toba60

Ora Inizia la Farsa della Ripresa Economica!

L’economia mondiale era allo sfascio molto prima che un pipistrello si mettesse a fare i capricci, bastavano tre mesi di lockdown per dare l’estrema unzione a tutto il capolavoro che hanno creato un manipolo di pazzi economisti con le direttive di spietate lobby economico finanziarie sempre presenti in un mondo globalizzato.

Protrarre l’agonia per oltre un anno, significa consentire alle persone di metabolizzare a dovere una situazione che deve diventare la normalità.

E ora cari miei tutti addosso ai complottisti, sono loro la rovina del mondo, tutta colpa loro ………

Viva Mario Draghi viva il Ré e a Morte la plebe indisciplinata che non si adegua al Nuovo Ordine Mondiale.

Toba60

La Farsa della Ripresa Economica!

Come si definisce una “riapertura” economica?

Penso che la maggior parte delle persone direbbe che una riapertura significa che tutto torna come prima della crisi; o almeno il più vicino possibile. La maggior parte delle persone direbbe anche che una riapertura è qualcosa che durerà.

Dichiarare semplicemente “l’America ha riaperto” mantenendo molte restrizioni in alcune parti del paese è un po’ una farsa.

E, riaprire con l’intenzione di implementare di nuovo le chiusure nel giro di poche settimane senza spiegare la situazione al pubblico è una truffa di prim’ordine.

È il caso di molti stati e città statunitensi, mentre le zone rurali sono per lo più aperte.

Questo viene chiamato una “riapertura parziale”, ma c’è uno scopo dietro questo. Le restrizioni continueranno nei principali centri abitati degli Stati Uniti, mentre le aree rurali sono state per lo più aperte con molta fanfara.

Il risultato finale di questo sarà un flusso di abitanti nelle città rurali in cerca di sollievo dalle condizioni di chiusura più rigide. In circa un mese, dovremmo aspettarci nuovi cluster virali in luoghi dove la trasmissione era limitata.

I governi statali e il governo federale parleranno di nuove chiusure, usando il prevedibile picco di infezioni come scusa.

Questo sta accadendo nel nord-est della Cina proprio ora – si è verificata una recrudescenza e 100 milioni di persone sono ora soggette a restrizioni di quarantena. La riapertura della Cina ha appena due settimane, e le preoccupazioni di una “recrudescenza” dell’infezione erano diffuse quando è stato fatto l’annuncio.

Ora i media tradizionali sembrano essere confusi; la Cina è aperta o chiusa a chiave?

Naturalmente, non sapremo mai quanto è ed era grave il problema in Cina, poiché è stato dimostrato che i loro numeri sono stati completamente truccati e soppressi fin dall’inizio, ma il punto è che la frase “riapertura” è priva di significato lì, proprio come lo sarà qui negli Stati Uniti.

Questo fa parte del piano…

La farsa delle riaperture ha effettivamente uno scopo.

I globalisti sono chiaramente gli unici beneficiari di questo evento.

Con uno stato di sorveglianza mondiale ora apertamente sul tavolo insieme a un passaggio accelerato verso sistemi di valuta digitale, i globalisti stanno approfittando di questa crisi per spingere la loro agenda, come hanno INGEGNATO il virus e causato la crisi per spingere la loro agenda.

Nei libri bianchi pubblicati dai globalisti all’Imperial College di Londra e al MIT, il piano è apertamente ammesso.

Suggeriscono di usare “ondate” di aperture economiche e poi blocchi per controllare la diffusione del virus. Le tempistiche sembrano variare, ma in generale i modelli richiedono un ciclo di un mese di apertura e due mesi di chiusura.

L’obiettivo è quello di aumentare deliberatamente le infezioni ogni paio di mesi in regioni specifiche di un paese, poi dichiarare l’arresto economico e le misure di quarantena una volta che la diffusione raggiunge un certo livello:

questo è destinato a continuare fino allo sviluppo di un vaccino, che potrebbe richiedere anni…

Quando i globalisti del MIT dicono,

“Non torneremo alla normalità”…

Questo è ciò che intendono.

In questo momento, il grande pubblico (almeno in alcune parti del paese) esulta per le riaperture, ma quello che non capisce è che le riaperture sono un’illusione. Le restrizioni rimarranno in vigore in molti stati e città, mentre saranno revocate e poi reintrodotte in altri.

In realtà la situazione peggiorerà molto nel tempo, per progetto.

Il prossimo blocco, quando sarà annunciato, sarà assolutamente devastante per gli Stati Uniti e per le altre economie, che sono già in una spirale negativa. I fattori attenuanti saranno l’efficacia dello stimolo della banca centrale nel bloccare la caduta libera (non molto efficace finora).

Altri fattori includono la percentuale di piccole imprese che sopravvivono al primo blocco e quanti posti di lavoro queste imprese possono riportare all’economia.

Il primo blocco può essere sopravvissuto per una grande percentuale di persone e imprese; il secondo blocco distruggerà finanziariamente tutti tranne i più preparati.

E non fate errori: ci saranno molti altri blocchi nei prossimi due anni.

Nel frattempo, le banche internazionali come Wells Fargo e JP Morgan hanno fatto in modo che le piccole imprese siano colpite duramente dalla crisi, incanalando i soldi del salvataggio e i prestiti in busta paga ai loro clienti più grandi piuttosto che alle piccole imprese a cui il denaro era destinato.

Dei 300.000 clienti di JP Morgan che hanno chiesto un prestito di emergenza attraverso il programma di salvataggio del governo, solo 18.000 ne hanno effettivamente ricevuto uno e molti di questi clienti NON erano piccole imprese.

Se il ciclo delle chiusure continua, le piccole imprese saranno cancellate dalla mappa.

Le élite hanno truccato il gioco economico:

controllano dove va ogni dollaro del denaro del salvataggio, e molte delle loro corporazioni sono le uniche istituzioni che sono attrezzate per sopravvivere all’assalto.

Alcune di queste aziende cadranno, ma a lungo termine l’obiettivo, secondo me, è la centralizzazione totale della produzione e della distribuzione.

Questo è esattamente quello che è successo durante la Grande Depressione quando JP Morgan e altre grandi banche divorarono migliaia di piccole banche locali in tutto il paese e le rimossero come concorrenti dal sistema.

Dopo la depressione, l’attività bancaria fu completamente centralizzata nelle mani di poche e selezionate mega-imprese. Oggi, stanno tentando di cancellare tutta la concorrenza delle piccole imprese locali alle corporazioni internazionali.

Prendere il controllo dell’infrastruttura commerciale di intere nazioni e rimuovere tutta la concorrenza indipendente è solo un incentivo per continuare le chiusure. C’è anche il processo di acclimatazione del pubblico all’idea che le chiusure sono la “nuova normalità”.

Mentre vedo resistenza in alcune parti del mondo, compresi gli Stati Uniti, molti paesi in Asia, Africa ed Europa hanno assistito ad una risposta piuttosto ovvia all’idea della tirannia medica.

Vedo anche un immenso fuoco d’artificio di legislazioni anticostituzionali e di misure statali illegali che vengono messe in atto negli Stati Uniti e in molti altri paesi, mentre il pubblico è distratto dalle circostanze finanziarie e dalla minaccia del virus.

Certamente, sembra che la maggior parte della gente odi le chiusure.

Ma saranno ingannati dalla “riapertura” nel compiacimento per le prossime settimane, mentre il governo si prepara a colpirli con la prossima serie di restrizioni? Saranno così presi alla sprovvista da non sapere come reagire? Immaginate la devastazione economica di un solo altro evento di blocco a livello nazionale?

Sarà una carneficina, e si perderà molta speranza nella popolazione.

Questo porterà a due possibili strade: la sottomissione o la ribellione. O la maggioranza del popolo americano accetterà le chiusure come un nuovo fatto della vita quotidiana, o diventerà così infuriato dalla distruzione della sua economia che si ribellerà.

Se l’intento è quello di mantenere il ciclo fino all’introduzione di un vaccino come affermano le pubblicazioni elitarie, allora abbiamo molta strada da fare e questo primo blocco è stato un gioco da ragazzi rispetto a quello che verrà dopo.

La scusa per il modello a onda sarà che hanno bisogno di controllare e rallentare la diffusione dell’infezione nel tempo per evitare di sopraffare la nostra infrastruttura medica. Ma questo ha molto poco senso per me in questa fase.

Forse nel primo mese o due della pandemia questo era in qualche modo logico, in modo da poter valutare la minaccia del virus.

Francamente, non c’è alcuna logica nel modello dell’onda, a meno che l’obiettivo non sia quello di distruggere l’economia.

Se l’obiettivo è quello di continuare a infettare la popolazione fino a quando tutti hanno sviluppato un’immunità o viene offerto un vaccino, allora

perché non rimuovere semplicemente tutti i blocchi in modo permanente e farla finita subito?

Questo comporterebbe molti meno morti nel lungo periodo rispetto al collasso economico.

Se l’obiettivo è la cosiddetta “immunità di gregge”, allora possiamo ottenerla molto più velocemente attraverso la trasmissione virale che aspettare anni per un vaccino che può o non può funzionare.

Ma alle élite non interessa l'”immunità di gregge”; ciò che interessa loro è il controllo.

La narrazione del vaccino stesso è una forma di controllo.

Devi aspettare che l’establishment ti salvi. Devi aspettare che permettano all’economia di essere aperta, anche per un breve periodo di tempo, in modo che tu possa lavorare o gestire la tua attività. Devi aspettare il permesso di vivere la tua vita normale.

E, se le élite fanno il loro corso, non vi sarà dato il permesso finché non accetterete i passaporti per l’immunità, le app di localizzazione e un vaccino.

Il messaggio di fondo che il pubblico sta sentendo quotidianamente è che non hai più il potere di prendere decisioni per te stesso, tu ‘devi aspettare le istruzioni’…

Mentre il coronavirus è qualcosa che dovrebbe essere preso sul serio (fino a un certo punto), il modello a onde non è una soluzione accettabile al problema.

Non fatevi ingannare dalla riapertura. Non è reale perché non è destinata a durare. È una valvola di vapore per calmare l’indignazione pubblica e per condizionarci alla tirannia periodica.

Le élite credono che alla fine ci acclimateremo alle chiusure finché avremo una riapertura da aspettare un paio di mesi più avanti.

Credono che la nostra tendenza a ribellarci sarà soppressa dalle false speranze che la prossima riapertura sarà una riapertura permanente. Credono che dopo 18 mesi o più del modello a onda saremo così disperati per la normalità che faremo di tutto per ottenerla, compreso rinunciare volentieri ad ogni ultima oncia di libertà che ci è rimasta.

Questo è il vero scopo della pandemia.

Inizialmente, ci è stato detto che i blocchi del coronavirus avrebbero interrotto solo “temporaneamente” l’economia degli Stati Uniti, ma ora sta diventando chiaro che molti dei danni saranno permanenti.

Stiamo iniziando a vedere le imprese andare a pancia in su in tutto il paese, e questo include alcuni dei nomi più iconici nel mondo della vendita al dettaglio.

Se questa pandemia fosse passata velocemente, forse quei negozi non avrebbero avuto bisogno di essere chiusi. Ma a questo punto è diventato ovvio che questo virus sarà con noi per molto tempo.

Naturalmente non sono solo i rivenditori che stanno crollando.

Il gigante dell’autonoleggio Hertz “è sull’orlo del fallimento”, e le cose non sembrano affatto buone… Hertz è sull’orlo del fallimento. Alla fine di aprile, ha rivelato di aver mancato una grande quantità di pagamenti di leasing sulle sue auto a noleggio – circa 506.000 auto! Da allora, ha stipulato con questi creditori degli accordi di forbearance e waiver che le danno tempo fino al 22 maggio per trovare i soldi e un piano. Le sue auto, ora parcheggiate in vari parcheggi in tutto il paese, sono la garanzia di questo debito. I prezzi che sta raccogliendo per queste auto all’asta sono al minimo storico. Dubito seriamente che la Hertz potrà sopravvivere ancora per molto in questo ambiente economico molto duro.

Inutile dire che molti affari moriranno nelle settimane e nei mesi a venire, si prevede che circa un ristorante su quattro negli Stati Uniti chiuderà definitivamente.

Riuscite a immaginare come sarà?

Avremo edifici abbandonati dappertutto, e questo sarà particolarmente vero nelle nostre comunità più povere.

L’unica possibilità che abbiamo di uscire da questa spirale di morte economica è che ci sia…

un ritorno su larga scala alla normale attività economica in tutta l’America (e nel mondo), ma questo non accadrà presto…

La paura del COVID-19 paralizzerà le piccole e grandi imprese per il prossimo futuro, e ogni nuova epidemia scatenerà altre reazioni eccessive.

Se continuiamo a chiudere tutto ogni volta che qualcuno si ammala, i nostri problemi economici non faranno che peggiorare.

E la paura di questo virus paralizzerà la nostra economia per il prossimo futuro.

Quindi la verità è che i cartelli “in affitto” e “spazio disponibile” che state vedendo ora sono solo l’inizio. Ne stanno arrivando molti altri e sarà un capitolo molto buio per la nostra nazione.

Il capitalismo globale e il “paesaggio economico

La crisi ridefinisce la struttura del paesaggio economico globale.

Destabilizza le piccole e medie imprese in tutto il mondo. Fa precipitare nella bancarotta interi settori dell’economia globale, compresi i viaggi aerei, il turismo, il commercio al dettaglio, la produzione, ecc.

Il blocco crea carestie nei paesi in via di sviluppo. Ha implicazioni geopolitiche.

Il Pentagono e l’intelligence statunitense sono coinvolti.

La crisi della Covid-19 influenza la condotta delle guerre condotte da USA-NATO in Medio Oriente, tra cui Siria, Iraq e Afghanistan e Yemen. Viene anche usato per prendere di mira paesi specifici tra cui l’Iran e il Venezuela.

Questa crisi architettata non ha precedenti nella storia del mondo. È un atto di guerra…

Il blocco innesca un processo di disimpegno delle risorse umane e materiali dal processo produttivo. L’economia reale si ferma.

La limitazione dell’attività economica mina la “riproduzione della vita reale”.

Questo non riguarda solo la produzione effettiva delle “necessità della vita” (cibo, salute, educazione e alloggio) ma anche la “riproduzione” delle relazioni sociali, delle istituzioni politiche, della cultura e dell’identità nazionale.

Al momento in cui scriviamo, il blocco non sta solo innescando una crisi economica, ma sta anche minando e distruggendo il tessuto stesso della società civile, per non parlare della natura del governo e delle istituzioni dello Stato (paralizzato da debiti crescenti), che alla fine sarà privatizzato sotto la supervisione dei creditori Big Money.

Ci sono conflitti all’interno del sistema capitalista che sono raramente affrontati dai media mainstream. Miliardari, potenti istituzioni bancarie e finanziarie (che sono creditori sia dei governi che delle imprese) stanno conducendo una guerra non dichiarata contro l’economia reale.

Mentre gli istituti finanziari e bancari di Big Money sono “creditori”, le entità corporative dell’economia reale che vengono destabilizzate e portate al fallimento sono “debitori”.

Questo processo diabolico non si limita a spazzare via le piccole e medie imprese.

Il Big Money è anche il creditore delle grandi imprese (tra cui compagnie aeree, catene alberghiere, laboratori hi-tech, dettaglianti, aziende di import-export, ecc) che sono ora sull’orlo del fallimento. L’establishment finanziario globale non è monolitico. È segnato da divisioni e rivalità. La fazione dominante del Big Money cerca di destabilizzare i suoi concorrenti dall’interno. Il risultato sarebbe una serie di fallimenti di istituzioni bancarie regionali e nazionali, nonché un processo di consolidamento finanziario globale.

Negli Stati Uniti, numerosi dettaglianti, compagnie aeree, ristoranti e catene alberghiere hanno presentato a febbraio la domanda di fallimento del capitolo 11.

Ma questo è solo l’inizio…

Il grande zampillo di fallimenti avverrà sulla scia della chiusura (“The New Normal”). E al momento in cui scriviamo, l’establishment finanziario sta incessantemente facendo pressione sui governi nazionali (corrotti) per posticipare la revoca del blocco. E i governi ci dicono che questo è per “proteggere la gente dal virus”.

La provincia canadese di Alberta, che dipende in gran parte dalle entrate del petrolio, è in bancarotta.

Paesi che rappresentano oltre il 50% del PIL mondiale sono chiusi per affari”. Gli economisti in cerca di paragoni storici citano il crollo azionario del 1929, la crisi economica del 1974 o la recessione del 2008. Ma ammettono che tutti questi sono inferiori al pedaggio che potrebbe avere questa pandemia”.

La crisi del coronavirus “ha bloccato gli affari”.

Le economie nazionali sono destabilizzate.

L’obiettivo di Big Money è quello di indebolire i loro concorrenti, “raccogliere i pezzi” e alla fine comprare o eliminare le società in fallimento. E ce ne sono molte da scegliere.

L’attività economica in tutto il paese è crollata, il PIL si sta riducendo al ritmo più veloce mai registrato, e i dati economici sono peggiori che mai nella storia.

Ogni settore dell’economia si sta contraendo e ogni indicatore economico punta verso il basso.

“Le perdite permanenti di posti di lavoro saranno probabilmente una caratteristica della ripresa finale; il 42% dei lavoratori recentemente disoccupati non torneranno al loro lavoro in mezzo allo shock ‘profondo’ derivante dal blocco del coronavirus. La pandemia ha preso un tributo brutale sulla più grande economia del mondo, con almeno 40 milioni di persone senza lavoro negli ultimi due mesi… i blocchi hanno fatto crollare l’attività in un’economia che consiste per il 70% in spese di consumo, annullando tutti i posti di lavoro creati dalla fine della grande recessione…”

La maggior parte della gente non ha ancora capito la portata della devastazione causata dalla chiusura, ma presto sarà l’unico argomento di conversazione.

La maggior parte delle persone ha lasciato il proprio lavoro pensando che vi sarebbe ritornata nel giro di poche settimane.

Non hanno mai immaginato che un errore politico avrebbe messo l’economia in una viziosa spirale di morte che avrebbe messo fine ai loro mezzi di sussistenza, smorzato le loro prospettive per il futuro, e li avrebbe ridotti alla disperazione e alla miseria.

Non hanno mai pensato che un tale incubo fosse possibile, soprattutto perché stavano solo seguendo gli ordini dei loro governatori e dell’affabile dottor Fauci. Si fidavano di queste persone. Hanno messo le loro vite nelle loro mani e sono stati ingannati, ingannati nel credere che questi “esperti” sapessero cosa stavano facendo quando, per tutto il tempo, stavano inventando tutto al volo.

Ora pagheremo tutti per gli errori di cui solo loro sono responsabili.

Quindi la chiusura è un “incidente di massa”?

“I proprietari di negozi al dettaglio stanno inviando migliaia di avvisi di inadempienza agli inquilini, una situazione che potrebbe portare i negozianti già in difficoltà alla bancarotta o al collasso totale… Grandi magazzini, ristoranti, commercianti di abbigliamento e catene specializzate hanno ricevuto gli avvisi mentre i proprietari di immobili non pagati da più di tre mesi perdono la pazienza, secondo persone che conoscono la questione e gli archivi del tribunale”. … “Le lettere di inadempienza dei proprietari stanno volando fuori dalla porta”, ha detto Andy Graiser, co-presidente di A&G Real Estate Partners, la cui azienda lavora con i rivenditori e altri inquilini commerciali. “Sta creando una vera paura nel mercato”.

Altre cattive notizie:

le chiusure hanno innescato uno tsunami di inadempienze e fallimenti. Senza alcuna fonte di entrate, i commercianti non possono pagare l’affitto né i proprietari possono rinnovare i loro debiti. L’economia è una fila ad incastro di tessere del domino che cadono in sequenza una volta che il primo blocco è messo in moto. Al popolo americano è stata venduta l’idea che l’economia potesse essere accesa e spenta come un interruttore della luce. Ora possono vedere che la teoria non ha basi nella realtà.

Mentre i fallimenti si accumulano, la perdita di posti di lavoro continuerà ad aumentare spingendo il paese più a fondo nella recessione.

“…l’ex CEO di Google Eric Schmidt ha scritto un op-ed per il Wall Street Journal che ha stabilito il nuovo tono e ha reso chiaro che la Silicon Valley ha tutte le intenzioni di sfruttare la crisi per una trasformazione permanente…. Schmidt ha chiesto “partnership senza precedenti tra governo e industria”…”

Il cuore di questa visione è l’integrazione senza soluzione di continuità del governo con una manciata di giganti della Silicon Valley – con scuole pubbliche, ospedali, studi medici, polizia e militari che esternalizzano (ad un costo elevato) molte delle loro funzioni principali alle aziende tecnologiche private….

Se le aziende tecnologiche vincono la loro feroce campagna di lobbying per,

l’apprendimento a distanza, la telesalute, il 5G, e i veicoli senza conducente – il loro New Deal dello schermo,

…semplicemente non ci sarà più denaro per le priorità pubbliche urgenti.

Per loro, e per molti altri nella Silicon Valley, la pandemia è un’occasione d’oro per ricevere non solo la gratitudine, ma la deferenza e il potere che sentono essere stati ingiustamente negati.

Riuscite a vedere cosa sta succedendo…?


Il fatto che decine di migliaia di persone stiano morendo e che l’economia della nazione sia stata ridotta in macerie non importa ai giganti della tecnologia.

Per loro la crisi è una “opportunità d’oro”, un’occasione unica nella vita per sussumere ulteriormente il governo, per ottenere più finanziamenti governativi per i loro progetti futuristici, per affermare una maggiore influenza sulle politiche pubbliche, e per avvolgere i loro tentacoli più strettamente intorno alle leve del potere statale. I giganti della tecnologia stanno usando la pandemia come un veicolo per imporre la loro visione sul paese e per promuovere la loro maligna agenda dello stato di polizia.

Proprio come la Corporate America sta usando la crisi per ristrutturare il mercato del lavoro, e Wall Street sta usando la crisi per ottenere sontuosi salvataggi multimiliardari, e Gates e Co. stanno usando la crisi per spingere per i vaccini universali, così anche i giganti della tecnologia stanno usando la crisi per afferrare più potere, più soldi e più integrazione con lo stato fino a quando il governo degli Stati Uniti non sarà altro che una filiale insignificante della piovra dei media digitali in continua espansione.

Questo è l’obiettivo finale, privatizzare lo Stato in modo che le corporazioni governino il mondo.

È una missione (quasi) compiuta…!

Allora, come reagirà la gente a questi sviluppi? Quale sarà la reazione quando i lavoratori comuni si renderanno conto che le loro vite sono fondamentalmente cambiate in peggio, che i loro standard di vita continueranno a scivolare, che il lavoro a tempo pieno e la sicurezza del posto di lavoro sono scomparsi, che la classe media sta per essere ridotta alle dimensioni di una ghianda, e che la rete di sicurezza sociale è stata sostituita da tasse più alte, meno servizi pubblici, una moneta più debole e anni di austerità macinante e demoralizzante? Dobbiamo aspettarci disordini sociali, rivolte e violenza di strada nel prossimo futuro? O dovremmo supporre che questi scoppi siano inevitabili ora che la libertà personale è stata strangolata mentre l’economia è stata vaporizzata?

Nessun paese che distrugge volontariamente la propria economia dovrebbe aspettarsi qualcosa di diverso. Nessun popolo che abbandona la propria libertà per la falsa sicurezza della protezione statale dovrebbe aspettarsi qualcosa di diverso.

Peter Hitchens lo riassume perfettamente in un articolo del Daily Mail:

“Odio questa parola, (“lockdown”) perché non mi sembra adatta a descrivere persone libere in un paese libero. Ma noi non siamo più tali persone, né tale paese. Siamo diventati prigionieri imbavagliati, senza bocca, senza voce, umiliati, irreggimentati, che si mischiano al comando di altri, fermandosi quando si dice di fermarsi, muovendosi quando si dice di muoversi, sgridati da fanti in carica contro i quali non possiamo fare appello. Stiamo imparando, durante questo periodo d’introduzione, a fare ciò che ci viene detto e a diventare cittadini obbedienti e servili di un nuovo Stato autoritario. Stiamo disimparando le vecchie regole della libertà”.

In verità, l’economia era una bolla indotta dalla FED prima della pandemia.

La banca centrale è riuscita a reintegrare la bolla del mercato azionario nonostante la distruzione economica, ma non è altro che uno sballo di zucchero indotto dalla FED. E l’economia probabilmente non rimbalzerà rapidamente, anche dopo che le cose si saranno aperte.

Ci sono tutti i tipi di ragioni per dubitare della narrazione di una rapida ripresa economica. Abbiamo segnalato il numero di aziende zombie con eccessiva leva finanziaria, il debito delle famiglie alle stelle, il mercato del lavoro malconcio e una potenziale crisi di liquidità anche dopo che l’economia si sarà mossa.

Ora abbiamo un altro segno di problemi economici a lungo termine.

Il 47% dei proprietari di piccole imprese intervistati ha detto che prevede di chiudere, e il 41% ha detto che sta cercando un lavoro a tempo pieno altrove. È assurdo pensare che l’economia tornerà a ruggire quando quasi la metà dei proprietari di piccole imprese prevede di chiudere.

L’economia farebbe fatica a riprendersi dalla chiusura anche se fosse stata sana prima della pandemia.

E non lo era. Inizialmente, ci è stato detto che le chiusure del coronavirus avrebbero interrotto solo “temporaneamente” l’economia degli Stati Uniti, ma ora sta diventando chiaro che molti dei danni saranno permanenti…

Impatto su Wall Street

I principali attori del mondo finanziario sono una manciata di aziende come,

Vanguard, Blackrock, Goldman Sachs e JP Morgan.

Tutte queste sono nell’orbita Rockefeller.

L’obiettivo futuro è quello di ridurre il numero di società globali attraverso la fusione o l’acquisizione dei suoi concorrenti. Il risultato sarà che in ogni settore dell’economia, ci sarà una manciata di entità globali super giganti a dominare.

Questo si applicherà ai settori dell’auto, delle compagnie aeree, dell’energia, della finanza, della vendita al dettaglio, della farmaceutica, della produzione, della difesa, dell’alimentazione e della tecnologia.

In breve, la concorrenza sarà eliminata! Questo segue il motto di famiglia – “la concorrenza è un peccato”.

Un settore che New York ha trascurato è stato quello del petrolio.

Questo avrebbe comportato un aumento della produzione e un calo dei prezzi. New York sperava di ottenere un prezzo del petrolio nella regione dei 30 dollari. Questo basso prezzo avrebbe mandato in bancarotta molte imprese petrolifere più deboli, portando alla loro scomparsa e all’acquisizione da parte delle compagnie petrolifere dei Rockefeller. Avrebbe anche messo sotto pressione le economie dei suoi rivali geopolitici – Iran, Cina e Russia.

Come ricordato, nel dicembre 2016, David Jnr, ha mandato Kissinger a Mosca per fare un accordo, che ha portato Putin ad allearsi con New York. Parte di questa alleanza era che Putin non era d’accordo con la riduzione della produzione di petrolio, e di respingere le suppliche del principe ereditario saudita MBS.

Ma ecco che MBS si è vendicato.

Ha detto a Putin che,

“…perché gli arabi, l’Arabia Saudita e Abu Dhabi dovrebbero essere gli UNICI produttori a limitare la produzione, mentre la Russia, la Norvegia, il Brasile, l’Iraq e gli Stati Uniti stanno facendo di tutto per aumentare la produzione. Se è così, allora aumenterò la mia produzione (da 8 mbp a 12,5 mbp al giorno), e lo stesso farà Abu Dhabi. Non solo, abbasserò il mio prezzo di vendita”.

E con questo, un uomo, MBS, ha sconvolto il carrello delle mele dell’impero Rockefeller.

La carneficina che ne è seguita ha portato a un crollo totale del prezzo del petrolio. Questa carneficina ha portato a fallimenti di massa in tutti i mercati del petrolio. Ha anche portato a spazzare via decine di miliardi dalle valutazioni e dai profitti delle compagnie petrolifere.

Attualmente, il prezzo del petrolio si aggira intorno ai 30 dollari, che non è basato sulla realtà, ma piuttosto sulla sua manipolazione.

Impatto sui governi

La maggior parte dei governi di tutto il mondo erano già profondamente indebitati, anche prima di quest’ultima crisi.

Con l’inizio del Lock Down, le entrate dei governi sono diminuite – nei comuni, negli stati, nelle province e nei governi nazionali. Ai governi è stato detto di chiedere prestiti al FMI e alla Banca Mondiale.

Ovviamente, questi prestiti arriveranno con dei “vincoli”.

La mia opinione è che il “lock-down” finirà una volta che un governo firmerà il contratto di prestito. Entro breve tempo, questi governi non saranno in grado di ripagare questi prestiti, e per evitare un taglio del credito, o un default, saranno fatti accordi in cui i governi privatizzeranno molte entità statali, che saranno poi vendute a gente come Blackrock e altri. Questi fondi globali si imbarcheranno poi in un processo di efficienza (sbarazzandosi del personale e della corruzione), e aumenteranno i prezzi, rendendo così redditizia un’entità statale fallita.

Questo è uno dei modi per creare ulteriori “flussi di reddito” per Wall Street.

Il passo successivo è quello di ridurre la dimensione della quota del governo nell’economia; questo prenderà la forma di esternalizzare molte funzioni come la raccolta dei rifiuti, le forze di polizia, i tribunali, ecc.

Il governo finirà per essere solo un appaltatore di Wall Street.

Attualmente, un governo agisce come uno scudo contro i predatori finanziari e geopolitici. Con un governo ridotto, questo scudo svanirà. Il popolo affronterà Wall Street da solo, e nudo. In questo modo, saranno implementate politiche più draconiane, una di queste è il passaggio al cashless banking.

Con l’introduzione delle banche senza contanti, non passerà molto tempo prima che l’Ice Nine venga implementato.

Le implicazioni dell’Ice Nine sono orrende…

Impatto sulla geopolitica

Non facciamoci illusioni, questa è un’operazione attentamente pianificata.

Non c’è nulla di spontaneo o accidentale. La recessione economica è architettata a livello nazionale e globale. A sua volta, questa crisi è anche integrata nella pianificazione militare e d’intelligence USA-NATO.

L’intento non è solo quello di indebolire la Cina, la Russia e l’Iran, ma anche di destabilizzare il tessuto economico dell’Unione europea (UE).

“La governance globale

Una nuova fase nell’evoluzione del capitalismo globale si sta svolgendo.

Un sistema di “Governo Globale” controllato da potenti interessi finanziari tra cui fondazioni aziendali e think tank di Washington supervisiona il processo decisionale sia a livello nazionale che globale.

I governi nazionali diventano subordinati al “Governo Globale”.

Il concetto di governo mondiale è stato sollevato dal defunto David Rockefeller al Bilderberger Meeting, Baden Germania, nel giugno 1991:

Vedi citazione sopra…

Capitalismo finanziario globale

Gli interessi di Big Money (interessi finanziari globali) si sovrappongono a quelli di Big Pharma, Big Oil, gli appaltatori della difesa, ecc.

Le maggiori istituzioni bancarie negli Stati Uniti, tra cui,

JP Morgan Chase, Bank of America, Citigroup, Wells Fargo, State Street Co. e Goldman Sachs,

… stanno investendo nell’economia di guerra, compreso lo sviluppo di armi nucleari sotto il programma di armi nucleari da 1,2 trilioni di dollari di Trump (stabilito per la prima volta sotto Obama).

L’obiettivo finale del “Big Money” è quello di trasformare gli stati nazionali (con le loro istituzioni e un’economia nazionale) in “territori economici aperti”.

Questo è stato il destino dell’Iraq e dell’Afghanistan…

Ma ora è possibile farlo senza inviare truppe, semplicemente ordinando a governi per procura servili integrati da politici corrotti di chiudere la loro economia per motivi umanitari, la cosiddetta “Responsabilità di proteggere” (R2P) senza bisogno di un intervento militare.

Impossibile da stimare o valutare…

Più della metà dell’economia mondiale è interrotta o ferma.

Sia chiaro che questa è un’agenda imperiale.

Cosa vogliono le élite finanziarie globali? Privatizzare lo Stato? Possedere e privatizzare l’intero pianeta?

La tendenza è verso la centralizzazione e la concentrazione del potere economico. I governi nazionali pesantemente indebitati sono strumenti del Grande Denaro.

Sono procuratori…

Le nomine politiche chiave sono controllate dalle lobby che rappresentano,

Wall Street il complesso industriale militare Big Pharma Big Oil i media corporativi i giganti della comunicazione digitale, ecc.

I Grandi Soldi in Europa e in America (attraverso i gruppi della Lobby di Washington) cercano di controllare i governi nazionali.

In che direzione stiamo andando? Qual è il futuro dell’umanità?

L’attuale crisi della corona è un sofisticato progetto imperiale, che consiste nel dominio mondiale da parte di una manciata di conglomerati multimiliardari.

Il capitalismo globale sta distruggendo il capitalismo nazionale…

L’intento inespresso del capitalismo globale è la distruzione dello stato nazionale e delle sue istituzioni che porta alla povertà globale su una scala senza precedenti.

Come invertire la tendenza?

La prima priorità è abrogare la menzogna…

La verità è un’arma potente per abrogare le bugie dei media corporativi e dei governi.

Quando la menzogna diventa la verità non si può tornare indietro.

Come disse una volta Winston Churchill,

“In tempo di guerra, la verità è così preziosa che deve essere circondata da una guardia del corpo di bugie”.

L’agenda senza contanti è parte dello schema del Nuovo Ordine Mondiale che va di pari passo con il transumanesimo, cioè,

la digitalizzazione di tutto nella società, compreso il denaro, l’informazione e la vita stessa…

Implementando la misura, una società senza contanti sarà in grado di controllare, tracciare ogni transazione economica, permettendo alle autorità di costruire un quadro ancora più completo di chi sei per fermare ogni possibile disobbedienza o rivoluzione prima che accada.

Aumenta anche le entrate del governo attraverso le tasse…

Per esempio, la Cina ha colto l’opportunità di soddisfare l’agenda senza contanti dichiarando che la carta moneta dovrebbe essere tolta dalla circolazione a causa della possibilità che possa contenere tracce di COVID-19 e quindi contribuire alla diffusione del coronavirus

Quarantene e legge marziale

I governi godono degli scenari della legge marziale, perché i diritti umani sono sospesi.

La Cina autoritaria è stata elogiata da molti globalisti come il defunto David Rockefeller o l’OMS come modello per il Nuovo Ordine Mondiale.

L’Italia ha decretato lo stato di emergenza e ha schierato le sue truppe per le strade, e la Spagna ha in programma di dichiarare lo stato di allarme.

È interessante notare che la cerimonia di apertura dei Giochi Mondiali Militari del 2019 a Wuhan ha dichiarato un “Nuovo Mondo”, facendo riferimento al Nuovo Ordine Mondiale e segnalando anche la trasformazione della società, un altro indizio che tutto questo evento è stato preparato.

Qualunque sia la verità sull’origine del virus stesso, chi l’ha creato, come è stato rilasciato, e se è davvero così pericoloso, l’intero fenomeno della pandemia di coronavirus è senza dubbio utilizzato per accelerare vari programmi del Nuovo Ordine Mondiale.

Conclusione

L’impero Rockefeller aveva un tale piano di blocco in cantiere da alcuni anni.

Mi aspettavo che venisse messo in atto solo dopo il crollo finanziario globale. L’unica ragione logica per loro di portarlo avanti erano i suoi rivali geopolitici -che stavano diventando più forti. Era il momento di ridurli ad una dimensione più controllabile. E i suoi rivali principali sono la Cina, l’Iran e l’UE… –

La seconda ragione per cui New York ha agito così velocemente ha a che fare con lo stato dei mercati finanziari e i profitti in calo dell’ultimo anno. Gli avvoltoi finanziari di Wall Street hanno bisogno di ulteriori fonti di guadagno per sopravvivere al calo dei profitti che stanno vivendo. Questa spinta a fare pressione e costringere i governi a bloccare le loro economie farà fallire l’economia, e metterà il governo in ulteriore debito. I nuovi prestiti emessi da Wall Street a questi governi porteranno un ulteriore flusso di reddito, con un profitto maggiore.

Ma questa è solo la parte 1. Nella parte 2 di questo atto, quando i governi non saranno in grado di ripagare questi prestiti, Wall Street forzerà la privatizzazione delle entità statali.

Comprarli per una canzone. Renderle efficienti e redditizie. Questo fornirebbe poi un nuovo e grande flusso di reddito. – Infine, molte società andranno in bancarotta. Il gruppo Rockefeller le comprerà a poco prezzo. Il risultato finale sarà meno di 20 corporazioni molto grandi in ogni segmento dell’economia. Ricordate il motto di famiglia: LA CONCORRENZA È UN PECCATO…! – Infine, gli attuali disordini, rivolte, ecc. che avvengono in tutta l’America (e quasi in tutto il mondo) è perché sono ben organizzati e finanziati. Chi c’è dietro questo è ovvio.

Non è Mosca, Pechino o Riyadh… Dei 5 maggiori centri di potere nel mondo, rimane Londra. I Rothschild hanno i mezzi, la capacità, e UN MOTIVO MOLTO BUONO per attaccare sia l’impero Rockefeller che il suo uomo alla Casa Bianca. A causa dell’inclinazione pro-Putin di New York e della Casa Bianca, Londra ha provato in molti modi a vendicarsi dell’Impero Rockefeller attaccando il loro “manager” – Trump – ma ha fallito ogni volta in questi ultimi tre anni. I disordini razziali hanno fornito a Londra l’occasione perfetta per accrescere ulteriormente i disordini.

Il pagatore di questo è George Soros – il gangster finanziario internazionale di Jacob Rothschild. Sarebbe un’ottima occasione per mettere in imbarazzo la Casa Bianca, e forse, questo farebbe perdere a Trump le prossime elezioni presidenziali.

La geopolitica è un gioco sporco. Anche gli alleati si scannano a vicenda.

Senza la campagna di paura e la propaganda dei media, le azioni intraprese dai nostri governi non avrebbero una gamba su cui stare.

Il “distanziamento sociale” non impedisce alle élite finanziarie di fornire istruzioni ai politici corrotti. D’altra parte, il “distanziamento sociale” combinato con la reclusione è usato come mezzo di subordinazione sociale. Impedisce alla gente di incontrarsi e di protestare contro questo cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale.

Organizzazione, Verità e Solidarietà sono essenziali per invertire la tendenza.

Il primo passo di un movimento mondiale è la “contro-propaganda”. C’è speranza? Sì, c’è speranza, finché viviamo. Il mondo deve svegliarsi… Sette miliardi di persone sotto chiave… svegliatevi! Rendetevi conto di quello che vi sta succedendo, tutto con la scusa di controllare l’umanità, di digitalizzare e robotizzare le vostre stesse vite. Quale modo migliore per farlo se non con il pretesto di rinchiudervi “per la vostra sicurezza”? Sfidate queste regole, opponetevi a questi invisibili onnipotenti autoproclamati governanti, che hanno solo il potere che noi, il popolo, gli diamo, o permettiamo loro di prenderci. Perché tutto ciò che hanno è il denaro, e i media corrotti che diffondono paura e ancora paura per continuare a bloccarvi.

Uscite dalla PAURA, uscite dall’isolamento, difendete i vostri diritti, la vostra libertà.

Perché la libertà non può essere comprata con i soldi, né calpestata dai media. Sono intrinsecamente dentro tutti noi…

Sam Parker

fonte: behind-the-news.com

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code