e bruciarlo o costringerti a farlo da solo, è una misura più drastica non averlo affatto, non poterlo avere, a lo leggi.

E poiché, di solito, per ottenerlo, deve esistere la sua distribuzione, qui si parla di conoscenza che solitamente non è largamente distribuita, non viene trasmessa su larga scala, è estremamente rara e difficile da trovare, o completamente persa. E proprio come c’erano persone (“vigili del fuoco”) che bruciavano libri e persone (perché portavano una “scintilla” che l’establishment non voleva trasformare in un “fuoco” più ampio), ora si sono evoluti in persone – o gruppi sociali – chi è solo in allerta.

Pronti a criticare, ridicolizzare, sminuire, cancellare, confutare, diffondere rimorsi, voci, sabotaggio o boicottaggio, escludere e limitare la conoscenza “proibita”, anche al limitato livello “alternativo” che essi trasmettono, (essenzialmente un canale prefabbricato per localizzare il loro movimento, esiliato, controllabile, marginale e vulnerabile), quella conoscenza inaccettabile dall’insieme della conoscenza e della società, conoscenza “inaccettabile”. Conoscenze erranti, esiliati, proclamate e ispirazioni, e le persone che le portano nelle loro teste o nelle loro biblioteche.

E) Le persone “proibite” si associano – prima o poi – tra loro, nello spazio e nel tempo, determinando la crescita del prodotto della proibizione, dall’alchimia provocata dal loro rapporto. I libri proibiti circolano – sia come informazioni che come oggetti – “mano nella mano”, passaparola, testa a testa, in un processo segreto, nascosto, quasi di resistenza. Se così non fosse, non avremmo letto nessun libro “proibito”, non sapremmo nemmeno che esistono cose del genere … Questo rapporto e questa divulgazione segreta, tra le altre cose, costituiscono – in un modo o nell’altro – ciò che chiamiamo “misticismo” ».

Questi sono i motivi per cui ci sono “segreti”, “confraternite segrete”, “società segrete”, “backstage”, “misteri”, “rivelazioni”, “eresie”, tutti i tipi di visioni del mondo alternative, occultismo, l’alternativa filosofia e arte, così come una miriade di strani generi letterari che non vengono mai discussi da accademici di conoscenza convenzionale;

F) Infine, a causa di tutto quanto sopra, ci sono anche libri e persone proibite mascherate. Un buon esempio: gran parte della narrativa consiste in libri proibiti mascherati. Spiego subito cosa intendo: a volte, il più illustre delle “persone proibite”, ha voluto trasmettere liberamente e senza “divieti” le proprie conoscenze, idee e ispirazioni, a qualsiasi potenziale destinatario. Così, invece di scrivere un saggio o uno studio o dare una strana ricerca o narrare alcune delle loro esperienze “proibite”, lo hanno fatto sotto forma di un racconto o di un romanzo (spesso anche una poesia).

Hanno camuffato la loro verità in “fantasia”

Un termine con il quale lo status quo non ha problemi, poiché per lo status quo il termine “fantasia” si identifica nel migliore dei casi con arte o gioco innocuo, e nel peggiore con il falso, il falso, quindi innocuo . Non hanno mascherato la propria conoscenza o ispirazione, ma letteralmente il suo packaging! Ad esempio, se potessimo trasformare in saggi studi le opere “di fantasia” di Shakespeare, H. F. Lovecraft, Arthur Mahen, Algernn Blackwood, Hermann Esse, Jules Verne, Frank Herbert, Philip K. Dick , di Edgar Allan Poe, di J. R. R. Tolkien, Dante, Wiseman, William Burroughs, Cervantes, Karyotakis, ecc., Avremmo davanti a noi i libri più “proibiti” di tutti i tempi.

G) Bene, ora che ci penso meglio: tutti i libri sono effettivamente “vietati”, almeno a livello di biblioteca (cioè a livello di combinazione dei loro contenuti). Poiché qualsiasi libro che un lettore coerente potrebbe leggere potrebbe “svegliarlo” dal torpore della vita quotidiana e dal suo ruolo autoimposto nella società, potrebbero trasmettergli qualcosa del mistero del mondo e di se stesso. qualcosa di nuovo e di estraneo per lui, qualcosa di “strano”, qualcosa di “inaccettabile” per i suoi amici e familiari, i suoi vicini e datori di lavoro.

Potevano instillare in lui un senso di alfabetizzazione, libertà, sogno ad occhi aperti, reazione, avanguardia e resistenza spirituale, follia o pensieri “irrazionali”, potevano dirgli cose che non aveva mai sentito o imparato altrimenti, quindi qualsiasi libro potrebbe designato “proibito”. Sì, tutti i libri sono vietati! Altrimenti, come spiegheresti il ​​fatto che un lettore coerente, colto e un po ‘filosofico, che ha un senso di ricerca contemplativa e libertà spirituale (un essere a cui sono rivolti più o meno tutti i libri), dopo un determinato periodo di lettura finisce per cercare e leggere la maggior parte dei tipici libri “proibiti”?

Tutti i libri sono proibiti, perché tutti i libri alla fine conducono con precisione matematica a libri proibiti di tutti i tipi.

(Alla luce di tutte le riflessioni di cui sopra, mi rendo conto che per questo ultimo errore dei lettori “ricercati”, i libri proibiti “mascherati” sono in gran parte responsabili. Quell’ansia di ogni buon lettore di leggere ciò che è scritto tra le parole , dietro le pagine, oltre il libro. D’altra parte, non importa come lo facciamo, è necessaria un’istruzione molto speciale per capire perché alcuni libri o alcune persone sono “proibiti”, anche quelli molto ben camuffati, anche codificati, anche quelli della “fantascienza”, come Fahrenheit 451 di Bradbury o Chasing Slans di Van Vogt. Eppure, quelli che alla fine acquisiscono questa educazione molto speciale non sono affatto pochi! … )

A questo punto capisco che occorre un’ultima precisazione: cosa si intende esattamente con il termine libro “proibito”? Ebbene, penso che questa domanda si chieda effettivamente: quanti tipi di libri “proibiti” ci sono? Va bene allora, lasciatemi inserire la lista, che di per sé è una letteratura abilmente vietata:

Libri che, una volta scritti, sono stati veramente banditi e bruciati sul rogo.

Libri offensivi per i costumi e le credenze stabilite di ogni epoca, che erano considerati vietati da leggere e diffondere o semplicemente dal loro possesso.

Libri che erano considerati “eretici”, per la religione o per la scienza.

Libri di occultismo e magia (Occult).

Libri mistici di tutti i tipi, che trasmettono conoscenza segreta o sistemi segreti di conoscenza, e sono scritti da mistici per mistici.

Libri narrati con serietà e schiettezza e accuratezza epistemologica, situazioni ed esperienze, storie e geografie, scienze e arti, teorie e idee, semiotica e segni, che superano i limiti del compatibile e del convenzionale, del buon senso e del largamente accettato.

Libri che pretendono di contenere nelle loro pagine saperi antichi e perduti, di cui quasi nessuno sa nulla e quasi nessuno ne discute.

Libri di ricerca, che presentano ricerche su questioni che la maggior parte dei ricercatori rifiuta di indagare o accetta che esista un campo di ricerca corrispondente.

Libri di natura religiosa o teologica, che la rispettiva religione ha respinto come tali.

Libri rivoluzionari, la cui lettura è pericolosa per l’establishment politico attuale, perché ne insegnano il rovesciamento.

Libri scritti così bene da pazzi che chiunque li legga è un matto.

Libri che contengono conoscenze che si suppone siano state rivelate per rivelazione ai loro strani autori visionari.

Libri presumibilmente scritti da alieni, angeli, demoni, entità extra-dimensionali, spiriti, insegnanti invisibili.

Libri che tradiscono grandi segreti professionali di un ramo professionale.

Libri che sono il prodotto dell’azione di un servizio segreto di intelligence.

Libri che rivelano cospirazioni grandiose e senza tempo.

Libri che descrivono o promuovono alcune perversioni carnali o spirituali, o sono stati scritti nel contesto di queste perversioni.

Libri di enorme valore letterario, poetico o filosofico, il cui valore è stato sottovalutato o degradato per servire alcuni interessi, o per nascondere il valore dell’opera del loro autore nel contesto di una guerra epistemologica.

Libri particolarmente illuminanti su alcuni argomenti, che a tutti è vietato trattare, ad eccezione di alcuni esperti approvati dal rispettivo sistema.

Libri di alcuni grandi sognatori e scrittori visionari, che possono cambiare tutto il significato e l’atteggiamento della vita di una persona che li leggerà, in una misura indesiderabile dall’establishment attuale che vuole dare il significato e l’atteggiamento delle persone come desidera.

Libri pericolosi.

Libri in codice.

Libri che dimostrano in ogni dettaglio qualcosa che molte persone negano esista.

Libri scandalosi.

Fastidiosi libri confessionali.

Libri di una visione del mondo alternativa dettagliata.

Libri manifesti.

Libri molto strani, che nessuno può capire il loro argomento.

Libri che rivelano che ciò che sappiamo è sbagliato.

Libri che dovrebbero essere completamente banditi, ma che comunque circolano completamente liberamente, perché, se fossero normalmente banditi dall’establishment, allora questo fatto proverebbe chiaramente le cose contenute nelle loro pagine.

Questi sono tutti i tipi di libri “proibiti”, o almeno questo genere di cose che posso immaginare. Devo aggiungere che tutti questi libri di tutti i tipi possono spesso essere estremamente rari, scoperti e acquistati da appassionati collezionisti. Dopotutto, molti di loro stanno cercando una nuova edizione, poiché la maggior parte dei collezionisti non lo farebbe per evitare di diminuire il valore della loro acquisizione.

Possono anche essere libri a tiratura o disponibilità interna o limitata, se sono disponibili solo per una cerchia ristretta di persone, cioè sono scritti per lettori specifici o lettori di un tipo specifico. Possono essere libri ampiamente diffusi, ma il loro tema particolare è ciò che li caratterizza come “proibiti”. Spesso, se un libro sia “proibito” o meno è oggetto di una discussione altrettanto proibita.

Penso che alcuni esempi sarebbero utili per mostrare cosa intendo: il capitolo di Karl Marx era una volta un libro vietato ma non lo è più. Al contrario, My Struggle di Adolf Hitler non era un libro vietato, ma lo è oggi. Le opere del marchese de Sade sono sempre state bandite, infatti, nell’istituzione che è stata chiusa negli ultimi anni della sua vita, gli è stato addirittura vietato l’uso di carta e inchiostro.

I Salomonici oi Grandi Grimori (come Goetia) della magia rituale sono opere tradizionalmente proibite, proibite non solo dal rispettivo sacerdozio religioso cristiano a causa della conoscenza “di ispirazione demoniaca”, ma anche dal sacerdozio scientifico a causa del sacerdozio antireligioso. Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare dal ragionamento precedente, il clero cristiano nega infatti formalmente che esista la “mistica cristiana”, che rende proibite le opere della mistica cristiana (del resto, ufficialmente, ad esempio, comunità come quelle del Santo Le montagne o il Vaticano sono solo luoghi di preghiera e lì non esiste nulla di mistico), mentre il sacerdozio scientifico con le sue opinioni ufficiali fa ad es. le opere di Velikovsky o Tesla o Newton (quelle che non molti conoscono) sono vietate,sebbene siano completamente scientifici.

Molte opere di Nikos Kazantzakis sono tipicamente libri “proibiti”, poiché lui stesso era un uomo “proibito” (qualcosa che ha contribuito in modo significativo alla sua arretratezza), e le associazioni che ricorda The Last Temptation of Christ, Christ Crucified Again, o The Poor Man of God, sono un buon esempio di un trattato mistico, filosofico e teologico travestito da romanzo.

E che dire dei cosiddetti Vangeli occulti, che i sinodi della Chiesa definiscono letture proibite ed esiliati dalle tradizioni scritte ufficiali del cristianesimo, utilizzando come criteri alcune questioni che sembrano proibite di essere discusse più ampiamente?

I libri che trattano l’esistenza, la cultura e l’ubicazione di Lost Atlantis (o almeno il più serio di questi libri) sono considerati libri “proibiti” per l’establishment archeologico, storico e culturale (sebbene altamente istruito I fondatori massonici degli Stati Uniti chiamavano l’America “Nova Atlantis”). I libri che parlavano della vera natura geografica e culturale della “mitica” Troia di Omero e Virgilio furono anche letture “proibite”, finché Schliemann non scoprì non solo la Troia originale, ma una dozzina di essi, uno sopra l’altro. , e oggi le letture “proibite” rilevanti sono quelle che affermano che Schliemann non ha scoperto Troia.

Secondo la mia piccola supervisione sull’argomento, il libro più duramente proibito che io conosca, nei secoli che sono passati dalla sua scrittura, è Gli elementi di Euclide, e in effetti era un’opera completamente proibita fino a due secoli fa, poiché Geometria era una questione “proibita” fino al XVIII secolo circa! Oggi i libri che propongono “geometrie proibite” sono tipicamente “proibiti”, poiché solo l’accenno all’argomento incontra un gelido scetticismo se non una gelida domanda.

Inutile dire che la questione porta alla famosa questione delle “altre dimensioni”, un’altra questione che è vietata se non discussa da Stephen Hawking.

Libri che molte persone cercano ovunque, ma che non si trovano da nessuna parte, potrebbero non essere mai stati al di fuori dell’immaginazione proibita di alcuni degli scrittori che ne hanno parlato. Un buon esempio è Al Azif, il Necronomicon del folle arabo Abdul Alhazred, un libro proibito che divenne noto attraverso le storie d’amore di H. F. Lovecraft, ma forse Lovecraft lo aveva effettivamente studiato. È un libro leggendario, proibito, che nessuno può scoprire o perché è completamente di fantasia, o perché è davvero un libro proibito, inaccessibile alla maggior parte dei suoi aspiranti lettori.

Così, libri spesso proibiti acrobatici tra fantasia e realtà. O sono fantastici e non esistono in nessuna libreria, oppure sono talmente proibiti da non esistere in quasi nessuna libreria! La differenza è sempre la probabilità di questo “quasi”. (D’altra parte, si può scoprire il Necronomicon, che può avere un titolo diverso da quello attribuito. Sarà l’originale? E se qualcuno presenta una versione del Necronomicon con questo titolo, sarà quella autentica? … E, nel caso di questo leggendario volume o di qualsiasi altro simile, cosa si intende esattamente con il termine “autentico”? …)

I libri la cui conoscenza è stata acquisita attraverso il controverso processo di “Channeling” (libri dettati da entità intellettuali o extraterrestri superiori), sono tra i più giustificati come “proibiti”, sebbene i due libri più diffusi e accettati in In Occidente e in Oriente, la Bibbia e il Corano sono libri scritti in tali circostanze.

Quanto sopra è solo indicativo e solo alcuni dei miliardi di questioni relative ai “libri proibiti”, che potrebbero diventare oggetto di discussioni completamente “proibite”. Queste sono cose che non è facile discutere in modo più ampio, figuriamoci sapere, figuriamoci leggere o avere una libreria di loro, figuriamoci scrivere.

Questi problemi di parole esistono spesso e sono conosciuti oggi solo grazie alla moderna – formale e non essenziale – libertà di parola e di stampa, che è un po ‘data nel mondo democratico occidentale. Se non fosse per lei, quasi nessun lettore riconoscerebbe nemmeno gli esempi semplici e un po ‘popolari che ho citato.

Per come la vedo io, tutti i tipi di “libri proibiti” e “conoscenza proibita” in generale, costituiscono un’invasione “da altrove” nel mondo in cui viviamo, un mondo che è sicuro, conosciuto, mappato, dato, piccolo, quotidiano. Un’invasione dell’inaccettabile, dell’esilio e dell’irrazionale, nel mondo della vita quotidiana e del determinato determinismo religioso e scientifico tirannico, un progresso nascosto di una “quinta falange” di idee, informazione e conoscenza, una rivelazione sotterranea nelle aree e nei flussi del flusso principale di credenze (flusso principale), uno shock percettivo per lo spirito dormiente e presumibilmente libero della persona media, (anche in quei casi paradossali in cui abbiamo a che fare con una vecchia oscurità, che ora viene a illuminare il regno della nuova oscurità).

Charles Fort, uno dei padri del pensiero “proibito” del XX secolo, (Tutto nella sua opera è uno dei più caratteristici “libri proibiti” del nostro tempo, un mondo colto e strano che attacca il nostro mondo), le ha espresse tutto questo molto meglio di me, nel corrispondente prologo di una delle sue opere “maledette”:

“… Una modifica del maledetto. Per maledetti intendo gli esclusi, quelli che sono stati respinti e messi a tacere. Elaboreremo le informazioni che la scienza ha escluso ed esiliato.

“Battaglioni di maledetti, condotti in battaglia da vaghe informazioni che ho scoperto, sfileranno come eserciti di morti … Li leggerete o avanzeranno con rabbia. Alcuni di loro poveri, alcuni irritabili e focosi, e alcuni di loro con il marciume della tomba su di loro. Alcuni di loro sono cadaveri, scheletri, mummie, spezzati, ondeggianti, motivati ​​da compagni che furono maledetti quando erano vivi. Sono giganti che cammineranno accanto a te, anche se sembreranno addormentati.

Ci sono cose che sono teoremi e cose che sono spazzatura, stracci: cominceranno il loro corso, come Euclide mano nella mano con lo spirito dell’anarchia. Qua e là piccole prostitute svolazzeranno. Molti sono solo pagliacci. Ma molti meritano il massimo rispetto. Molti sono assassini pagati. Sono odori deboli e superstizioni ossute e ombre semplici e sfortune vivide: stranezze e apparizioni amabili. L’informale e il meticoloso, l’eccentrico e il grottesco, l’onesto e il falso, il profondo e l’infantile. Una pugnalata e una risata e le mani debolmente giunte di una proprietà disperata. Gli altamente rispettati, ma anche i condannati, comunque …

La forza che ha esclamato in tutte queste cose che sono maledette è la scienza dogmatica, lo scetticismo sterile, l’oscurantismo, l’ignoranza e il semi-apprendimento, le circostanze poco ispirate della nostra società. Ma avanzeranno. Le piccole prostitute salteranno, i mostri attireranno l’attenzione su di sé ei clown spezzeranno il ritmo dell’orchestra con i loro stupidi duduk.

Ma … la solitudine dell’elaborazione in un’unità: il sorprendente e meraviglioso delle cose che passano e passano e passano e passano, e tutto va e viene e viene. Quindi, per maledetti intendo gli esclusi. Ma anche con gli esclusi intendo quelli che un giorno diventeranno quelli che escluderanno. E qualunque cosa sia, non lo sarà. E qualunque cosa non sia, sarà … “

Ebbene, ecco due figure simboliche senza tempo nella storia della conoscenza proibita, immaginatele in una guerra eterna: da un lato, Charles Fort, pazzo per la sua brama per ogni informazione proibita o “maledetta ed esiliata” nel mondo, compone l’ultima opera, il raduno dettagliato di tutti i “pagliacci che spezzeranno il ritmo dell’orchestra con i loro stupidi duduk”, proponendo una ricostruzione della realtà, della scienza e dello spazio-tempo convenzionale.

D’altra parte, il primo grande imperatore della Cina, Xi Huang Ti, l’uomo che ordinò la costruzione della vasta e titanica Grande Muraglia che circondava un intero impero, e ordinò di bruciare tutti – ma tutti – i libri scritti prima lui, così come per iniziare a contare il tempo dal giorno della sua nascita!
Tra queste due figure allegoriche si snoda la storia infinita dei libri proibiti del mondo …

I libri vivono dentro di noi. Sono entità mentali.

La nostra libreria esterna è solo un riflesso della nostra libreria interna. Se non fosse così, i libri sarebbero solo un volume di carta sfocata. (Si potrebbe adattare il noto detto “mostrami il tuo amico per dirti chi sei” trasformandolo in “mostrami la tua libreria per dirti chi sei”).

I libri proibiti fanno parte del nostro sé proibito. Perché da qualche parte dentro di noi siamo viaggiatori nel tempo, da qualche parte dentro abbiamo parlato con angeli e demoni, da qualche parte dentro abbiamo visitato un altro pianeta o abitato Lemuria, partecipato a fraternità segrete, viaggiato nell’Ade, fatto i nostri dizionari, scoperto Koufia abbiamo costruito le nostre religioni, abbiamo fatto scavi proibiti nelle parti misteriose del mondo, abbiamo svelato i segreti dell’universo e la mattina dopo ci siamo dimenticati. Forse alla fine i libri proibiti ci ricordano le avventure di quell’io proibito, quell’io così proibito che la nostra coscienza nega persino la sua stessa esistenza.

E se i nostri sé proibiti potessero comunicare tra loro? Quale mutazione non riconosciuta avrebbe preso il sopravvento sul nostro mondo? Cosa diventerebbero le nostre società? Dopo tutto, noi stessi, la logica, la ragione, la scrittura, i libri, l’arte, la filosofia, miriamo o dovremmo mirare alla comunicazione finale. I libri, in particolare, sono una parte importante di questa comunicazione, o meglio, sono la storia registrata di questa comunicazione.

Un libro muto non è altro che uno spreco di carta e inchiostro, una maledizione o qualcosa di molto sospetto. Una biblioteca silenziosa è un incubo. I libri parlano. Questi sono i nostri mondi interiori che comunicano, lentamente e costantemente, nel corso dei secoli …

Non molte persone sanno che l’abitudine di “leggere dall’interno” – e non ad alta voce – un testo o un libro, è un’abitudine relativamente recente. Indica chiaramente un declino cognitivo all’interno, un’accettazione della comunicazione interna catalitica attraverso i libri.

Fino al Medioevo e almeno fino alla scoperta della tipografia, e in alcuni luoghi fino al XVIII secolo, le persone più istruite leggono un testo ad alta voce, seguendo le linee con il dito o l’indice, leggendo il testo oralmente piuttosto che pensare. , altrimenti non potrebbero capirlo. Questo ha molto senso, poiché le lettere che usiamo per scrivere sono un codice sonoro, sono simboli che rappresentano suoni specifici.

Sono fatti per essere pronunciati, per essere letti ad alta voce. Un altro motivo era che, prima della stampa, un libro non circolava in molte copie. Non tutti potrebbero avere la propria copia a casa. Di solito i libri erano nelle scuole, nei monasteri, nelle confraternite, nelle università, nelle varie istituzioni, nelle biblioteche. Qualcuno legge ad alta voce, ad es. l’insegnante e gli altri ascoltarono. Colui che ha scritto il libro era il conoscitore, quello che lo leggeva ad alta voce affinché tutti potessero sentire era il “conoscitore”, colui che ripeteva la conoscenza del libro ad alta voce per comunicare agli ascoltatori, una conoscenza che non era sua ma qualcun altro, e lo stava solo ripetendo.

La stessa differenza esisteva tra lo scriba o l’autore e il copista, colui che copiava più copie del libro. La distribuzione più ampia di un libro era piuttosto vietata, poiché i libri o avevano uno specifico proprietario che ne offriva alla comunità alcune copie, oppure erano proprietà di un’istituzione – e, di conseguenza, di un sistema – di conoscenza. (Ed è noto che vari copisti, per vari motivi, spesso tagliano o censurano un libro mentre lo copia).

C’erano alcune interessanti eccezioni alla regola della lettura orale: la maggior parte dei casi in cui uno studioso non leggeva un libro ad alta voce era quando stava leggendo un libro proibito e non voleva essere ascoltato. Un buon esempio è qualcosa che sant’Agostino narra nel sesto libro delle sue Confessioni, un episodio che considera notevole, in cui il suo maestro, sant’Ambrogio, recita:

“Quando Ambrose stava leggendo, il suo sguardo correva lungo le righe, impregnando il suo spirito di significato, senza pronunciare una parola, senza nemmeno muovere le labbra. Dato che non ha impedito a nessuno di entrare nella sala di lettura e nessuno lo ha avvertito che stava arrivando, lo abbiamo visto spesso leggere da dentro e mai ad alta voce. Ce ne siamo andati e lo abbiamo lasciato solo, pensando che nel tempo che gli era stato concesso per ringiovanire il suo spirito, senza essere oscurato da altre persone, non voleva disturbarlo, forse per paura che qualche ascoltatore casuale, che sarebbe stato turbato dal testo che leggeva, chiedeva spiegazioni per un verso difficile, o vorrebbe discutere con lui l’argomento, magari impedendogli di leggere quello che voleva … »

Alcuni estratti dal libro di Luciano con lo strano titolo “Verso l’educato e molti libri Onoumenon” tra molti altri libri, testimoniano l’esistenza di questa abitudine di lettura generalizzata già nel I secolo dC. E abbiamo tutte le ragioni per credere che sia sempre stato così. Pitagora, ad esempio, non scrisse mai libri per lui, probabilmente perché non voleva che i suoi insegnamenti fossero distorti dai copisti, ma anche che cadessero nelle mani degli ignoranti, o che avesse prove con cui potesse essere accusato dei suoi mistici. attività (alla fine la sua scuola è stata incendiata e lui e molti dei suoi studenti sono stati uccisi).

Con la stampa, ognuno potrebbe ora avere la propria copia di un libro popolare, se una rete di distribuzione competente lo consentisse . La lettura divenne solitaria. Sono diventati tutti “riconoscibili”. Ognuno potrebbe ora essere in una comunicazione personale senza tempo con il “conoscitore”, l’autore, direttamente nel proprio mondo interiore, uno nel libro e l’altro nella sua testa.

Abbiamo iniziato a leggere “dall’interno”. I libri sono diventati parte del nostro pensiero. Al momento il mio lettore sta leggendo questo testo, lo sto scrivendo o ci sta pensando? Tutti e due. Da un momento in poi non sarà in grado di separare il mio pensiero dal suo. Ecco perché i libri possono diventare così pericolosi, non plasmano semplicemente l ‘”opinione pubblica” come la televisione, ma modellano il pensiero stesso. È molto naturale avere interi campi di pensiero proibito e di conseguenza intere biblioteche di libri proibiti …

Con la scoperta e la graduale diffusione della tipografia, troppi libri cessarono di essere rari (perché fino ad allora tutti i libri erano rari). Il significato del libro proibito è cambiato. Fino ad allora, i libri che erano stati vietati non erano ospitati nelle scuole, nei monasteri, nelle biblioteche e nelle sale di lettura, e venivano chiusi nelle cripte segrete di alcune biblioteche o istituzioni o in alcune collezioni personali segrete.

Gli stessi luoghi che ospitavano o distribuivano i libri avevano contrassegnato alcuni libri come proibiti. In seguito, molto semplicemente, i libri proibiti non furono stampati. Molto tempo dopo, la maggior parte dei libri che in seguito furono etichettati come “banditi” erano copie personali in edizione limitata, sempre con il contributo segreto di un singolo stampatore che fungeva da editore.

Quindi: 1) Quindi, all’inizio i libri proibiti erano quelli che erano stati proibiti come “letture” dai governanti chiave della conoscenza. 2) Poi c’erano quei libri che non venivano stampati. 3) In seguito furono quei libri peculiari ad essere rari e richiedevano una ricerca speciale da parte del lettore per ottenerli (a mio avviso, questo è il motivo per cui oggi si parla di “spazio di ricerca” epistemologico o stampato). 4) E nella nostra epoca di diffusa diffusione di idee e informazioni, sono quei libri che sono prodotti insoliti di una mente alternativa, libri che sono piuttosto clandestini o letture leggendarie che sono state descritte in passato come proibite.

Ma devo sottolineare qualcosa di molto utile per capire l’intera faccenda: ciascuna delle precedenti ere di libri proibiti non è finita solo per succedere all’altra, perché qui non si tratta di epoche ma di libri. Ad esempio, i libri della prima era continuarono ad esistere nella seconda era, anche in quella moderna. Questo fatto dà una dimensione più profonda al problema dei libri vietati: diciamo, se un libro è stato così bandito in passato da essere stato tenuto nel seminterrato più buio di una biblioteca nella prima stagione e non stampato nella seconda stagione, molto probabilmente è che oggi quasi nessuno sa della sua esistenza! E molto probabilmente esiste ancora da qualche parte …

Questo porta a una conclusione provocatoria e inquietante: i libri più vietati sono quelli di cui non sapremo mai nulla!

In effetti, i libri “proibiti” che conosciamo oggi potrebbero non essere altro che una distrazione, una cortina fumogena che mira a coprire i libri proibiti veri e sconosciuti.

In fondo, se mettiamo da parte la questione dei contenuti che caratterizzano un libro come proibito, e ci concentriamo sul suo “divieto” in termini di disponibilità, è facile distinguere una gradazione: ci sono i libri “proibiti” che hanno finito per circolare più ampiamente. Ce ne sono alcuni che sono piuttosto difficili da trovare e devi cercarli molto per leggerli. Ci sono quelli estremamente rari e vengono acquistati solo da collezionisti dedicati.

Ci sono quelli che sono incredibilmente rari e hanno solo una manciata di avidi collezionisti. Ci sono quelli che ad es. Sono manoscritti e sono conservati esclusivamente in un monastero, una biblioteca, un’istituzione, un museo e puoi vederli – se sai dove andare – solo dietro una finestra. Allo stesso modo, ci sono quelli in luoghi simili – che non conosci – e possono essere visti solo da alcuni esperti approvati (da chi?). Ebbene, è sia logico che facile concludere che ci sia almeno un ulteriore passaggio nei gradi precedenti.

Libri che quasi nessuno conosce e che ufficialmente non esistono.

Cosa potrebbero scrivere questi libri?

Ricordo al mio lettore che qui non stiamo parlando solo di libri, ma essenzialmente della storia registrata della conoscenza umana. E lei, a quanto pare, ha troppi pezzi proibiti, di cui la persona media – o anche lo studioso medio – non verrà mai informata. E qui, penso che sia il posto giusto per porre una mia vecchia domanda. Lasciatemelo esprimere con una domanda casuale: dov’è l’Odissea di Omero?

Mi dirai, si trova nella libreria più vicina. Sì, non sono in disaccordo, ce n’è una copia, ma intendo l’originale Odyssey, l ‘”originale”. So che un testo antico come ad es. L’Odissea non è conservata nel suo primo manoscritto (anche se non sono pronto a prestargli giuramento), quindi mi chiedo quale sia la sua copia più vecchia, quella in cui abbiamo scoperto l’opera, che per noi è “originale”. Allora dov’è questo manoscritto? Dove viene conservato? Chi ce l’ha? C’è; Possiamo vederlo?

Questa è la mia cara vecchia – e forse infantile – domanda senza risposta. Dove sono gli antichi testi greci o, dopo tutto, le loro copie più vecchie? Dove sono conservate le opere di Aristotele? Come sappiamo che è ad es. 100 e non 200? Come sappiamo che un testo antico non ha cinquanta pagine più lunghe di quanto sappiamo? Dove sono le opere di Platone? Anassimandro? Plutarco? Dov’è l’Eneide di Virgilio, la Divina Commedia di Dante, la Storia Naturale di Plinio?

Non implica necessariamente nulla con queste domande, semplicemente non so dove siano. Nel tempo ricordo sempre di aver chiesto a persone che potrebbero sapere, ma scopro che nemmeno loro lo sanno. (Ma un giorno lo scoprirò). Potremmo trarre molte conclusioni se potessimo scoprire anche solo dove si trovano tutti questi importanti testi antichi, specialmente quelli greci. Le ragioni possono essere immaginate dal mio lettore. Sto solo facendo questa domanda per ispirarlo con altre domande. A volte la maggior parte delle domande è più utile di poche risposte.

Ebbene, se – ad esempio – ci sono testi antichi “proibiti”, ed è piuttosto certo che esistono, sono da qualche parte e alcune persone sanno e – perché no – applicano e sfruttano la conoscenza che contengono. E potrebbero essere conoscenze molto importanti. Perché, quasi sempre, i libri vietati non sono vietati per alcune élite che in qualche modo hanno plasmato il loro divieto.

Ecco un esempio: l’eccellente lavoro di George Orwell del 1984 era un libro vietato in Unione Sovietica. Lo trovo molto naturale, poiché quest’opera ha tutte le caratteristiche di un libro proibito. Tuttavia, l’élite al potere del Partito Comunista ha richiesto che fosse segretamente tradotto in russo da uno staff di traduttori e stampato in un piccolo numero di copie, in modo che potessero leggerlo, analizzarlo o consultarlo, anche se tutti ai cittadini era vietato leggerlo!

In effetti, la questione è stata descritta come una questione di sicurezza nazionale! (Tutto questo è un fatto storico, ben noto agli studiosi, e chiunque sia interessato a maggiori informazioni può facilmente indagare sulla questione e apprendere tutte le strane avventure del libro 1984). Conoscendo tutte queste reazioni a catena, Orwell ha imparato a mascherare meglio le sue opere “proibite”, ad es. scrivendo la fattoria degli animali.

Le famose biblioteche segrete vaticane sono una realtà e, per quanto ne so, di fronte a loro impallidiscono le rispettive biblioteche segrete di Oxford e del British Museum (che da qualche parte nelle sue cripte stanno la più misteriosa delle opere del dottor John Dee, tra in opere ancora più misteriose). Recentemente mi è capitato di guardare un video “proibito”, in cui, tra l’altro, c’era un fugace giro delle vaste reti di gallerie sotterranee piene di biblioteche appositamente progettate, sotto il Vaticano. In queste gallerie, infatti, c’è un impeccabile sistema bibliotecario, che arriva ai limiti della fantascienza.

È un’intera mini-ferrovia sotterranea, gestita da treni robotici che cercano, localizzano e trasportano i libri che un uomo dell’élite selezionata ha chiesto di studiare. In queste gallerie ci sono innumerevoli libri inestimabili, innumerevoli tesori della conoscenza umana, proibiti agli occhi dei mortali, e tra questi ci sono infiniti libri a noi completamente sconosciuti. Non sapremo mai nulla dei loro contenuti. E le biblioteche segrete del Vaticano sono solo un esempio;

“Il vostro mondo si chiama Urantia ed è uno dei tanti pianeti abitati simili che compongono l’universo locale di Nebadon. Questo universo, insieme ad altre creazioni simili, è il super-universo di Orvonton, dalla capitale di Uversa, a cui vi dà il benvenuto il nostro comitato. Orvonton è uno dei sette superuniversi evolutivi dello Spazio-Tempo, che circondano l’infinita creazione della perfezione divina: l’Universo centrale di Havona. Al centro di questo eterno universo centrale c’è l’isola del paradiso, che è l’esatto centro geografico dell’eternità e la dimora dell’eterno Dio … »

Questo messaggio è indirizzato agli abitanti di Urantia, cioè a noi, e proviene dalle menti extraterrestri-extra-dimensionali responsabili del nostro mondo, il cui vero nome è Juradia. Proviene da una serie omonima di libri enigmatici e complessi scritti da loro (tra cui l’arcangelo Michele e altri), che numerano migliaia di pagine e decodificano tutti i misteri dell’universo, dell’evoluzione, dello spazio-tempo e di Dio!

Chi ha scritto questo libro incredibile?

Chi ha letto e decodificato i Dodici Arcani Celestia di Emmanuel Svendenborg?

Qualcuno ha mai usato il linguaggio analitico segreto di John Wilkins?

Cosa intendeva Klimis Alexandreas scrivendo: “La cosa più prudente non è scrivere la minima cosa, ma imparare e insegnare oralmente, perché gli scritti rimangono… (Materassi). Altrove scrive: “Scrivere tutto in un libro è come lasciare una spada nelle mani di un bambino …”

E se Jules Verne avesse un grande taccuino (ogni scrittore ne ha almeno un cassetto pieno), in cui annotava in dettaglio tutte le ricerche che ha fatto per finire a scrivere alcune delle sue opere monumentali, dove potrebbe essere? al momento questo taccuino?

E chissà che fine hanno fatto i taccuini di Leonardo da Vinci, che sono sicuramente molto di più dei due o tre conosciuti?

E quella monumentale biblioteca di Aldous Huxley che “prese fuoco”, cosa conteneva?

E quell’altra monumentale biblioteca bruciata, quella di Alessandria, a chi ha ereditato – attraverso il rapimento – i suoi libri “bruciati”? (Se il mio lettore vede un’ironia nella frase precedente, è perché non l’abbiamo vista bruciare tutta. La libreria, non l’ironia).

E se è vero che il colonnello Churchward studiò i Segni Naachal in un tempio in India, da dove trasse informazioni sulla Mia perduta Lemuria, dove sono questi testi?

E c’è qualcuno che ha decifrato gli enigmatici contenuti del leggendario Manoscritto Vunic?

Qual è il dizionario dei khazari?

I Templari avevano una biblioteca?

È il Vangelo di Tommaso, il Vangelo di Tommaso?

Qualcuno ha letto l’intera Anatomia della malinconia di Robert Burton?

Qualcuno ha visitato la geografia del sogno descritta in dettagli stravaganti da Francisco Colona nell’opera proibita Hypnerotomachia Poliphili?

Quali libri aveva studiato Cristoforo Colombo?

Cosa contenevano le strane biblioteche Maya distrutte dall’arcivescovo Diego de Landa come “opere demoniache”? E li ha distrutti?

Cosa hanno scritto Robert Heinlein e Larry Niven al Presidente degli Stati Uniti? Ronald Reagan, con la proposta di creare il sistema di armi spaziali del programma Star Wars?

Chi possiede le migliaia di pagine manoscritte dell’Esegesi di Philip K. Dick?

Cosa sono esattamente le carte Incunabula?

Qualcuno ha mai preso sul serio ciò che ha scritto Edgar Allan Poe in Eureka !?

Cosa dicono i centomila libri aneddotici di Alistair Crowley?

Quando Richard Heber, il più grande collezionista “amante dei libri” di libri rari e amante di tutti i tipi di opere “proibite”, morì nel 1833, la sua volontà non fece assolutamente alcun riferimento ai libri (come fece Shakespeare). Ci vollero diversi anni prima che gli esecutori testamentari scoprissero lentamente le sezioni titaniche della sua incalcolabile biblioteca. La sua enorme casa di campagna era piena di libri dal pavimento al soffitto, così come le tre case che teneva segretamente a Londra. Successivamente, case simili iniziarono a essere scoperte a Parigi, Bruxelles, Vienna, Amsterdam, così come dozzine di case-biblioteche in varie città della Germania. Che fine hanno fatto tutti questi innumerevoli libri rari? Perché voleva mantenere segreta la loro esistenza?

A tutte le domande di cui sopra, che hanno un ruolo indicativo, non si aspira a rispondere con un semplice articolo, né con l’affascinante antologia di testi contenuta nel libro Forbidden Books (edito da Archetype) che io ed i miei collaboratori abbiamo composto nella speranza di lanciare un nuovo argomento nella letteratura greca. Non aspira a rispondere a tutte, perché nessun articolo o libro aspira a farlo, perché è piuttosto impossibile per loro rispondere.

Purtroppo questa è la trappola nel misterioso numero dei “libri proibiti”. Non puoi toccare adeguatamente e in modo soddisfacente il cuore della questione, perché i libri veramente proibiti semplicemente non esistono. Non esistono qui intorno. I singoli problemi che li circondano sono ugualmente vietati, ma almeno possiamo forse discuterli (in un sussurro).

Ma anche queste discussioni, oltre a richiedere centinaia di anni per essere completate, richiederebbero centinaia di volumi per la registrazione, che a sua volta richiederebbe decine di anni per scrivere e innumerevoli anni per essere letta dagli aspiranti. i loro lettori. (E, naturalmente, questi volumi aumenterebbero semplicemente i ranghi dei “libri proibiti”). Tutto questo è un processo futile o mi sembra?

Per quanto riguarda il nostro promettente libro Forbidden Books, per quanto ne so, è la prima volta nella letteratura greca che il presente problema viene sollevato con una simile antologia di testi sotto questo titolo. E tutti i primi sono destinati a essere solo importazioni. E la mia introduzione a questa introduzione è appena terminata.

Devo notare che le pagine del libro sono state scritte da studiosi dedicati (che saranno molto felici se leggerete le loro opere), che devo ringraziare per la realizzazione di questo vecchio sogno di molti lettori greci, perché io sono uno di loro progettista). Gli autori di questa antologia, altrimenti introduttiva all’enorme questione, hanno voluto condividere con i loro compagni di viaggio parte della loro conoscenza di alcuni libri misteriosi di cui nessuno parla.

Ci sono molte persone là fuori che vorrebbero potersi negare questo piacere, dicendo che questo è un libro scritto da etherealisti sugli eteri, ai quali parlano di libri scritti dagli eterei. So che questo giustifica l’esistenza di “libri proibiti”, ma non oso rispondere alla loro negazione.

Non perché non ne abbia il coraggio, ma perché un’autorità, J., lo ha fatto meravigliosamente. K. Chesterton, molto prima di me: “L’uomo sa che ci sono ombre nell’anima più sconvolgenti, più innumerevoli e più senza nome dei colori di una foresta d’autunno. Eppure, credere che queste sfumature, con tutte le loro miscele e le loro mutazioni possono essere accuratamente attribuite a un meccanismo arbitrario di urla e ruggiti. Crede che, dal profondo di un agente di cambio, escano davvero suoni che esprimono tutti i misteri della memoria e tutte le ansie del desiderio… » Chesterton ha scritto sul linguaggio umano.

E poiché è certo che i libri sono una lingua, allora questo libro parla una lingua proibita, così come è la nostra lingua per uno straniero.

Pantelis Giannoulakis

Fonte: Strange Magazine

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code