toba60

Quale Supporto Scientifico Ha l’uso delle Mascherine?

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Abbiamo pubblicato dal momento in cui il covid ha fatto la sua comparsa studi scientifici sviluppati dai centri di ricerca più’ qualificati del mondo e tutti all’unisono facendo riferimento all’uso della mascherina hanno fatto l’ennesimo esempio.

Luca Zaia Governatore del Veneto soprannominato l’Uomo Mascherato

Indossarle e’ come applicare le grate di un carcere per impedire alle zanzare di accedere all’interno di una cella!

L’intero pianeta ha ascoltato un branco di imbecilli che poi tanto stupidi non dovevano essere, considerato che il loro obbiettivo era quello di convincere delle persone intelligenti che dovevano essere indossate notte e giorno possibilmente a stomaco vuoto.

Non oso immaginare i nostri posteri cosa diranno di noi quando nei libri di storia si imbatteranno nei fatti accaduti dalla fine del 2019 sino a tempo ancora definito nel momento in cui scrivo.

Già mi vedo le immagini dello scienziato made in Veneto che in zona Valdobbiadene, luogo situato ad un quarto d’ora di carovana fuori della carta geografica in quel di Treviso, (E pensare che vuole l’indipendenza) rigorosamente vestito in giacca e cravatta, Museruola in Bocca, con stampato bene in vista il Leone di San Marco, supportato da un prosecco appena consumato, il quale paletta in mano con su scritto il numero dei Tamponati, ripete ad alta voce……….

Andeee in Mooooona Tutiiiiiiiiiiii………

(Tradotto in Italiano: andate lì dove ”non batte il sole” )

Toba60

Mascheramento comunitario: da dove viene la “scienza”?

Prima del 2020, le prove dell’efficacia del community masking cioè chiedere ai normali membri del pubblico di indossare maschere di stoffa o chirurgiche quando vanno in giro per i loro affari – erano al massimo traballanti.

Queste prove sono state esaminate in dettaglio da Jeffrey Anderson, un ex direttore del Bureau of Justice Statistics.

Egli nota che:

dei 14 RCT che hanno testato l’efficacia delle maschere nel prevenire la trasmissione di virus respiratori, tre suggeriscono, ma non forniscono alcuna prova statisticamente significativa nell’analisi intention-to-treat, che le maschere potrebbero essere utili. Gli altri undici suggeriscono che le maschere sono inutili – sia rispetto a nessuna maschera o perché non sembrano aggiungere alla buona igiene delle mani da solo – o effettivamente controproducente.

In un altro pezzo che vale la pena leggere, il professor Steve Templeton fornisce una lista di citazioni di quella che lui chiama “l’era BP” (Before Things Got Political). Ogni citazione, presa dall’uno o dall’altro esperto, testimonia la mancanza di prove che il mascheramento della comunità funziona contro i patogeni respiratori.

Per esempio, in una revisione sistematica pubblicata all’inizio dell’anno scorso, Jingyi Xiao e colleghi “non hanno trovato prove che le maschere facciali di tipo chirurgico siano efficaci nel ridurre la trasmissione dell’influenza confermata in laboratorio, sia quando indossate da persone infette… o da persone nella comunità generale per ridurre la loro suscettibilità”.

Questo è presumibilmente il motivo per cui, all’inizio della pandemia di COVID-19, le autorità sanitarie sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti hanno sconsigliato il mascheramento della comunità.

Per esempio, il 4 marzo 2020, Chris Whitty ha detto a Sky News che “indossare una maschera se non si ha un’infezione riduce il rischio quasi per niente”. E il 3 aprile, Jonathan Van Tam ha detto che “non ci sono prove che l’uso generale di maschere per il viso… influenzi la diffusione della malattia”.

Allo stesso modo, in un tweet inviato il 27 febbraio, il CDC ha detto che “attualmente non raccomanda l’uso di maschere facciali”. E due giorni dopo, il Surgeon General degli Stati Uniti ha esortato le persone a “SMETTERE DI COMPRARE MASCHERE” perché “NON sono efficaci” per impedire al grande pubblico di prendere il coronavirus.

In un’intervista video del maggio del 2019, Anthony Fauci ha effettivamente riso alla nozione di indossare una maschera facciale. L’intervistatore gli chiede: “Il modo migliore per me di prevenire di prendere una malattia infettiva… è cosa? Indossare una maschera?” Al che Fauci risponde: “No, no no… si evitano tutti gli aspetti paranoici”.

Eppure, nell’estate del 2020, le autorità sanitarie di entrambi i paesi avevano fatto un voltafaccia, e ora raccomandavano le mascherine al pubblico. Queste raccomandazioni sono poi diventate dei mandati.

“La scienza”, in altre parole, era cambiata.

Ma cosa ha spinto questo cambiamento? La risposta caritatevole è che sono emerse nuove prove che suggeriscono che il mascheramento della comunità funziona contro la SARS-CoV-2. Tuttavia, queste nuove prove sembrano altrettanto traballanti se non di più – di quelle precedenti alla Covid.

Ho il sospetto che sia successo qualcos’altro. Nella primavera del 2020, tutti i paesi occidentali erano sulla stessa traiettoria ascendente, con casi che raddoppiavano ogni pochi giorni. Nel frattempo, Giappone, Corea, Hong Kong e Singapore erano riusciti ad “appiattire la curva”, nonostante avessero evitato le chiusure draconiane.

I commentatori stavano cercando una spiegazione e le “mascherine” sembravano una buona spiegazione. Dopo tutto, le autorità sanitarie occidentali avevano sconsigliato le maschere. Eppure molti asiatici orientali le indossavano da anni.

Se eravate sui social media in quel periodo, probabilmente ricordate di aver visto una versione di questo grafico, che è diventato virale numerose volte:

Mettendo da parte la “correlazione non equivale a causalità”, sembra suggerire che le maschere siano il fattore cruciale per portare la COVID sotto controllo. Naturalmente, la successiva imposizione di maschere nei paesi occidentali non ha impedito l’insorgere di grandi focolai invernali, il che mina piuttosto la teoria delle maschere.

Tuttavia, sembrava abbastanza plausibile all’epoca. E articoli cominciarono ad apparire nelle principali testate giornalistiche che mettevano in discussione la riluttanza dell’Occidente ad indossare maschere. Sui social media, i commentatori hanno chiesto perché non dovremmo seguire i paesi dell’Asia orientale, dato il loro successo di gran lunga maggiore nel gestire la pandemia.

Ho il sospetto che questa pressione abbia avuto più a che fare con il voltafaccia delle autorità sanitarie che con qualsiasi cambiamento fondamentale nella qualità delle prove. È stato un altro caso di “logica del politico”. Qualcosa deve essere fatto; indossare la maschera è qualcosa; quindi dobbiamo farlo”.

In poche settimane, ‘La scienza’ è passata da ‘non fare X’ a ‘fare X’. Eppure c’è voluto un altro anno intero perché fosse pubblicato il primo RCT sul mascheramento della comunità. La teoria che ho delineato è speculativa, naturalmente. Ma non vedo cos’altro possa spiegare un cambiamento così improvviso nei consigli di salute pubblica.

Noah Carl

Fonte: dailysceptic.org

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code