toba60

Rapporto Completo sul Cartello Alimentare Globale ”Il Covid-19 è Solo un Diversivo per Utili Idioti.

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quello che avrete modo di leggere fa passare la problematica del virus come un fatto estetico riferito alla persona.

Sono dati raccapriccianti che fuoriescono da ogni logica posta in essere alla popolazione mondiale, una riflessione e’ doverosa farla per capacitarsi su come ogni dinamica economica e sociale verte in realtà su principi che sfuggono ai consolidati paradigmi che la gente comune crede immersa in una virtuale conoscenza dei fatti.

Quando si parla di economia di lavoro e di crisi politica, é come menzionare il corpo umano facendo riferimento allo stato di salute di un singolo capello, la globalizzazione non e’ solo una parola generica che sancisce un determinato stato di cose, dietro c’è un immenso stato di eventi che si autoalimenta attraverso un consolidato meccanismo che ha le sue radici in anni e anni di lavoro che un passo alla volta ha creato un mostro di cui pochi ancora ne sono a conoscenza.

Dietro a questo velo invisibile c’e un mondo che racchiude in sé ogni cosa avviene davanti ai nostri occhi, il covid e’ solo uno dei tanti palliativi che maschera quanto avviene dietro le quinte.

L’obbiettivo finale avverrà quando i bisogni primari verranno meno e si vengono cosi a creare tutti i presupposti per un controllo che non e’ piu’ solo digitale attraverso una tecnologia hi-tec imperante, ma stabilisce una modifica esistenziale legata ad ogni singolo individuo che lo vede in balia di problemi insolubili in un ottica che trascenda il materialismo fine a se stesso.

Quello che le masse non hanno ancora capito é che il tempo é scaduto, perdere tempo per un virus e’ quanto di piu’ letale si possa fare in questo preciso momento, si deve pensare su larga scala e non piu’ a compartimenti stagni e per farlo si deve prendere conoscenza di quelli che sono i reali meccanismi che hanno posto in essere questo stato di cose.

Noi della redazione non potevamo liquidare un tema cosi importante con un breve resoconto dei fatti reali (Che di per se necessiterebbe di una stesura enciclopedica) e abbiamo deciso di mettere a disposizione di coloro che hanno la buona volontà di portare a termine la lettura un qualcosa di molto dettagliato, nella speranza che ciò possa essere di aiuto e che possa incidere sulle scelte di ognuno nell’immediato futuro.

Toba60

Smascherare il cartello alimentare globale: la fame massiccia e la riduzione della popolazione sono la loro prossima mossa?

L’apparato di controllo

Il controllo del cibo da usare come arma è una pratica antica. La Casa dei Windsor ha ereditato certe vie e infrastrutture.

Si trova la pratica nell’antica Babilonia/Mesopotamia 4.000 anni fa. In Grecia, i culti di Apollo, Demetra e Rea-Cibele controllavano spesso la spedizione di grano e di altri generi alimentari, attraverso i templi. Nella Roma imperiale, il controllo del grano divenne la base dell’impero.

Roma era il centro. Le colonie conquistate in Gallia, Bretagna, Spagna, Sicilia, Egitto, Nord Africa e il litorale mediterraneo dovevano spedire grano alle famiglie nobili romane, come tasse e tributi. Spesso la tassa sul grano era più grande di quanto la terra potesse sopportare, e aree del Nord Africa, per esempio, furono trasformate in scodelle di polvere.

La malvagia città-stato di Venezia si impadronì delle vie del grano, soprattutto dopo la quarta crociata (1202-04). Le principali rotte commerciali veneziane del XIII secolo avevano il loro termine orientale a Costantinopoli, nei porti dell’Oltremare (che erano le terre degli Stati crociati) e ad Alessandria d’Egitto.

Le merci da questi porti venivano spedite a Venezia, e da lì risalivano la valle del Po fino ai mercati della Lombardia, o attraverso i passi alpini fino al Rodano e alla Francia. Alla fine, il commercio veneziano si estese all’impero mongolo in Oriente.

Nel XV secolo, sebbene Venezia fosse ancora un impero mercantile, aveva dato in concessione parte del suo grano e altri commerci al potente ducato di Borgogna, il cui quartier generale effettivo era Anversa.

Questo impero, che comprendeva parti della Francia, si estendeva da Amsterdam e dal Belgio fino a gran parte dell’attuale Svizzera. Da questo nesso veneziano-lombardo-burgognone, ognuna delle sei principali compagnie di grano del cartello alimentare è stata fondata o ha ereditato una parte sostanziale delle sue operazioni odierne.

Nel diciottesimo e diciannovesimo secolo, le compagnie britanniche del Levante e delle Indie Orientali avevano assorbito molte di queste operazioni veneziane. Nel diciannovesimo secolo, il Baltic Mercantile and Shipping Exchange, con sede a Londra, divenne il principale strumento mondiale per la contrattazione e la spedizione del grano.

Da dieci a dodici compagnie cardine, assistite da altre tre dozzine, gestiscono l’approvvigionamento alimentare mondiale. Sono i componenti chiave del cartello anglo-olandese-svizzero-americano, che si raggruppa intorno alle 2 famiglie.

Guidato dalle sei principali compagnie di grano – questo cartello alimentare e delle materie prime ha il dominio completo sulle forniture mondiali di cereali e granaglie, dal grano all’avena e al mais, dall’orzo al sorgo e alla segale. Ma controlla anche la carne, i latticini, gli oli e i grassi commestibili, la frutta e la verdura, lo zucchero e tutte le forme di spezie.

Ogni anno decine di milioni di persone muoiono per la più elementare mancanza del loro pane quotidiano. Questo è il risultato del lavoro del cartello BAC. E, mentre il crollo finanziario in corso cancella la carta finanziaria speculativa gonfiata, l’oligarchia è passata all’accaparramento, aumentando le sue riserve di cibo e materie prime. È pronta ad applicare un laccio emostatico alla produzione alimentare e alle forniture per l’esportazione, non solo alle nazioni povere, ma anche alle nazioni del settore avanzato.

Oggi, la guerra alimentare è saldamente sotto il controllo di Londra e New York. Le aziende alimentari di oggi sono state create avendo avuto una parte di questo antico insieme di reti e infrastrutture alimentari mesopotamiche-romane-venete-britanniche ritagliate per loro.

L’oligarchia ha costruito un unico cartello integrato delle materie prime, con tre divisioni: energia, materie prime e forniture alimentari sempre più scarse.

La figura 1 qui sopra rappresenta la situazione. In alto ci sono la Casa dei Windsor e il Club delle Isole. Subito sotto ci sono i principali strumenti di controllo dei Rothschild – il Worldwide Fund for Nature – guidato dal principe Phillip – che guida il mondo nei conflitti etnici e nel terrorismo.

Le imprese all’interno di ogni gruppo di cartello sono elencate. Mentre mantengono la finzione di essere diverse organizzazioni aziendali, in realtà si tratta di un unico sindacato interconnesso, con uno scopo comune e molteplici consigli di amministrazione sovrapposti.

L’oligarchia possiede questi cartelli, ed essi sono gli strumenti di potere dell’oligarchia, accumulati durante secoli, per rompere la sovranità delle nazioni.

Fino agli anni ’40, la quota del commercio internazionale di cereali era di circa 10 milioni di tonnellate. Si trattava di una quantità considerevole, ma piccola rispetto ai livelli di commercio che sarebbero seguiti.

La seconda guerra mondiale devastò il mondo, creando una fame di massa, specialmente in Eurasia e in quello che oggi è il terzo mondo. Sotto l’impulso di programmi americani come “Food for Peace”, il commercio mondiale di cereali salì a 160 milioni di tonnellate nel 1979.

Oggi è di 515 milioni di tonnellate all’anno. Inoltre, decine di milioni di altri prodotti alimentari vengono scambiati ogni anno.

È giusto che i paesi con eccedenze di grano, carne, latticini e altri prodotti li esportino. Ma le quattro regioni esportatrici del cartello hanno ottenuto la preminenza in modo brutale, mentre gran parte del resto del mondo è stato spinto nell’arretratezza forzata.

Le 2 famiglie (Rothschild e Rockefeller) negarono a queste nazioni sementi, fertilizzanti, gestione delle acque, elettricità, trasporto ferroviario, cioè tutte le infrastrutture e i beni capitali necessari per trasformarle in produttori di cibo autosufficienti.

Queste nazioni sono state ridotte allo stato di vassalli: O importano dalle regioni di esportazione del cartello, o muoiono di fame.

Tuttavia, il cartello alimentare ha anche il controllo a livello internazionale. Per esempio, al di fuori degli Stati Uniti, i maggiori produttori di soia e di prodotti a base di soia sono Argentina e Brasile.

Una delle sei grandi compagnie di grano, Bunge e Born, si stabilì in Argentina nel 1876, e accumulò piantagioni di centinaia di migliaia di acri. Nella seconda metà del ventesimo secolo, si è trasferita anche in Brasile. Oggi, in Brasile e in Argentina, Bunge e Born è una forza importante nella soia e nei prodotti correlati, insieme a Cargill, Louis Dreyfus e Continental.

Così, il cartello del grano domina la produzione ovunque. A rafforzare ulteriormente il controllo sono le joint venture, specialmente nell’area della produzione di nuovi ceppi di semi e della biotecnologia.

Cargill, il più grande esportatore di grano del mondo, attraverso la sua divisione Nutrena, è anche il più grande produttore di mangimi e sementi ibride del mondo. Nel 1998, Cargill ha annunciato una joint venture con Monsanto, una delle principali aziende di biotecnologia agricola.

Sempre nel 1998, Novartis (la nuova ragione sociale della fusione del 1996 dei giganti chimici svizzeri CIBA-Geigy e Sandoz) ha formato una joint venture con Land O’Lakes, e tramite loro, con ADM, per lo sviluppo di ibridi di mais speciali per i mercati alimentari e dei mangimi.

Nel frattempo, il cartello alimentare ha ridotto ad uno stato di servitù anche le regioni di esportazione, che dovrebbero godere di uno status privilegiato. Durante gli ultimi 4 decenni, milioni di agricoltori negli Stati Uniti, Europa, Canada, Australia, Argentina, Brasile, India e Sud Africa, sono stati spazzati via.

Questo rapporto documenterà, per la prima volta, l’estensione della concentrazione e del controllo che il cartello delle materie prime esercita sul commercio internazionale e nazionale degli alimenti. Esaminerà il controllo internazionale e nazionale del cartello alimentare su grano, latte, oli e grassi commestibili e carne.

Questo articolo fornirà i nomi delle forze chiave nel controllo dei cartelli sull’approvvigionamento alimentare mondiale.

Le cinque compagnie private del grano sono state ricavate dalla secolare rotta del grano mesopotamico-veneziano-burghese-svizzero-amsterdese, che oggi si estende in tutto il mondo.

Le Big Five sono Cargill, Continental, Louis Dreyfus, Bunge e Born, e André Cargill Company, la più grande azienda cerealicola del mondo, ha sede a Minneapolis, sobborgo del Minnesota, Minnetonka.

È stata fondata dallo scozzese William Cargill, a Conover, Iowa nel 1865, ed è stata gestita, dagli anni 20, dalla famiglia miliardaria MacMillan. Ma il vero nesso di Cargill è a Ginevra, Svizzera, dove ha sede il braccio commerciale internazionale di Cargill, Tradax, Inc.

L’acquisto da parte di Archer Daniels Midland di Töpfer, una società di cereali con sede ad Amburgo, Germania, ha aumentato notevolmente la presenza di ADM nel commercio mondiale di cereali. Il commercio di Töpfer è situato all’interno delle vecchie rotte Venezia-Svizzera-Amsterdam-Parigi, e ha ampie partnership commerciali con il gioiello della corona britannica, la Banca Rothschild.

Il modo in cui operano le società del cartello del grano è molto segreto. Tutte tranne ADM-Töpfer sono aziende private.

Profili e storie

Ecco i profili strategici di alcune delle aziende chiave che costituiscono il settore alimentare del cartello BAC. Gli inglesi hanno un grado di controllo molto maggiore nel settore alimentare, a causa del coinvolgimento dei loro predecessori, che risale a secoli fa.

Alleate con varie altre famiglie e società europee, la totalità delle società alimentari europee, le società britanniche esercitano effettivamente il controllo sulla maggior parte dei giganti europei.

Questo è dovuto al fatto che i Rothschild si sono stabiliti a Londra, dal 1795, e da questa base sono riusciti a dominare gli affari e la finanza europea.

Gli Stati Uniti sono arrivati tardi alla festa. Ma, dal 1945, sotto il patrocinio di Rockefeller, le aziende americane hanno fatto grandi passi avanti nel campo dell’alimentazione. Ecco perché il titolo “British-American Cartel”, o BAC, in breve.

I profili confermano che attraverso molteplici forme di concentrazione, queste aziende dominano la produzione di grano, latte, carne e altri alimenti, e il sistema di lavorazione e distribuzione del cibo, fino al supermercato.

Pochissimo cibo si muove sulla faccia della terra senza che il cartello alimentare ci metta lo zampino.

Cargill

Cargill alleva 700.000 maiali, 14 milioni di tacchini e 500 milioni di polli da carne. Negli Stati Uniti, possiede 440 chiatte, 16 rimorchiatori, 3 enormi navi che navigano sui Grandi Laghi, 22 navi oceaniche, 3.000 vagoni ferroviari e 3.500 autocisterne.

Cargill e le sue filiali gestiscono 900 stabilimenti in tutto il mondo. Ha 500 uffici negli Stati Uniti e 300 all’estero. Opera in 60 paesi.

Poco dopo la guerra civile americana, William Cargill, un mercante di mare immigrato scozzese, comprò il suo primo elevatore di grano in Iowa. Nel 1870, con suo fratello Sam, William Cargill comprò degli elevatori di grano lungo la ferrovia del Minnesota meridionale, in un momento in cui il Minnesota stava diventando un’importante rotta di navigazione.

Ma la più grande svolta di Cargill arrivò quando comprò gli elevatori che andavano a ovest lungo la linea della Great Railroad Northern di James J Hill. Hiss era il socio in affari di Ned Harriman (padre di Averell Harriman, e una copertura per William Rockefeller – fratello di John D). Attraverso un sistema di sconti e altri accordi, la linea ferroviaria di Hill costruisce l’operazione Cargill.

Due volte durante il 20° secolo, la ditta Cargill ha rischiato di fallire, e tra il 1909 e il 1917, Cargill è stata sull’orlo della bancarotta. La figlia del fondatore sposò John Macmillan.

William Rockefeller salvò l’azienda e designò Macmillan e la sua famiglia per venire a riorganizzare Cargill. Questo fu il periodo in cui la famiglia Macmillan iniziò a gestire Cargill.

Dopo il crollo del mercato azionario del 1929 e la conseguente Grande Depressione, Cargill rischiò di andare in bancarotta, ma questa volta fu nuovamente salvata dalla Chase Manhattan Bank dei Rockefeller. Chase inviò il suo funzionario John Peterson per aiutare a gestire Cargill, e presto fu a capo dell’azienda.

Da allora, la banca Rockefeller Chase ha una partecipazione in Cargill. Con l’appoggio dei Rockefeller, Cargill iniziò ad espandersi.

Cargill è stata ripetutamente citata per il “blending” – l’aggiunta di sostanze estranee al suo grano. Per esempio, un contratto di esportazione può permettere che l’8% del volume di grano che un’azienda esporta sia materia estranea.

Se il carico di grano di Cargill è solo il 6% di materia estranea, si mescolerà con terra e ghiaia. Un supervisore di Cargill ha detto, nel luglio 1982: “Se abbiamo un carico veramente pulito, ci assicuriamo di trattenerlo fino a quando possiamo mescolarlo con qualcosa di più sporco. Altrimenti, staremmo buttando via dei soldi”.

Cargill si è espansa in tutte le principali colture e bestiame della terra, in oltre 60 paesi. Si è espansa anche nel carbone, nell’acciaio (diventando il settimo produttore d’acciaio americano), nello smaltimento dei rifiuti e nei metalli.

Oggi, Cargill dirige una delle 10 più grandi società di intermediazione di materie prime negli Stati Uniti, commerciando sui mercati di Chicago e del mondo. Nel 1995, Cargill ha comprato il business statunitense di Continental Grain. Le famiglie Cargill e Macmillan insieme possiedono il 100% delle azioni dell’azienda, con un valore netto combinato di circa 15 miliardi di dollari.

Continental Grain

È il secondo più grande commerciante di grano del mondo. Il nesso combinato Cargill-Continental rappresenta circa il 50-60% della quota mondiale delle esportazioni.

Continental lavora e commercializza carne di manzo, maiale, pollame, frutti di mare, insieme a mangimi per animali e farina di grano. L’azienda trasporta quasi 95 milioni di tonnellate di cereali, semi oleosi, riso, cotone e prodotti energetici ogni anno, una quantità che supera la produzione annuale di quasi tutti i paesi del mondo. Continental possiede una flotta di rimorchiatori e 500 chiatte fluviali.

Possiede oltre 1500 vagoni a tramoggia. Ha uffici e stabilimenti in 50 paesi, in 6 continenti.

Simon Fribourg ha fondato l’azienda come una società di commercio di materie prime in Belgio, nel 1813. Cinquant’anni dopo, la famiglia Fribourg si dedicò alla macinazione, costruendo mulini in Lussemburgo e in Belgio, specialmente ad Anversa, che, con i suoi porti profondi e i collegamenti al fiume Reno, trasportava la farina e il grano Fribourg da e per il resto d’Europa.

Nel 1914, gli eredi spostarono le operazioni a Londra, per sfruttare la capacità di commerciare grano a livello internazionale. Nel 1920, la sede centrale si trasferì a Parigi.

Poi, negli anni ’20, l’azienda aprì degli uffici negli Stati Uniti. Durante la depressione degli anni ’30, la Continental Company ha guadagnato come banditi.

L’allora capofamiglia, Jules, incaricò il suo agente di New York di comprare gli elevatori di grano del Midwest, che erano a prezzi depressi, con le istruzioni: “Non preoccupatevi di guardarli, comprateli e basta”. Quando l’esercito nazista invase la Francia nel giugno 1940, i Friborg fuggirono in America.

Nel 1969, i Friborg, lavorando con la società Cargill, e attraverso un agente del cartello del grano nel Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, Clarence Palmby, aiutarono a distruggere la flotta mercantile americana, convincendo il presidente Nixon che la disposizione “50-50”, secondo la quale la metà di tutte le esportazioni di grano americano doveva essere trasportata su navi americane, doveva essere abolita, al fine di ottenere un grande ordine di grano russo.

Quasi tutto il grano andò su navi a fondo russo. Vari favori pagarono, perché nel 1973 i russi premiarono la Continental con un acquisto senza precedenti di 6 milioni di tonnellate di grano e soia.

Nel 1976, la Continental fu multata di 500.000 dollari per aver pesato poco le navi. Alla fine degli anni ’70, quando il Congo, o Zaire, che era molto povero, non era in grado di pagare i suoi conti, Continental tagliò le spedizioni di cibo a quella nazione affamata.

Negli anni ’70, Continental divenne la prima compagnia di grano a vendere grano alla Cina. L’azienda è guidata da Paul Fribourg. La famiglia Fribourg possiede il 100% dell’azienda, e la famiglia vale circa 4 miliardi di dollari.
Louis Drefuss

È il numero 1 degli esportatori di grano francesi, il numero 3 degli esportatori di grano mondiali, il numero 4 degli esportatori di grano statunitensi, il numero 5 degli esportatori di grano argentini, e così via. Louis Dreyfuss gestisce 57 navi – portarinfuse, lakers, panamax, e navi chimiche e LNG in tutto il mondo.

Leopold Louis Dreyfuss è nato in Francia. Nel 1852, all’età di 19 anni, ha avviato il suo commercio di grano in Svizzera. Costruì mulini ed elevatori di grano in tutta Europa, e alla fine del XIX secolo, stava commercializzando tutti i tipi di grano, mais, orzo e altre colture.

Louis Dreyfuss, sebbene sia di proprietà privata, è anche una cooperativa di diritto francese. Possiede il 49% della coop UFC. In base a questo accordo, UFC vende il grano francese esclusivamente per sé e per Dreyfuss, sia nell’UE che in altri mercati.

Questo permette a Dreyfuss di ottenere credito a bassi tassi d’interesse dalla banca semi-ufficiale francese Credit Agricole, condizioni che non sono disponibili per aziende puramente private.

Louis Dreyfuss possiede anche una delle più grandi banche private in Francia, la Dreyfuss Bank. L’attuale capo della società è Gerard Louis Dreyfuss. La famiglia Dreyfuss vale circa 3 miliardi di dollari.

Bunge & Born

È il più grande esportatore di grano brasiliano, così come un grande esportatore dall’Argentina e dagli Stati Uniti. Bunge gestisce 50 elevatori di grano negli Stati Uniti e ha un gigantesco elevatore per l’esportazione di grano a Quebec City.

Nel 1750, ad Amsterdam, la famiglia Bunge aveva iniziato a commerciare pelli, spezie e gomma dalle colonie olandesi d’oltremare. Nel 1850, Charles Bunge trasferì gli affari di famiglia ad Anversa, in Belgio. I due figli di Charles stabilirono una dinastia di mercanti a cavallo dell’Oceano Atlantico. Con suo cognato George Born, Ernest fondò la ditta Bunge e Born.

Nel 1897, un commerciante di grano ebreo – Alfred Hirsh – si unì alla ditta a Buenos Aires. Nel 1927, Hirsh divenne presidente di Bunge e Born, mantenendo questa posizione per 30 anni.

Hirsh e altri di Bunge e Born accumularono milioni di acri di terra nella ricca regione della pampa. La portata del dominio di Bunge e Born sull’economia argentina fu rivelata nel 1974, quando i terroristi Montoneros rapirono gli eredi dell’azienda, Jorge e Juan Born, e li tennero per molti mesi.

Durante il periodo di prigionia, i fratelli rivelarono che Bunge e Born non solo dominavano l’agricoltura argentina, ma anche che le aziende Bunge producevano il 40% delle vernici argentine, il 35% delle lattine, il 20% dei tessuti, ecc.

Il presidente argentino Juan Peron ha tentato di sopprimere il potere di Bunge e Born e di altre aziende del cartello del grano in Argentina. Quando Peron divenne presidente per la prima volta nel 1946, si mosse affinché il governo comprasse il grano dal contadino argentino e lo esportasse.

I profitti furono usati per finanziare l’industrializzazione dell’Argentina. Nel 1948 fondò l’Istituto per la Promozione del Commercio (IAPI) per raggiungere questo scopo.

Tuttavia, le compagnie del cartello del grano, indebolite dalle riforme di Peron, lo volevano fuori dal potere. Nel 1955, Peron fu deposto e il sistema IAPI che aveva creato fu sciolto. Quando Peron tornò al potere nel 1973, istituì un Consiglio Nazionale del Grano per lo stesso scopo.

Di nuovo, Peron fu ferocemente contrastato dalle compagnie del cartello del grano. Morì nel 1974 e gli successe la moglie Evita. Nel 1976, Evita Peron fu rovesciata. Il Consiglio Nazionale del Grano fu sciolto e il controllo delle esportazioni di grano e carne fu restituito alle compagnie private del grano.

Nel frattempo, Bunge aveva diversificato una gran parte del suo capitale in Brasile e negli Stati Uniti. Tuttavia, il potere di Bunge e Born è ancora forte in Argentina. Le famiglie Born e Hirsh, che gestiscono oggi Bunge e Born, sono stimate prudentemente in un miliardo di dollari ciascuna.
Andre

È l’esportatore di grano sudafricano numero 1 e il 5° esportatore di grano al mondo.

Fu fondata nel 1877 da George Andre in Svizzera. Importava grano dalla Russia per la pasta. Nel 1937, Frederic Hediger andò negli Stati Uniti e fondò Garnac, usando il denaro di George Andre.

Garnac divenne una filiale della Andre Holding Company. Durante gli anni ’70, dopo che un embargo era stato posto sulle attività commerciali di quella che allora era la Rhodesia (ora Zimbabwe), Andre aiutò a vendere il grano della Rhodesia sui mercati mondiali attraverso canali illegali. Dopo la morte di Andre, nel 1942, i suoi tre figli ereditarono l’azienda. Si stima prudentemente che la famiglia Andre valga più di 2 miliardi di dollari.
Archer Daniels Midland/Topfer

È il 6° esportatore mondiale di grano, con il 9% del mercato. È anche il numero 1 dei frantumatori di soia degli Stati Uniti, con una stima del 40% del mercato. È anche il numero 1 dei produttori di etanolo, il numero 2 dei mugnai statunitensi di farina, e altro ancora. ADM/Topfer produce abbastanza farina per cuocere 16 miliardi di pagnotte e abbastanza farina di soia per nutrire 14 miliardi di polli da carne – il doppio dei polli prodotti negli Stati Uniti.

Nel 1878, Jon Daniels iniziò a frantumare i semi di lino per produrre olio di lino e nel 1920 formò la Daniels Linseed Company. George Archer, un altro esperto schiacciatore di semi di lino, si unì all’azienda nel 1903. Nel 1923, l’azienda comprò la Midlands Products e adottò il nome Archer Daniels Midland (ADM).

ADM acquistò una quota del 50% di Topfer International, una delle più potenti società di secondo livello del cartello del grano. Questo acquisto funziona anche nell’altro senso, con la più vecchia Topfer Company di Amburgo, con ampie radici in Europa, che esercita un’influenza su ADM.

La Topfer Co ha una posizione azionaria di oltre il 70% in due aziende francesi – Compagnie Europeene des Cereales e G. Muller. Le rimanenti azioni di queste società sono detenute dal gruppo Rothschild in Francia. Queste due società francesi possiedono 10 grandi elevatori di grano in Francia e Germania.

Il capo di ADM negli anni ’80 era Andreas, che contribuiva regolarmente tra i 50.000 e i 100.000 dollari all’anno alla Anti-Defamation League del B’nai B’rith, legata al crimine organizzato.

ConAgra

È il numero 1 dei mugnai statunitensi, il numero 1 della macellazione di pecore negli Stati Uniti, il numero 2 della macellazione di carne bovina e suina negli Stati Uniti, tra le altre cose.

Conagra è stata fondata in Nebraska nel 1919 come Consolidated Mills, un trasformatore di grano (il nome fu cambiato in ConAgra nel 1971). Nel 1982, ConaGra comprò la Peavey Company, insieme ai suoi confederati di Minneapolis, le famiglie Pillsbury e Washburn dominavano la macinazione della farina americana.

Questo rese immediatamente ConaGra il più grande mugnaio d’America. Questo fu seguito da una serie di acquisti nell’industria dell’imballaggio della carne.
IBP

È il macellatore di carne bovina e suina numero 1 negli Stati Uniti. IBP è il più grande macellaio del mondo e rappresenta il 14% del totale degli Stati Uniti. Il Giappone, che consuma la metà di tutte le esportazioni di carne degli Stati Uniti, è un mercato importante per IBP.

È stata costituita nel 1960 da A. Anderson e C. Holman, come Iowa Beef Processors. IBP guadagna denaro facendo abbassare i salari della sua forza lavoro e il prezzo della carne di manzo pagata agli agricoltori.
Nestle

È l’azienda alimentare numero 1 al mondo, il numero 1 al mondo nel commercio di latte secco in polvere, latte condensato, venditore di cioccolato e prodotti dolciari, e il numero 1 nel commercio di acqua minerale, e il numero 3 negli Stati Uniti per il caffè. Nestle ha 500 stabilimenti di produzione in 6 continenti.

Nel 1866 a Cham, in Svizzera, Charles Page fondò la Anglo-Swiss Condensed Milk Co. Nel 1867, nella vicina Vevey, Henri Nestle fondò la Farine Lactee Henri Nestle. Nel 1905, Nestle e la Anglo-Swiss Condensed Milk Company si fusero.

Nel 1922, un banchiere, Louis Dapples, assunse la gestione dell’azienda e alla fine divenne presidente di Nestle. Nei successivi 90 anni, Nestle ha fatto un’acquisizione dopo l’altra, specialmente negli ultimi due decenni. Controlla l’esportazione di latte in polvere nei paesi in via di sviluppo.

Nestle possiede anche i prodotti per gli occhi Alcon, e il 26% di L’Oreal, la più grande azienda di shampoo e cosmetici del mondo. È controllata dal gruppo Rothschild.

Il suo consiglio di amministrazione serve come casa di riposo per i capi delle banche centrali (quelle banche centrali che sono sotto la proprietà di Rothschild, come le banche centrali dei paesi europei, e la BIS).
Unilever

È il primo produttore mondiale di gelati e margarina, uno dei primi cinque esportatori mondiali di latte secco in polvere, il primo venditore europeo di tè, il secondo produttore mondiale di saponi e detergenti, uno dei primi cinque produttori mondiali di olio di palma e uno dei maggiori produttori mondiali di olio d’oliva.

Nel 1885, l’inglese William Lever e suo fratello formarono la Lever Brothers. Produce i saponi Lifebuoy, Lux, Rinso e Sunlight. Nei Paesi Bassi, i produttori di burro rivali, Jurgens e Van den Burgh sono stati pionieri nella produzione di margarina.

Nel 1927, crearono la Margarine Union, un cartello che possedeva il mercato europeo. Nel 1930, la Margarine Union e Lever Brothers si fusero, formando Unilever.

Sia Unilever che Royal Dutch Shell sono entità aziendali che esprimono gli interessi congiunti delle monarchie anglo-olandesi e del gruppo Rothschild.
Philip Morris

È l’azienda alimentare numero 2 al mondo, la numero 1 negli Stati Uniti.

Nel 1847, Philip Morris apre un negozio di tabacco a Londra, e nel 1854 produce le sue sigarette. Nel 1919, il finanziere americano George Whelan acquistò i diritti per commercializzare le marche di Philip Morris come Marlboro.

Dieci anni dopo, il successore di Whelan iniziò a produrre le sigarette a Richmond, Virginia. Nel 1985, Philip Morris ha acquistato General Foods; nel 1988, ha acquisito Kraft Foods. Philip Morris è uno dei più grandi contrabbandieri di sigarette nel mondo, sia per la vendita che come baratto per altre merci illegali. È anche uno dei più grandi commercianti di marijuana del mondo.


Principali aziende alimentari statunitensi

È stato estremamente difficile raccogliere informazioni sulle aziende del cartello del grano, poiché sono di proprietà privata. E’ stato più facile raccogliere informazioni sulle aziende statunitensi, dato che la maggior parte di esse sono aziende pubbliche.

Ecco una lista delle altre grandi compagnie alimentari. La maggior parte di queste sono nell’orbita Rockefeller. Questi includono Coca Cola, Pepsico, Mars, Walmart (agisce come entità di distribuzione). Questo è solo per citarne alcune.

Qui sotto c’è una lista parziale di alcune delle più grandi aziende alimentari del mondo. Le aziende di grano sono escluse.

Mondolez, Nestle, Associated Biscuits e Unilever sono entità controllate dai Rothschild. Pepsico, Coca Cola, Mars, Kellogg’s , Phillip Morris, Kraft Foods, General Milling, Grand Metropolitan-Pillsbury e RJR-Nabisco fanno parte del gruppo Rockefeller.

Le principali compagnie alcoliche sono tutte all’interno del blocco Rothschild, come SAB Miller, così come i gruppi, come vino, champagne, whisky, scotch, ecc. La maggior parte di queste marche premium hanno sede in Scozia e in Francia.
Concentrazione in quattro gruppi alimentari

I cereali e i prodotti del grano, il latte e i latticini, gli oli e i grassi commestibili e la carne forniscono la maggior parte dell’apporto di calorie, così come le proteine e le vitamine che mantengono in vita la specie umana. Il grano e i prodotti del grano possono essere consumati come mangime per gli animali e direttamente per il consumo umano, a volte in forma di grano, ma spesso in forma macinata, come nel pane, nei rotis e nelle tortillas.

Le sei grandi aziende leader del cartello del grano sono Cargill (New York), Continental (New York), Louis Dreyfus (Parigi), Bunge e Born (Brasile e Paesi Bassi), Andre (Svizzera) e Archer Daniels Midland/Topfer (USA e Germania). Le prime cinque di queste società sono di proprietà privata e gestite da famiglie miliardarie. Non emettono azioni pubbliche, né rapporti annuali.

Sono più segrete di qualsiasi compagnia petrolifera, banca o agenzia governativa di intelligence.

Solo due di queste compagnie, Cargill e Continental, controllano il 45-50% del commercio mondiale di grano.

Mercati nazionali

Il cartello esercita un pugno di ferro sulle economie agricole interne delle nazioni, specialmente quelle che comprendono le quattro regioni fonte di esportazione del cartello alimentare. Questo viene esercitato attraverso le industrie di trasformazione: Se si controllano le industrie di trasformazione, si controlla il commercio interno.

Tranne che per l’uso come mangime, il mais, il grano e la soia non possono essere mangiati nella loro forma non raffinata. Il grano o la soia devono essere lavorati. Lo stesso vale per la carne, che deve essere macellata e tagliata, prima di essere adatta al consumo umano.

È qui che entrano in gioco le industrie di trasformazione/macinazione, nel caso dei cereali e della soia, e le case di imballaggio/macellazione, nel caso della carne. Prendendo l’America come caso di prova, per rendere il caso in generale, si può vedere che il dominio del cartello è circa il 90% della capacità di macinazione.

Nel 1979, i primi quattro mugnai controllavano il 41% dell’industria. Oggi controllano il 92%!

Infine, quattro delle sei aziende leader del cartello del grano possiedono il 64% della capacità di stoccaggio dei cereali in America. Tuttavia, questa cifra è ingannevole. Molti degli elevatori di grano sono in aree locali, dove c’è un grado sostanziale di proprietà individuale o cooperativa.

Quando si arriva agli elevatori di grano regionali, la percentuale di proprietà del cartello del grano è molto più alta. E nei porti, dove il grano viene trasbordato, gli stessi quattro cartelli del grano possiedono l’89% di tutte le strutture del grano. Un contadino deve vendere il suo grano o a un elevatore di grano o, nel caso più raro in cui può permettersi il trasporto, a un mugnaio di grano.

In entrambi i casi, è la Compagnia del Cartello del grano a cui deve vendere. Con questo processo, il cartello del grano fissa il prezzo al contadino – ai livelli più bassi possibili.

Molto del loro funzionamento è avvolto nel mistero, perché rilasciano poche informazioni al pubblico. Le persone che hanno tentato di scrivere libri sulle compagnie del grano hanno passato anni senza ottenere una sola intervista da nessuna delle famiglie regnanti.

A differenza di molte aziende americane, dove la famiglia fondatrice è uscita di scena da tempo, come nel caso della banca Morgan o della Chrysler Corp. le aziende del cartello del grano sono gestite dalle stesse famiglie che le hanno dirette per secoli. Le famiglie consanguinee MacMillan e Cargill gestiscono Cargill; la famiglia Friburgo gestisce Continental; la famiglia Louis Dreyfus gestisce Louis Dreyfus; la famiglia André gestisce André; e le famiglie Hirsch e Born gestiscono Bunge e Born.

Mentre evade le tasse e le ispezioni, Cargill usa anche la sua rete per spostare grandi spedizioni di merci ovunque nel mondo, con un preavviso di un secondo. Ha un servizio di intelligence interno che eguaglia quello della CIA: Utilizza satelliti di comunicazione globale, satelliti per il rilevamento del tempo, un database che utilizza 7.000 fonti primarie di intelligence, diverse centinaia di uffici sul campo, ecc.

Cargill è rappresentativa di tutte le compagnie di grano, e un breve esame di essa dà un’idea di tutte le altre. Cargill, che ha avuto 101 miliardi di dollari di vendite annuali nel 2014, ha una posizione dominante in molti aspetti del commercio alimentare mondiale. È l’esportatore di grano numero uno al mondo e negli Stati Uniti, e ha una quota di mercato del 25-30% in ciascuna delle diverse materie prime.

É il numero uno al mondo nel commercio del cotone; il numero uno negli Stati Uniti dei proprietari di elevatori di grano (340); il numero uno negli Stati Uniti nella produzione di mangimi per animali ad alto contenuto proteico a base di mais (attraverso la filiale Nutrena Mills); il numero due negli Stati Uniti nella macinazione del mais umido e nella frantumazione della soia.

Il numero due dei mugnai di grano argentino (10% del mercato); il numero tre dei mugnai di farina degli Stati Uniti (18% del mercato), l’imballatore di carne degli Stati Uniti (18% del mercato), l’imballatore/ macellatore di maiale degli Stati Uniti e l’alimentatore di animali commerciali degli Stati Uniti; il numero tre degli esportatori di grano francesi (15-18% del mercato); e il numero sei dei produttori di tacchino degli Stati Uniti.

Possiede anche una flotta di 420 chiatte, 11 rimorchiatori, 2 enormi navi che navigano sui Grandi Laghi, 12 navi oceaniche, 2.000 tramogge ferroviarie e 2.000 vagoni cisterna. Cargill è stata in grado di piazzare il suo personale nei posti più importanti di tutto il mondo. Oggi, la Cargill Company è di proprietà privata ed è gestita dalla famiglia MacMillan. La ricchezza collettiva della famiglia MacMillan è di 15,1 miliardi di dollari.

Il cartello alimentare continua a consolidare il suo controllo mondiale di fronte all’imminente disintegrazione finanziaria. Negli ultimi 30 anni, il cartello alimentare ha comprato molti impianti di macinazione-trasformazione e panetterie in tutta l’ex Unione Sovietica e il blocco orientale, portando queste nazioni sotto uno stretto controllo alimentare.

Il cartello alimentare ha anche costruito il suo controllo, nelle industrie di distribuzione alimentare, attraverso combinazioni come Philip Morris, Grand Metropolitan-Pillsbury, e KKR-RJR-Nabisco-Borden; cioè Philip Morris, che possiede Kraft Foods, General Foods (cereali Post), la Miller Brewing Company, e una serie di altre marche.

Il potere del cartello alimentare deve essere spezzato. Ma il cartello anglo-olandese-svizzero-americano sta giocando per un’alta posta in gioco: la capacità di limitare la fornitura di materie prime e, soprattutto, di cibo, di riportare indietro l’orologio della storia e di ridurre l’umanità dai 7 miliardi di abitanti di cui gode attualmente allo stato di poche centinaia di milioni di anime semianalfabete che grattano via la propria esistenza. Questo assalto non può essere combattuto timidamente.

La piena verità sul cartello alimentare deve essere conosciuta.

Oltre all’iper-speculazione nel cibo e nelle materie prime correlate che deve essere fermata con urgenza, c’è una caratteristica correlata della crisi alimentare da eliminare: l’ormai estrema globalizzazione della catena alimentare.

Questo è avvenuto sotto il controllo di pochi cartelli selezionati di materie prime e logistica, che operano al di sopra e contro i governi nazionali e gli interessi delle loro popolazioni. Le nazioni sono state costrette a dipendere dal cibo proveniente da centinaia e migliaia di chilometri di distanza; ora non è più disponibile.

Il genocidio è un intento di questo sistema, non un effetto collaterale.

I governi e i finanzieri di oggi, in particolare il presidente della Federal Reserve, è noto per dire che l’attuale picco dei prezzi del cibo e le crescenti carenze sono semplicemente il risultato di “un aumento della domanda”, cioè delle “forze di mercato”.

Stanno mentendo maliziosamente.

Quali “mercati”? Il modo in cui funziona è che le attività e le pratiche di queste società di cartello sono ciò che si intende quando si citano “i mercati”.

Le compagnie sono, in effetti, l’ala degli interessi finanziari che si occupano di prodotti duri; meglio chiamato l’impero neo-britannico, e dalla fine degli anni ’40, affiancato dalla fazione americana.

Come funziona

Dominano l’esportazione e l’importazione di prodotti alimentari di base: grano, soia, mais, riso, zucchero, prodotti caseari tropicali, ecc.

Intervengono per determinare dove vengono coltivate le colture, cosa che chiamano “export sourcing” e sviluppo della “catena del valore”.

Si impegnano, e spesso istituiscono, la speculazione nelle borse delle materie prime.

Dominano la ricerca e la genetica globale sulle colture e sul bestiame con diritti illeciti di brevetto/proprietà intellettuale, sui semi, sulle razze e anche sulle procedure biotecnologiche.

Dominano i fertilizzanti e altri prodotti agrochimici: sviluppo, prezzi e disponibilità.

Dominano la trasformazione degli alimenti. Posizionano le loro operazioni per controllare la vendita al dettaglio, la distribuzione finale del cibo, e dettano prezzi e standard ai fornitori.

Un contadino che non vende la sua carne al prezzo depresso offerto da queste cinque compagnie, morirà di fame.

Non c’è quasi nessuno a cui vendere! E, naturalmente, frustrano qualsiasi tentativo di autosufficienza alimentare nazionale.

Se questo suona come un replay della Compagnia Britannica delle Indie Orientali che dettava i termini e il commercio di riso, indaco, cotone, tè, oppio e altre materie prime del loro tempo, dovrebbe. Oltre al gigantesco profitto, il risultato delle pratiche di cartello di oggi è il genocidio. In ogni continente, la produttività potenziale del cibo, attraverso i miglioramenti nazionali dell’acqua, dell’energia e dell’agro-industria è stata deliberatamente sovvertita, fino al punto in cui ora c’è la fame e l’inedia di massa.

I dettagli mortali

Quanto segue riassume alcuni degli aspetti del grado di controllo e di rovina dell’odierna situazione alimentare mondiale da parte di questi cartelli delle materie prime. Guardate il controllo dei cartelli alimentari su ognuno dei quattro gruppi alimentari dominanti.
cereali

Su un totale di 2.300 milioni di tonnellate di cereali prodotti in tutto il mondo, circa 400 milioni di tonnellate sono commercializzate, di cui circa l’80% è dominato da pochissime aziende, principalmente Cargill Inc., ADM, Bunge e Louis Dreyfus.

Molte di queste stesse aziende dominano la lavorazione del mais e sono anche pesantemente coinvolte nei biocarburanti Negli Stati Uniti, il più grande coltivatore di mais del mondo, quasi il 40% della produzione è ora per l’etanolo, piuttosto che per la catena alimentare. Questa è la politica di New York e Londra.

I grani, o cereali come vengono spesso chiamati, consistono in grano; grani grossolani, tra cui mais, orzo, avena, sorgo e segale; e riso.

Il Canada e l’Australia insieme sono la terza regione esportatrice di cereali al mondo, dopo l’America e l’Europa. Anche se hanno la loro immagine interna unica, con un’influenza politica minima da parte degli agricoltori, entrambi sono nazioni del Commonwealth britannico Elisabetta II, sotto il controllo della regina.

In sintesi, il cartello alimentare anglo-olandese-svizzero-americano domina l’80-90% del commercio mondiale del grano. In realtà, però, il controllo è molto più grande della somma delle sue parti: le sei grandi compagnie di grano sono organizzate come un cartello che muove il grano avanti e indietro da qualsiasi nazione esportatrice maggiore o minore.

Cargill, Continental, Louis Dreyfus et al. possiedono flotte marittime globali e hanno stabilito relazioni di vendita, mercati finanziari e borse merci (come la Baltic Mercantile and Shipping Exchange con sede a Londra) su cui il grano viene scambiato, il che completa il loro dominio.

Nessun’altra forza nel mondo, compresi i governi, è così ben organizzata come il cartello, quindi il potere di Londra in questo settore rimane incontrastato. I guadagni e i profitti sono aumentati del 20% negli ultimi anni per tutte queste aziende, mentre la penuria e la fame peggiorano.

Mangimi e sementi

Il cartello controlla anche i mangimi per animali e le sementi per la semina. La BP, attraverso la sua divisione Nutrition, è il più grande produttore di mangimi in Europa. Avendo comprato Purina Mills, la BP è ora il secondo più grande produttore di mangimi in America. Cargill, attraverso la sua divisione Nutrena feed, è anche il più grande produttore di sementi per animali e sementi ibride nel mondo, mentre Continental Grain, attraverso la sua divisione Wayne Feed, è anche un grande produttore di mangimi e produzione di sementi ibride.

C’è uno stretto controllo sulle sementi e sui tratti delle sementi ad alto rendimento. Le prime dieci aziende mondiali di sementi rappresentano oltre il 65% di tutte le vendite mondiali di sementi, – con le prime tre – Monsanto, DuPont e Syngenta – che rappresentano la metà di tutte le vendite di sementi brevettate. Monsanto da sola rappresenta il 60% del mercato del mais e della soia negli Stati Uniti. I suoi ceppi biotecnologici brevettati sono nel 90% della soia americana e nell’80% del mais americano. Gli agricoltori americani hanno visto un aumento del 64% dei prezzi dei semi negli ultimi tre anni, direttamente a questo cartello.

Attraverso la brevettazione abusiva e biotecnologica, un piccolo gruppo di aziende agrochimiche esercita un controllo estremo sulla genetica delle colture, tra cui Monsanto/Bayer, Cargill, Dupont e Syngenta.

Sullo sfondo della paura dilagante di una pandemia globale di coronavirus, un evento è scivolato in gran parte sotto il radar in un punto così lontano dal resto del mondo che la maggior parte non è consapevole della sua esistenza. La Svalbard “Doomsday” Seed Vault sull’isola di Spitsbergen, a nord del Circolo Polare Artico, ha appena ricevuto un altro importante carico di semi di varietà vegetali per il suo stoccaggio speciale. Ciò che rende l’intera impresa della banca dei semi quantomeno sospetta è la lista degli sponsor finanziari dietro il progetto globale.

Il 25 febbraio più di 60.000 nuove varietà di semi sono state messe nel caveau delle Svalbard, il più grande deposito di semi dalla sua apertura. Questo porta il totale dei tipi di semi a più di un milione da quando il caveau è stato aperto per i depositi all’inizio del 2008.

Gli ultimi depositi di semi includono cipolle dal Brasile, fagioli di guar dall’Asia centrale, semi di mais sacri alla nazione Cherokee. Il caveau delle Svalbard si trova sull’isola che è legalmente parte della Norvegia da un trattato del 1925. Il governo norvegese ha messo gran parte del denaro per la costruzione della struttura i cui sostenitori hanno dichiarato che era in grado di resistere all’esplosione di una bomba nucleare. L’unico problema è stato che i progettisti non hanno reso la struttura, costruita sul fianco di una montagna, impermeabile e l’ingresso si è allagato durante le forti piogge del 2016, rendendo necessari 20 milioni di euro di riparazioni e aggiornamenti che sono stati appena completati, circa quattro anni dopo.

In particolare, come il primo ministro norvegese Erna Solberg ha sottolineato durante la recente cerimonia di benvenuto ai semi, il 2020 è l’anno in cui i paesi dovrebbero aver salvaguardato la diversità genetica delle colture per raggiungere l’obiettivo delle Nazioni Unite di “eliminare la fame entro il 2030”. Il 2030 è l’anno in cui l’IPCC dell’ONU prevede un cambiamento climatico catastrofico senza un’azione radicale da parte del mondo, nonché l’anno chiave di riferimento per l’Agenda 2030 maltusiana dell’ONU.

L’argomento dichiarato pubblicamente per il grande progetto della banca dei semi è presumibilmente come un backup sicuro per le numerose collezioni nazionali di banche dei semi nel caso in cui siano distrutte in guerra come in Siria o in Iraq, o da un disastro naturale o altre calamità. Il caveau delle Svalbard è stato chiamato “l’arca di Noè dei semi”, in caso di una “catastrofe globale”, per permettere un teorico riavvio dell’agricoltura mondiale. OK Interessante. Chi deciderebbe come distribuire quei semi in caso di una tale catastrofe non è affrontato.

Ciò che è notevole è la lista di coloro che sostengono questa partnership pubblico-privato altamente insolita.

Crop Trust?

La banca dei semi e l’acquisizione dei semi è gestita da un ente noto come Crop Trust, ufficialmente noto come Global Crop Diversity Trust, ora con sede a Bonn, in Germania. Ha una lista impressionante di sponsor finanziari che chiama il Consiglio dei donatori. Tra i più accattivanti nominano Bayer Crop Science, che ora incorpora Monsanto; DuPont Pioneer Hi-Bred; Syngenta AG, ora di proprietà di ChemChina. Questi sono i più grandi fornitori al mondo di semi brevettati OGM e i prodotti agrochimici accoppiati come il Roundup con glifosato. La cinese Syngenta, ora di proprietà statale, è il più grande fornitore al mondo di prodotti chimici per le colture.

Inoltre, i donatori di Crop Trust includono la Fondazione Bill e Melinda Gates, il principale donatore per avviare il Trust nel 2004 con la FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura e il CGIAR, che agisce attraverso Bioversity International.

La Fondazione Gates è affiancata al Crop Trust dalla Fondazione Rockefeller, coloro che per primi hanno finanziato la creazione di biotecnologie OGM a partire dagli anni ’70 presso il loro International Rice Research Institute, dove hanno speso milioni nel tentativo di sviluppare il colossale fallimento chiamato Golden Rice potenziato dalla vitamina A.

Il CGIAR, creato nel 1972 dalla Fondazione Rockefeller e dalla Fondazione Ford per diffondere il loro modello di agribusiness della Rivoluzione Verde, controlla la maggior parte delle banche dei semi private dalle Filippine alla Siria al Kenya. In tutto, queste banche del seme attuali detengono più di sei milioni e mezzo di varietà di semi, quasi due milioni dei quali sono “distinti”. La Doomsday Vault delle Svalbard ha la capacità di ospitare quattro milioni e mezzo di semi diversi.

Doomsday Vault delle Svalbard

Al momento dell’apertura della Svalbard Doomsday Seed Vault nel 2008, il presidente del Crop Trust era la canadese Margaret Catley-Carlson. Catley-Carlson è stata anche presidente fino al 1999 del Population Council di New York, l’organizzazione per la riduzione della popolazione di John D. Rockefeller III, creata nel 1952 per portare avanti il programma eugenetico della famiglia Rockefeller sotto la copertura di promuovere la “pianificazione familiare”, dispositivi di controllo delle nascite, sterilizzazione e “controllo della popolazione” nei paesi in via di sviluppo. Catley-Carlson ha anche fatto parte del consiglio della Fondazione Syngenta.

Consiglio per la depopolazione

Essere presidente del Population Council, fondato da Rockefeller, non è un affare da poco. Negli anni ’90 l’Organizzazione Mondiale della Sanità dell’ONU ha lanciato una campagna per vaccinare milioni di donne in Nicaragua, Messico e Filippine tra i 15 e i 45 anni, presumibilmente contro il tetano, una malattia che deriva da cose come calpestare un chiodo arrugginito. Il vaccino non è stato dato agli uomini o ai ragazzi, nonostante il fatto che essi sono presumibilmente altrettanto suscettibili di calpestare chiodi arrugginiti quanto le donne.

A causa di questa curiosa anomalia, il Comité Pro Vida de Mexico, un’organizzazione laica cattolica romana, si insospettì e fece analizzare dei campioni di vaccino. I test rivelarono che il vaccino contro il tetano diffuso dall’OMS – solo alle donne in età fertile – conteneva la gonadotropina corionica umana o hCG, un ormone naturale che, combinato con un portatore di tossoide tetanico, stimolava gli anticorpi rendendo la donna incapace di mantenere una gravidanza. Nessuna delle donne vaccinate fu informata.

Più tardi si scoprì che la Fondazione Rockefeller insieme al Population Council dei Rockefeller, la Banca Mondiale (sede del CGIAR), e i National Institutes of Health degli Stati Uniti erano stati coinvolti in un progetto ventennale iniziato nel 1972 per sviluppare il vaccino per l’aborto occulto con un vettore del tetano per l’OMS. Inoltre, il governo della Norvegia, che ospita il Doomsday Seed Vault delle Svalbard, ha donato 41 milioni di dollari per sviluppare lo speciale vaccino abortivo contro il tetano.

È solo una coincidenza che la stessa Fondazione Gates sostenga l’organizzazione responsabile del mantenimento della Svalbard Doomsday Seed Vault nello stesso momento in cui Gates sta emergendo come una grande autorità sul pericolo dell’epidemia di coronavirus di Wuhan? In un articolo che ha scritto per il New England Journal of Medicine, Gates ha dichiarato che il COVID19 designato “ha iniziato a comportarsi molto come l’agente patogeno una volta nel secolo di cui ci siamo preoccupati”.

Un caveau di semi virtualmente inaccessibile sotto il controllo di alcuni dei principali sostenitori mondiali dell’eugenetica e della riduzione della popolazione è decisamente notevole. Con più di un milione dell’insostituibile patrimonio di semi del mondo rinchiuso nella Svalbard Seed Vault, potrebbe essere un modo per i giganti dell’agribusiness OGM come Bayer-Monsanto o Syngenta di accedere illegalmente a quei semi in un momento di crisi globale? Suona molto inverosimile, ma ci sono cose inverosimili nel nostro mondo. Potremmo dire: “Chi controlla i semi delle colture del mondo, controlla il mondo”.

Carni

Pochissime mega imprese dominano ormai grandi quote della macellazione della carne, sia per l’esportazione che per la vendita interna, in tutto il mondo. Quattro mega imprese rappresentano la maggior parte del confezionamento della carne negli Stati Uniti: JBS, Tyson, Smithfield e Cargill. I cartelli delle quattro grandi regioni d’esportazione (USA, UE, Nuova Zelanda, Australia e Canada, così come Argentina e Brasile) esercitano un enorme dominio sulle esportazioni di carne. Le regioni di base dell’esportazione alimentare del cartello comandano il 92% del commercio mondiale di carne di maiale e il 93% del commercio mondiale di pollame. L’esportazione di maiale e pollame in Cina e Taiwan è sempre più gestita dal cartello alimentare.
Latticini – Latte e prodotti lattiero-caseari

I nomi principali del cartello mondiale dei latticini: Nestle, Dean Foods (USA), Danone (Francia), Fonterra (Nuova Zelanda), Unilever (UK), Kraft (USA), e Lactalis (Francia).

I grandi esportatori di latte e prodotti lattiero-caseari sono tre delle quattro regioni di esportazione di base dei cartelli: Stati Uniti, Svizzera, Nuova Zelanda e Australia. Nel 2018, il dominio dei cartelli sui prodotti lattiero-caseari è stato sorprendente; queste regioni controllavano l’89% delle esportazioni mondiali di latte intero in polvere, il 94% del commercio mondiale di burro e l’86% del commercio mondiale di formaggio.

Controllavano anche un’enorme porzione dell’esportazione di latte condensato. Il caso del latte intero in polvere esemplifica il processo di controllo del cartello. Il latte di solito non viene esportato in forma liquida, tranne che per brevi distanze attraverso le frontiere vicine; di solito viene esportato o come latte intero o come latte scremato in polvere, o come latte condensato. Quando viene esportato come latte intero in polvere, viene ricostituito alla consegna, di solito nel rapporto di 10 parti di acqua per 1 parte di latte intero in polvere. Dell’esportazione mondiale di 2 miliardi di tonnellate di latte intero in polvere nel 2014, il mondo in via di sviluppo ha importato l’82% del totale.

Il cartello dei latticini è emblematico del modello di globalizzazione di ciò che dovrebbe essere l’agricoltura e la lavorazione degli alimenti al servizio della nazione e della regione, poiché il latte è un prodotto deperibile e i gusti per gli alimenti trasformati variano a livello locale. Ciononostante, poche mega-aziende ora dominano i prodotti lattiero-caseari a livello internazionale: Nestle, Danone (Francia) Dean Foods (USA), Kraft Foods (USA), Unilever (UK) e Fonterra (Nuova Zelanda). Lactalis opera in 150 paesi. Fonterra rappresenta il 30% delle esportazioni mondiali di latte.

La produzione mondiale di latte per il 2019 dovrebbe rimanere ai livelli del 2018, circa 900 milioni di tonnellate, mentre è necessaria una rapida crescita.

Nestle e Borden Inc (Ohio), sono i due maggiori esportatori di latte intero in polvere nel mondo. Fondata nel 1867, Nestle è cresciuta significativamente nel 1905, quando si è fusa con la Anglo-Swiss Condensed Milk Co, anch’essa con sede in Svizzera. Nestle illustra la portata globale del cartello alimentare: è il numero 1 dei venditori di cioccolatini. Possiede anche il 26% della più grande azienda cosmetica del mondo, L’Oreal. Nel complesso, è la più grande azienda alimentare del mondo. Il suo consiglio di amministrazione serve come casa di riposo per i banchieri centrali del mondo – principalmente quelli controllati dai Rothschild.

Borden (un’azienda controllata dai Rockefeller) è il secondo maggior produttore di latte in polvere, attraverso la sua divisione KLIM. È anche uno dei maggiori produttori mondiali di latte condensato. Nel 1995, Borden è stata acquistata dalla società di buy-out Kohlberg, Kravis Roberts-KKR. Come risultato della fusione del 1988 di RJ Reynolds e Nabisco, KKR ora possiede e controlla il 33% di RJR Nabisco, che produce nove delle prime dieci marche di biscotti e cracker venduti in America. KKR possiede anche una grande quota di Beatrice Foods, un conglomerato, che fa di KKR una delle prime 5 aziende alimentari del mondo.

A completare il quadro del controllo mondiale del latte intero in polvere c’è Unilever, un grande attore in questo settore e il primo produttore mondiale di gelato e margarina. Tipico del controllo congiunto dell’oligarchia anglo-olandese sulle materie prime, Unilever, che è il risultato di una fusione del 1930 tra un’azienda britannica e una olandese. Unilever è un esempio di come le diverse entità aziendali operano come parte di un unico sindacato interconnesso.

Olio e grassi commestibili

Gli Stati Uniti, l’Unione Europea, il Brasile e l’Argentina dominano completamente il mercato delle esportazioni di soia e dei suoi derivati, la fonte più importante di oli e grassi commestibili. Queste quattro zone dominano il 90% del commercio internazionale di soia. Le stesse sei imprese che dominano il commercio internazionale di grano dominano anche il commercio internazionale di soia e derivati. Un’altra società membro del cartello che è influente nel commercio della soia, e che è più piccola delle sei società principali, è la S. I. Joseph Co di Minneapolis. Burton Joseph, presidente di questa società, è legato a Londra, ed è stato un ex presidente della Anti-Defamation League of B’nai B’rith.


Colture speciali

La produzione e la spedizione di un’intera gamma di frutta, verdura, noci e altre colture speciali di tutti i tipi, sono sempre più organizzate da reti di merci associate ai cartelli in quelle che chiamano “catene di valore” per il saccheggio. Ciò è esemplificato dalle verdure di colture temperate (cipolle, peperoni, ecc.), che vanno dall’Africa all’Europa, lo stesso dall’America centrale e meridionale agli Stati Uniti, e così via. Nel 1990, l’Egitto esportava 60.000 cipolle; nel 2015, erano 300.000.

Per altre colture più specializzate – noci, spezie – il grado di controllo è anche drammatico. Olam, fondata nel 1989 e ora con sede a Singapore e Londra, è il più grande “supply chain manager” del mondo per semi di sesamo, anacardi e semi di cacao. Olam ha anche comprato il più grande trasformatore di arachidi del mondo, Universal Blanchers negli Stati Uniti, nel suo tentativo di dominare le forniture globali di arachidi.

Molti aiuti sono stati inviati ad Haiti quando ha subito un disastroso terremoto qualche anno fa. Gli eventi di Haiti mostrano l’impatto delle “catene di valore” pubbliche/private imposte come un beneficio ai contadini poveri. Una joint venture con Coca Cola, finanziata da USAID – un progetto di mango per l’esportazione – è iniziata nell’ottobre 2012. Quella stessa settimana è scoppiato il colera. Questo è l’intento della globalizzazione.

L’impatto combinato di tutto questo, si vede oggi nel fatto che la produzione mondiale di cereali di base – riso, grano e mais – è alla metà del volume necessario per livelli decenti di consumo diretto e indiretto (attraverso la catena di alimentazione del bestiame); frutta, verdura e colture oleose allo stesso modo. Allo stesso tempo, vaste aree di terreno agricolo stanno soffrendo l’esaurimento dei loro suoli e delle risorse idriche di base. Niente di tutto questo è “naturale”. È il risultato di permettere la continuazione della politica agricola de facto della British East India Co.

Un’immagine istantanea dell’agricoltura mondiale mostra un rapido peggioramento della perdita di capacità agricola e un aumento della scarsità di cibo. Questo non è il risultato di politiche fallimentari o di “natura avversa”, ma è, di fatto, un successo politico per le 2 famiglie. Più di un miliardo di persone soffrono la fame. La capacità e la produzione agricola stanno diminuendo.

Le piantagioni prospettiche del 2019 e il raccolto previsto sono molto al di sotto del fabbisogno, eppure sono in corso progetti che si sanno in anticipo per peggiorare la situazione, ad esempio, il 40% del raccolto di mais degli Stati Uniti è destinato ai biocarburanti; si stanno diffondendo le neo-piantagioni internazionali, solo per l’esportazione. Nel frattempo, i progetti di approvvigionamento idrico disperatamente necessari e le relative infrastrutture sono bloccati.

Perché? Perché la scarsità e la disgregazione nazionale sono gli obiettivi degli ultimi 50 anni di globalizzazione dell’agricoltura. La crisi di oggi segna il successo dell’imposizione di politiche deliberate contro gli stati nazionali, politiche che hanno cancellato le condizioni più basilari per la sopravvivenza nazionale: l’autosufficienza alimentare.

I meccanismi di questa sovversione sono familiari: WTO, “libero scambio” e “approvvigionamento globale” dei cartelli di megacommodity alimentari; le bufale sul cambiamento climatico, l’ambiente e la conseguente domanda di biocarburanti; e l’estensione dei cosiddetti diritti di proprietà intellettuale al controllo privato dei brevetti sui semi alimentari e sulle stesse tecnologie di miglioramento.

A dominare e far rispettare questi modelli è un intreccio di cartelli di merci di mega-imprese di fertilizzanti, agro-chimici, sementi, lavorazione e distribuzione, integrati nella politica con l’OMC, la Banca Mondiale, il FMI, e le reti finanziarie centrate su Wall Street e Londra.
Un’agenda di spopolamento

Dietro tutto questo ci sono gli interessi finanziari delle 2 famiglie, che sostengono la distruzione delle economie nazionali e lo spopolamento. Rompete con queste politiche, distruggete il loro controllo, e tutti potranno essere nutriti. Continuate con queste politiche e un olocausto biologico è assicurato. Non c’è spazio a questo punto per appelli “carini” per “sconfiggere la fame entro il 2030”, o per intrallazzi per produrre cibo ai margini del mondo del WTO.

Quella che segue è un’istantanea della portata della crisi attuale. La stima approssimativa è che per l’attuale popolazione di 7 miliardi, circa 4 miliardi di tonnellate di produzione annuale di grano sono necessarie per una dieta adeguata, sotto forma di consumo diretto di cereali, per le proteine animali e per le riserve.

Ancora peggio della sottoproduzione di cereali in sé, sempre più grano e semi oleosi del mondo sono destinati ai biocarburanti. Negli Stati Uniti, che da soli rappresentano il 40% della produzione di mais, il 34% dell’intero raccolto di mais del 2019 è andato per l’etanolo combustibile! Quest’anno sta correndo allo stesso ritmo.

Questo è cibo fuori dalla bocca della gente. Per semplice matematica, più di 500 milioni di persone avrebbero potuto essere sfamate per un anno dal flusso del 2019 di 137 milioni di tonnellate di mais statunitense che è andato in etanolo.

L’imposizione del sistema dei biocarburanti sta minando la capacità della cintura agricola statunitense, e l’agricoltura ovunque. Nella tradizionale cintura del mais degli Stati Uniti ora, invece di agricoltori ad alta tecnologia, città popolose, industria e produzione alimentare regionale, il modello è monocultura, cibo importato, città fantasma e decadenza in tutta la cintura del mais, e in molte altre parti del mondo. Oltre alle colture di grano, la produzione di proteine animali è livellata o in calo su scala mondiale.


Il piano di Kissinger del 1974 per il genocidio del controllo del cibo

Il 10 dicembre 1974, il Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti sotto Henry Kissinger ha completato uno studio classificato di 200 pagine, “National Security Study Memorandum 200: Implications of Worldwide Population Growth for US Security and Overseas Interests.

“Lo studio affermava falsamente che la crescita della popolazione nel terzo mondo era una grave minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Adottato come politica ufficiale nel novembre 1975 dal presidente Ford, NSSM 200 delineava un piano segreto per ridurre la crescita della popolazione in quei paesi attraverso il controllo delle nascite, la guerra e la carestia. Brent Scowcroft, che aveva ormai sostituito Kissinger come consigliere per la sicurezza nazionale, fu incaricato di attuare il piano. Il direttore della CIA George Bush ebbe l’ordine di assistere Scowcroft, così come i segretari della difesa, del tesoro e dell’agricoltura. Il genocidio, attraverso la riduzione della popolazione, divenne ora la politica ufficiale di Washington.

Gli argomenti fasulli che Kissinger ha avanzato non erano originali. La prima fonte fu Thomas Malthus, che scrisse un rapporto nel XVIII secolo sostenendo la riduzione della popolazione. Poi, nel 1944, gli inglesi pubblicarono un rapporto in cui si affermava che la Gran Bretagna era gravemente minacciata dalla crescita della popolazione nelle sue colonie, poiché un “paese popoloso ha vantaggi decisivi rispetto a uno scarsamente popolato per la produzione industriale”. Gli effetti combinati dell’aumento della popolazione e dell’industrializzazione nelle sue colonie “potrebbero essere decisivi per l’Occidente, soprattutto per quanto riguarda la forza militare e la sicurezza economica. “

L’NSSM 200 concludeva analogamente che gli Stati Uniti erano minacciati dalla crescita della popolazione nel Terzo Mondo. Ha prestato particolare attenzione a 13 “paesi chiave” in cui gli Stati Uniti avevano una “speciale minaccia politica e strategica”. Questi paesi sono India, Bangladesh, Pakistan, Indonesia, Thailandia, Filippine, Turchia, Nigeria, Egitto, Etiopia, Messico, Brasile e Colombia. Sosteneva che la crescita della popolazione in questi paesi era particolarmente preoccupante, poiché avrebbe rapidamente aumentato la loro forza politica, economica e militare relativa.

La preoccupazione della rete Rockefeller era che con l’aumento della popolazione di queste nazioni, queste avrebbero ridotto le esportazioni delle loro materie prime, e ne avrebbero utilizzato di più a livello locale per dare impulso alla propria economia, e per sostenere la propria popolazione. Se questo accadesse, questi paesi esportatori sarebbero in grado di “chiedere migliori termini di scambio” con i loro clienti di esportazione; in breve, i prezzi delle materie prime aumenteranno. Questo è l’esatto contrario delle intenzioni di New York.

Per esempio, la Nigeria è già il paese più popoloso del continente, con circa 55 milioni di persone nel 1970. La popolazione della Nigeria entro la fine di questo secolo si prevede che sarà di 135 milioni di persone. Per quanto riguarda il Brasile, lo studio avvertiva che il Brasile dominava chiaramente il continente dal punto di vista demografico e che questo avrebbe comportato “uno status di potenza crescente per il Brasile in America Latina e sulla scena mondiale nei prossimi 25 anni”.

C’erano diverse misure che Kissinger sostenne per affrontare questa presunta minaccia, in particolare il controllo delle nascite e i relativi programmi di riduzione della popolazione. Una seconda misura era la limitazione dei fornitori di cibo agli stati presi di mira, in parte per forzare il rispetto delle politiche di controllo delle nascite.

Kissinger ha aggiunto che l’aiuto alimentare deve essere considerato uno strumento di potere nazionale – “Gli Stati Uniti sono pronti ad accettare il razionamento del cibo per aiutare persone che non vogliono/possono controllare la loro crescita demografica? Ha anche previsto un ritorno alle carestie che potrebbe rendere inutile l’affidamento esclusivo ai programmi di controllo delle nascite. “La rapida crescita della popolazione e il ritardo della produzione alimentare nel Terzo Mondo, insieme al brusco deterioramento della situazione alimentare globale nel 1972/3, hanno sollevato serie preoccupazioni sulla capacità del mondo di nutrirsi adeguatamente nei prossimi 25 anni e oltre.”

La causa di quel futuro deficit alimentare non era naturale, ma era il risultato della politica finanziaria occidentale. “Gli investimenti di capitale per l’agricoltura e le infrastrutture e i requisiti per il miglioramento delle rese agricole possono essere al di là della capacità finanziaria e amministrativa di molti paesi del terzo mondo. Per alcune delle aree sotto la più pesante pressione demografica, c’è poca o nessuna prospettiva di guadagni in valuta estera per coprire le importazioni di cibo in costante aumento”, ha concluso Kissinger.


Raddoppiare la produzione alimentare

Per invertire il collasso dell’approvvigionamento alimentare e dell’agricoltura, le misure di emergenza dell’economia fisica sono semplici. Entro pochi anni, i livelli di produzione potrebbero essere raddoppiati, e poi sempre più costantemente per le generazioni future. Considerate le azioni, sotto i due titoli.

Costruire infrastrutture

In ogni continente, ci sono infrastrutture su larga scala – specialmente acqua, trasporto, energia e strutture di stoccaggio – che devono procedere, per creare l’ambiente per livelli di agricoltura in costante intensificazione. L’esaurimento e la salinizzazione dell’acqua dolce sono ormai oltre il punto di pericolo in quasi tutte le regioni agricole, a causa della mancanza di costruzione e manutenzione delle infrastrutture negli ultimi 50 anni. In molti casi, i piani di dettaglio erano già stati elaborati, ma accantonati durante il periodo di transizione degli anni ’70, in quella che è diventata l’era dell’OMC del lavoro a basso costo e dell’outsourcing sottocosto.

Ci deve essere uno smantellamento anti-trust del controllo delle sementi e dell’agro-chimica da parte del grande cartello Agro-Pharma, il ripristino della ricerca, dell’educazione e degli impianti di produzione nelle nazioni che servono l’interesse pubblico.

I cartelli di oggi non hanno il diritto di detenere il potere sui mezzi di vita. Questo è stato cancellato negli ultimi 4 decenni di GATT e WTO. Così, i progressi della scienza, dell’agricoltura e del bene pubblico sono direttamente associati agli stati nazionali. Tutto questo è cambiato con il passaggio negli anni ’70 alla post-industrializzazione e alla globalizzazione.

Una serie di cambiamenti legislativi nella UIS ha rovesciato il principio permanente contro l’uso del diritto dei brevetti industriali per le sementi alimentari. Questo cambiamento ha permesso l’appropriazione indebita dei semi alimentari geneticamente modificati, dei metodi di bioingegneria e della direzione della ricerca, da parte di una rete finanziaria che opera attraverso le multinazionali agrochimiche e farmaceutiche. Hanno rivendicato i diritti di brevetto, l’applicazione e il controllo a tappeto.

Per tutto il tempo, il consolidamento delle aziende ha concentrato il controllo sulle sementi delle colture di base e sulla bio-tecnologia nelle mani di un cartello di pochissime aziende. I detentori di brevetti sono stati implacabilmente citati in giudizio e hanno rovinato gli agricoltori per le denunce di violazione della licenza d’uso dei semi da un anno all’altro. In Nord America e altrove, Monsanto ha un record di migliaia di cause. Cargill, Monsanto e altri hanno assediato i governi nazionali, nel tentativo di costringerli a costringere i loro agricoltori a conformarsi. In India, ora, una ditta legata alla Monsanto esige i diritti di licenza per la sua okra biotecnologica, indipendentemente dall’opposizione del governo o della popolazione.

Tutto deve essere respinto.

Ripristinare le Nazioni – Uccidere il WTO

Infine, l’intero apparato del globalismo, a partire dal WTO, dovrebbe essere cancellato. Questo include la gamma di reti globaliste, dal FMI, la Banca Mondiale, le banche centrali, fino alle entità emergenti, come il Comitato Intergovernativo delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (IPCC), che tentano di ostacolare lo sviluppo nell’interesse nazionale.

Un elemento centrale dell’era del WTO deve essere individuato per essere eliminato: il decreto che nessuna nazione ha il diritto di cercare l’autosufficienza alimentare, ma deve invece operare sulla definizione di “sicurezza alimentare”, come “accesso ai mercati mondiali”.

Fin dal suo inizio nell’Uruguay Round del GATT (1984-1995), questa affermazione era solo un sofisticato attacco alla sovranità nazionale. Le regole fondanti del WTO hanno razionalizzato la sua affermazione che le nazioni membro non hanno il diritto di sostenere i propri agricoltori, perché ciò significherebbe privare i loro cittadini del diritto superiore di accedere ai mercati mondiali per un cibo potenzialmente più economico e migliore. Dietro questo e altri sofismi c’è la stessa folla di denaro posizionata nei cartelli bancari globali e delle materie prime.

Il record di distruzione è terribile. Guardate il caso del Messico. A partire dagli anni ’60, il Messico era un esportatore netto di cibo, con progetti di gestione dell’acqua, un programma di sviluppo dell’energia nucleare e una base industriale in crescita. Tutto questo è stato minato dall’assalto al libero scambio degli anni ’80, poi dal NAFTA del 1992 e infine dal WTO del 1995. Al Messico è stato ordinato di diventare dipendente dalle importazioni di mais e fagioli, mentre serviva come zona di outsourcing a basso costo per le esportazioni del cartello di cibi congelati e prodotti freschi per il mercato americano. Ora, la fame affligge il Messico. Milioni di persone sono fuggite a nord, in cerca di lavoro. E il traffico di droga e la morte stanno spostando l’agricoltura che rimane.

Questo è il risultato di successo del programma agricolo di libero scambio.

Ci sono due aree principali di azione immediata e necessaria: Ripristinare la sovranità nazionale su valute, commercio, debito, e il diritto di costruire e proteggere tutti gli aspetti dell’economia nazionale, specialmente l’agricoltura e l’approvvigionamento alimentare. In tandem, esercitare il diritto di sovranità contro l’assalto anti-stato-nazione in corso dalle agenzie sovranazionali che vendono la bufala del riscaldamento globale – anche l’IPCC. Un flusso di prove si sta riversando per documentare che l’intera affermazione del riscaldamento globale e del cambiamento climatico è una bufala geopolitica, per favorire la globalizzazione e lo spopolamento.

Nelle prime file di questa falsa mobilitazione dei globalizzatori per la lotta alla fame, c’è la Fondazione Bill e Melinda Gates e soci. Nel 2006, questa fondazione, insieme alla loro Fondazione Rockefeller, aveva già creato l’Alleanza per una rivoluzione verde (AGRA), per promuovere politiche selezionate in nome della lotta alla fame, ma in termini di libero scambio. Questo è stato il messaggio di Gates al Forum di Davos del gennaio 2009. Nel maggio 2009, Bill Gates si è incontrato a New York con Warren Buffet, George Soros e altri, per discutere di un significativo spopolamento del mondo come obiettivo.

La definizione di genocidio è un’azione per sterminare deliberatamente un gruppo di persone.

Questo si applica ugualmente a coloro che ideano e implementano le politiche, così come a coloro che eseguono il sanguinoso massacro con le proprie mani. Con questo metodo, l’umanità ha già raggiunto il punto in cui sta producendo meno di quanto sia necessario per la sua sopravvivenza, e quella delle prossime generazioni. In effetti, siamo sull’orlo del collasso in una Nuova Era Oscura – un genocidio peggiore di quello che l’umanità abbia mai sperimentato prima. Tuttavia, questo orrore può ancora essere fermato, se l’umanità si sveglia!


Rotture della catena di approvvigionamento

Negli ultimi decenni l’organizzazione dell’intera fornitura di cibo dalla fattoria ai consumatori è stata riorganizzata in una distribuzione globale conosciuta come agribusiness. Con la maggior parte del mondo in isolamento, la catena globale di approvvigionamento alimentare è in pericolo di rottura catastrofica. Le conseguenze di ciò renderebbero le morti per Covid di ordini di grandezza inferiori. Eppure, i governi sembrano ignari.

L’imposizione della quarantena di massa e la chiusura delle fabbriche sta ponendo l’attenzione sull’allarmante vulnerabilità di quella che è una catena di approvvigionamento globale a un grave guasto. Da quando l’isolamento è iniziato nel marzo 2020, ha creato enormi interruzioni a quella che era stata una catena di fornitura ben organizzata. Una grande vulnerabilità esiste nelle mastodontiche concentrazioni di agribusiness conosciute come CAFOs o Concentrated Agriculture feeding Organizations.

CAFO a rischio

Anche senza i timori del coronavirus, gli impianti CAFO sono pieni di malattie e tossine. La dimensione delle strutture della compagnia è impressionante. Un impianto della Tyson Foods in Nebraska produce ogni giorno abbastanza carne da sfamare 18 milioni di persone. Tyson, una società, controlla circa il 26% della produzione di carne bovina negli Stati Uniti.

Il 13 aprile la JBS USA Holdings è stata anche costretta a chiudere il suo principale stabilimento statunitense di Greeley, Colo, per una pulizia profonda e tutti i suoi lavoratori saranno sottoposti a test prima di poter tornare al loro posto di lavoro, dopo che un numero importante di casi positivi al coronavirus sono stati testati lì. JBS USA controlla circa il 20% della produzione di carne bovina negli Stati Uniti. La Cargill, il terzo più grande trasformatore di carne degli Stati Uniti, controlla oggi circa il 22% del mercato interno della carne.

Questi tre giganteschi conglomerati aziendali, quindi, controllano più di due terzi della fornitura totale di carne e proteine di pollame degli Stati Uniti e inoltre forniscono le principali esportazioni verso il resto del mondo. Si tratta di una concentrazione allarmante e pericolosa, come stiamo cominciando a vedere. Qualunque siano i risultati dei test sui coronavirus, sono enormi pozzi neri di tossine a cui i lavoratori sono esposti. I test del Covid-19 indicherebbero la positività a tali infezioni tossiche, dato che non testano direttamente la presenza di alcun virus, ma solo di anticorpi che dovrebbero indicare il COVID-19.

Il modello Agribusiness

Questo malsano grado di concentrazione non è sempre stato così. È iniziato come un progetto strategico di Nelson Rockefeller e della Fondazione Rockefeller dopo la seconda guerra mondiale. L’idea era di creare un’integrazione verticale aziendale strettamente a scopo di lucro e la cartellizzazione della catena alimentare come John D. Rockefeller aveva fatto con la Standard Oil e il petrolio. I soldi di Rockefeller finanziarono due professori della Harvard Business School. John H. Davis, ex assistente segretario all’agricoltura sotto Eisenhower, e Ray Goldberg, entrambi alla Harvard Business School ottennero finanziamenti dai Rockefeller per sviluppare quello che chiamarono “agribusiness”.

In un articolo della Harvard Business Review del 1956, Davis scrisse che “l’unico modo per risolvere il cosiddetto problema delle fattorie una volta per tutte, ed evitare ingombranti programmi governativi, è passare dall’agricoltura all’agribusiness”.

Il gruppo di Harvard faceva parte di un progetto quadriennale della Fondazione Rockefeller in collaborazione con l’economista Wassily Leontieff chiamato “Economic Research Project on the Structure of the American Economy”. Ray Goldberg, un ardente sostenitore delle colture OGM, in seguito si riferì al loro progetto agroalimentare di Harvard come “cambiare la nostra economia globale e la società più drammaticamente di qualsiasi altro singolo evento nella storia dell’umanità”. Sfortunatamente, potrebbe non essersi sbagliato del tutto.

In effetti, ciò che ha fatto è stato mettere il controllo del nostro cibo in una piccola manciata di conglomerati privati globali in cui l’agricoltore tradizionale a conduzione familiare è diventato un dipendente a contratto o è andato completamente in bancarotta. Oggi negli Stati Uniti alcuni allevamenti industriali di bestiame tengono fino a 200.000 bovini alla volta, spinti da una cosa, e una sola, e cioè l’efficienza economica.

Secondo le statistiche dell’USDA, il numero di operazioni di allevamento di mucche e vitelli negli Stati Uniti è sceso da 1,6 milioni nel 1980 a meno di 950.000 oggi. Allo stesso modo, il numero di piccoli allevatori/alimentatori – quelli che ingrassano il bestiame in preparazione dell’eventuale macellazione – è diminuito di 38.000 unità. Oggi meno di 2.000 allevatori commerciali finiscono l’87% del bestiame coltivato negli Stati Uniti.

La produzione di cibo, come l’elettronica, è diventata globale, dato che gli alimenti economici sono confezionati in massa e spediti in tutto il mondo. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica negli anni ’90, i negozi russi sono stati inondati da prodotti di marca dell’agribusiness occidentale di Nestle, Kelloggs, Kraft e simili. La produzione agricola nazionale è crollata. Lo stesso è avvenuto dall’India all’Africa al Sud America, mentre i prodotti più economici delle multinazionali scacciano gli agricoltori locali. La Cina prima della crisi attuale importava il 60% dei suoi semi di soia da compagnie cerealicole controllate dagli Stati Uniti, come Cargill o ADM.

Il sistema è essenzialmente quello in cui l’agricoltura si è trasformata per diventare fabbriche per produrre proteine. Ci vuole mais OGM e soia OGM per nutrire l’animale, aggiungere vitamine e antibiotici in quantità massicce per massimizzare l’aumento di peso prima della macellazione. L’integrazione verticale della nostra catena di approvvigionamento alimentare sotto la globalizzazione degli ultimi decenni ha creato una vulnerabilità allarmante proprio al tipo di crisi che abbiamo ora.

Durante tutte le emergenze alimentari del passato, la produzione era locale e regionale e decentralizzata, così che un guasto in uno o più centri non minacciava la catena di approvvigionamento globale. Non oggi. Il fatto che oggi gli Stati Uniti siano di gran lunga il più grande esportatore di cibo al mondo rivela quanto vulnerabile sia diventato l’approvvigionamento alimentare mondiale. Il Coronavirus può aver solo messo sotto i riflettori questo pericoloso problema. Per correggerlo ci vorranno anni e la volontà di prendere misure come quelle che paesi come la Russia sono stati costretti a fare in risposta alle sanzioni economiche.

Questo, dunque, caro lettore è lo stato della nostra sicurezza alimentare.

Una popolazione “rincretinita” (grazie al nostro triste sistema educativo, più il crescente “drogaggio” della popolazione), che non è in grado di pensare in modo coerente la maggior parte delle persone non è in una situazione in cui può cristallizzare i suoi pensieri, con così tante cose che accadono tutto allo stesso tempo.

Tra la riduzione delle scorte di cibo, il crollo dell’economia fisica e l’imminente esplosione del sistema finanziario, l’umanità si trova di fronte a tempi molto duri. I finanzieri hanno il controllo, e il loro scopo è di aumentare ancora di più la loro ricchezza e il loro potere, tutto a spese del bene comune.

Il governo e i suoi leader sono impotenti.

Sam Parker

Fonte: behind-the-news.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code