toba60

Perché il prossimo Collasso Economico Non sarà Causato dal Virus Corona

Da quanto mi occupo di informazione ho imparato che quando accade qualcosa si deve sempre guardare da un altra parte

Tutto ciò’ che succede maschera sempre un qualcosa che deve sfuggire all’opinione pubblica , chi detta le regole del gioco può’ in questa maniera agire indisturbato per vie che se comprese, sarebbero inaccettabili.

Il CoronaVirus e’ in se’ un inezia se paragonata alla mattanza che solo in Italia ogni giorno colpisce 2000 persone a cui viene riscontrato un tumore, per non parlare dello sterminio collettivo in atto in Congo (Con il beneplacito consenso degli Influenzati Europei) che da quando ognuno di noi si o si vuole un cellulare in mano, ha provocato sino ad ora 9 milioni di morti.

La Globalizzazione comporta questo, uno starnuto in Cina, ha liquidato la più’ potente economia del mondo e Messo in Ginocchio l’Europa.

Adesso non lamentiamoci per ciò’ che e’ stato, ma per tutto quello che avremmo dovuto fare ma non abbiamo fatto.

Il Corona Virus non centrerà’ nulla con il Crack imminente, il vero virus e’ un umanità’ che ha perso totalmente il senso della realtà’

Quando si sveglierà’ penserà’ di aver vissuto un incubo, ma e’ tutto vero……..

Toba60 Sempre di corsa ma al vostro Fianco

Il Cigno Nero

Con il crollo della borsa di 1000 punti di lunedì scorso, Internet è stato dato alle fiamme con la discussione di un nuovo incidente che si profila all’orizzonte. Il fatto che un tale collasso dalla reazione a catena sia stato tenuto a bada solo a causa delle ingenti iniezioni di liquidità da parte dei prestiti riguardante l’operazione finanziaria a brevissimo termine della Federal Reserve non dovrebbe essere ignorato.

Queste iniezioni, iniziate a settembre 2019, sono cresciute fino a oltre $ 100 miliardi a notte … tutto ciò per supportare la più grande bolla finanziaria nella storia umana con derivati ​​globali stimati a $ 1,2 quadrilioni (20 volte il PIL globale!).

Purtroppo l’analfabetismo economico è così pervasivo tra gli economisti moderni di oggi che le vere ragioni di questa crisi sono state completamente mal diagnosticate con esperti finanziari della CNN, a Forbes che incolpa la volatilità sulla diffusione del virus Corona!

Non e’ il Corona Virus la vera causa dell’imminente collasso finanziario.

Per quanto rinfrescante sia ascoltare le candide critiche al fallimento del sistema e persino il supporto per il ripristino della separazione della banca Glass-Steagall da candidati alla presidenza come Bernie Sanders, Tulsi Gabbard o persino la zoppa Elisabeth Warren … troviamo che in ogni caso, quei candidati sono documentate a sostegno delle politiche elaborate dagli stessi oligarchi che sembrano disprezzare sotto forma del New Deal verde.

Nonostante ciò che molti dei suoi sostenitori progressisti vorrebbero, una tale riforma verde globale non imporrebbe soltanto lo spopolamento malthusiano sugli stati nazionali a livello globale se fosse accettata, ma stabilirebbe un’autorità sovranazionale di un’élite manageriale tecnocratica come esecutori di un “de- agenda di carbonizzazione “.

A causa della dilagante mancanza di comprensione del modo in cui questa crisi è stata creata in modo tale che proposte così idiote come “nuovi affari verdi” vengono ora seriamente suggerite come rimedi ai nostri mali attuali, un po ‘di storia è in ordine.

Alcuni retroscena necessari

“I cambiavalute sono fuggiti dai loro alti seggi nel tempio della nostra civiltà. Ora possiamo ripristinare quel tempio alle antiche verità. La misura del restauro sta nella misura in cui applichiamo valori sociali più nobili del semplice profitto monetario “.
Franklin Delano Roosevelt, primo indirizzo inaugurale 1933

Sapendo che i “cambiavalute” erano stati in grado di creare le grandi bolle degli anni ’20 solo attraverso il loro accesso ai depositi delle banche commerciali, Franklin Roosevelt fece il nucleo della sua battaglia contro gli abusi del centro di Wall Street intorno a una legislazione del 1933 intitolata “Glass-Steagall”, dal nome dei due funzionari eletti federalmente che hanno guidato la riforma con FDR.

Si trattava di un disegno di legge che imponeva l’assoluta separazione del produttivo dalle banche speculative, garantendo tramite la Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) solo quelle attività bancarie commerciali associate all’economia produttiva, ma costringendo eventuali perdite speculative derivanti dall’investment banking a subire il gioco. Il notevole successo di questa legge ha ispirato altri paesi del mondo a stabilire una separazione bancaria simile.

Accanto ai principi del bilancio di capitale, del credito pubblico, della parità di prezzo e dell’impegno per lo sviluppo scientifico e tecnologico, è stata creata una dinamica che esprimerebbe la più grande speranza per il mondo e la più grande paura per l’impero finanziario che occupa la Città di Londra e il Muro cosi Creato.

La morte di John F. Kennedy ha inaugurato una nuova era di pessimismo e irrazionalismo culturale da cui la nostra società non si è mai ripresa. La distruzione di una visione a lungo termine, come esemplificato dal programma spaziale, i progetti di St. Lawrence Seaway e del New Deal avevano portato a una tendenza all’interno della popolazione a considerare sempre più i piaceri presenti come unica realtà e i beni futuri come espressione mistica della somma dei piaceri presenti.

In questa nuova impostazione filosofica, così estranea nelle epoche precedenti, al denaro è stato permesso di agire come un potere a sé stante per guadagni a breve termine invece di servire gli investimenti nella vera ricchezza produttiva della società. Con questo nuovo cambio di paradigma nel “adesso”, fu adottato un nuovo modello economico per sostituire il modello economico industriale che si era dimostrato negli anni precedenti e successivi alla seconda guerra mondiale.

Il nome di questo sistema era “monetarismo postindustriale”. Questo sarebbe un sistema inaugurato dall’annuncio di Richard Nixon della distruzione del sistema Bretton Woods a tasso di cambio fisso e della sua sostituzione con il sistema a “tasso variabile” di fama post 1971.

Durante quello stesso fatidico anno del 1971, si verificò un altro evento inquietante: la formazione del gruppo Inter-Alpha Rothschild di banche sotto l’egida della Royal Bank of Scotland, che oggi controlla verso l’alto del 70% del sistema finanziario globale.

L’intenzione dichiarata di questo gruppo sarebbe stata trovata nel discorso del 1983 di Lord Jacob Rothschild:

“Due grandi tipi di istituzioni giganti, la società di servizi finanziari in tutto il mondo e la banca commerciale internazionale con una competenza commerciale globale, possono convergere per formare il conglomerato finanziario definitivo, onnipotente e dalle molte teste.”

Questa politica richiedeva la distruzione del sistema sovrano stato-nazione e l’imposizione di una nuova struttura feudale della governance mondiale attraverso l’antico schema di controllo del sistema monetario da una parte e di giocare sui vizi degli sciocchi creduloni che, con permettere alle loro nazioni di essere governate dalla convinzione che le forze di mercato edonistiche governino il mondo, sigillerebbe il destino dei propri figli.

Nel frattempo, le strutture geopolitiche estranee alle tradizioni costituzionali degli Stati Uniti sono state imposte da nidi di studiosi e fabiani di Rhodes addestrati a Oxford che hanno convertito l’America in un “gigante muto” globale che applica un programma neo coloniale nell’ambito di una “relazione speciale anglo-americana”. I fratelli Dulles, McGeorge Bundy, Kissinger e Bush rappresentano tutti nomi che hanno fatto avanzare questo piano diretto inglese nel corso del XX secolo.

Il “Big Bang” di Londra

La grande “liberalizzazione” del commercio mondiale iniziò con una serie di ondate negli anni ’70 e si mise in marcia verso l’alto con gli aumenti dei tassi di interesse del presidente della Federal Reserve Paul Volcker negli anni 1980-82, i cui effetti annientarono la maggior parte dei piccoli e imprenditori di medie dimensioni, hanno aperto le porte speculative alla debacle del “Risparmio e prestiti” e hanno anche aiutato a cartellare le istituzioni minerarie, alimentari e finanziarie in colossi sempre più grandi.

Volcker stesso descrisse questo processo come la “disintegrazione controllata dell’economia americana” quando divenne presidente della Fed nel 1978. L’aumento dei tassi d’interesse al 20-21% non solo spense il sangue vitale di gran parte della base economica americana, ma gettò anche il terzo mondo in una schiavitù del debito maggiore, poiché le nazioni ora dovevano pagare interessi da usurai sui prestiti degli Stati Uniti.

Nel 1986, la City di Londra annunciò l’inizio di una nuova era di irrazionalismo economico con la deregolamentazione del “Big Bang” di Margaret Thatcher. Questa ondata di liberalizzazione ha preso d’assalto il mondo mentre ha spazzato via la separazione tra banca commerciale, depositi e investimenti che era stata la pietra angolare del dopoguerra nel garantire che la volontà della finanza privata non avrebbe mai più dominato il potere del sovrano Stati nazionali.

Dopo decenni di frammentazione della struttura della regolamentazione che il coraggioso intervento di FDR nella storia aveva costruito, il “Big Bang” ha costituito un precedente per una simile regolamentazione finanziaria nel modello di “Universal Banking” in altre parti del mondo occidentale.

La bomba a tempo derivata è impostata

Nel settembre 1987, l’incursione di 20 anni nella speculazione ha provocato un crollo del 23% del Dow Jones il 19 ottobre 1987. A poche ore da questo incidente, erano state convocate riunioni internazionali di emergenza con l’ex strumento JP Morgan Alan Greenspan introducendo una “soluzione “Che avrebbe scritto in tutto il futuro echi di iperinflazione e fascismo.

“Strumenti finanziari creativi” era il nome orwelliano dato alla nuova attività finanziaria resa popolare da Greenspan, ma altrimenti noto come “derivati”.

Le nuove tecnologie di supercomputer sono state sempre più utilizzate in questa nuova avventura, non come supporto per le pratiche di costruzione delle nazioni più elevate e programmi di esplorazione dello spazio come le loro origini della NASA intendevano, ma preferirebbero essere pervertite per accogliere la creazione di nuove formule complesse che potrebbero associare i valori al prezzo i differenziali sui titoli e sui debiti assicurati che potevano quindi essere “coperti” su quei mercati spot e futures resi possibili dalla distruzione del sistema di Bretton Woods nel 1971.

Quindi, mentre veniva creato un mostro auto-generante in modo esponenziale che non poteva finire da nessuna parte se non in un tracollo, la “fiducia del mercato” è tornata in vigore con il nuovo flusso di denaro facile. Il potenziale fisico per sostenere la vita umana ha continuato a precipitare.

NAFTA, l’Euro e la fine della storia

Non è un caso che in questo periodo sia stato approvato un altro trattato mortale chiamato Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA). Con questo Accordo reso legge, i programmi di protezione che avevano mantenuto le fabbriche nordamericane negli Stati Uniti e in Canada furono abbattuti, consentendo l’esportazione della linfa vitale di manodopera industriale altamente qualificata in Messico, dove le competenze erano scarse, le tecnologie inferiori e gli stipendi ancora più bassi.

Con una riduzione delle sue risorse produttive, il Nord America divenne sempre più dipendente dall’esportazione di risorse e servizi a basso costo per i suoi mezzi di esistenza.

Ancora una volta, i poteri fisicamente produttivi della società crollerebbero, ma i profitti monetari nell’effimero “adesso” saliranno alle stelle. Ciò fu replicato in Europa con la creazione del Trattato di Maastricht nel 1992 che istituì l’euro entro il 1994, mentre il processo di “liberalizzazione” della Perestrojka replicò questa agenda nell’ex Unione Sovietica. Mentre alcune personalità hanno dato a questa agenda il nome di “Fine della storia” e altre “il Nuovo Ordine Mondiale”, l’effetto è stato lo stesso.

Universal Banking, NAFTA, integrazione dell’euro e la creazione di un’economia derivata in pochi anni indurrebbero una cartellizzazione della finanza attraverso fusioni e acquisizioni recentemente legalizzate a un tasso mai visto prima. La moltitudine di istituzioni finanziarie che erano esistite nei primi anni ’80 furono assorbite l’una dall’altra a grande velocità nel corso degli anni ’90 nella vera “sopravvivenza del più adatto”. Indipendentemente dal livello di regolamentazione tentato nell’ambito di questa nuova struttura, il grado di conflitto di interessi e il potere politico privato erano incontrollabili, come dimostrato negli Stati Uniti, dalla chiusura di qualsiasi tentativo da parte della Brooksley Born, responsabile della Commissione per i titoli e gli scambi, per combattere il cancro derivato nelle sue fasi iniziali.

Nel 1999 un Bill Clinton politicamente castrato si ritrovò a firmare in un trattato firmato dall’allora segretario al Tesoro Larry Summers noto come Gramm-Leach-Bliley Act, che sarebbe stato il chiodo finale nella bara per la separazione vetro-commerciale di Steagall bancario negli Stati Uniti.

La nuova era del trading non regolamentato e della creazione di derivati ​​over-the-counter ha portato questi strani strumenti finanziari a crescere da $ 60 trilioni nel 2000 a $ 600 trilioni entro il 2008.

La frenesia del 2000-2008

Con Glass-Steagall ora rimosso, il capitale legittimo come i fondi pensione potrebbe essere utilizzato per avviare una copertura per porre fine a tutte le coperture. Miliardi di dollari sono stati ora riversati in titoli garantiti da ipoteca (MBS), un mercato che era stato artificialmente precipitato a minimi record di tassi di interesse dell’1-2% per oltre un anno dalla Federal Reserve statunitense rendendo facili i prestiti e i rendimenti sul investimenti nell’oscuro degli MBS.

L’oscenità si è gonfiata quando i valori delle case sono saliti alle stelle ben oltre i valori reali, sulla base di centomila dollari di case che vendono per 5-6 volte quel prezzo nell’arco di diversi anni.

Fino a quando nessuno ha ipotizzato che questa crescita fosse normale, e la natura non pagabile del capitale alla base delle attività a leva rinchiuse negli ormai famigerati “subprime” e altre obbligazioni di debito illegittime è stata ignorata, si supponeva che i profitti continuassero infinitamente. Chiunque avesse messo in dubbio questa logica era considerato un eretico dal sacerdozio degli ultimi giorni.

Lo straordinario “successo” della cartolarizzazione dei debiti immobiliari ha immediatamente portato alla ribalta un’ondata di fondi sovrani, applicando lo stesso modello che era stato utilizzato nel caso dei titoli garantiti da ipoteca (MBS) e delle obbligazioni di debito garantite (CDO) ai debiti di intere nazioni.

La cartolarizzazione di pacchetti aggregati di debiti sovrani che potrebbero quindi essere indebitamente indebitati sui mercati mondiali non regolamentati non sarebbe più considerata un atto di tradimento nazionale, ma la chiave per facilitare il denaro.

Conclusione

Questo è il sistema che è morto nel 2008. Contrariamente alla credenza popolare, nulla è stato effettivamente risolto. Nonostante tutti i discorsi su un “risveglio della FDR” sotto Obama, la speculazione non è stata effettivamente regolata dal Dodd-Frank Act o dalla Volker Rule del 2010. Non è stato creato alcun credito produttivo per far crescere l’economia reale nell’ambito di una missione nazionale come nel caso nel 1933-1938.

Le banche non sono state disgregate mentre i derivati ​​aumentano del 40% con la nuova bolla concentrata nel settore del debito delle imprese / famiglie che sta crollando. Durante questo periodo, gli stati nazionali continuarono a essere spogliati, mentre l’austerità veniva speronata alla gola delle nazioni.

Non dovrebbe sorprendere che nel mezzo di questa disperazione, un’alleanza creativa sia stata consolidata a difesa degli interessi degli stati nazionali sovrani e dell’umanità in generale guidata dalla leadership di Russia e Cina.

Questa leadership prese la forma della Belt and Road Initiative guidata dalla Cina, che è cresciuta fino ad abbracciare oggi oltre 130 paesi e assomiglia sempre di più a una versione del New Deal degli anni ’30 a guida asiatica.

In effetti, la capacità della Cina di liberare credito a lungo termine per migliaia di progetti infrastrutturali internazionali a lungo termine è stata resa possibile dal fatto che era l’unico paese al mondo che non aveva rinunciato ai principi di separazione bancaria che erano stati distrutti in ogni altra nazione.

Pochissime figure occidentali hanno resistito a questa distruzione autoindotta nel corso dei decenni, ma una notevole eccezione qui degna di nota è la figura del defunto economista americano Lyndon LaRouche (1922-2019) che non ha resistito a questo processo per oltre quattro decenni , ma ha combattuto a fianco dello Schiller Institute per promuovere New Silk Road già nel 1996 .

Con la Brexit del 2016 e l’elezione del presidente Trump, una nuova ondata di spirito nazionalista è diventata un incendio che i tecnocrati hanno perso la loro capacità di spegnere.

Sempre più spesso l’idea che gli stati-nazione abbiano un potere sul sistema bancario privato è stata ripresa e la discussione per riformare il sistema transatlantico ormai morto è sempre più modellata non dalle richieste di un “Nuovo Ordine Mondiale” come avrebbe gradito Sir Kissinger , ma piuttosto per una New Silk Road e un vero New Deal.

Le nazioni eurasiatiche sono già fermamente impegnate in questo nuovo sistema e se l’Occidente deve qualificarsi moralmente per prendere parte a questa nuova epoca, allora il primo passo sarà un ritorno a una Glass-Steagall.

Matthew Ehret

Matthew Ehret è il caporedattore della Canadian Patriot Review , un esperto BRI sul discorso tattico , e ha scritto 3 volumi della serie di libri “Untold History of Canada” . Nel 2019 ha co-fondato la Rising Tide Foundation con sede a Montreal ed è raggiungibile all’indirizzo matt.ehret@tutamail.com

La Globalizzazione dalla Culla alla Crisi
Una nuova biografia del mercato globale
€ 14,00

La Verità Nascosta - Deep Truth
Gregg BradenLa Verità Nascosta – Deep Truth Sulle origini dell’umanità e il suo destino futuroMacro Edizioni
Voto medio su 21 recensioni: Buono
€ 9,00 -50%

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÉ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code