toba60

Qual è la Chiave del Fenomenale Successo del Kenya nella Corsa?

Views: 352

Quando ero giovane, il punto di riferimento, per me che mi cimentavo nelle competizioni campestri, non erano i Keniani o gli atleti Africani in generale, ma gli atleti Scandinavi, che sfornavano campioni e dominavano in lungo e in largo in tutte le competizioni mondiali del mezzofondo prolungato.

Tutti si domandavano come mai vincevano sempre loro, un po le stesse domande che ci si pone ora con gli atleti del vecchio continente.

Il mio idolo all’epoca era Lasse Viren, avevo la sua gigantografia attaccata davanti il mio letto e la prima cosa che vedevo quando mi alzavo prima degli allenamenti mattinieri, era la sua immagine braccia alzate al traguardo delle Olimpiadi di Monaco.

Oggi loro sono imbattibili nello sci di fondo e hanno per cosi dire ceduto il passo agli atleti Keniani ed africani in generale.

Una spiegazione logica ben definita come avrete modo di leggere, non esiste, ma e’ molto interessante l’analisi fatta sul campo, da parte di quello che e’ stato uno dei migliori allenatori del mondo.

Toba60

Qual è la chiave del fenomenale successo del Kenya nella corsa a lunga distanza? Correre veloci per andare a scuola e una fame di successo

Vuoi sapere qual è il segreto? Che non ci sono segreti. “Il fratello Colm O’Connell , un prete irlandese in pensione e uno dei migliori allenatori del Kenya, . Siamo in piedi nel parco della scuola di San Patrizio a Iten, in Kenya Sull’erba di fronte a noi, i suoi atleti stanno attraversando i loro esercizi di riscaldamento, tra cui l’alta figura di David Rudisha, campione del mondo e detentore del record mondiale per gli 800 metri.

Colm potrebbe scherzare sulle persone che cercano il segreto, ma qui sta succedendo qualcosa. Ai Campionati mondiali del 2011, il Kenya ha vinto ben 17 medaglie negli eventi di corsa di media e lunga distanza. Anche con l’eroismo interpretato da Mo Farah e Hannah England, la Gran Bretagna ne vinse solo tre.

Nella corsa alla maratona, i kenioti sono ancora più dominatori Nel 2011, i 20 migliori corridori più veloci del mondo – nello sport più universale e accessibile del mondo – provenivano tutti dal Kenya . Allora perché, esattamente, sono così bravi?

Qualche anno fa, Mo Farah , una delle più grandi speranze della Gran Bretagna per le Olimpiadi, stava lottando persino per fare finali sul palcoscenico mondiale. Ma tutto è cambiato per lui quando si è trasferito in una casa nel sud-ovest di Londra con un gruppo di top runner kenioti. “Vederli semplicemente mangiare, dormire e allenarsi e nient’altro è stato un grande shock per me”, ha detto in una recente intervista. Farah era già il miglior corridore britannico all’epoca, ma il livello di dedizione che vide dai keniani era una rivelazione.

Nella Rift Valley del Kenya ci sono migliaia di corridori che vivono così, allenandosi con un focus intenso, quasi monastico. Ogni mattina, nella città di Iten, dove ho vissuto per sei mesi, puoi vederli dappertutto, passandoci accanto in una confusione di giacche a vento sbiadite e Lycra, come i pendolari di qualsiasi altra città.

“Questo è quello che manca alla gente quando cercano il segreto”, dice più tardi O’Connell, mentre guardiamo i suoi atleti correre su e giù per una ripida collina. Duro duro lavoro e dedizione, questa è la chiave, dice. Ma la spiegazione può davvero essere così semplice? La risposta è sì e no.

Praticamente ogni corridore keniota proviene da un contesto rurale povero. Fin da piccoli corrono ovunque. Avevo sempre pensato che la storia spesso raccontata di bambini kenioti che correvano per chilometri ogni mattina a scuola fosse un mito romanticizzato, ma eccoli lì, i loro astucci con le matite tintinnano negli zaini della scuola, che si trascinavano, a volte prima ancora che l’alba si sia spezzata. Daniel Komen, detentore del record mondiale a 3.000 metri, mi disse: “Ogni giorno mungevo le mucche, correvo a scuola, correvo a casa per pranzo, tornavo a scuola, a casa, prendevo cura delle mucche. Questa è la via del Kenya”.

Un allenatore di spicco – che ha almeno sei campioni del mondo nei suoi libri – mi ha detto che ci vogliono 10 anni di allenamento per costruire una base di resistenza sufficiente per essere bravi nella corsa a lunga distanza. “Quando un keniota ha 16 anni”, ha detto, “è già lì”.

La vita di un atleta occidentale, ci viene costantemente detto, è fatta di duro lavoro e sacrificio. Ma queste cose sono relative, come ha scoperto Farah. Per i corridori kenioti, il duro lavoro è solo una parte della vita quotidiana, radicata in loro sin dalla nascita. Dedicarsi alla corsa non richiede alcun sacrificio speciale. In effetti, in Kenya la vita di un atleta è di relativo conforto. Mangia, dormi e corri. Batte scavando la terra tutto il giorno con un aratro a mano.

Per i keniani, la loro attenzione è acuita dal successo che vedono intorno a loro. Nella Rift Valley, ogni villaggio ha il suo corridore stellare, qualcuno che è partito per vincere un titolo mondiale o una maratona di grandi città, ed è tornato con abbastanza soldi per comprare un appezzamento di terra, una mucca e una macchina grande. Ci sono modelli di ruolo ovunque. I bambini si guardano intorno e dicono che da grande voglio diventare un corridore.

Quindi qui hai una popolazione che fin da giovane corre dappertutto, principalmente a piedi nudi – il che dà loro una forma di corsa perfetta e piedi e gambe più forti – e che tutti aspirano a diventare atleti. C’e’ il fatto che crescono tutti in quota, il che aumenta la capacità del sangue di trasportare ossigeno (un buon attributo per la corsa a lunga distanza) e mangia una dieta ricca di carboidrati e pochissimo grasso, e hai la ricetta perfetta per producendo grandi corridori.

Alla base di tutti i loro sforzi c’è lo spettro costante della povertà. Per ogni atleta keniota di successo, ce ne sono altri 10 che si allenano nella speranza del successo. Per loro, essere un corridore, anche relativamente modesto, è la loro unica possibilità di fuga.

Dr Yannis Pitsiladis dell’Università di Glasgow ha trascorso 10 anni a studiare i kenioti, conducendo ricerche sul perché sono così bravi nella corsa a lunga distanza. È d’accordo sul fatto che sia dovuto a questa perfetta combinazione di fattori. Gli chiedo, tuttavia, se può mettere una ragione sopra le altre come la più importante.

“Oh, è difficile”, dice, pensando intensamente per un momento. Poi dice puntualmente: “La fame per riuscire”.

“Guarda”, aggiunge. “Mia figlia è una grande ginnasta, ma probabilmente non diventerà una ginnasta. Probabilmente andrà all’università e diventerà una dottoressa. Ma per un bambino kenyota che cammina giù per il fiume per raccogliere acqua, correre a scuola, se non diventa un atleta, quindi non ci sono molte altre opzioni. Naturalmente, hai bisogno anche degli altri fattori, ma questa fame è la forza trainante “.

La povertà esiste in molti altri luoghi e la volontà di fuggire non è unica per i keniani. La differenza, tuttavia, è che in Kenya la volontà viene incanalata. Ogni ultima goccia di esso.

Molte persone indicano il dominio del Kenya nella corsa e affermano che deve essere dovuto alla genetica. Il grande problema con questo argomento, tuttavia, è la mancanza di prove scientifiche . Pitsiladis e altri hanno condotto ricerche su questo argomento per anni e finora non hanno trovato nulla. A meno che non lo facciano, dovremo continuare a concordare con O’Connell, sul fatto che non vi è alcun segreto, a meno che non si conti un incredibile livello di dedizione, nato da una vita dura e fisica che, come dice O’Connell, ” li rende forti, disciplinati e motivati ​​per avere successo “.

Fonte: https://www.theguardian.com

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Se ritieni che il contenuto che pubblico ti sia utile, considera l’idea di supportarmi con una piccola  donazione.

Correre
Un diario degli allenamenti e dei progressi raggiunti
€ 14,90

Correre
Per il benessere e l’efficienza fisica
€ 15,90

L'Arte di Correre
La guida tascabile per chi ama l’incomparabile gioia della corsa
€ 7,90

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code