toba60

Questa non è Scienza è Superstizione

Detto tra noi, cosa diranno i nostri posteri di tutto quello che si è vissuto nel periodo del Covid, faranno riferimento al caso, alla stregua di una barzelletta, o parleranno seriamente della questione come uno scherzo della natura che ha voluto prendersi gioco di qualche miliardo di persone.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

 Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Non è Scienza è Superstizione

La denominazione “Negazionista” è ormai una realtà, ed è diventata l’aggettivo preferito da chiunque si opponga a mettere in discussione la narrazione ufficiale.

All’inizio della cosiddetta “pandemia” e dei confinamenti, quando c’era solo una versione di ciò che stava accadendo, è stato necessario scavare per trovare altre ipotesi scientifiche.

“Se siete contro di me, siete contro la scienza!”

Questa frase, attribuita all’americano Ferdinand Simon Anthony Fauci, riflette perfettamente il dogma della fede che bisogna esercitare per accettare il resoconto ufficiale degli eventi. Ciò che è o non è “scienza” non è mai stato una questione pacifica ed è stato oggetto di un intenso dibattito, perché man mano che emergono nuove scoperte, è chiaro che esse mettono da parte la “vecchia scienza” per far posto alla “nuova scienza”.

Tuttavia, e sottolineando che ci sono risorse più che sufficienti per dimostrare che qualcosa non va nella storia ufficiale, in Spagna c’è una certa unanimità nell’etichettare chiunque metta in dubbio questa storia come un pericolo, e tutto questo perché la “scienza” è probabilmente diventata più una religione che uno sforzo sistematico (e per sua natura controverso) di scoprire la dialettica naturale. Le religioni sono solo questo, un dogma di fede, il che significa che hanno regole che non devono essere messe in discussione.

Un’autorità invisibile come Dio, e i suoi rappresentanti sulla terra, hanno storicamente stabilito le regole di condotta di una società, di solito al servizio di un ideale e di un ordine sociale; paradossalmente stiamo vivendo una morte della religione cattolica quella che dice che solo Dio può dare o togliere la vita per lasciare il posto a un altro dogma di fede che permette a una società farmaceutica di fare esattamente lo stesso.

La magia della pandemia

E la verità è che la cosiddetta “pandemia” è stata una sorta di parola magica che, come la stregoneria o le donne dai capelli rossi del Medioevo, permette di stabilire modelli di comportamento eccezionalmente efficaci per un ordinato trasferimento di rendite dal lavoro al capitale: mettere in discussione la versione ufficiale può portare chiunque al rogo, perché il coronavirus è diventato un demone superstizioso che può essere scatenato contro chiunque metta in discussione il suo potere e la sua autorità.

La parola “scienza” è ormai sacra nel mondo moderno e lo è da tempo. La tecnologia, la medicina, l’ingegneria sono diventate così complesse che pochi ne conoscono i dettagli e quindi, per i profani, tutto ciò ha un’aura davvero magica. Ci vuole un vero “scienziato” per conoscere i segreti più reconditi della scienza, così come ci vuole un “hacker” per compiere “miracoli” informatici che non esistono.

Come nell’antico Egitto per quanto riguarda il controllo del tempo da parte dei sacerdoti si è parlato molto del loro potere politico derivante dalla conoscenza degli astri siamo arrivati a pensare che solo i sacerdoti della scienza possano capire la scienza. Frasi pronunciate da quelle persone che ancora ascoltano il loro buon senso, come “fai le tue ricerche”, per l’adoratore della scienza, sono diventate il mantra dell’imbecille, dell’idiota che non si fida del “Dio della scienza” e che oggi è il miglior equivalente dell’eretico.

È ovvio che il semplice buon senso non può sostituire una conoscenza approfondita dei processi biologici, ma quando dietro una presunta pandemia alcuni guadagnano molto e la maggior parte perde tutto, non è forse il caso di porsi delle domande?

Sembra che nel clima attuale la maggior parte delle persone non lo faccia, preferendo gli imperativi e accettando persino che la nostra vita sia nelle mani di una formula brevettata che, ovviamente, dobbiamo destreggiare per conoscerne la composizione e le conseguenze sul nostro corpo.

Il sacerdozio pandemico

Ora, il problema non è la scienza, il problema sono le persone che pretendono di conoscere e monopolizzare la scienza, i nuovi sacerdoti. E le masse non sono abbastanza istruite per distinguere ciò che è buono e ciò che non lo è. Sarebbe bene fare un po’ di memoria per ricordare che questa formula del “solo i tecnici conoscono la tecnica” è stata applicata anche nel 2008, quella volta per giustificare la drastica avanzata del capitalismo, quando il Dio di allora era “i mercati”.

La superstizione è di solito una conseguenza diretta della religione. Se accettiamo che la scienza è ormai una religione, la risposta a questa nuova religione è in gran parte superstiziosa, così come il “vaccino”, una superstizione che deve essere tenuta in vita da “dosi ricordo”. Poiché ora la scienza può essere creata e giustificata semplicemente attraverso la parola di una manciata di figure autorevoli, allora credere in essa (dato che la nuova scienza non deve essere giustificata attraverso la sperimentazione, la documentazione e il dibattito tra gli scienziati) è superstizione. .

E ci sono molti esempi che sfidano palesemente qualsiasi tipo di logica. Dalla distanza tra i tavoli nelle terrazze dei bar alla segregazione dei non vaccinati per evitare che i vaccinati si infettino (che, secondo il loro stesso racconto, si infettano comunque), o addirittura vaccinando i bambini di 5 anni per prevenire una malattia che nessun bambino di 5 anni prende, secondo le loro stesse “ricerche”.

Nessuno di questi esempi ha alcuna base scientifica e la maggior parte di essi è puramente insensata, ma poiché i sacerdoti della nuova scienza ci hanno “detto” che queste cose sono basate sulla ricerca e sulla sperimentazione scientifica, dobbiamo crederci.

La definizione di “superstizione” può essere “una credenza diffusa ma ingiustificata in una causa soprannaturale”. Quella “causalità soprannaturale” è l’ipotesi irrazionale e vuota che la gente sembra pensare sia una “causa naturale”. E per questo, basta chiedere a un seguace di questa nuova religione di spiegare perché una persona vaccinata ha bisogno di protezione contro una persona non vaccinata (il tutto nel nostro sforzo razionale di scoprire la “causalità naturale” di un assunto “scientifico”), per vedere che chi osa porre una simile domanda sarà probabilmente bollato come eretico.

Tutto questo è in realtà una manifestazione del problema fondamentale: la maggior parte del cosiddetto mondo occidentale soffre di una psicosi di massa simile a una setta. E diciamo “mondo occidentale” perché si tratta esclusivamente di una psicosi del cosiddetto “mondo sviluppato”. In Africa o in Asia, la cosiddetta “pandemia” fa parte delle politiche ufficiali, ma le popolazioni non hanno quasi notato alcuna differenza: chi era povero è ancora povero e la sopravvivenza non ha smesso di essere la vita quotidiana di milioni di persone.

Diego Herchhoren

Fonte: mpr21.info

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code