toba60

In Memoria di David Graeber, il Brillante (Anti)Leader di Occupy Wall Street

Abbiamo ritenuto doveroso ricordare l’antropologo David Greaber, una persona che probabilmente pochi conoscono, ma che ha inciso in modo determinante su milioni di giovani che si stanno impegnando nella realizzazione di un mondo migliore.

David Graeber

Lui lo ha fatto dall’alto delle sue immense capacita organizzative e dalle sue conoscenze antropologiche e sociali le quali lo hanno reso il pericolo numero uno da parte delle Élite di tutto il mondo.

Leggere i suoi testi e’ un autentico compendio di tutto quello che chi organizza delle manifestazioni dovrebbe fare per realizzare una rivoluzione pacifica e vincente……detto tra noi le cose non è sufficiente svolgerle …ma e’ fondamentale farle bene.

Toba60

In Memoria di David Graeber

New York 12 febbraio 1961 Venezia, 2 settembre 2020

L’antropologo e anarchico David Graeber è stato una delle figure principali dietro il movimento Occupy Wall Street, fornendo organizzazione e ideologia.

David Graeber

Una delle qualità che ha reso il movimento Occupy Wall Street (2011) più attraente è stata l’assenza di una struttura gerarchica all’interno delle sue dinamiche e, piuttosto, la sua somiglianza a una rete o rizoma, in una sorta di organizzazione orizzontale decentralizzata.

Eppure, forse a causa dell’inerzia del comportamento umano, emersero figure influenti che furono fondamentali per la gestazione e il consolidamento di una protesta che ebbe un certo impatto globale a causa della sua risonanza con ciò che accade a milioni di persone nella vita quotidiana. Una di queste figure era David Greaber, un anarchico, antropologo e ricercatore esperto nella formazione dell’attuale sistema economico basato sul debito.

Rivoluzione: Istruzioni per l'Uso
€ 15,00

All’epoca, Graeber amava dire che aveva tre obiettivi per l’anno: promuovere il suo nuovo libro, imparare a guidare e lanciare una rivoluzione globale. Finora, dei tre, il secondo sembrava fare meno progressi, poiché Graeber non era ancora riuscito a prendere lezioni di guida per padroneggiare la macchina fordiana.

Ormai cinquantenne, Graeber, professore alla Goldsmith’s University, aveva partecipato a molte proteste anti-establishment in città di tutto il mondo: Quebec, Genova, Philadelphia e New York e, insieme all’editore di Adbusters, era uno degli organizzatori di Occupy Wall Street nei suoi primi giorni.

Graeber è stato coinvolto nell’organizzazione di classi di resistenza non violenta, nell’addestramento medico e legale, e nel condurre il movimento a Zucotti Park (che è privato, quindi la polizia non può sfrattare i manifestanti).

David Graeber

Graeber è cresciuto in una famiglia di anarchici e dall’età di 11 anni si è interessato allo studio dei geroglifici Maya, che ha portato a una borsa di studio e a una carriera accademica che è stata interrotta dalla sua preferenza per l’anarchia.

Nel suo libro Debito: I Primi 5.000 anni, Graeber ha esposto una storia alternativa all’ascesa del denaro e dei mercati, esplorando l’atteggiamento ambivalente verso il debito come obbligo o peccato, motore della crescita economica e strumento di oppressione: da un lato, il rimborso del debito è visto come una questione di moralità, dall’altro, coloro che si guadagnano da vivere prestando denaro sono percepiti come il male.

Bull Shit Jobs
Le professioni senza senso che rendono ricco e infelice chi le svolge e costituiscono il fondamento del nuovo capitalismo globale. In italiano potrebbero definirsi “lavori del cavolo”.
€ 19,00

Graeber ha sottolineato che, nel corso della storia, il debito è servito agli stati per controllare i loro cittadini ed estrarre risorse da loro (di solito per finanziare le guerre). E quando la gente si indebita troppo, scoppia una specie di rivolta.

Il denaro non è stato creato dai mercanti per facilitare il commercio, è stato creato dagli stati per rendere più efficiente la loro raccolta di tasse e per misurare la proprietà. Nel processo ha introdotto il concetto di prezzo e un mercato impersonale che ha divorato le reti organiche di sostegno reciproco che esistevano.

Graeber sostiene che il denaro converte obblighi e responsabilità, elementi sociali, in debito, qualcosa che è puramente finanziario. La sensazione che abbiamo che sia importante ripagare il debito corrompe l’impulso a prendersi cura dell’altro. Il debito diventa sacro, quando le relazioni umane sono in realtà più importanti.

David Graeber

Ma, se comprendiamo le origini del debito, allora diventiamo più flessibili per negoziare i debiti quando le condizioni cambiano, che si tratti di mutui, carte di credito, debiti degli studenti o debiti di intere nazioni. A questo proposito, l’antropologo ha detto questo:

La sovranità appartiene in definitiva al popolo. Avete dato alle banche il diritto di creare il denaro che vi viene prestato. Collettivamente abbiamo fatto questo, e potremmo farlo in modo diverso.

Perdonare un debito, in una sorta di giubileo globale, sarebbe notevole “non solo perché allevierebbe un sacco di sofferenza umana, ma perché sarà un modo per ricordarci che il denaro non è ineffabile, che pagare i nostri debiti non è l’essenza della moralità, che tutte queste cose sono accordi umani e se la democrazia significa qualcosa, è la capacità di accettare di organizzare le cose in modo diverso”, dice Graeber.

Fonte: pijamasurf.com

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code